Tips Macintosh 2
I suggerimenti sono stati presi da riviste di informatica, da newsletters o da siti web
perciò ogni diritto rimane al legittimo proprietario.

 

Creare PDF (master, compresso, criptato o di dimensioni ridotte)
Installare applicazioni da file .dmg
Formattare l'Hard Disc esterno
Leopard: l'installazione!
Come re-installare Mac OS X senza perdere documenti esistenti, applicazioni e configurazioni.
Riparare il Disco di Avvio (da DVD)
Riparare i permessi con Utility Disco

 

 

 

 

 

 

Creare PDF (master, compresso, criptato o di dimensioni ridotte)

Il formato PDF (Portable Document Format), inventato da Adobe Systems e perfezionato in un arco di anni, ci consente di acquisire e visualizzare informazioni, da qualsiasi applicazione o sistema di computer, e di condividerle con chiunque nel mondo. Un file PDF può descrivere documenti che contengono testo e/o immagini a qualsiasi risoluzione. Ogni documento PDF contiene una completa descrizione del documento bidimensionale (e, con la comparsa di Acrobat 3D, documenti 3D incorporati) composta da proprietà (Titolo, Autore, ...) testo, stili di carattere (font), immagini e oggetti di grafica vettoriale 2D che compongono il documento. Il documento PDF non include informazioni specifiche per software, hardware e sistema operativo usato. Ciò permette che il documento venga visualizzato, renderizzato e stampato nella stessa esatta maniera indipendentemente dalla piattaforma e/o dispositivo utilizzato per leggerlo.

Archivio > Stampa > PDF > Registra come PDF
La via per creare PDF da Mac OS X consiste nell'utilizzare il dialogo di stampa. La stampa non è l’unica cosa che si può fare con il dialogo di stampa di Mac OS X. C’è anche un pulsante che dice PDF e un sotto menu con il comando Registra come PDF...

 

Apri il documento che vuoi registrare come PDF.
Scegli Archivio > Stampa.
Scegli un comando dal menu a comparsa PDF
Per creare un documento PDF, scegli “Registra come PDF”.
In tal modo verrà creato un PDF master digitale. La grafica sarà visualizzata a piena risoluzione e il documento includerà tutti i caratteri.

Scopriamo alcune funzioni interessanti e utili:

  1. Possiamo creare un documento di dimensioni inferiori, scegliendo “Crea PDF compresso”. In tal modo verranno compresse tutte le immagini all’interno del documento e verrà generato un PDF di dimensioni inferiori rispetto a un PDF master digitale. Ciò risulta particolarmente utile se devi inviare il documento tramite posta elettronica o se non intendi eseguirne la stampa.
  2. Possiamo creare un documento protetto da pass, scegliendo "Crea PDF criptato" e inserendo una password. Chiunque desideri aprire il PDF dovrà inserire la password specificata.
  3. Possiamo ridurre ulteriormente le dimensioni del file o elaboralo con svariati effetti mediate i filtri Quartz in particolare “Reduce File Size”.

3a)Con Anteprima
Aprendo il file, scegliendo dal menu Archivio > Registra e con il filtro Quartz “Reduce File Size”.

 

3b)Con Utility ColorSync
Archivio > Apri e selezionando un documento PDF. Applicando il filtro Quartz “Reduce File Size” nel menu a comparsa “Filtro” (Gli effetti del filtro vengono mostrati nella finestra, ma il documento non viene modificato) e quando si desidera registrare la modifica facendo clic sul pulsante “Applica”.


Il filtro Quartz applica una riduzione drastica delle dimensioni del file, maggiore di quella applicabile dal dialogo di stampa che abbiamo visto sopra (Crea PDF Compresso). Questa riduzione non permette una stampa accettabile del documento, ma la sola visualizzazione a bassa risoluzione.


Installare applicazioni da file .dmg

Quando si scarica un'applicazione dalla Rete, capita sempre più spesso che detta applicazione sia incorporata in un file .dmg (immagine disco) come, per esempio, questa:

L'immagine disco si apre con un semplice doppio clic (grazie all'utility di Sistema DiskImageMounter); quindi sulla Scrivania compare il volume aperto che contiene l'applicazione vera e propria:

A questo punto si trascina l'applicazione fuori dal volume e la si piazza dove si vuole sul proprio HD, per esempio nella Cartella Applicazioni.
Attenzione: alcuni programmi (come quelli di Apple) si rifiutano di funzionare o di lasciarsi aggiornare se non sono stati messi dentro la Cartella Applicazioni.

