VideoHelp: http://www.videohelp.com/ -

Individuare il formato HD ottimale
Oltre ai formati standard 16:9 (1,777:1) e 4:3 (1,333:1) ce ne sono molti altri per i film HD. Le tabelle sottostanti aiutano ad individuare la risoluzione per i video, a ridurre i file originali a 720p senza distorsioni e ad eliminare le bande nere del fil.

Video a 1.080p Video a 720p
1,333:1 1.440x1.080 1,333:1 960x720
1,666:1 1.800x1.080 1,666:1 1.200x720
1,777:1 1.920x1.080 1,777:1 1.280x720
1,839:1 1.920x1.044 1,839:1 1,280x696
1,846:1 1.920x1.040 1,849:1 1,280x692
1,853:1 1.920x1.036 1,860:1 1,280x688
2,341:1 1.920x820 2,335:1 1,280x548
2,352:1 1.920x816 2,352:1 1,280x544
2,364:1 1.920x812 2,370:1 1,280x540
2,376:1 1.920x808 2,388:1 1,280x536
2,388:1 1.920x804 2,406:1 1,280x532
2,400:1 1.920x800 2,424:1 1,280x528
2,412:1 1.920x796    

BIT rate ottimale:
8.000x14.000 kbit/s

BIT rate ottimale:
4.000-8.000 kbit/s

Formati di registrazione video (PAL)

Formato HDV AvcHD DVD DV, D8
Risoluzione (pixel) 1.920x1.080 (1) 1.280x720 1.920x1.080 1.440x1.080 1.280x720 720x576 720x576
Semiquadri interlacciati/fotogrammi progressivi al sec. 24p, 50i 24p, 50p 24p, 50i 24p, 50i 24p, 50p 24p, 50i 50i
Codifica dei dati Digitale Digitale Digitale Digitale Digitale Digitale Digitale
Algoritmo di codifica Mpeg-2 Mpeg-2 H.264 H.264 H.264 Mpeg-2 DCT
Rapporto d'aspetto 16:9 16:9 16:9 16:9 16:9 4:3 4:3
Formato pixel Rettangolare Quadrato Quadrato Rettangolare Quadrato Rettangolare Rettangolare
Freq. campionamento audio (Hz) 48 48 48 48 48 48 48 / 32
Quantizzazione audio (bit) 16 16 16 16 16 16 16 / 12
Numero canali audio 2 2 5.1 5.1 5.1 5.1 2/4
(1): Risoluzione effettiva: 1.440x1.080 pixel

Lettori dvd: vedi i film americani
I dvd americani non girano sui dispositivi europei. Ma questo problema si può risolvere attraverso una combinazione di tasti sul telecomando. Il sito http://www.videohelp.com/dvdhacks spiega il procedimento. Per i drive per pc si consiglia il tool gratuito MediaCodeSpeedEdit, scaricabile da internet, che regola anche la velocità di scrittura e lettura del dispositivo.

Risoluzioni
L'ATSC, il Comitato per i sistemi televisivi avanzati, ha definito una serie di standard per i formati in alta definizione molto utile come riferimento per comprendere le caratteristiche delle principali tecnologie utilizzate

Linee Verticali Pixel Orizzontali Rapporto Aspetto FPS e Tecnologia
1080 1920 16:9 60i, 30p, 24p
720 1280 16:9 60p, 30p, 24p
480 704 16:9 e 4:3 60i, 60p, 30p, 24p
480 640 4:3 60i, 60p, 30p, 24p

Tag utilizzati per il video

BDRip Video ottenuto rippando il filmato da un supporto ad alta definizione Blu-Ray
DVD5/9 Indica che si tratta di una copia del DVD originale (da 4,7 o da 8,5 Gb)
HDTV Video registrato dalla TV in alta definizione
DVDRip Filmato estratto da un DVD originale. La qualità è ottima
RS Video di provenienza russa. La qualità video è elevata
DVDScr Video tratto da un DVD promozionale, con watermark o scene in bianco e nero
SATRip Video registrato dalla TV satellitare, quindi di qualità buona
TVRip Filmato registrato dalla TV analogica
STV Film per la TV, mai proiettato al cinema
SCR Filmato generalmente in format 4:3 la cui fonte è un nastro VHS
TC Video ottenuto trasferendo una pellicola su nastro. La qualità è accettabile
TS Indica video ripresi con telecamera fissa in un cinema. La qualità è scarsa e l'audio non è buono
CAM Ripresa amatoriale effettuata con telecamera mobile. Il video è di scarsa qualità
WS WideScreen. Video in formato 16:9
FS Full Screen. Video in formato 4:3

Tag utilizzati per l'audio

AC3 Algoritmo di compressione a perdita di qualità usato dal Dolby Digital (supporta le configurazioni 5.1)
DTS Acronimo di Digital Theater System, è la codifica surround multicanale concorrente di Dolby Digital
DD Digital Dubbed. L'audio è ottenuto da sorgenti digitali
LD Line Dubbed. Il sonoro è ottenuto collegando un jack al proiettore del cinema.
MD Mic Dubbed. L'audio è stato registrato da un microfono

Alktri Tag

SUB Indica la presenza del file contenente i sottotitoli

Da BluRay a MKV in un click
Make MKV è in grado di creare dei file in fomrato MKV partendo dai DVD o dai BluRay e conservando la risoluzione HD. Dopo l'inserimento del supporto nel lettore, comparirà il contenuto del disco nell'interfaccia da cui potremo selezionare i componenti che ci interessa backuppare; questa funzione è molto utile se volessimo eliminare extra e lingue aggiuntive che appesantirebbero inutilmente il file MKV. Le opzioni ci permetteranno di settare, l'utilizzo del buffer di memoria, il metodo di rimozione di eventuali protezioni del filmato e tanto altro ancora. Il file MKV conserverà tutte le caratteristiche del disco originale. Una utile funzione ci permetterò anche lo streaming del filmato via LAN, ad esempio, tra il notebook e un altro dispositivo collegato in rete. Il software richiede il rinnovo della registrazione gratuita ogni 60 giorni, effettuabile scaricando la versione aggiornata sul sito http://www.makemkv.com

Luminanza e crominanza
Nei segnali video analogici si definisce come valore di luminanza l'intensità complessiva dell'immagine punto per punto (pari alla somma dei tre colori primari); con crominanza si intende una proprietà dello spettro del segnale che, combinato con il valore di luminanza, permette di ricostruire il colore delle immagini.
Y=R+G+B
Cb=B-Y
Cr=R-Y
Grazie a queste relazioni è possibile ricostruire i valori del canale rosso (R), blu (B) e verde (G), ottenuto sottraendo dal segnale di luminanza le informazioni del rosso e del blu. Spesso è possibile imbattersi in notazioni differenti da quella YCbCr, come ad esempio Y'CbCr, oppure YPbPr. In questo caso basti ricordare che l'apice che segue la Y indica che il valore non è quello di luminanza, ma è quello di luma, ovvero la luminanza alla quale è già stata applicata la correzione gamma. L'utilizzo della notazione Pb e Pr in luogo di Cb e Cr denota che le componenti sono in formato analogico, mentre la notazione Cb e Cr è utilizzata in modo più generale anche per segnali in formato digitale. La scelta di utilizzare una codifica di tipo YCbCr è dovuta al fatto che l'occhio umano è più sensibile alla luminanza che alla crominanza.