Linux
I suggerimenti sono stati presi da riviste di informatica, da newsletters o da siti web
perciò ogni diritto rimane al legittimo proprietario.

Linux TIPS (passando dai comandi alle VPN) - fonte:
http://www.openskills.info/view/search-engine.php?textsearch=&cerca=tutte&IDboxtype=all&LANGUAGE=ita&submit=Cerca+su+OpenSkills
Linux Tips 1 (da adduser a Gestione utenti e password per l'autenticazione) Linux Tips 2 (da GPL: Cosa si può fare e cosa no a Installazione webmin) Linux Tips 3 (da Internet: introduzione alla Rete delle Reti a Livelli di interoperabilità fra Samba e reti Windows)
Linux Tips 4 (da Lpstat a Singolo Web Server per carichi bassi ) Linux Tips 5 (da Siti su Linux e OpenSource in italiano a VPND, Virtual Private Network Daemon ) Samba GUI - configurazione di SAMBA (meno di un mega)
http://ksambakdeplugin.sourceforge.net/screenshots.html
http://ksambakdeplugin.sourceforge.net/download.html 
SMBWebClient (unico file php che fa da client Samba e mette a disposizione un'interfaccia via Web tramite la quale potrete accedere alle condivisioni di una rete
http://smbwebclient.sourceforge.net
Software Firewall alternativo
http://www.smoothwall.org/
Samba Virtual Host di Apache: virtualhostapache.htm
Links CPanel (pannello di controllo per web) Comandi linux Vedi - QuickReference
Installazione di software Vedi    

PenDriveLinux: http://www.pendrivelinux.com/

Per linux, negozio specializzato per materiali compatibili con linux: http://www.perlinux.it/

Linux Configuration Files

profile System wide environment and startup script program.
/dev/MAKEDEV The /dev/MAKEDEV file is a script written by the system administrator that creates local only device files or links such as device files for a non-standard device driver.
/etc/aliases Where the user's name is matched to a nickname for e-mail.
/etc/bootptab The configuration for the BOOTP server daemon.
/etc/crontab Lists commands and times to run them for the cron deamon.
/etc/dhcpd.conf The configuration file for the DHCP server daemon.
/etc/ethers File for RARP mapping from hardware addresses to IP addresses. See the man page ethers(5).
/etc/exports The file describing exported filesystems for NFS services.
/etc/fdprm The floppy disk parameter table. Describes the formats of different floppy disks. Used by setfdprm.
/etc/filesystems Can be used to set the filesystem probe order when filesystems are mounted with the auto option. The nodev parameter is specified for filesystems that are not really locally mounted systems such as proc, devpts, and nfs systems.
/etc/fstab Lists the filesystems mounted automatically at startup by the mount -a command (in /etc/rc or equivalent startup file).
/etc/group Similar to /etc/passwd but for groups rather than users.
/etc/groups May contain passwords that let a user join a group.
/etc/gshadow Used to hold the group password and group administrator password information for shadow passwords.
/etc/host.conf Specifies how host names are resolved.
/etc/hosts List hosts for name lookup use that are locally required.
/etc/HOSTNAME Shows the host name of this host. Used for support of older programs since the hostname is stored in the /etc/sysconfig/network file.
/etc/inittab Configuration file for init, controls startup run levels, determines scripts to start with.
/etc/inetd.conf Sets up the services that run under the inetd daemon.
/etc/issue Output by getty before the login prompt. Description or welcoming message.
/etc/issue.net Output for network logins with LINUX version
/etc/ld.so.conf Configuration file for ld.so, the run time linker.
/etc/lilo.conf Configuration file for LILO.
/etc/limits Limits users resources when a system has shadow passwords installed.
/etc/localtime In Debian the system time zone is determined by this link.
/etc/login.defs Sets user login features on systems with shadow passwords.
/etc/logrotate.conf Configures the logrotate program used for managing logfiles.
/etc/magic The configuration file for file types. Contains the descriptions of various file formats for the file command.
/etc/motd The message of the day, automatically output by a successful login.
/etc/mtab A list of currently mounted file systems. Setup by boot scripts and updated by the mount command.
/etc/named.conf Used for domain name servers.
/etc/networks Lists names and addresses of your own and other networks, used by the route command.
/etc/nologin If this file exists, non-root logins are disabled. Typically it is created when the system is shutting down.
/etc/nsswitch.conf Name service switch configuration file.
/etc/passwd The user database with fields giving the username, real name, home directory, encrypted password and other information about each user.
/etc/printcap A configuration file for printers.
/etc/profile, /etc/cshlogin,
/etc/csh/cshrc
Files executed at login or startup time by the Bourne or C shells. These allow the system administrator to set global defaults for all users.
/etc/protocols Describes DARPA internet protocols available from the TCP/IP subsystem. Maps protocol ID numbers to protocol names.
/etc/rc or /etc/rc.d or /etc/rc?.d Scripts or directories of scripts to run at startup or when changing run level.
/etc/rc.d/rc0.d Contains files used to control run level 0. Usually these files are softlink files.
/etc/rc.d/rc1.d Contains files to control run level 1. Scripts beginning with an S are for start, K for kill.
/etc/rc.d/rc.sysinit Init runs this when it starts.
/etc/resolv.conf Configures the name resolver, specifying the address of your name server and your domain name.
/etc/securetty Identifies secure terminals from which root is allowed to log in.
/etc/services Lists the network services that the system supports.
/etc/shadow Shadow password file on systems with shadow password software installed. Shadow passwords move the encrypted password files from /etc/passwd to /etc/shadow which can only be read by root.
/etc/shadow.group Systems with shadow passwords may have this file.
/etc/shells Lists trusted shells. The chsh command allows users to change their login shell to shells listed only in this file.
/etc/skel/.profile Can be used by administrator to set the editor environment variable to some editor that is friendly to new users.
/etc/sudoers A list of users with special privileges along with the commands they can execute.
/etc/smb.conf The configuration file for setting up Samba services.
/etc/sysconfig/amd Used to configure the auto mount daemon.
/etc/sysconfig/clock Used to configure the system clock to Universal or local time and set some other clock parameters.
/etc/sysconfig/i18n Controls the system font settings.
/etc/sysconfig/init This file is used to set some terminal characteristics and environment variables.
/etc/sysconfig/keyboard Used to configure the keyboard.
/etc/sysconfig/mouse This file is used to configure the mouse.
/etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-interface Defines a network interface.
/etc/sysconfig/pcmcia Used to configure pcmcia network cards.
/etc/sysconfig//routed Sets up dynamic routing policies.
/etc/sysconfig/static-routes Configures static routes on a network.
/etc/sysconfig/tape Used for backup tape device configuration.
/etc/X11/XF86Config The configuration file for the X server.
/etc/syslog.conf Configuration file for the syslogd daemon.
/etc/termcap The terminal capability database. Describes by what "escape sequences" various terminals can be controlled. See terminfo, termcap, curs_termcap man pages.
/etc/terminfo Details for terminal I/O.
/etc/usertty This file is used to impose special access restrictions on users.
$HOME/.bashrc User aliases, path modifier, and functions.
$HOME/.bash_profile Users environment stuff and startup programs.
$HOME/.bash_logout User actions to be done at logout.
$HOME/.hushlogin When this file exists in the user's home directory, it will prevent check for mail, printing of the last login time, and the message of the day when the user logs in.
$HOME/.inputrc Contains keybindings and other bits.
$HOME/Xrootenv.0 Has networking and environment info.
/proc/cpuinfo Information about the processor such as its type, make and performance.
/proc/devices A list of devices configured into the currently running kernel.
/proc/dma Shows which DMA channels are being used at the moment.
/proc/filesystems Filesystems that are configured into the kernel. The file used to detect filesystems if the /etc/filesystems does not exist.
/proc/ioports Shows which I/O ports are in use at the moment.
/proc/interrupts Shows which interrupts are in use and how many of each there have been.
/proc/kcore An image of the physical memory of the system.
/proc/kmsg Messages output by the kernel. These are also routed to syslog.
/proc/ksyms Symbol table for the kernel.
/proc/loadavg The load average of the system.
/proc/meminfo Information about memory usage, both physical and swap.
/proc/modules Which kernel modules are currently loaded.
/proc/mounts Contains information on filesystems currently mounted, similar to /etc/mtab
/proc/net Contains status information about network protocols.
/proc/self A symbolic link to the process directory of the program that is looking at /proc. When 2 process look at proc, they get different links.
/proc/stat Various statistics about the system such as the number of page faults since the system was booted.
/proc/uptime The time the system has been up.
/proc/version The kernel version.
/tmp/fvwmrca01339 FVWM-M4 defines. Contains networking, Xwindows, other setup info.
/usr/lib/zoneinfo Time zone datafiles are stored here on the Debian system
/var/log/lastlog Used by finger to tell when a user was last logged in.
/var/log/wtmp Binary info on users that have been logged on. The last command uses this info.
/var/run/utmp Contains information about users currently logged in. Who and w commands use this file.
/var/named/root.hints Used for domain name server. Placed here optionally, but this is the normal location.
/var/named/* Files used by domain name server. Placed here optionally, but this is the normal location.
/var/log/btmp Used to store information about failed logins. This file must be first created to activate it.
/var/log/lastlog Contains information about the last time a login was done on the system. Works with lastb(1).
/var/log/maillog The normal system mail log file.
/var/log/messages The main system message log file.
var/log/secure System tracking of user logins. Check this file periodically.
/var/spool/mail Where mailboxes are usually stored.

Più distribuzioni LINUX in un solo pendrive
Le chiavette usb sono utilizzate sempre più spesso al posto dei tradizionali supporti ottici, anche per compiti critici come l'installazione del sistema operativo o l'avvio di un ambiente di lavoro diverso rispetto a quello abituale. Grazie alle cosiddette Live distro si può testare un sistema Linux senza doverlo installare sull'hard disk, ma soprattutto si possono sfruttare gli strumenti software integrati nei prodotti specializzati che permettono di recuperare i dati cancellati accidentalmente, di ripulire macchine compromesse da malware o ancora di effettuare test di sicurezza sulla rete locale e sull'infrastruttura informatica. Le chiavette di oggi possono offrire uno spazio di memorizzazione ben superiore a quello di un DVD o di un CD, e sono quindi ideali per contenere più di una distribuzione: si può quindi creare un pen drive con tutti gli strumenti necessari per la diagnostica e gli interventi di emergenza. Inoltre, le chiavette USB sono riscrivibili, il che rende molto più semplice mantenere aggiornati i componenti del toolkit.
Realizzare un'unità USB capace di effettuare il boot non è però banale: bisogna quindi affidarsi ad una utility specializzata, come Multiboot USB installer, scaricabile gratuitamente da http://sourceforge.net/projects/multibootusb/. Questo software consente d'integrare più distribuzioni in una sola unità e di aggiungere un boot manager che permette di selezionare per mezzo di un menu il sistema operativo da avviare. Il software, in realtà, non gestisce solo i sistemi LINUX: si possono inserire nella chiavetta anche i tool antimalware di alcuni importanti produttori di antivirus, come Kaspersky, Panda, Avira e AVG, e perfino gli strumenti di recovery di Windows7.
Il programma non richiede installazione: basta avviarlo e confermare la richiesta del controllo account utente per essere subito operativi. L'interfaccia è organizzata in schede, ma la maggior parte del lavoro si svolge nella prima pagina, denominata MultiBootUSB. Qui si indica l'unità disco di destinazione, si selezionano i file ISO delle distribuzioni che si vogliono installare e si avvia l'assemblaggio della chiavetta con un click su Create. L'elenco delle distribuzioni supportate ufficialmente (più di 150 distribuzioni) può essere consultato selezionando la scheda Support, mentre nella pagina Syslinux si possono modificare le opzioni di configurazione agendo sul file "syslinux.sfg". Molto interessante, infine, sono gli strumenti integrati nella scheda QEMU, che permettono di testare le singole distribuzioni in un ambiente emulato, oppure di avviare il pendrive per verificare che il boot funzioni senza problemi.
- No dropdown list.
- Auto detection of iso files.
- Installed distro can be deleted whenever required.
- Keeps USB drive clean.
- Test USB with out reboot (using QEMU)
- Simple user interface.
- Hide distro installion (only in windows).
- No installation (Windows).
- Support for 150+ distros and counting.
===============================================
Provare un sistema operativo alternativo come Linux è un gioco da ragazzi, se si utilizza YUMI. Dopo aver avviato il tool selezionate il sistema operativo che volete avviare dalla penna USB. Il programma completa tutto il resto.
Ricordatevi di modificare la sequenza di boot dal BIOS del sistema settando l'opzione USB come prima. In questo modo il pc è in grado di rilevare l'unità USB come media di Boot durante l'avvio.
YUMI (Your Universal Multiboot Installer), is the successor to our MultibootISOs. It can be used to create a Multiboot USB Flash Drive containing multiple operating systems, antivirus utilities, disc cloning, diagnostic tools, and more. Contrary to MultiBootISOs which used grub to boot ISO files directly from USB, YUMI uses syslinux to boot extracted distributions stored on the USB device, and reverts to using grub to Boot Multiple ISO files from USB, if necessary.
Aside from a few distributions, all files are stored within the Multiboot or yumi folder (depending on version), making for a nicely organized Multiboot USB Drive that can still be used for other storage purposes.
Creating a YUMI Multiboot MultiSystem Bootable USB Flash Drive
YUMI works much like Universal USB Installer, except it can be used to install more than one distribution to run from your USB. Distributions can also be uninstalled using the same tool!
http://www.pendrivelinux.com/yumi-multiboot-usb-creator/

Come disinstallare applicazione su Ubuntu da terminale
Ecco una semplice guida che può tornare sempre utile , per disinstallare una applicazione tramite terminale procere cosi :
sudo<spazio>apt-get<spazio>remove<spazio>nome applicazione
Ad esempio se vogliamo rimuovere abiword basta scrivere così :
sudo apt-get remove abiword

Come installare pacchetti .sh / .run su Linux Ubuntu
Prima di iniziare da terminale scriviamo la seguente stringa:
sudo chmod a+rwx pacchetto.sh/run
Ora sempre da terminale scriviamo:
sudo ./pacchetto.sh
…oppure:
sudo ./pacchetto.run

Come installare pacchetti tar.gz o tar.bz2 su Linux Ubuntu
In questo articolo vedremo come installare le applicazioni da pacchetti tar.gz o tar.bz2 (comunemente chiamato come tarball), in pochi semplici passi, su Ubuntu [11.04/11.10/10.10/10.04 ...] (anche se dovrebbero funzionare anche su altre distribuzioni Linux, come Linux Mint , Fedora, OpenSuse, Debian, CentOS ecc con poco o nessun cambiamento).
tar.gz è il formato di archiviazione più comunemente utilizzato per la distribuzione di codice sorgente per il software open source, archivio tar.bz2 è usato anche nello stesso modo (Firefox usa il formato bz2).
Installazione tar.gz/tar.bz2 pacchetti in Ubuntu
passo # 1: Dopo aver ottenuto nome, estrarre, utilizzando i seguenti comandi ( estrarlo nella stessa directory)
per il tipo tar.gz:
tar-xvzf nome_pacchetto.tar.gz
tar.bz2 per tipo:
tar-jxvf nome_pacchetto.tar.bz2
passo # 2: Passare alla directory, leggere il file readme di andare oltre (se necessario). Alcune applicazioni possono avere script di installazione come install.sh o qualcosa del genere, è sufficiente eseguire tale script utilizzando
cd nome_pacchetto
. / Install.sh
di comando. Se è il codice sorgente allora potrebbe essere necessario prima configurare utilizzando il comando -
. / Configure
punto # 3: Ora usare un tool costruzione
make
punto # 4: Ora installare l'applicazione utilizzando il comando (seguita dalla vostra password di login) -
sudo make install

Installare ed attivare Firewall su Ubuntu (11.10/11.04,10.04,10.10,versioni precedenti)
Una cosa molto utile per i sistemi Ubuntu è il firewall . Da originale non è sicuramente facile per i meno esperti configuarlo . Quindi c'è un applicazione che lo rende facile ed accessibile a chi non mastica bene i sistemi linux.
Compatibile con tutte le versioni di Ubuntu !
Per installarlo basta semplicemente cercarlo da Ubuntu Software center scrivendo "Firewall Configuration" oppure da terminale :
sudo apt-get install gufw
Una volta installato basta aprirlo e spuntare su enable .

Spegnimento programmato (da terminale) su Ubuntu
Ubuntu implementa un ottima funzione ,cioè permette di spegnere il computer dopo un determinato tot di tempo scelto da noi . Ottimo per chi carica file e non può spegnere fisicamente il pc .
Facile senza installare niente :
Apriamo il terminale (ctrl-alt-t)
Inseriamo : sudo shutdown MIN (al posto di MIN inserire i minuti allo spegnimento)
Facile, veloce e sopratutto pratico!

Mettere il sistema operativo su pendrive con Moblin
Sono già molte le versioni Live di sistema operativi basati su Linux create specificatamente per i netbook. Una delle più interessanti è sicuramente Moblin. Per creare la nostra pendrive live serve anche il programma Win32DiskImager. Inseriamo una pendrive in una porta USB. A questo punto avviamo Win32DiskImager cliccando sul file eseguibile, selezioniamo in Device la lettera corrispondente alla memoria USB e in Image File andiamo a selezionare l'immagine di Moblin. Ora non resta che premere sul pulsante Write e attendere che la copia dei file venga portata a termine. Per completare l'operazione ci potrebbero volere un paio di minuti. Fare attenzione, però, che Win32DiskImager non funziona con sistemi operativi a 64 bit. Ora possiamo avviare il netbook e, prima che venga caricato il sistema operativo, premere il pulsante per selezionare la sequenza di boot: di solito è F10 o ESC. Selezioniamo il boot dalla pendrive e, non appena si apre la prima finestra di Moblin, selezioniamo l'opzione Boot. Dopo alcuni secondi il nuovo sistema operativo sarà caricato e potremo utilizzarlo in tutte le sue funzioni, senza andare a modificare quello preinstallato sul netbook. Allo stesso modo possiamo mettere su pendrive altre distribuzioni create per netbook. Moblin è un sistema molto leggero e funzionale. Attraverso la Toolbar si può accedere alle varie aree di utilizzo tra cui è possibile gestire i contenuti multimediali, navigare sul web, gestire i propri amici sui social network e avvaire le applicazioni e i giochi preinstallati.
http://it.wikipedia.org/wiki/Moblin - http://moblin.org - http://distrowatch.com/table.php?distribution=moblin - https://spins.fedoraproject.org/it/moblin/

Installiamo Ubuntu Netbook Remix su una scheda SD
Scarichiamo l'immagine di Ubuntu Netbook Remix da http://tinyurl.com/nl5elq (http://www.ubuntu.com/download/desktop) e carichiamola sulla pendrive con Moblin. Inseriamo nel netbook una scheda SD su cui vogliamo installare l'OS ed effettuiamo il boot dalla pendrive. Avviamo la live di Ubuntu Netbook Remix, selezioniamo l'opzione per effettuare l'installazione del OS e seguiamo i passi fino alla finestra in cui ci verrà chiesto di selezionare il disco: nel nostro caso scegliamo la SD e proseguiamo. Non resta che attendere il termine dell'installazione. Dopo sarà sufficiente impsotare il boot dalla scheda di memoria in modo da avviare Ubuntu Netbook Remix. Rispetto a Moblin è un po' meno veloce, ma molto più funzionale.

Accedere facilmente alle risorse
Nella rete domestica ho una macchina che condivide con gli altri PC i file presenti sull'hard disk. Per la condivisione utilizzo gli strumenti standard di Windows e, finchè si tratta di usare il sistema operativo Microsoft per accedere alla risorsa condivisa, non sussiste alcuna difficoltà. I problemi sorgono quando provo ad utilizzare l'hard disk remoto da linux (distribuzione Kubuntu): la procedura sembra complicata e niente va come deve, non riesco ad accere al disco in rete, cosa devo fare?
Il protocollo utilizzato dai sistemi windows per condividere dati in remoto e accedere ad essi è SMB/CIFS. Le distribuzioni Linux permetto di gestire i dati condivisi con questo protocollo, ma in effetti, qualche volta poter accedere ad un hard disk remoto presente su una macchina Windows non è immediato. Un software grafico per avere accesso a risorse SMB/CIFS è SMB4K (http://sourceforge.net/p/smb4k/home/Home): completo e facile da usare, è dotato di una piacevole interfaccia grafica espressamente sviluppata per KDE, l'ambiente desktop di default su Kubuntu. Per installare SMB4K non devi fare altro che aprire un terminale e dare il comando
sudo apt-get install smb4k
Terminata l'installazione, per lanciare il programma entra nel menu K/Applicazioni/Accessori e clicca su SMB4K. Nella finestra di SMB4K sono disponibili varie schede. In Network Neighborhood è presente un browser che mostra tutti i servizi di condivisione di rete che il programma ha individuato. Il tab Ricerca in rete permette di effettuare delle ricerche all'interno delle condivisioni e, infine, Mounted Shared mostra tutte le risorse condivise che sono state "montate" nel sistema.
Alternative
GIGOLO
http://www.uvena.de/gigolo/index.html
presente in tutti i repository, è poco conosciuto anche dai 'linari'
Monta di tutto, da cui il nome (non scherzo):
Dispositivo Unix (file)
Obex (obex)
SSH (sftp)
Condivisione di Windows (smb)
HTTP (http)
WebDAV (sicuro) (davs)
WebDAV (dav)
FTP (ftp)
Rete (network)
Archivio (archive)
Foto (gphoto2)
tutte le memorie di massa interne o collegate al pc
Funziona con soddisfazione su ubuntu, lubuntu, fedora e opensuse, nella grafica e per tutto il resto della configurazione è semplicissimo.
Perfetto per i notebook:
velocissimo, naviga per la rete, monta i dischi di rete anche tramite i suoi segnalibri compreso il nome utente e li rende disponibili nel file manager; affidabilissimo, lo si può usare anche in VPN e possiamo installarlo per le connessioni verso il nas.
Alternativa molto valida, specie per le connessioni persistenti è il nostro amico
WEBMIN, in /sistema /dischi e rete, aggiungi il cifs mount, ip, nome condivisione, account... e poi te lo scordi: scrive tutto in /etc/fstab
In caso la macchina remota sia spenta non perde il percorso, quando questa torna disponibile la condivisione viene automaticamente montata nella cartella che avevi designato.

Caratteristiche del file system LVM
LVM è in grado di variare facilmente le dimensioni delle partizioni senza doverle smontare. Per poter usufruire di questa possibilità è però necessario usare un filesystem che supporti le stesse caratteristiche, cosa che quelli più diffusi fanno con grado differente. Per semplicar la vita ecco una semplice tabella che mostra quali file system supportano questa caratteristiche e in quale misura

Nome Contrazione dinamica Espansione dinamica Contrazione statica Espansione statica
ext3 n s s s
ext4 n s s s
btrfs s s n n
xfs n s n n
jfs n s n n
reiserfs n n s s
http://it.wikipedia.org/wiki/Ext3
http://it.wikipedia.org/wiki/Ext4
http://it.wikipedia.org/wiki/Btrfs
http://it.wikipedia.org/wiki/XFS_%28file_system%29 - http://it.wikipedia.org/wiki/XFS_(file_system)
http://it.wikipedia.org/wiki/Journaled_File_System
http://it.wikipedia.org/wiki/ReiserFS

E' possibile installare un sistema operativo su chiavetta USB? se si come?
Vorrei metterci Linux, mi dicono che Ubuntu sia molto buona.
Si è possibile puoi seguire le istruzioni in italiano direttamente da qui http://wiki.ubuntu-it.org/Installazione/UbuntuLivePersistenteUsb.
Puoi comunque anche provarlo tramite LiveCD, ossia ti scarichi il cd di ubuntu e quando fai partire il computer con dentro il cd ti parte Linux senza toccare nulla sul disco. POi quando lo togli riparte windows normalmente.

Cinelerra è un software libero e open source di montaggio video non-lineare. È progettato per sistemi operativi Linux, ma esiste anche una versione per Mac OS X. È prodotto da Heroine Virtual, ed è distribuito sotto licenza GNU General Public License. Cinelerra include anche un motore di compositing video, che permette all'utente di svolgere le operazioni comuni di compositing come il Matte painting. È stato rilasciato il primo agosto 2002 ed era basato su Broadcast 2000 un precedente prodotto, il quale è stato ritirato nel settembre del 2001.
Cinelerra ha il supporto per audio e video ad alta fedeltà: processa l'audio usando 64 bit di precisione, e può lavorare con lo spazio di colori sia RGBA e YUVA. Usa rispettivamente la virgola mobile e rappresentazione di interi a 16 bit. Ha una risoluzione e un tasso di fotogrammi (frame rate) indipendente da supportare così video di qualsiasi velocità e grandezza.
http://cinelerra.org/

Utilizzare LVM in Linux
LVM è l'acronimo di Logical Volume Manager e indica l'implementazione Linux di una tecnologia quasi omonima (Logical Volume Management) cher permette di rendere più potente e flessibile la gestione dello storage. La sua funziona principale è quella di interporre uno strato software tra le unità fisiche, ovvero gli hard disk, e la ripartizione logica dello spazio di memorizzazione, cioè le unità accessibile dal sistema operativo. Grazie a questo livello intermedio si possono disaccoppiare le due entità e ottenere una flessibilità di configurazione molto superiore: per esempio, si possono assegnare più dischi a una stessa unità logica, impostare la ridondanza o lo striping, aumentare lo spazio dedicato a ogni partizione secondo necessità e molto altro ancora.Quasi tutte le ultime versioni delle principali distribuzioni Linux supportano LVM, ma solo in pochissimi casi lo utilizzano per default. Per gestire tutto lo storage tramite LVM, comprese le unità di sistema, la soluzione più semplice è una nuova installazione del sistema operativo; in ogni caso, sarà necessario disporre di almeno una piccola partizione di tipo tradizionale, poichè il Bios dovrà potervi accedere per avviare il boot. Se invece si vuole passare a LVM soltanto per le unità dedicate allo storage, è possibile attivarlo in qualsiasi momento: vediamo come, usando Ubuntu 12.10. Aprite Ubuntu Software Center e scrivete LVM nel campo di ricerca, a destra. Selezionate poi l'elemento Logical Volume Management nell'elenco dei risultati e fate click sul pulsante Installa per avviare il download e l'installazione. Una volta conclusa questa procedura, chiudete Software Center e richiamate Gestione Volumi Logici, tramite il Dash. L'applicazione di gestione è piuttosto intuitiva, ma è opportuno muoversi sempre con estrema cautela poichè si sta lavorando con i dati memorizzati sull'hard disk. L'elenco Entità non inizializzate mostra i dischi e le partizioni riconosciuti dal sistema, compresi quelli attivi: di solito il disco di sistema di Ubuntu è quello indicato con /dev/sda, e contiene tre partizioni di cui una dedicata allo swap. Selezionate un disco o una partizione vuota nell'elenco di sinistra, e inizializzatelo facendo clic sul pulsante Inizializza Entità, in basso. Confermate la volontà di inizializzare il disco, con un click su Sì nella finestra di dialogo successiva. Il programma propone di creare una singola partizione per indirizzare tutto lo spazio presente sul disco: nella maggior parte dei casi si può tranquillamente accettare il consiglio. Per creare un'unità LVM, fate click su Crea nuovo Gruppo di VOlumi: nella finestra successiva basta inserire un nome per il gruppo e controllare le altre impostazioni, che possono essere lasciate ai valori di default. Selezionate la Visualizzazione logica del gruppo appena creato, e fate clic sul pulsante Crea Nuovo Volume Logico. Si aprirà una finestra di dialogo che permetterà di specificare il nome del volume, la sua tipologia (Lineare, Mirrored o Striped) e la sua dimensione. Potrete anche specificare il file system da utilizzare e il punto di montaggio. Se lo spazio dovesse esaurirsi, basterà installare un nuovo hard disk, inizializzarlo, aggiungerlo al gruppo volumi e aumentare la dimensione del volume logico.

