I tre colori primari della miscelazione additiva
Cromoterapia

L'occhio umano percepisce lunghezze d'onda di 400-500 nm (nanometeri) come blu, 500-600 nm come verde e 600-700 nm come rosso. Nel mondo dei computer questi sono noti come i tre colori primari, abbreviati in RGB.

           
C = cyan (ciano)
M = magenta
Y = yellow (giallo)
G = green (verde)
R = red (rosso)
B = blue (blu)
W = white (bianco - al centro)

Tutti i colori trovati in natura possono essere riprodotti combinando la luce di queste tre lunghezze d'onda in varie intensità. Miscelando il 100% di tutti e tre i colori si ottiene la luce bianca. Riducendo ogni componente allo 0% si otterrà assenza di luce, cioè il nero.

L'arte di riprodurre i colori sommando i tre colori RGB primari in varie proporzioni è chiamata miscelazione additiva. Questo principio viene usato per riprodurre i colori sui monitor dei computer.

5. I tre colori primari della miscelazione sottrattiva

La luce bianca viene prodotta miscelando il 100% di tutti e tre i colori primari. Sottraendo il rosso si produce il ciano (una miscela di blu e verde). Sottraendo il verde si produce il magenta e sottraendo il blu si produce il giallo. Quando un oggetto assorbe il rosso e riflette il blu e il verde, percepiamo il colore ciano.

L'espressione dei colori per sottrazione di un componente dalla luce bianca è chiamata miscelazione sottrattiva.

 

                                
C = cyan (ciano)
M = magenta
Y = yellow (giallo)
G = green (verde)
R = red (rosso)
B = blue (blu)
K = black (nero - al centro)

Tinte o vernici riproducono i colori con il metodo sottrattivo: quando una tinta o un pigmento assorbono il rosso e riflettono la luce verde e blu, vediamo il colore ciano. Quando viene assorbito il verde e riflesso il rosso e il blu, vediamo il magenta. Quando viene assorbito il blu e riflesso il rosso e il verde, vediamo il giallo. Ciano, magenta e giallo sono i tre colori primari utilizzati nella miscelazione sottrattiva.

Nella riproduzione dei colori sottrattivi viene spesso aggiunto il nero, fornendo il modello CMYK a quattro colori.

C = cyan (ciano)
M = magenta
Y = yellow (giallo)
G = green (verde)
R = red (rosso)
B = blue (blu)
K = black (nero - al centro)

 

HSB
HSB sta per Hue (tinta), Saturation (saturazione) e Brightness (luminosita'). Secondo questo modello, qualsiasi colore e' rappresentato da 3 numeri. Il primo numero e' la tinta (hue), ed il suo valore si estende da 0 a 360 gradi. Ciascun grado rappresenta un colore distinto. A 0 (o 360) gradi si trova il colore rosso e poi, all'aumentare dei gradi, troviamo gli altri colori (per esempio il giallo si trova a 120 gradi, il verde a 180 gradi ed il blu a 240 gradi), fino al colore viola. In questo modo sono rappresentati tutte le sfumature dei colori dell'iride (immagina alla gamma dei colori presenti nell'arcobaleno). Il secondo numero e' la saturazione (saturation), e rappresenta la quantita' di colore o, piu' esattamente la percentuale. Il suo valore oscilla tra 0 e 100, dove 0 rappresenta l'assenza del colore, mentre 100 rappresenta il colore pieno. Infine, il terzo numero e' la luminosita' (brightness). Puoi aumentare la luminosita' del colore aggiungendo il bianco e diminuirla aggiundendo il nero. In questo caso 0 rappresenta il colore bianco e 100 rappresenta il colore nero. Il colore diventera' piu' luminoso al tendere di questo valore a 0, e diventera' piu' scuro al tendere di questo valore a 100.
RGB
RGB sta per Red (rosso) Green (verde) e Blue (blu). Questo modello rappresenta il modo secondo il quale il computer 'vede' i colori. Infatti devi sapere che ciascun pixel dello schermo puo' essere acceso come una piccola lampadina attraverso un 'raggio di luce' prodotto da un cannone elettronico (si chiama proprio cosi') presente all'interno del monitor. Questo raggio puo' essere di una sfumatura di rosso, una sfumatura di verde oppure una sfumatura di blu. Per questa ragione il pixel colpito dal raggio puo' assumere a sua volta una sfumatura di rosso, di verde o di blu. Secondo il modello RGB, ciascuna sfumatura di ciascuno dei 3 colori (rosso, verde e blu) e' rappresentata da un numero che va da 0 a 255. Per esempio, il colore nero e' rappresentato dal valore RGB '0 0 0' (R=0, G=0 e B=0) mentre il colore bianco e' rappresentato dal valore RGB '255 255 255' (R=255 G=255 e B=255). Cosi' il modello RGB puo' rappresentare piu' di 16 milioni di colori. RGB e' un modello additivo, perche' il rosso, il verde ed il blu sono colori additivi. In altre parole quando vengono mischiati insieme il rosso, il verde ed il blu, viene creato il colore bianco. Rosso + verde + blu = bianco.
CYMK
CMYK sta per Cyan, Magenta, Yellow e blacK (ciano, magenta, giallo e nero). Questo modello e' usato per la stampa. In altre parole questi sono i 4 inchiostri colorati usati all' interno delle stampanti. Il modello CMYK e' sottrattivo, infatti in teoria il ciano, il magenta ed il giallo se mescolati insieme dovrebbero assorbire tutti i colori e produrre il nero. Ma a causa di piccole impurita' contenute in tutti gli inchiostri, di fatto combinandosi producono una sorta di marrone scuro. Questa e' una delle ragioni dell'inchiostro nero. Una seconda ragione e' la seguente: gli inchiostri colorati sono piu' costosi di quello nero. Inoltre 3 inchiostri diversi significano 3 strati di inchiostro durante la stampa. Questo rende la carta piu' bagnata e quindi piu' lenta a seccare e, di conseguenza, la stampa diventa piu' lenta. In altre parole piu' costosa e meno produttiva. Ti devi preoccupare del modello CMYK nelle fasi relative alla stampa.
LAB
LAB sta per Luminance (luminosita') ed A e B (che sono i componenti cromatici). In base a questo modello, il componente A si estende dal verde al rosso, mentre il componente B si estende dal blu al giallo. Questo modello venne sviluppato per essere indipendente dall' hardware. In altre parole tramite questo modello puoi gestire i colori indipendentemente dalle macchine usate (come monitor, stampanti, o computer). La Luminance si estende da 0 a 100, il componente A va da -120 a +120 (dal verde al rosso) ed il componente B va da -120 a +120 (dal blu al giallo).

Calcolatore di dimensioni di stampa di fotografie digitali.
Si tratta di un potente strumento per fotografi e appassionati di stampa digitale che permette di calcolare risoluzioni (DPI) dimensioni in cm, distanza minima di osservazione delle immagini stampate, e molti altri dati. Vuoi sapere quanto può essere larga la stampa di una foto di 1600x1200 pixel che sarà esposta in una galleria a circa un metro dal pubblico? Il calcolatore risolve questo e molti altri problemi relativi alla fotografia digitale!
Da http://www.danielecerra.it/Flash/calcfoto/calcolatore_foto.htm
Visualizza