Configurare un sistema DOS in una rete Microsoft

File da scaricare: wg1049.exe, dsk3-1.exe, dsk3-2.exe, mswgcn.exe, programmi.zip

In questa pagina verrà spiegato come poter usare un sistema Dos all'interno di una rete di macchine Windows 9x, NT e 2000. Sarà possibile utilizzare la macchina Dos sia come client, per accedere a risorse condivise sulle stazioni Windows, che server, per condividere le risorse locali della macchina Dos.

Configurare un sistema DOS come Client

Anche se con qualche limitazione, una macchina Dos può essere uilizzata come client all'interno di una rete di macchine Windows.

Microsoft ha messo a disposizione un programma, "Microsoft Network Client - Workgroup Connection" che permette di usare un sistema DOS come client, per reti che usano i gruppi di lavoro.
Se la propria rete non usa i gruppi di lavoro ma i domini, consultare la sezione sul collegamento a sistemi server di dominio.
Il file si chiama "MSWGCN.EXE" e può essere scaricato direttamente da Microsoft all'indirizzo:
ftp://ftp.microsoft.com/softlib/mslfiles/mswgcn.exe

Connessione con sistemi Windows9x, NT, 2000

Questo client permette di connettersi a sistemi Windows9x, NT e 2000, ed utilizza unicamente il protocollo NetBEUI. Funziona solo su reti che usano i gruppi di lavoro. Questo client infatti non è in grado di accedere a sistemi Windows che sono server di dominio.

Per prima cosa è necessario scaricare il file MSWGCN.EXE all'indirizzo sopra indicato. Occupa circa 1MB.
Si tratta di un file auto-scompattante. Quindi nel momento in cui viene aperto, tutti i file in esso contenuti vengono automaticamente estratti nella cartella corrente.
Per prima cosa bisogna copiare tutti i file appena estratti in un dischetto vuoto.

Digitare, come in figura, i seguenti comandi, premendo Invio dopo ciascuno di essi
a:
setup

Se durante l'esecuzione il programma si blocca, aprire una nuova finestra DOS e digitare da C: il comando
a:setup

Il programma di configurazione parte mostrando la seguente schermata introduttiva

Premere Invio per proseguire

Viene ora chiesto in quale cartella si desidera copiare i file del programma. La scelta predefinita è C:DOS.
Dato che in questa cartella ci sono tutti gli altri file del DOS è bene scegliere un'altra cartella, in caso contrario diventerebbe problematico cancellare i file del client in un secondo momento. Ad esempio inserire: C:MSNET

Premere Invio per confermare

Ora il programma analizzerà i file di sistema. Se l'esame dura più di pochi secondi provare a rilanciare il setup da C: con il comando
a:setup

Ora bisogna segliere dalla lista la propria scheda di rete. Se non compare nella lista si può provare ad usare la diffusa "NE2000 compatible", oppure scegliere "Network card not shown in list below" (scheda di rete non presente nella lista), in questo caso sono necessari i driver Dos per la propria scheda.

Inserire il nome che si vuole assegnare a questo computer. Il nome può essere lungo al massimo 15 caratteri e può contenere lettere e numeri ed i simboli elencati in fondo alla schermata.
E' necessario che il nome del computer sia unico nel gruppo di lavoro di cui questo computer farà parte.

Inserire ora il nome del gruppo di lavoro a cui il computer si unirà. Per i caratteri utilizzabili, valgono le stesse regole viste prima. Il nome del gruppo di lavoro deve essere lo stesso su tutti i computer della rete.

In questa schermata, cambiare l'opzione "Install Mail" (posizionarsi sull'opzione usando le freccette e premere Invio) e nella schermata successiva selezionare "Do not install Mail files"

Ora è necessario verificare le risorse usate della scheda di rete. Come prima, posizionarsi alla voce "Network Card" e premere Invio.

Da questa schermata è possibile controllare ed eventualmente modificare le impostazioni della scheda. La prima opzione permette di selezionare un altro driver per la propria scheda di rete. La seconda opzione permette di modificare le risorse utilizzate dalla scheda, in particolare è bene verificare l'indirizzo della porta IO (IOBASE) e l'IRQ (INTERRUPT). A volte le impostazioni standard non sono corrette e devono essere modificate.

Ora che le opzioni sono state settate, non resta che selezionare la voce "The listed options are correct".
Il programma copierà i file dal floppy nella directory indicata, e chiederà se si vuole riavviare in modo da poter usare il client.