Operare sui file: 'cp', 'mv', 'rm' e 'mkdir'
Ora che sappiamo muoverci nel filesystem ed esaminare il contenuto di una directory, concentriamoci sui singoli file e sulle operazioni che possiamo fare su di essi: vedremo quindi i comandi per copiare, spostare ed eliminare i file presenti sul disco; inoltre, vedremo come eseguire le stesse operazioni sulle directory, imparando anche come crearle.
cp
Il primo comando è cp, utilizzato per copiare file e directory. La sua sintassi è molto semplice:
cp file_sorgente destinazione
oppure, per la copia multipla di file, si usa:
cp file1 file2 ... fileN destinazione
che permetterà di copiare i file file1 .. fileN nella directory di destinazione. Vediamo un esempio:
cp miofile /tmp
che copierà 'miofile' nella directory /tmp. Se in /tmp esiste già un file chiamato miofile, questo sarà sovrascritto dal nuovo file.
Opzioni di cp
Vediamo ora le opzioni più importanti di cp:
Opzione Descrizione
-b Esegue automaticamente una copia di backup di ogni file di destinazione esistente
-f Forza la sovrascrittura dei file, senza richiedere interventi da parte dell'utente
-i Attiva la modalità interattiva, che chiede conferma prima dell'evanutale sovrascrittura di file di destinazione preesistenti; il suffisso usato è il classico simbolo della tilde, ~
-p Mantiene, se possibile, gli attributi (permessi, ownership, etc.) del file
-r Permette di attivare la modalità ricorsiva, che permette la copia di directory
-v Attiva la modalità verbose, che visualizza in output quello che il sistema ha fatto in seguito al nostro comando
mv
Dopo aver visto come copiare file e directory, dedichiamoci allo spostamento ed al cambio di nome dei file; tutto questo è fatto con un solo comando: mv, la cui sintassi è:
mv sorgente destinazione (per rinominare)
mv sorgente directory (per spostare un file)
mv sorgente1 .. sorgenteN destinazione (per spostare più file)
Tramite mv, oltre a cambiare il nome di un file, è anche possibile rinominare una directory o muovere più directory in un'altra directory. Le opzioni di mv sono molto simili a quelle di cp, sebbene in numero minore. Quelle che a noi interessano sono le stesse viste per il comando cp, con l'esclusione di -p che per mv non esiste.
rm e rmdir
Come ultimo, ci rimane il comando rm, che permette di eliminare file o directory. La sua sintassi è abbastanza semplice:
rm file (per eliminare un file)
rm file1 .. fileN (per eliminare più file)
Le opzioni di rm sono anch'esse simili a quelle di mv; le più utili sono le stesse che sono state viste per cp, con l'esclusione di "-p" che qui non ha alcun senso pratico.
Deve qui essere aperta una parentesi relativa alle directory: di norma, se siete sicuri di poter elimimare una directory non vuota, potete utilizzare il comando
rm -rf directory
che forza l'eliminazione della directory 'directory' e dei suoi contenuti. Per eliminare una directory vuota, si usa invece il comando:
rmdir directory
A volte, però, tale comando non sembra sortire gli effetti desiderati: nonostante la directory sembri vuota, quanto scritto sopra ci restituisce un errore, dove il sistema si lamenta perchè esistono dei file all'interno della directory che vogliamo eliminare.
Accade spesso, infatti, che per controllare il contenuto di una directory si usi solamente ls che, per sua natura, non visualizza i file nascosti! A questo punto si può procedere in due modi: entrare nella directory e cancellare tali file oppure, se si è sicuri che i file nascosti all'interno di tale directory non sono importanti, si può procedere con rm -rf.
mkdir
Come ultima cosa, vediamo come creare le directory: il comando è mkdir, la cui sintassi è:
mkdir directory (per creare una directory)
mkdir directory1 .. directoryN (per creare più directory)
Vediamo un esempio: nella nostra home directory, supponiamo /home/utente, è presente la directory "dir" e vogliamo creare "sottodir" come sottodirectory della precedente. La prima cosa che viene in mente di fare è di entrare in "dir" e lanciare il comando:
mkdir sottodir
È però possibile, e anche molto più comodo, utilizzare direttamente il comando:
mkdir dir/sottodir
con una sola attenzione: il comando
mkdir dir/sottodir sottodir2 sottodir3
non fa quello che ci si potebbe aspettare, ossia creare sottodir, sottodir2 e sottodir3 come sottodirectory di dir; quello che qui accade, invece, è la creazione di sottodir come sottodirectory di dir e la creazione di sottodir2 e sottodir3 allo stesso livello di dir!
Quindi, per non dover scrivere:
mkdir dir/sottodir dir/sottodir2 dir/sottodir3
in questo caso è più comodo entrare in dir e lanciare:
mkdir sottodir sottodir2 sottodir3
Con queste nozioni, potrete certamente iniziare a fare gli esperimenti sulla creazione, rimozione e spostamento di file e directory. Permetteteci però qualche consiglio:
- utilizzate touch per creare file vuoti con cui operare; il comando touch file crea il file vuoto file; utilizzate invece il comando mkdir (mkdir nomedirectory) per la creazione delle directory
- spostatevi in /tmp per le prove; è più sicuro e vi eviterà di lasciare file e directory inutili sparsi per il filesystem o, peggio, di eliminare file importanti o di sistema per qualche disattenzione- non, ripeto, NON utilizzate l'utente root per queste prove: uno stupido errore di digitazione può, come si dice in gergo, "rasare" un intero filesystem!
In conclusione, ricordiamo che tutti i comandi fino a qui visti permettono di specificare caratteri jolly, quali ad esempio l'asterisco o il punto di domanda. Ad esempio:
rm ab*
rimuoverà tutti i file il cui nome inizia con "ab" seguiti da zero o più caratteri. Invece, il comando:
rm ab?
eliminerà tutti i file il cui nome inizia con ab seguiti da un qualsiasi carattere.
====================================
Ora che sappiamo muoverci nel filesystem ed esaminare il contenuto di una directory, concentriamo coi sui singoli file e sulle operazioni che possiamo fare su di essi: vedremo quindi i comandi per copiare, spostare ed eliminare i file presenti sul disco; inoltre, vedremo come eseguire le stesse operazioni sulle directory, imparando anche come crearle.
cp
Il primo comando è cp, utilizzato per copiare file e directory. La sua sintassi è molto semplice:
cp file_sorgente destinazione
oppure, per la copia multipla di file, si usa:
cp file1 file2 ... fileN destinazione
che permetterà di copiare i file file1 .. fileN nella directory di destinazione. Vediamo un esempio:
cp miofile /tmp
che copierà 'miofile' nella directory /tmp. Se in /tmp esiste già un file chiamato miofile, questo sarà sovrascritto dal nuovo file.
Opzioni di cp
Vediamo ora le opzioni più importanti di cp:
Opzione Descrizione
-b Esegue automaticamente una copia di backup di ogni file di destinazione esistente
-f Forza la sovrascrittura dei file, senza richiedere interventi da parte dell'utente
-i Attiva la modalità interattiva, che chiede conferma prima dell'evanutale sovrascrittura di file di destinazione preesistenti; il suffisso usato è il classico simbolo della tilde, ~
-p Mantiene, se possibile, gli attributi (permessi, ownership, etc.) del file
-r Permette di attivare la modalità ricorsiva, che permette la copia di directory
-v Attiva la modalità verbose, che visualizza in output quello che il sistema ha fatto in seguito al nostro comando
mv
Dopo aver visto come copiare file e directory, dedichiamoci allo spostamento ed al cambio di nome dei file; tutto questo è fatto con un solo comando: mv, la cui sintassi è:
mv sorgente destinazione (per rinominare)
mv sorgente directory (per spostare un file)
mv sorgente1 .. sorgenteN destinazione (per spostare più file)
Tramite mv, oltre a cambiare il nome di un file, è anche possibile rinominare una directory o muovere più directory in un'altra directory. Le opzioni di mv sono molto simili a quelle di cp, sebbene in numero minore. Quelle che a noi interessano sono le stesse viste per il comando cp, con l'esclusione di -p che per mv non esiste.
rm e rmdir
Come ultimo, ci rimane il comando rm, che permette di eliminare file o directory. La sua sintassi è abbastanza semplice:
rm file (per eliminare un file)
rm file1 .. fileN (per eliminare più file)
Le opzioni di rm sono anch'esse simili a quelle di mv; le più utili sono le stesse che sono state viste per cp, con l'esclusione di "-p" che qui non ha alcun senso pratico.
Deve qui essere aperta una parentesi relativa alle directory: di norma, se siete sicuri di poter elimimare una directory non vuota, potete utilizzare il comando
rm -rf directory
che forza l'eliminazione della directory 'directory' e dei suoi contenuti. Per eliminare una directory vuota, si usa invece il comando:
rmdir directory
A volte, però, tale comando non sembra sortire gli effetti desiderati: nonostante la directory sembri vuota, quanto scritto sopra ci restituisce un errore, dove il sistema si lamenta perchè esistono dei file all'interno della directory che vogliamo eliminare.
Accade spesso, infatti, che per controllare il contenuto di una directory si usi solamente ls che, per sua natura, non visualizza i file nascosti! A questo punto si può procedere in due modi: entrare nella directory e cancellare tali file oppure, se si è sicuri che i file nascosti all'interno di tale directory non sono importanti, si può procedere con rm -rf.
mkdir
Come ultima cosa, vediamo come creare le directory: il comando è mkdir, la cui sintassi è:
mkdir directory (per creare una directory)
mkdir directory1 .. directoryN (per creare più directory)
Vediamo un esempio: nella nostra home directory, supponiamo /home/utente, è presente la directory "dir" e vogliamo creare "sottodir" come sottodirectory della precedente. La prima cosa che viene in mente di fare è di entrare in "dir" e lanciare il comando:
mkdir sottodir
È però possibile, e anche molto più comodo, utilizzare direttamente il comando:
mkdir dir/sottodir
con una sola attenzione: il comando
mkdir dir/sottodir sottodir2 sottodir3
non fa quello che ci si potebbe aspettare, ossia creare sottodir, sottodir2 e sottodir3 come sottodirectory di dir; quello che qui accade, invece, è la creazione di sottodir come sottodirectory di dir e la creazione di sottodir2 e sottodir3 allo stesso livello di dir!
Quindi, per non dover scrivere:
mkdir dir/sottodir dir/sottodir2 dir/sottodir3
in questo caso è più comodo entrare in dir e lanciare:
mkdir sottodir sottodir2 sottodir3
Con queste nozioni, potrete certamente iniziare a fare gli esperimenti sulla creazione, rimozione e spostamento di file e directory. Permetteteci però qualche consiglio:
- utilizzate touch per creare file vuoti con cui operare; il comando touch file crea il file vuoto file; utilizzate invece il comando mkdir (mkdir nomedirectory) per la creazione delle directory
- spostatevi in /tmp per le prove; è più sicuro e vi eviterà di lasciare file e directory inutili sparsi per il filesystem o, peggio, di eliminare file importanti o di sistema per qualche disattenzione
- non, ripeto, NON utilizzate l'utente root per queste prove: uno stupido errore di digitazione può, come si dice in gergo, "rasare" un intero filesystem!
In conclusione, ricordiamo che tutti i comandi fino a qui visti permettono di specificare caratteri jolly, quali ad esempio l'asterisco o il punto di domanda. Ad esempio:
rm ab*
rimuoverà tutti i file il cui nome inizia con "ab" seguiti da zero o più caratteri. Invece, il comando:
rm ab?
eliminerà tutti i file il cui nome inizia con ab seguiti da un qualsiasi carattere.

Come modificare il mac address
Cambiare il MAC address su una scheda di rete
Il MAC address è un codice composto da 6 coppie di cifre esadecimali, con il quale il costruttore della scheda distingue ogni singolo pezzo prodotto in maniera univoca. Le prime cifre infatti sono caratteristiche di un particolare produttore, procedendo verso la fine si ha il tipo di prodotto e infine il progressivo della singola scheda prodotta.
In teoria ogni scheda sulla rete dovrebbe avere un MAC distinto dalle altre, ma ho ditto in teoria perchè questo codice può essere modificato via software, rendendo possibile quindi il caso che sulla stessa rete ci siano 2 schede con lo stesso MAC.
Questo fatto può essere sfruttato per diversi tipi di attacchi, come l'arp spoofing, oppure per aggirare delle autenticazioni o filtri basati su MAC address.
In Windows è un pochino più complicato ma in Linux è molto semplice, dato che possiamo farlo con un semplice comando.
Infatti, se volessimo modificare il MAC del device eth0 ed impostarlo (ad esempio) con il valore : 11:22:33:44:55:66 .
Come prima cosa dovremo disabilitare l'interfaccia in questione, con il comando :
ifconfig eth0 down
Se non avete i diritti necessari per spegnerla usare pure il comando: "sudo ifconfig eth0 down"
A questo punto, per cambiare il MAC address, basta lanciare il comando:
ifconfig eth0 hw ether 11:22:33:44:55:66
Infine riabilitare l'interfaccia col comando :
ifconfig eth0 up
come prima se ci fossero problemi usare il comando "sudo ifconfig eth0 up"
Questa modifica è solo temporanea, dato che al prossimo riavvio di Linux il MAC address della scheda ritorna ad essere quello originale (quello scritto dentro al firmware della scheda) quindi bisognerà ripetere l’operazione descritta sopra.
Se voleste eseguire un cambio permanente potrete farlo facendo eseguire i comandi sopra elencati da uno script da eseguire ad ogni riavvio.

Xubuntu Root Account
During the install process, Xubuntu does not prompt you to set a root password. Apparently, it's their philosophy that no one should use the root account, but rather everyone should use the "sudo" utility when they need more privileges. Personally, I'd rather use the root account. To do so, you just need to manually set a root password from the command-line.
To accomplish this, simply open a terminal window, and then make the following command:
sudo passwd
You will first be prompted to enter your user password (which you set during installation or whatever), and you can then enter a new root password.
After doing so, you can access the root account normally, using the "su" command.

chmod stands for "Change Mode".
The numbers part is a little more complicated.... "777" is three numbers..to be nerdy and specific.. it is three 3 digit binary (base 2) numbers converted into three 1 digit octal (base 8) numbers.
The first number stands for "user", the second group stands for "group" and the final number stands for "other". There are three possible things that can be done with a file: read, write, and execute.. Here is a little reference:
execute = 001 in binary = 1 in octal
write = 010 in binary = 2 in octal
read = 100 in binary = 4 in octal
So where does the 7 come from?
7 in binary = 111 in decimal = read, write, execute
So you get:
read write execute = 111 = 1 + 2 + 4 = 7
read write no execute = 110 = 4 + 2 = 6
read no write execute = 101 = 4 + 1 = 5
read no write no execute = 100 = 4
no read write execute = 011 = 2 + 1 = 3
no read write no execute = 010 = 2
no read no write execute = 001 = 1
no read no write no execute = 000 = 0
Make sense?
To make a file "chmod 777" you would simply type:
chmod 777 filename.ext
in the terminal.

Cancellare la cache DNS del computer (flush DNS cache)
I nomi a dominio (ad esempio www.google.it) vengono risolti in indirizzi IP dai server DNS. Ogni volta quindi che scriviamo www.google.it sulla barra dell’indirizzo del nostro browser la stringa www.google.it viene tradotta in un numero (indirizzo IP) che identifica il computer a cui il nostro browser deve connettersi per ricavare le informazioni di cui ha bisogno per visualizzare la pagina web richiesta.
Per velocizzare questo processo i risultati delle richieste vengono registrati in una memoria tampone o cache.
A volte però, per diverse ragioni, vogliamo poter ricavare risultati aggiornati e per fare questo dobbiamo, come prima cosa, cancellare la cache DNS interna del nostro computer.
Windows
1. avviare l’applicazione “Prompt dei comandi” dal menù “Start”>”Accessori”
2. eseguire il comando
C:\>ipconfig /flushdns
Nota: in Windows Vista, per poter eseguire questo comando, bisogna avviare la console come amministratore cliccando sul tasto destro sull’icona dell’applicazione “Prompt dei comandi” e selezionando “Esegui come amministratore”
Mac OS X
1. avviare l’applicazione “Terminal”
2. eseguire il comando
lookupd -flushcache
oppure, per le versioni di sistema maggiori della 10.5.1, il comando
dscacheutil -flushcache
Linux
1. aprire un terminale
2. eseguire il comando
/etc/init.d/nscd restart
per riavviare il servizio nscd responsabile del caching dei record DNS

NoMachine NX 3.0: accesso remoto a Linux
Avete mai pensato a come sia possibile lavorare da qualsiasi posto e da qualunque postazione, ovviamente diversa da quella su cui siamo intenzionati a lavorare, semplicemente utilizzando la rete internet? Immaginate, una volta conclusa la giornata lavorativa, di avere ancora bisogno di lavorare ad un determinato documento che però risiede sul computer aziendale, dunque non accessibile da casa. Come fare? Una soluzione esiste e si chiama NoMachine NX, uno speciale software per il remote desktop in grado di aiutarci a svolgere questo lavoro.
Durante il corso di quest'articolo parleremo proprio di questo prodotto, del suo funzionamento e della sua messa a punto. Capiremo inoltre quali sono le sue caratteristiche e come è possibile utilizzarlo sul sistema del pinguino. Di recente la società NoMachine, divisione dell'italiana MediaLogic, ha rilasciato la versione 3.0 dell'applicativo. Sul sito web ufficiale è possibile scaricare varie versioni del software e chi non ha mai utilizzato il prodotto può trovarsi un attimino disorientato nella scelta del pacchetto adatto.
Sulla pagina sono disponibili varie versioni ma quello che bisogna tenere in mente è che bisogna installare un server Nx, un nodo e un client su ogni macchina Linux a cui vogliamo accedere in maniera remota e una copia del client NX su ogni macchina (Linux, Mac OS X, Windows o Solaris) dalla quale abbiamo intenzione di effettuare l'accesso.
A questo punto è bene precisare che per la componente relativa al Server NX esistono diverse possibilità. È possibile, per prima cosa, scaricare la versione Free, NX Server Free Edition, che è un'opzione senza costi e completamente libera. In alternativa è possibile scegliere la versione commerciale che include svariate diverse feature aggiuntive rispetto a quella Free. Per questo motivo vi rimandiamo alla pagina comparativa dei due pacchetti. La versione Free, ad esempio ci limita all'utilizzo di due differenti sessioni NX concorrenti, la versione commerciale no.
Siamo ora giunti al momento del download. NoMachine mette a disposizione i binari, pacchetti precompilati, per una cospicua varietà di distribuzioni: Red Hat, Fedora, openSUSE, SLED, Mandriva, Xandros, Debian ed Ubuntu oltre che ai sorgenti per tutte le altre distribuzioni. In più sono disponibili i pacchetti sia per piattaforme AMD64 che per quelle i386. Scegliete dunque la modalità di installazione che preferite e scaricate i pacchetti nxclient, nxnode e nxserver. Visto che NX lavora con SSH, assicuratevi di avere disponibile e funzionante il server SSH sulla vostra macchina host. Sia il server che il client NX è distribuito con la propria chiave crittografica.
Queste chiavi vengono utilizzate dall'account utente di NX durante la sessione di connessione dopodiché, una volta stabilita la connessione, il login è effettuato utilizzando la normale procedura utilizzata per gli account Linux. Per stare tranquilli, assicuratevi che la chiava NX di default (presente in /usr/NX/home/nx/.ssh/authorized_keys2) sia aggiunto al file /etc/ssh/sshd_config. Una volta installati i tre pacchetti necessari al funzionamento di NoMachine NX siamo dunque pronti ad utilizzarlo. La prima cosa da fare è lanciare il server alla ricerca di eventuali messi d'errore attraverso il comando sudo /usr/NX/bin/nxserver -status, per chi usa Ubuntu, oppure loggarsi come utente root e lanciare lo stesso comando su tutte le altre distribuzioni. Una volta che il server è stato avviato è possibile finalmente connettersi a quest'ultimo attraverso uno dei client.
Precisiamo subito che i client sono disponibili per svariate piattaforme ma il server gira solo su una macchina Linux, dunque non è possibile connettersi, utilizzando la tecnologia NX, ad una macchina Windows remota. Questo principalmente perché NX lavora con le sessioni di X Window.
Connettersi ad un server NX è estremamente facile. Le versioni dei Client NX per Windows e Mac sono dotati di launcher grafici mentre per quanto riguarda Linux, una volta installati i pacchetti necessari, vengono create icone d'avvio (estensione .desktop) sia all'interno del menu di Kde o Gnome che sul desktop. È possibile lanciare il client anche attraverso la linea di comando con la direttiva: /usr/NX/bin/nxclient.
L'NX Client Connection Wizard è l'applicazione che vi guiderà passo dopo passo nella connessione al server NX. Per connettersi basta conoscere ovviamente l'IP del server oppure il nome della macchina e disporre di un account per potervi accedere. Una volta inseriti tutti i dati necessari avrete a portata di mouse la sessione X del server, che sia esso Gnome o KDE, sul vostro client. Ed il gioco è fatto. Buon divertimento!
http://www.nomachine.com/features.php

Problemi con l'avvio di Network Manager di Linpus Lite (Computer Acer con Sistema operativo Linpus)
Il Network Manager di Linpus Lite non si avvia. Come posso risolvere il problema?
Se il sistema è stato arrestato durante un aggiornamento con Live Update, può accadere che il Network Manager di Linpus Lite non si avvii dopo aver cliccato sulla sua icona; non essendo visibile alcuna icona di rete in basso a destra non è dunque possibile accedere alle connessioni di rete.
Per risolvere il problema seguire questi passi:
1. Aprire il terminale premendo contemporaneamente ALT e F2, digitare "terminal" e premere il pulsante Esegui
2. Digitare il comando "sudo gconftool-2 --recursive-unset /system/networking"
In tal modo verranno eliminate tutte le connessioni di rete esistenti ed il Network Manager di Linpus Lite tornerà ad avviarsi normalmente.
http://netbooks-it.custhelp.com/app/answers/detail/a_id/106/~/problemi-con-l%27avvio-di-network-manager-di-linpus-lite

Gestire files, cartelle, permessi su Linux
In tutti i sistemi *nix (Unix, Linux) esiste l'utente "root", che è l'amministratore del sistema, colui che può fare qualsiasi attività sul pc, compreso cancellare files importanti e modificare partizioni.
Alla fine della vostra installazione di ubuntu avete così due utenti: quello che avete impostato voi durante l'installazione e questo utente "root".
Tradizionalmente in Linux per fare tutte le operazioni importanti si effettua il login come utente "root". Su ubuntu questo utente è stato di default disabilitato dal login e non ha password.
Sicchè, gli utenti con i superpoteri sono quelli che fanno parte del gruppo "admin".
Questi utenti "admin" (che può anche essere uno solo, non per forza tanti utenti), quando devono fare operazioni pericolose, devono fare precedere tali comandi da "sudo" (verrà richiederà la password).
Se fate un utente nuovo, dall'apposito pannellino in "Sistema --> Amministrazione --> Utenti e gruppi", potete dare anche a lui la possibilità di usare "sudo", barrando la casellina che gli assegna i privilegi di amministratore.
L'assegnazione ad un gruppo, come "admin" si può fare anche da riga di comando con:

adduser nome_utente admin

Perchè è importante che lo sappiate fare anche da riga di comando oltre che da pannello? Risposta: Perchè questo potrebbe salvarvi..Fidatevi.
Detto questo, altra questione importante su Linux, è che ogni file ha assegnati dei "permessi".
Ogni file in Linux ha tre parametri di "permessi":

Per ogni parametro (ricordiamolo, sono tre), va impostato uno di questi valori:

0 = Nessun permesso -
1 = Esecuzione (x)
2 = Scrittura (w)
3 = Esecuzione + Scrittura (xw)
4 = Lettura (r)
5 = Lettura + Esecuzione (rx , è la somma dei valori 1+4)
6 = Lettura + Scrittura (rw, 2+4)
7 = Lettura + Scrittura + Esecuzione (rwx, 1+2+4)


Per cambiare il permesso ad un file (o ad una cartella) si usa il comando chmod, esempi:

chmod 777 -R cartellaIn questo modo abbiamo impostato il permesso di lettura scrittura ed esecuzione ( 4+2+1 = 7 ) rispettivamente per proprietario, gruppo e utenti.

