Office
I suggerimenti sono stati presi da riviste di informatica, da newsletters o da siti web
perciò ogni diritto rimane al legittimo proprietario.

Word Excel
PowerPoint Access
Notepad OpenOffice
FrontPage  

Language Pack: http://office.microsoft.com/it-it/downloads/download-di-office-language-interface-pack-lip-HA001113350.aspx

http://office.microsoft.com/it-it/officeupdate/CD010224941040.aspx

Convertitore di files online: http://docx-converter.com/

Posizione dei comandi in Office 2007 rispetto a Office 2003
Word
Excel
PowerPoint
Access

Classic Menu for Office 2007 (a pagamento)
http://www.addintools.com

Classic Menu for Office 2007 (gratuito)
http://www.ubit.ch/software/ubitmenu-languages/

Office 2010 Languages: http://www.mydigitallife.info/office-2010-language-packs-free-official-direct-download-links/

Microsoft Office Language Pack 2007 Service Pack 1 (SP1): http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=1f5c7d10-b4f9-482d-b0e5-9547a7f508e5&DisplayLang=it

Office 2000 - Aggiornamento: Service Pack 3 (SP-3): http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=5c011c70-47d0-4306-9fa4-8e92d36332fe&DisplayLang=it

Office 2003 Service Pack 2 (SP2): http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=57e27a97-2db6-4654-9db6-ec7d5b4dd867&DisplayLang=it

Office XP Service Pack 3 SP3: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=85af7bfd-6f69-4289-8bd1-eb966bcdfb5e&DisplayLang=it

Office 2003 Service Pack 3 SP3: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=e25b7049-3e13-433b-b9d2-5e3c1132f206&DisplayLang=it

Office 2007 Service Pack 1 SP1: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=9ec51594-992c-4165-a997-25da01f388f5&DisplayLang=it

Office 2007 Service Pack 2 SP2: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=b444bf18-79ea-46c6-8a81-9db49b4ab6e5

Office 2007 Service Pack 3 SP3: http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=27838

Office 2010 Service Pack 1 (x86 e x64): http://support.microsoft.com/kb/2460049/it

Office 2010 Service Pack 1 (x86): http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=26622

Office 2010 Service Pack 2 (x86 e x64): http://support.microsoft.com/kb/2687455/it

Office 2010 Service Pack 2 (x86): http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=39667

Office 2011 per MAC Service Pack 1: http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=17198

Office 2011 per MAC Service Pack 2: http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=29419

Office 2011 per MAC Service Pack 3: http://www.microsoft.com/en-us/download/details.aspx?id=36503

Office 2011 per Mac altri aggiornamenti: http://www.microsoft.com/mac/downloads

Office 2001 per Mac, rimozione completa: http://support.microsoft.com/kb/2398768/it

Componente aggiuntivo di Microsoft Office 2007 Salvataggio in formato PDF o XPS Microsoft
http://www.microsoft.com/downloads/it-it/details.aspx?FamilyID=4d951911-3e7e-4ae6-b059-a2e79ed87041&DisplayLang=it

Office 2010 Service Pack
Download delle versioni a 32 e 64 bit qui.
32bit: http://www.microsoft.com/downloads/it-it/details.aspx?familyid=9d2e1282-8b69-418b-afa0-9f61239ec8be&displaylang=it
64bit: http://www.microsoft.com/downloads/it-it/details.aspx?familyid=e9f3c2d0-c321-4910-a4ce-b2f294b42d65&displaylang=it

Office compatibility Pack
Apre i file creati da Office 2007 anche con le versioni precedenti
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=941b3470-3ae9-4aee-8f43-c6bb74cd1466&DisplayLang=en
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=941b3470-3ae9-4aee-8f43-c6bb74cd1466 (italiano)
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=941b3470-3ae9-4aee-8f43-c6bb74cd1466&DisplayLang=it
http://www.microsoft.com/download/en/details.aspx?displaylang=en&id=3 (Aggiornato)

Viewer
Excel 2003: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=c8378bf4-996c-4569-b547-75edbd03aaf0&DisplayLang=en
                    http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=c8378bf4-996c-4569-b547-75edbd03aaf0
Word 2003: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=95e24c87-8732-48d5-8689-ab826e7b8fdf&DisplayLang=it
PowerPoint 2003: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=428d5727-43ab-4f24-90b7-a94784af71a4&DisplayLang=it

Componente aggiuntivo di Microsoft Office 2007 Salvataggio in formato PDF o XPS Microsoft 
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=4d951911-3e7e-4ae6-b059-a2e79ed87041&DisplayLang=it

Microsoft Calculator Plus
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=32b0d059-b53a-4dc9-8265-da47f157c091&DisplayLang=it

Microsoft Photo Story 3 for Windows XP 
http://www.microsoft.com/windowsxp/using/digitalphotography/photostory/default.mspx

Microsoft RAW Image Thumbnailer and Viewer for Windows XP
http://www.microsoft.com/windowsxp/using/digitalphotography/prophoto/raw.mspx

TimeZone
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=bff59fcf-3148-40b8-a286-fe7274f6e4d8

Office 2010 Language Packs Free Official Direct Download Links
An installed copy of Office 2010 can be translated and converted into another language with a Office 2010 language pack. Office 2010 language packs are add-in products that enable multiple language and show localized Menus/Display, Help, dictionary, and include localized language document proofing tools such as thesaurus, spelling checkers, grammar and style checkers, hypenators, AutoCorrect lists, AutoSummarize capabilities, translation dictionaries, and Input Method Editors (IME) for East Asian languages for most Office 2010 apps, including Word 2010, Excel 2010, PowerPoint 2010, Access 2010, Outlook 2010, OneNote 2010, InfoPath 2010, Publisher 2010, Project 2010, SharePoint Workspace 2010, Visio 2010, and the Microsoft Office suites containing these products.

In addition, display languages for Microsoft Office Tools, such as Clip Organizer, Document Imaging, Document Scanning, and Picture Manager, are localized when Language Packs are enabled. However, Word Starter 2010 and
Excel Starter 2010 in Office Starter 2010 does not support language packs, while Access 2010 and Project 2010 are not supported in Hindi. Office 2010 Language Packs can be turned on for individual feature too. User can choose to use individual aspects of the pack, such as spell checker to proof a document in a language other than the default language set on their computer.
Office 2010 Language Packs has suggested retail price of $24.95. Only the Office Language Interface Packs (LIPs), which provides a translated User
Interface and spell checker (but not translated Help) for Excel, OneNote, Outlook, PowerPoint and Word of Microsoft Office 2003, 2007 or 2010 in a different language, and ScreenTip language translation, which will change the names of ScreenTips that pop up when mouse hovers over components such as buttons, menus and dialogs into another language are available for free. However, by downloading the Office 2010 language packs by using the official direct download links below, everybody can skip paying extra to Microsoft, and get Office 2010 Language Packs for free. The language packs can be installed without any product key or serial number, nor it requires activation, as long as the Office 2010 product is properly activated.

Office 2010 Language Packs Direct Download Links
(version 14.0.4730.1010)
Arabic 32-bit (x86): X16-37685.exe
Arabic 64-bit (x64): X16-37621.exe
Bulgarian 32-bit (x86): X16-37688.exe
Bulgarian 64-bit (x64): X16-37625.exe
Chinese (Simplified) 32-bit (x86): X16-37690.exe
Chinese (Simplified) 64-bit (x64): X16-37627.exe
Chinese (Traditional) 32-bit (x86): X16-37692.exe
Chinese (Traditional) 64-bit (x64): X16-37628.exe
Croatian 32-bit (x86): X16-37694.exe
Croatian 64-bit (x64): X16-37630.exe
Czech 32-bit (x86): X16-37695.exe
Czech 64-bit (x64): X16-37632.exe
Danish 32-bit (x86): X16-37697.exe
Danish 64-bit (x64): X16-37633.exe
Dutch 32-bit (x86): X16-37699.exe
Dutch 64-bit (x64): X16-37635.exe
English 32-bit (x86): X16-37701.exe
English 64-bit (x64): X16-37637.exe
Estonian 32-bit (x86): X16-37703.exe
Estonian 64-bit (x64): X16-37638.exe
Finnish 32-bit (x86): X16-37705.exe
Finnish 64-bit (x64): X16-37640.exe
French 32-bit (x86): X16-37707.exe
French 64-bit (x64): X16-37642.exe
German 32-bit (x86): X16-37709.exe
German 64-bit (x64): X16-37644.exe
Greek 32-bit (x86): X16-37710.exe
Greek 64-bit (x64): X16-37646.exe
Hebrew 32-bit (x86): X16-37712.exe
Hebrew 64-bit (x64): X16-37647.exe
Hindi 32-bit (x86): X16-37713.exe
Hindi 64-bit (x64): X16-37649.exe
Hungarian 32-bit (x86): X16-37715.exe
Hungarian 64-bit (x64): X16-37651.exe
Italian 32-bit (x86): X16-37717.exe
Italian 64-bit (x64): X16-37653.exe
Japanese 32-bit (x86): X16-37718.exe
Japanese 64-bit (x64): X16-37654.exe
Kazakh 32-bit (x86): X16-37720.exe
Kazakh 64-bit (x64): X16-37656.exe
Korean 32-bit (x86): X16-37722.exe
Korean 64-bit (x64): X16-37657.exe
Latvian 32-bit (x86): X16-37724.exe
Latvian 64-bit (x64): X16-37659.exe
Lithuanian 32-bit (x86): X16-37725.exe
Lithuanian 64-bit (x64): X16-37661.exe
Norwegian 32-bit (x86): X16-37727.exe
Norwegian 64-bit (x64): X16-37662.exe
Polish 32-bit (x86): X16-37728.exe
Polish 64-bit (x64): X16-37664.exe
Portuguese (Brazil) 32-bit (x86): X16-37687.exe
Portuguese (Brazil) 64-bit (x64): X16-37623.exe
Portuguese (Portugal) 32-bit (x86): X16-37730.exe
Portuguese (Portugal) 64-bit (x64): X16-37665.exe
Romanian 32-bit (x86): X16-37731.exe
Romanian 64-bit (x64): X16-37667.exe
Russian 32-bit (x86): X16-37733.exe
Russian 64-bit (x64): X16-37669.exe
Serbian 32-bit (x86): X16-37735.exe
Serbian 64-bit (x64): X16-37670.exe
Slovenian 32-bit (x86): X16-37738.exe
Slovenian 64-bit (x64): X16-37673.exe
Slovak 32-bit (x86): X16-37736.exe
Slovak 64-bit (x64): X16-37672.exe
Spanish 32-bit (x86): X16-37740.exe
Spanish 64-bit (x64): X16-37675.exe
Swedish 32-bit (x86): X16-37741.exe
Swedish 64-bit (x64): X16-37677.exe
Thai 32-bit (x86): X16-37743.exe
Thai 64-bit (x64): X16-37679.exe
Turkish 32-bit (x86): X16-37745.exe
Turkish 64-bit (x64): X16-37681.exe
Ukrainian 32-bit (x86): X16-37746.exe
Ukrainian 64-bit (x64):
X16-37683.exe

Creare un documento con orientamento misto
I normali documenti di word sono pensati per essere visualizzati e stampanti in verticale, ovvero su fogli opiù alti che larghi. Questa impostazione, ereditata dai libri e dalle riviste, è ideale per i testi (le righe troppo lunghe confondono l'occhio e rendono più faticosa la lettura), ma molte illustrazioni e immagini sono più efficaci se posizionate in orizzontale. Le pubblicazioni tecniche spesso contengono illustrazioni a tutta pagina in formato orizzontale, dato che ruotare una rivista è questione di un attimo. Nel caso di un file digitale invece ruotare la pagina può essere fastidioso (ammesso poi che il software di lettura lo consenta). Word 2010 permette di alternare liberamente i due orientamenti: quest'impostazione non può essere applicata a livello di singola pagina, ma dev'essere estesa a un'intera sezione. Per prima cosa, bisogna quindi creare una nuova sezione, selezionando la scheda Layout di pagina e quindi il comando interruzione, nella sezione imposta pagina. Fate click su pagina successiva, nella sezione interruzioni di sezioni per creare una nuova sezione. A questo punto basta fare click sul pulsante orientamento e selezionare orizzontale. Per maggior controllo si può fare click sul piccolo pulsante a destra dell'indicazione Imposta pagina, che richiama le proprietà della pagina. In basso si trova la casella a discesa applica a, che permette di indicare l'obiettivo delle modifiche.

Versioni incompatibili
Installando Word 2010 su una precedente versione, può capitare che i nuovi file vengano creati in "modalità compatibilità" rendendo indisponibili le nuove funzionalità. Individuiamo allora il file Normal.dotm in C:\users\utente\appdata\roaming\microsoft\templates e rinominiamo il file in Normal.old

Trasformare on-line i file Docx
Durante i miei viaggi di lavoro mi capita di ricevere documenti di testo via email da clienti e collaboratori dell’azienda per cui lavoro. Tali documenti spesso sono in formato .docx, che non riesco ad aprire sul notebook, sul quale è installato Office 2003. Non potendo installare sul notebook applicazioni di alcun tipo, perché di proprietà dell’azienda, vorrei sapere se esiste qualche strumento disponibile online (che non richieda nessuna installazione) per convertire i file .docx, in modo che possa aprirli con la suite Office installata sul portatile. Alla pagina http://docx-converter.com è disponibile lo strumento giusto per le sue necessità: DOCX Convert Office 2007 consente di caricare un file realizzato con Office 2007, convertendolo nel formato desiderato, tra cui PDF, RTF, Scalable Vector Graphics, WordPerfect, OpenOffice.org, OpenDocument, ed altri ancora. DOCX Convert Office 2007 gestisce tutti i file di Office, offrendo quindi la massima versatilità. L’utilizzo di questo tool on-line è estremamente semplice: cliccando sul pulsante Sfoglia, scelga il file .docx sul proprio computer; nel menu a tendina Convert To scelga il formato di destinazione e digiti la propria e-mail. L’indirizzo di posta elettronica deve essere valido perché DOCX Convert Office 2007 invia per posta una conferma dell’avvenuta conversione del file, con un link al file stesso. Dopo aver inserito i dati suddetti clicchi su Converti it! ed attenda qualche secondo per ottenere il file convertito. Il servizio è completamente gratuito e non richiede alcuna iscrizione.

Cambiare informazioni sulla licenza MS Office
Vi potrebbe capitare di acquistare un computer usato, con sistema operativo e software già installati e, considerando che sarebbe consigliabile eseguire una formattazione, non sempre se ne ha la necessità, la competenza o la voglia di farlo.
Se sul PC in uso è presente un prodotto MS Office, all'avvio dell'applicativo apparirà il nome dell'utente che lo aveva installato.
Ovviamente quel nome non corrisponde all'attuale proprietario del computer e del CD originale di Office.
E' quindi legittimo voler cambiare il nome utente visualizzato nell'about di MS Office (Word, Exel ecc...).
Purtroppo però, per ovvi motivi legati alla tutela del copyright, Microsoft non permette la modifica di tali dati da interfaccia applicativa, per cui sarà necessario intraprendere un'altra strada.
Come di consueto, le informazioni relative al nome utente inserito durante la fase di setup di MS Office, si trovano nel registro di Windows.
Aprite quindi l'editor da: "Start/Esegui".
Digitate "Regedit" e posizionatevi sulla chiave:
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office10.0\Common\UserInfo]
Come vedrete, si tratta della chiave relativa ad Office versione 10 (Office XP).

Rendere genuino office [ rimuovere - resettare - modificare il seriale ]
Ultimamente molti lettori mi scrivono per chiedere se è possibile sostituire un codice seriale(non genuino)con uno valido per ottenere una copia genuina di Office 2003 e scaricare gli aggiornamenti dal sito ufficiale. Infatti, non sono pochi i casi in cui lettori, che hanno perso per distrazione o per altri incidenti il codice seriale, hanno inserito uno non regolare che rende la copia non genuina. Il nostro scopo è quindi quello di consentire a chi ha un seriale di Microsoft Office 2003 non valido, di regolarizzare la propria posizione resettando tale codice per inserire quello valido senza la necessità di dover reinstallare tutto il pacchetto Office.
Update: Rimuovere - Disattivare - Disinstallare Office Genuine Advantage ( KB949810 )
Tutto questo è possibile farlo in modo abbastanza semplice, basta infatti cancellare un paio di chiavi relative al seriale in modo tale che al primo riutilizzo di un qualsiasi programma di Microsoft Office ci venga chiesto di inserire un seriale valido. Appena inserito basta collegarsi al sito Microsoft, convalidare e potremo avere cosi la nostra copia genuina di Microsoft Office 2003.
Cambiare il seriale regolarmente acquistato di OFFICE 2003
Anche se in rete, nei vari circuiti p2p come emule, o nel sito piratebay, è presente un generatore di seriale per office 2003 chiamato Office.2003.Genuine.Advantage.Patcher-CLoNY, è preferibile non rischiare ed inserire un seriale regolarmente acquistato, altrimenti il rischi è quello di andare incontro ad errori e non risolvere il problema di genuinità office.
1. Salviamo la chiave attualeStart /Esegui/ REGEDIT, portiamoci nella chiave di registro
HKEY_LOCAL_MACHINE/Software/Microsoft/Office/11.0/Registration/
Clicchiamo File/Esporta e salviamo il registro dove desideriamo.
In caso di problemi basta fare un doppio click sul registro.
2. Cancelliamo il vecchio seriale Guardiamo sulla colonna di destra relativa alla chiave che abbiamo appena esportato.
Cancelliamo le chiavi DigitlaProductID e ProductID.
Riavvia Office 2003 e ti verrà chiesto di inserire il nuovo seriale
3. Inserire il nuovo seriale
Al primo riutilizzo di Office 2003 ci viene chiesto di inserire il seriale valido.
Inseriamo il codice seriale di cui siamo in possesso.
4. Convalida Andare nel sito di microsoft e cliccare “Convalida Office”
Installare l’applicazione Office Validation Tool ActiveX quando viene richiesto.
Programmi aggiuntivi di OFFICE 2003 (FrontPage 2003, Project 2003, OpenNote 2003 e Visio 2003…)
Nel caso avete installato altre applicazioni di Office 2003 dovete applicare anche per queste la guida.
al passo (1) vi trovate davanti diverse sottocartelle, idendificate quella relativa al programma Office, ad esempio FRONT PAGE
eliminate le chiavi “ProductID” e “DigitalProductID”
avviare il generatore di seriale Office.2003.Genuine.Advantage.Patcher-CLoNY e copiare il codice “Rest Programs”
avviare l’applicazione Office che volete regolarizzare, ad esempio Front Page, e incollate il seriale(rest programs)
appena finito con tutte le applicazioni aggiuntive, convalidate da Microsoft
Fin quando non si “curano” tutti i programmi di office 2003, programmi aggiuntivi compresi, la convalida non darà esito positivo!
Cambiare il seriale regolarmente acquistato di OFFICE 2007
E’ possibile fare la stessa cosa con Office 2007, l’unica cosa che cambia è che al passo 1 non dobbiamo andare nella chiave 11.0, ma dobbiamo operare sulla chiave 12.0. Il procedimento è poi lo stesso, si cancellano le due chiavi come indicato al passo 2 e si inserisce il nuovo seriale.
3. Inserire il nuovo seriale
Per Office 2007 Enterprice c’è un altro generatore chiamato OPPv1.0[keznews].zip scaricabile nei circuiti P2P.
4. Convalida Andare nel sito di Microsoft e cliccare “Convalida Office” . Installare l’applicazione Office Validation Tool ActiveX quando viene richiesto.
Secondo metodo Office 2007
Scaricare il file OGACheckControl.dll (nuovo)
Lo copiate nella cartella C:\Windws\System32
Povvedete alla convalida qui
Desclimer: Vi ricordiamo che si tratta di tecniche hacker illegali per cui ve ne sconsigliamo l’utilizzo. Il presente blog intende solo riportare a puro scopo informativo le tecniche di aggiramento dei controlli. Se si desidera assistenza garantita e un prodotto funzionante dovete acquistarlo regolarmente nei negozi di informatica

Cambiare il Product Key di Microsoft Office 2003 e 2007 e trovare il codice di attivazione
La Product Key (il numero seriale) usata per installare Microsoft Office 2003 e 2007 si può cambiare tramite delle modifiche sulle chiavi di registro:
Start -> Esegui -> REGEDIT
Seguire il seguente persorso:
HKEY_LOCAL_MACHINE/Software/Microsoft/Office/11.0 (o 12.0 per il 2007)/Registration/
(esportate un backup della chiave originale per sicurezza: Menu’ -> File -> Esporta)
rinominare la voce “ProductID” in “OldProductID”eliminare la voce “DigitalProductID“.
A questo punto, aprendo una qualsiasi delle applicazioni del pacchetto Office 2003,viene richiesto di inserire nuovamente il codice di registrazione.
Non è un cambio che possa provocare un danneggiamento al sistema, tuttavia quando si cambiano le chiavi di registro bisogna ricordarsi che le modifiche si salvano direttamente e di farne una copia e di segnarsi le modifiche fatte per essere pronti, nel caso a tornare indietro.
Per le versioni precedenti di Office (97/XP) e per lo stesso Windows 9x/Me/Nt/2k/XP si può usare Key Finder (http://www.magicaljellybean.com/keyfinder.shtml) un piccolo programma free che, oltre a mostrare il codice di registrazione usato, permette di cambiarlo.
Nel caso si riceva un messaggio di errore all'apertura di Word o Excel o Office, che dice "Microsoft Office non installato per l'utente corrente..." non occorre ripetere l'installazione, è ancora un problema di licenza: bisogna andare sulla cartella C:\Documents and Settings\All Users\Dati applicazioni\Microsoft\OFFICE\DATA e cancellare il contenuto (salvare una copia per sicurezza); ovviamente poi bisognerà riattivare Office.
========================
Cancellare, cambiare, resettare seriale Office 2003 per scaricare ed installare gli aggiornamenti
Capita, nelle aziende o da privati, di trovare installazioni di Office 2003 non valide e quindi c'è la necessità di "ufficializzare" le stesse con seriali validi. Ma il sistema si ricorda del vecchio seriale!Ecco come cancellarlo e inserirne uno valido.
Per poterlo fare l'unico sistema è quello di disinstallare e reinstallare il software, ma è una procedura lunga e noiosa.
Per poter ovviare alla cosa basta fare così:
1 - Aprite il registro di sistema (Start > Esegui > regedit)
2 - Andate alla chiave: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Office\11.0\Registration\{90110407-6000-11D3-8CFE-0150048383C9}
3 - Trovate i valori: ProductID e DigitalID e cancellateli
Ora lanciate una qualunque applicazione dell'Office e vi sarà riproposto la schermata di inserimento del codice seriale.Inserite il nuovo seriale valido e il gioco è fatto!

Cambiare il Product Key di Microsoft Office 2003 e 2007 e trovare il codice di attivazione
La Product Key (il numero seriale) usata per installare Microsoft Office 2003 e 2007 si può cambiare tramite delle modifiche sulle chiavi di registro:
Start -> Esegui -> REGEDIT
Seguire il seguente persorso:
HKEY_LOCAL_MACHINE/Software/Microsoft/Office/11.0 (o 12.0 per il 2007)/Registration/
(esportate un backup della chiave originale per sicurezza: Menu’ -> File -> Esporta)
rinominare la voce “ProductID” in “OldProductID”eliminare la voce “DigitalProductID“.
A questo punto, aprendo una qualsiasi delle applicazioni del pacchetto Office 2003,viene richiesto di inserire nuovamente il codice di registrazione.
Non è un cambio che possa provocare un danneggiamento al sistema, tuttavia quando si cambiano le chiavi di registro bisogna ricordarsi che le modifiche si salvano direttamente e di farne una copia e di segnarsi le modifiche fatte per essere pronti, nel caso a tornare indietro.
Per le versioni precedenti di Office (97/XP) e per lo stesso Windows 9x/Me/Nt/2k/XP si può usare Key Finder (http://www.magicaljellybean.com/keyfinder.shtml) un piccolo programma free che, oltre a mostrare il codice di registrazione usato, permette di cambiarlo.
Se non si conosce il Product key da inserire o se non si dispone di un product Key valido che viene bloccato dal controllo di genuinità di Microsoft ( Office Genuine Activation ) consiglio di acquistare office.
La pagina internet che certifica la genuinità dei prodtti Microsoft è www.microsoft.com/genuine/office/whyvalidate.aspx?displaylang=en, e dopo aver installato il controllo ActiveX si riceve il messaggio di validità o di invalidità.
Nel caso si riceva un messaggio di errore all'apertura di Word o Excel o Office, che dice "Microsoft Office non installato per l'utente corrente..." (vedere articolo relativo), non occorre ripetere l'installazione, è ancora un problema di licenza: bisogna andare sulla cartella C:\Documents and Settings\All Users\Dati applicazioni\Microsoft\OFFICE\DATA e cancellare il contenuto (salvare una copia per sicurezza); ovviamente poi bisognerà riattivare Office.