***

DMG che contengono un "Installer"

Se all'apertura del volume non compare l'applicazione ma un installer è sufficiente fare doppio clic su quest'ultimo: sarà lui a provvedere alla corretta sistemazione dell'applicazione nella cartella Applicazioni e dei vari file di supporto nella sede più opportuna.

Ecco il caso in cui il volume contiene un installer:

Ora che l'applicazione ha raggiunto la sua sede può finalmente essere usata e il volume va espulso: basta fare un clic in una parte bianca del volume (per deselezionare l'applicazione che sta al suo interno) e premere la combinazione di tasti Mela E.
Un altro modo per “smontare” un volume è quello di premere la righetta sormontata da un triangolino (vedi figura precedente).

A questo punto il file .dmg può essere tranquillamente eliminato buttandolo nel cestino e svuotandolo.

Attenzione!
Se l'applicazione è fornita di installer, dopo averlo lanciato con un doppio clic, è bene controllare che cosa fa esattamente: se oltre all'installazione offre anche la possibilità di disinstallare un'applicazione, allora è preferibile conservare il file .dmg su cui risiede l'installer. Nell'eventualità che si decida di eliminare l'applicazione, l'installer andrà a cercare e ad eliminare anche tutti i file ad essa correlati, dovunque siano stati collocati.


Formattare l'Hard Disc esterno

Per inizializzare (formattare) un hard disk esterno lo si deve collegare al Mac e andare in
Applicazioni --> Utility --> Utility Disco e scegliere "Inizializza".

Selezionare l'hard disk esterno e scegliere una delle opzioni del menù a tendina in "Formato volume".

*Se si usa l'hard disk esterno solo su Mac si consiglia di inizializzare in Mac OS esteso (scegliere Journaled se si vuole installare un sistema operativo nel disco esterno).

*Se si usa l'hard disk anche con Windows allora si inizializzi in File System MS-DOS (alias FAT32). NOTA: non gestisce file di dimensioni maggiori ai 4GB

Se l'hard disk è formattato in File System NTFS non vi si potrà accedere in scrittura né eliminare file da Mac, ma sarà possibile la sola lettura. Per usarlo su Mac è quindi indispensabile la formattazione.

IMPORTANTE: se si vogliono salvare dei documenti, assicurarsi di copiarli su un altro disco prima di inizializzare il disco in cui sono contenuti.

A questo punto digitare il nome del disco o del volume.
Se si desidera cancellare tutto il contenuto del disco scrivendo degli zeri, fare clic su "Opzioni sicurezza", selezionare l'opzione richiesta e fare clic su "OK".
Fare clic su "Inizializza": il nostro hard disk esterno è a questo punto formattato e pronto all'uso.

NOTA: Selezionando il disco di avvio i pulsanti appaiono in grigio perché non è possibile inizializzare il disco di avvio. Per inizializzare il disco di avvio del computer, è necessario eseguire la procedura di avvio da un altro disco. E' possibile usare il disco di installazione di Mac OS X o il disco Ripristino Software fornito con il computer.

Per maggiori informazioni sull'inizializzazione dei dischi con Utility Disco, aprire Utility Disco nella cartella Applicazioni --> Utility e scegliere Aiuto --> Aiuto Utility Disco.

Ed ecco uno screenshot unico con indicate tutte le cose da impostare:

formattare


Leopard: l'installazione!

L’installazione di Leopard. Come effettuare correttamente l’installazione, alcuni consigli utili.

Leopard

1) la fase preliminare: i requisiti hardware, il backup dei proprio dati, la preparazione del disco di destinazione, la disconnessione delle periferiche e l’aggiornamento del firmware.