La -R serve per applicare i permessi anche su tutte le sottocartelle e i files all'interno.
chmod 644 ciccio lettura e scrittura ( 4+2 = 6 ) per il proprietario e solo lettura ( 4 ) per gruppo e utenti. Equivalente a chmod u+w file
chmod 400 fileSe vogliamo che possa accedere a un file in lettura solo il proprietario (passare quindi da -r--r--r-- a -r--------). Equivalente a chmod go-r file
chmod 755 cartellaCosì assegni permessi di lettura scrittura esecuzione al proprietario, lettura esecuzione al gruppo,lettura esecuzione agli altri.
Per sapere i permessi dei file in una cartella, usando la shell piazzatevi dentro una cartella (usate il comando "cd" per muovervi fra le cartelle), e date il comando:

ls -l

Verranno elencati i file presenti nella cartella, ogni riga avrà un aspetto simile a questo:

drwxr-xr-x 5 root root 4096 2007-01-05 18:08 home

Come potete vedere, quella è la riga della cartella "home", la prima colonna è quella che ci interessa per sapere i permessi.
Il primo carattere (d) indica l'attributo, ("d" vuole dire directory), saltatelo.
I successivi nove caratteri sono i permessi, vanno letti a 3 a 3, ovvero: (rwx) (r-x) (r-x) quindi, in questo caso, è come dire "755" (proprietario, gruppo, altri).
La terza colonna e la quarta (root e root) indicano rispettivamente il "proprietario" e il "gruppo" del file.
Altri comandi utili ed importanti per file e cartelle:

cd Il comando cd serve a spostarsi tra le directory.

Ad esempio, facendo "cd /etc" ci si sposta nella directory "etc". "cd .." : serve invece a spostarsi nella cartella superione a quella in cui vi trovate.
df -h Visualizza lo spazio libero rimasto nelle partizioni. Oppure nel pannello "applicazioni-->accessori" di GNOME c'è un analizzatore dello spazio occupato.
du -s /home Restituisce la dimensione totale complessiva di una cartella, in questo caso la cartella "home".
free Memoria di sistema libera
sudo gedit /etc/fstabVi mostra il file in cui vengono indicati i filesystem utilizzati e le directory ad essi associate.
gksudo
kdesu
Vedi "su" e "sudo". Se dovete avviare applicazioni grafiche con i privilegi di root (cioè dell'amministratore del sistema), se usate "sudo" potreste avere qualche problema. Usare invece gksudo per applicazioni Gnome e kdesu per quelle KDE in modo che carichi come root anche le librerie grafiche che servono a quei programmi. Utilizzo tipico: "gksudo nautilus". Facendo così si possono creare e modificare file in cartelle protette senza usare la shell.
ls -als serve per elencare il contenuto di una directory. L'opzione -a serve a vedere anche i file nascosti
mvIl comando mv serve per spostare, o rinominare, file e directory.
rm -r nomecartellaRimuove la cartella con il suo contenuto. Il comando rm viene usato anche per cancellare files.
mkdir nomecartellaCrea una nuova cartella
supassare ad utente di root. Se la password non va reimpostala con "sudo passwd root"
sudosudo (SUperuser DO) è un programma che consente di eseguire dei comandi con i privilegi di amministratore (sempre che vi sia abilitato). Facendo su si diventa a tutti gli effetti root. sudo invece assume i privilegi di root solo per un tempo limitato (15 minuti, di base).
which Mostra il percorso completo di un file

Un'ultima cosa: un file o una cartella, per essere resa invisibile, bisogna semplicemente rinominarla con un puntino davanti. Ad esempio la cartella "prova", invisibile sarà ".prova".
In Windows, e quindi nei file systems FAT e NTFS, esiste un attributo "h" per rendere il file "invisibile". Qui su linux (file systems ext2, ext3 ecc..), non fuziona l'attributo "h" dal momento che per rendere invisibile file o cartelle si usa il sistema "puntino".
Il sistema dei permessi impostati mediante chmod NON funziona nei file system NTFS (quindi Windows), dove tutti i file sono di norma leggibili ed eseguibili da tutti.

ULUMFW
ULUMFW (Ubuntu Live USB Maker for Windows) è un programma Windows che permette di creare una USB avviabile (Live USB) di Ubuntu 8.10 (o Super Ubuntu versione 2008.10 o superiore). Tra le caratteristiche: installazione persistente da 128 Mb a 4 Gb, non formattazione della periferica, installazione un bootloader nella periferica, occupa solo 800k di spazio. Richiede flash drive di almeno 800Mb di spazio libero, file system FAT, un CD o immagine ISO di Ubuntu. Credits pendrivelinux.com.
http://hacktolive.org/wiki/ULUMFW

UNetbootin - Universal Netboot Installer
UNetbootin consente l'installazione di varie distribuzioni Linux/BSD in una partizione o in un drive USB. L'utility permette di installare il nuovo sistema operativo senza aver bisogno del CD. Può creare un'installazione dual-boot oppure rimpiazzare interamente il sistema operativo già esistente. L'elenco delle distribuzioni lo trovate sulla pagina dell'autore.
http://unetbootin.sourceforge.net/

Fedora Live USB creator
Tool per installare la distribuzione Linux Fedora su USB flash drives. Qui istruzioni in italiano a cura di Sparkblog.org.
https://fedorahosted.org/liveusb-creator/

Adattatori compatibili con Linux
Se si desidera acquistare un adattatore WLAN da utilizzare in una macchina Linux, portarsi al seguente sito: http://linux-wless.passys.nl/ Nella parte inferiore della pagina è presente il pulsante Complete Listing, che visualizza una tabella con i dati degli adattatori WLAN compatibili con Linux e consiglia il miglior driver Linux per ogni adattatore. Invece di visualizzare la lista completa, si può limitare la ricerca agli adattatori offerti da un produttore. La Free Software Foundation raccomanda i chipset Ralink 2500/RT2400 e Realtek RTL8180. Per un elenco degli adattatori WLAN basati sul chipset Ralink RT2500 andare su http://ralink.rapla.net

Kon-Boot: accedere a qualsiasi pc (Win o Linux) senza conoscere la password
Avete perso o dimenticato la password di accesso del vostro pc? no problem… ci pensa Kon-Boot!
Kon-Boot è un software gratuito che permette di accedere ad un qualsiasi pc senza conoscere la password di accesso. Con questo semplice software sarete in grado di bypassare la richiesta della password del vostro pc ed accedere nuovamente al sistema operativo con tutti i vostri dati.
Kon-boot è compatibile con Linux (Gentoo 2.6.24-Gentoo-r5, Ubuntu 2.6.24.3-debug, Debian 2.6.18.6-868 e Fedora 2.6.25.9-76.fc9.i686) ed è stato testato sulle versioni di: Windows Server 2008 Standard SP2 (v.275), Windows Vista Business SP0, Windows Vista Ultimate SP1, Windows Vista Ultimate SP0, Windows Server 2003 Enterprise, Windows XP, Windows XP SP1, Windows XP SP2, Windows XP SP3 e Windows 7.
Using Kon-Boot - Method type 1 - Logging In Without A Pass (LIWaP)
Typical usage scenario:
LIWaP usage scenario:
1. Boot with Kon-boot CD or Floppy
2. When Linux is fully booted go to the console mode
3. Type 'kon-usr' as login, if it works you should be now in the system
4. !Remember! to restore the system when you are leaving, you can do this by typing 'kon-fix' as login again.
Sample console output:
Ubuntu 8.04 torpeda tty1
torpeda login: kon-usr
# id
uid=0(root) gid=0(root)
# whoami
root
Logging problem?
torpeda login: kon-usr
/bin/sh: Can't open kon-usr
FIX: type 'kon-fix' as login
Download Kon-Boot: http://www.piotrbania.com/all/kon-boot/

UNetBootIn
UNetbootin allows you to create bootable Live USB drives for a variety of Linux distributions from Windows or Linux, without requiring you to burn a CD. You can either let it download one of the many distributions supported out-of-the-box for you, or supply your own Linux .iso file if you've already downloaded one or your preferred distribution isn't on the list.
Website:
http://unetbootin.sourceforge.net/
Requirements
* Microsoft Windows 2000/XP/Vista/7, or Linux. If you are having trouble with the Linux version, try the Windows version, it usually works better.
* A broadband internet connection to download the distribution's .iso file (unless you're using pre-downloaded files)
Features
UNetbootin can create a bootable Live USB drive, or it can make a "frugal install" on your local hard disk if you don't have a USB drive. It can load distributions by automatically downloading their ISO (CD image) files, or by using existing ISO files, floppy/hard disk images, or kernel/initrd files, for installing other distributions.
The current version has built-in support for automatically downloading and loading the following distributions, though installing other distributions is also supported:
* Ubuntu (from 6.01)
* Debian
* Linux Mint (from 3.1)
* openSUSE (from 10.2)
* Arch Linux
* Damn Small Linux (from 4.4)
* SliTaz
* Puppy Linux (from 4.00)
* gNewSense
* FreeBSD (from 6.3)
* NetBSD (from 4.0)
* Fedora (from 7)
* PCLinuxOS
* Sabayon Linux (from 4-LiteMCE)
* Gentoo
* MEPIS
* Zenwalk
* Slax
* Dreamlinux
* Elive
* CentOS
* Mandriva
* FaunOS
* Frugalware Linux
* xPUD
UNetbootin can also be used to load various system utilities, including:
* Parted Magic (http://partedmagic.com/), a partition manager that can resize, repair, backup, and restore partitions.
* SystemRescueCD (http://www.sysresccd.org/), a system repair, backup and recovery tool.
* Super Grub Disk (http://www.supergrubdisk.org/), a boot utility that can restore and repair overwritten and misconfigured GRUB installs or directly boot various operating systems
* Dr.Web Antivirus (http://www.freedrweb.com/livecd/), F-Secure Rescue CD (http://www.f-secure.com/linux-weblog), and Kaspersky Rescue Disk (http://devbuilds.kaspersky-labs.com/devbuilds/RescueDisk/), which remove malware from Windows installs.
* Backtrack (http://www.remote-exploit.org/backtrack.html), a utility used for network analysis and penetration testing.
* Ophcrack (http://ophcrack.sourceforge.net/), a utility which can recover Windows passwords.
* NTPasswd (http://home.eunet.no/pnordahl/ntpasswd/), a utility which can reset Windows passwords and edit the registry.
* Gujin (http://gujin.sourceforge.net/), a graphical bootloader that can also be used to boot various operating systems and media.
* Smart Boot Manager (SBM) (http://sourceforge.net/projects/btmgr/), which can boot off CD-ROM and floppy drives on computers with a faulty BIOS.
* FreeDOS (http://www.freedos.org/), which can run BIOS flash and other legacy DOS utilities.
» See List of distributions for which UNetbootin has built-in support (http://sourceforge.net/apps/trac/unetbootin/wiki/builtin-distributions)
» See List of all distributions known to work with UNetbootin (http://sourceforge.net/apps/trac/unetbootin/wiki/supported-distributions)
» See List of Custom UNetbootin Versions and Plugins (http://sourceforge.net/apps/trac/unetbootin/wiki/listcustomversion)
» See Using a UNetbootin Plugin (http://sourceforge.net/apps/trac/unetbootin/wiki/useplugin)

Vi command
Screen-oriented (visual) display editor based on ex.
Syntax
vi [ -| -s ] [-l] [-L] [-R] [ -r [ filename ] ] [-S] [-t tag] [-v] [-V] [-x] [-w] [-n ] [-C] [+command | -c command ] filename

- | -sSuppress all interactive user feedback. This is useful when processing editor scripts.
-lSet up for editing LISP programs.
-LList the name of all files saved as the result of an editor or system crash.
-RReadonly mode; the readonly flag is set, preventing accidental overwriting of the file.
-r filenameEdit filename after an editor or system crash. (Recovers the version of filename that was in the buffer when the crash occurred.)
-SThis option is used in conjunction with the -t tag option to tell vi that the tags file may not be sorted and that, if the binary search (which relies on a sorted tags file) for tag fails to
find it, the much slower linear search should also be done. Since the linear search is slow, users of large tags files should ensure that the tags files are sorted rather than use this flag. Creation of tags files normally produces sorted tags files. See ctags for more information on tags files.
-t tagEdit the file containing the tag, tag, and position the editor at its definition.
-vStart up in display editing state using vi . You can achieve the same effect by simply typing the vi command itself.
-VVerbose. When ex commands are read by means of  standard input, the input will be echoed to standard error. This may be useful when processing ex commands within shell scripts.
-xEncryption option; when used, vi simulates the X command of ex and prompts the user for a key. This key is used to encrypt and decrypt text using the algorithm of the crypt command. The X command makes an educated guess to determine whether text read in is encrypted or not. The temporary buffer file is encrypted also, using a transformed version of the key typed in for the -x option. If an empty encryption key is entered (that is, if the return key is pressed right after the prompt), the file will not be encrypted. This is a good way to decrypt a file erroneously encrypted with a mistyped encryption key, such as a backspace or undo key.
-wnSet the default window size to n. This is useful when using the editor over a slow speed line.
-CEncryption option; same as the -x option, except that vi simulates the C command of ex . The C command is like the X command of ex , except that all text read in is assumed to have been encrypted.
+command | -c command Begin editing by executing the specified editor
command (usually a search or positioning command).
filenameThe file to be edited.

User command

Arrow keysMove cursor
hjklSame as arrow keys
itextESCInsert text
cwnewESCChange word to new
easESCpluralize word (end of word; append s; escape from input state)
xdelete a character
dwdelete a word
dddelete a line
3dddeletes 3 lines
uundo previous change
ZZexit vi , saving changes
:q!CRquit, discarding changes
/textCRsearch for text
^U ^Dscroll up or down
:cmdCRany ex or ed command
ESCend insert or incomplete command
DEL(delete or rubout) interrupts
:wCRwrite back changes
:w!CRforced write, if permission originally not valid
:qCRquit
:q!CRquit, discard changes
:e nameCRedit file name
:e!CRreedit, discard changes
:e + nameCRedit, starting at end
:e +nCRedit, starting at line n
:e #CRedit alternate file
:e! #CRedit alternate file, discard changes
:w nameCRwrite file name
:w! nameCRoverwrite file name
:shCRrun shell, then return
:!cmdCRrun cmd, then return
:nCRedit next file in arglist
:n argsCRspecify new arglist
^Gshow current file and line
:ta tagCRposition cursor to tag
Fforward screen
^Bbackward screen
^Dscroll down half screen
^Uscroll up half screen
nGgo to the beginning of the specified line (end default), where n is a line number
/patnext line matching pat
?patprevious line matching pat
nrepeat last / or ? command
Nreverse last / or ? command
/pat/+nnth line after pat
?pat?-nnth line before pat
]]next section/function
[[previous section/function
(beginning of sentence
)end of sentence
{beginning of paragraph
}end of paragraph
%find matching ( ) or { }
^Lclear and redraw window
^Rclear and redraw window if ^L is -> key
zCRredraw screen with current line at top of window
z-CRredraw screen with current line at bottom of window
z.CRredraw screen with current line at center of window
/pat/z-CRmove pat line to bottom of window
zn.CRuse n-line window
^Escroll window down one line
^Yscroll window up one line
``move cursor to previous context
''move cursor to first non-white space in line
mxmark current position with the ASCII lower-case letter x
`xmove cursor to mark x
'xmove cursor to first non-white space in line marked by x
Htop line on screen
Llast line on screen
Mmiddle line on screen
+next line, at first non-white space character
-previous line, at first non-white space character
CRreturn, same as +
down-arrow or j next line, same column
up-arrow or kprevious line, same column
^first non-white space character
0beginning of line
$end of line
l or ->forward
h or <-backward
^Hsame as <- (backspace)
spacesame as -> (space bar)
fxfind next x
Fxfind next x
txmove to character following the next x
Txmove to character following the previous x
;repeat last f, F, t, or T
,repeat inverse of last f, F, t, or T
n|move to column n
%find matching ( ) or { }
wforward a word
bback a word
eend of word
)to next sentence
}to next paragraph
(back a sentence
{back a paragraph
Wforward a blank-delimited word
Bback a blank-delimited word
Eend of a blank-delimited word
^Herase last character (backspace)
^Werase last word
eraseyour erase character, same as ^H (backspace)
killyour kill character, erase this line of input
\quotes your erase and kill characters
ESCends insertion, back to command mode
CTRL-Cinterrupt, suspends insert mode
^Dbacktab one character; reset left margin of autoindent
^^Dcaret (^) followed by control-d (^D); backtab to beginning of line; do not reset left margin of autoindent
0^Dbacktab to beginning of line; reset left margin of autoindent
^Vquote non-printable character
aappend after cursor
Aappend at end of line
iinsert before cursor
Iinsert before first non-blank
oopen line below
Oopen line above
rxreplace single character with x
RtextESCreplace characters
ddelete
cchange
yyank lines to buffer
>left shift
<right shift
!filter through command
Cchange rest of line (c$)
Ddelete rest of line (d$)
ssubstitute characters (cl)
Ssubstitute lines (cc)
Jjoin lines
xdelete characters (dl)
Xdelete characters before cursor dh)
Yyank lines (yy)
3yyyank 3 lines
3ylyank 3 characters
pput back text after cursor
Pput back text before cursor " .nr )I xp"n
put from buffer x " .nr )I xy"n
yank to buffer x " .nr )I xd"n
delete into buffer x
uundo last change
Urestore current line
.repeat last change " .nr )I dp"n
retrieve d'th last delete

Examples
vi myfile.txt
Edits the file myfile.txt.
:q!
Typing the above command would exit the vi edit done with the above command.

Ubuntu 9.04 da USB usando Windows – Ecco come fare
Cosa c’è di più bello di far partire il proprio sistema operativo da una semplice chiavetta USB? Far partire il proprio sistema operativo aggiornato alla ultima versione da una semplice chiavetta USB. E perché non farlo proprio con Ubuntu, la mitica distribuzione linux della Canonical?
Ebbene, ecco la guida passo passo per installarlo su USB utilizzando windows.
ATTENZIONE : Per l’istallazione è necessaria una chiavetta da almeno 2 GB.
Per prima cosa scaricatevi il live cd dal sito ufficiale e QUESTO (http://www.pendrivelinux.com/usb-ubuntu-904-persistent-install-windows/) programma da pendrivelinux. Una volta estratto il programma spostare nella sua cartella il file .iso del sistema.
A questo punto fate partire ...

Fedora: Sistema operativo su chiavetta Usb
Direttamente da Linux arriva Fedora, si tratta di un sistema operativo semplice e ottimo per esser installato su una chiavetta USB.
Per chi non conosce bene Fedora, è disponibile un Tool gratuito: Fedora Live USB Creator, che installa in pochi secondi su la chiavetta usb, una versione di Feodora
http://it.wikipedia.org/wiki/Fedora_Live_USB_creator
https://fedorahosted.org/liveusb-creator/
http://www.italiasw.com/tips/fedora-live-usb-creator-per-installare-fedora-sulla-chiave-usb.html
E’ veramente un’applicazione molto semplice e basilare, in automatico rileva le periferiche che si possono usare per l’installazione del sistema operativo.
Attualmente, Fedora funziona con Linux ...

Rimuovere pacchetti non installati
Lanciare il comando
sudo apt-get autoclean

Rimuovere intere directory anche se piene
rm -r -f cartella
rm -rf directory

Sincronizzare il PDA anche sotto Linux
Può avvenire con il programma SynCE (http://www.synce.org/moin/), la versione Linux di ActiveSync, che accoppiato a Kontact (http://www.kontact.org) permette di avere sul palmare e sul pc le stesse informazioni, sincronizzando impegni, attività, contatti e molti altri dati, come avviene con Outlook.

Perchè non installare Ubuntu su una chiavetta USB?
Abbiamo parlato dell’uscita di Intrepid Ibex abbiamo nominato una feature di alcune distro di Linux che personalmente adoro Ghigno Ghigno tantissimo, e che ora è disponibile anche su Ubuntu: l’installazione su drive USB.Installare il proprio sistema operativo su una chiavetta aggiunge ai vantaggi del LiveCD anche quello vitale della cosiddetta Persistenza, ovverosia la capacità di salvare i propri dati sul drive flash ottenendo una portabilità totale. Del resto, una chiavetta USB è al giorno d’oggi microscopica e molto più robusta di un CD (e anche di un netbook, ovvio :D), ed ha una dimensione adeguata a supportare perfettamente la nostra vita lavorativa e “navigatoria”. A meno che non dobbiate trascinarvi dietro giganteschi quantitativi di dati, piazzare una delle tante declinazioni di Ubuntu su un piccolo drive è un piccolo sogno diventato realtà, specie oggi, dato che quasi tutti i computer supportano il boot da USB.
Come si fa
E’ facilissimo. E’ sufficiente:
Disporre di Ubuntu (o Xubuntu, o Kubuntu… beh, mi avete capito) su un LiveCD, oppure della relativa immagine .iso.
Se siete sulla versione 8.04 di Ubuntu dovrete installare usb-creator, mentre sulla 8.10 è già presente.
Su Ubuntu dovrete andare su Applicazioni>Sistema, mentre sulle distribuzioni che non usano GNOME il percorso è un po’ diverso, ma sono sicuro non sarà un problema trovare il menu Create a USB startup disk.
Dopo aver cliccato su quell’opzione, inserite la vostra chiavetta USB.
Inserite il LiveCD di Ubuntu, oppure semplicemente selezionate la relativa immagine .iso
Attivate la Persistenza (sempre se volete), configurando l’installazione di Ubuntu in modo che salvi i vostri nuovi dati nello spazio libero. Non cancellerà i file già presenti, quindi dovrete eliminarli voi se volete più spazio per i vostri file!
Tutto qui. Certo, purtroppo il grosso limite di questo procedimento è che dovete fare tutto all’interno di Ubuntu, magari anche solo in un boot da LiveCD. In ogni caso stanno venendo preparate delle varianti di usb-creator per Windows e OS X, e a quel punto non sarà necessario vedere Ubuntu sino al suo primo avvio da USB ;).

EasyUbuntu
EasyUbuntu viene usato per installare programmi e codec più comuni che non vengono installati direttamente su Ubuntu,Kubuntu,UbuntuStudio,Xbuntu,EdUbuntu..
I programmi vengono installati in un clic e in maniera semplice ed efficace.
Homepage: http://easyubuntu.freecontrib.org/
PROGRAMMI che vengono Installati con Easy Ubuntu
Multimedia
* Enhance video player: Install a better multimedia motor (totem-xine replace totem-gstreamer)
* Free Codecs: Add Support for playing mp3 and other non-free formats
* Binary Codecs: Add support for proprietary video and audio formats (w32codecs) (only x86)
* libdvdcss: Read commercial and encrypted DVDs
* MIDI: Add support for playing midi files
Web
* Flash: Enable the Macromedia Flash plugin (only x86)
* Java: Enable the Java plugin (Sun Java for x86, amd64) (IBM java for ppc)
* Videos: Enable viewing videos embedded in webpages
Archives
* RAR: extract and create RAR archives
* ACE: extract ACE archives
* 7-Zip: Extract 7-Zip archives
System
* Repository list: Main, Universe, Multiverse and PLF (replace your previous sources.list)
* Fonts: Install Microsoft and other nice fonts
* DMA: Enable Direct Memory Access to improve DVD reading
* Nvidia: install the official driver to enable 3D on Nvidia graphics cards
* ATI: install the official driver to enable 3D on ATI graphics cards
Voice Over IP
* Wengo: a free Voice Over IP software (available in dapper)
* Skype: the most popular VoIP software (only x86)
DOWNLOAD , UTILIZZO e INSTALLAZIONE
Per avviare Easy Ubuntu bisogna innanzitutto installare Ubuntu..
Dopo averlo installato e avviato aprire una console del terminale
e all'interno digitare questi comandi :
Codice:
wget http://easyubuntu.freecontrib.org/files/ea...tu-3.022.tar.gz
tar -zxf easyubuntu-3.022.tar.gz
cd easyubuntu
sudo python easyubuntu.in
scegliendo quali software installare.
Aggiornamento IMPORTANTE :
Dei BUGS di EasyUbuntu relativi all'installazione del Flash e Java su Kubuntu sono stati corretti..

Permessi su file e cartelle
Con sistemi operativi *nix è possibile stabile i permessi a singoli file e/o directory.
I permessi possono essere applicati a tre livelli distinti:
* utente proprietario
* gruppo proprietario
* il resto degli utenti
Eseguendo questo comando ls -l /etc/passwd avremo come output le informazioni sul file:
-rw-r--r-- 1 root root 45333 Dec 15 20:40 /etc/passwd
* attributi (il primo carattere a sinistra);
* permessi (i successivi 9 caratteri, raggruppati per 3, indicano rispettivamente i permessi per l'utente proprietario, per il gruppo, e per gli altri utenti;
* numero di file con lo stesso inode (in questo caso 1);
* nome dell'utente proprietario (owner) (in questo caso root);
* nome del gruppo (in questo caso root);
* dimensioni in byte del file (in questo caso 45333);
* data dell'ultima modifica (15 Dicembre dell'anno in corso alle 20:40);
* nome del file ( /etc/passwd ).
I permessi di azione vengoni identificati nel seguente modo:
lettura definito dal flag r che tradotto in numero assume il valore 4
scrittuta definito dal flag w che tradotto in numero assume il valore 2
esecuzione definito dal flag x che tradotto in numero assume il valore 1
Il comando per cambiare i permessi ad un file è:
chmod [options] mode nomefile
dove options è come al solito una delle numerose opzioni.
mode è il modo che si vuole assegnare al file.
nomefile è il file su cui si va ad operare.
Ad esempio: chmod 755 mioscript
imposta i seguenti permessi per il file mioscript:
rwxr-xr-x
7 5 5
ovvero per il proprietario permesso in lettura, scrittura, esecuzione, per il gruppo permesso in lettura, esecuzione, e per gli altri permesso in lettura, esecuzione.
Oppure
chmod 640 questodoc
cambiano come segue i permessi del file questodoc:
rw-r-----
6 4 0
ovvero permesso in lettura e scrittura per il proprietario, permesso di sola lettura per il gruppo e nessun accesso per gli altri.
I permessi di un file possono essere cambiati anche in maniera relativa, ad esempio:
chmod g+w nomefile
fa sì che venga impostato il permesso in scrittura per il gruppo al file nomefile.
===============================
Gestire files, cartelle, permessi su Linux
In tutti i sistemi *nix (Unix, Linux) esiste l'utente "root", che è l'amministratore del sistema, colui che può fare qualsiasi attività sul pc, compreso cancellare files importanti e modificare partizioni.
Alla fine della vostra installazione di ubuntu avete così due utenti: quello che avete impostato voi durante l'installazione e questo utente "root".
Tradizionalmente in Linux per fare tutte le operazioni importanti si effettua il login come utente "root". Su ubuntu questo utente è stato di default disabilitato dal login e non ha password.
Sicchè, gli utenti con i superpoteri sono quelli che fanno parte del gruppo "admin".
Questi utenti "admin" (che può anche essere uno solo, non per forza tanti utenti), quando devono fare operazioni pericolose, devono fare precedere tali comandi da "sudo" (verrà richiederà la password).
Se fate un utente nuovo, dall'apposito pannellino in "Sistema --> Amministrazione --> Utenti e gruppi", potete dare anche a lui la possibilità di usare "sudo", barrando la casellina che gli assegna i privilegi di amministratore.
L'assegnazione ad un gruppo, come "admin" si può fare anche da riga di comando con:
adduser nome_utente admin
Perchè è importante che lo sappiate fare anche da riga di comando oltre che da pannello? Risposta: Perchè questo potrebbe salvarvi..Fidatevi.
Detto questo, altra questione importante su Linux, è che ogni file ha assegnati dei "permessi".
Ogni file in Linux ha tre parametri di "permessi":
* Utente proprietario (owner) del file
* Gruppo del proprietario
* Altri utenti
Per ogni parametro (ricordiamolo, sono tre), va impostato uno di questi valori:

0 = Nessun permesso -
1 = Esecuzione (x)
2 = Scrittura (w)
3 = Esecuzione + Scrittura (xw)
4 = Lettura (r)
5 = Lettura + Esecuzione (rx , è la somma dei valori 1+4)
6 = Lettura + Scrittura (rw, 2+4)
7 = Lettura + Scrittura + Esecuzione (rwx, 1+2+4)
Per cambiare il permesso ad un file (o ad una cartella) si usa il comando chmod, esempi:
chmod 777 -R cartella In questo modo abbiamo impostato il permesso di lettura scrittura ed esecuzione ( 4+2+1 = 7 ) rispettivamente per proprietario, gruppo e utenti.