Come modificare il Product Key per Office XP, per Office 2003 e per il sistema di Office 2007
http://support.microsoft.com/kb/895456

Come personalizzare gli assistenti di Microsoft Office 2000
Il modo più immediato per liberarsi degli assistenti, se questi risultassero noiosi ed inutili, è quello di eliminare la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Office\9.0\Common\Assistant
In alternativa è possibile creare all'interno della chiave "Assistant" i seguenti valori DWORD a seconda delle varie caratteristiche degli assistenti che si desidera attivare o meno:
AsstAssistWithWizard = 1 (vengono visualizzati la maggior parte dei suggerimenti)
AsstAssistWithHelp = 0 (la pressione del pulsante F1 non implica la visualizzazione dell'assistente)
AsstMoveWhenInTheWay = 1 (vengono attivati "i movimenti" dell'assistente)
AsstMouseTips = 0 (non vengono visualizzati i suggerimenti con il mouse)
AsstGuessHelp = 0 (disabilita i suggerimenti sensibili al contesto)
AsstAssistWithHelp = 0 (impedisce la visualizzazione dei messaggi d'aiuto da parte dell'assistente)
AsstFeatureTips = 0 (disabilita la visualizzazione di suggerimenti sulle caratteristiche di comandi e funzioni)
AsstOnlyHighPriorityTips = 1 (mostra esclusivamente i suggerimenti ad elevato interesse)
La cancellazione di "AsstKeyboardShortcutTips" consente di disabilitare i suggerimenti da tastiera, mentre l'eliminazione di "AsstShowTipofDay" evita la visualizzazione del suggerimento del giorno.

Versioni di Office 2007

Office 2007 Basic Home&Student Standard SmallBusiness Professional Professional Plus Enterprise
Word (elaborazione testi) X X X X X X X
Excel (foglio di calcolo) X X X X X X X
PowerPoint (presentazione)   X X X X X X
Outlook (comunicazione) X   X X X X X
Access (database)         X X X
Publisher (dtp)       X X X X
InfoPath (prog. Xml)         X X X
Communicator (Instant Messenger)           X X
Groove (sincronizz. post. lavoro)             X
One Note (blocco appunti)   X          

Versioni di Office 2010

Office 2010 Home&Student Standard Home and Business Professional Professional Plus Mobile
Word (elaborazione testi) X X X X X X
Excel (foglio di calcolo) X X X X X X
PowerPoint (presentazione) X X X X X X
Outlook (comunicazione)   X X X X  
Access (database)       X X  
Publisher (dtp)   X   X X  
InfoPath (prog. Xml)         X  
Communicator (Instant Messenger)         X  
One Note (blocco appunti) X X X X X X
Office Web Apps   X     X  
Share Point Workspace 2010         X X

Creare un Curriculum Vitae
8 Consigli per iniziare:
1. Chiarezza. la comprensibilità deve essere il nostro obiettivo principale
2. Dati: forniamo i dati anagrafici in modo completo, senza dimenticare mai i nostri recapiti telefonici e indirizzi email
3. Esperienze: evidenziamo le precedenti esperienze lavorative direttamente collegate al tipo di lavoro che stiamo cercando
4. Studio: inseriamo solamente i titoli di studio di maggior pese, partendo dal diploma o dalla laurea
5. Spazi: spaziamo adeguatamente tra loro le varie sezioni del nostro curriculum
6. Errori: stiamo assolutamente attenti agli errori di ortografia
7. Motivazioni: motiviamo la nostra proposta di lavoro includendo sempre una lettere d'accompagnamento
8. Annunci: se rispondiamo ad un annuncio, non dimentichiamo di citarlo nella lettera di accompagnamento.
Creazione di un C.V.
La struttura del documento deve essere chiara, con in evidenza le informazioni che contano, mentre lo stile grafico deve essere curato e comunque accattivante.
Informazioni essenziali
Si consiglia di scegliere una struttura a sezioni per raccogliere informazioni come:
dati anagrafici
livello di istruzione
esperienze lavorative
conoscenza delle lingue
conoscenza dell'informatica
Nella sezione dei dati anagrafici dobbiamo scrivere:
chi siamo
dove viviamo
la nostra età
numero di telefono cellulare
indirizzo di posta elettronica
Le informazioni contenute nella sezione istruzione e delle esperienze lavorative sono ritenute le più significative. Poniamo in evidenza le esperienze maggiormente legate al tipo di lavoro che stiamo cercando, anche con opportuni stili grafici
Extra
Gli interessi personali possono essere inseriti dopo le informazioni essenziali, senza però scendere eccessivamente nei dettagli. Altri dati interessanti sono progetti per il futuro, se pensiamo che possano contribuire a fare buona impressione.
Includiamo una lettera di accompagnamento. Deve comunicare informazioni vitali come a quale tipo di incarico aspiriamo e quali sono le motivazioni che ci hanno spinto a presentarci.
Rendiamo lo stile della lettera coerente con quello del curriculum utilizzando lo stesso tipo di carattere. Se stiamo rispondendo ad un annuncio, specifichiamo il codice e la data evidenziandoli in grassetto. Inseriamo sia nella lettera di accompagnamento sia nel curriculum la frase "Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi del D. Lgs. 196/03": in caso contrario, i dati inviati non possono essere utilizzati dall'azienda che li ha ricevuti. Possiamo inserire questa frase in fondo alla pagina, come piè di pagina.
Stile grafico
Carattere utilizzato: Times New Roman (risulta particolarmente piacevole quando trasferito su carta). Alternative possono essere l'Arial o il Verdana.
Dimensione del carattere: 12, ma per i titoli e nome è meglio usare caratteri con una grandezza di 14 o 16.
Evidenziazione: evidenziamo le parti importanti del curriculum, come i titoli delle sezioni e l'intestazione della lettere di accompagnamento, impostando su Grassetto o Corsivo. Meglio non eccedere nel grassetto e usare con molta attenzione il corsivo, poichè rischiamo di compromettere la leggibilità e la chiarezza del documento.
Aspetto generale
Controlliamo attentamente le impostazioni per i margini del foglio. I valori più utilizzati sono tra i 2 e i 3 cm. L'allineamento è di solito Giustificato, in modo da riempire in maniera uniforme la pagina, specialmente nella lettera di accompagnamento.
Modelli
Word permette di avere già modelli precompilati, ma cerchiamo di personalizzarli un pochino. Su internet è possibile scaricare altri modelli dal sito: http://office.microsoft.com e navighiamo nella categoria Curriculum
Distribuzione
Se dobbiamo spedirlo in formato elettronico (via email), possiamo inviarlo in formato RTF (Rich Text Format), invece che DOC, poichè più compatibile con altri programmi di scrittura. Possiamo scegliere un altro formato universale, oltretutto non modificabile, il PDF, dove viene preservato l'aspetto del documento. Per creare un file PDF, è possibile utilizzare i seguenti programmi: PDF995 (http://www.pdf995.com), PDF Creator (http://sourceforge.net/projects/pdfcreator) oppure CutePDF (http://www.cutepdf.com)

Office Slipstream (inglobare i service pack nell'installazione)

Salvare documenti Office come immagini (TIFF)
Per scambiare con altri utenti documenti Office, senza però usare il file originale in modo da poter escludere modifiche ma consentire la lettura anche a chi non possiede Office, di solito si cerca un'alternativa conveniente nel formato PDF. Con Office XP e 2003 è possibile salvare documenti Word, tabelle di Excel e presentazioni di powerPoint in immagini in formato Tiff. La conversione è effettuata dal drive di stampa Microsoft Office Document Image Writer. Ecco come usarlo: aprire il documento e selezionare File - Stampa. Nell'elenco delle stampanti selezionare la voce Microsoft Office Document Image Writer e efare clic sul pulsante Proprietà. Aprire la scheda Avanzate e attivare come formato di output l'opzione Formato fax monocromatico TIFF (risoluzione alta 200 dpi) e dare conferma su OK. Tornati alla finestra di dialogo Stampa, avviare la conversione con un clic su OK; nella finestra Salva con nome indicare il nome e il percorso del file TIFF. Attivare l'opzione Visualizza immagine documento e terminare con clic su OK. E' possibile modificare ulteriormente l'immagine tramite lo strumento Microsoft Office Document Imaging: si possono così aggiungere altri elementi grafici, evidenziare con il colore dei brani o inserire osservazioni in caselle di testo. L'immagine finale va salvata dal menù File - Salva. Attenzione: con lo strumento di riconoscimento dei caratteri (OCR) di Microsoft Office Document Imaging o di uno specifico programma OCR, chi riceve il file può comunque ricavare nuovamente un file di testo dall'immagine TIFF: si perde però la maggior parte delle formattazioni e quindi la copia non sarà mai uguale all'originale.

Changing the Office2000 Registered Owner
An easier way was submitted:

  1. Start Word2000
  2. Go to Tools / Options / User Information 
  3. Change the current user's name.

To change the name of the registered owner without reinstalling, two simple registry changes need to be made. These are the names displayed in the opening splash screens of each application as well as the About box.

  1. Start Regedit
  2. Go to HKEY_LOCAL_MACHINE \ Software \ Microsoft \ Windows \ CurrentVersion \ Uninstall \ {00000409-78E1-11D2-B60F-006097C998E7
  3. Change the value of RegOwner and RegCompany to the ones you would like
  4. Go to HKEY_CURRENT_USER \ Software \ Microsoft \ Office \ 9.0 \ Common \ UserInfo]
  5. Rename the UserInfo key
  6. Now you should see the new name and company information when you start your Office2000 application.

Slipstream Service Packs into Office Installations
You can update the source files for Office with the Office Service Packs and Updates you need.
These can later be burned to a CD or copied to a network share for distribution.
It saves a lot of time not needing to manually apply all the service packs after installation.
Overview
There are basically three steps to slipstreaming a Service Pack into an Office Installation:
1. Do an Office Administrative Install to a Hard Drive
2. Download and Extract the Service Pack
3. Apply the Service Pack to the Install
Administrative Install
1. Create a directory on your hard drive where you want to do the install (e.g. C:\OFFICE)
2. Do an administrative install of Office to a directory on your hard drive (x::setup.exe /a)
3. You don't need to enter in the license at this point
4. When prompted, place it in a C:\OFFICE directory
5. Click on the Install Now button
6. It will look like it is doing a regular install but the files will be copied to the C:\OFFICE
Download and Apply Service Packs
1. Download the Office Administrator Service Pack updates from Microsoft
2. Extract it to a C:\UPDATE directory (again, this is only as an example)
Office2000
1. SR1 Download
SP2 Download
2. Extract the DATA1.EXE file to C:\UPDATE (data1.msp)
3. Start / Run
4. msiexec /a c:\office\data1.msi/p c:\update\data1.msp SHORTFILENAMES=TRUE /qb
msiexec /a c:\office\data1.msi /p c:\update\Sp2admin.msp SHORTFILENAMES=1
5. Repeat for any additional extracted msp files
Outlook2000 Security Update
1. Outlook2000 Security Download
2. Extract the three MSP file to the Update directory
3. Start / Run
4. msiexec /a c:\office\Data1.msi /p C:\Update\OQFE7082_Client.msp SHORTFILENAMES=1
msiexec /a c:\office\Data1.msi /p C:\Update\OQFE7140_Client.msp SHORTFILENAMES=1
msiexec /a c:\office\Data1.msi /p C:\Update\OQFE7160_Client.msp SHORTFILENAMES=1
OfficeXP
1. SP1 Download
SP2 Download
2. Extract the files to the Update directory
3. Start / Run
4. msiexec /p c:\update\MAINSP1_Admin.msp /a c:\office\your.msi SHORTFILENAMES=TRUE
(where your.msi file is the actual one depending on the version of OfficeXP (PROPLUS.MSI, SBERET.MSI)
5. Repeat for any additional extracted msp files
All you need to to is create a new CD with the updated source files and use this for future installations.

Office2000 / OfficeXP Automatic Inserting the Product ID
To create your own CD so either version will automatically fill in the product ID:
1. Copy the source files to a directory on your hard drive
2. For either product, you need to modify the SETUP.INI file
3. In the [OPTIONS] section, add a line PIDKEY=XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX
(where the X's are replaced with your product id without the dashes)
4. For Office2000 the SETUP.INI file is on the root of the CD
5. For OfficeXP the SETUP.INI file is in the FILES\SETUP directory

Automated Office95 Installation
There are several undocumented switches you can use to automate your Office95 Installation.
An full unattended install should only take 3-4 minutes from the CD.

/K  Enters the CD key   
/K "12345678"  
The CD key should not have the dash
/Q  0 - Quiet Install - with Exit screen 
1 - No exit screen 
T - Shows nothing on the screen during install
/N  User's Name 
/N "Name"
/O  Organization Name 
/O "Org"
/T  Specify the STF file The default is the SETUP.STF on the root of the Office95 CD
This is an ASCII text file you can copy to a local or network drive, modify the applications you want to install and then point your installation to use that file
/T X:\NEW.STF
/U   Uninstalls all apps but leaves common files in place
/UA   Uninstalls all apps and removes common files
/R   ReInstalls previously installed Office95 apps

A whole string might look something like:
SETUP /K "12345678" /Q1 /N "YOUR_NAME" /O "YOUR_ORGANIZATION" T: C:\NEW.STF
Other Windows applications use similar STF file structure.
You could have this launch automatically at the end of your Windows95 installation if you are using INF files.
See the Installation Using INF Files section. (http://www.onecomputerguy.com/install/install.htm)

Microsoft Word

To start Microsoft Word Startup switch
Open an existing document <filename>
Start with no document open /n
Run a macro and prevent the AutoExec macro from running /m <macroname>
Prevent the AutoExec macro from running /m
Load a Word add-in /l <addinpath>
Prevent add-ins and global templates (including the Normal template) from loading /a
With no Tip of the Day  /w
Create a file from a template /t <templatename>
Aprire Microsoft Word senza il Suggerimento Di Il Giorno e aprire un file denominato "File.doc Test My", ad esempio la riga di comando sarà come la seguente:
/w C:\Msoffice\Winword\Winword.exe "c:\My File.doc Test Documenti\Immagini"

Microsoft Excel

To start Microsoft Excel Startup switch
Open a specific file <filename>
Without a new, unsaved workbook /e
Specify a working directory /p <path>
Open a file read-only /r <filename>
Aprire Microsoft Excel e specificare la cartella di lavoro per essere "c:\My Directory" e aprire un file denominato "Progetto.xls My" nella lettura sola, ad esempio la riga di comando sarà come la seguente:
/p C:\Msoffice\Excel\Excel.exe "c:\My "/r" Directory, Progetto.xls My,"
 

PowerPoint

To start Microsoft PowerPoint Startup switch
Open a specific file <filename>
Run a slide show automatically /s <filename>
Print the presentation  /p
Create a new presentation /n
Aprire Microsoft PowerPoint e avviare automaticamente una presentazione di diapositive definito "c:\My Show.ppt Documents\Slide", ad esempio la riga di comando sarà come la seguente:
/s C:\MSOFFICE\POWERPNT\POWERPNT.EXE "c:\My Show.ppt Documents\Slide"

Microsoft Access

To start Microsoft Access Startup switch
Open a specific database <database>
Open the database exclusively /Excl
Open the database as read only /Ro
Start using a user name /User <user name>
Start with a specific password /Pwd <password>
Use a specific user profile /Profile <profile>
Compact a database and close Microsoft Access /Compact <database>
Repair the database and close Microsoft Access /Repair
Convert database from an earlier version /Convert <database>
Run a specific macro /X <macro>
Specify return value for the Command function /Cmd
Start without displaying the startup dialog /Nostartup
Start in run-time mode /Runtime
Start using the specified workgroup information file (Microsoft Access 97 only) /Wrkgrp <file>

Disattivare i menu personalizzati di Office 2000/XP
A partire da Office 2000, sono stati inseriti i cosiddetti menù personalizzati: i menù mostrano solo i comandi che vengono utilizzati più spesso da parte dell'utente; qualora si vogliano visualizzare gli altri comandi, è necessario cliccare sulle freccette posizionate in calce a ciascun menù. Se questa caratteristica, conservata anche in Office XP vi dà fastidio, è possibile applicare il tip che segue.
In primo luogo accedete all'Editor del registro di sistema; quindi portatevi, nel caso in cui facciate uso di Office 2000, in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_CURRENT_USER/Software/Microsoft/Office/9.0/Common/Toolbars
Create, nel pannello di destra, un nuovo valore DWORD denominandolo AdaptiveMenus ed assegnategli il valore 0 (esadecimale).
Nel caso in cui utilizziate Office XP, dovrete portarvi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_CURRENT_USER/Software/Microsoft/Office/10.0/Common/Toolbars
Come nel caso di Office 2000, provvedete a creare, nel pannello di destra, anche in questo caso, un nuovo valore DWORD denominandolo AdaptiveMenus ed assegnategli il valore 0 (esadecimale).

Copiare le immagini dal browser
Su alcuni siti web capita che le immagini non possano essere copiate, utilizzando il tasto destro ed il menu contestuale, per incollarle in Word. Tale problema si verifica sia con Mozilla che con Internet Explorer, perchè il webmaster ha disabilitato i javascript che abilitano questa funzione. E' possibile, apportando alcune modifiche al registro di configurazione di Windows, abilitare questa funzione. La chiave da modificare si trova in HKEY_USERS nella sezione S-1-5-21, il cui successivo numero potrebbe variare su sistemi diversi. La modifica deve essere eseguita sia sulla voce relativa a Office 10.0 che in quella di Office 11.0: le due chiavi sono identiche, a parte la sigla 10.0 o 11.0 per cui la modifica è identica in entrambi i casi.
Aprire quindi Regedit, andare sula chiave seguente:
HKEY_USERS\S-1-5-21-602162358-1383384898-1343024091-1003\Software\Microsoft\Office\10.0\Common
creare una nuova voce DWORD (tasto desto Nuovo) chiamandola BlockHTTPImages ed assegnando il valore 0.

Office 365

  Licenza Perpetua Abbonamento Office 365
  Office Home & Student 2013 Office Home & Business 2013 Office Professional 2013 Office 365 Home Premium Office 365 Small Business Premium
Disponibilità Retail, OEM Retail Retail Abbonamento Abbonamento
Numero utenti 1 1 1 Tutti gli utenti della casa 10
Dispositivi per utente 1 1 1 5 5
Uso commerciale n s s n s
Word s s s s s
Excel s s s s s
PowerPoint s s s s s
OneNote s s s s s
Outlook n s s s s
Publisher n n s s s
Access n n s s s
InfoPath n n n n s
Lync n n n n s
Prezzo 119 euro 269 euro 539 euro 99 euro 124,8 euro
           
s = presente
n = non presente
         

Disattivare lo splashscreen di Office
Per disattivare lo splashscreen di Office è possibile, ma non è un'operazione eseguibile dalle impostazioni del programma. Per disabilitare tale opzione, infatti, devi creare dei collegamenti agli eseguibili, lanciandoli con appositi parametri. Per Word, infatti, bisogna inserire il parametro /q, per Excel /e, per PowerPoint /s.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Tips su Word

Utilizzare il punto interrogativo spagnolo
Nella lingua spagnola si usa preporre un punto interrogativo rovesciato alle frasi interrogative. Questo carattere ( ¿ ) può essere ottenuto da tastiera con la scorciatoia Maiusc+AltGr+?

Iniziare un nuovo capitolo sulla pagina destra
Quando si stampano documenti su ambedue le facciate dei fogli, è molto più elegante far iniziare ogni nuovo capitolo sulle pagine a destra. Se però il capitolo precedentemente è terminato su una pagina destra, è necessario inserire una pagina vuota sulla facciata posteriore del foglio. Invece di farlo manualmente è possibile farlo fare a Word. posizionare il cursore prima del primo carattere del titolo del nuovo capitolo, fare click nella barra multifunzione, scheda Layout di pagina, sezione Imposta pagina, su Interruzioni/Pagina dispari. Con le versioni di Word precedenti alla 2007 selezionate da menu Inserisci/Interruzione/Pagina dispari. Le pagine vuote inserite con questa procedura, a differenza di quelle create manualmente, sono realmente vuote, e non contengono alcuna intestazione o nota.

Se vi spariscono le sbarre...
«Ad un mio collega sono sparite tutte le barre degli strumenti (oppure le ha cancellate per sbaglio). Come posso fare a ripristinarle dato manca anche quella principale?
Bisogna ricorrere al Registro di Sistema e trovare le seguenti chiavi:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Office\9.0\Word\Data (per Word2000)
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Office\10.0\Word\Data (per Word2002)
Qui rinominiamo o eliminiamo il valore binario Toolbars.
Se neanche così si ottiene nulla, rinominate (o eliminate) il file normal.dot e/o il file word.pip (che trovi in Dati applicazioni\Microsoft\Office).
Comunque lanciando Word in "safe mode" non dovresti avere problemi: winword.exe /a »

Incollare testi liberi da formattazioni
Piattaforme : Word 2000
Vi è mai capitato di dover copiare in Microsoft Word un testo (funzione
Modifica | Copia) da un altro programma e dover poi faticare per eliminare manualmente immagini, tabulazioni, paragrafi, tabelle e così via?
Se la risposta è sì, probabilmente non conoscete un semplice trucco che vi consentirà di risparmiare tempo prezioso.
Per prima cosa copiate nella clipboard (area Appunti) di Windows tutto il materiale che desiderate "incollare" nella vostra pagina Word servendovi del menù Modifica | Copia (oppure della combinazione di tasti CTRL+C) contenuto nell'applicazione d'origine.
Avviate quindi Microsoft Word, scegliete dal menù Modifica il comando "Incolla speciale".
Nella finestra di dialogo successiva, selezionate la voce "Testo non formattato" e premete il pulsante OK.
Et voilà. Tutti gli elementi propri della formattazione, ad esempio, di una pagina web saranno automaticamente eliminati.

Recuperare un documento Word
Tempo fa ho deciso di salvare tutte le mie password su un documento di testo creato con Word Professional, che ho protetto con una password, attivata utilizzando le opzioni di questa applicazione. Dopo poco tempo ho dovuto
formattare il sistema, e dopo la reinstallazione ho constatato che purtroppo Word apre il file senza chiedere la password, ma visualizza solo caratteri incomprensibili! Come faccio a recuperare il documento per avere tutte le password in esso memorizzate?
Probabilmente stai tentando di aprire il file contenente le password con una versione di Word precedente che non supporta il formato del documento. Cerca di aprire il documento su un PC in cui è installato Office 2007, suite in grado di aprire i documenti DOC in qualsiasi formato. Se riesci ad aprire il documento Word in modo corretto, salvalo in formato RTF, in modo da poterlo utilizzare su qualsiasi sistema, aprendolo in Windows anche senza avere installato Microsoft Office. Se non riesci a visualizzare in alcun modo il file originale, puoi provare con uno dei tanti tool disponibili gratuitamente sul Web, pensati proprio per recuperar file e documenti di Word danneggiati. Uno di questi è WordRepair, disponibile al download dl sito Internet http://www.repairmyword.com

Quando Word 2007 si rifiuta di stampare
Ho un serio problema che si verifica sul mio PC quando utilizzo l’applicazione Microsoft Word 2007. Ad ogni tentativo di stampare un documento, il software si blocca e appaiono i seguenti messaggi di errore: Impossibile stampare a causa di un problema con l’attuale impostazione della stampante. Si è verificato un errore in Microsoft Word. L’applicazione verrà chiusa. A volte, provando a chiudere il programma, viene visualizzato anche l'avviso Si è verificato un errore in Microsoft Word. Impossibile chiudere l’applicazione. Per terminare il processo, è necessario cliccare su Non inviare e su altri due pulsanti che appaiono subito dopo. Ho notato, inoltre, che nella finestra di dialogo Stampa non è selezionata alcuna stampante predefinita, ma anche provando a selezionarne una traquelle presenti nel menu a tendina, il problema persiste. Come posso eliminare l’anomalia?
sui file di gestione delle stampanti, causando gli errori descritti. Puoi tentare di risolverli reinstallando le varie periferiche, in modo che Windows ripristini il corretto funzionamento dei driver anche da Word. Non è necessario, però,
reinstallare software di gestione e driver dal CD fornito in dotazione con le stampanti: è sufficiente andare in Start/Pannello di controllo/Stampanti e fax e, cliccando col tasto destro del mouse su ciascuna delle stampanti presenti, scegliere la voce Elimina dal menu contestuale che appare. In questo modo la periferica verrà eliminata dal sistema: ricordati, però, di effettuare questa operazione con le stampanti spente. A questo punto, riavvia il sistema e accendi le
periferiche, che dovrebbero essere rilevate ed installate in automatico (i driver sono presenti nel sistema operativo dalla prima installazione): dopo questa operazione, sarà possibile riutilizzarle senza problemi anche da Word!