Per il momento e' preferibile non riavviare. Così facendo è possibile controllare le modifiche apportate dal client ai file di sistema. Per uscire senza riavviare premere F3.

Nel file C:AUTOEXEC.BAT il programma di configurazione ha inserito il comando "net start" come prima linea. E' preferibile spostare questo comando in fondo al file, in modo che il client venga caricato dopo tutti gli altri driver.

Nel file C:CONFIG.SYS per evitare di avere poca memoria DOS per i programmi, assicurarsi che i driver HIMEM.SYS e EMM386.EXE siano stati installati e che sia presente la linea
DOS=HIGH,UMB
che permette di usare le regioni di memoria alta ed il blocco di memoria superiore (richiede almeno un 386 con 1MB di memoria)

Ora si può riavviare il computer.

Dopo l'avvio il sistema caricherà ed attiverà il protocollo NetBEUI, e si collegherà al gruppo di lavoro specificato in fase di configurazione. Al termine del caricamento è possibile definire un nome utente, oppure premendo Invio verrà utilizzato come nome utente il nome del computer.
Come password è possibile non specificarne nessuna, quando viene chiesta la password premere Invio due volte, la prima per definire la password vuota, la seconda per confermarla.

Utilizzando il comando "NET USE" si possono mappare le lettere di unità locali non utilizzate con le risorse di rete di una macchina Windows su cui l'utente dispone dei permessi di accesso. Il comando è il seguente:
NET USE <unità>: <nome del server><nome della risorsa condivisa>
Ad esempio per creare un'unità locale J: contentente la risorsa condivisa "SHARED" del sistema "NEXUS", usare:
net use j: nexusshared (notare lo spazio tra "j:" e "nexus")

Questo driver di rete usa molta memoria DOS, circa 97KB. Quindi è consigliabile usare sempre i gestori HIMEM.SYS e EMM386.EXE e l'opzione DOS=HIGH,UMB in modo da lasciare memoria sufficiente per gli altri programmi DOS.

Connessione da un sistema DOS a sistemi server di dominio

Per connettere un sistema DOS ad un sistema NT4 Server o 2000 Server, con funzioni di server di dominio, il client visto in precedenza non è sufficiente. E' necessario il programma "Microsoft Network Client 3.0". Questo software può essere utilizzato anche per connettersi a sistemi Windows9x, NT, 2000 che usano i gruppi di lavoro, ma in questi casi è più adatto il semplice "Microsoft Network Client - Workgroup Connection" descritto precedentemente.

Per prima cosa è necessario procurarsi "Microsoft Network Client 3.0". E' composto da due file: DSK3-1.EXE e DSK3-2.EXE, scaricabili dal server ftp della Microsoft ai seguenti indirizzi:
ftp://ftp.microsoft.com/bussys/clients/MSCLIENT/dsk3-1.exe
ftp://ftp.microsoft.com/bussys/clients/MSCLIENT/dsk3-2.exe

Questi file sono presenti anche sul Cd-Rom di NT4 Server, nella cartella ClientsMsclient

Sono file auto-scompattanti. Quindi, nel momento in cui vengono aperti, tutti i file contenuti al loro interno vengono automaticamente estratti nella cartella corrente.
Per prima cosa si procede copiando il contenuto dei due file, su due dischetti diversi.
Di solito viene usato solo il primo dischetto. Il secondo dischetto serve se Windows 3.1 è installato nel sistema, oppure se si vuole utilizzare il protocollo TCP/IP (descritto più avanti).

Digitare, come in figura, i seguenti comandi, premendo Invio dopo ciascuno di essi
a:
setup

Nel caso il programma si blocchi, aprire una nuova finestra DOS e digitare da C: il comando
a:setup

Il programma di configurazione parte mostrando la seguente schermata introduttiva

Premere Invio per proseguire

Viene ora chiesto in quale cartella Dos si desidera copiare i file del programma. La scelta predefinita è C:NET. Premere Invio per confermare.

Ora il programma analizzerà i file di sistema. Se l'esame dura più di pochi secondi provare a rilanciare il setup da C: con il comando a:setup

Se il sistema non è in grado di rilevare da solo il modello di scheda di rete, verrà mostrato un elenco in cui scegliere la propria.

Se la scheda non compare nella lista si può provare ad usare la diffusa "NE2000 compatible", oppure scegliere "Network card not shown in list below" (scheda di rete non presente nella lista), in questo caso sono necessari i driver Dos per la propria scheda di rete.