La -R serve per applicare i permessi anche su tutte le sottocartelle e i files all'interno.
chmod 644 cicciolettura e scrittura ( 4+2 = 6 ) per il proprietario e solo lettura ( 4 ) per gruppo e utenti. Equivalente a chmod u+w file
chmod 400 fileSe vogliamo che possa accedere a un file in lettura solo il proprietario (passare quindi da -r--r--r-- a -r--------). Equivalente a chmod go-r file
chmod 755 cartella Così assegni permessi di lettura scrittura esecuzione al proprietario, lettura esecuzione al gruppo,lettura esecuzione agli altri.
Per sapere i permessi dei file in una cartella, usando la shell piazzatevi dentro una cartella (usate il comando "cd" per muovervi fra le cartelle), e date il comando:
ls -l
Verranno elencati i file presenti nella cartella, ogni riga avrà un aspetto simile a questo:
drwxr-xr-x 5 root root 4096 2007-01-05 18:08 home
Come potete vedere, quella è la riga della cartella "home", la prima colonna è quella che ci interessa per sapere i permessi.
Il primo carattere (d) indica l'attributo, ("d" vuole dire directory), saltatelo.
I successivi nove caratteri sono i permessi, vanno letti a 3 a 3, ovvero: (rwx) (r-x) (r-x) quindi, in questo caso, è come dire "755" (proprietario, gruppo, altri).
La terza colonna e la quarta (root e root) indicano rispettivamente il "proprietario" e il "gruppo" del file.
Altri comandi utili ed importanti per file e cartelle:
cd Il comando cd serve a spostarsi tra le directory.

Ad esempio, facendo "cd /etc" ci si sposta nella directory "etc". "cd .." : serve invece a spostarsi nella cartella superione a quella in cui vi trovate.
df -h Visualizza lo spazio libero rimasto nelle partizioni. Oppure nel pannello "applicazioni-->accessori" di GNOME c'è un analizzatore dello spazio occupato.
du -s /home Restituisce la dimensione totale complessiva di una cartella, in questo caso la cartella "home".
freeMemoria di sistema libera
sudo gedit /etc/fstabVi mostra il file in cui vengono indicati i filesystem utilizzati e le directory ad essi associate.
gksudo
kdesu
Vedi "su" e "sudo". Se dovete avviare applicazioni grafiche con i privilegi di root (cioè dell'amministratore del sistema), se usate "sudo" potreste avere qualche problema. Usare invece gksudo per applicazioni Gnome e kdesu per quelle KDE in modo che carichi come root anche le librerie grafiche che servono a quei programmi. Utilizzo tipico: "gksudo nautilus". Facendo così si possono creare e modificare file in cartelle protette senza usare la shell.
ls -a ls serve per elencare il contenuto di una directory. L'opzione -a serve a vedere anche i file nascosti
mvIl comando mv serve per spostare, o rinominare, file e directory.
rm -r nomecartellaRimuove la cartella con il suo contenuto. Il comando rm viene usato anche per cancellare files.
mkdir nomecartellaCrea una nuova cartella
supassare ad utente di root. Se la password non va reimpostala con "sudo passwd root"
sudosudo (SUperuser DO) è un programma che consente di eseguire dei comandi con i privilegi di amministratore (sempre che vi sia abilitato). Facendo su si diventa a tutti gli effetti root. sudo invece assume i privilegi di root solo per un tempo limitato (15 minuti, di base).
whichMostra il percorso completo di un file
Un'ultima cosa: un file o una cartella, per essere resa invisibile, bisogna semplicemente rinominarla con un puntino davanti. Ad esempio la cartella "prova", invisibile sarà ".prova".
In Windows, e quindi nei file systems FAT e NTFS, esiste un attributo "h" per rendere il file "invisibile". Qui su linux (file systems ext2, ext3 ecc..), non fuziona l'attributo "h" dal momento che per rendere invisibile file o cartelle si usa il sistema "puntino".
Il sistema dei permessi impostati mediante chmod NON funziona nei file system NTFS (quindi Windows), dove tutti i file sono di norma leggibili ed eseguibili da tutti.

File System per Linux a confronto

File System Ext2 Ext3 ReiserFS Reiser4 JFS XFS
Max dimensione partizione 16 TByte (terabyte = 1000 gigabyte 16 TByte 16 TByte non conosciuto 32 PByte (petabyte = 1024 Terabyte) 9EByte (eptabyte (1024 petabyte)
Max. dimensione file 2 TByte 2 TByte 8 TByte 8 TByte 4 PByte 9 EByte
Max. lungh nome file 255 byte 255 byte 255 byte non conosciuto 255 byte 255 byte
Max lungh. percorsi nessun limite nessun limite nessun limite nessun limite nessun limite nessun limite
Dim. blocchi 1024/2048/4096 1024/2048/4096 512/1024/2048/4096 4096 512/1024/2048/4096 512/1024/2048/4096
Funzionalità
Ridim. partizione no no solo maggiore solo maggiore no solo maggiore
Journaling compl. no no no
Journaling metadati no no
Protocollo modifiche no no no no no
Rispetto maiusc/min.
Mantiene maiusc/min.
Hardlink
Softlink
Estensioni no no no
Tail Packing no no no no no
Metadati
Proprietario file
Attributo Posix
TimeStamp creazione no no no no no
TimeStamp modifica
TimeStamp accesso
Access Control List no

Ubuntu Linux: installazione e primo utilizzo
Ubuntu è una distribuzione Linux nata nel 2004 con l'obiettivo di rispondere in modo efficace alle esigenze di semplicità della maggior parte degli utenti. Basata su Debian, Ubuntu fa derivare il suo nome da un'espressione africana che si ricollega al concetto di "umanità".
L'ultima versione di Ubuntu è prelevabile sotto forma di "LiveCD" da questa pagina.
Si tratta di un'immagine in formato .ISO che deve essere masterizzata su supporto CD ROM o DVD ROM mediante software, ad esempio, quali Nero o CDBurnerXP Pro.
Una volta masterizzato il supporto CD di Ubuntu, lasciandolo inserito nell'unità CD ROM all'avvio del personal computer, si accederà immediatamente ad un primo menù di scelta (è necessario comunque verificare che nella configurazione BIOS della propria macchina sia impostata, come prima periferica di boot proprio l'unità CD ROM).
Il menù che compare a video ricorda quello che compare premendo il tasto F8 all'avvio di Windows: da qui è possibile decidere se avviare Ubuntu Linux in modalità "LiveCD" oppure se installarlo sul sistema ("Start or install Ubuntu") o se effettuare operazioni di manutenzione.
Dopo aver avviato Ubuntu selezionando la voce "Start or install Ubuntu", quindi cliccando sull'icona "Install" si avvia l'installazione vera e propria del sistema operativo sul disco fisso (assicurarsi di selezionare la lingua italiana nella successiva finestra e premere il pulsante "Forward").
Le informazioni richieste nei passi successivi riguardano il fuso orario, il layout di tastiera, il nome dell'utente, il nome da utilizzare per la procedura di login, una password di protezione per il proprio account, il nome da assegnare al computer.
Le opzioni proposte nella finestra seguente sono quelle che richiedono maggior attenzione e massima cautela.
In questa fase, infatti, l'utente deve scegliere dove installare Ubuntu. La finestra visualizza opzioni differenti a seconda della specifica configurazione dei dischi fissi collegati e delle partizioni eventualmente in essi presenti.
Se si sta installando Ubuntu Linux su un nuovo personal computer oppure su un sistema contenente dati che non si vogliono conservare (e che quindi verranno irrimediabilmente perduti), è sufficiente optare per "Cancellare l'intero disco...".
Se, invece, si intende installare Ubuntu su un sistema che già ospita Microsoft Windows e sul disco fisso non sia disponibile spazio "non allocato" ossia non ancora assegnato ad alcuna partizione, è necessario scegliere l'opzione che consente il ridimensionamento delle partizioni già presenti.
L'opzione che prevede il ridimensionamento delle partizioni compare solo nel caso in cui si stia tentando di installare Ubuntu su un sistema x86 o a 64 bit sul quale sia già installato Windows.
Qualora sul proprio sistema siano installati più dischi fissi, questi verranno elencati nella stessa finestra della procedura d'installazione di Ubuntu: si scelga il primo disco fisso che non contenga dati da conservare ed il cui contenuto, quindi, possa essere tranquillamente sovrascritto. Si dovrà quindi porre massima attenzione al disco fisso che si sceglie in modo da evitare perdite di dati.
Prossimamente vedremo come installare Ubuntu sul sistema in configurazione "dual-boot". Suggeriamo, intanto, di effettuare test su personal computer non utilizzati per scopi produttivi oppure utilizzando un software per la virtualizzazione. Un'idea potrebbe essere quella di virtualizzare Ubuntu, ad esempio, con VMware Player  oppure con l'opensource VirtualBox (ved. questa pagina).
La finestra successiva fa un sunto delle scelte precedentemente operate: cliccando sul pulsante "Install" in basso a destra, si avvia il setup vero e proprio.
Al termine dell'installazione, Ubuntu richiede se si desideri riavviare il sistema ("Riavvia ora") oppure se continuare ad utilizzare il sistema operativo in modalità "LiveCD". E' possibile optare per questa seconda scelta nel caso in cui, ad esempio, si desideri salvare dei file precedentemente creati durante l'utilizzo di Ubuntu Linux nella modalità di test offerta da "LiveCD".
Dopo aver estratto il CD d'installazione ("LiveCD") di Ubuntu dall'unità CD ROM e riavviato il sistema, ci si troverà subito dinanzi alla finestra di login del sistema operativo (utilizzare nome utente e password indicati in fase di setup).
Diamo una prima occhiata al desktop di Ubuntu.
E' possibile che il sistema operativo comunichi la presenza di aggiornamenti: cliccando sull'apposita icona di notifica (posta nella barra in alto), è possibile decidere se scaricarli ed installarli subito. Gli aggiornamenti più pesanti, com'è facile verificare scorrendo la lista che viene proposta, riguardano il kernel Linux, GNOME desktop e le applicazioni installate come OpenOffice (è quindi consigliato servirsi di una connessione a banda larga).
Dopo aver cliccato sul pulsante "Installa aggiornamenti", Ubuntu chiede di reinserire nuovamente la propria password amministrativa in modo da confermare la volontà di eseguire l'operazione.
Come interfaccia desktop Ubuntu usa GNOME (sebbene esista anche una versione del sistema operativo dedicata agli amanti di KDE): per chi arriva da Windows, il desktop di Ubuntu mette subito a proprio agio. Attraverso la barra posizionata nella parte superiore dello schermo, è possibile lanciare le varie applicazioni già installate, accedere alle risorse del sistema, intervenire sulle impostazioni di configurazione. Una sorta di "barra di avvio veloce" consente di lanciare con un clic i programmi utilizzati più frequentemente.
I pulsanti in basso a destra ("Passa da un'area di lavoro ad un'altra") consentono di lavorare con i "workspace". L'utente, in sostanza, ha l'opportunità di lavorare contemporaneamente su più desktop organizzando il proprio lavoro e migliorando la produttività.
Facciamo prima di tutto un sommario delle cartelle utilizzate in tutte le distribuzioni Linux e quindi comuni anche ad Ubuntu:
- /bin cartella che contiene le applicazioni di base ("core applications") utilizzate da Linux
- /dev cartella che ospita speciali file indispensabili per accedere alle varie periferiche collegate
- /etc conserva file riferibili alla configurazione del sistema, l'elenco delle applicazioni eseguite in fase di boot e file relativi alle impostazioni di molti programmi di sistema
- /lib cartella nella quale sono presenti librerie richiamabili da altre applicazioni
- /proc in questa cartella Linux tiene traccia dei processi in esecuzioni così come delle informazioni ad essi collegate e dei dati relativi allo stato del sistema
- /sbin contiene applicazioni eseguibili da parte del "superuser"
- /sys qui viene tenuta traccia dello stato dell'hardware e delle varie interfacce in uso
- /tmp la cartella che contiene file temporanei generati dalle applicazioni utilizzate
- /home cartella all'interno della quale sono generalmente memorizzati i "profili" dei vari account utente
- /usr contiene file che possono essere eseguiti da un'utente normale (ospita le sottocartelle "/bin", "/lib")
- /var ha in sé una serie di cartelle che possono contenere contenuti variabili quali, ad esempio, i log di sistema.

Come posso settare l'orologio di sistema con quello del CNR?
Basta in "/etc/ppp/ip-up" inserire questa riga: rdate -sp tempo.cstv.to.cnr.it ; hwclock --systohc &

Installazione Linux
Per installare Linux su un PC si dovranno creare almeno altre due partizioni: una in cui verrà installato Linux e l'altra che sarà utilizzata come memoria virtuale (partizione di swap).
Corrispondenze tra DOS e Linux
DISCHI IDE DISCHI SCSI DENOMINAZIONE DOS
dev/hda dev/sda C:
dev/hdb dev/sdb D:
Creazione delle partizioni
Prima di procedere con l'installazione di una qualsiasi distribuzione si dovranno prima cancellare le partizioni esistenti sull'hard disk per poi procedere allla creazione di nuove. Gli hard disk sotto Linux vengono chiamati dev/hda, se si tratta di dischi IDE, oppure dev/sda:
Le partizioni possono essere create con fdisk (da non confondere assolutamente con fdisk del DOS), con cfdisk oppure con diskdruid. Sono tutti strumenti molto efficaci per la creazione delle partizioni, ma il migliore in assoluto continua a rimanere FDISK.
La prima partizione ad essere creata è quella LINUX NATIVE. Il nome verrà dato automaticamente da Linux, comunque questa partizione dovrà chiamarsi /dev/hda1 per dischi IDE oppure /dev/sda1 per dischi SCSI
Una volta creata la partizione primaria va creata la partizione di swap "Linux swap" adatta al proprio sistema. E' buona regola creare una partizione di swap, per computer con poca memoria, pari al doppio del quantitavo di RAM installata sul pc.
Quando si creano le partizioni solitamente viene chiesto anche se la partizione deve essere primaria o estesa, di solito si preferisce creare partizioni primarie anche se Linux può essere tranquillamente installato anche su una partizione estesa.
Una volta finito si devono salvare i cambiamenti per far si che l'installazione proceda con la vera e propria formattazione delle partizioni.
Esempio
Se abbiamo una scheda madre che consente di fare il boot da CdRom, entriamo nel bios e cambiamo tale opzione in modo tale che effettivamente il boot avvenga da tale unità.
Inseriamo il Cd di installazione e riavviamo il pc.
La prima cosa che verrà chiesta è se vogliamo eseguire l'installazione standard, expert mode o aggiornare il sistema. Supponendo che installiamo per la prima volta questo OS sceglieremo sicuramente l'installazione standard.
Partita l'installazione arriverà il momento del partizionamento dell'hard disk.
Supponiamo di volere una dimensione di 120 Mb per la partizione di swap e il resto del disco lo dedichiamo ad una partizione DOS e alla partizione linux native.
Utilizziamo fdisk. Scegliendo il pulsante EDITARE entreremo in linea di comando il cui prompt sarà:
Command (m for help):
E' da tenere presente che le operazioni che si fanno in questa fase saranno prive di effeto fino a quando non verrà dato l'effettivo comando di aggiornamento (w).

Come accedere ai floppy, cd-rom e alle altre partizioni
Per poter accedere a dati contenuti su una diversa partizione del proprio disco bisogna montare il filesystem in quello che in gergo si chiama mountpoint, che poi non è altro che una comune directory.
Per identificare Ie partizioni Linux usa degli speciali file situati nella directory /dev.
Digitando il comando: ls /dev/hd*
otterremo una lunga lista di file con nomi simili a hda1, hdb1.
Le lettere iniziali hd del nome del file è specifica dei dischi EIDE, la lettera successiva chiarisce a quale disco facciamo riferimento infine l'ultima cifra identifica la partizione.
Ai floppy fanno invece riferimento i file a partire da /dev/fd0.
Eseguendo il comando fdisk -l verrà visualizzata la lista la tabella delle partizioni di ogni disco presente sul pc.
Prima di tutto creiamo una directory che servirà come mount-point: di solito le directory adibite a questo compito si trovano in /mnt ma nulla vieta di crearla altrove.
Il comando mkdir /mnt/ibm crea una sottodirectory di nome ibm nella directory /mnt del disco.
Con il comando mount /dev/hda1 /mnt/ibm si monterà la partizione hda1 sotto la directory /mnt/ibm.
Per vedere tutto quella che c'è in questa partizione basterà digitare il comando ls -IAF /mnt/ibm
Per fare in modo di non dover digitare il comando mount, con le relative opzioni, ad ognio avvio del O.S. si può automatizzare tale operazione inserendo alcune righe di testo in alcuni file. Per fare ciò si può agire in tre modi:
1- inserendo la riga insmod vfat all'intemo del file /etc/rc.d/rc.local
2- editiamo il file /etc/modules.conf
3- Oppure ci si può affidare alle utility apposite sviluppate dalle vane distnibuzioni (COAS di OpenLinux 2.2, Lisa di OpenLinux 1.3, YaST di SuSE, Linuxconf di Red Hat).
Editandoo il file /etc/fstab verrà visualizzata una struttura del tipo:
Il primo campo di ogni riga è il nome del file di device che identificala partizione, il secondo è il mount-point il terzo è il nome del modulo che gestisce il filesystem. Seguono poi un numero variabile di opzioni e due numeri: il primo deve essere posto a 1 se si vuole che lo "scandisk" di Linux (fsck) controlli all'avvio la partizione, il secondo serve per dare un ordine nella sequenza di controllo di fsck: 1 per la directory "radice"
editiamo tale file inserendo nella prima colonna l'hard disk (o partizione) da montare, nel nostro caso /dev/hda1.
Nella seconda colonna inseriremo /mnt/ibm, nella terza il tipo di filesystem (vfat) defaults,user,noauto 00.
Se vogliamo che la partizione venga montata automaticamente a ogni avvio del sistema occorrerà cambiare l'opzione noauto con auto, così ogni volta che entreremo in Linux troveremo il disco Windows sotto la directory /mnt/ibm.

Comandi Ssh utili
Alcuni dei comandi piu' utilizzati sono semplici :

ls -l riporta l'elenco dei file e delle directory presenti nella directory in cui ci si trova. (una po' come la Dir del vecchio Dos)
cd permette di spostarsi all'interno di directory o all'esterno. Se per esempio digitiamo cd public_html entriamo nella directory public_html. Possiamo usare cd .. per tornare indietro di una directory.

rm serve per cancellare un file. rm -f nomefile forza la cancellazione del file senza la richiesta della conferma.

cd copia un file. cp source dest dove source è il nome del file (se si vuole si puo' usare la path del file) e dest è la destinazione del file. Per esempio cp test.jpg images copia il file test.jpg all'interno della directory images.

mv sposta un file. La struttura del comando è identica a quella di cp.

tar crea un archivio facilmente trasportabile. Questo archivio è comprimibile in modo da salvare spazio. Il comando deve essere seguito dai parametri che si desiderano usare :
c crea il file.
p preserva l'utente, il gruppo e i permessi del file. Utile se si sta usando il comando su programmi cgi o perl.
v visualizza l'elenco dei file su cui si sta lavorando.
z comprime l'archivio. La desinenza non sarà piu' .tar ma diventa .tgz
f permette di dare l'elenco dei file da comprimere.
x estrae i file da un archivio .tar o .tgz. Ovviamente se si usa x non si usa il comando c.
Esempio :
tar cvpzf file.tgz *
Crea un file compresso chiamato file.tgz comprendente tutti i file e le directory presenti nella directory da cui si lancia il programma.
tar xvpzf file.tgz
Ricrea tutti i file contenuti nell'archivio compresso file.tgz rispettando la proprietà e i permessi di ogni singolo file. Viene ricostruita anche la struttura originale delle directory.

chmod serve per modificare i permessi di un file o di una directory. Il chmod viene seguito da 3 cifre che definiscono i permessi, rispettivamente, per l'utente proprietario, il proprio gruppo e tutti gli altri. Vediamo i significati delle cifre :
7 Leggi/Scrivi/Esegui
6 Leggi/Scrivi
5 Leggi/Esegui
4 Leggi
3 Scrivi/Esegui
2 Scrivi
1 Esegui
0 Nessun privilegio
Quindi se vogliamo fare in modo che un file possa venire eseguito da una persona che si collega al sito (qualunque programma cgi in pratica) usiamo il comando chmod 755 file.cgi. 755 significa che l'utente proprietario puo' scriverlo/leggerlo/eseguirlo, mentre gli altri (gruppo e resto del mondo) possono solo leggerlo e eseguirlo. In questo modo un utente non potra' modificarlo ma potra' solo eseguirlo.
Se desideriamo che una directory sia scrivibile dal webserver (per esempio quando vogliamo che uno script php possa copiarci dentro i file caricati via web da un utente) dobbiamo mettere i permessi della directory a 777 (chmod 777 nomedir)

Gestione delle Directory
Questi sono alcuni dei comandi per la gestione delle directory:
* ls - elenca i file contenuti in una directory, cioè DIR
* cd - come in DOS serve a cambiare la directory corrente
* md - crea una sottodirectory, come MKDIR in DOS
* rd - rimuove una sottodirectory, come RMDIR in DOS
* cp - copia file o sottodirectory, come COPY in DOS
* mv - muove o rinomina una sottodirectory, come MOVE in DOS
* rm - rimuove file o sottodirectory, come DEL in DOS
* pwd - restituisce il nome della directory corrente
* du - dà indicazione sullo spazio usato dai file
* df - dà indicazione sullo spazio libero sui dischi

Ecco alcune delle wildcard usate nei comandi Linux che manipolano files o directory:
* ";" Permette di inserire più comandi in successione sulla stessa riga. Esempiople: ls /bin ; ls /sbin ; ls /tmp
* "&" Esegue un comando in background. Esempio: httpd &
* "|" pipe
* "#" commento
* "\" indica alla shell che il comando che si sta scrivendo continua alla riga successiva.
* "$" indica una variabile di sistema. Esempio: $PATH=/bin:/sbin
* "?" wildcard (un carattere qualsiasi ma solo in quella posizione) Esempio: /bin/c?t
* "*" wildcard (qualsiasi carattere tranne i file nascosti) Esempi: "ls gcc*" o "ls *.rpm" o "ls lib*.so.*"
* ".*" wildcard (come '*' ma include anche i file nascosti)
* "[]" wildcard (solo i caratteri specificati ed in quella posizione) Esempio: "ls [Cc]at", cerca per i files "Cat" e "cat"

Il comando "ls" ha la seguente sintassi: ls [opzioni][path_name]
Le opzioni principali sono:
# "-a" elenca tutti i file includendo sottodirectory e file nascosti
# "-d" mostra solo le directory
# "-k" mostra le dimensioni in kilobyte
# "-l" visualizza informazioni addizionali come le permission, le dimensioni e le date
# "-o" utilizza colori diversi per i file e le directory
# "-R" recurse subdirectory, come DIR /S in DOS
# "-S" ordina i file secondo le dimensioni
# "-t" ordina i file secondo la data di modifica
# "-X" ordina i file per estensione
Se il risultato del comando "ls" supera le dimensioni dello schermo, è possibile usare la sintassi (equivalente a DIR /P in DOS):" ls | more " per visualizzare il risultato una pagina alla volta.

Il comando cd funziona come in DOS, tranne che in Linux si hanno due possibilità di utilizzo particolari:
# "cd -" Annulla l'ultimo comando "cd" ritornando alla precedente directory !
# "cd ~" Posiziona la shell nella home directory dell'utente attuale.

Quale modem per Linux
All'indirizzo http://start.at/modem  si possono trovare trucchi e consigli d'installazione e una lista aggiornata dei modelli di modem supportati da Linux.

Completamento automatico del Path
Se la shell che state utilizzando è bash vi potrà tornare molto utile la feature del "completamento automatico del path" (Path Completion). In pratica mentre nella shell si sta digitando il nome di un percorso o di un file, la pressione del tasto [TAB] provoca il completamento automatico.
Se ciò non è possibile perchè il nome digidato corrisponde a più di una combinazione verrà emesso un segnale di beep dopodichè un'ulteriore pressione del tasto [TAB] provoca la visualizzazione di tutti i file che corrispondono alla stringa sinora digidata. Molto spesso l'autore utilizza questa feature per visualizzare il contenuto di una directory. Ad esempio se sto cercando di visualizzare un file di cui non ricordo il nome nella mia home directory.
Posso digitare: cat /home/agx e quindi premere due volte [TAB] per ottenere tutti i file della directory senza dover richiamare prima il comando ls. Posso poi digitare il nome del file desiderato senza dover riscrivere il comando 'cat'.