Word 2007: Blindare i documenti con una password
Quando si crea un file di testo riservato da inviare tramite e-mail, è buona norma proteggerlo con una password in modo da impedirne l'apertura e la lettura da parte di persone non autorizzate.
In Word 2007 è possibile proteggere i documenti assegnando ad essi una password segreta.
Dopo aver creato un documento di Word 2007 salvatelo deguendo la procedura standard.
Prima di distribuire il file, aprite il menù delle funzionalità cliccando sul "Pulsante Office" in alto a sinistra e spostatevi col mouse sulla voce "Prepara".
Nel pannello che si apre selezionate "Crittografia Documento".
Digitate la parola chiave che chi riceverà il documento dovrà immettere per poterlo leggere o modificare e cliccate su "Ok".
Comparirà un secondo riquadro che vi richiede di inserire nuovamente la password scelta.
Scrivete la parola esattamente come avete fatto in precedenza e confermatela cliccando su "Ok".
Salvate il file e inviatelo al destinatario.
Dopo il salvataggio, quando si tenterà di aprire il file, sia per leggerlo sia per modificarne il contenuto, comparirà una finestra che richiede l'immissione della password.
Basta digitarla e premere sul pulsante "Ok" per riuscire a sbloccare il file e avere libero accesso ai suoi contenuti.

Abilitare lingue internazionali
Potrebbe capitarvi, per motivi di lavoro o di studio, di dover scrivere delle lettere in qualche lingua particolare, per esempio in cinese.
Però, anche se avete installato i caratteri cinesi, Word potrebbe continuare a non riconoscerli e a scrivere in italiano.
Questo accade perchè avete installato i nuovi caratteri e li avete aggiunti alle opzioni internazionali della tastiera ma, quando avete attivato la finestra di Word, non li avete abilitati.
In questo modo, anche se il cinese risulta essere la lingua predefinita, Word riattiva automaticamente l'italiano.
Per risolvere questo problema andate in "Pannello di controllo/Data, ora, lingua e opzioni internazionali/Opzioni internazionali e della lingua". (se avete Vista seguite il percorso "Pannello di controllo/Orologio, lingua e opzioni internazionali/Opzioni internazionali e della lingua").
Cliccate su "Lingue/Dettagli" e, in "Barra della lingua", abilitate l'opzione "Visualizza la barra della lingua sul desktop".
A questo punto, sulla barra delle applicazioni, vedrete l'icona IT, che sta per italiano.
Avviate Microsoft Word e scegliete la lingua cinese.
Fare un riassunto automatico
A volte può capitare di avere bisogno di sapere velocemente di cosa si parla in un documento di testo: Word vi può far risparmiare tempo attraverso la funzione che vi offre un sommario dei punti salienti.
Aprite un lungo documento di Word e seguite il percorso "Strumenti/Sunto automatico".
Quando appare la finestra di dialogo scegliete l'opzione "Evidenzia i punti chiave", che permette di specificare su quale parte del testo si vuole agire.
Scegliete la percentuale da riassumere: con oltre il 50% si ha maggiore precisione dei contenuti negando però lo scopo principale.
Selezionate quindi il 10% della lista delle percentuali e cliccate su "Ok".
Visualizzerete così il tipo di sommario desiderato.
Conviene sempre provare con diversi settaggi per trovare quello più adatto al vostro documento e alle vostre esigenze

La divisione in sillabe automatica
Se utilizzate spesso Microsoft Word come programma di videoscrittura, potreste trovare scomodo dovere attivare la divisione in sillabe automatica per ogni documento nuovo.
E' possibile, infatti, impostare questa funzione in modo permanente.
Dovete semplicemente salvare la modifica nel modello base di Word.
In seguito, sarà disponibile immediatamente in ogni nuovo documento che create. Inoltre, con lo stesso metodo, si possono definire in modo permanente anche altre impostazioni, per esempio il tipo e il colore dei caratteri.
Nell'interfaccia principale di Word cliccate su "File" e poi su "Apri".
Nella finestra successiva espandete il menù a tendina "Tipo file" e nell'elenco che appare selezionate la voce "Modelli di documento" e spostatevi nella cartella C:\Documents and Settings\Nome utente\Dati applicazioni\Microsoft\Modelli per selezionare il file "Normal.dot".
Aperto il modello di base, cliccate su "Strumenti/Lingua/Sillabazione".
Nella relativa schermata mettete un segno di spunta alla casella di controllo "Sillaba automaticamente documento".
Quindi confermate cliccando su "Ok" e poi chiudete e riavviate Word.
Al prossimo avvio la divisione automatica in sillabe sarà attiva e subito disponibile.

I limiti di Microsoft Word 2000
Dimensione massima del file 32 megabyte (MB)
Numero di parole nei dizionari personalizzati 10.000
Dimensione massima dei file del dizionario personalizzato 366.590 byte
Lunghezza dei nomi dei segnalibri 40 caratteri
Numero di segnalibri per documento 16.379
Lunghezza dei nomi delle voci di glossario (inclusi gli spazi) 32 caratteri
Numero delle voci di glossario per modello di documento Limitato dalla dimensione del file del modello e/o dalla memoria disponibile
Numero delle voci di glossario per modello di documento 32.000
Numero delle voci di glossario globali Limitato dalla dimensione del file del modello e/o dalla memoria disponibile
Lunghezza dei nomi degli stili 255 caratteri
Numero di stili per documento o modello 10.000
Numero di campi per documento 32.000
Numero delle opzioni generali in un campo 10
Numero delle opzioni specifiche di un campo 10
Numero dei livelli nidificati per i campi 20
Numero dei documenti secondari in un documento master 255
Numero delle colonne in una tabella 63
Numero delle colonne di giornale 45; il numero di colonne dipende dalle dimensioni del foglio e dalle impostazioni dei margini
Numero di tabulazioni impostate in un paragrafo 64
Altezza minima della pagina 0,25 cm
Numero massimo di fogli di stile secondari collegati tra loro 11
Altezza massima della pagina 56 cm
Larghezza minima della pagina 0,25 cm
Larghezza massima della pagina e delle tabelle 56 cm
Numero di barre degli strumenti personalizzate Limitato solo dalla memoria disponibile
Numero di pulsanti personalizzati delle barre degli strumenti Limitato solo dalla memoria disponibile
Numero di caratteri per riga 768
Dimensione minima del carattere 1 punto
Dimensione massima del carattere 1.638 punti, ovvero 56 cm
Numero di tipi di carattere per documento 32.767
Spazio tra i caratteri 1.584 punti
Distanza massima del testo apice e pedice dalla linea di base 1.584 punti
Numero massimo di colori della tavolozza 256
Dimensione predefinita della cache 64 kilobyte (KB)
Cache bitmap (memoria bitmap) predefinita 1 MB

I limiti di Microsoft Word 2000
Dimensione massima del file 32 megabyte (MB)
Numero di parole nei dizionari personalizzati 10.000
Dimensione massima dei file del dizionario personalizzato 366.590 byte
Lunghezza dei nomi dei segnalibri 40 caratteri
Numero di segnalibri per documento 16.379
Lunghezza dei nomi delle voci di glossario (inclusi gli spazi) 32 caratteri
Numero delle voci di glossario per modello di documento Limitato dalla dimensione del file del modello e/o dalla memoria disponibile
Numero delle voci di glossario per modello di documento 32.000
Numero delle voci di glossario globali Limitato dalla dimensione del file del modello e/o dalla memoria disponibile
Lunghezza dei nomi degli stili 255 caratteri
Numero di stili per documento o modello 10.000
Numero di campi per documento 32.000
Numero delle opzioni generali in un campo 10
Numero delle opzioni specifiche di un campo 10
Numero dei livelli nidificati per i campi 20
Numero dei documenti secondari in un documento master 255
Numero delle colonne in una tabella 63
Numero delle colonne di giornale 45; il numero di colonne dipende dalle dimensioni del foglio e dalle impostazioni dei margini
Numero di tabulazioni impostate in un paragrafo 64
Altezza minima della pagina 0,25 cm
Numero massimo di fogli di stile secondari collegati tra loro 11
Altezza massima della pagina 56 cm
Larghezza minima della pagina 0,25 cm
Larghezza massima della pagina e delle tabelle 56 cm
Numero di barre degli strumenti personalizzate Limitato solo dalla memoria disponibile
Numero di pulsanti personalizzati delle barre degli strumenti Limitato solo dalla memoria disponibile
Numero di caratteri per riga 768
Dimensione minima del carattere 1 punto
Dimensione massima del carattere 1.638 punti, ovvero 56 cm
Numero di tipi di carattere per documento 32.767
Spazio tra i caratteri 1.584 punti
Distanza massima del testo apice e pedice dalla linea di base 1.584 punti
Numero massimo di colori della tavolozza 256
Dimensione predefinita della cache 64 kilobyte (KB)
Cache bitmap (memoria bitmap) predefinita 1 MB

Aprire i vecchi documenti in Word 2003,2007
Da quando si è aggiornato word 2003 con il Service Pack 3 l'editor di testo si rifiuta di aprire alcuni vecchi documenti, e mostra il messaggio "il formato del file che si sta cercando di aprire è diverso da quello specificato dall'estensione dei file". Lo stesso problema si presenta cercando di aprire i documenti con un altro computer su cui è installato Office 2007.
Word nega l'accesso per ragioni di sicurezza, in quanto c'è la possibilità di aprire porte nascoste nel sistema ad eventuali malintenzionati, a cause di bug presenti nel vecchio formato 1.0/2.0. Per poter aprire documenti nel vecchio formato in Word 2003 SP3 e 2007 è necessario modificare alcune chiavi di registro, cosa che si può fare più agevolmente tramite un apposito file Reg. Se si utilizza Word 2003 procedere in questo modo: aprire un file di testo e digitare le seguenti righe:
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\11.0\Word\Security\FileOpenBlock]
"FilesBeforeVersion"=dword:00000000
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\Office\11.0\Word\Security\FileOpenBlock]
"FilesBeforeVersion"=dword:00000000
Ora salvare il file sul desktop, salvandolo con estensione .reg. Fare doppio click sul nuovo file ed accettare l'unione del file al file di registro
NOTA: se si utilizza Word 2007 si può utilizzare lo stesso sistema, ma occorre sostituire  11.0 con 12.0 nelle righe relative le chiavi di registro.

Avviare Word in modalità provvisoria
In caso di problemi, premere CTRL per lanciare Word XP e 2003 in modalità provvisoria e trovare la cause del problema.

Numerare le righe dei documenti
La numerazione può coinvolgere l'intero documento o solo una parte di esso. In questo caso si deve prima procedere ad evidenziare la parte coinvolta. Ecco come operare. Aprire il menu File e selezionare Imposta pagina. Nella maschera che viene aperta attivare la scheda Layout, e nella sezione Anteprima dichiarare tramite la casella a discesa Applica se la numerazione deve coinvolgere tutto il documento o solo il testo evidenziato. Premere il pulsante Numeri di riga. Nel box visualizzato si spunta la casella Aggiungi numeri di riga. Si possono attivare le opzioni di numerazioni. E' possibile dichiarare il numero da cui deve partire la numerazione stessa, la sua distanza dal testo, e se la progressione deve essere continua o ad intervalli.

Il tasto Ins non attiva/disattiva la sovrascrittura
Quando si preme il tasto "Ins" sulla tastiera, in un documento di Microsoft Word, la modalità di scrittura non passa da Inserimento a Sovrascrittura, o viceversa.
In alcune versioni di Word questo è un cambiamento voluto.
Il tasto non è, per default, utilizzato per passare da una modalità all’altra.
Per attivare in modo definitivo tale funzionalità, dal menu "Strumenti", cliccate su "Personalizza".
Nella cartella "Comandi", fate clic sul pulsante "Tastiera".
Nella casella "Categorie", selezionate "Tutti i comandi".
Nella lista dei comandi, selezionate "Sovrascrivi" e posizionate il punto di inserimento nella casella "Nuova combinazione".
Premete "Ins" sulla tastiera, fate clic sul pulsante "Assegna", quindi su "Chiudi".
In alternativa potete selezionare, dal menù "Strumenti", l’opzione di Sovrascrittura.
Per fare ciò cliccate su "Opzioni" e, successivamente, sulla cartella "Modifica".
Infine, nelle Opzioni di modifica, abilitate o disabilitate la voce "Modalità sovrascrittura".

Inserire più numeri di pagina nella stessa pagina
In Word è possibile numerare le colonne o inserire più numeri di pagina su di una stessa pagina nel caso, per esempio, si utilizzi un foglio in formato A3 per creare due pagine in formato A4 affiancate.
Tale operazione è possibile sfruttando il campo "Formula".
La formula generica da utilizzare è "Npag * Ncol - K", dove Npag rappresenta il numero delle pagine (contando il singolo foglio) e Ncol è uguale al numero delle colonne per pagina; K è un indice che parte dal valore Ncol -1 e si decrementa di un’unità.
Posizionatevi nell’intestazione del documento, premete Ctrl + F9 digitate un "=", inserite Npag*, immettete il campo pagina dalla "Barra Strumenti" delle intestazioni, quindi la costante K.
ESEMPIO: Per due colonne si avrà: {=2*{Pagina}-1} | {=2*{Pagina}}.

Impossibile eseguire Microsoft Word
Se avete installato Microsoft Office 2003 ma, ogni volta che aprite un documento Word vi comapre il messaggio "Impossibile eseguire il comando, perchè una finestra di dialogo è aperta. Per continuare, fare click su OK e chiudere le finestre di dialogo aperte", significa che Windows vi sta segnalando che c'è un errore causato dall'interferenza con le firme di un software antivirus.
In questo caso, vi consigliamo di aggiornare l'antivirus in uso: non solo le definizioni, ma anche la versione della suite di produttività personale.
Se tutto ciò non dovesse bastare, purtroppo sarete costretti a cambiare antivirus.
Tuuti quelli più importanti sono perfettamente compatibili con Office 2003.
Nel caso delle vecchie versioni del Norton AntiVirus, però, potrebbe essere necessario disabilitare il "Plug-In per Office".
Per disattivarlo, dalle "Opzioni" del programma, cliccate su "Varie" e poi togliete la spunta all'opzione "Attiva il plug-in per Office".

Aggiungere una filigrana ai documenti
Per aggiungere una filigrana di sfondo ad un documento di Word 2002, selezionate "Formato, Sfondo, Filigrana stampata".
Cliccate su "Filigrana immagine" per inserire un'immagine di vostro gradimento, individuate l'immagine e quindi cliccate su "Inserisci".
Cliccate su "Filigrana testo" per inserire un testo, selezionate o inserite il testo desiderato, evidenziate ogni altra eventuale opzione desiderata e quindi cliccate su "Applica".
Potete vedere il risultato finale scegliendo il "Layout di stampa" o tramite una semplice "Anteprima di stampa", dal menù "File".

Ottenere il - lungo (--)
Per ottenere il trattino lungo tra due parole digitale la prima parola, poi due trattini normali -, poi uno spazio e infine la seconda parola

Cominciare la numerazione dalla seconda pagina
Nella numerazione delle pagine e nell'indice, la pagina 1 rappresenta in genera la copertina di un lungo documento. Si desidera incominciare la numerazione del documento dalla seconda pagina.
Definire la copertina come sezione indipendente, inserendo manualmente un'interruzione di sezione dopo la pagina. Successivamente, specificare che Word dovrà incominciare la numerazione delle pagine a partire dalla seconda sezione.
Inserire una sezione: posizionare il cursore sulla porzione di testo desiderata e selezionare da menù Inserisci/Interruzione. Nella finestra di dialogo, in corrispondenza di Interruzioni di sezione, selezionare l'opzione Pagina successiva e fare clic su OK. Word visualizzerà l'interruzione di sezione sotto forma di doppia linea tratteggiata. Se la copertina è già stata separata dal resto del documento tramite un'interruzione di pagina fissa, cancellare l'interruzione. In caso contrario, Word aggiungerà una apgina vuota tra la copertina e il testo effettivo. Per eliminare l'interruzione fissa passare a Visualizza/Normale tramite menu, posizionare il cursore sulla liena tratteggiata che indica l'interruzione di pagina fissa e premere il tasto CANC.
Iniziare la numerazione: a questo punto posizionare il cursore dopo l'interruzione di sezione, aprire Inserisci/Numeri di pagina e fare clic nella finestra di dialogo sul pulsante Formato. Attivare l'opzione "Comincia da..." in corrispondenza di numerazione pagine e inserire 1 in quel campo. Ciò farà in modo che la numerazione venga avviata da questa sezione, partendo 1. Chiudere tutte le finestre di dialogo aperte facendo clic su OK.
Aggiungere intestazioni e piè di pagina: intestazioni e piè di pagina non hanno senso sulla copertina. Di conseguenza, aprire Visualizza/Intestazione e piè di pagina e navigare fino alla selezione successivo con i pulsanti Mostra Precedente o Mostra Successivo. Disattivare i pulsanti Collega al precedente o come il precedente. Navigare fino all'intestazione o piè di pagina della prima sezione e rimuovere il numero di pagina qui inserito. A questo scopo, selezionarlo e premere Canc. Immediatamente, i numeri di pagina appariranno soltanto nel testo e non nella copertina. Infine, fare clic su Chiudi.

Utilizzare le funzioni di calcolo nei documenti
All'interno di una tabella Word è possibile utilizzare alcune funzioni di calcolo. Si tratta per lo più di funzioni matematiche che si rivelano benvenute per impostare calcoli estemporanei, per realizzare fatture, note spese, o quant'altro. Vediamo, tanto per fare subito un esempio pratico, come si può eseguire la somma di una lista di 5 valori numerici.
Disegnare una tabella di una colonna e sette celle, per fare posto anche al totale e lasciare uno spazio sopra quest'ultimo. A questo punto, inserire i valori, portarsi sull'ultima cella della tabella, aprire l'omonimo menu, e optare per Formula. Nel box cui si accede aprire l'elenco delle funzioni e selezionare Somma. Word riconosce la presenza dei valori inseriti, e propone nella casella dedicata la funzione da utilizzare: SUM(ABOVE). Premere Invio per attivarla e visualizzare il risultato della somma.

Unire più file in un solo documento
Può presentarsi la necessità di unire più documenti diversi per otten e rne uno solo. Per esempio, dai file che costituiscono i capitoli di un libro, si può ottenere il file corrispondente all'intera opera. Il bello è che gli inserimenti possono essere fatti anche all'interno dei documenti stessi, e in certi casi possono essere inseriti anche file non in formato Word. Ma ecco come operare. Portare il cursore dove deve avvenire l'inserimento, accedere al menu Inserisci, e optare per la voce File. Si apre così una maschera nella quale si imposta il percorso di residenza del file da inserire. Se l'inserimento coinvolge un documento testuale o un foglio di lavoro Excel, premendo il pulsante Intervallo, è possibile definire la porzione di file da importare.

Stampare più pagine su un solo foglio
Se si deve valutare la qualità di un documento voluminoso, o più semplicemente, vogliamo creare una bozza risparmiando carta, possiamo stampare più di una pagina sullo stesso foglio. Se ne possono stampare sino a sedici, ma ovviamente la loro leggibilità è inversamente proporzionale al numero di quelle che vengono inserite nel foglio.
In ogni caso, se si dispone di un'ottima stampante, anche se i caratteri sono piccolissimi, con quattro o sei pagine i risultati possono essere ancora accettabili. Ricordiamo, però, che la procedura di stampa multipla dovrebbe essere utilizzata solo per una valutazione di assieme del documento.
Aprire il menu File e selezionare la voce Stampa per accedere all'omonima maschera. Nella sezione Zoom aprire l'elenco a discesa associato alla casella Pagine per foglio e specificare quante stamparne.

Le miniature delle pagine
Se si sta lavorando ad un documento articolato in numerose pagine, e in particolare contenente molte immagini, c'è un'alternativa grafica all'opzione Mappa documento, che consente di individuare e accedere ad una pagina riconoscendola attraverso la corrispondente miniatura.
Con il documento a video aprire il menu Visualizza e selezionare la voce Anteprime. Così facendo, nella parte sinistra dell'area di lavoro si apre una fascia verticale in cui sono ospitate le miniature della struttura delle pagine di cui si compone il documento. Quella a video si presenta evidenziata. Per visualizzare una delle pagine fare clic su quella che ci interessa. Per disattivare la modalità miniatura riaprire il menu Visualizza e deselezionare ancora la voce Anteprime.

Visualizzare un documento in due finestre
Quando si lavora con documenti di grandi dimensioni può essere necessario confrontarne parti diverse per effettuare correzioni, repliche, o cancellazioni di elementi ridondanti. La cosa è possibile grazie ad una speciale opzione che consente di suddividere l'area di editing in due finestre, nelle quali lo stesso documento può scorrere visualizzandone contemporaneamente parti diverse. Ecco come procedere.
Con il documento a video aprire il menu Finestra e selezionare la voce Dividi. Così facendo, al centro del video compare una linea orizzontale. Spostarla verso l'alto o verso il basso sino a posizionarla opportunamente, quindi fare clic con il mouse per creare le due finestre. A questo punto, agendo sulle barre di scorrimento si possono esplorare indipendentemente i due documenti. Per ripristinare la situazione normale, riaprire il menu Finestra e selezionare la voce Rimuovi divisione.

Affiancare due paragrafi
Se per particolari problemi di impaginazione in Word si dovesse presentare la necessità di affiancare due o più paragrafi, lo si può fare ricorrendo ad una tabella.
Nel primo caso portare il cursore nel punto del documento in cui si vogliono inserire i paragrafi affiancati, aprire il menu Tabelle, e selezionare la voce Inserisci. Nel menu contestuale al clic optare per Tabella. Nel box che viene visualizzato specificare che si desidera una tabella di una sola riga con tre colonne. La cella centrale ha la funzione di separare i due paragrafi, e dovrà essere dimensionata, come del resto anche le celle a fianco.
Fare clic nelle celle, aprire il menu Tabella, selezionare Proprietà, accedere alla scheda Celle della maschera che si apre e definirne le misure in centimetri. Operati i necessari dimensionamenti si può cominciare ad inserire il testo nelle due celle.

Trasformare una tabella in un mini-foglio elettronico
Una tabella Word può essere trasformata in un piccolo foglio di lavoro, all'interno del quale è possibile utilizzare alcune funzioni direttamente mutuate dall'ambiente Excel.
Ovviamente, non si può pretendere di avere a disposizione tutte quelle disponibili nel foglio elettronico di casa Microsoft, ma quelle proposte, una ventina, bastano e quasi avanzano.
Non manca, naturalmente, la funzione di somma, accompagnata da alcune funzioni statistiche di uso comune, come quelle, per esempio, dedicate al calcolo di medie, conteggi, massimi, e minimi. Vi sono anche le funzioni per l'impostazione di controlli condizionali, arrotondamenti, e calcolo degli interi. Insomma, non ci si può lamentare, anche se, purtroppo, i loro nomi sono in inglese. In ogni caso, sono riconoscibili senza problemi. Ma vediamo come compiere alcune somme all'interno di una tabella.
Innanzitutto, ricordiamo che le celle della tabella sono identificate con la stessa sintassi del foglio elettronico, anche se nella fattispecie mancano le intestazioni di righe e colonne.
Così, la prima cella nell'angolo superiore sinistro è la posizione A1, quella a destra la B1, quella sottostante, la A2, e così via. A questo punto, ecco come eseguire la somma dei valori che si trovano in B1 e in B2. Fare clic sulla cella che deve contenere il risultato, aprire il menu Tabella, e selezionare Formula.
Nella maschera che viene visualizzata cancellare eventuali espressioni preesistenti nella casella Formula, aprire l'elenco a discesa Incolla funzione, e fare clic su SUM.
La funzione viene trasferita nella casella, dove all'interno delle parentesi che figurano dopo il nome della funzione stessa si digitano le coordinate della zona da sommare (B1:B2). Premere il pulsante Ok per visualizzare la somma nella cella. Le altre funzioni si utilizzano seguendo la stessa procedura.