- Il mio mac soddisfa i requisiti hardware richiesti? ho sufficiente spazio libero su disco? meglio accertarsene: http://www.apple.com/it/macosx/techspecs/

- Un backup!? Saggezza vuole che si effettui un backup, argomento spesso trattato nel forum. Si realizza con svariate applicazioni e tra le più note spiccano SuperDuper, Carbon Copy Cloner, Silverkeeper ecc. Alcune di queste sono anche in grado di “clonare" perfettamente il proprio disco, mantenendolo di avvio.
Segnalo, infine, un utile documento apple sull'argomento:
http://docs.info.apple.com/article.h...tnum=106941-it

- Il mio disco è pronto ed efficiente? Meglio accertarsene con utilty disco. Ed è meglio disattivare FileVault, se attivo, per tutti gli utenti.

Disco

- Lascio collegati al mac la stampante, lo scanner, la macchina fotografica e l'ipod? Meglio di no, eventuali periferiche usb e firewire è meglio che vengano disconnesse.

- Il firmware del mio mac è aggiornato? Si controlli con Aggiornamento Software e sul sito Apple, se è disponible un aggiornamento firmware delle propria macchina.

2) L'installazione: introdotto il dvd si clicchi sull’installer che si preoccuperà di chiedervi l’autenticazione e di riavviare il mac per iniziare il processo di installazione.

 

 

 

Sono possibili 3 modalità di installazione: Aggiornamento, Archivia/Installa e Inizializza e Installa.

E' possibile effettuare la scelta quando visualizzerai il pannello "seleziona una destinazione", farai clik su "Opzioni" per selezionare una delle modalità predette.

a) Aggiornamento: questa modalità si preoccuperà di aggiornare i componenti di sistema e le applicazioni Apple. si tratta decisamente di una procedura semplice, "non tocca" le applicazioni di produttori terzi, ne il supporto delle stesse. Non c’è alcuna perdita dei propri documenti. Per chi è consigliata? Per chi non ha installato programmi particolarmente invasivi (ndr: programmi che installano componenti nella cartella sistema e liberia principale). Questi programmi e i loro componenti sono davvero compatibili con Leopard? Meglio accertarsene, nel dubbio è preferibile un’installazione di tipo archivia/installa.

b) Archivia/installa: questa modalità sostituisce la cartella sistema e libreria principale con due nuove cartelle. Le precedenti vengono archiviate in "sistema precedente", un cartella che può essere cestinata. Il consiglio è il solito: si elimina dopo aver valutato il funzionamento delle applicazioni, perché una parte del loro supporto potrebbe essere stato archiviato e potrebbe essere necessario il recupero. Per chi è consigliata? Per tutti: ha il vantaggio di poter mantenere tutti i documenti, le impostazioni dell’utente e di avere un sistema pulito e perfettamente funzionante.
Vi ricordo il tutorial, da cui trarre spunto: http://www.tuttologia.com/basic/mac-...-installa.html
nb: rispetto all’aggiornamento visto sopra, richiede più spazio su disco.

c) Inizializza e installa: questa modalità inizializza (formatta) il disco e procede ad un’installazione "da zero", sarà pertanto necessario riconfigurare in toto ogni utente del computer, le connessioni e quanto altro. Si sappia che ogni dato presente sul disco andrà inesorabilmente perso.
Il volume, affinché sia possibile l’installazione, dovrà essere inizializzato mac os esteso (Journaled) con il corretto schema partizione in base al tipo di mac che si possiede (ppc o macintel). Per chi è consigliata? Fondamentalmente per nessuno, nel senso che, in relazione al sistema operativo, alla sua funzionalità ed efficienza, non offre alcun vantaggio rispetto all'archivia/installa vista sopra.

3) Alcune note finali: si utilizzi versiontracker sez. leopard http://www.versiontracker.com/macosx/leopard/ per valutare quali delle nostre applicazioni siano compatibili con il nostro nuovo OS e si controlli l’integrità delle preferenze, qualora si notino malfunzionamenti nelle stesse http://www.tuttologia.com/tutorial/p...controllo.html
Si disinstallino, se presenti, tutti quei plugin relativi alle applicazioni Apple che Leopard ha inesorabilmente aggiornato (safari, mail ecc). Infine, si riparino i permessi con regolarità:
http://www.tuttologia.com/tutorial/m...-permessi.html


ARCHIVIA E INSTALLA
Come re-installare Mac OS X senza perdere documenti esistenti, applicazioni e configurazioni.