Permessi Utente
Lanciando il comando "ls -al" noterete che visualizza le directory ed i file in un formato esteso rispetto allo standard, questo include informazioni sulle permission e l'ownership.
Ecco come appare:
drwxr-xr-x 2 dosuser dos 256 Apr 28 15:40 ./
drwxr-xr-x 15 dosuser dos 928 Apr 28 14:50 ../
-rw-r--r-- 1 dosuser dos 20 Apr 28 16:05 .bash_history
-rw-r--r-- 1 dosuser dos 6993 Oct 5 16:01 _bhist
-rw-r--r-- 1 dosuser dos 1150 Apr 28 15:55 _blogin
-rw-r--r-- 1 dosuser dos 40 Dec 30 1996 _blogout
-rw-r--r-- 1 dosuser dos 1131 Dec 31 1996 _inputrc
-rwxr-xr-x 1 dosuser dos 220 Nov 8 1996 man2txt.sh*
Il primo campo sono le permission. Sono nella forma: 'drwxrwxrwx', quando uno di questi flag non è presente è indicato con '-'. Il flag 'r' indica che il file è leggibile. 'w' che è scrivibile ed 'x' che è eseguibile.
Il primo flag 'd' indica se il file è una directory. Diversamente '-' indica un file normale mentre 'l' signiifca che il file è un link ad un'altro file.
La prima serie di 'rwx' sono riferite alle permissione che ha l'owner' (il padrone) del file che è il nome indicato nella terza colonna (dosuser).
La seconda serie di 'rwx' sono le permission che ha il gruppo sul file. Il gruppo è indicato alla 4a colonna (dos).
La terza serie di 'rwx' sono le permission che hanno tutti gli altri utenti su quel file.
Un utente che crea un file con permission '-rw-------', sarà l'unico ad avere accesso a quel file.
E' da notare che le permission per la directory './' corrispondo alle permission che ha la directory corrente.
Ricordatevi anche che i file nascosti sono quelli che iniziano con un punto, e che per essere visualizzati bisogna usare l'opzione -a con il comando "ls".
Come vengono applicate le permission ?
Le permission assegnate ad un file dipendono innanzitutto dalle permission della directory dove è situato il file. Un file pubblico ("-rwxrwxrwx") non può essere visto da tutti se le permission della directory sono "-rwx------".
Un utente per accedere ad i file di una directory deve avere i permessi di [ lettura (r) ed ] esecuzione (x) su di essa e di lettura (r) ed esecuzione (x) sul file.

Comandi per la gestione dei file
Questi sono i comandi per la gestione dei file :
# cp - COPY
# rm - cancella un file, i.e. DEL
# rm -R - con l'opzione -R funziona come il comando DOS "DELTREE"
# mv - muove/rinomina un file
# cat - visualizza un file, come TYPE
# more - visualizza un file ma una pagina per volta
# less - come "more"
Il comando di copia, cp ha la seguente sintassi :
cp [options] [source_file] [target_file]
Le opzioni più usate sono:
"-i" chiede conferma prima di sovrascrivere un file
"-r" copia anche le sottocartelle (ricorsivamente)
"-a" si comporta allo stesso modo di XCOPY
"-f" sovrascrive file già esistenti senza chiedere conferma
Il comando di rimozione, rm ha la seguente sintassi:
rm [options] [list of file to delete]
Utili opzioni sono:
"-i" chiede conferma prima di cancellare un file
"-r" rimuove un'intera directory
"-R" rimuove una directory e tutte le sottocartelle
Il comando mv ha la seguente sintassi :
mv [options] [old_file_or_dir_name] [[new_directory_name]/[new_file_name]]
Il comando cat semplicemente visualizza tutti i file elencati sulla linea di comando, ed è per questo usato per "concatenare" diversi file, ad esempio: cat pippo pluto paperino > topolinia
L'opzione "-n" di cat è usata per numerare le righe mentre vengono visualizzate.
"more" e "less" visualizzano una pagina per volta il file specificato sulla riga di comando oppure inviato tramite pipe.
Esempi: cat pippo | more equivalente di more pippo
Utili tasti da tenere in mente sono:
[INVIO] per avanzare di una riga
[SPAZIO] per avanzare di una pagina
[p] per tornare indietro di una pagina
[q] per uscire dal programma.

Configurare apache con supporto PHP e MySQL

Per effettuare la configurazione, abbiamo bisogno dei seguenti pacchetti:

Una volta recuperati i seguenti pacchetti, dobbiamo controllare che non siano gia' installati, altrimenti dobbiamo disinstallarli, in quanto per integrare php con apache dobbiamo compilarli partendo dai sorgenti.

Una volta accertato quanto detto sopra, possiamo iniziare l'installazione seguendo i seguenti passi:

Passo 1

Creare nella /home una directory src:

cd /home

mkdir src

dopodiche' scompattiamo i pacchetti nella directory appena creata:

tar xzvf mysql-xxx.xxx.tar.gz

tar xzvf apache-x.x.x.tar-gz

tar xzvf phpx.xxx.tar.gz

Passo 2

Installiamo il database Mysql:

cd /home/src/mysql-xxx.xxx

./configure

make

make install

Passo 3

Installiamo il web server:

cd /home/src/apache-x.x.x

./configure --prefix=/home/httpd

 

Passo 4

Entriamo nella directory del php e digitiamo:

cd ../php4.0.1pl2

./configure --with-mysql --with-apache=../apache_x.x.x --enable-track-vars

dopodiche' procedere alla compilazione con un make, ed all' installazione con un make install.

Passo 5

Adesso installiamo apache:

cd ../apache_x.x.x

./configure --prefix=/home/httpd --activate-module=src/modules/php4/libphp4.a

con il prefix indichiamo all' apache dove installarsi, dopodichè compiliamo con un make ed installiamo con un make install

Passo 6

Adesso dobbiamo copiare il file di configurazione di esempio che troviamo nella directory del php in /usr/local/lib:

cd ../phpx.x

cp php.ini-dist /usr/local/lib/php.ini

Questo file dovra' essere in seguito modificato per adattarlo alle nostre esigenze, un operazione molto semplice.

Passo 7

Dobbiamo aggiungere nell' Apache il supporto php:

editiamo il file httpd.conf situato nalla directory /home/httpd/conf/httpd.conf aggiungendo la seguente linea:

AddType application/x-httpd-php .php in questo modo indichiamo al server di interpretare i file con estenzione .php applicazioni da passare all'interprete php.

Passo 8

facciamo partire il server apache con il comando:

/home/httpd/bin/apachectl start (ovviamente per fermarlo bastera' sostituire stop con start).

Passo 9

Adesso dobbiamo vedere se il supporto php è attivato, e quindi l' installazione sia avvenuta con successo.

creiamo una directory prove (chimatela come volete :-)) ) in /home/httpd/htdocs/ (la directory di root per l'Apache) e dategli i permessi con un chmod a+w nome dir creata, dopodichè copiate le seguenti righe in un file e salvatelo con estenzione .php:

Apriamo un browser e digitiamo:

http://127.0.0.1/nomedircreata/file.php (oppure al posto di 127.0.0.1--> localhost, o il nome che avete dato all' host locale) in modo da simulare una connessione al sever Apache.

Linux come un router (Vedi)

Installare Linux senza problemi
Come impostare il computer per usare Linux e Windows insieme. Consigli e trucchi per liberare lo spazio necessario per preparare le partizioni del disco
In questo articolo affrontiamo l'installazione di Linux, tema spinoso che ha sempre rappresentato il primo scoglio per tutti quelli che in passato si sono avvicinati al sistema operativo del pinguino senza avere una precedente esperienza con piattaforme diverse da Windows.
Oggi le cose sono molto più semplici, grazie alle moderne distribuzioni che offrono procedure di setup sempre più automatizzate e amichevoli, come SuSE Linux 8.1 Professional, che abbiamo scelto come sistema di riferimento per le sue ottime doti di stabilità e semplicità.
Fin dalle primissime fasi dell'installazione si nota l'enorme salto di qualità rispetto alle distribuzioni di qualche tempo fa: la scarna interfaccia a caratteri ha lasciato il posto a un setup completamente grafico, l'intero processo è automatico e non richiede particolari competenze tecniche né per la configurazione dell'hardware né per la definizione delle partizioni del disco.
Bisogna comunque seguire alcuni accorgimenti per evitare di perdere i propri dati e per completare con successo la doppia installazione di Linux e di Windows, in modo che i due sistemi coesistano sullo stesso computer per essere avviati alternativamente.
Vedremo quindi quali sono gli aspetti di cui tenere conto e vi proporremo qui di seguito le possibili alternative per portare a termine il setup.
Prepararsi all'installazione: liberare spazio

Prima di iniziare chiariamo subito che per installare SuSE Linux 8.1 Professional da CD bisogna acquistare il pacchetto commerciale, in quanto non è possibile scaricare da Internet le immagini dei relativi compact disc.
Esiste una versione gratuita per il download, ma questa può essere utilizzata solo con una procedura di setup via rete collegandosi direttamente al server FTP del produttore. Ciò richiede una connessione a Internet molto stabile e veloce, oltre a una maggiore competenza con i comandi di Linux.
SuSE Linux 8.1 occupa da 400 MByte a 6 GByte in base al numero di pacchetti software selezionati.
Perciò, prima di avviare il setup del sistema operativo bisogna accertarsi di avere sufficiente spazio libero sul disco fisso in modo che Linux e Windows possano coesistere ed essere avviati alternativamente.
Primo controllo: lo spazio è sufficiente?

Per controllare se lo spazio è sufficiente basta fare clic col tasto destro del mouse sull'icona del disco desiderato da Gestiore Risorse di Windows. Oppure si può digitare dir dalla riga di comando del DOS, nel caso in cui sul sistema non sia presente Windows, magari su un vecchio PC dimenticato in soffitta.
Se non c'è sufficiente spazio libero lo si può creare eliminando file e programmi non più necessari, oppure si può decidere di rinunciare a tutto il contenuto del disco per dedicarlo esclusivamente a Linux.
In questo caso si può saltare direttamente alla sua installazione, durante la quale si confermerà di voler sovrascrivere tutti i dati esistenti.
In alternativa si può installare nel computer un secondo disco fisso e destinarlo a Linux o ai dati che si vuole spostare dal disco principale.
Ciò è possibile solo dopo essersi assicurati di avere un canale libero a cui collegare il nuovo hard disk: nella maggior parte dei computer sono solitamente presenti quattro canali IDE, di cui almeno due sono occupati dal primo disco e dal lettore di CD o DVD.
In altri casi, generalmente nelle workstation più potenti o nei server di rete, al posto dell'interfaccia IDE c'è un controller SCSI che offre la possibilità di collegare fino a 16 unità sullo stesso canale.
Comunque si decida di procedere, nel momento in cui si dispone di sufficiente spazio libero per Linux, o addirittura di un intero disco ad esso dedicato, bisogna preparare le partizioni. Si tratta di circoscrivere lo spazio libero del disco in modo da mantenerlo distinto e separato dagli altri dati e da Windows.
Creare le partizioni: attenzione a NTFS

Nella maggior parte dei casi il disco fisso contiene una sola partizione, quella che in Windows e DOS si identifica con la lettera C: e che è destinata interamente a un sistema operativo, ai programmi installati e ai documenti dell'utente.
In altri casi si possono avere più partizioni, ciascuna con una propria lettera di unità: per esempio C: per il sistema operativo, E: per i dati, F: e G: come spazio extra per la musica e i filmati digitali, mentre la lettera D: in questo caso è assegnata al lettore DVD.
In ogni caso sarà necessario ridimensionare una o più di una delle partizioni esistenti per creare quelle richieste da Linux.
Nessun problema se sul disco è presente Windows 9x/ME, che utilizza partizioni di tipo FAT
: queste, infatti, possono essere ridimensionate direttamente dal programma di installazione di SuSE Linux 8.1 (a patto che sia presente una sola partizione), quindi si può procedere direttamente al setup senza ulteriori passaggi.
Bisogna fare attenzione, invece, se si usa Windows NT, 2000 o XP. Questi sistemi operativi, infatti, potrebbero utilizzare partizioni di tipo NTFS che non sono ridimensionabili da Linux.
Per stabilirlo basta fare clic col tasto destro del mouse da Gestione Risorse sull'icona del disco e leggere che cosa c'è scritto alla voce File System. Se si tratta di NTFS bisogna procurarsi uno specifico software, come Partition Magic di Powerquest, per ridurre le dimensioni della partizione.
Naturalmente si può anche decidere di non ridimensionare affatto le partizioni esistenti, magari perché non si dispone del software necessario.
In questo caso si può soltanto formattare il disco fisso (non prima di avere fatto un backup dei propri dati e programmi) e procedere ad una nuova installazione di Windows, avendo cura di creare in anticipo una partizione dedicata di dimensioni limitate, in modo da lasciare lo spazio libero sul disco per Linux (poi sarà il programma di setup a creare automaticamente le partizioni richieste).
Ciò fatto si dovrà procedere installando prima Windows, per poi procedere successivamente con Linux.
È sempre meglio, infatti, installare Linux su un'installazione già esistente di Windows per garantirsi il corretto riavvio del computer con la possibilità di scegliere quale sistema operativo lanciare. Facendo il contrario, invece, cioè installando Windows per ultimo, non sarà più possibile avviare Linux.
Avviare il setup: CD o floppy?

Dopo avere liberato spazio sul disco e dopo avere preparato opportunamente le partizioni non resta che lanciare il programma di setup del sistema operativo.
Nella confezione di SuSE Linux 8.1 Professional sono contenuti sette CD e un DVD.
Per avviare l'installazione si può usare sia il primo CD sia il DVD. Quest'ultimo è di gran lunga più comodo in quanto contiene l'equivalente di tutti e sette i CD e non costringe a cambiare di continuo disco durante l'installazione.
Quindi, se nel computer è presente un lettore di DVD è consigliabile usare questo supporto.
In alternativa si procede inserendo nel lettore il primo dei sette CD e si riavvia il computer. Se dopo le fasi iniziali del boot parte normalmente Windows, allora significa che il programma di setup di Linux non è stato caricato.
Ciò può accadere se il BIOS del computer non è configurato in modo tale da consentire l'avvio da CD.
Per risolvere il problema bisogna riavviare il computer ed entrare nel setup del BIOS, solitamente premendo ESC o F2 durante le primissime schermate di boot.
Qui si deve cercare la sezione dedicata alla sequenza di avvio; in alcuni casi c'è una sola opzione che permette di attivare il boot da CD, mentre altre volte si deve specificare la sequenza delle periferiche da utilizzare (floppy, CD, hard disk).
Se non si ha dimestichezza col BIOS è bene controllare il manuale del computer per essere certi di non sbagliare.
L'installazione dal floppy

Può anche capitare che non sia affatto possibile avviare il PC dal CD, vuoi perché nel sistema non è presente un lettore di compact disc, vuoi perché il BIOS non prevede questa opzione.
In tal caso si può solo procedere con il boot da floppy. Ma nella confezione di SuSE Linux 8.1 non sono presenti i floppy di setup, quindi bisogna prima crearli a mano.
Per farlo si deve innanzitutto formattare un floppy da 1,44 MByte.
Quindi bisogna procedere da DOS oppure da una finestra DOS di Windows (dal menù Start premere Esegui quindi scrivere Command seguito da Invio) e inserire il primo CD di installazione.
Dalla riga di comando del DOS bisogna digitare
D:\dosutils\rawrite\ rawrite.
Il programma chiede la sorgente (source) e la destinazione (destination) dei dati da copiare. Come sorgente bisogna indicare
D:\disks\bootdisk e come destinazione A: (al posto di D: la lettera di unità corrispondente al lettore di CD del proprio computer).
Al termine di questa operazione si può riavviare il computer lasciando inseriti sia il floppy sia il CD.
Linux sarà prima caricato dal dischetto, quindi avvierà la procedura di setup vera e propria contenuta nel compact disc.
1. Installazione rapida

In soli tre passaggi si completa l'installazione rapida: basta selezionare la lingua desiderata e specificare se se si vuole eseguire una nuova installazione oppure aggiornare un sistema esistente.
Nel primo caso, che è la scelta più comune, si installa SuSE Linux 8.1 nello spazio libero del disco oppure si sostituisce una versione precedentemente installata senza conservare dati né impostazioni.
Nel secondo caso, invece, si installa la nuova versione del sistema operativo su una esistente, in modo da conservare dati e impostazioni.
Al termine delle scelte il programma mostra l'elenco delle impostazioni d'installazione, molte delle quali sono stabilite automaticamente.
A questo punto è possibile avviare la copia dei file su disco oppure modificare a mano alcuni parametri.
Ciò è necessario solo se si desidera modificare la struttura delle partizioni mostrata nella sezione Partizionamento oppure i programmi da installare elencati nella sezione Software.
2. Modificare le partizioni

Dopo avere analizzato il disco fisso, il programma di installazione propone una struttura di partizioni da utilizzare per Linux.
Se si desidera modificarla, opzione consigliata solo a chi ha un minimo di esperienza, bisogna selezionare la voce Crea impostazione di partizionamento personalizzata e poi premere il pulsante Prossimo.
A questo punto si può scegliere se proseguire con la modalità per esperti, selezionando la voce Partizionamento personalizzato, oppure se lasciarsi guidare dal programma lasciando deselezionata tale voce. In entrambi i casi bisogna anche selezionare il disco fisso da utilizzare: normalmente sarà elencato un solo disco, mentre nei casi in cui siano inAstallati più dischi l'elenco li mostrerà tutti. Quindi si procede premendo il tasto Prossimo.
Se non si è scelta la modalità per esperti comparirà l'elenco delle partizioni presenti sul disco scelto.
A questo punto si possono scegliere le partizioni che si desidera eliminare. Oppure si può premere il pulsante Intero disco per destinare tutto il disco a Linux.
3. Partizionamento per esperti

Se al passaggio precedente si è impostata la modalità di partizionamento personalizzata, il programma di installazione prosegue elencando la struttura del disco e offrendo una serie di possibili operazioni. Qui si possono eliminare le partizioni esistenti (pulsante Cancella) oppure ridurne le dimensioni (pulsante Ridimensiona) per liberare spazio, quindi creare a mano le partizioni desiderate (pulsante Crea).
Ci sono anche i controlli per definire le funzioni LVM e RAID, ma si tratta di opzioni che in questo momento non è utile considerare.
Anche la possibilità di creare una partizione non deve essere presa in considerazione, in quanto richiede di conoscere come è strutturato il file system di Linux. Ciò che è molto utile, invece, è il ridimensionamento della partizione esistente. Questa può essere facilmente ridotta di dimensioni spostando verso sinistra il cursore al centro della finestra, che determina il rapporto tra lo spazio libero della partizione Windows e lo spazio liberato per Linux.
Ciò è possibile solo se la partizione selezionata è di tipo FAT, mentre non è consentito con le partizioni NTFS.
4. Scegliere i pacchetti software

Prima di iniziare la copAia dei file su disco, è possibile intervenire manualmente sull'elenco dei pacchetti software da installare. La scelta più comune è Sistema preimpostato, però premendo il pulsante Selezione dettagliata si possono scegliere i singoli componenti software.
Il consiglio è di dare almeno un'occhiata ai pacchetti presenti e selezionare quelli che si pensa possano tornare utili. In ogni caso sarà possibile tornare a questa fase anche dopo l'installazione. I pacchetti possono essere visualizzati per classi predefinite (filtro Selezione) oppure per categorie specifiche (filtro Gruppi di pacchetti). Nel primo caso vengono mostrati i principali pacchetti per ambito di utilizzo, mentre nel secondo caso sono elencati i software disponibili raggruppati per funzioni.
Nella parte sinistra dello schermo compare l'elenco delle categorie di software, nella parte destra i singoli programmi. In basso la descrizione del pacchetto, i dati tecnici, le dipendenze (cioè se richiede altri software) e la relativa versione.
5. Configurare il boot manager

L'ultimo passo prima dell'installazione è la configurazione del boot manager, quel programma che verrà caricato appena si avvia il computer e che permette di scegliere il sistema operativo da utilizzare. Normalmente non è necessario modificare l'impostazione predefinita (voce Scrivi GRUB sul disco di avvio) ma gli utenti esperti possono decidere di usare un altro boot manager (voce Non usare GRUB) o di installarlo su un'altra partizione (voce Scrivi GRUB su un'altra partizione). Ma si tratta di opzioni destinate solo a chi ha specifiche esigenze e che non riguardano la maggior parte delle installazioni. Infine è anche possibile creare un floppy con cui avviare il computer quando si vuole usare Linux (voce Crea un dischetto di avvio).
6. Definire gli utenti

La prima cosa da fare appena terminata l'installazione dei file è creare l'elenco degli utenti. Linux, infatti, è un sistema operativo multiutente, che può essere utilizzato da più persone sullo stesso computer. Perciò è necessario definire prima di tutto la password dell'amministratore di sistema (chiamato root), quindi definire gli altri utenti specificando per ciascuno di essi nome e cognome reali, nome di sistema e password.
Le proprietà degli utenti possono essere modificate in dettaglio, come il valore dello User ID, la directory predefinita e il tipo di shell che dovrà essere utilizzata e altro ancora. Ma tutte queste opzioni non sono normalmente necessarie se non in casi particolari. In ogni caso va fatta attenzione a ciò che si modifica ed è consigliabile non intervenire sui valori predefiniti se non si ha buona conoscenza di Linux.
7. Configurazione dell'hardware

L'ultimissima fase dell'installazione consiste nella configurazione dell'hardware presente nel computer, a partire dalla scheda grafica e dal monitor. Sotto la voce Desktop grafico vengono elencate le schede grafiche rilevate e i relativi monitor. Normalmente non è necessario intervenire su questi valori in quanto il sistema è in grado di riconoscere la maggior parte dei dispositivi in commercio.
Se si nota che i valori elencati non corrispondo alla propria configurazione è possibile premere il pulsante Modifica e definire a mano scheda grafica, monitor e risoluzione, avendo sempre cura di eseguire il test grafico di compatibilità prima di accettare la scelta fatta. Infine viene mostrato l'elenco di tutto l'hardware rilevato, con la possibilità di aggiungere a mano eventuali periferiche non riconosciute (come il modem in questo esempio).
Ciò fatto il sistema viene riavviato e, dopo avere effettuato il login come utente root o con un altro dei nomi utenti definiti in precedenza, si è davvero pronti a fare conoscenza con l'ambiente grafico di SuSE Linux 8.1.
Requisiti minimi consigliati marzo 2003 Generalmente Linux è un sistema operativo poco esigente in termini di potenza hardware, quindi può essere installato senza eccessivi rallentamenti anche su computer meno recenti, come Pentium e Pentium II, purché dispongano di almeno 64 MByte di memoria RAM.
Tuttavia ne è sconsigliabile l'utilizzo sui PC troppo datati, come quelli dotati di processori 286, 386 o 486, in quanto la loro architettura non è sufficientemente potente da garantire la compatibilità con tutte le applicazioni. Requisiti consigliati
La configurazione ideale per l'utilizzo con i comuni programmi di produttività prevede un processore Pentium III o Pentium 4 con 128 MByte di memoria o più. Per quanto riguarda il supporto ai processori non-Intel, SuSE Linux 8.1 è certificato per il corretto funzionamento con i chip Duron, Athlon, Athlon XP e Athlon MP di AMD.
La maggior parte delle schede grafiche attualmente in commercio sono compatibili
senza ulteriori driver oltre a quelli già integrati in Linux. SuSE, inoltre, offre supporto specifico per alcune delle schede più diffuse, come le ATI Radeon e FireGL, le Matrox G450 e G550 più tutte quelle basate sui processori GeForce 2, 3 e 4 e Nforce di Nvidia.
Nessun problema per le schede audio più comuni conformi allo standard Sound Blaster,
inoltre è garantita la compatibilità con i più moderni modelli digitali e multicanale, come le Sound Blaster Audigy di Creative e le Terratec della serie EW. Si potrebbe avere qualche problema di configurazione, con la conseguenza di dover impostare a mano il driver di Linux, soltanto nel caso in cui si disponga di un vecchio modello con interfaccia ISA.
Per quanto riguarda modem, schede di rete, controller dei dischi e altri accessori particolari, solitamente è garantita la compatibilità con i più diffusi modelli attualmente in commercio. Comunque si può facilmente controllare prima dell'installazione l'elenco aggiornato dei componenti certificati da SuSE sul sito www.suse.de/it nella categoria Hardware.

LAMP - Linux, Apache, MySQL, PHP
BitRock LAMPStack (http://www.bitrock.com/)è un sotware in grado di installare su piattaforme Linux la cosiddetta piattaforma LAMP, composta dal Web server Apache, dal database MySQL e dal linguaggio PHP. Il software installa anche una versione di phpMyAdmin, il set di script in grado di gestire un database MySQL direttamente da un browser Web.
LAMPStack, nella versione che forniamo in questa sede per il download, supporta i software citati nelle seguenti versioni (dimensioni
65.276 Kb):
* Apache 1.3.33
* MySQL 4.1.14
* PHP 4.4.0
* phpMyAdmin 2.6.3pl1
Oltre a questo software, LAMPStack include anche diversi altri programmi utili nella gestione di un server Web dinamico: Python, curl, expat, gd, IMAP, jpegsrc, libiconv, mod_, Auth_SASL. Tutti vegono forniti con le loro rispettive licenze, tutte comunque open source.
Il software viene fornito come un file binario (.bin). E’ sufficiente renderlo eseguibile (chmod a+x lampstack-1.0-linux-installer.bin) lanciarlo (./lampstack-1.0-linux-installer.bin) per avviare l’installazione che attraverso alcuni passaggi automatizzati installerà l’intero parco software. Prima dell’installazione bisognerà tuttavia accettare decine di licenze differenti relative ad ogni software installato.
Dopo l’accettazione delle licenze si dovranno inserire le opzioni di configurazione: le password per MySQL e phpMyAdmin, le porte su cui far attivare i database e i web server e la directory di destinazione. Completati questi passaggio basterà confermare tutto e partirà la procedura di copia dei file.
Sul sito sono presenti diversi documenti di supporto e la documentazione. BitRock, la società che produce il software, offre anche un supporto tecnico commerciale a chi fosse in difficoltà nella gestione e messa a punto del pacchetto.