Inserire termini tecnici senza errori di battitura
Se si utilizzano spesso nei documenti termini particolari, o dall'ortografia piuttosto complessa, è sempre possibile commettere errori di battitura.
Per evitarli, basta coinvolgere le suddette parole nell'opzione di correzione automatica di Word, associandole ad una scorciatoia che potrebbe essere, per esempio, un nome più breve, o rappresentata da alcune delle loro lettere iniziali (attenti ai conflitti).
Aprite il menu Strumenti e selezionate Opzioni di correzione automatica. Nella scheda visualizzata, digitate la scorciatoia nella casella Sostituisci, e inserite il termine completo nella casella Con. Così facendo, tutte le volte che si digiterà la scorciatoia, e la si farà seguire da uno spazio, Word la sostituirà automaticamente con la parola completa.

Scrivere una sintesi a fianco di un testo
Per meglio evidenziare i contenuti di un testo se ne può riportare a fianco una breve sintesi. Le possibilità sono due.
La prima consiste nel disegnare una tabella di due colonne (senza bordi) che occupi l'intera pagina. La prima colonna (lunga e stretta) è suddivisa in più celle, tante quante sono le sintesi previste, mentre la seconda colonna è costituita da una sola cella, ed in essa verrà digitato il testo.
Un'altra soluzione, da adottare quando il testo principale è già stato scritto, è quella di aprire il menu File, selezionare la voce Imposta pagina, e di specificare nella maschera che viene aperta una ampiezza maggiore per il margine sinistro. A questo punto, utilizzando lo strumento dedicato della barra disegno, tracciare un box accanto al testo e inserivi i commenti previsti.

Calcoli in tempo reale senza calcolatrice
Se si vuole inserire all’interno di un documento il risultato di un calcolo anche piuttosto complesso, non si deve necessariamente utilizzare una calcolatrice, ma è possibile impostare direttamente l’espressione, e visualizzarne poi il risultato nella posizione del cursore. Ecco come procedere.
Fare clic nel punto in cui deve comparire il risultato del calcolo, aprire il menu Tabella, e selezionare la voce Formula. Si determina così l’apertura di un box articolato in più caselle.
Nella prima, inserire l’espressione da calcolare utilizzando come operatori i segni +, -, *, /, e ^, quest’ultimo per l’elevamento a potenza.
Se l’espressione è particolarmente complessa è previsto l’utilizzo delle parentesi aperte e chiuse per definire diverse priorità dei calcoli. Infatti, per default, vengono sempre eseguite per prime moltiplicazioni e divisioni, quindi somme e sottrazioni.
Per esempio, l’espressione 2*3+3 restituisce 9, mentre 2*(3+3) viene valorizzata 12. A questo punto, basta premere il pulsante Ok in calce al box per ottenere il risultato.
Nella sottostante casella (Formato), è possibile impostare lo stile da utilizzare per la visualizzazione dei risultati.
Aprire l’elenco a discesa associato alla casella, e selezionare quello desiderato. L’assegnazione avverrà contestualmente al calcolo dell’espressione. Ma c’è di più.
Per l’impostazione di una espressione è previsto anche l’utilizzo di alcune funzioni che operano in ambiente Excel. È così possibile eseguire rapidamente calcoli anche molto complessi.
L’espressione si costruisce sempre nella casella Formula, ma le funzioni si prelevano aprendo l’elenco a discesa associato alla casella Incolla funzione. Una volta che la funzione è stata trasferita nella casella si inseriscono manualmente gli opportuni argomenti.

Salvare in un unico file più versioni di uno stesso documento
Quando si lavora ad un documento complesso che viene steso in più riprese può essere utile avere sempre sott'occhio i suoi stati di avanzamento.
La soluzione immediata, ma non la più efficace, è quella di registrare via via con nomi diversi le varie versioni utilizzando la funzione Salva con nome del menu File.
Meglio utilizzare una funzione dedicata, anch'essa operante nel suddetto menu, che consente di salvare in un unico documento tutti quelli in cui si articola il nostro progetto.
Quando si salva per la prima volta il file, anziché utilizzare la procedura tradizionale aprire il menu File e selezionare la voce Versioni. Si accede ad un box in cui si preme il pulsante Salva versione. Viene aperto poi un nuovo box in cui si possono inserire note e commenti relativi al documento in corso di salvataggio. Digitate le eventuali note fare clic sul pulsante Ok.
A questo punto viene visualizzata la solita maschera per assegnare un nome al file da salvare. Quando si procede al successivo salvataggio del documento ripetere la procedura, ma questa volta non verrà richiesto di assegnare un nome perché il salvataggio avviene con quello originale.
Viene però registrata a parte la nuova versione del documento, inserendola nella maschera che si apre quando si seleziona Versioni nel menu File.
Con le procedure tradizionali si apre sempre l'ultima versione del file, mentre se dall'interno di questa si attiva l'opzione Versioni si accede all'elenco dei documenti salvati strada facendo.

Proteggere i documenti con una password
Se il nostro computer può essere utilizzato anche da altre persone, meglio proteggere con una opportuna password i documenti più riservati. Con a video il documento da proteggere aprire il menu Strumenti, e nella maschera che viene visualizzata accedere alla scheda Protezione.
Nella casella Password di apertura digitare quella che vogliamo utilizzare, ricordando che la chiave ha valenze anche a livello di ortografia maiuscola e minuscola. Digitata la password premere il pulsante Ok in calce alla scheda. Si determina così l'apertura di un box in cui si è invitati a digitare una seconda volta la parola chiave. Un messaggio in calce alla casella di input ricorda molto chiaramente, semmai ce ne fosse bisogno, che se si dimentica la password non sarà più possibile accedere al documento. Ottemperare alla richiesta e premere il pulsante Ok per proteggere definitivamente il documento.
Numerare le pagine di un documento stampato
Può accadere che dopo aver stampato un documento, magari anche piuttosto corposo, ci si accorga di non aver numerato le pagine. Ovviamente, si potrebbe ricaricarlo e ovviare alla dimenticanza richiedendo la numerazione omessa, ma si deve gettare nel cestino quello che abbiamo appena preparato. La soluzione del problema è a portata di mano, ed anche molto semplice.
Basta creare un documento vuoto composto dallo stesso numero di pagine di quello originale, aprire il menu Inserisci, selezionare la voce Numeri di pagina, e nel box che viene visualizzato impostare posizione, allineamento, e formato della numerazione. A questo punto, inserire il documento cartaceo nel dispositivo di alimentazione della stampante e dare il via alla stampa. Per evitare sorprese è consigliabile fare una piccola prova con una o due pagine.

Creare moduli automatizzati
Per prima cosa bisogna creare un modello del modulo, partendo da un esempio dello stesso. Da File - Nuovo e nella finestra di dialogo Nuovo Documento seleziona la voce Nuovo da modello, Modelli generali. Seleziona un Modello da utilizzare oppure Documento vuoto e seleziona il check box Modello, nella sezione Crea nuovo, che trovi in basso a destra nella finestra dalla quale hai appena selezionato il modello. Clicca su OK. Inserisci un titolo ed un testo descrittivo per il modulo, lasciando gli spazi desiderati laddove andrai poi ad inserire i campi da riempire a cura dell'utente.
Per creare un campo di input nel quale poter inserire del testo, puoi utilizzare la barra dei menu, posizionando il campo esattamente laddove vorremmo fosse inserito il testo. Seleziona Inserisci, Campo e dall'elenco delle categorie  seleziona Stampa Unione. Dall'elenco dei nomi di campo seleziona Fill-in. Nel riquadro Proprietà  campo digita il testo che guiderà l'utente al riempimento del campo con le informazioni desiderate e, se vuoi, puoi anche inserire un valore di default da far apparire nel cmapo che scomparirà automaticamente se l'utente inizierà a digitare le sue informazioni. Clicca su OK e verrà visualizzato un pannello di esempio. Clicca ancora su OK e verrà visualizzato un pannello di esempio. Clicca ancora su OK per ritornare al documento ed inserire i restanti campi di testo. Nel documento verrà visualizzato solo il contenuto del campo, quindi se non dai un valore predefinito i campi non verranno visualizzati.
Per visualizzare i codici dei campi che hai inserito, premi i tasti ALT+F9. Volendo puoi inserire direttamente un campo testo utilizzando solo un tasto. Dopo esserti posizionato sul punto nel quale intendi creare il campo di testo, premi i tasti CTRL+F9 ed appariranno due parentesi graffe nel documento. Il punto d'inserimento sarà posizionato al loro intero e potrai digitare il codice FILLIN "testo da far apparire" (tra apici va inserito il testo per guidare l'utente alla corretta immissione di dati nel campo). Questa tecnica d'inserimento dei camp lascia il codice visibile, tranne quanto si utilizza il modello per l'inserimento. posizionandovi su un campo e premendo F9 pui far apparire il pannello che permette di simulare l'azione del campo, ma questo non è un passo necessario. Dopo aver creato il modello, selezionate il menu File, scegli la voce Salva con nome e dai al documento un nome riconoscibile. Quando sarai pronto per utilizzare questo modello, seleziona File, Nuovo, quindi scegli Modelli generali e seleziona quello creato in precedenza. Word creerà un nuovo documento riempiendolo automaticamente con il contenuto del modello e proponendo in sequenza il pannello di input per il riempimento dei campi in esso inseriti. Quanto tutti i campi saranno riempiti il documento sarà visualizzato con tutto il loro contenuto, pronto per essere salvato o stampato.

Errore di Word (Correttore automatico)
Msgrit32.dll e mssp32it.dll : errori del correttore ortografico di Word
Chi usava Office 2000 già ricorda il frequente errore di Word: "Microsoft Word ha eseguito una operazione non valida. Il programma sarà terminato". Office XP non era da meno. Ora anche Office 2003 ci tormenta con lo stesso problema. Se leggiamo nelle specifiche dell’errore troviamo spesso che Word ha causato un errore in MSSP32IT.DLL o MSGRIT32.DLL.
Queste librerie sono richiamate dal Correttore ortografico e grammaticale di Word.
La prima operazione da eseguire è controllare se la propria copia di Office sia aggiornata. E' possibile fare questo check al seguente link: http://office.microsoft.com/italy/ProductUpdates/default.aspx
L'Hotfix per Office XP è stata infatti inclusa nel Service Pack 3
Quella per Office 2003 al momento la si puo' richiedere al seguente link:
http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=fh;IT;INCIDENTSUBMIT
come descritto nell'articolo KB:
Description of the proofing tools for the Italian version of Office 2003 hotfix package: June 1, 2004
http://support.microsoft.com/?kbid=830815
Nel caso che nemmeno l’hotfix ottenesse l’effetto sperato, si può ricorrere a degli espedienti che nel tempo gli utenti hanno sperimentato per ovviare al problema. Ecco di seguito alcune delle operazioni più frequenti:
- In Strumenti > Opzioni > Ortografia e Grammatica, rimuovere le spunte dalle caselle "Controlla ortografia durante la digitazione" e "Controlla grammatica durante la digitazione"
- In Strumenti> Opzioni correzione automatica> Smart tag, togliere la spunta a "Contrassegna testo con smart tag".
- Rinominare il file msgrit32.dll in Msgrit32.dll.old
Informazioni tecniche si possono leggere tra gli articoli della Knowledge Base Microsoft, ai seguenti link:
WD2002: Word Stops Responding When You Use Italian Grammar Checker
http://support.microsoft.com/?id=313455
WD2002: Error Message: Word Cannot Find the Spelling File Mssp3XX.dll or Mssp232.dll
http://support.microsoft.com/?id=273965
WD2000: Word 2000 May Randomly Stop Responding When You Use the Italian Word 2000 Grammar Checker
http://support.microsoft.com/?id=321937

Aprire automaticamente l'ultimo documento
Basta eseguire il seguente comando: "c:\programmi\microsoft office\office11\winword.exe" /mFile1

Backup Dizionario Word
Gli utenti del famoso wordprocessor Microsoft Word potrebbero avere la necessità di effettuare un backup del dizionario personalizzato, quello che contiene le parole aggiunte dall'utente. Normalmente scegliendo "AGGIUNGI" dal menu contestuale delle parole, queste vengono inserite nel dizionario che fa riferimento al file:
C:\Documents and Settings\[NOME UTENTE]\Dati applicazioni\Microsoft\Strumenti di correzione\CUSTOM.DIC
Tuttavia la directory potrebbe essere diversa o potreste aver creato altri dizionari. Per vedere la directory corretta controllate da Word stesso in
STRUMENTI - OPZIONI - ORTOGRAFIA E GRAMMATICA
DIZIONARI PERSONALIZZATI - NUOVO
Basterà effettuare quindi una copia dei file .DIC .

Word Command Line Switches
The following text was copied from the Microsoft Site at:
http://support.microsoft.com/support/kb/articles/Q210/5/65.ASP

Type To do this
/a Starts Word and prevents add-ins and global templates (including the Normal template) from being loaded automatically.
The /a switch also locks the setting files; that is, the setting files cannot be read or modified if you use this switch.
/laddinpath Starts Word and then loads a specific Word add-in.
/m Starts a new instance of Word without running any AutoExec macros.
/mmacroname Starts Word and then runs a specific macro. The /m switch also prevents Word from running any AutoExec macros.
/n Starts a new instance of Word with no document open. Documents opened in each instance of Word will not appear as choices in the Window menu of other instances.
/ttemplatename Starts Word with a new document based on a template other than the Normal template.
/w Starts a new instance of Word with a blank document. Documents opened in each instance of Word will not appear as choices in the Window menu of the other instances.
(no switch) A new Word window is opened with a blank document using the existing instance of the Word application.

Poche righe nell'ultima pagina
Buongiorno e bentornati dopo la breve vacanza di Pasqua; inizieremo con un trucco applicabile a Word 2000. Spesso puo' capitare dopo aver scritto un lungo documento, che nell'ultima pagina vi siano solo due o tre righe. Per evitare noiosi ed elaborati taglia e cuci del testo per far rientrare le poche righe nell'ultima pagina, si puo' ricorrere a questo stratagemma. Selezionate Anteprima di Stampa dal menu' File. Nell'apposita barra degli strumenti, cercate il pulsante Riduci di una pagina: cliccando su di esso Word 2000 modifica la dimensione dei caratteri finche' le ultime righe non rientreranno nella penultima pagina, che adesso diventerà ultima.

Quickly Change Font Size in Office
To quickly change the font size in your Office application (Word, Front Page, Publisher or PowerPoint):

  1. Highlight the text you want to change
  2. Press:
    CTRL+SHIFT+> - To Increase the size
    CTRL+SHIFT+< - To Decrease the size

Errore nel file Msgrit32.dll di Word XP
************
AppName: winword.exe AppVer: 10.0.2627.0 ModName: msgrit32.dll
ModVer: 3.0.0.39 Offset: 0001f689
************
Da una ricerca nella Knowledge Base di Microsoft abbiamo trovato due articoli che riguardano questo problema: il primo è disponibile all’indirizzo http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;en-us;313455, il secondo all’Url http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;en-us;822866. Se il problema si presentasse con una frequenza tale da impedire di utilizzare il programma in maniera produttiva, l’unica soluzione sarebbe quella di disattivare la funzione di correzione ortografica. Questa anomalia è stata segnalata da diversi utenti ed è probabile attendersi a breve un aggiornamento da parte di Microsoft.
Spesso quando si lavora con Word si riceve un messaggio di errore relativo all'esecuzione di una operazione non valida e chiusura inaspettata del programma.
Se tra le informazioni relative al problema si legge
ModName: MSGRIT32.DLL, allora potrebbe trattarsi di un problema relativo al correttore ortografico di WORD (2000, Xp e 2003).
Per risolvere il problema
Avviare WORD
Cliccare sul menu:

Controlla ortografia durante la digitazione
e
Controlla grammatica durante la digitazione

Ovviamente cio comportera' il mancato funzionamneto controllo grammaticale automatico.

Incorporare i font
se utilizzate diversi PC (oppure avete la necessita' di passare a colleghi o amici dei vostri scritti), ben presto vi accorgerete che se componete una relazione con un tipo di carattere (font) non *standard*, questo carattere non verra' piu' visualizzato nel PC *ospite*. Tale inconveniente puo' essere solitamente risolto inserendo in una cartella il documento ed il font, ma non tutti sono entusiasti di dover installare nuovi font, oppure di seguire tutte le trafile solite (copia ed incolla nelle apposite cartelle). Per semplificare le cose, tuttavia, Word 2000 dispone di una opzione apposita. Andate in Strumenti-Opzioni ed entrate poi nella sezione Salva. Qui potrete settare la casella "Incorpora caratteri TrueType, e successivamente selezionare "Incorpora solo caratteri in uso", salvando in questo modo insieme al vostro documento anche tutti i caratteri che sono in esso contenuti.

Il processo CTFMON.EXE (Office)
Questo file può rallentare l'accesso ai files. Per disabilitarlo, bisogna specificare che il il programma in questione è un componente di Office XP, che sorveglia tutte le finestre aperte e rende disponibile il riconoscimento della lingua e dei caratteri utilizzati, nonchè il supporto a periferiche non standard per l'inserimento del testo. Se questa funzione non viene impiegata, si può terminare il processo, ma non basta cancellare semplicemente il file o chiudere il processo manualmente nel Task Manager. Bisogna invece disinstallare l'input dell'utente richiesto da Office XP: aprire il pannello di controllo e fare doppio clic su Installazione applicazioni. Selezionare nell'elenco la voce Microsoft Office, o l'eventuale singolo programma Office installato. Fare clic su Aggiungi/Rimuovi, selezionare la voce Aggiungi/Rimuovi caratteristiche e fare clic su Avanti. Con un clic sul simbolo "+" posto davanti alla voce Caratteristiche condivise di Office appariranno una serie di funzioni; disattivare la voce "Input alternativo utente" cliccando sulla relativa icona e selezionando Escludi dall'installazione. Premere, poi, aggiorna, per effettuare la modifica. Per eliminare anche i driver per le periferiche di input alternative, fare doppio clic in Pannello di controllo, Tastiera, passare alla scheda Hardware ed eliminare tutti i driver tranne quello della tastiera standard. Eliminare anche i files Dll rimasti.

Rimuovere le informazioni personali dai documenti con Office XP
Aprite il menù Strumenti, selezionate la voce Opzioni e cliccate sulla scheda Protezione. Attivate la casella relativa alla voce "Rimuovi le informazioni personali dal file al momento del salvataggio". In questo modo non lascerete più informazioni personali relative alla creazione del documento.

Eliminare gli 'a capo' nel testo in Word
Quante volte è capitato di fare un copia incolla del contenuto di una pagina web o di un'e-mail, sul foglio bianco di Word, e di ritrovarsi il testo spezzato da moltissimi 'a capo' che eliminiamo con la noiosa digitazione del tasto "Canc" per ogni riga?
Una soluzione semplice e veloce per eliminare tutti gli accapo è questa: dal menu "Modifica" -> "Sostituisci" -> nella finestra di dialogo mettere ^p su "Trova", mentre in "Sostituisci" digitare uno spazio; dopodiché dare il comando "Sostituisci tutto".

Immagine in filigrana
In Word è possibile inserire un'immagine facendo in modo però che il testo venga a trovarsi sopra all'immagine stessa, la quale risulta visibile ma in "filigrana".
Per far questo è sufficiente inserire un'immagine e, dopo averla selezionata, fare un clic col tasto destro scegliendo la voce 'Formato Immagine'.
Nella finestra che appare selezionare la scheda 'Layout' e quindi cliccare sulla casella 'Dietro al testo'.

Immagine con sfondo trasparente
In Word è possibile inserire un'immagine facendo in modo però lo sfondo della medesima sia trasparente rispetto allo sfondo del documento stesso.
In questo caso bisogna inserire l'immagine voluta e quindi visualizzare la barra 'Immagine' (mediante il menu Visualizza -> Barre degli strumenti -> Immagine).
Fra le altre icone ve ne è una che rappresenta una piccola bacchetta giallo-blu.
Dopo aver selezionato l'immagine cliccare su tale icona.
Il puntatore del mouse assume la forma di questa icona: ora è sufficiente cliccare sul colore che si vuol rendere trasparente.
<a href="esempio1.asp" target=" _blank">clicca qui</a> per visualizzare l'esempio

Trasferire i caratteri su un altro computer
I font di caratteri più utilizzati sono presenti su quasi tutti i computer. Se si utilizzano i soliti Times, Arial, Comic, ecc. è molto probabile che il file salvato possa essere letto in modo esatto su un qualsiasi computer su cui sia installato Word. Se invece si decide di utilizzare uno o più font poco conosciuti si rischia, trasferendo il file su un altro computer, di non trovare esattamente gli stessi font iniziali. In questi casi l'impaginazione può apparire leggermente differente. E' tuttavia possibile salvare, insieme al documento, anche le descrizioni dei font di caratteri utilizzati. Per farlo occorre usare il comando "Strumenti > Opzioni" e nella scheda "Salva" selezionare l'opzione "Incorpora caratteri True Type. Dato che in questo modo le dimensioni del file possono aumentare di molto, si consiglia di selezionare anche le opzioni "Incorpora solo caratteri in uso" e "Non incorporare caratteri di sistema standard". Nella maggior parte dei casi l'effetto ottenuto risulta identico a quello che si avrebbe salvando tutti i font, con conseguente aumento notevole delle dimensioni del file di Word.

Inserire un'immagine di sfondo
Lo sfondo di Word può essere abbellito con immagini. Questo effetto filigrana può dar luogo a pagine molto sofisticate, utili per produrre locandine, brochure ecc. Per inserire un'immagine di sfondo occorre il comando "Formato sfondo", seguito dalla scelta di "Filigrana stampata". Nella finestra di dialogo che appare occorre poi scegliere "Filigrana immagine" e premere il pulsante "Selezione immagine". L'immagine inserita può essere inserita in forma Sfumata o meno: la forma sfumata è dotata di colori molto leggeri e risulta appena visibile a video o stampata solo con stampanti di elevata qualità. L'immagine di sfondo è visibile SOLO in modalità Layout (Visualizza Layout di stampa)

Riaprire un documento nel punto in cui lo si è lasciato
Per tornare al punto in cui avevano lasciato il documento, quando si apre un nuovo documento è sufficiente digitare la combinazione di tasto Maiusc+F% per fare in modo che a video appaia la stessa zona di testo che era visualizzata al momento dell'ultimo salvataggio effettuato sul file poi chiuso.

Come non far scoprire il file di word usati
Esiste un sistema per rimuovere l'elenco degli ultimi file usati da Word. Infatti spesso non vogliamo che altre persone vedano quali sono gli ultimi documenti su cui abbiamo lavorato. Per evitare "intrusioni" dobbiamo ricorrere ad una piccola modifica nelle opzioni del programma per rimuovere l'elenco dal menu File. Ecco come procedere: andiamo su Strumenti>Opzioni>Standard e deselezioniamo l'opzione elenco ultimi file usati.

Rimuovere l'elenco degli ultimi file usati da Word
Se non volete che altre persone vedano quali sono gli ultimi documenti su cui avete lavorato, basta andare a fare una piccola modifica nelle opzioni del programma per rimuovere l'elenco dal menu FILE.
Andiamo su STRUMENTI -> OPZIONI -> STANDARD e deselezioniamo l'opzione elenco ultimi file usati.
A questo punto possiamo stare tranquilli che nessuno potrà vedere gli ultimi documenti aperti

Poche righe nell'ultima pagina (Word 2000) 
Spesso puo' capitare dopo aver scritto un lungo documento, che nell'ultima pagina vi siano solo due o tre righe. Per evitare noiosi ed elaborati taglia e cuci del testo per far rientrare le poche righe nell'ultima pagina, si puo' ricorrere a questo stratagemma. 
Selezionate Anteprima di Stampa dal menu' File. Nell'apposita barra degli strumenti, cercate il pulsante Riduci di una pagina: cliccando su di esso Word 2000 modifica la dimensione dei caratteri finche' le ultime righe non rientreranno nella penultima pagina, che adesso diventera' ultima.