Se nel file di sistema C:Config.sys è presente la linea "FILES=" apparirà la schermata "Set Network Buffers" che chiede se si vogliono ottimizzare le prestazioni riservando maggiore memoria per i buffer di rete. Premere Invio per accettare la modifica.

Se non viene rilevato il nome del computer o il nome utente, compariranno le relative schermate per inserirli. Viene indicato di volta in volta il numero massimo di caratteri, le lettere, i numeri ed i simboli permessi.
E' necessario scegliere un nome di computer che sia unico nella rete.

Viene ora mostrato un sommario delle opzioni

Aprire l'opzione "Change Names" ed impostare le voci "Change Workgroup Name" e "Change Domain Name" secondo le proprie necessità. Il Workgroup Name, gruppo di lavoro, serve per la connessione a macchine Windows che fanno parte di un gruppo di lavoro. Nella connessione ad una macchina NT Server o 2000 Server, che sia server di un dominio, si deve impostare invece il Domain Name.
Questa opzione non è disponibile se il Client è configurato come Basic Redirector, nel menu Setup Options. Per poterla modificare bisogna quindi tornare nel menù precedente, e in Setup Options, cambiare "Redir Options" in "Use the Full Redirector"

Quando le impostazioni sono corrette, selezionare la voce "The listed options are correct".

Nel menu Setup Options, se la rete usa i gruppi di lavoro, selezionare Basic Redirector per risparmiare memoria. Se invece ci si connette ad un server di dominio, è necessario cambiare l'opzione "Logon Validation" a "Logon to Domain", che attiva automaticamente l'opzione "Full Redirector".

Nel menu "Network Configuration", sotto Change Settings, controllare che l'indirizzo IO e l'IRQ siano quelli della scheda.

Sempre dal menu "Network Configuration", inserire, se non è presente, il protocollo NetBEUI con l'opzione Add Protocol.
Per risparmiare memoria Dos, tramite l'opzione Remove Protocol, è consigliabile rimuovere tutti i protocolli non utilizzati.

Per passare tra il riquadro inferiore ed il riquadro superiore premere il tasto Tab.

Quando tutto è stato configurato, procedere con l'installazione. Verranno copiati i file nella posizione specificata precedentemente.
Ad installazione completata verrà chiesto se si vuole riavviare.
Se si desidera controllare le modifiche apportate ai file di sistema, è possibile riavviare in un secondo momento premendo F3.

Se dopo il riavvio, viene chiesto il nome utente, premere Invio per usare il nome del computer come nome utente. Se si desidera, è possibile impostare una password.

Utilizzando il comando "NET USE" si possono mappare su unità locali le risorse di rete di una macchina Windows, su cui l'utente dispone degli opportuni permessi di accesso.
Il comando è il seguente:
NET USE <unità>: <nome del server><nome della risorsa condivisa>
Ad esempio per creare un'unità locale J: contentente l'oggetto condiviso "SHARED" sul sistema "NEXUS", usare:
net use j: nexusshared (notare lo spazio tra "j:" e "nexusshared")

Questo driver di rete usa molta memoria DOS: 80KB in modalità Basic Redirector, 170KB in modalità Full Redirector. E' quindi consigliabile attivare sempre nel Config.sys, i gestori di memoria HIMEM.SYS e EMM386.EXE, e l'opzione DOS=HIGH,UMB (richiesto almeno un 386 con 1MB di memoria), in modo da lasciare memoria sufficiente per gli altri programmi Dos.

Per risparmiare memoria, se non strettamente necessarie, si possono utilizzare le opzioni "Do Not Logon to Domain" e "Basic Redirector".
Dopo l'installazione, è possibile modificare queste opzioni entrando nella directory C:NET e digitando: setup

Connessione da un sistema DOS usando TCP/IP

Microsoft Network Client 3.0 può essere usato con protocolli “semplici” come NetBEUI e IPX/SPX, ma può anche essere usato con il più potente e complesso protocollo TCP/IP.

Per usare il TCP/IP con Microsoft Network Client 3.0, seguire le istruzioni della sezione “Connessione da un sistema DOS a sistemi server di dominio” fino ad arrivare alla schermata "Network Configuration"

Aggiungere un protocollo con “Add Protocol” e selezionare “Microsoft TCP/IP”. A questo punto è bene togliere gli altri protocolli con “Remove”.
Selezionare il TCP/IP nel riquadro superiore e scegliere “Change Settings” per configurarlo. Ricordarsi che per passare tra il riquadro inferiore ed il riquadro superiore basta premere il Tab.