LAMP: Installare Apache, PHP e MySQL in ambiente Linux
Introduzione

Allo stato attuale PHP è compatibile con diversi sistemi operativi, con diversi web server e può interfacciarsi a diversi database, anche se il suo habitat naturale è comunque un sistema unix-like, in compagnia del web server Apache. Considerando gli ambienti di produzione e di sviluppo, la combinazione più diffusa e collaudata è data da Linux, il famoso sistema operativo, Apache, il web server più utilizzato su Internet, MySQL, il noto RDBMS ed infine PHP, il nostro linguaggio di programmazione preferito. In questo articolo esamineremo l'installazione di Apache, PHP e MySQL compilando i sorgenti, mentre daremo per scontato che il sistema operativo sia già installato e funzionante, che siate in possesso della password di root e che gli strumenti di sviluppo, come il compilatore, presenti. Una conoscenza basilare della shell di Linux ci consentirà di muoverci in maniera disinvolta durante i passi della compilazione.
La via della compilazione è molto spesso considerata come la strada più difficile da percorrere per installare un software. Indubbiamente è più laborioso compilare piuttosto che installare un pacchetto precompilato (ad esempio un RPM), ma questa operazione ci consente una certa flessibilità e la possibilità di personalizzare al meglio l'installazione, cosa che i precompilati non ci permettono.
Operazioni preliminari
Molte delle attuali distribuzioni di Linux ci vengono fornite con una quantità smisurata di software, e spesso accade di trovarsi con un web server già installato e magari funzionante. Per prima cosa assicuriamoci quindi di non aver già installato Apache/PHP/MySQL, facendo riferimento al gestore di pacchetti della nostra distribuzione.
Un altro passo importante è assicurarsi che gli strumenti di sviluppo siano presenti, in particolare avremo bisogno di un compilatore e di un programma "make". Da shell digitiamo questi due comandi:
gcc --version
make --version
Se non ci sono errori, possiamo procedere, scaricando i pacchetti che ci interessano dai rispettivi siti:
Apache 1.3.*
MySQL 3.23.*
PHP 4.3.*

La compilazione di Apache

Prima di cominciare, vale la pena di spendere qualche parola sulle due possibili vie da seguire: compilare PHP staticamente o come shared object. La prima via è forse più performante, nel senso che PHP sarà parte integrante del webserver e verrà caricato ed eseguito più rapidamente. Per contro, l'installazione come shared object ci consente di rendere indipendenti le due compilazioni: ricompilando PHP per aggiungere una qualche opzione, non dovremo ricompilare anche Apache come invece accade nel primo metodo.
In questo articolo approfondiremo il secondo metodo, ma si consiglia comunque di dare un'occhiata alla documentazione di Apache relativa al supporto DSO.
Ed ora siamo pronti per cominciare. È necessario essere root quando si agisce su directory di sistema, per cui la prima operazione è acquisire i privilegi di amministratore, con il comando "su". Ora possiamo scompattare i tre pacchetti in una directory "a piacere": /usr/local/src potrebbe andare benissimo.
cd /usr/local/src
tar zxvf /path/to/apache_x.y.z.tar.gz
tar zxvf /path/to/php_x.y.z.tar.gz
tar zxvf /path/to/mysql_x.y.z.tar.gz
Naturalmente è necessario adattare /path/to al percorso in cui avete salvato i tre pacchetti, ed adattate i nomi dei pacchetti in base ai numeri di versione, qui rappresentati con x.y.z. Se avete scaricato un pacchetto *.tar.bz2, potrete scompattarlo con
tar jxvf pacchetto.tar.bz2
Ora dovreste avere in /usr/local/src le tre directory che contengono i sorgenti delle rispettive applicazioni. Iniziamo con Apache:
cd apache_x.y.z
./configure --help
Leggetevi per bene l'help del configure, in modo da individuare tutte le possibili opzioni da personalizzare. Ad esempio:
./configure --prefix=/usr/local/apache_x.y.z \
--enable-module=so
Il carattere \ (backslash) ci consente di andare a capo proseguendo la digitazione del comando e viene qui utilizzato per ragioni di formattazione: possiamo benissimo ometterlo ed inserire tutte le opzioni su un'unica riga.
Analizziamo rapidamente le direttive passate al configure:

Ora possiamo creare gli eseguibili ed installare Apache:
make
make install
Se non ci sono errori, per vedere se tutto funziona, proviamo a lanciare Apache:
apachectl start
e puntiamo il nostro browser su http://localhost.
Tenete presente che installando i file binari in percorsi non compresi nel $PATH, dovremmo lanciarli con il percorso completo, nel nostro caso:
/usr/local/apache_x.y.z/apachectl start
Oltre a "start" possiamo utilizzare anche altri parametri, tra cui "stop" e "restart", il cui significato dovrebbe essere ovvio.
A questo punto, per comodità, andiamo a create un link simbolico /usr/local/apache, che punto alla directory /usr/local/apache_x.y.z: questo ci consentirà di aggiornare il software senza troppi problemi in quanto sarà sufficiente solo ricreare il link:
cd /usr/local
ln -s apache_x.y.z apache
ed il gioco è fatto.

Installiamo MySQL

L'installazione di MySQL è leggermente più laboriosa. Per prima cosa, dobbiamo tenere a mente il fatto che avremo a che fare con due diverse directory: una per i programmi ed una per i dati. Per i programmi il percorso di default è /usr/local/mysql, con delle sottodirectory contenenti file binari, documentazione, script ed accessori. Per i dati invece il percorso di default è /usr/local/var. Una seconda considerazione importante è che sarà opportuno far girare il vostro database con i minimi privilegi, ossia non da root, ma di questo ce ne occuperemo dopo.
Iniziamo con la compilazione:
cd /usr/local/src/mysql_x.y.z
./configure --help
./configure --prefix=/usr/local/mysql_x.y.z
make
make install
Ora possiamo preoccuparci di inizializzare il nostro database, con un apposito script. Dalla stessa directory dei sorgenti:
scripts/mysql_install_db
Possiamo anche creare un link come abbiamo fatto per Apache:
cd /usr/local
ln -s mysql_x.y.z mysql
Controlliamo l'esistenza di un utente mysql e di un gruppo mysql:
cat /etc/passwd | grep mysql
cat /etc/group | grep mysql
Se i due comandi danno esito negativo (nessun output), dobbiamo creare gruppo ed utente:
groupadd mysql
useradd -g mysql mysql
Ora possiamo assegnare i permessi opportuni alle directory di MySQL:
chown -R root:mysql /usr/local/mysql
chown -R mysql:mysql /usr/local/mysql/var
Ora proviamo a lanciare il server database con:
safe_mysqld --user=mysql &
uno script "sicuro" (safe) che richiama mysqld in maniera appropriata. La & dopo il comando serve a mandare il processo in background.
Testiamo il corretto funzionamento di mysqld con il comando:
mysqladmin ping
il quale dovrebbe fornire un output di conferma.
Teniamo però presente che i programmi potrebbero non essere installati nel nostro $PATH, per cui dovremmo fornire il percorso completo:
/usr/local/mysql/bin/safe_mysqld --user=mysql &
/usr/local/mysql/bin/mysqladmin ping
Ora è doveroso inserire una password per l'amministratore del database. Attenzione che l'amministratore del database si chiama root, come l'amministratore del sistema, ma potrebbero tranquillamente essere due entità separate, con password diverse.
Discorso analogo lo si fa per gli utenti. La documentazione di MySQL è molto ben fatta, per cui approfondite questi concetti sul manuale di MySQL
Cambiamo la password:
mysqladmin -u root password [nuova_pass]
Dove [nuova_pass] sarà naturalmente la nostra nuova password per amministrare mysql. Ora per connetterci al database come root, dovremmo utilizzare il comando:
mysql -u root -p
che ci chiederà di inserire la password opportuna (attenzione sempre al $PATH).
Lo "spegnimento" del server MySQL avviene con il comando:
mysqladmin -u root -p shutdown
seguito dalla password opportuna.

Installiamo PHP

A questo punto siamo arrivati al PHP. Come accennato prima, ci sono in sostanza due modi per installare PHP da sorgenti: in questo articolo scegliamo la via dell'installazione come shared object:
cd /usr/local/src/php_x.y.z
./configure --prefix=/usr/local/php_x.y.z \
--with-apxs=/usr/local/apache/bin/apxs \
--with-mysql \
--with-config-file-path=/usr/local/apache/conf
make
make install
Anche qui, --prefix ci consente di scegliere un path diverso da /usr/local per l'installazione, --with-apxs è l'opzione che ci consente di installare PHP come "shared module" piuttosto che come "static module", --with-mysql indica di abilitare il supporto per MySQL, mentre l'opzione --with-config-file-path specifica il percorso del file di configurazione.
Una piccola nota riguardante il supporto MySQL: PHP comprende la libreria client di MySQL, per cui è sufficiente utilizzare la relativa opzione. Con le versioni più recenti di MySQL però c'è stato un cambiamento nella licenza, causando una incompatibilità con la licenza di PHP. Per questo motivo PHP non potrà contenere la libreria client delle nuove versioni di MySQL, e sarà necessario utilizzare l'opzione --with-mysql specificando il path di installazione di MySQL, che comprende la libreria in questione.
A questo punto copiamo il file di configurazione della directory opportuna. Dalla directory dei sorgenti di PHP:
cp php.ini-dist /usr/local/apache/conf/php.ini
Ora modifichiamo il file di configurazione di Apache, httpd.conf, che si trova nel percorso appena indicato, con il nostro editor di testi preferito, ed assicuriamoci che siano presenti le seguenti linee (se c'è il simbolo cancelletto # davanti alle linee, togliamolo, perchè si tratta di un commento e come tale verrà ignorato):
LoadModule php4_module libexec/libphp4.so
AddType application/x-httpd-php .php
Siamo quasi giunti alla fine: verifichiamo all'interno di httpd.conf quale percorso sia stato impostato come DocumentRoot (verosimilmente sarà /usr/local/apache_x.y.z/htdocs/) e creiamo in tale directory il file info.php che conterrà semplicemente la seguente stringa:
<?php phpinfo(); ?>
Si tratta di una basilare funzione di PHP, che restituisce una pagina di informazioni. A questo punto avviamo (o riavviamo) Apache, e puntiamo il nostro browser su http://localhost/info.php incrociando le dita.
Se tutto è andato a buon fine, dovremmo vedere l'output del phpinfo().
Se volessimo personalizzare al meglio l'installazione di PHP, potremmo giocare un po con le opzioni da passare al configure:
./configure --enable-ftp --enable-sockets [--altre-opzioni]
In questo caso andiamo ad abilitare le estensioni contenenti le funzioni FTP e le funzioni per l'interfaccia socket.
Anche qui l'opzione --help data al configure ci fornisce molte informazioni utili.
Risoluzione dei problemi
Non tutto funziona sempre come vorremmo, o comunque non al primo colpo. Di seguito vengono riportati alcuni dei problemi tipici che si riscontrano.
Lanciando ./configure mi vengono restituiti degli errori
Le cause possono essere molto diverse: osservando il messaggio d'errore si può intuire che cosa non va. Solitamente è una libreria mancante, oppure un percorso specificato in maniera errata. Ricontrollate l'help del configure ed eventualmente aggiungete le librerie che vi mancano.
Lanciando apachectl ottengo l'errore "command not found"

Solitamente l'errore sta nel percorso specificato o nel fatto che la directory con gli eseguibili di Apache non è nel $PATH, per cui specificando il comando senza percorso, tale comando non viene trovato. Considerate la possibilità di aggiornare la variabile d'ambiente $PATH, oppure inserite il percorso corretto.
Il server MySQL non parte

Anche qui le cause possono essere molteplici. Solitamente il database non è stato inizializzato con mysql_install_db, oppure l'utente mysql non è proprietario delle directory appropriate.
La password per un utente di MySQL non viene accettata
Le password sono case sensitive, per cui maiuscole e minuscole fanno la differenza. Inoltre gli utenti MySQL sono diversi dagli utenti di sistema, per cui pur avendo lo stesso username, potrebbero avere password diverse. Sembra banale, ma è uno dei problemi più frequenti.
Ho creato un file con phpinfo(), ma invece di visualizzare un output, mi compare la richiesta di download

Non è stato modificato correttamente httpd.conf con le stringhe
LoadModule php4_module libexec/libphp4.so
AddType application/x-httpd-php .php
Inoltre, dopo ogni modifica al file di configurazione, il web server deve essere riavviato.
Ho creato un file con phpinfo(), ma l'output che visualizzo è lo stesso sorgente PHP

Come sopra, è necessario controllare la configurazione e riavviare Apache.
Non riesco a compilare PHP utilizzando Apache 2.0.*
Per compilare PHP come shared module di Apache 2 è necessario utilizzare l'opzione --with-apxs2 (e non --with-apxs) del configure, specificando naturalmente il path opportuno. È però importante ricordare che l'accoppiata PHP-Apache2 non è ancora stata dichiarata stabile: anche se le cose funzionano, probabilmente è bene attendere ancora un po, rimanendo quindi su Apache 1.3 .
Utilizzo uno unix-like diverso da Linux: non riesco a scompattare i pacchetti tar.gz
In questo caso è necessaio fare riferimento alle man pages del proprio sistema, ed in particolare a quelle di tar e gunzip. Alcune utility di questo tipo non consentono di decomprimere e "spacchettare" con un solo comando. Molto spesso la via da seguire è:
gunzip nomefile.tar.gz
tar xvf nomefile.tar
Nel caso di archivi tar.bz2, è necessario utilizzare bunzip2 al posto di gunzip.
Naturalmente i problemi possono essere molti e molto diversi tra di loro. Fate attentamente riferimento alla documentazione in linea, eventualmente effettuate una ricerca sul forum di HTML.it (qualcuno potrebbe aver già avuto il vostro stesso problema) e cercate di utilizzare sempre le versioni stabili del software che vi interessa. Installare una versione alpha o beta solo per il gusto di avere the latest cool feature of the day talvolta diventa compromettente in termini di stabilità.
Link utili
Gli indirizzi da cui scaricare i pacchetti che ci interessano sono stati indicati nella prima pagina dell'articolo. Di seguito alcuni link di interesse:
Manuale PHP, installazione su Linux
Manuale PHP, installazione su sistemi unix-like
Manuale PHP, installazione come modulo di Apache
Manuale di Apache, documentazione sul supporto ai DSO
Manuale di MySQL, installazione da sorgenti

Linux e le dipendenze incrociate
Durante l'installazione dei pacchetti RPM in Linux, può capitare che per soddisfare una dipendenza venga richiesta l'installazione di un altro pacchetto, ma che si rimanga bloccati perché qualsiasi dei due si tenti di installare, viene richiesta la presenza dell'altro RPM.
Per sbloccare la situazione, copiate nella stessa directory tutti i file che intendete installare e che devono soddisfare le dipendenze incrociate. Aprite poi un terminale nella directory e, dopo esservi loggati come root, digitate il seguente comando:
rpm -Uvh *rpm
Con questo comando saranno installati automaticamente tutti gli RPM presenti nella directory.

Password dimenticata in linux
Le password vengono archiviate nel file /etc/passwd (/etc/shadow per le password shadow). All'interno di questi file sono presenti tutti i dati degli utenti (nome utente, directory home, la shell utilizzata ecc) con le relative password codificate. L'unico modo per risolvere il problema è riuscire ad accedere a questi file ed eliminare il campo contenente la password di root codificata.
root:x:0:0::/root:/bin/bash
La riga presente all'interno del file /etc/password contenente i dati dell'utente. La x rappresenta la password nascosta
root:$1$6qC0VnNt$0/W5fdm0k6hYbbUCBSEYy0:12795:0:::::
La riga presente all'interno del file /etc/shadow contenente i dati dell'utente root. La sequenza di caratteri alfanumerici rappresenta la password cifrata. In questo modo si può accedere al sistema senza password e successivamente impostarne un nuova. Le strategie possono essere diverse. E' possibile digitare al prompt di LILO la stringa "linux single", per avere accesso senza password e apportare le modifiche, sempre che questo metodo funzioni. Se sul sistema è presente un'altra distribuzione è possibile montare la partizione (tipicamente la directory radice root /) e modificare il file eliminando la password cifrata. Oppure, è possibile utilizzare un live cd, montare le partizioni ed apportare le modifiche. Se ha problemi con la riga di comando può utilizzare il tool grafico KUser per la gestione di utenti e password.

Proteggere una cartella con .htaccess
Creare un file .htaccess con le seguenti righe
AuthType Basic
AuthUserFile /svr/www/virtualhosts /<cartella protetta>/.htpasswd
AuthName "Area protetta"
require valid-user

Creare un file .htpasswd.  Il file .htpasswd, conviene metterlo in una cartella non accessibile
Per creare un utente (da linea di comando di ssh),
portarsi nella cartella protetta dove sono contenuti i files, digitare:
htpasswd .htpasswd <nome utente>
Verrà chiesta la password e la conferma (dopo l’invio)

Per eliminare un utente: (da linea di comando di ssh),
portarsi nella cartella protetta dove sono contenuti i files, digitare:
pico .htpasswd

Sono user e password criptate, voi naturalmente le cripterete prima della crazione del files. Per farlo esistono dei programmi o di siti come:
http://www.inch.com/info/tech/HOWTOS/htaccess/htpasswd.html
http://www.euronet.nl/~arnow/htpasswd/
http://www.xs4all.nl/~remcovz/htpasswd.html

Eliminare la password e l’utente con il tasto back (ß).
Per uscire e salvare
CTRL+X
Y (yes per salvare le modifiche)
A questo punto basta fare invio
Exit per uscire definitivamente.

Gestione di cartelle protette in Apache

Per eliminare un utente: (da linea di comando di ssh),
portarsi nella cartella protetta dove sono contenuti i files, digitare:
pico .htpasswd
(oppure vi .htpasswd)
Eliminare la password e l’utente con il tasto back.
Per uscire e salvare
CTRL+X

Le directory dell'albero di sistema GNU/Linux

/ (root) è la radice dell'albero dei file dell'intero sistema
/bin contiene i comandi base usati in avvio, strumenti essenziali e altri programmi di sistema
/boot i files responsabili dell'avvio di linux si trovano qui
/dev riunisce tutti i dispositivi - device (dischi fissi, stampanti, scanner, mode, floppy ecc.)
fd0 (floppy), hd0 (primo disco), cdrom (lettore cd)
/etc file di configurazione del sistema e degli applicativi
/home cartelle personali degli utenti. Ogni utente può scriver solo sulla sua cartella e non può vedere il contenuto delle cartelle degli altri utenti nè tanto meno scrivere sulle altre cartelle di sistema
/lib librerie dei programmi (connessa direttamente con la dir /bin)
/mnt cartella "fittizia" usata per accedere alle periferiche esterne (partizioni disco, floppy, cd)
/proc file che forniscono informazioni sui processi attivi
/root da non confondere con la root di sistema (/), questa cartella è quella personale dell'amministratore (utente root) ossia di colui che ha il pieno potere sul sistema
/sbin contiene i comandi usati per la gestione del sistema dall'utente root
/tmp contiene i files temporanei
/usr la cartella più grande: contiene praticamente tutti i programmi del sistema
/usr/x11r6 file relativi al sistema X Windows, compresi quei programmi (in /usr/x11r6/bin) che vengono eseguiti unicamente in X
/usr/bin strumenti e applicazioni per gli utenti
/usr/dict dizionari ed elenchi di parole (che vengono lentamente superati da /usr/share/dict)
/usr/doc documentazione varia di sistema
/usr/games giochi e passatempi
/usr/info file per il sistema ipertestuale GNU Info
/usr/lib librerie utilizzate dagli strumenti in /usr/bin
/usr/local file locali, ossia file esclusivi dei singoli sistemi, che includono la documentazione (in /usr/local/doc) e i programmi locali (in /usr/local/bin)
/usr/man manuali in linea che vengono letti con il comando man
/usr/share dati per applicazioni installate indipendenti dall'architettura e che possono essere condivisi dai sistemi. Questa directory comprende inoltre svariate sottodirectory con equivalenti in /usr, comprese /usr/share/doc, /usr/share/info, /usr/share/docs
/usr/src codice sorgente dei programmi per il software installato sul sistema
/usr/tmp altra directory per i file temporanei
/var file variabili di dati come code dello spooler e i file di log

Installazione Apache, PHP e MySQL su winxp (Leggi un altro tutorial)
Questa guida vi aiuterà ad installare su WinXP SP2 Apache 2.0.52, PHP 5.0.3 e MySQL 4.1
FASE 1: Cosa abbiamo bisogno?
Abbiamo bisogno di 3 software:
Apache : scaricabile da http://mirror.nohup.it/apache/httpd...-x86-no_ssl.msi
PHP: scaricabile da http://www.php.net/downloads.php - DOVETE PRENDERE ZIP PACKAGE
MySQL : scaricabile da http://dev.mysql.com/get/Downloads/...om/pick#mirrors
Questo è tutto
FASE 2: Installazione e configurazione di apache
Dunque, il link riportato sopra è un file autoinstallante di apachem quindi eseguitelo e lo installate nella cartella
c:\programmi\apache group\apache2
Dopo l'installazione modificate il file C:\Programmi\Apache Group\Apache2\conf\httpd.conf
Potete modificare questo file come meglio credete, ma alcuni passaggi sono fondamentali. Da questo momento in poi seguite passo passo quanto vi dico:
*Cecate ServerRoot
*Impostatelo su ServerRoot "C:/Programmi/Apache Group/Apache2"
*Cercate DocumentRoot
*Impostatelo su DocumentRoot "C:/Programmi/Apache Group/Apache2/htdocs"
ServerRoot e DocumentRoot impostati in base a dove avete installato il VS server, quindi se lo avete installato altrove, bisogna modificarlo.
Salvate le modifiche, MA NON CHIUDETE IL FILE!
FASE 3: Installazione e configurazione PHP
Sperando sempre che avete scaricato il file .zip, scompattatelo in c:\programmi\php-5.0.3. Sempre in questa cartella,
dovete cercare e TAGLIARE (CTRL+X) il file php.ini e spostarlo nella cartella c:\windows.
Fatto ciò apritelo e iniziamo la configurazione del php. Come fatto prima, lo potete modificare come volete, ma alcune cose
vanno fatte prima di tutto:
*Cercare extension_dir
*Impostatelo così extension_dir = "C:\Programmi\php-5.0.3\ext"
*Cercate doc_root
*Impostelo su doc_root = C:\Programmi\Apache Group\Apache2\htdocs
*Cercate ;extension=php_mysql.dll e TOGLIETE il ; iniziate, in questo modo attiveremo le funzioni per accedere al php
doc_root funziona più o meno come DocumentRoot di Apache
A questo punto salvate e chiudete il file e potete riprendere il file di configurazione di apache per proseguire con la configurazione di php su apache
*Cercate LoadModule
*Inserite insieme a quel mucchio questa riga LoadModule php5_module C:/Programmi/php-5.0.3/php5apache2.dll
*Cercate DirectoryIndex
*Inserite index.php index.php3 - NON DIMENTICATE GLI SPAZI TRA UN INDICE E L'ALTRO
*Cercate AddType
*Inserite insieme a quel mucchetto queste due righe:
AddType application/x-httpd-php .php
AddType application/x-httpd-php .php3
Salvate e chiudete.
FASE 3: Installazione di MySQL
Questa fase è molto semplice: prendere il file autoinstallante e lo installate su C:\programmi\mysql
Appena installato dovete andare sulla sottocartella bin e copiare il file libmySQL.dll sulla cartella c:\windows\system32
Fatto ciò RIAVVIATE
Consigli:
Vi consiglio di mettere nella cartella htdocs un file chiamato index.php e mettere php_info(), così potete vedere se
php è effetivamente funzionante.
Vi consiglio inoltre di mettere phpmyadmin e verificare se mysql funge...Ogni "sito" va messo in una sottocartella di htdocs.
Per esempio: phpmyadmin va messo su c:\programmi\apache group\apache2\htdocs\phpmyadmin e per eseguirlo aprite il vostro browser e andate su questo url
http://localhost/phpmyadmin . Localhost è il VS pc e potete accedere in questo modo solo nel vostro pc
Considerazioni personali:
Io ho fatto così quando installai apache,php e mysql, quindi se qualcosa non va postatelo in questo thread
io uso queste e nessun problema:
extension=php_bz2.dll
extension=php_cpdf.dll
extension=php_dba.dll
extension=php_dbase.dll
extension=php_dbx.dll
extension=php_filepro.dll
extension=php_gd2.dll
extension=php_imap.dll
extension=php_mbstring.dll
extension=php_mime_magic.dll
extension=php_mysql.dll
extension=php_mysqli.dll
extension=php_pgsql.dll
extension=php_shmop.dll
extension=php_snmp.dll
extension=php_sockets.dll
extension=php_tidy.dll
extension=php_xmlrpc.dll
extension=php_xsl.dll

CHMOD TUTORIAL

......... WHAT IS CHMOD .........
CHMOD
is the permissions you give uploaded .cgi, .pl, .php, .php3, etc. files that make them work. It tells the server what someone can or can't do.
(
eg: PERMISSION COMMAND)
The following shows the CHMOD variables and how it works.
Most FTP programs can change your file permissions. The file permissions look like this: 755 is -rwxr-xr-x.
Basically this is split into three sections:
SERVER   GROUP   CLIENT   or   USER   GROUP   WORLD.
They both mean the same thing. User = rwx Group = rwx World = rwx.  
 
U = User
G = Group
W = World
r = Readable
w = Writable
x = Executable
- = No permission  
  U     G      W   
drwxr-xr-x = chmod 775 directory
-rwxrwxrwx = chmod 777 filename
-rwxrwxr-x = chmod 775 filename
-rwxr-xr-x = chmod 755 filename
-rw-rw-rw- = chmod 666 filename
-rw-rw-r-- = chmod 664 filename
-rw-r--r-- = chmod 644 filename  
The breakdown goes like this:
Read = 4
Write
= 2
Execute
= 1
Together they add up to 7 while Read and Execute would add up to 5 and so on. I think you get the idea.  
Valore Significato
0 Nessun permesso di lettura, scrittura ed esecuzione
1 File eseguibile ma non leggibile nè modificabile
2 File modificabile ma non leggibile nè eseguibile
3 File modificabile ed eseguibile ma non leggibile
4 File leggibile ma non modificabile nè eseguibile
5 File leggibile ed eseguibile, ma non modificabile
6 File leggibile e modificabile ma non eseguibile
7 File leggibile, modificabile ed eseguibile.
Comando da impartire
chmod -R 754 /directory
l'opzione -R (maiuscola) ha significato ricorsivo
Directories have a 'd' in front of the code shown above, so a directory will look like: drwxr-xr-x
The format is this:

r = read - the entity is able to read the file or folder
w = write - the entity is able to write to the file or folder
x = execute - the entity is able to execute the file, or make it perform an action
Not all entities can perform the same actions, for different reasons. For example you would not like the client to be able to write to a file as this would be totally non-secure, but you would want the server to be able to do that for obvious reasons. If the entity cannot perform the action then a "
- " marks that this particular action is banned.
There is a numerical number for each of the file permissions. So rwxr-xr-x would be 755. To change the file permissions, select the file and look for something in the program that says:
" CHMOD " or "Change file modifications/permissions".
Most of the time this is available by right clicking on the file, under most Windows 95/98/NT FTP programs, and selecting it somewhere. I suggest that you use Smart FTP, Cute FTP or WS_FTP LE which are all freeware and available from http://webattack.com.
If you use a UNIX server then you need to type or change CGI scripts to CHMOD 755
( Or whatever the numerical equivalent is to the permissions you are trying to change).
Most Data/Text files are CHMOD = 644 which most cgi scripts can write to without having to change the permissions. However, some scripts require that you change permissions to 777.
Most text files being written to by PHP scripts require a CHMOD of either 666 or 777 but could be one of the others.
This all depends on the script.