Creazione di un questionario (Word)
Supponiamo di voler inviare a tutti un questionario, ognuno dei quali dovrà compilarlo in ogni sua parte e rispedirlo all'ufficio raccolta dati. Per facilitare tale operazione Word mette a disposizione la possibilità di creare dei formulari con l'inserimento di "campi testuali", "elenchi a discesa" o "caselle di controllo".
Apriamo un nuovo dcoumento. Dal menù "Visualizza" selezionare la voce "Barre degli strumenti" e dal menù laterale, selezionare la voce "Moduli". Compare una nuova barra degli strumenti. Inserire una selezione anagrafica dei dipendenti (ad esempio). Posizionarsi in un punto del documento, digitare "Nome" e cliccare sul "Campo modulo testo".
Tornare a capo e ripetere l'operazione per "Cognome", "indirizzo" ecc. Nel formulario, supponiamo di voler inserire il "titolo di studio". In questo caso si può decidere di inserire un elenco a discesa. Cliccare sul pulsante "Campo modulo elenco a discesa" e in seguito sul pulsante accando "Opzioni per campo modulo".
Nella finestra che si apre, inserire le voci dell'elenco a discesa. Nella casella "Voce Elenco" scrivere gli elementi e cliccare su "Aggiungi". Infine, inserire lo "Stato civile". Accanto a ciascuna opzione, inserire una "caseela barrabile" cliccando sul pulsante "Campo modulo casella di controllo".
Per inseragire con il formulario cliccare su "PROTEGGI MODULO".

Scrivere in un punto qualunque in Word
Nelle versioni precedenti di Microsoft Word per poter scrivere al centro (in verticale) del foglio occorreva inserire una serie infinita di invii e tabulazioni e comunque il risultato non era mai soddisfacente poiché gli allineamenti non venivano mai rispettati. 
Dalla versione 2000 è invece possibile. In Word 2000 è sufficiente andare in Strumenti - Opzioni - Modifica e qui mettere il segno di spunta sulla voce Attiva click e digita. E il gioco è fatto. 
In Word 2002 la cosa è molto più semplice poiché di default è già impostata questa possibilità: bisognerà cliccare due volte nel punto, al centro del foglio, in cui desideriamo cominciare a scrivere. Nel caso non fosse attivata controllate che in Strumenti - Opzioni - Modifica sia spuntata l’opzione Consenti modifiche nel punto di doppio clic. Da ora in poi diverrà molto più semplice organizzare il nostro foglio di lavoro 

Se vi spariscono le sbarre...
«Ad un mio collega sono sparite tutte le barre degli strumenti (oppure le ha cancellate per sbaglio). Come posso fare a ripristinarle dato manca anche quella principale?
Bisogna ricorrere al Registro di Sistema e trovare le seguenti chiavi:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Office\9.0\Word\Data (per Word2000)
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Office\10.0\Word\Data (per Word2002)
Qui rinominiamo o eliminiamo il valore binario Toolbars.
Se neanche così si ottiene nulla, rinominate (o eliminate) il file normal.dot e/o il file word.pip (che trovi in Dati applicazioni\Microsoft\Office).
Comunque lanciando Word in "safe mode" non dovresti avere problemi: winword.exe /a »

Selezione Multipla in Office
Per selezionare più parti non consecutive, provate a tenere schiacciato CTRL intanto che selezionate le parti.

Microsoft Word XP: 
Di default dovrebbe essere già impostata comunque potete anche controllare: 
Strummenti > Opzioni > Modifica > spuntare Consenti modifiche nel punto di doppio clic.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Tips su Excel

Creazione di celle combinata: Vedi

Conversione unità di misura
Funzione Converti.
http://office.microsoft.com/it-it/excel-help/converti-HP005209022.aspx - http://office.microsoft.com/it-it/excel-help/converti-funzione-converti-HP010342306.aspx

Arrotondamenti
Utilizzare le seguenti funzioni
ARROTONDA.PER.ECC    ARROTONDA.PER.DIF    (arrotondano sempre l'importo a zero, matematicamente scorretto per i numeri negativi
ARROTONDA.ECCESSO     ARROTONDA.DIFETTO    (arrotonda più crrettemente)
Per arrotondare con un diverso criterio di base, per esempio al 5%, utilizzare un calcolo o direttamente la funzione
=ARROTONDA.MULTIPLO(Numero;0,05) per i valori positivi

Calcolo dei giorni feriali
Excel mette a disposizione una funzione che permette di determinare quanti sono i giorni lavorativi compresi tra due specifiche date escludendo eventualmente feste nazionali o locali
In un documento Excel inseriamo le date di inizio e fine del conteggio e le vacanze, ad esempio feste nazionali o locali.

  A B C
1 Data inizio 01/04/2013  
2 Data fine 31/07/2013  
3 Vacanze 25/04/2013 01/05/2013
4 Giorni feriali GIORNI.LAVORATIVI.TOT()  

Selezioniamo la casella in cui visualizzare il risultato (B4), andiamo sulla scheda Formule e nel gruppo Libreria di funzioni e clicchiamo su Inserisci funzione.
Selezioniamo Data e ora nel menu a discesa, in Selezionare una funzione posizioniamoci su GIORNI.LAVORATIVI.TOT e diamo OK. Nella nuova finestra inseriamo in Data_iniziale la cella con il primo giorno da cui contare i giorni lavorativi (B1), mentre in Data_finale quella dell'ultimo giorno (B2). Nella casella Vacanze inseriamo adesso l'intervallo di celle relative ad eventuali giorni da escludere dal calendario lavorativo (B3:C3). Cliccando sul pulsante OK potremo visualizzare immediatamente nella cella collegata alla funzione il calcolo esatto dei gironi feriali.

Celle Top Secret
In Excel possiamo rendere invisibile il contenuto di una cella o di un intervallo di celle. Selezioniamo le celle, clicchiamo con il tasto destro e selezioniamo Formato Celle. Nella nuova finestra andiamo nella scheda Numero e in Categoria scegliamo Personalizzato. In Tipo digitiamo ;;; (3 volte il ;) e diamo OK

Eliminare gli spazi in Excel
In un foglio Excel ho una colonna di circa 15000 numeri di telefono, che hanno degli spazi tra prefisso e numero, ed anche all'inizio e alla fine. Come possono ottenere una lista di numeri senza spazi?
Supponendo che la prima cella in cui si trovano i numeri con gli spazi sia in A1, digitiamo la formula =SOSTITUISCI(A1;"";"") nella colonna di fianco, o in un altro foglio di calcolo, e trasciniamola in basso per tutti i 15000 elementi.

Determinare l'ultimo giorno del mese tramite una funzione integrata
La funzione FINE.MESE() consente di calcolare la data corretta. I due parametri richiesti dalla funzione FINE.MESE sono una data predefinita e un numero intero che rappresenta la differenza in mesi. Per esempio, per determinare l'ultimo giorno del mese corrente si può usare la seguente funzione
=FINE.MESE(OGGI();0)
dove 0 deve essere specificato se ci si riferisce al mese attuale. L'ultimo giorno del mese di febbraio 2012 può essere calcolato con la formula
=FINE.MESE(Data(2012;2;1);0)
L'utilità della funzione sta nel fatto che non è necessario se si tratta di un anno bisestile. L'ultimo giorno del mese può essere calcolato anche a distanza di un numero di mesi qualsiasi da una data specifica, per esempio la funzione:
=FINE.MESE("25/06/1981";9)
Qui "25/06/1981" è la data di riferimento e 9 rappresenta il nono mese dopo quello della data di riferimento. 

Numeri romani
Excel consente di convertire i numeri arabi in numeri romani attraverso la funzione =ROMANO(cella).
Per esempio se si converte 1981, il risultato sarà MCMLXXXI

Copiare solo le celle pari o dispari
Immaginate di avere una serie di dati elencati in una colonna e di avere la necessità di copiare solo quelli nelle celle pari in un’altra zona del foglio.
Si può risolvere il problema utilizzando le funzioni Indice() e Rif.Riga() in questo modo:
=INDICE(Intervallo;RIF.RIGA()*2)
Ad esempio: provate ad inserire una serie di dati elencati nella colonna A di un foglio di Excel, supponiamo dalla cella A1 alla cella A30.
Se dovete copiare i dati delle celle pari (A2, A4, A6…) nella colonna B dovrete inserire nella cella B1 la seguente formula:
=INDICE(1:30;RIF.RIGA()*2), trascinandola poi fino alla cella B15.
Se desiderate poi elencare i dati delle celle dispari della colonna A (A1, A3, A5…) nella colonna C allora (nella cella C1) scrivete la seguente formula:
=INDICE(1:30;RIF.RIGA()*2-1) e trascinatela fino alla cella C15.

Excel 2007: delimitare l'area di stampa del foglio di calcolo
In Excel 2007, molte volte, potrebbe risultare utile raggruppare le celle di un foglio di calcolo in una pagina di stampa. Utilizzando le interruzioni di pagina potete delimitare le aree di stampa del foglio di calcolo ed evitare che le tabelle vengano divise.
Avviate Excel, aprite il foglio di calcolo da modificare e visualizzate la sezione in cui volete inserire un'interruzione di pagina.
Posizionate il cursore nella prima colonna della riga che avete deciso di separare dalla pagina successiva e andate nel Ribbon di Excel. Cliccate sulla scheda "Layout di pagina" e, in "Imposta pagina", cliccate sul pulsante "Interruzioni".
Dal menù a discesa che compare selezionate la voce "Inserisci interruzione di pagina".
A questo punto, vedrete apparire una linea tratteggiata sopra la cella che avete selezionato, che indica che da quel punto in poi comincia una nuova pagina di stampa.

Excel 2007: impostare l'area di stampa
Se avete creato un foglio di calcolo molto ampio e avete la necessità di stamparne solo una piccola parte, Excel 2007 vi permette di farlo, aiutandovi così a risparmiare carta e inchiostro.
Per farlo, una volta aperto il file, portatevi nella scheda "Layout di pagina" e selezionate la parte di foglio di calcolo che volete stampare.
Fatto ciò, premete il pulsante "Area di stampa" e selezionate la l'opzione "Imposta area di stampa".
Non vi rimane che procedere con la stampa.

Excel 2007: impostare particolari formati per le celle
In Excel 2007 è possibile impostare molti formati per le celle, scegliendo quello che corrisponde ai dati in esse contenuti.
Oggi vi mostriamo come impostare il formato adatto per le celle contenenti i Codici di Avviamento Postale.
Per ottenere una formattazione corretta delle celle che contengono il Codice di Avviamento Postale (CAP), non è possibile scegliere il formato "Numero", in quanto elimina automaticamente lo zero iniziale presente nei numeri che lo contengono.
In questi casi dovete selezionare con il tasto destro del mouse tutte le celle che vi interessano e nelle quali volete inserire i CAP: dal menù contestuale che appare scegliete la voce "Formato celle".
A questo punto, nella sezione "Numero", cliccate sul pulsante "Speciale" e scegliete l'opzione "Tipo C.A.P".
Infine, cliccate su "Ok" per confermare l'operazione.

Excel 2007: rimuovere i valori doppi
Quando lavorate con un foglio di calcolo molto complesso, spesso vi trovate a dover eliminare manualmente una serie di valori ripetuti più volte all'interno del vostro lavoro.
Per fortuna, Excel 2007 possiede una funzionalità che consente di individuare ed evidenziare automaticamente tutti i valori ripetuti presenti nel foglio di calcolo.
Per attivare questa funzionalità, non dovete fare altro che cliccare sull'icona "Dati" e selezionare la voce "Rimuovi Duplicati". In questo modo Excel individuerà al posto vostro tutti i valori doppi, facendovi risparmiare un po' di tempo prezioso.

Rendere visibili le formule di excel
Con ALT+MAIUSC+& si selezionano tutte le celle contenenti formule che fanno riferimento alle celle selezionate, sia direttamente sia tramite altre aree.

Calcolare le date per l'ora solare o legale
I computer passano automaticamente dall'ora legale a quella solare e viceversa. Ci si chiede però quali saranno le date di cambio dell'ora nei prossimi anni in Italia e negli USA. In Italia l'ora legale dal 1996 è standardizzata e comincia sempre l'ultima domenica di marzo per terminare l'ultima di ottobre. Questa è la formula per calcolarne l'inizio tramite Excel (al posto di "anno" inserire l'anno desiderato o un riferimento ad una cella in cui esso sia indicato, o una variabile):
=DATA(anno;3;31)-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(anno;3;31))-1)
Per calcolare la fine dell'ora legale la formula è la seguente:
=DATA(anno;10;31)-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(anno;10;31))-1)
La formula funziona stabilendo inizialmente quale è l'ultimo giorno del mese, poi sottraendo a esso il valore del giorno della settimana in cui cade l'ultimo giorno del mese meno 1, in modo da trovare la domenica.
La data del cambiamento di orario a partire dal 2007 sarà diversa in usa e Canada: l'ora estiva comincerà la seconda domenica di marzo per finire la prima domenica di marzo per finire la prima domenica di novembre. Ecco la formula per calcolarne l'inizio:
=DATA(anno;3;1)+13-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(anno;3;1)-1)-1)
e quella per calcolarne la fine:
=DATA(anno;10;31)-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(anno;10;31))-1)+7
La prima formula calcola l'ultima domenica di febbraio e aggiunge due settimane, la seconda aggiunge una settimana all'ultima domenica di ottobre. Nei calcoli non si deve fare riferimento all'ultima domenica di marzo, perchè marzo può avere 4 o 5 domeniche.

Come concatenare le stringhe
Utilizzando l'operatore & è possibile visualizzare in una qualsiasi cella di un foglio di lavoro il risultato dall'unione di dati testuali contenuti in altre celle. Facciamo un semplice esempio. Se nella cella A1 è contenuto il valore testuale Mario e della cella D3 il testo Rossi è possibile visualizzare in un'altra cella la stringa Mario Rossi. Basta inserire in quest'ultima posizione la semplice formula
=A1&" "&D3
In pratica, l'operatore di concatenamento trasferisce nella nuova cella tutti i contenuti delle altre. Si noti che per distaccare con uno spazio il nome dal cognome si è concatenato il termine " " che per l'appunto rappresenta uno spazio. E' possibile concatenare anche valori numerici, il il risultato è sempre un testo.

Digitare il simbolo dell'Euro (€)
 Per digitare direttamente il simbolo dell'euro attivare il tasto Bloc Num, e digitare, tenendo schiacciato il tasto ALT, 0128.

Cercare e rimuovere le interruzione di riga in tutte le celle.
Diverse tabelle contengono celle con interruzione di riga. Cercarle e rimuoverle manualmente è un'operazione estremamente lunga e snervante.
Utilizzando la funzione Trova e Sostituisci è possibile risolvere il problema. Nella versione 2007 di excel fare clic sulla scheda home nella barra multifunzionale e selezionare trova e selezionare a destra nella selezione modifica. Nel menu che appare fare clic su sostituisci. Nelle versioni precedenti di excel fare clic sulla voce di menu modifica/sostituisci e premere in successione CTRL+F, ALT+Z.
Nella scheda sostituisci posizione il cursore nel campo trova. Assicurarsi che la funzione Bloc Num della tastiera sia attivata, poi tenere premuto il tasto Alt e contemporaneamente digitare 0010 con il tastierino sumerico. Questa combinazione corrisponde al codice ASCII del carattere line break (<br>), ovvero interruzione di riga. Nel campo sostituisci con... digitare il carattere con cui si desidera sostituire l'interruzione di riga. Se si lascia il campo vuoto, excel cancellerà tutte le interruzioni di riga senza sostituirle con alcunchè. Fare clic sul pulsante Sostituisci tutto per sostituire tutte le interruzioni di riga senza ulteriori conferme. Se invece si fa clic su Sostituisci è possibile avere ogni volta la possibilità di confermare la sostituzione o evitarne l'esecuzione per ciascuna cella, passando all'elemento successivo con trova successivo.
Importante: la funzione Trova non supporta l'inserimento nel campo di ricerca di voci formate da codici ASCII digitati con il tastierino numerico più normali  caratteri, come invece sarebbe utile per cancellare solo specifiche interruzioni di riga precedute o seguite da determinati caratteri, lasciando intatte le altre. La cosa è però possibile con un trucco: per prima cosa sostituire tute le interruzioni di riga con un carattere o un gruppo di caratteri riconoscibile, per esempio il tag html <br> corrispondente alla stessa funzione. Poi tramite Trova e Sostituisci sarà possibile utilizzare <BR> seguito o preceduto da altri caratteri per la ricerca delle specifiche interruzioni di riga da cancellare. Una volta cancellare le interruzioni desiderate, per ripristinare quelle da lasciare intatte basta effettuare nuovamente un Trova e sostituisci, sostituendo tutte le occorrenze dei caratteri <BR> con il codice ASCII 0010 inserito con il tastierino numerico, ripristinando così le interruzioni di riga.

Operatori per formule e funzioni
Abbiamo a disposizione diversi tipi di operatori per eseguire i calcoli nelle formule (o nelle funzioni). Nella Tabella 2 vengono elencati quelli disponibili con il loro funzionamento.
 

Simboli

Tipo di operatore

Esempio

Risultato

Tipo di operazione

+ Aritmetico =6+5 11 Addizione
- Aritmetico =8-3 5 Sottrazione
- Aritmetico -9 -9 Negativo
* Aritmetico =3*4 12 Prodotto
/ Aritmetico =10/5 2 Divisione
% Aritmetico 6% 0,06 Percentuale
^ Aritmetico =3^2 9 Elevamento a potenza
& Di testo =D3&" "&C5 Sig. Bianchi Concatenazione di testo
= Comparativo =A3=B6 VERO/FALSO Uguale
< Comparativo =C6<C8 VERO/FALSO Minore
<= Comparativo =D4<=C5 VERO/FALSO Minore o uguale
> Comparativo =F7>P9 VERO/FALSO Maggiore
>= Comparativo =A2>=A3 VERO/FALSO Maggiore o uguale
<> Comparativo =D5<>A6 VERO/FALSO Diverso
: Di riferimento SOMMA(A2:A8) Intervallo fra le due celle Intervallo
; Di riferimento SOMMA(B1:B3;D4) Unione dei due intervalli Unione
spazio Di riferimento SOMMA(F3:L3 H3:Q3) Somma delle celle in comune Intersezione

I tipi di grafico

Tipo di grafico

Descrizione

Istogramma

Mostra i cambiamenti nel tempo e confronta i valori

Barre

Confronta le voci dei dati

Linee

Mostra le tendenze e i progetti

Torta

Illustra la grandezza proporzionale delle voci in una stessa serie

Dispersione (xy)

Confronta i diversi valori in una serie

Area

Mette in rilevo l'entità dei cambiamenti nel tempo

Anello

Illustra la grandezza proporzionale delle voci in serie multiple.

Radar

Ogni categoria contiene un asse che si irradia dal centro del grafico

Superficie

Individua le combinazioni ottimali tra due serie di dati.

Bolle

Confronta le diverse serie dei valori, ma evidenzia anche l'importanza delle intersezioni dei dati.

Azionario

Illustrano le quotazioni massime, minime e di chiusura di un'azione

Cilindri, Coni e Piramidi

Indicano le tendenze e i confronti con speciali simboli tridimensionali di coni, cilindri e piramidi

 

Calcolare le date per l'ora legale e l'ora solare
I computer passano automaticamente dall'ora legale a quella solare e viceversa. Ci si chiede però quali saranno le date di cambio dell'ora nei prossimi anni in Italia e negli USA.
In Italia l'ora legale dal 1996 è stata standardizzata e comincia sempre l'ultima domenica di marzo per terminare l'ultima domenica di ottobre. Questa è la formula per calcolarne l'inizio tramite Excel (al post di "anno" inserire l'anno desiderato o un riferimento a una cella in cui esso sia indicato, o una variabile):
=DATA(anno;3;31)-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(anno;3;31))-1)
Per calcolare la fine dell'ora legale la formula è:
=DATA(anno;10;31)-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(anno;10;31))-1)
La formula funziona stabilendo inizialmente quale è l'ultimo giorno del mese, poi sottraendo a esso il valore del giorno della settimana in cui cade l'ultimo giorno del mese meno 1, in modo da trovare la domenica.
La data del cambaimento di orario a partire dal 2007 sarà diversa in USA e in CANADA: l'ora estiva comincerà la seconda domenica di marzo per finire la prima domenica di novembre. Ecco la formula per calcolarne l'inizio:
=DATA(anno;3;1)+13-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(anno;3;1)-1)-1)
e quella per calcolarne la fine:
=DATA(anno;10;31)-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(anno;10;31))-1)+7
La prima formula calcola l'ultima domenica di febbraio e aggiunge due settimane, la seconda aggiunge una settimana all'ultima domenica di ottobre. Nei calcoli non si deve fare riferimento all'ultima domenica di marzo, perchè marzo può avere 4 o 5 domeniche.

Conteggio righe e colonne
funzione RIGHE e COLONNE
=RIGHE(B4:D9) sarà 6
=COLONNE(B4:D9) sarà 3

Unire testi e celle in un'unica stringa
Può capitare, mentre state lavorando con Microsoft Excel, di essere nella condizione di dover unire uno o più stringhe di testo o una o più celle.
A tal fine, è possibile usare la funzione "CONCATENA()".
Con questa funzione basta indicare tra le parentesi gli elementi da unire avendo cura di inserire gli elementi testuali tra le virgolette.
Un sistema più semplice e veloce, però, è quello di inserire il simbolo "&" tra i testi o le celle da unire.
L'unione di celle ed elementi testuali è di fondamentale importanza quando si devono analizzare i dati, fare ricerche o eseguire dei calcoli condizionali.
Molto spesso, infatti, l'utilizzo di funzioni come SE(), SOMMA.SE() o CONTA.SE() eseguite su una concatenazione di testi risulta un'alternativa più semplice ed efficace rispetto all'uso delle apposite funzioni di database.

Come proteggere le celle
Esiste un metodo semplice e veloce in Excel per proteggere con una password una cella o un gruppo di celle.
Basta infatti premere i tasti CTRL+1 per accedere direttamente alla scheda "Protezione" del menù "Formato celle".
A questo punto sarà sufficiente inserire una password a vostra scelata ed il gioco è fatto!

Date a due cifre
Le date a due cifre  da 00 a 29 diventano automaticamente 2000/2029 e quelle da 30 a 99 diventano 1930/1999. Per ovviare al problema, digitare le date con le 4 cifre.

Calcolare la data di passaggio all'ora solare o a quella legale
La data esatta del passaggio da ora solare a ora legale e viceversa cambia di anno in anno. Si desidera calcolarla automaticamente.
La regola da applicare è che l'ora legale inizi sempre l'ultima domenica di marzo e termina l'ultima domenica di ottobre. In questo modo diventa possibile calcolare automaticamente la data esatta anno per anno. Per calcolare l'inizio dell'ora legale utilizzare la seguente formula:
=DATA(ANNO(OGGI());3;31)-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(ANNO(OGGI());3;31)-1))
Allo stesso modo è possibile calcolare la data di ritorno all'ora solare tramite questa formula
=DATA(ANNO(OGGI());10;31)-(GIORNO.SETTIMANA(DATA(ANNO(OGGI());10;31)-1))
La prima parte della formula determina i valori in formato "data" degli ultimi giorni dei mesi di marzo e ottobre. La funzione Giorno.settimana calcola in quale giorno della settimana cade questa data, conteggiando la Domenica come 1. Per gli altri giorni della settimana si sottrae il valore restituito dalla formula ridotto di 1 per determinare l'ultima domenica. Poi si assegna un formato data al risultato numerico della formula. Invece dell'espressione "anno(oggi))" è possibile usare anche una data digitata direttamente nella formula o il riferimento a una cella che contiene una data.