Se sulla rete non è presente un server DHCP in grado di assegnare automaticamente gli indirizzi IP alle macchine collegate, è necessario attivare l’opzione “disable the Automatic Configuration” cambiando il suo valore ad ‘1’.
Successivamente vanno settati l’indirizzo IP, la maschera subnet, ed il gateway di default. Le altre opzioni si possono lasciare così come sono.
Attenzione:
Questo client, contrariamente alla sintassi comunemente adottata, non usa ‘.’ (il punto) per separare gli ottetti dell’indirizzo IP, bensì gli spazi. Quindi scrivere 192.168.1.1 è errato mentre la sua scrittura corretta è 192 168 1 1

Ora non resta che salvare le impostazioni.
Quando viene richiesto il dischetto “OEM Driver Disk” inserire il secondo dischetto. Successivamente verrà nuovamente richiesto il primo dischetto e poi l’installazione sarà completata.
Riavviare il sistema.
Se dopo il riavvio viene richiesto il nome utente, premere Invio per usare il nome del computer come nome utente. Se si desidera, inserire una password.

E’ possibile testare la connessione TCP/IP facendo un ping verso un’altra macchina che usa il TCP/IP.
Se il ping ha successo è possibile mappare una risorsa condivisa da quel computer sul computer locale. In questo modo si potrà accedere a quella risorsa come se si trattasse di una normale unità disco.
Il comando è il NET USE, la sua sintassi è la seguente:
NET USE <unità>: <nome del server><nome della risorsa condivisa>
Ad esempio per creare un'unità locale J: contentente l'oggetto condiviso "SHARED" sul sistema "NEXUS", usare:
net use j: nexusshared

E’ possibile controllare le impostazione del TCP/IP aprendo il file PROTOCOL.INI nella directory di installazione (di default C:NET).
Non modificare questo file direttamente. Usare sempre il SETUP.EXE per apportare modifiche alla configurazione.

Come spiegato nei capitoli precedenti, il Network Client 3.0 usa molta memoria Dos. Usando il TCP/IP, lo spazio occupato cresce ulteriormente, anche 230KB.
Per liberare memoria valgono gli stessi consigli spiegati nei capitoli precedenti.

 

Configurare un sistema DOS come Server

Per condividere un disco o una stampante di un sistema Dos è prima necessario aver correttamente installato il Microsoft Network Client 3.0.

Il Microsoft Network Client 3.0 installa solo il modulo Client, che permette ai sistemi Dos di accedere alle risorse di rete di altre macchine. Per permettere alla macchina Dos di condividere le proprie risorse con altre macchine Windows, è necessario installare il modulo Server. E' possibile scaricarlo dal server Ftp della Microsoft all'indirizzo:

ftp://ftp.microsoft.com/softlib/mslfiles/wg1049.exe

Come per gli altri moduli, anche questo è un file auto-scompattante. Dopo aver estratto l'archivio, copiare tutti i file NET*.* (cioè quei file che iniziano per NET) nella stessa directory dove è stato installato il Microsoft Network Client 3.0, solitamente C:NET

Durante la copia verrà chiesto se si vuole sovrascrivere alcuni file. I file appena scompattati sono più aggiornati di quelli presenti nel modulo Client, quindi si può rispondere affermativamente.

Il comando NET possiede ora alcune opzioni aggiuntive, in particolare l'opzione SHARE. Per un elenco completo delle opzioni supportate scrivere:

NET /?

Prima di continuare bisogna apportare una piccola modifica al file SYSTEM.INI. Nella sezione [network] si devono cambiare i valori delle voci "filesharing" e "printsharing" in "yes", per abilitare rispettivamente la condivisione dei file e delle stampanti presenti nel sistema.

Digitando il comando Dos:
NET SHARE /?

si otterranno informazioni dettagliate su come condividere le risorse del sistema.

Per prima cosa è necessario far partire il Server, con il comando
NET START SERVER
E' consigliabile aggiungerlo anche all'AUTOEXEC.BAT

Successivamente è possibile condividere una risorsa locale con il comando:
NET SHARE <nome della risorsa>=<percorso della risorsa>
Ad esempio per condividere in rete il disco C: con il nome DISCOC, il comando sarà
NET SHARE discoc=c:

NB: Non sono permessi spazi vuoti nel parte del comando: <nome della risorsa>=<percorso della risorsa>

Lanciando il comando NET SHARE senza altre opzioni, viene visualizzata una lista di tutte le risorse locali al momento condivise.

A questo punto la procedura è conclusa. Il disco condiviso dal sistema Dos sarà visibile dai sistemi Windows collegati in rete attraverso Risorse di Rete.