Creare nuovi utenti in Linux
Il comando è "useradd", anche se alcune distribuzioni hanno "adduser"; la sintassi è la seguente
useradd [-u uid[-o]][-g group][-G group,....][-d home][-s shell][-c comment][-m[-k template]][-f inactive][-e expire][-p password] nome
In genere non è necessario utilizzare tutte le opzioni. Se ad esempio vogliamo aggiungere un utente "pippo", appartenente al gruppo standard users, si digita:
useradd -g users pippo
Inserimento di una password
passwd pippo
vi chiederà l'inserimento di una nuova password per l'utente appena creato. Attenzione: questo comando deve essere digitato con i permessi di root.

Linux e le dipendenze incrociate
Durante l'installazione dei pacchetti RPM in Linux, può capitare che per soddisfare una dipendenza venga richiesta l'installazione di un altro pacchetto, ma che si rimanga bloccati perché qualsiasi dei due si tenti di installare, viene richiesta la presenza dell'altro RPM.
Per sbloccare la situazione, copiate nella stessa directory tutti i file che intendete installare e che devono soddisfare le dipendenze incrociate. Aprite poi un terminale nella directory e, dopo esservi loggati come root, digitate il seguente comando:
rpm -Uvh *rpm
Con questo comando saranno installati automaticamente tutti gli RPM presenti nella directory.

Creare siti multilingue con Apache e PHP (http://freephp.html.it/articoli/view_articolo.asp?id=157)
Una delle caratteristiche che rendono più professionale un sito è la disponibilità di informazioni tradotte in diverse lingue. Spesso i navigatori, specie nel nostro paese, tendono a tralasciare le pagine web che non presentano contenuti nella propria lingua madre. Se vogliamo, quindi, rendere internazionale il nostro sito web ed allargare il bacino d'utenza dobbiamo predisporre le medesime pagine in varie lingue.
Il web server Apache, se opportunamente configurato, può fornire automaticamente al visitatore le pagine nella lingua corretta sollevandolo dalla necessità di effettuare manualmente la scelta. Basandosi sulle informazioni inviate dal browser del visitatore, Apache può stabilire quale sia la lingua da lui preferita ed agire di conseguenza.
Sebbene quest'automatismo renda molto funzionale il nostro sito, non dobbiamo affidarci unicamente ad esso, ma prevedere anche dei link espliciti alle diverse lingue che intendiamo rendere disponibili. Le ragioni sono molteplici, innanzitutto l'utente potrebbe non aver configurato il proprio browser in modo che possa comunicare una preferenza relativa al linguaggio. Questo può accadere o perchè non è in grado di farlo, o perchè non vuole fornire informazioni personali durante la navigazione. Inoltre proviamo ad immaginare di essere all'estero, ad esempio in un internet point, costretti per necessità ad utilizzare un browser in lingua straniera: saremmo obbligati a visualizzare le pagine in una lingua diversa dalla nostra malgrado siano previste pagine in italiano.
Una volta stabilito di predisporre dei link espliciti, per ragioni di usabilità, è meglio che ciascun link sia nella lingua originale: English per l'inglese, Français per il francese e via dicendo.
Negoziazione dei contenuti
Il web server Apache supporta la negoziazione dei contenuti, content negotiation, così come prevista dalle specifiche del protocollo HTTP/1.1. In altri termini possiamo predisporre differenti rappresentazioni di una medesima risorsa, in particolare una pagina web, e poi far sì che Apache fornisca automaticamente al browser quella che meglio si adatta alle sue preferenze. Nel caso specifico prepareremo le nostre pagine in diverse lingue e forniremo al visitatore quella che coincide con le impostazioni del suo browser.
I due sistemi fondamentali di negoziazione dei contenuti sono server-driven negotiation, ovvero negoziazione gestita dal server, e transparent negotiation (RFC2295-2296), negoziazione trasparente. Quest'ultima, più sperimentale e meno consolidata, non verrà presa in considerazione. Il modulo di Apache che si occupa della negoziazione dei contenuti è mod_negotiation, compilato di default.
Il meccanismo di funzionamento si basa su un insieme di intestazioni, le cosiddette Accept Headers, che il browser invia al web server con la richiesta HTTP: Accept, Accept-Language, Accept-Charset, Accept-Encoding. Tali intestazioni permettono di specificare le proprie preferenze in termini di tipo di contenuto, lingua, set di caratteri e codifica nel caso in cui siano disponibili differenti rappresentazioni di una medesima risorsa. Un esempio di richiesta potrebbe essere la seguente:
Accept-Language: it; q=1.0, en; q=0.5
Accept: text/html; q=1.0, text/*; q=0.8, image/gif; q=0.6
In questo caso, mediante l'header Accept-Language, viene espressa una preferenza per la lingua italiana con un fattore di qualità (q-value) pari a 1.0 ed una per la lingua inglese con un fattore pari a 0.5. Quindi, sempre nel caso siano previsti diversi linguaggi per la pagina richiesta, verrà cercata e fornita per prima quella in lingua italiana, che ha il valore più alto, poi quella in lingua inglese. Il massimo valore previsto per il q-value è 1.0, se il valore non viene esplicitamente espresso si assume pari al massimo. In altri termini Accept-Language: it ed Accept-Language: it; q=1.0 sono da considerarsi equivalenti.
Nella seconda riga, relativa al tipo di contenuto (media types), viene espressa una preferenza, nell'ordine, per il formato text/html, per un qualsiasi formato che inizia per "text/" (mediante l'uso della wildcard *) ed infine per il formato image/gif.
Come si può notare la specificazione del linguaggio avviene attraverso un tag primario en per l'inglese, fr per il francese, de per il tedesco e così via, che può essere opzionalmente seguito da un tag secondario relativo ad una particolarizzazione del linguaggio. Ad esempio en-gb specifica una preferenza per l'inglese britannico, fr-ch per il francese svizzero.
A questo proposito Apache dalla versione 2.0 adotta un comportamento non esattamente aderente alle specifiche HTTP/1.1, ma più flessibile e più utile al visitatore. Secondo gli standard se nell'header Accept-Language è presente en-gb e non en, una risorsa marcata come en non verrebbe fornita al navigatore. Ciò malgrado sia difficile ritenere che un navigatore che predilige l'inglese britannico non sia in grado di comprendere l'inglese in generale. Apache, invece, implicitamente aggiunge all'elenco il linguaggio principale, en, con un livello di priorità molto basso.
Attenzione, quindi, che se il client invia un header del tipo:
Accept-Language: en-gb;q=1.0, de;0.8
verrà comunque fornito il documento marcato de prima di quello en.
A questo proposito va' sottolineato che le RFC tendono a lasciare al produttore del browser l'onere di assistere l'utente e fargli comprendere la corretta configurazione delle preferenze, cosa che, purtroppo, non si verifica nella realtà dei fatti.
Configuriamo il browser e verifichiamo le preferenze
Per chi utilizza PHP vi è un sistema relativamente semplice per visualizzare gli header Accept inviati dal browser. Basta infatti utilizzare il codice seguente che si limita a stampare alcune variabili predefinite:
<?php
echo "<b>Header Accept:</b> " .$_SERVER["HTTP_ACCEPT"]. "<br />\n";
echo "<b>Header Accept-Language:</b> " .$_SERVER["HTTP_ACCEPT_LANGUAGE"]. "<br />\n";
echo "<b>Header Accept-Charset:</b> " .$_SERVER["HTTP_ACCEPT_CHARSET"]. "<br />\n";
echo "<b>Header Accept-Encoding:</b> " .$_SERVER["HTTP_ACCEPT_ENCODING"]. "<br />\n";
?>
Questo sistema può essere utile per verificare cosa effettivamente faccia il browser quando ne impostiamo le preferenze.
Ecco il risultato fornito per l'header Accept-Language dai tre principali browser, Netscape, Internet Explorer ed Opera, senza alcun intervento di configurazione da parte dell'utente. Come si può verificare essi impostano automaticamente all'installazione la lingua relativa alla versione del software:
Netscape 7.1 versione inglese:
Accept-Language: en-us,en;q=0.5
Internet Explorer 6.0 versione italiana:
Accept-Language: it
Opera 7.01 versione inglese:
Accept-Language: en
Per Netscape versione inglese la configurazione della lingua è possibile dal menù Edit voce Preferences e poi Language, per Explorer italiano menù Strumenti voce Opzioni Internet pulsante Lingue, infine per Opera inglese menù File voce Preferences e poi Language. Nessuno dei tre, a dire il vero, offre agli utenti l'assistenza auspicata dall'RFC2616 nella scelta della lingua. Senza l'ausilio del codice sopra riportato non sarebbe possibile, ad esempio, stabilire a priori il risultato di una configurazione in termini di fattore di qualità q-value.
Per fare un esperimento provate ad aggiungere alle preferenze linguistiche del vostro browser Arabo [ar] (Arabic [ar] se in lingua inglese) e portatelo in cima alla lista. Adesso collegatevi alla url http://www.google.com ed osservate il risultato.
Prepariamo le nostre pagine multilingue
A questo punto dobbiamo predisporre le pagine nelle diverse lingue che vogliamo rendere disponibili. Dovremo avere l'accortezza di salvare tali pagine con estensioni del tipo .html.it per l'italiano, .html.en per l'inglese e via dicendo. A titolo di esempio creiamo tre pagine index nelle lingue italiano, francese ed inglese e salviamole in una directory del nostro web server.
index.html.it:
<html>
<head>
<title>Index Italiano</title>
</head>
<body>
<h2>Una pagina in lingua italiana</h2>
</body>
</html>

index.html.fr:
<html>
<head>
<title>Index Français</title>
</head>
<body>
<h2>Une page en français</h2>
</body>
</html>

index.html.en:
<html>
<head>
<title>English Index</title>
</head>
<body>
<h2>An english page</h2>
</body>
</html>
Il risultato che desideriamo ottenere è che, richiamando semplicemente la pagina index.html, venga fornita quella corretta in base alle preferenze linguistiche espresse dal browser. Ovviamente se abbiamo impostato la direttiva DirectoryIndex nel modo seguente:
DirectoryIndex index.html
non sarà necessario specificare il nome del file nella url digitata. Si ricorda che tale direttiva imposta l'elenco di nomi di files che Apache fornisce se viene richiesta genericamente una directory senza specificare un particolare nome di file.

Linux e le dipendenze incrociate
Alcune volte può capitare che installando un pacchetto RPM sotto Linux, ci si trovi davanti al problema delle dipendenze: quindi se il pacchetto richiede solamente alcune librerie, noi non dovremmo far altro che installarle prima dell'installazione del pacchetto... ma se invece delle librerie ci richiedesse un altro pacchetto che però anch'esso dipende da quello che noi vorremmo installare come potremmo fare?
Bene, per ovviare a questo problema, ci basterà copiare nella directory del pacchetto che vogliamo installare tutti i file dell'altro pacchetto che devono soddisfare le dipendenze incrociate; poi aprire un terminale, loggarsi come root e digitare il seguente comando all'interno della directory:
rpm -Uvh *.rpm
Con questo comando vengono installati automaticamente tutti gli rpm presenti nella directory, soddisfando così le dipendenze incrociate.

Come configurare un Virtual Hosting con Apache
(traduzione libera di informazioni trovate su internet)
Se sta funzionando un WebServer Apache con un collegamento DSL o più veloce, puoi diventare un hosting provider per gli altri. Puoi anche essere l'host per i loro domini, senza aver bisogno di un IP per ogni dominio. Questo è chiamato virtual hosting, e sarai sorpreso quanto sia facile. Ricorda, alcuni providers hanno regole contro coloro che fanno servizio di hosting, perciò chiedi maggiori informazioni al tuo provider.
Registrare un dominio
La prima cosa che bisogna effettuare è la registrazione di un domicio all'Authority (Register.com o altro). Segui le istruzioni sul loro sito, registra un nuovo dominio. 
Domain Name Service (DNS)
Questa è forse la parte più difficile. Se non possiedi il tuo DNS personale, sarà necessario che tu contatti il tuo hosting provider perchè il nuovo dominio venga aggiunto al Server DNS. Se possiedi un tuo DNS, quello che devi fare è:
- editare Bind o il NameD o il DNS per aggiungere un nuovo Dominio
- farlo puntare all'IP del tuo server di Virtual Host
- riavviare il tuo DNS server
- Configurare Apache
- Una volta che il DNS punta al tuo Server di Virtual Host, hai bisogno di dire al tuo Web Server dove trovare il files per il dominio. Così lavora Apache, se hai configurato i virtual domains, il primo dominio inserito è quello di "default". Questa è la directory che verrà visualizzata quando un virtual domain non è configurato. (In altre parole, se il DNS fa il suo dovere, manda all'URL del tuo IP, ma dovrai avere i virtual host nel file httpd.conf
Esempio:
Hai comprato il dominio www.pippo.com e vuoi farlo puntare all'indirizzo IP 10.1.1.1 (che poi è il tuo numero di IP)
Il DNS è settato per puntare a questo IP.
Ora devi editare il file di Apache, httpd.conf
Vai alla sezione di httpd.conf circa il Virtual Host (talvolta è in srm.conf)
Assicurati che il Nome del Virtual Host punti al tuo indirizzo IP:NameVirtualHost 10.1.1.1
Il primo virtual host dovrà essere il tuo dominio di default:
<VirtualHost 10.1.1.1>
ServerName www.defaultdomain.com
DocumentRoot /www/domain
</VirtualHost>
Poi la lista dei nuovi domini, con ogni opzione che vuoi aggiungere:
<VirtualHost 10.1.1.1>
ServerName www.pippo.com
DocumentRoot /www/pippo
ErrorLog logs/pippo.com-error_log
TransferLog logs/pippo.com-access_log
</VirtualHost>
NOTA: si è aggiunto 2 righe al secondo virtual host. Queste permettono di separare gli errori e i logs di trasferimento per i nuovi domini dal tuo dominio di default. Se stai ospitando i domini di altre persone, quasi certamente vorranno i loro logs, e questo ti faciliterà la registrazioni dei loro logs
================================
<VirtualHost> Directive
Description: Contains directives that apply only to a specific hostname or IP address
Syntax: <VirtualHost addr[:port] [addr[:port]] ...> ... </VirtualHost>
Context: server config
Status: Core
Module: core
<VirtualHost> and </VirtualHost> are used to enclose a group of directives that will apply only to a particular virtual host. Any directive that is allowed in a virtual host context may be used. When the server receives a request for a document on a particular virtual host, it uses the configuration directives enclosed in the <VirtualHost> section. Addr can be:
* The IP address of the virtual host;
* A fully qualified domain name for the IP address of the virtual host;
* The character *, which is used only in combination with NameVirtualHost * to match all IP addresses; or
* The string _default_, which is used only with IP virtual hosting to catch unmatched IP addresses.
Example
<VirtualHost 10.1.2.3>
ServerAdmin webmaster@host.foo.com
DocumentRoot /www/docs/host.foo.com
ServerName host.foo.com
ErrorLog logs/host.foo.com-error_log
TransferLog logs/host.foo.com-access_log
</VirtualHost>
IPv6 addresses must be specified in square brackets because the optional port number could not be determined otherwise. An IPv6 example is shown below:
<VirtualHost [fe80::a00:20ff:fea7:ccea]>
ServerAdmin webmaster@host.example.com
DocumentRoot /www/docs/host.example.com
ServerName host.example.com
ErrorLog logs/host.example.com-error_log
TransferLog logs/host.example.com-access_log
</VirtualHost>
Each Virtual Host must correspond to a different IP address, different port number or a different host name for the server, in the former case the server machine must be configured to accept IP packets for multiple addresses. (If the machine does not have multiple network interfaces, then this can be accomplished with the ifconfig alias command -- if your OS supports it).
Note
The use of <VirtualHost> does not affect what addresses Apache listens on. You may need to ensure that Apache is listening on the correct addresses using Listen.
When using IP-based virtual hosting, the special name _default_ can be specified in which case this virtual host will match any IP address that is not explicitly listed in another virtual host. In the absence of any _default_ virtual host the "main" server config, consisting of all those definitions outside any VirtualHost section, is used when no IP-match occurs. (But note that any IP address that matches a NameVirtualHost directive will use neither the "main" server config nor the _default_ virtual host. See the name-based virtual hosting documentation for further details.)
You can specify a :port to change the port that is matched. If unspecified then it defaults to the same port as the most recent Listen statement of the main server. You may also specify :* to match all ports on that address. (This is recommended when used with _default_.)
Security
See the security tips document for details on why your security could be compromised if the directory where log files are stored is writable by anyone other than the user that starts the server.
See also
* Apache Virtual Host documentation - http://httpd.apache.org/docs/2.0/vhosts/
* Issues Regarding DNS and Apache - http://httpd.apache.org/docs/2.0/dns-caveats.html
* Setting which addresses and ports Apache uses - http://httpd.apache.org/docs/2.0/bind.html
* How <Directory>, <Location> and <Files> sections work for an explanation of how these different sections are combined when a request is received - http://httpd.apache.org/docs/2.0/sections.html

================================

Quello di cui ci occuperemo in questa guida saranno i virtualhosts. Cosa sono i virtualhosts? Supponete di avere due hosts sulla stessa macchina: il primo è quello che siamo abituati a chiamare "il server", il secondo è il virtual host. In pratica, quindi, due o più server sulla stessa macchina, come www.server1.com, www.server2.com ecc. Entrambi, comunque, saranno visto come veri e propri "server separati".
I virtualhost, come potrete benissimo immaginare, sono altamente utilizzati nel webhosting, quando un utente, oltre ad acquistare dello spazio sul server, registra anche un nome di dominio, al quale il server deve rispondere.
Apache, dalla versione 1.1, supporta sia i virtualhosts basati sul numero di IP sia quelli basati sul nome; questi ultimi vengono anche chiamati "basati sull' host" (host-based) oppure "non-IP virtual hosts".
Vedremo nei prossimi capitoli come creare e configurare entrambi. 
           
1. IP-Based Virtual Hosts
 
           
2. Name-based virtual hosts  

           
3. Prima di chiudere   

IP-Based Virtual Hosts
Il primo tipo di configurazione che vedremo è quello basato sull'IP: ovviamente, per rendere il tutto possibile, avrete necessariamente bisogno di più di un IP, rispettivamente uno per ogni host virtuale.
Sicuri di avere quanto necessario, si pone davanti a noi un'altra scelta: configurare Apache in modo che un singolo processo httpd sia eseguito per ogni singolo host, oppure utilizzare un solo processo httpd per tutti gli host.
Scegliere fra queste due possibilità non sarà comunque un problema: se avete problemi di memoria RAM, utilizzate un singolo processo, se invece avete bisogno di differenti configurazioni per ogni host e sulla vostra macchina la RAM abbonda, utilizzate più processi.
1. Utilizzazione di più processi httpd.
per lavorare con più demoni httpd, basterà semplicemente utilizzare una direttiva "listen" per ognuno, ad esempio:
Listen www.sito1.com:80 (oppure Listen 123.456.7.8:80)

Listen www.sito2.com:81
e via dicendo. 2. Utilizzare un solo processo con i virtual hosts. In questo caso, utilizzeremo un solo processo httpd per tutti gli host virtuali; la configurazione di ogni host può partire dall'esempio riportato nel file httpd.conf:
<VirtualHost host.some_domain.com>
ServerAdmin webmaster@host.some_domain.com
DocumentRoot /var/www/host.some_domain.com
ServerName host.some_domain.com
ErrorLog /var/log/apache/host.some_domain.com-error.log
TransferLog /var/log/apache/host.some_domain.com-access.log
</VirtualHost>
Poniamo di voler creare l'host virtuale www.virtuale.com, la cui DocumentRoot sia /www/virtuale ed il file di log degli errori in /var/log/virtuale/error.log; quello che dovremo scrivere sarà:
<VirtualHost www.virtuale.com>

ServerAdmin admin@virtuale.com
DocumentRoot /www/virtuale
ErrorLog /var/log/virtuale/error.log
</VirtualHost>
Per ogni host virtuale che vorremo creare, ovviamente, sarà necessario inserire un altro blocco di istruzioni fra i "tags" <VirtualHost> e </VirtualHost>

Name-based virtual hosts
Utilizzare una configurazione del genere per i virtual hosts è un'ottima maniera di implementare un bel numero di host su un solo server. Il piccolo contro, è che i browser devono supportare il protocollo HTTP/1.1, che praticamente tutti i browser recenti supportano.
Configurare degli host in questo modo non è troppo dissimile dalla configurazione degli IP-based virtual hosts: l'unica differenza è l'utilizzo della direttiva NameVirtualHost.
Se ad esempio www.server1.com e www.server2.com sono legati all'indirizzo IP 123.456.7.8, possiamo impostare due virtual host come segue:

NameVirtualHost 123.456.7.8
<VirtualHost 123.456.7.8>
ServerName www.server1.com

DocumentRoot /www/server1
</VirtualHost>

<VirtualHost 123.456.7.8>
ServerName www.server2.com

DocumentRoot /www/server2
</VirtualHost>
Quindi, sulla macchina con IP 123.456.7.8, saranno presenti due host, ognuno con le proprie caratteristiche e, soprattutto, nome. Ricordate inoltre che fra <VirtualHost> e </VirtualHost> potrete inserire tutte le istruzioni che vi servono, differenti per l'uno e per l'altro host: in questo caso abbiamo cercato di semplificare al massimo la configurazione degli host ma, per un esempio, potete rifarvi all'esempio riportato poco sopra.
Prima di chiudere
Prima di terminare, poniamo l'accento su una cosa che per alcuni potrebbe essere utile: ad esempio, volete che a "http://server.it" corrisponda anche "www.server.it". Questo può essere fatto con semplicità tramite:
ServerAlias server.it www.server.it
oppure
ServerAlias server.it *.server.it
Per chi volesse approfondire l'argomento dei virtual hosts, soprattutto per quanto riguarda le differenti configurazioni, consiglio una lettura degli esempi forniti con la documentazione di Apache, presenti nella directory ../apache/manual/vhosts/examples.html