Sistemi rapidi per calcolare le differenze di data
La differenza tra due date, utile per esempio in campo legale o per determinare il runtime di un server, può essere calcolata utilizzando complicate formule. La cosa risulta lenta e scomoda e ci si chiede se non ci sia un altro sistema.
Tutto avviene molto più facilmente e rapidamente con la scarsamente documentazione funzione DATA.DIFF. Essa richiede come primi due parametri due date, sia sotto forma di valori assoluti sia come riferimento a celle. Le date specificate come valore assoluto devono essere nel formato gg/mm/aaaa e devono essere racchiuse tra virgolette. Come terzo parametro DATA.DIFF richiede l'unità di misura da utilizzare per mostrare il risultato, che come si vede nella tabella sottostante deve essere indicata utilizzando le abbreviazioni anglosassoni (y, m, d) e non quelle italiane (a, m, g) utilizzate nelle altre funzioni di Excel, in quanto tale funzione non è stata localizzata completamente. Per esempio, un valido uso della funzione è il seguente:
=DATA.DIFF("25/06/1981";"13/05/2007";"y")
La funzione DATA.DIFF calcola sempre gli elementi temporali interamente trascorsi: per esempio se si calcola in anni la differenza tra il 10/06/2005 e il 09/06/2007 la differenza sarà 1 e non 2, anche se manca un solo giorno al trascorrere di due anni.
DATA.DIFF è una funzione non documentata nella maggioranza delle versioni di Excel e probabilmente è stata mantenuta soltanto per compatibilità verso Lotus 1-2-3 e viene menzionata solo nella documentazione di Excel 2000. E' anche qui è ben nascosta, infatti viene visualizzata solo se la funzione viene digitata in una cella, poi si seleziona da menu Inserisci - Funzione e infine si fa clic su Guida relativa a questa funzione.
y    anni
m    mesi
d    giorni
yd    giorni, esclusi anni
md    giorni, esclusi mesi e/o anni
ym    mesi, esclusi anni

Creare velocemente grafici a barre
Se volete realizzare un grafico utilizzando una serie numerica senza scomodare la procedura dedicata, ecco un semplice artificio che consente di ottenere il risultato desiderato.
Tutto si basa sull'utilizzo della funzione di testo RIPETI, grazie alla quale è possibile replicare un certo carattere per un determinato numero di volte. Carattere e fattore di replica sono gli argomenti della funzione la cui sintassi è la seguente. RIPETI(carattere;fattore di replica).
Ecco come applicarla ad una lista di numeri che si trovi, per esempio, nella zona A1:A10. In B1 inserire la formula =RIPETI(“*”;A1), e replicarla verso il basso sino a B10. Così facendo, accanto ad ogni valore della lista verrà visualizzato un pari numero di asterischi.

Il conteggio dei giorni lavorativi
Quando si imposta un progetto, un preventivo, o un foglio paghe, può essere necessario determinare il numero di giorni lavorativi che si trovano nell'arco di un determinato periodo temporale.
In pratica, bisogna depennare dal numero di giorni che separano la data iniziale da quella finale del periodo in esame, i sabati, le domeniche, ed eventuali altri giorni festivi infrasettimanali.
Per farlo basta usare la funzione di Excel GIORNI.LAVORATIVI.TOT, la cui sintassi è la seguente: GIORNI.LAVORATIVI.TOT(“Data 1”;”Data 2”; Feste), dove i primi due argomenti sono rappresentati rispettivamente dalla data di inizio e fine (fra virgolette) del periodo da prendere in esame, oppure dalle coordinate delle celle che le ospitano.
Feste, invece, si identifica con le coordinate di una zona del foglio di lavoro in cui sono state inserite le date corrispondenti alle festività infrasettimanali che cadono eventualmente in quel periodo.
In tale zona potrebbero anche essere inserite, oltre alle eventuali festività, anche giorni di ferie, di sciopero, di permesso, e così via.
Ad esempio: l'espressione = GIORNI.LAVORATIVI.TOT(B1; B2;B10:B11), restituisce 26 se in B1 e B2 sono contenute rispettivamente le date 15-04-2002 e 22-05-2002, e in B10:B11 le date delle festività che risultano essere infrasettimanali nel 2002.

Condividere un foglio di lavoro
Può succedere che si debba spedire un foglio di lavoro a un collega, ma il destinatario non dispone di Excel, né tanto meno di un visualizzatore.
Dando per scontato, però, che disponga almeno di un browser, la soluzione del problema consiste nel salvare il modello come pagina HTML e di spedirlo come tale.
Ecco come procedere. Aprire il menu File, e selezionare la voce Salva come pagina Web. Nella maschera che viene contestualmente aperta spuntare il bottone Cartella o Foglio a seconda di cosa si vuole salvare, ma in quest'ultimo caso non attivare il checkbox Aggiungi interattività.
A questo punto, sul disco fisso, nel percorso indicato, verrà registrato un file che ha lo stesso nome del nostro modello, ma presenta l'estensione html, pronto per essere spedito al destinatario.

Proteggere le celle che contengono formule
Quando si crea un modello, al suo interno si trovano solitamente celle che contengono formule, mentre altre sono destinate ad accettare eventuali inserimenti. In questi casi è raccomandabile proteggere le formule da eventuali sovrascrizioni.
È chiaro che non possiamo avvalerci semplicemente della funzione che prevede la protezione dell'intero foglio di lavoro, perché in tal caso verrebbero protette irrimediabilmente anche le posizioni che, invece, devono essere in grado di ricevere i necessari input, e che come tali non debbono essere protette. La soluzione, comunque, c'è. Ecco come fare per ottenere il risultato desiderato.
Selezionare tutte le celle che non devono essere protette. Dal momento che potrebbero trovarsi in zone non contigue bisogna operare più selezioni tenendo contemporaneamente premuto il tasto Control.
Alla fine si dovrebbe ottenere una zona evidenziata con all'interno celle e zone che non lo sono, corrispondenti a quelle che dovranno essere protette.
A questo punto, aprire il menu Formato, selezionare Celle, accedere alla scheda Protezione della maschera che viene aperta, e togliere la spunta alla casella Bloccata. Premere il pulsante Ok per consolidare l'assegnazione.
Adesso aprire il menu Strumenti, selezionare Protezione, e nel corrispondente sottomenu optare per Foglio. Viene aperto un box in cui si preme il pulsante Ok (opzionalmente si può assegnare una password).
Da questo momento tutto il foglio è protetto, ad eccezione delle celle che devono ricevere input. Si noti che la protezione del foglio di lavoro può essere selettiva, nel senso che sono previste tre opzioni.
In pratica, si può agire a livello di contenuti, oggetti, e scenari. Mettere o togliere rispettivamente la spunta alle voci da attivare o disattivare.

Grafici con immagini di sfondo
Se vogliamo vivacizzare un diagramma possiamo sostituire con una immagine l'area che fa da sfondo alla zona dati. Si possono così ottenere effetti anche molto piacevoli.
Creare il grafico, quindi fare clic destro sullo sfondo. Nel menu contestuale al clic selezionare la voce Formato area del tracciato, e nel box che viene visualizzato premere il pulsante Riempimento.
Nella maschera a schede che si apre accedere a quella etichettata Immagine, dove si preme il pulsante Seleziona immagine. Si determina così l'apertura del box di dialogo in cui si imposta con la solita procedura il percorso di residenza del file da utilizzare.
Premere il pulsante Apri per caricare l'immagine nell'area di anteprima. A questo punto fare clic sul pulsante OK per riaccedere al box originale, dove si preme ancora OK.

Estrarre i dati da una lista
Se si vogliono estrarre da una lista determinati elementi (o valori) lo si può fare velocemente grazie alla funzione Filtro automatico. Ecco come estrarre dall'elenco in figura i soli valori maggiori di 150.
Evidenziare l'elenco (intestazione compresa), aprire il menu Dati, e selezionare Filtro automatico. A destra dell'intestazione compare un pulsantino. Premerlo, e selezionare la voce Personalizza nel corrispondente elenco a discesa.
Si determina così l'apertura di un box. Nella prima casella, tramite l'elenco che si apre facendo clic sul pulsantino che le è associato, si inserisce il criterio di ricerca (Maggiore di), e nella seconda il termine di riferimento (150).
Facendo clic su Ok la lista si contrae e mostra i soli valori maggiori di 150.

Visualizzare data e ora in tempo reale
Se in un modello è prevista la visualizzazione della data corrente, eventualmente complementata dall'ora (per esempio, per compilare una bolla di trasporto, o di una ricevuta), conviene utilizzare la funzione ADESSO(). Se la cella che la contiene ha il formato Generale, digitando =ADESSO() vengono visualizzate la data e l'ora corrente, e per questo la funzione si rivela adatta alla gestione di un documento di trasporto. La cella assume automaticamente il formato Personalizzato.
Se invece, alla cella viene assegnato il formato Data, oppure Ora, saranno queste le informazioni visualizzate. Il risultato viene aggiornato se si procede al ricalcolo del foglio di lavoro, o se si esegue una macro che coinvolga la funzione.

Proteggere le celle per facilitare l'inserimento dei dati
Se, quando si inseriscono dei dati, soprattutto se le celle coinvolte negli input sono variamente dislocate nell'ambito del foglio di lavoro, è necessario portarsi ogni volta, manualmente, sulle nuove posizioni. Si tratta di una operazione decisamente fastidiosa, soprattutto le celle sono distanti fra loro. Però, proteggendo opportunamente il foglio di lavoro, e sbloccando le celle in cui sono previsti gli inserimenti, basterà premere il tasto Tab per acquisire i dati e portarsi immediatamente sulle posizioni di inserimento.
Innanzitutto, selezionare tutte le celle coinvolte. Per risparmiare tempo, evidenziarle tutte contemporaneamente tenendo premuto il tasto Control. Aprire il menu Formato e selezionare la voce Celle, determinando la contestuale apertura di una maschera a schede. Accedere alla scheda etichettata Protezione, e togliere la spunta alla casellina corrispondente alla voce Bloccata. Così facendo, quando si proteggerà il foglio, le celle su cui si è operato potranno, come si diceva, ricevere dati.
A questo punto, aprire il menu Strumenti, selezionare la voce Protezione, e nel corrispondente sottomenu optare per la voce Proteggi foglio di lavoro. Si apre così un box articolato in due sezioni. La prima ospita una casella in cui è possibile digitare una eventuale password di protezione, nella seconda, invece, è visualizzato l'elenco delle operazioni che possono essere eseguite anche quando il foglio è protetto. Nel nostro caso metteremo la spunta alla seconda voce. Premendo il tasto Ok si attiva la protezione.
Se è stata prevista una password viene aperto un box in cui la si deve digitare nuovamente per confermarla. Da questo momento, basta premere il tasto Tab per portarsi sulla prima posizione di input, mentre premendo nuovamente il medesimo tasto si acquisisce il dato inserito e ci si sposta sulla successiva cella libera.

Elenchi a discesa senza spazi vuoti
Se si inserisce in un foglio di lavoro un elenco a discesa, bisogna specificare, nella casella delle proprietà dell'elenco stesso, la zona da cui si prelevano i dati visualizzati. Se nella zona non devono essere inseriti altri dati, problemi non ce ne sono, ma se per prevedere l'introduzione di nuove voci si dichiara una zona più ampia di quella corrispondente ai dati iniziali, le celle vuote vengono visualizzate per prime. Se sono molte, aprendo l'elenco, si può arrivare anche a non vedere alcunché. Fortunatamente, la soluzione è semplicissima. Basta inserire in cima all'elenco una cella completamente vuota. Così facendo, il contenuto di questa cella verrà visualizzato per primo, e poi tutte le altre.

Grafici istantanei con il tasto F11
Se si vuole creare estemporaneamente il grafico corrispondente ad un insieme di dati c'è un tasto funzione che fa al caso nostro. Ci riferiamo ad F11 che, quando premuto, trasforma in un diagramma i dati ospitati nella zona che è stata precedentemente evidenziata.
La procedura prevede che al grafico venga riservato un foglio di lavoro a parte, e che il tipo di diagramma default sia un istogramma a barre verticali. In ogni caso, il diagramma si può personalizzare adeguatamente utilizzando la speciale barra strumenti che viene visualizzata contestualmente alla creazione del grafico stesso. In particolare, tramite la suddetta barra, è possibile cambiare il tipo di diagramma (sono previste anche rappresentazioni tridimensionali), optare per l'interpretazione dei dati per riga o per colonna, richiedere la visualizzazione della tabella dati, ed anche orientare opportunamente le etichette degli assi.

Creare un elenco di numeri consecutivi
Se si vuole creare un elenco di numeri consecutivi, si può ottenere il risultato desiderato molto facilmente. Inserire in una cella il primo numero dell'elenco, e nella cella sottostante il secondo (per esempio, 10 e 11). A questo punto, evidenziare le due celle, quindi fare clic sull'angolo inferiore destro della seconda cella. Quando il cursore si trasforma in una piccola croce, trascinare verso il basso la selezione. Man mano che ci si sposta verso il basso, accanto alla croce viene esibito il corrispondente valore dell'elenco, per cui è possibile sapere quando si deve interrompere il trascinamento. Se i due numeri iniziali non sono consecutivi (poniamo 4 e 6), il “passo” dell'elenco sarà sempre pari alla loro differenza: 4, 6, 8, 10, e così via.

Formattare in modo rapido le valute
Quando si lavora con un foglio elettronico ci si trova spesso nella situazione di dover specificare in quale valuta deve essere interpretato un valore numerico, anteponendo a questi ultimi l'inequivocabile simbolo della valuta stessa.
Sulle moderne tastiere sono previsti i simboli dell'euro e del dollaro, ma il loro utilizzo non è così immediato come potrebbe essere la formattazione diretta in ambiente Excel.
Nella libreria di icone del foglio di casa Microsoft, infatti, sono disponibili tali simboli, e basta farvi sopra clic per assegnarli al valore numerico da formattare.
Se una o entrambe le icone non fossero presenti nella barra, ecco come inserirle. Fare clic sul pulsantino in fondo alla barra stessa, e nel menu contestuale selezionare Aggiungi o rimuovi pulsanti. Operare di conseguenza nell'elenco che viene visualizzato.
Per aggiungere o per eliminare una icona dalla barra strumenti basta rispettivamente spuntare o togliere la spunta alla casella che si trova a fianco delle miniature delle icone su cui intervenire.

Come inserire frazioni in una cella
Excel opera con le frazioni, ma per visualizzare un numero come una frazione senza assegnare formati particolari alle celle bisogna ricorrere ad un piccolo trucco.
Infatti, se vogliamo inserire in una cella la frazione 5/8, digitandola così come è (ovviamente preceduta dal segno di uguale), quello che si ottiene è il risultato della divisione, vale a dire il decimale 0,625.
Se vogliamo risolvere il problema digitare prima il valore 0 (senza l'uguale), poi uno spazio, quindi i due valori separati dallo slash (5/8). Excel registrerà in memoria il risultato della divisione ma nella cella verrà visualizzata la frazione, così come si voleva.

Controllare la copia delle formule con il simbolo $
Il simbolo del dollaro svolge importanti funzioni durante la replica di una formula. Queste, infatti, possono variare in funzione dell'orientamento secondo il quale avviene la replica. Facciamo un esempio.
Se nella cella A1 è ospitata la formula =H1+5, e la ricopiamo verso il basso sino alla cella A4 compresa, andando a controllare ci accorgiamo che nella cella A2 è citata la cella H2, in A3 la cella H3, e così via.
Questo perché l'elemento numerico della coordinata di cella aumenta o diminuisce rispettivamente nel caso di replica verso il basso o verso l'alto, mentre ad aumentare o diminuire (in ordine alfabetico) è la lettera della coordinata se la copia avviene in senso orizzontale verso destra o verso sinistra.
Gli effetti si sommano se la replica avviene coinvolgendo contemporaneamente spostamenti verticali e orizzontali. Insomma, questi stravolgimenti possono produrre risultati imprevedibili se le modifiche non sono volute, come potrebbe esserlo, invece, in certi casi.
Per esempio, quando si copia verso il basso la formula =A1*B1 contenuta in C1 per avere il risultato della moltiplicazione dei dati contenuti nelle celle affiancate della zona A1:B5.
Per bloccare una coordinata basta racchiuderne la lettera fra due simboli $ ($F$1), mentre anteponendone o posponendone uno solo si impediscono rispettivamente le variazioni in senso orizzontale ma non verticale, e viceversa

Inviare un foglio di lavoro a più destinatari
Dall'interno di Excel è possibile spedire il documento attivo via posta elettronica. L'invio può essere fatto non solo ad una singola persona, ma è prevista anche la spedizione ad un gruppo di destinatari. Ovviamente, bisognerà avere in precedenza creato il gruppo di spedizione in ambiente Outlook Express, se questo è il client usato.
Per chi non ricordasse come fare riassumiamo sinteticamente la procedura. Accedere alla Rubrica, selezionare Nuovo, e optare per Nuovo gruppo.
Nella maschera che si apre dare un nome al gruppo, quindi aggiungere gli indirizzi che vi fanno parte.
Per inviare la cartella di lavoror, aprire il menu File e selezionare Invia a. Nel corrispondente sottomenu optare per Lista di distribuzione. Nella maschera che viene aperta premere il pulsante Indirizzo, e nel box cui si accede selezionare il gruppo.
Premere Ok per trasferirlo nella maschera principale, in calce alla quale si può digitare il testo del messaggio di accompagnamento. Spuntando le opportune caselle in fondo alla maschera si definiscono le modalità di invio. In particolare, il messaggio può essere spedito contemporaneamente a tutti i destinatari, oppure in sequenza.
Le operazioni di invio, se si spunta la casella Segnala progresso, possono essere monitorate in tempo reale. Premere Ok per creare il messaggio, quindi inviarlo nel modo tradizionale.

Invertire le righe con le colonne e viceversa
Quando si lavora con le tabelle si può presentare la necessità di trasformare un prospetto in un altro dove le colonne e le righe siano invertite.
Eseguire la trasformazione manualmente sarebbe un lavoraccio, ma fortunatamente ci si può avvalere di una opzione dedicata.
Ci riferiamo all'opzione Trasponi che opera nell'ambito del menu di Incolla speciale.
Selezionare la tabella originale, e ricopiarla. A questo punto portare il cursore su una qualsiasi cella, fare clic destro, e nel menu contestuale al clic optare per Incolla speciale. Nella maschera che viene visualizzata spuntare la casella Trasponi.

Contare le righe e le colonne
Se si presentasse la necessità di conoscere il numero di righe e colonne in cui si articola una tabella o una zona di celle piuttosto estesa possiamo avvalerci di due funzioni dedicate che restituiscono rispettivamente le informazioni desiderate.
Ci riferiamo alle funzioni RIGHE e COLONNE, i cui nomi sono decisamente eloquenti circa i compiti da loro svolti.
La loro sintassi è assolutamente identica, quindi ci limitiamo a descrivere quella della prima, che è la seguente: =RIGHE(Zona) dove l'argomento può essere specificato indicando le coordinate o il nome che è stato assegnato all'intervallo da analizzare.
Così, la formula RIGHE(B3:D6) restituisce 4, perché tale e il numero di righe in cui si articola la zona in argomento, mentre l'espressione =COLONNE(B3:D6) restituisce 3.

Inserire data e ora
Per inserire in una cella la data e l'ora corrente Excel mette a disposizione una speciale funzione.
In pratica, è sufficiente digitare in una cella l'espressione =ADESSO(), quindi premere Invio. Se la cella non è stata formattata in modo particolare vengono inserite data e ora, l'una dopo l'altra.
Però, c'è un sistema ancora più rapido e selettivo. Per inserire la sola data basta digitare un punto e virgola tenendo premuti contemporaneamente i tasti Control e Maiuscole. Per inserire, l'ora, invece, bisogna tenere premuti sempre gli stessi tasti, ma digitare, questa volta, i due punti.

I riferimenti a celle esterne al foglio di lavoro
Si può presentare la necessità di dover fare riferimento in una formula ad una posizione di un foglio di lavoro che non fa parte della cartella su cui stiamo lavorando, ma che è caricato in memoria, o addirittura registrato sul disco fisso.
Il problema si può risolvere specificando le coordinate della posizione secondo una particolare sintassi.
Per esempio, se vogliamo utilizzare il dato ospitato nella cella G15 del foglio Fatture che si trova nella cartella Contabilità.xls sul disco C, dobbiamo impostare l'espressione: = 'C:\[Contabilità.xls]Fatture'!$G$15.
Per ottenere le parentesi quadre chiuse e aperte premere contempo raneamente i tasti Alt Gr+è e Alt Gr+*.

Allineare immagini e oggetti
Se in un foglio di lavoro Excel si devono inserire due o più immagini, od oggetti in genere, e vi sia la necessità di allinearli in senso orizzontale o verticale, lo si può fare molto facilmente.
Inseriti gli elementi, allinearli approssimativamente nel senso desiderato, dopodiché, fare clic su ognuno di essi tenendo contemporaneamente premuto il tasto Maiuscole.
A questo punto, accertarsi che in calce al video sia visualizzata la barra degli strumenti di disegno (se non lo fosse, aprire il menu Visualizza, selezionare Barre strumenti, e poi Disegno nel corrispondente sottomenu).
Nella barra, fare clic sul pulsante Disegno, e nel menu che si apre optare per Allinea o distribuisci. Nel sottomenu selezionare il tipo di allineamento che ci interessa: per esempio, Allinea al centro orizzontalmente.

Aumentare i prezzi di listino
e si dispone di una lista di valori che rappresentano, per esempio, dei prezzi di listino, e si vuole aumentarli di determinati importi, lo si può fare con una sola operazione senza dover necessariamente creare le formule che eseguano le somme valore per valore.
Basta utilizzare un'interessante opzione della funzione Incolla speciale. Scrivere a fianco dei valori originali l'incremento da applicare ai singoli prezzi, e copiare la corrispondente zona.
Evidenziare la zona dei valori da incrementare, farvi sopra clic destro, e nel menu contestuale al clic optare per Incolla speciale.
Nella maschera che viene visualizzata spuntare nella sezione Operazione il bottone accanto alla voce Addiziona. Così facendo i valori della seconda zona verranno sommati a quelli della prima. Per visualizzare i valori originali selezionare l'opzione Annulla del menu Modifica.

Gestire i calcoli sulle date
In certi casi può essere necessario conoscere quanti giorni devono ancora trascorrere prima del verificarsi di un certo evento. Per esempio, quanti giorni mancano al prossimo capodanno, ad una importante manifestazione, alla partenza per le ferie, o ad una qualsiasi scadenza in generale.
Impostare uno strumento che ci consenta di ottenere in tempo reale tale risultato è piuttosto semplice: basta utilizzare la funzione ADESSO che restituisce la data e l'ora corrente, ed avvalersi della cosiddetta aritmetica delle date, grazie alla quale queste ultime possono diventare addendi o sottraendi di semplici operazioni di somma e sottrazione.
In una cella del foglio di lavoro (E3, poniamo), digitare la data di riferimento, per esempio 31- 12-2005. In C3 invece, inseriamo l'espressione =E3- ADESSO(). Quella che compare è una data, pertanto potremmo pensare di aver commesso un errore. Invece, no. Infatti la data visualizzata interpreta correttamente il numero di giorni che ci separano dal capodanno, ma li visualizza come la data che corrisponde allo stesso numero di giorni trascorsi dal 1 gennaio del 1900, la base del calendario di Excel. In ogni caso, quello che ci interessa è il risultato.
Per visualizzarlo correttamente basterà evidenziare la cella C3, aprire il menu Formato, selezionare la voce Celle, e nella scheda che viene visualizzata optare per il formato Numero, richiedendo zero numeri decimali. A questo punto, nella cella vengono visualizzati finalmente in chiaro i giorni che ci separano dal capodanno. Ovviamente, il modello è interattivo, e nella cella di riferimento E3 si possono inserire nuove date. Se la data che si inserisce è antecedente al giorno corrente, in C3 verranno visualizzati, in negativo, i giorni trascorsi.

Proteggere zone ed oggetti di un foglio elettronico
La funzionalità che gestisce la protezione dei foglio di lavoro non sempre si rivela adatta per proteggere singole celle o zone variamente posizionate all'interno del foglio stesso.
Grazie alla funzione Disegno, però, ed alla possibilità di assegnare agli oggetti disegnati particolari proprietà, è possibile risolvere facilmente questo problema, particolarmente sentito se il modello viene utilizzato da persone non proprio esperte, e contiene dati, formule, od espressioni che non devono assolutamente essere modificati.
Il trucco, se tale lo possiamo chiamare, consiste nel ricoprire la zona da proteggere con un riquadro di pari dimensioni, da tracciare avvalendosi della funzione dedicata, dopodichè, dal momento che la schermatura improvvisata è opaca e impedisce la lettura dei dati sottostanti, le si assegna l'attributo di totale trasparenza, visualizzando così le sottostanti celle ed i loro contenuti. La protezione, però, è sempre attiva, e se si fa clic su una cella o si tenta di evidenziare la zona sottostante il solo risultato che si ottiene è quello di evidenziare il riquadro di protezione.
Ecco come procedere. Aprire il menu Visualizza, selezionare Barre strumenti, e nel corrispondente sottomenu optare per Disegno. Viene così aperta l'omonima barra. A questo punto, fare clic sull'icona con sopra impresso un rettangolo, portarsi nell'area di lavoro e tracciare il riquadro di protezione. Farvi sopra clic destro, e nel menu contestuale al clic optare per Formato forme. Nella maschera cui si accede attivare la scheda Colori e linee, e nella sezione Riempimento assegnare all'oggetto la trasparenza totale (100%), muovendo il cursore della scala graduata Trasparenza. Per modificare i dati protetti fare clic sul riquadro, spostarlo, e riposizionarlo a modiche eseguite.