Le ragioni che possono causare un blocco del nostro Mac sono diverse e normalmente è possibile identificarne le cause e porvi rimedio. Tuttavia, in alcuni casi il problema può persistere ed è allora che si ricorre al re-installazione del sistema operativo utilizzando l'opzione "Archivia e Installa".

Con questo procedimento, NON si inizializza l'HD, NON si perdono i documenti personali e NON si perdono le applicazioni già installate.

PROCEDIMENTO:

1) Inserite il DVD di Mac OS X di installazione.

2) Riavviate il Mac tenendo premuto il tasto "C".
(oppure cliccate sull’icona dell’installer a riavviate semplicemente)

In questo modo il sistema si avvierà direttamente dal DVD.

Procedete selezionando la lingua a cui seguirà la pagina di benvenuto

3) Fate click su "Continua" e apparirà la finestra di informazioni seguita da tutta la serie di finestre relative alle informazioni d'uso, licenze ecc...ecc.
Alla fine e dopo dopo aver accettato i termini di licenza", comparirà la finestra "
Seleziona una Destinazione".

 

4) Selezionate il volume (HD) in cui Mac OS X è installato.

 

5) Fate click su "Opzioni...":
comparirà una finestra con le opzioni di installazione

6) Selezionate "Archivia e Installa"
(si consiglia vivamente di selezionare anche Conserva utenti e le impostazioni di network)

 

7) Fate click su Ok

8) Fate click su "Continua" e si avvierà il processo di installazione.

 

NOTA
Ad Installazione conclusa, all'interno del vostro HD, troverete una cartella con il nome "Cartella Sistema Precedente" da cui potete eventualmente recuperare preferenze utili o altri dati. Questa cartella NON interferisce minimamente con il nuovo sistema e potrà essere cestinata in qualunque momento.

PS: Con l’operazione "Archivia e installa" il nostro sistema operativo tornerà alla versione iniziale, cioè senza i successivi aggiornamenti. Si vada in preferenze di sistema > aggiornamento software per verificare e aggiornare!

Per maggiori informazioni:
http://docs.info.apple.com/article.html?artnum=107120-it


Riparare il Disco di Avvio (da DVD)

A partire da Mac OS X 10.4 (Tiger) è possibile verificare il disco di avvio ma NON ripararlo; per riparare il disco è necessario ricorrere al DVD originale di Tiger procedendo in questo modo:

A) inserire il DVD originale di Tiger;
quando il DVD compare sulla scrivania, aprirlo con un doppio clic:

B)fare un doppio clic su “Installazione Mac OS X”;
digitare la password di amministratore nella finestrella che compare;

C) il Mac si riavvia da solo; scegliere la lingua di Sistema che si desidera usare.

D)Finalmente appare la finestra “Benvenuto in Installer di Mac OS X”; senza installare nulla, si apre il menu Utility e si sceglie la terza voce dall’alto: Utility Disco.

utility Disco


Dopo essersi assicurati che sia selezionata la linguetta S.O.S., con un clic si sceglie l’HD e si preme Ripara disco:

Finita la riparazione si esce da Utility Disco.

Abbiamo finito e possiamo lasciare l’installer: dal menu Installer si sceglie Esci.

Nella finestra che compare adesso bisogna premere Disco di Avvio e scegliere con un clic l’HD interno (quello da cui normalmente si avvia il Mac).
Finalmente si preme Riavvia.


Riparare i permessi con Utility Disco

Questo breve tutorial non vuole spiegare cosa significhi "riparare i permessi", ma solo indicare il percorso con cui è possibile eseguire questa semplice, ma importante operazione. Per maggiori e più complete informazioni, è disponibile l'ampio tutorial già pubblicato su Mac Peer.

 

Procedimento:

All’interno della cartella applicazioni seguire il percorso: Applicazioni > Utility > Utility Disco

 

Si aprirà una finestra come questa: cliccare su “Ripara permessi del disco”

 

 

A questo punto l’operazione è conclusa e la finestra può essere tranquillamente chiusa