================================
APACHE : I virtual hosts
Con i virtual hosts posso indirizzare ad uno stesso indirizzo IP più domini virtuali. 
Per configurare i virtual hosts andiamo alla fine del file httpd, ed aggiungiamo queste righe:
ServerAdmin tuonome@dominio.it
DocumentRoot c:\inetpub\wwwroot
ServerName www.tuonome.it
ErrorLog logs/dummy-host.example.com-error_log
CustomLog logs/dummy-host.example.com-access_log common
dopo averle configurate a nostro piacimento, e dopo aver avviato Apache, scrivendo www.tuonome.it nel browser si potrà visulizzare le pagine contenute nella cartella c:\inetpub\wwwroot. 
In questo modo se lavoriamo in una rete intranet possiamo utilizzare un unico computer come server per più persone. Se infatti configuro un virtual host per Pippo, lui scrivendo www.pippo.it accederà alla cartella c:\inetpub\wwwroot\pippo, mentre Pluto scrivendo www.pluto.it potrà accedere ai file contenuti nella cartella c:\inetpub\wwwroot\pluto. In questo modo daremo la possibilità sia a Pippo che a Pluto di avere ognuno un suo virtual host, che punta ad una cartella personalizzata, dove risiedono le pagine del loro sito.
==================================
Tramite queste impostazioni, potrete creare degli host virtuali all'interno del vostro host principale. Vediamo come si impostano: l'esempio presentato nel file httpd.conf di Apache si presenta come segue:
#<VirtualHost ip.address.of.host.some_domain.com>
# ServerAdmin webmaster@host.some_domain.com
# DocumentRoot /www/docs/host.some_domain.com
# ServerName host.some_domain.com
# ErrorLog logs/host.some_domain.com-error_log
# CustomLog logs/host.some_domain.com-access_log common
#</VirtualHost>
Immaginiamo di voler impostare l'host miosito.host.com all'interno del nostro host.com; dovremo (oltre a decommentare le righe) inserire qualcosa del tipo:
<VirtualHost xxx.xxx.xxx.xxx> # L'ip di miosito.host.com
ServerAdmin webmaster@miosito.host.com # L'indirizzo e-mail dell'amministratore di miosito.host.com
DocumentRoot C:/Programmi/Apache Group/Apache/users/miosito.host.com/ # La directory principale di miosito.host.com
ServerName miosito.host.com # Il nome del server virtuale
ErrorLog logs/miosito.host.com-error_log # Dove verranno tenuti i log di miosito.host.com
CustomLog logs/miosito.host.com-access_log common # Dove verranno tenuti gli altri log di miosito.host.com
</VirtualHost>
Nel caso abbiate bisogno di ulteriori informazioni sui server virtuali, andate a http://www.apache.org/docs/vhosts/
===================================
<VirtualHost> directive ( http://httpd.apache.org/docs/mod/core.html#virtualhost )
Syntax: <VirtualHost addr[:port] [addr[:port]] ...> ... </VirtualHost>
Context: server config
Status: Core.
Compatibility: Non-IP address-based Virtual Hosting only available in Apache 1.1 and later.
Compatibility: Multiple address support only available in Apache 1.2 and later.
<VirtualHost> and </VirtualHost> are used to enclose a group of directives which will apply only to a particular virtual host. Any directive which is allowed in a virtual host context may be used. When the server receives a request for a document on a particular virtual host, it uses the configuration directives enclosed in the <VirtualHost> section. Addr can be
* The IP address of the virtual host
* A fully qualified domain name for the IP address of the virtual host.
Example:
<VirtualHost 10.1.2.3>
ServerAdmin webmaster@host.foo.com
DocumentRoot /www/docs/host.foo.com
ServerName host.foo.com
ErrorLog logs/host.foo.com-error_log
TransferLog logs/host.foo.com-access_log
</VirtualHost> 
Each VirtualHost must correspond to a different IP address, different port number or a different host name for the server, in the former case the server machine must be configured to accept IP packets for multiple addresses. (If the machine does not have multiple network interfaces, then this can be accomplished with the ifconfig alias command (if your OS supports it), or with kernel patches like VIF (for SunOS(TM) 4.1.x)).
You can specify more than one IP address. This is useful if a machine responds to the same name on two different interfaces. For example, if you have a VirtualHost that is available to hosts on an internal (intranet) as well as external (internet) network. Example:
<VirtualHost 192.168.1.2 204.255.176.199>
DocumentRoot /www/docs/host.foo.com
ServerName host.foo.com
ServerAlias host
</VirtualHost> 
The special name _default_ can be specified in which case this virtual host will match any IP address that is not explicitly listed in another virtual host. In the absence of any _default_ virtual host the "main" server config, consisting of all those definitions outside any VirtualHost section, is used when no match occurs.
You can specify a :port to change the port that is matched. If unspecified then it defaults to the same port as the most recent Port statement of the main server. You may also specify :* to match all ports on that address. (This is recommended when used with _default_.)
SECURITY: See the security tips document for details on why your security could be compromised if the directory where logfiles are stored is writable by anyone other than the user that starts the server.
============================
Utilizzo dei virtualhost
Ciao raga, per riparare i danni causati dai miei post in questo forum... Qui spero di riuscire a spiegarvi come si utilizzano i virtualhost di apache, poichè sono molto utili e vi possono servire in molte occasioni...
Allora: Cominciamo dalla domanda più comune per tutti...
COSA E' UN VIRTUALHOST? A COSA SERVE???
Un virtualhost è intanto un servizio che offre apache e che serve ad ospitare più siti nello stesso server specificando più indirizzi ip (Come spiegheremo in seguito) o utilizzando lo stesso ip. Ad ogni sito corrisponderà una determinata cartella, che potrà anche corrispondere a quella di un'altro virtualhost (cosa estremamentre inutile, ma fattibbile)
DEVO AVER INSTALLATO QUALCOS'ALTRO OLTRE AD APACHE?
No, basta modificare ed aggiungere poche cose nel file httpd.conf di apache per utilizzare i virtualhost.
COME APRO UN DETERMINATO SITO DAL MIO BROWSER?
Esattamente come con localhost o l'indirizzo ip 127.0.0.1.
Esistono due tipi di virtualhost: gli IP-Based Virtual Hosts e d i Name-Based Virtual Hosts. Qui spiegherò come utilizzare i Name-Based Virtual Hosts, perchè più comodi (penso ).
COME CONFIGURO IL FILE HTTPD.CONF DI APACHE???
Intanto bisogna decommentare alcune stringhe relative all'uso di "mod_vhost_alias" perciò queste due stringhe:
#LoadModule vhost_alias_module modules/mod_vhost_alias.so
e
#AddModule mod_vhost_alias.c
diventeranno
LoadModule vhost_alias_module modules/mod_vhost_alias.so
e
AddModule mod_vhost_alias.c
ok?
Ora passiamo alla creazione vera e propria dei virtualhosts...
Alla fine del file HTTPD.CONF c'è la parte relativa ai virtual host. Per crearne uno dovremo sovrascrivere, o modificare quella parte, così:
code:
# Impostazioni per il virtualhost di ...
#----------------------------------------------------------------------
# get the server name from the Host: header
UseCanonicalName Off
#
# this log format can be split per-virtual-host based on the first field
LogFormat "%V %h %l %u %t \"%r\" %s %b" vcommon
CustomLog logs/access_log vcommon
#
Port 80
#questo si può cambiare ma noi utilizzaremo per adesso
#127.0.0.2
NameVirtualHost 127.0.0.2
<VirtualHost 127.0.0.2>
ServerName www.mioserver.it # Nome del Server
ServerAdmin administrator.email@mioserver.it # Email dell'admin
DocumentRoot c:/Virtualhosts/miohost/ # Path del virtualhost
ErrorLog c:/Virtualhosts/error.php # Codice opzionale
TransferLog c:/virtualhosts/transfer.php # Codice opzionale
</VirtualHost>
così abbiamo creato il nostro virtualhost con ip 127.0.0.2.
Se cambiate l'ip del virtualhost a * esso sarà l'unico host visualizzabile, qualunque ip mettete nel browser ok?
Naturalmente dobbiamo modificare le stringhe relative alle path dei file e delle cartelle a seconda delle nostre esigenze... Le perte commentate come codice opzionale si possono tranquillamente eliminare oppure li lasciate e li modificate sempre secondo le vostre esigenze...
Il nostro VirtualHost ora è funzionante! Basta riavviare apache e vedrete!!!
Come faccio a dargli un nome tipo localhost???
Intanto ringrazio a Gnegno per avermelo detto, ed infatti questa operazione si può effettuare modificando il file Hosts, presente nella directory %windir%/system32/drivers/etc/ di windows
oppure nella dir etc di linux.
Appena aprirete questo file troverete già un host registrato: è localhost, che apache ha installato attribuendogli l'ip 127.0.0.1 .
Per aggiungere un host, dovremo intento scrivere l'ip del nostro virtualhost, ed in seguito (non bisogna scriverli attaccati, ma separati da una tabulazione o da uno spazio), il nome che gli vogliamo dare. Se poi si vuole dare un commento si può fare in stile C mettendo un #. Così gli aggiungeremo
code:
# Host configurato da ... il gg/mm/aaaa ore hh/mm
127.0.0.2 paterhost
# /Host
oppure
code:
127.0.0.2 miohost # Il mio primo virtual host!!!
Naturalmente i commenti sono personalizzabili a proprio piacimento...
Riavviate apache e vediamo se funziona... provate a scrivere nel vostro browser http://miohost/ e vediamo se vi appare il vostro virtual host!
Se si, vuol dire che siete sati bravi a seguire le mie indicazioni, se nò, postate che vedremo insieme di risolvere il problema!
PS: Ricordatevi che dovete creare le cartelle corrispondenti al virtualhost e metterci dentro un file php di prova con, per esempio, il seguente contenuto:
PHP:
<? phpinfo(); ?>

Comandi fondamentali RPM

Funzione RPM
Installare un pacchetto rpm -ivh <pacchetto>-i386.rpm
Rimuovere un pacchetto rpm -e <pacchetto>
Contenuti di un pacchetto non installato rpm -qpl <pacchetto>-i386.rpm
Contenuti di un pacchetto installato rpm -ql <pacchetto>
Descrizione di un pacchetto installato rpm -qi <pacchetto>
Descrizione di un pacchetto NON installato rpm -qpi <pacchetto>-i386.rpm
Ricerca di un pacchetto rpm -qa | grep <espressione>

cd nome_cartella --> entra nella dir nome_cartella.
cd (da solo) --> porta nella home utente corrente.
ls -l *.doc --> visualizza tutti i .doc.
ln -s /file_sorg /dir_dest --> crea collegamento.
mv --> sposta e rinomina files.
__- sposta: mv /home/prova.txt /usr sposta il file prova.txt in /usr.
__- rinomina: mv home/cazzo.txt ded.txt
rm -rf --> elimina directory e tutti i suoi file senza chiedere conferma.
rmdir --> rimuove dir vuote.
pwd --> mostra la dir corrente.
tree /directory --> visualizza un elenco ad albero dei file contenuti in /directory.
file /percorso/* --> crea una lista specificando i tipi di file
touch nome_file --> crea un file
cat /file --> visualizza il contenuto di un file
vi /file --> edita un file da GUI - (con "i" si eidta, con ":w" salva, con ":q" si esce)
less/more --> simili al cat ma permettono di scorrere il testo su e giu.
find / -name nome_file -print --> cerca tutti i file "nome_file" in /
grep parola file.txt --> cerca "parola" all'interno di un file.
what is nome_comando --> spiega lo scopo del comando.
du /nome_dir --> mostra la grandezza della dir occupata in byte.

PACCHETTI RPM 
whereis nome_prog --> trova le dir e le dipendenze del prog installato.
rpm -qa | grep nome_file --> visualizza tutti gli rpm con quel nome, installati.
rpm -qpl nome_pacch.rpm--> visualizza tutte le dir di dipendenza di quel pacchetto.
rpm -ivh pacchetto.rpm --> installa pacchetto con barra di progressione.
rpm -Uvh libreria.rpm pacchetto.rpm --> installa rpm che necessitano di librerie.
tar xvjf nome_archivio.bz2 --> scompatta archivio .bz2.
tar xvzf nome_archicio.bz --> scompatta archivio.bz.

SISTEMA

df --> mostra partizioni.
fdisk -l --> mostra partizioni e file system (es. fdisk -l /dev/hda1 mostra solo hda1 nel dettaglio).
ctrl+alt+back space --> chiude server x grafico.
info grub --> permette di configurare il boot di avvio grub.
modprobe --> info su kernel e installazione moduli. 
insmod nome_modulo --> carica un modulo.
dmesg --> visualizza tutte le info di configurazione del sistema (cpu meoria ecc..)
ps x, pstree --> mostrano processi in exec.
kill [pid] --> uccide un processo.
uname -a --> mostra il tipo di kernel.
echo $PATH --> mostra tutti i percorsi in cui sono contenuti gli eseguibili di sistema.
which nome_comando --> mostra la dir in cui si trova l'eseguibile del comando digitato.
mount -t ntfs /dev/hda1 /mnt --> monta la part ntfs hda1 in /mnt (deve essere supportato dal kernel).

Trasformare un vecchio Pc in un firewall
Miniguida a Coyote Linux (http://www.coyotelinux.com/) , una sorprendente distribuzione contenuta in un floppy.
Avete un vecchio Pc di cui volete sbarazzarvi, troppo lento anche per navigare su Internet, o per scaricare la posta elettronica? La risposta per renderlo di nuovo operativo è racchiusa in una minidistribuzione Gnu/Linux che entra tutta in un floppy: Coyote Linux. 
La distro in questione non ha ovviamente alcuna interfaccia grafica ma in compenso trasforma il Pc su cui è eseguita in un firewall/router hardware di tutto rispetto. 
Come detto Coyote Linux entra in un floppy ed è avviabile solo da floppy, rendendo inutile equipaggiare il Pc su cui è eseguita di un hard disk. Dunque chi volesse provare la distro dovrà avere un Pc con processore 486 o superiore, almeno 12 Mbyte di memoria Ram, un drive floppy, una scheda video VGA e due schede Ethernet installate: una per la connessione diretta tramite cavo incrociato con un altro Pc, e una per la connessione a un modem Ethernet Adsl (chi volesse può optare per il classico modem analogico 56K, che rende inutile l'utilizzo della seconda scheda Ethernet). 
Ipotizzeremo in questo esempio di avere due Pc, uno con Windows Xp e una scheda Ethernet (sarà il client nella nostra micro rete), l'altro su cui inseriremo il floppy con Coyote Linux (il nostro firewall/router) equipaggiato con due schede Ethernet. Come connessione a Internet ipotizzeremo di avere una Adsl che utilizzi un modem Ethernet. 
Innanzitutto possiamo scaricare ed eseguire il comodo file di setup avviabile da Windows che ci guiderà passo passo alla configurazione e creazione del floppy di boot contenente Coyote Linux. 
Dopo aver scelto la password di root, dovremo scegliere il tipo di connessione utilizzata per navigare su Internet. Se, come in questo esempio, utilizziamo una connessione Adsl e un modem Ethernet, probabilmente sceglieremo PPPoE Configured Internet e in questo caso dovremo inserire nome utente e password, nonché i server Dns utilizzati dal nostro Internet provider negli appositi campi Nameserver1 e 2. 
Dovremo poi decidere se abilitare il DHCP (Dynamic Host Configuration Protocol) in modo da far assegnare gli indirizzi Ip nella nostra rete a Coyote Linux.; infine dovremo selezionare la Local Network Card (scheda Ethernet utilizzata per la connessione con un altro Pc o un hub) e la Internet Network card (scheda Ethernet utilizzata per la navigazione vera e propria). 
Completate tutte le configurazioni potremo creare finalmente il floppy cliccando sul pulsante Create Disk. 
Sul Pc con sistema operativo Windows Xp (il client nel nostro esempio) dovremo andare su Start\Impostazioni\Pannello di Controllo\Connessioni di Rete\Connessione alla Rete Locale(Lan), cliccare con il tasto destro e scegliere Proprietà, poi selezionare Protocollo Internet(TCP/IP) cliccare su Proprietà. Selezioniamo a questo punto Utilizza il seguente indirizzo Ip e immettiamo i valori: 
Indirizzo Ip: 192.168.0.2
Subnet mask: 255.255.255.0
Gateway predefinito: 192.168.0.1 (di default l'indirizzo del Pc su cui eseguiremo Coyote Linux). 
Selezioniamo quindi Utilizza i seguenti server Dns e immettiamo i valori dei Domain Name Server del nostro provider. 
Se invece abbiamo scelto di attivare il DHCP server in Coyote Linux, nella configurazione IP del client Windows dovremo selezionare l'opzione di assegnazione automatica dell'indirizzo. 
A questo punto non dovremo far altro che connettere la Internet Network card (da noi scelta in fase di setup di Coyote Linux) al modem Adsl Ethernet attraverso cavo UTP e connettere la Local Network Card alla scheda Ethernet del Pc client con Windows XP attraverso un cavo incrociato. 
Inseriamo il floppy con Coyote Linux nel drive floppy del Pc da noi scelto, riavviamolo e controlliamo che nel Bios il floppy sia selezionato come primary boot device. Fatto tutto questo Coyote Linux verrà caricata in memoria e noi non dovremo far altro che loggarci da utente root. Il menu che ci troveremo difronte consentirà ad utenti smaliziati nella configurazione di iptables di andare a configurare manualmente gli script e la configurazione del firewall. 
Se tutto è stato eseguito correttamente potremo avviare un web browser a nostra scelta sul computer scelto come client e navigare schermati dal Pc su cui è eseguita Coyote Linux. 

Principali comandi della console
Vedi anche: Linux Useful Command (http://homepage.powerup.com.au/~squadron/linux_manual.pdf)
Comandi principali dell'editor VIM

ls visualizza il contenuto della directory
cd permette di cambiare la cartella corrente
mkdir crea una nuova directory
rmdir elimina una cartella VUOTA
mv sposta/muove una cartella
cp copia un file o una cartella
rm rimuove un file
tar comando per archiviare e comprimere file o cartelle
df visualizza lo spazio sul disco fisso
du mostra l'utilizzo dello spazio sul disco fisso per ciascuna cartella
pwd visualizza il nome della directory corrente
file descrive il contenuto e le informazioni su un file
head visualizza l'inizio di un file
tail visualizza la parte fina di un file
chmod consente di modificare i diritti di apertura e di uso dei file assicurati dal proprietario, al gruppo a cui appartiene il proprietario e agli altri utente
chgrp cambia il gruppo di utenti in cui è inserito il file
man visualizza il manuale elettronico associato al comando a cui si riferisce la chiamata
chown cambia il proprietario del file
locate rintraccia un particolare file
find consente di cercare un file all'interno della directory
cat stampa senza interruzione il contenuto del file
less consente di navigare all'interno del file
grep permette di cercare spezzoni di testo nel file
diff confronta il contenuto del file
sort riordina i files
USO DEL FILE SYSTEM
mount monta un dispositivo dotato di file system
unmount smonta la periferica montata
USO DEL SISTEMA
passwd cambia la password dell'utente
ps visualizza i processi dell'utente in esecuzione
su permette di assumere un'altra identità senza effettuare il log-in
top un monitor di stato del sistema
free indica lo spazio disponibile, quello in uso e il file di swap
date mostra la data e l'ora di sistema.
top visualizza tutti i processi in corso
kill "uccide" un processo in esecuzione
kill all "uccide" tutti i processi avviati
ping verifica il funzionamento della rete
telnet apre il programma Linux per navigare sul protocollo telnet
halt spegne il pc
reboot riavvia il sistema
clear cancella le informazioni sullo schermo

Installazione dei programmi sotto Linux (Vedi)

Programmi per linux
KCron - Esecuzione atomatica di programmi secondo determinate scadenze (http://www.kde.org)
KUser - Aggiungere e gestire gli utenti del sistema (http://www.kde.org)
KRFB e KRDC - Controllo del desktop da remoto (http://www.kde.org). KRFB (Condivisione desktop). KRDC (Connessione a desktop remoto o Remote Desktop Connection), simile al VNC

Configurare Linux (con SAMBA) come PDC (Dominio di rete) - vari articoli ed esempi di file di configurazione  (Scarica) e ancora....
                            SMB4K E' un browser per le condivisioni (SMB) per l'ambiente desktop KDE. Esso fa uso della suite
                            Samba per accedere agli share SMB sulla rete locale.
                            Tra le principali caratteristiche: scansione di workgroup, host e share, mounting e unmounting di share SMB,
                            accesso ai file via Konqueror, auto detect delle operazioni di mount esterne.
                            http://smb4k.berlios.de
                            Links: http://www.openskills.info/view/boxdetail.php?IDbox=552&boxtype=description
                                        http://www.pluto.linux.it/ildp/HOWTO/SMB-HOWTO.html   
                                        http://scuola.linux.it/docs/samba/samba8.html

Links
http://www.webmin.it/ - http://webadminmodules.sourceforge.net (***************)
ISPConfig http://www.ispconfig.org/
ISPConfig is an open source hosting control panel for Linux. ISPConfig is licensed under BSD license.
Managed Services
* Httpd (virtual hosts, domain and IP based)
* FTP
* Bind (A, CNAME, MX and SPF Records)
* POP3 Auto-Responder
* MySQL client-databases
* Webalizer statistics
* Harddisk quota
* Mail-Quota
* Traffic limits
* IP-addresses
* SSL
* SSI
* Shell-access
* Mailscanner (Antivirus)
* Firewall
Supported Distributions
* Mandrake Linux starting from version 8.1 to 10.2
* Mandriva 2006 - 2010.0
* Red Hat Linux starting from version 7.3 to 9.0
* Fedora Core 1 - 6, Fedora 7 - 12
* SuSE Linux starting from version 7.2 to 11.2
* Debian 3.0 - 5.0
* Ubuntu 5.04 (Hoary Hedgehog) - 9.10 (Karmic Koala)
* CentOS 4.1 - 5.4
Details
* Operating System: Linux (Kernel 2.4 or later with glibc6) (the following distributions are supported: Mandrake Linux, Mandriva, Red Hat Linux, Fedora Core, Fedora, SuSE Linux, OpenSuSE, Debian, Ubuntu and CentOS)
* Apache Webserver version 1.3.12 or later / 2.0.40 or later
* Sendmail or Postfix
* Procmail
* Quota Package
* ProFTP as standalone version or vsftpd as inetd/xinetd/standalone version
* Php 4.0.5 or newer as Apache module
* MySQL data base
* a POP3/IMAP daemon that supports either the traditional Unix-Mailbox format (e.g. gnu-pop3d, qpopper, ipop3d, popa3d or vm-pop3d) or the Maildir format (e.g. Courier-Imap, Dovecot)
* OpenSSL and mod_ssl for the creation of SSL virtual hosts
* BIND8 / BIND9
* iptables or ipchains
http://www.ispconfig.org/

http://www.tevac.com/book/contributi/2001/webmin/  (FOR MacOS)
http://www.winehq.com
http://www.apache.3000.it/
http://www.apache3000.net/
http://static.openskills.info/livebooks/apache_-_installazione_e_configurazione/ (
Apache - Installazione e configurazione )
http://www.webmasterpoint.org/linux/home.asp
http://www.webmasterpoint.org/apache/home.asp
http://www.apache-ssl.org/
http://www.cups.org/ (Common UNIX Printing System: interfaccia di amministrazione http://localhost:631/admin)
http://www.winehq.com/ (emulatore, consente di eseguire applicazioni Windows in ambiente Linux)
http://www.sistemistiindipendenti.org
http://wiz.homelinux.net/
http://osdir.com/  (Open Source and Linux News & Software by O'Reilly)
Guida a linux: http://php.html.it/guide/leggi/92/guida-php-su-linux/ e http://php.html.it/guide/leggi/94/guida-php-su-windows/
                            http://guide.dada.net/manuali/interventi/2004/10/179095.shtml
http://www.linuxcompatible.org/ (**************)
http://www.oneopensource.it/ (
oneOpenSource è un blog rivolto alla comunità di utilizzatori e sviluppatori di software libero e gratuito.)

OPEN VPN
http://www.sistemistiindipendenti.org/modules/news/article.php?storyid=66
http://www.sistemistiindipendenti.org/modules/news/article.php?storyid=44

Installare un server LDAP
Prima di tutto .. Che cos’è un server LDAP ?
La sigla LDAP è l’acronimo di Lightweight Directory Access Protocol (protocollo “leggero” per l’accesso a servizi di directory) ed ha funzioni di accesso simili a quelle di un database. La differenza sostanziale può essere cercata nella parola “leggero”: si tratta cioè di un sistema che ha alcune funzioni di un database ma è specializzato in modo da ottimizzare le prestazioni per l’uso attraverso la rete in operazioni di lettura, lista e ricerca di informazioni contenute in un “server” LDAP, ovvero un sistema che risponde a richieste di operazioni da parte di “clienti” effettuate mediante il protocollo stabilito. Un server LDAP consente di effettuare operazioni di inserzione, cancellazione ed aggiornamento dei dati, come un database generico, ma e’ ottimizzato per effettuare operazioni di ricerca ed accesso alle informazioni.
Se usate sarge ( debian ) è una passeggiata … # apt-get install slapd A questo punto parte un wizard di configurazione dove ci viene chiesto il nome del dominio ( in pratica il nome della radice del nostro albero gerarchico ) e la password di amministratore.
Se sbagliamo qualcosa o vogliamo riconfigurarlo basta digitare # dpkg-reconfigura slapd in questo modo farete ripartite il wizard di prima quante volte vorrete.
A questo punto vi chiederete come diavolo facciamo per amministrarlo … Bhe … io ho provato diversi tools poi ho trovato la pace dei sensi con phpldapadmin.
Grazie a sarge installarlo è davvero banale: # apt-get install phpldapadmin. Per usarlo avremo bisogno di apache , php e alcune estensioni di php … fortunatamente apt si occupa delle dipendenze e dopo aver riavviato il webserver ( # /etc/init.d/apache restart) possiamo collegarci al seguente indirizzo: http://ip-del-server/phpldapadmin.
Dopo aver digitato la password saremo liberi di aggiungere tutti i nodi di cui avremo bisogno scegliando tra diversi template per l’inserimento.
Durante i miei esperimenti ho avuto dei problemi con l’accesso amministrativo che ho risolto indicando nel file di configurazione di phpldapadmin ( che dovreste trovare in /etc/phpopenldapadmin/) l’accesso tramite sessioni e non tramire cookies.
Per i possibili usi di questo servizio immagino che abbiate già i vostri obbiettivi …
Io personalmente avevo bisogno di una rubrica condivisa sui client di posta elettronica.
Riferimenti:
http://www.debian.org/releases/stable/
http://www.openldap.org/
http://phpldapadmin.sourceforge.net/

Sito su linux
http://gizmo2.dyndns.org/index.php

Tutto masterizzazione
DVD95, trasforma i dvd da 9 Gb (DVD9) nel classico formato da 4,7 Gb (DVD5).
http://dvd95.sourceforge.net
Graveman, ambiente grafico per masterizzare CD e DVD. Disponibile per molte piattaforme.
http://graveman.tuxfamily.org/
VobCopy
http://vobcopy.org
K9Copy
http://k9copy.sourceforge.net/
Nautilus CD-Burner, masterizza CD e DVD
http://ftp.gnome.org/pub/GNOME/sources/nautilus-cd-burner/ oppure http://www.linuxfromscratch.org/blfs/view/stable/gnome/nautilus-cd-burner.html
K3B, il migliore programma per la masterizzazione.
http://www.k3b.org/
DVDCreateBackup
http://dvd-create.sourceforge.net/
DVDRip
http://www.exit1.org/dvdrip/ 
LibDVDCSS (per le protezioni CSS)
http://www.videolan.org/developers/libdvdcss/ oppure http://developers.videolan.org/libdvdcss
xDVDShrink
http://dvdshrink.sourceforge.net
VLC Media Player
http://www.videolan.org/vlc

Realizzare DVD
Cinelerra: http://www.cinelerra.org/ - http://heroinewarrior.com/cinelerra.php3
DVDAuthor: http://dvdauthor.sourceforge.net/

Usare una webcam come ip camera
http://webcamserver.sourceforge.net

Monitorare la rete
http://etherape.sourceforge.net/

Wirelss tools
http://wifi-radar.systemimager.org/

Cups (gestione stampa sotto linux)
Sistema di stampa attraverso una pagina web. Basta avviare il browser e puntarlo su "http://localhost:631"
http://www.cups.org/

Sane (gestione degli scanner sotto linux)
http://www.sane-project.org/

GtkPod (gestione iPod sotto linux)
http://www.gtkpod.org

Kino (dalla videocamera al DVD in un colpo solo)
http://www.kinodv.org

Cinelerra (dalla videocamera al DVD)
http://www.cinelerra.org/

DVDAuthor
A simple set of tools to help you author a DVD. The idea is to be able to create menus, buttons, chapters, etc, but for now you can just take an mpeg stream (as created by mplex -f 8 from mjpegtools 1.6.0) and write it to DVD.
http://dvdauthor.sourceforge.net

QDVDAuthor
A simple set of tools to help you author a DVD. Creazione di menu
http://qdvdauthor.sourceforge.net/

Freevo
Trasformare in un MediaCenter Linux, ricevere e registrare programmi TV, guardare DVD e ascoltare la musica. E' possibile utilizzarlo anche per visualizzare la collezione di immagini digitali.
http://freevo.sourceforge.net/

NTFS-3G
Permette di accedere ai dischi NTFS (Windows) in sicurezza.
http://www.linux-ntfs.org

DeMuDi
Trasformare gratuitamente Linux in uno studio di registrazione musicale
http://www.demudi.org/

Linux Terminal Server Project
http://www.ltsp.org/