Scoprire le descrizioni delle funzioni
Le funzioni di Excel ammontano ad alcune centinaia, e non si può pretendere di conoscerle tutte. Può capitare, pertanto, che dovendo eseguire una particolare elaborazione ci si arrenda senza sapere che esiste, invece, una funzione che avrebbe potuto fare al caso nostro. Fortunatamente, però, Excel dà la possibilità di ottenere comunque questa preziosa informazione. In pratica, grazie ad una procedura di aiuto gestita da un algoritmo intelligente, è possibile dichiarare quello che intendiamo fare, ed ottenere una risposta illuminante.
Immaginiamo, per esempio, di voler eseguire una previsione di vendita, ma di non sapere quale funzioni utilizzare. Ecco come procedere. Nella linea di stato (quella che corre immediatamente sotto le icone della barra strumenti), fare clic sul pulsantino con sopra impresso il simbolo fx. Si determina così l'apertura del box Inserisci funzione.
Nella casella Cerca funzione digitare una sintetica ma per quanto possibile chiara descrizione di quello che si vuole fare. Per esempio, Eseguire una previsione di vendita, come del resto consigliato anche dal testo ospitato all'interno della casella stessa. Formulata la richiesta premere semplicemente il pulsante Vai a fianco, e se esiste una funzione che fa al caso nostro, il suo nome verrà evidenziato nell'elenco che viene visualizzato nella finestra sottostante. Nella fattispecie, alla pressione del pulsante Vai, viene evidenziata nel suddetto elenco la funzione Previsione, che può essere utilizzata proprio nel nostro caso.

Utilizzare il simbolo del dollaro
In ambiente Excel i “dollari” svolgono un compito ben preciso, e decisamente utile ai fine delle operazioni di copia di formule ed espressioni. Ci riferiamo al fatto di poter gestire in modo intelligente la variazione delle coordinate delle celle che figurano in una espressione quando si copia quest'ultima verso il basso, o lateralmente. Si possono così effettuare le repliche senza commettere errori.
In particolare, se quando si copia una formula in una qualsiasi altra parte del foglio di lavoro si vuole che la lettera e il numero che identificano rispettivamente colonna e riga restino costanti, basta racchiudere la lettera di colonna fra i suddetti simboli (per esempio, $C$12). Se invece, si utilizza un solo simbolo di dollaro (a destra o a sinistra della lettera), quando la replica avviene rispettivamente verso il basso o lateralmente si verificano solo modifiche parziali della coordinata.

Copiare e incollare anche la larghezza di una colonna
Se si copia una tabella in un altro foglio lavoro, o anche nell'ambito di quello in cui ci si trova, vengono replicati i soli dati contenuti nelle celle della tabella stessa, ma non la larghezza delle colonne, che a questo punto dovranno essere ridimensionate manualmente.
Si può risparmiare tempo, ed ottenere risultati più accurati, se si utilizza l'opzione espressamente prevista dalla funzione Incolla speciale. Eseguire normalmente la copia della tabella, ma quando è il momento di replicarla, portarsi sulla cella che dovrà coincidere con l'angolo superiore sinistro della copia, aprire il menu Modifica e selezionare la voce Incolla speciale. Nella sezione Incolla del box che si apre spuntare la voce Larghezza colonne. Si ottiene così il risultato desiderato.

Inserire in una cella un link ipertestuale
All'interno di una cella di un foglio di lavoro Excel è possibile inserire un collegamento ipertestuale che punti ad un documento esterno, determini l'apertura di un'applicazione, di una pagina Web, e così via. Ecco come procedere per inserire il link.
Fare clic sulla cella destinata ad ospitare il collegamento, aprire il menu Inserisci, e selezionare la voce Collegamento ipertestuale. Così facendo, si determina l'apertura di un box di dialogo. Nella parte sinistra del box fare clic sull'icona corrispondente al tipo di collegamento da creare. A questo punto, nella finestra centrale del box, impostare il percorso dell'elemento che deve essere aperto, Dopodiché premere il pulsante Ok per trasferire nella cella il corrispondente collegamento. Nella casella Testo da visualizzare si può inserire quello che sostituisce il percorso impostato.

Autodimensionare la larghezza delle colonne
Se si imposta un prospetto che deve accogliere valori numerici o testuali di lunghezza variabile, e soprattutto non prevedibile, può accadere che per certi inserimenti la capienza delle celle non sia sufficiente. In tal caso non verrebbe garantita la corretta leggibilità di tutti i dati inseriti. Ovviamente, la colonna che ospita le celle troppo strette potrebbe essere ridimensionata manualmente, ma se i dati non sono tutti visibili sul video, meglio procedere nel seguente modo.
Portare il cursore sulla linea che separa le lettere identificatrici delle prime due colonne occupate dal dato di maggiore lunghezza, e fare doppio clic. Così facendo, la prima colonna, quella che effettivamente contiene il dato, verrà autodimensionata.

Analisi di formule ed espressioni
Talvolta, per verificare il corretto funzionamento di una formula bisogna conoscere esattamente l'ubicazione e la provenienza dei dati che concorrono all'elaborazione della formula stessa. Se si tratta di semplici espressioni il problema è di facile soluzione, ma le cose cambiano se la formula è complessa o sono presenti nomi di celle, che non ci permettono di risalire immediatamente alle corrispondenti posizioni.
Una speciale opzione consente di visualizzare graficamente sul video tutte quelle che nel gergo degli addetti ai lavori vengono definite le “dipendenze” di una cella. Selezionare quella che ospita la formula da controllare, quindi aprire il menu Strumenti e optare per Verifica Formula. Nel sottomenu scegliere Verifica precedenti. Così facendo, dalla cella base si irradieranno delle frecce che indicano tutte le posizioni a cui si fa riferimento nella formula.

Calcolo del numero di gironi fra due date
SI vuole determinare con Excel la differenza in giorni tra due date. Utilizzando la formula "=Cella2-Cella1" non si ottiene il numero dei giorni desiderato. E' possibile operare sulle date in Excel come fossero numeri normali. Per esempio , se nella cella A1 e B1 sono presenti due dati, in C1 si può immettere la formula "=B1-A1". Poi però bisogna selezionare la cella del risultato e aprire il menu Formato - Cella. Nella scheda Numero scegliere come categoria la voce "Generale".

Andare a capo in una cella di Excel
A volte si ha l'esigenza di andare a capo in una cella quando, per esempio, stiamo inserendo del testo.
Quest'opzione è tanto semplice quanto misconosciuta: basta premere la combinazione di tasti ALT+INVO: in questo modo Excel andrà a capo, a prescindere da qualunque impostazione testuale abbiamo inserito nel menu Formato Celle.
Nella scheda Allineamento del menu Formato Celle, infatti, si trovano alcune opzioni che possono avere un certo impatto sulla formattazione dei testi.
Ci riferiamo alle caselle "Testo a capo" e "Riduci e adatta". La prima permette di mantenere inalterata la larghezza della colonna anche quando stiamo inserendo molto testo: il testo va a capo in automatico e l'altezza della riga cresce.
La seconda, invece, consente di mantenere inalterata sia l'altezza che la larghezza della cella riducendo dinamicamente il testo inserito.

Sommare le ore e i minuti
Come si può fare la somma di ore e minuti per avere il totale di queste somme.
Per prima cosa prendete nota della posizione delle celle in cui verranno inseriti i tempi. Se sono tutte di seguito (A1, A2, A3 ecc) cliccate sulla prima e trascinate la selezione fino all'ultima. Cliccate sulla selezione con il tasto destro del mouse e selezionate Formato celle. In Categoria, cliccate Ora, in tipo sul formato 13.30 e premete il pulsante OK. Se le celle sono sparse nel foglio dovete eseguire questa operazione per ognuna. Selezionate la cella in cui dovrà apparire la somma dei tempi, andate nella barra della formula ed inserite la seguente formula:
=somma(celle)
La dicitura celle tra parentesi significa che dovete inserite la posizione delle celle da caclolare, per esempio =somma(A1:A4). Se le celle non sono consequenziali, avremo =somma(A3; F9; C8)
Fate attenzione al segno grafico del punto di separazione tra ore e minuti. Excel interpreta il segno punto della tastiera numerica come una virgola, nella visualizzazione del tempo e dei risultati dei calcoli si avranno dei numeri che non hanno riferimento con ore e minuti. Utilizzate sempre il segno punto che si trova nella parte alfanumerica della tastiera, subito sopra il tasto ALTGR.

Creare automaticamente elenchi progressivi numerici o testuali
Talvolta capita di dover fare elenchi automatici (nomi dei mesi, giorni della settimana ecc.
Per automatizzare la cosa, con elenchi personalizzati, basta andare su Strumenti - Opzioni. Nella maschera visualizzata accedere alla scheda Elenchi. Nella scheda divisa in due parti, a sinistra figurano le liste già operative, mentre in quella di destra si inseriscono le voci dell'elenco personalizzato, da creare avendo cura di separarle con delle virgole (es. Primo trimestre, Secondo trimestre, Terzo trimestre, ecc). Operato l'inserimeno, premendo il pulsante Aggiungi l'elenco viene trasferito nella finestra di sinistra. Premere il pulsante Ok per acquisire i dati. A questo punto, se in una cella del foglio di lavoro si digita Primo trimestre e nella cella cella successiva Secondo Trimestre, e poi la si trascina verso il basso o verso destra, si crea l'elenco progresso desiderato.

Calcolare la differenza di data
La funzione documentata
=DATA.DIFF("data";OGGI();"y")
calcola l'età in anni (y), mesi (m) o in giorni (d).

Contare gli elementi in base ad un criterio
Per calcolare rapidamente il numero di elementi che in un foglio di lavoro soddisfano un determinato criterio si può ricorrere alla funzione Conta.se. Questa formula richiede due informazioni: l'intervallo di celle entro il quale effettuare la ricerca e il criterio di selezione. Ad esempio, all'interno di un intervallo di celle contenenti valori numerici compreso tra A1 e A100 potreste calcolare quanti sono minori di 30 impostando la formula come segue:
=CONTA.SE(A1:A100;"<30")

Inserire le frazioni
Quando inserite una frazione in una cella, Excel ne cambia automaticamente il formato trasformandolo in data: ad esempio, se digitate 3/4, Excel lo convertirà in 3-apr. Questo inconveniente si presenta solo con le frazioni che possono essere scambiate per date (quindi 31/12 diventerà 31-dic, ma 32/12 resterà invariato). Potete risolvere facilmente il problema anteponendo uno zero e uno spazio alla frazione, ad esempio 0 3/2.

Riduciamo l'Area di Lavoro in Excel per risparmiare spazio su disco.
Spesso vi sarete chiesti perché un documento passa da pochi Kb a diversi Mb senza una spiegazione. La colpa è cosiddetta Area di Lavoro, cioè dell'intervallo di celle che Excel considera utilizzabili.
Immaginiamo che un foglio abbia una tabella nel range A1:B10. Questa è l'attuale Area di Lavoro, ma se per qualche motivo vengono copiati dei dati al di sotto o a destra della cella B10, l'area si estenderà e rimarrà tale anche se i dati verranno successivamente cancellati.
Per ridurre un'area di lavoro dobbiamo posizionarci nell'ultima riga realmente utilizzata, selezionare le rige dalla successiva alla 65536 usando i tasti Ctrl+Shift+Freccia giù ed eliminarle (tasto destro / Elimina).
La stessa operazione va fatta per tutte le colonne a destra del range che ci interessa. A questo punto occorre salvare.
Il file salvato sarà più piccolo del precedente.

Visualizzare (e stampare) le formule
A volte si ha la necessità di visualizzare o stampare le formule contenute in un foglio e creare un back-up cartaceo del proprio lavoro a prova di virus informatico.
Questa possibilità esiste, ma occorre accedere al menu di dialogo Opzioni del menu Strumenti. Da questo menu dovremo fare clic sulla scheda Visualizza e spuntare la casella di controllo Formule. Le formule appariranno in forma stampabile.
L'unica alternativa a questa possibilità è anteporre il simbolo di apostrofo *prima* della formula (cioè prima del segno di uguale). In questo modo Excel interpreta il contenuto della cella come un testo, ma la formula non è più attiva.
Per visualizzare le formule, è possibile utilizzare una scorciatoria da tastiera attraverso la combinazione di tasti CTRL + "(" cioè CTRL + MAIUSC + 8.

Unione del contenuto di due celle
Spesso capita di essere nella condizione di dover unire uno o più stringhe di testo o una o più celle. A tal fine, è possibile usare la funzione CONCATENA(). Con questa funzione basta indicare tra le parentesi gli elementi da unire avendo cura di inserire gli elementi testuali tra le virgolette.
==> Un sistema più semplice e veloce, però, è quello di inserire il simbolo "&" tra i testi o le celle da unire.
L'unione di celle ed elementi testuali è di fondamentale importanza quando si devono analizzare i dati, fare ricerche o eseguire dei calcoli condizionali. Molto spesso, infatti, l'utilizzo di funzioni come SE(), SOMMA.SE() o CONTA.SE() eseguite su una concatenazione di testi risulta un'alternativa più semplice ed efficace rispetto all'uso delle apposite funzioni di database.

Calcolo delle celle
Quando selezionate delle celle potete facilmente sapere quante celle sono. Fate clic con il tasto destro nella barra grigia orizzontale sul fondo della finestra di excel. Si aprirà un menu dal quale dovete selezionare la voce Conteggio. Sulla barra apparirà il risultato.

Excel Command Line Switches
The following text was copied from the Microsoft Site at:
http://support.microsoft.com/support/kb/articles/Q211/4/81.ASP

Switch Function
/e, /embedded Forces Excel to start without displaying the startup screen and creating a new workbook 
 (Book1.xls).
Example: /e, /embedded 
/m Forces Excel to create a new workbook that contains a single macro sheet.
 /o Forces Excel to re-register itself. Specifically, the following key is rewritten in the registry:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\9.0\Excel
NOTE: If this key contains invalid values, they are not corrected by using this switch. This switch only replaces missing values.
 /p <folder>  Forces Excel to use the path you specify as the active  path rather than the default path. 
Example: /p "C:\Windows"
/r <filename> Forces Excel to open the specified file in read-only mode.
Example: /r "C:\My Documents\Test.xls"
/s Starts Excel in Safe mode. ("Safe Mode" will appear in the Excel title bar.) Safe mode starts Excel as if it is the first time after Setup. 
Safe mode bypasses the following:
- All files in any Excel startup folder. 
For more information about the location of startup folders, please see the following article in the
Microsoft Knowledge Base:<Q240150 XL2000: How to Use Excel Startup Folders
- Add-ins: The Addins dialog box still displays the selected addins. However, the addins are not loaded.
- Excel toolbars (Excel.xlb or <username>.xlb): The original installation default toolbar settings are 
used.
- Excel specific registry information: The original installation default registry settings are used. 
 Registry information can include the following key and other keys:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\9.0\Excel\Options
NOTE: When Excel is in Safe mode, the Options dialog box displays the default settings, not your customized settings.  
/regserver Forces Excel to register itself and then quit. Use this switch when you want Excel to rewrite all of its 
registry keys and reassociate itself with Excel files, such as workbooks, charts, and so on.
/unregserver  Forces Excel to unregister itself and then quit.

Immissione corretta di frazioni in una cella
Se si immette "9/10" il programma lo interpreta come una data; analogamente, se si introdure "9:10" viene interpretato come orario. Naturalmente si può formattare la cella come numero, ma allora la frazione viene considerata come divisione di cui viene fornito il risultato. Per immettere una frazione si deve seguire questa tecncia: premettere uno 0 e uno spazio alla frazione:
0 9/10. Questa volta excel darà il risultato correttore.

Dati da riga in colonna (e viceversa)
Supponiamo di avere, in un foglio di Excel, dei dati scritti tutti sulla medesima riga e che si voglia trascriverli in una colonna; farlo manualmente potrebbe essere un'operazione lunga e noiosa, soprattutto se i dati sono molti.
Per fortuna ci viene incontro una funzione del programma, la quale consente di fare il tutto con pochi clic: occorre selezionare le celle di nostro interesse, fare "Copia" dalla barra degli strumenti, e poi clic destro sulla cella dove si vuole trasferire i dati -> "Incolla Speciale" -> spuntare la voce "Trasponi" nella finestra di dialogo che si è aperta.
Dato l'OK ritroveremo i valori perfettamente incolonnati. Non ci rimane altro, se lo si desidera, che cancellare le celle della riga originaria. Purtroppo non è possibile adottare questo procedimento con la funzione "Taglia".

Selezionare un valore random in Excel
E' possibile, tra una lista di nomi (uno o per cella), fare in modo che il programma ne scelga uno a caso?
Se per esempio hai 10 nomi inseriti nelle celle A1:a10 (uno per cella), puoi usare questa macro: per importarla, bisogna aprire il menu Strumenti - Macro - Macro assegnare un nome alla magro (es. nome a caso) e premere il pulsante crea. Nell'editor basterà inserire la restante parte del codice. Fatto questo, per lanciale la macro, entra nel menu Strumenti - macro - macro seleziona la macro dall'elenco e premi il tasto Esegui.
La macro:
Sub scegli_nome_a_caso()
Randomize
Max = 10
casuale = Int((max*rnd)+1)
'numero casuale fra 1 e max
MsgBox ("Il nome scelto a caso è: " &
Range("A" & causale).Value)
End Sub

Decimali in Excel
Talvolta può succedere che, inserendo un numero in una cella di Excel esso appaia in formato decimale (per es. anziché 5 appare 0.05).
Per evitare ciò assicurarsi che in 'Strumenti -> Opzioni -> Modifica' sia deselezionata la casella 'Utilizza decimali fissi'.

Proteggere le cartelle di Excel
In Excel è possibile limitare l'accesso a una cartella di lavoro mediante la richiesta di una password di apertura (serve la password per leggerla) o di lettura (si può aprirla, ma per modificarla serve una password).
Queste password sono definibili in fase di salvataggio della cartella stessa mediante il pulsante 'Opzioni' (per Office 97) o il menu a discesa 'Strumenti' (per Office 2000)
Vi è anche la possibilità di proteggere i dati contro modifiche alle celle, impedire la visualizzazione di righe/colonne o formule nascoste.
Per farlo bisogna andare in 'Strumenti -> Protezione -> Proteggi cartella di lavoro.
In questo caso le operazioni inibite sono: visualizzazione di fogli di lavoro nascosti, spostamento, cancellazione, eliminazione di fogli di lavoro, inserimento di nuovi fogli...
Per fare in modo che alcune celle risultino non bloccate è sufficiente selezionare la cella voluta e, dopo un clic destro, scegliere la voce 'Formato'.
Nella finestra che appare scegliere la scheda 'Protezione' e deselezionare la casella 'Bloccata'.
In questo modo è impossibile modificare il foglio di lavoro ad esclusione di quella singola cella.

Immagine di sfondo in Excel
Forse non tutti sanno che, nei fogli di lavoro di Excel, è possibile inserire immagini di sfondo: per farlo basta scegliere 'Formato -> Foglio' e quindi selezionare 'Sfondo', scegliendo poi l'immagine preferita.
Tale sfondo serve solo per rendere più gradevole la visualizzazione del foglio di lavoro: infatti non viene stampato.

Excel e la funzione "SE"
La funzione SE serve a confrontare i dati presenti in due celle e restituisce un determinato valore se il confronto ha esito positivo mentre ne restituisce un altro in caso di esito negativo. Infatti la struttura delle formula e:
(test;se_vero;se_falso)
Es. 1
=SE(A1>A2;"buono";"cattivo")
In questo chiedo di confrontare il valore contenuto in a1 con quello contenuto in a2 (TEST).
Se a1 e' maggiore di a2 (a1>a2) avro' come risultato la parola "buono" (SE_VERO).
Se a1 e' minore di a2 avro' come risultato la parola cattivo (SE_FALSO).
Es. 2
=SE(A1>A2;A3+A4;A5+A6)
Se a1 è maggiore di a2 (TEST), la formula mi eseguira' l'operazione di somma dei valori contenuti nelle celle a3 e a4 (SE_VERO).
Viceversa se a1 e' minore di a2 mi eseguirà la somma delle celle a5 e a6.
Nel primo caso un esito positivo del confronto fara' visualizzare del testo (buono, cattivo).
Il testo che posso far visualizzare e' naturalmente modificabile a piacere: basta inserirlo fra virgolette (" ").
Se invece non si vuole visualizzare niente, inserire solo le virgolette, senza spazi.
Nel secondo caso mi eseguira' altre funzioni (a3+a4, a5+a6). Nel mio esempio le funzioni che verranno eseguite sono volutamente semplici.
Naturalmente si possono utilizzare formule particolarmente complesse.
--------------------------
La funzione SE è nidificabile (fino a sette volte). Significa che io posso fare fino a sette test contemporaneamente. In questo modo posso soddisfare
piu' condizioni.
Es. 3
=SE(A1>A2;SE(A2>A3;"A2>A3";"a3>A2");"A2>A1")
In questo caso chiedo di controllare se a1>a2. Se e' vero chiedo di controllare che a2 sia maggiore di a3. Se anche questo e' vero mi verra' visualizzato il testo "a2>a3" (che si tratti di testo lo capiamo dalla presenza delle virgolette). Se e' falso mi verra' visualizzato il testo "a3>a2".
Se però A1 e' minore di a2, il testo che mi viene visualizzato e' "a2>a1".
Lo schema della funzione e' il seguente:
[test; se vero ->(test2; se vero; se falso); se falso]
Esercizio pratico
Partendo da una colonna di numeri voglio che mi vengano visualizzati solo i numeri maggiori di 100 e minori di 200.
Nella prima colonna (A) inserisco i miei valori. Nella colonna (B) inserisco, nella prima riga, la seguente funzione:
=se(a1>100;se(a1<200;a1;"");"")
A questo punto seleziono la cella e la copio su tutta la colonna B.
Nella colonna B saranno visualizzati solo i valori compresi fra 100 e 200.

Inserimento di un numero telefonico senza perdere il prefisso
QUando si memorizza in una cella un numero telefonico, se non vengono date particolari informazioni ad Excel il numero viene inteso come normale numero intero. Questo può provocare alcuni inconvenienti se il presso inizia con lo zero. Infatti, in questi casi, lo zero viene omesso in fase di visualizzazione e il numero apparirà in forma errata. Per ovviare all'inconveniente esistono vari metodi: 
- digitare il numero preceduto da un apice
- formattare la cella con il comando Formato Celle, scegliere la scheda Numero e, come Categoria, Scegliere testo.
- si può anche digitare il numero separato dal prefisso
- formattare la cella con il comando formato celle, scegliere la scheda numero, e come categoria scegliere Speciale. Apparirà a video una finestra di dialogo dove occorre scegliere il tipo Numero telefonico. Non sempre questo tipo di formattazione  risulta corretto.

Fare somme senza definire a priori la zona di inserimento
Si può utilizzare, come zona di inserimento dati, un'intera colonna (65.536 celle). In questo modo anche non conoscendo a priori il numero di dati da inserire, si può stare certi che tutti verranno considerati nelle formule in uso. Perciò inseriremo =SOMMA(A:A) o con riferimento assoluto =SOMMA($A:$A). I testi verranno ignorati dalla funzione Somma.

Generare l'elenco dei week-end di un anno
Supponiamo di dover produrre una tabella contenente l'elenco dei week-end del 2004, sapendo che il primo sabato cade il 3 gennaio. Un metodo per produrre questa tabella nelle colonne A e B richiede di scriver ein A1 la parola Sabato e in B1 la data 3/01/04. Poi occorre selezionare la zona A1:B1, trascinare il quadratino di riempimento della cella B1 fino alla riga 2, in modo che venga generata la data di domenica 4 gennaio. A questo punto occorre scriver in A3 la formula =A1, in modo che in A3 appaia la parola sabato, e scrivere in B3la formula =B1+7, in modo che in B3 appaia la data del successivo sabato 10 gennaio. Ora occorre selezionare la zona A3:B3 e trascinare il quadratino di riempimento della cella B3 fino alla riga 104 (due giorni per ognuna delle 52 settimane). Viene così generato l'intero calendario dei week-end del 2004, fino a domenica 26 dicembre)

Mettere l'iniziale maiuscola
In fase di digitazione iniziale, molti utenti per risparmiare tempo, utilizzano il tasto CAPSLOCK che produce solo le maiuscole. Per fare in modo che tutti appaiano con la sola iniziale maiuscola, occorre scrivere la funzione =MAIUSC.INIZ(A1) in una colonna a fianco dei nomi. Ora dobbiamo eliminare la colonna dei nomi iniali, dopo aver trasformato la funzione di calcolo in un elenco di valori. Per farlo dobbiamo selezionare i dati ottenuti in colonna B, attivare il comando Modifica Copia, attivare il comando Modifica Incolla speciale e selezionare la casella Valori. Alla fine è possibile cancellare la prima colonna con formula.

Sistemare una lista di dati
ho importato la lista di indirizzi, ma ho ottenuto una singola colonna contenente sia il nome che il cognome separati da una virgola. Come posso fare per suddividerla?
Se non prevedi di importare altri indirizzi in futuro nello stesso foglio, puoi usare il wizard "testo in colonne" di excel. Seleziona la colonna con i dati, ad esempio A5:A35 e clicca su Dati, testo in colonne. Seleziona Delimitati, poi avanti e specifica la virgola come delimitatore, in modo da spezzare il testo alla virgola. Clicca su avanti e scegli la cella nella quale copiare i dati spezzati (ad esempio C5), quindi clicca su fine. Le due parti del nome saranno disposte nelle colonne C e D. Se specifichi la destinazione come $A$5, il risultato sarà soprascritto ai dati contenuti nelle colonne A e B.
Se pensi di importare altri indirizzi in seguito, per separare i nomi automaticamente puoi usare una piccola formula. Posto che i dati partono con il nome e che il primo sia nella cella A5, inserisci la formula 
=SINISTRA(A5; Ricerca(",";A5)-1) 
nella cella nella quale vuoi che apparia il nome (D5 ad esempio). Per il cognome inserisci la formula 
=STRINGA.ESTRAI(A5; (RICERCA(",";A5)+2);255) 
nella cella attigua. Seleziona le celle con le formule e sposta il cursore nell'angolo in basso a destra della selezione fino a che non appare una croce. Ora clicca e trascina la selezione fino alla cella corrispondente alla riga dell'ultimo indirizzo (per copiare le formule). I nomi ed i cognomi appariranno nelle colonne D e E. QUando importi i dati basta aggiungere nuove celle con le relative formule ed il risultato verrà aggiornato automaticamente.

Operatore di concatenamento
Consente di unire due o più stringhe di testo in un unico elemento
Il simbolo da usare è "&" (senza "")
=a1&A2 dara l'unione delle due celle.

Unire due celle senza perderne il contenuto
Poniamo che in un foglio di lavoro abbiate organizzato una lista di nomi in questo modo: nella colonna A ci sono i cognomi, nella colonna B i nomi. Unendo le celle in modo classico, perdereste alcuni dati. Per evitare che questo accada, è possibile ricorrere ad una semplice formula. Per unire i dati contenuti in A1 e in B1, mettendo uno spazio tra il cognome e il nome, basta usare la seguente formula:
=A1&" "&B1

Tipi di riferimento
All'interno delle formule e delle funzioni di Excel, per indicare le celle a cui devono essere applicati i calcoli, è possibile utilizzare tre differenti tipi di riferimento: relativo, assoluto e misto
Riferimento Relativo
Permette di modificare automaticamente l'indirizzo delle celle, quando le formule o le funzioni sono duplicate o spostate in differenti posizioni
Es. =a1+a2+a3
Riferimento assoluto
Consnete di utilizzare gli indirizzi delle celle come valori costanti. Per ottenere questo risultato, è necessario inserire il simbolo del dollaro ($) prima delle intestazioni di riga e di colonna che formano gli indirizzi delle celle
Es. =$a$1+$a$2+$a$3
Riferimento misto
Permette di gestire come costanti le intestazioni di riga o colonna che formano gli indirizzi delle celle. A tale scopo, è necessario inserire il simbolo del dollaro ($) prima delle intestazione di riga o colonna
Es. =$a1+$a2+a$3

Unire rapidamente campi in una tabella di dati
Come costituire una base di dati in Excel di varie centinaia di contatti provenienti da corrispondenti diversi, quando ognuno di questi ultimi ha fatto la sua tabella con parametri propri? Tagliare e incollare nomi e cognomi per metterli nello stesso campo, per esempio, è lungo e rischioso.
Fate invece così.
Incollate in una prima versione "grezza" del foglio elettronico, i dati nella forma in cui vi sono stati forniti; fate semplicemente attenzione a raggrupparli secondo la loro formattazione.
Selezionate poi la colonna A. Dal menù Inserisci scegliete il comando "Colonne" e fate tante colonne quanti sono i campi di cui volete sia costituita la tabella finale.
Ora siete pronti ad inserire, in ogni cella delle colonne fatte da voi, una formula che deve richiamare i valori contenuti nella stessa riga in altre colonne, concatenandoli fra loro nel modo che preferite, e questo in tutta l'area in cui i dati si presentano in un certo modo. Per esempio, il primo corrispondente, ha scritto in tre celle diverse: "Sig.", "Rossi" e "Mario" rispettivamente nelle colonne E, F e G della riga 2; voi vorreste invece "Sig. Mario Rossi" in una sola cella. Allora, nella cella A2 scrivete la formula seguente:
=E2&" "&G2&" "&F2
e battete Invio. Vedrete apparire in A2 la stringa "Sig. Mario Rossi". Ora, con copia-incolla, copiate la stessa formula nelle celle sottostanti, per tutte le righe che corrispondono agli stessi criteri. Scendendo nel foglio elettronico, troverete che altri corrispondenti hanno aggregato i dati in altri modi, per cui, se alla riga 95 il nominativo tiene per intero in un campo alla colonna F, scriverete nella cella A95 la formula:
=F95
che potrete beninteso incollare in tutte le celle sottostanti finché i dati si presentano in quella forma.
Utile per una stampa unione che deve riferirsi, ovviamente, alle colonne create da voi.
Testato su Excel 2000.

Conversione da maiuscolo a minuscolo e viceversa
Supponiamo di avere, in un foglio di Excel, un elenco di parole o di nomi scritti tutti in minuscolo, e di volerli convertire in maiuscolo, nella loro interezza o soltanto nella iniziale. In questi casi, si usa un'apposita funzione di Excel: MAIUSC. 
Se quindi, ad esempio, dalla cella A1 a A9 abbiamo le nostre parole da convertire in maiuscolo, ci si posiziona in B1 (o una qualunque altra colonna libera) e in essa digitiamo: =MAIUSC(A1). Poi si dovrà "afferrare" l'angolo inferiore destro della cella B1 (il puntatore assumerà una forma di croce) e col clic sinistro del mouse pigiato, la "trasciniamo" fino a B9.
Infine, facciamo un copia-incolla delle celle B1-B9 sopra ad A1-A9 usando la funzione "Incolla speciale" -> "Valori". 
Ovviamente, se ci trovassimo di fronte al caso esattamente opposto, ovvero avessimo delle parole scritte tutte in maiuscolo, e desiderassimo convertirle in minuscolo, la procedura sarebbe la medesima, con l'unica differenza che la funzione da usare sarebbe: MINUSC. 
Di seguito, riporto le formule da usare in casi analoghi:
=MAIUSC(A1) Converte il testo in lettere maiuscole 
=MINUSC(A1) Converte il testo in lettere minuscole 
=MAIUSC.INIZ(A1) Converte in maiuscolo la prima lettera di ciascuna parola

Sulle celle...
A volte capita che sia necessario inserire in un foglio di Excel dei numeri che iniziano con lo 0 e che non hanno la virgola: potrebbero essere dei numeri telefonici, numeri di partita IVA, o altro ancora. Il programma però, non lo consente e, difatti, non appena si dà l'invio (o ci si sposta di cella) dopo aver digitato il numero, questo viene immediatamente modificato, ovvero lo zero iniziale viene rimosso. 
Come fare allora? Abbiamo 2 alternative: la prima è quella di formattare la cella come testo (dal menu "Formato" - "Celle" - selezionare la voce "Testo"), e la seconda è quella di anteporre l'apostrofo ( ' ) allo zero. L'apostrofo non apparirà, e si otterrà il medesimo il risultato del primo metodo, ovvero la cella avrà un contenuto testuale. 
Le due soluzioni sono da considerare alternative tra loro, applicabili a seconda di ciò che si deve realizzare. Infatti, se dobbiamo riportare molti prefissi telefonici (ad esempio), è preferibile selezionare più celle contemporaneamente, o l'intera colonna, e usare il primo metodo; mentre si può ricorrere al carattere apostrofo, quando i numeri sono pochi.

Stampa delle formule in luogo dei risultati 
Dal menù "Strumenti" selezioniamo la voce "Opzioni". Nella finestra di dialogo che si apre, posizionarsi sulla scheda "Visualizza". Qui, nella sezione "Opzioni" della finestra che si trova in fondo alla finestra di dialogo spuntiamo l'opzione "Formule". Cliccare su pulsante OK. Le formule contenute nel foglio di lavoro diventeranno visibili nelle rispettive celle. Questa opzione rimane attiva fin tanto che non viene deselezionata. Se si stampa il foglio di lavoro, nelle celle verranno stampate le formule e non i risultati. Quendo si imposta l'opzione, compare sul foglio anche la barra degli strumenti "Verifica formule". Posizionarsi su una cella che contiene una formula e cliccare sul pulsante "individua precedenti". Compariranno sul foglio delle frecce che indicano le celle presenti nella formula come riferimenti. Questa funzione consente di visionare immediatamente delle formule. Analogamente, se ci si posiziona su una cella e si clicca su "Individua dipendenti", compariranno delle frecce che puntano a tutte le formule in cui la cella è contenuta come riferimento.

Aggiungere Nuovi Elenchi 
E' piuttosto facile aggiungere un nuovo tipo di ordinamento a quelli già predefiniti. Apriamo il menu Strumenti alla voce Opzioni. Spostiamoci nella sezione Elenchi ed inseriamo manualmente il nuovo criterio nel campo "Voce di elenco", separando i termini con il tasto "Invio". In alternativa facciamo clic su Importa per acquisire il contenuto di celle che abbiamo selezionato in precedenza. Per controllare il risultato dell'operazione, apriamo il menu "Dati" e selezioniamo il comando "Ordina". Facciamo clic su "Opzioni" e verifichiamo la presenza del nuovo tipo di ordinamento nel menu "Prima chiave di ordinamento".

Convertire elenchi di nomi e cognomi 
E' sempre più facile unire informazioni separate che separare informazioni unite. Supponendo di aver progettato correttamente l'inserimento dei dati iniziali, possediamo un elenco di nomi (colonna B) e di cognomi (colonna A) separati fra di loro e vogliamo ottenere un elenco di celle contenenti ognuna sia il nome che il cognome. Per realizzare questo obiettivo occorre costruire una colonna aggiuntiva, chiama per esempio NOME E COGNOME, e attivare nella prima cella la funzione "Concatena" (Inserisci - Funzione, selezionare la categoria Testo, e scegliere la funzione concatena. Nella casella di dialogo della funzione Concatena occorre scrivere le coordinate del primo nome come Testo1, digitare uno spazio come Testo2 (in modo da evitare che nome e cognome costituiscano una sola parola) e scrivere le coordinate del primo cognome come Testo3. Dopo aver dato l'OK, con il quadratino di riempimento si può copiare la funzione Concatena in tutte le altre celle sottostanti. Prima di eliminare i dati in colonna A e B, occorre che in colonna C vengano memorizzati i risultati della funzione Concatena e non la funziona stessa. Per questo secondo lavoro occorre selezionare i dati di colonna C (oppure l'intera colonna stessa) e copiare la selezione negli Appunti (CTRL+C). Dopo aver attivato il comando Modifica - Incolla speciale occorre scegliere Valori nella zona incolla. Notare che il comando Incolla speciale può essere applicato anche in una colonna diversa da quella in cui si trova la funzione Concatena

Istogrammi con la sovrapposizione di piccole immagini - texture 
Per sostituire i rettangoli usati come barre dell'istogramma con disegni ripetuti occorre disporr dell'immagine necessaria su un file grafico, per esempio in formato JPG. L'immagine deve essere molto semplice per evitare di confondere il risultato con effetti non desiderati. Per costruire un istogramma di questo tipo occorre costruire un istogramma tradizionale e selezionare uno dei rettangoli, per esempio il primo. Per farlo occorre cliccare su un rettangolo qualsiasi (vengono selezionati tutti i rettangoli) e poi cliccare su rettangolo scelto (viene selezionato il solo rettangolo desiderato). Ovviamente, se si vuole attribuire la stessa immagine a tutti i rettangoli è inutile selezionarne uno solo. A questo punto occorre attivare il comando Formato - Dato selezionato e aprire la scheda Motivo. Premuto il pulsante Riempimento, occorre selezionare la scheda Immagine e premere il pulsante Seleziona Immagine. A questo punto occorre cercare sul disco il file contenente l'immagine prescelta e completare i dati richiesti nella finestra di dialogo (nella maggior parte dei casi conviene utilizzare l'opzione In pila e proporzionato).

Alcune funzionalità avanzate di Excel
Le capacità di Excel ad eseguire calcoli di varia natura, sono fuori discussione. 
In realtà il nostro foglio elettronico, se si esclude il caffè, può fare di tutto. Siete perplessi? Volete una dimostrazione? Ebbene, Excel può eseguire un monitoraggio del vostro sistema software!
Posizionatevi in una cella qualunque è digitate la seguente funzione: =AMBIEMTE.INFO("versione") per sapere la versione di Excel. Troppo facile? Allora digitate =AMBIEMTE.INFO("directory") per sapere il percorso di residenza del file. 
Non vi basta ancora? Va bene, inserite questa nuova funzione: =AMBIEMTE.INFO("sistema") e vi vedrete restituire il nome del sistema operativo. 

Se Excel non sa far di conto....
Effettuare dei calcoli con ore e minuti può riservare, a volte, imbarazzanti sorprese con Excel.
Prendiamo ad esempio una semplice addizione, come 20.00 (20 ore) + 6.30 (sei ore e trenta minuti), ci aspetteremmo come risultato 26.30 e invece avremo un imprevisto 2.30.
Come mai, Excel non è più capace a fare di conto? No, ma per lui, trascorse 24 ore, siamo passati ad un'altra giornata. Infatti 26.30 - 24 risulta proprio 2.30...
In ogni caso per risolvere il problemino precedentemente prospettato, occorre posizionarsi sulla cella contenente la formula e dal menu Formato scegliere Celle..., quindi attivare la scheda Numero e nell'elenco delle categorie scegliere Personalizza, infine fra i vari tipi presenti cliccare sul formato [h].mm.ss e vedrete il risultato trasformarsi in 26.30.

Creazione di un elenco ordinato di compleanni (Excel 97,2000,XP)
Si sono immessi in due colonne di un foglio di excel i nominativi e le date di nascita di parenti e amici. Si vorrebbe ordinare la lista per data di compleanno, così che mostri la successione nell'anno delle ricorrenze da ricordare e anche le relative età dei soggetti. Si deve scegliere il giusto criterio di ordinamento, che l'elenco per come è conformato non offre. Se si ordinano infatti i dati in funzione della colonna della data di nascita, il risultato ottenuto sarà corretto per le età, ma non per le date stesse. Occorre aggiungere una colonna ausiliaria che permette poi il giusto ordinamento: essa deve contenere la data di nascita priva dell'indicazione dell'anno. Una seconda colonna aggiuntiva permetterà poi di calcolare l'età. Supponiamo per esempio che la colonna A contenga i nominativi e la colonna B la data di nascita; si procederà inserendo nella cella C2 la formula "=OGGI()-B2". Si può ora estendere la formula lungo tutta la colonna C: selezionare le celle interessate della colonna C e scegliere da menù Modifica/Riempimento/In basso. Così si ottenere l'età espressa in giorni della colonna C. La colonna D dovrà poi contenere il giorno del compleanno, privo dell'anno di nascita. Immettere nella cella D2 la formula 
=DATA(0;MESE(B2);Giorno(B2))
Come prima, bisogna trasferire la formula all'intera colonna D. Ora si deve adattare il formato dei numeri: selezionare l'intera colonna C e poi Formato/Celle. Nella scheda Numero scegliere la categoria Personalizzato. Nel campo Tipo immettere la stringa "AA". Un clic su OK farà comparire l'età (in anni) nella colonna C. Anche il formato numero della colonna D va personalizzato: questa volta il formato sarà "GMMMM", che farà comparire giorno e mese del compleanno nelle celle D. Con questa tabella ampliata si potrà ora effettuare l'ordinamento come richiesto. Fare clic su un punto qualsiasi all'interno di essa che contenga dati e selezionare Dati/Ordina. Excel riconosce ed evidenzia automaticamente l'era interessata. Nel campo Ordina per, selezionare Compleanno (o qualunque sia il titolo della colonna interessata) e fare clic su Ok: si otterrà subito l'ordinamento di tutta la tabella in base al criterio scelto.

Funzione CONVERTI (Excel) 
E' mai capitato di domandarsi quanti centimetri misuri il classico "foot" inglese o quanti galloni di benzina siano necessari per riempire il vostro serbatoio da 50 litri? A questo punto o vi trovate una tabella di conversione sotto mano, oppure provate Excel. Supponendo di dover rispondere al primo quesito, digitate "1" nella cella A1 e in B1:
=CONVERTI(A1;"ft";"cm")

Calcolo dei giorni lavorativi 
Con GIORNI.LAVORATIVI potete calcolare il numero di giorni lavorativi effettivi (al netto dei sabati e delle domeniche) compresi tra due date. L'ultimo parametro di questa funzione permette di escludere dal conteggio le eventuali festività comprese nel periodo considerato. Provate a scrivere in celle adiacenti di una stessa colonna le date delle festività, quindi selezionatele, fate clic su Inserisci/Nome/Definisci e assegnate a questo intervallo il nome feste. In altre celle scrivete la data iniziale e finale del periodo interessato, quindi nella cella in cui volete leggere il risultato, digitate:
=GIORNI.LAVORATIVI(cella data iniziale;cella data finale;feste)

Differenza tra date
Per imperscrutabili motivi, l'utile funzione DATA.DIFF - che è in grado di restituire il numero di anni, mese o giorni compresi tra due date - non risulta documentata nella maggior parte delle versioni di Excel. Una sua possibile applicazione, permette, ad esempio, di calcolare l'età di un bambino espressa in mesi. Inserite la data di nascita in A1 e nella cella B1 digitate:
=DATA.DIFF(A1;OGGI();"m")
Il risultato indicherà quanti mesi ha compiuto il bimbo. Se poi voleste sapere quanti anni ha compiuto, vi basterebbe cambiare l'ultimo parametro da "m" a "y".

Sommare correttamente le ore quando il totale è superiore a 24
Immaginiamo di avere una tabella di due colonne, articolata in 5 righe. In ogni coppia di celle sono inseriti gli orari in cui è iniziata una certa attività che si è svolta nell'arco di cinque giorni. A questo punto, si può creare una terza colonna in cui, per differenza, si calcola il tempo dedicato a quella attività in ognuno dei cinque giorni (espresso in ore e minuti). Se ora volessimo sapere quanto tempo è stato speso in totale potrebbe sembrare logico fare semplicemente la somma dei valori contenuti nella terza colonna. Sorpresa... la somma potrebbe essere sbagliata. Anche se a tutte le celle della tabella, e a quella in cui deve essere visualizzata la somma è stato assegnato il formato ora e minuti. Per esprimere correttamente il risultato, evidenziare quest'ultima cella, aprire il menù Formato, selezionare Celle, e nella maschera che si apre accedere alla scheda Numero. Nella finestra Categoria selezionare il formato Personalizzato. A questo punto, nella finestra a fianco compare un elenco di formati. Selezionare [h].mm.ss, determinandone il trasferimento nella casella soprastante la finestra. Cancellare il punto e le due s finali quindi premere OK. Se abbiamo operato correttamente, nella cella così formattata comparirà l'esatta somma in ore e minuti. Il problema insorge solo se la somma dei valori è superiore a 24. In tal caso, il risultato è pari al resto della divisione di tale valore per 24

Visualizzazione corretta dei minuti in formato numerico
Si sono effettuate le somme di vari dati di tempo e ora si vorrebbero inserire i risultati in diverse celle come giorni, ore, minuti e secondi. Per questo sono stati usati i corrispondenti formati, ma se si salva e si riapre la tabella il contenuto della cella è formattato come mesi anzichè come minuti. La visualizzazione dei minuti viene rispettata se davanti all'espressione dei minuti compare un codice di formato per le ore (h, hh o [hh]), oppure, subito dopo, compare il codice di formato dei secondi (s, ss o [ss]). Questo comportamento anomalo dipende da un bug di Excel: mentre si sta lavorando alla tabella, il risultato appare corretto; se però si salva la cartella, Excel non riesce a distinguere fra mm (minuti) e MM (mesi). Il programma converte il codice in maiuscole e fornisce quindi un risultato errato. Dato che suddividendo il risultato in più celle non si può integrare il codice delle ore, bisogna aggirare il bug in altro modo. Un metodo adatto è utilizzare la funzione Minuto. Nella cella s'inserirà quindi la formula MINUTO(riferimento), con il giusto riferimento alla cella di origine; poi si formatterà la cella nel formato standard e compariranno i minuti corretti. ATTENZIONE: se si vogliono effettuare altri calcoli con il valore espresso in questa cella, sarà necessario prima dividerlo per 1440, per ottenere la durata in minuti corrispondente al formato di calcolo interno di Excel.

Inserire numeri romani in una cella di Excel
=ROMAN(numero) , dove numero è un valore oppure un riferimento ad una cella contenente un valore
=ROMANO(999) oppure =ROMANO(999;0) risulterà CMXCIX
=ROMANO(999;1) risulterà LMVLIV
=ROMANO(999;2) risulterà XMIX
=ROMANO(999;3) risulterà VMIV
=ROMANO(999;4) risulterà IM

Selezione Multipla in Office
Per selezionare più parti non consecutive, provate a tenere schiacciato CTRL intanto che selezionate le parti.

Microsoft Excel 
Ricerca del percorso del file (funziona, forse con Excel XP)
Quante volte è capitato di non sapere dove si trova il file che ha dato origine al foglio stampato?In esso è riportato il nome del file, l'ora e la data di stampa, il foglio dove sono contenuti i dati, ma... in quale directory si trova? Per saperlo bisogna ricorrere ad una funzione piuttosto sconosciuta al grande pubblico: CELLA(). Questa funzione permette di ottenere il percorso e il nome del file, informazioni dettagliate sulla formattazione della cella, il numero di riga, di colonna ecc. Si può specificare all'interno delle parentesi CELLA("filename").

 

 

 

 

 

 


Tips su PowerPoint

iSpringFree
E' un tool gratuito per la conversione di presentazioni PowerPoint verso il formato Flash da utilizzare sul web. Il programma inserisce all'interno di PowerPoint un menu dal quale è possibile slavare con pochi click la presentazione correntemente aperta. Nel filmato flash generato verranno conservate le animazioni, le transizioni ed eventuali filmati o file audio inseriti nella presentazione originale.
http://www.ispringsolutions.com/free_powerpoint_to_flash_converter.html

1700+ modelli Power Point gratis da scaricare
Attraverso un commento ho trovato un sito chiamato FreePPTFiles dove ci sono migliaia di modelli da PowerPoint . Con questi modelli ci fanno risparmiare molto tempo e sopratutto sono gratuiti .
Ne vanta piu` di 1700 template divisi per categorie, i modelli, che vanno dal cibo e, disegni astratti e texture, sport, giochi e musica e altro.
Vi lascio il sito ufficiale : FreePPTFiles (http://www.freepptfiles.com/)
Modelli di PowerPoint 2010
PowerPoint 2007 modelli
Temi PowerPoint 2010
Disegni ppt

PowerPoint 2007: visualizzare animazioni Flash nelle diapositive
Con PowerPoint 2007 potete inserire della animazioni realizzate con Flash all'interno delle vostre diapositive.
Per utilizzare un file .swf in PowerPoint, dovete importare il controllo ActiveX Shockwave Flash Object. Aprite PowerPoint e posizionatevi sulla diapositiva in cui desiderate inserire l'animazione; andate nel tab "Sviluppo" selezionando il pulsante "Altri controlli".
Nella finestra che appare selezionate la voce "Shockwave Flash Object" e trascinatela sulla diapositiva per importare il controllo ActiveX nella slide.
Modificate la dimensione della diapositiva per adattarla all'animazione e cliccate col il tasto destro del mouse sull'oggetto, selezionando la voce "Proprietà".
Cliccate sul tab "Alfabetico" e poi su "Movie", digitando il percorso del file .swf nella cella dei valori.
Impostate la proprietà "Playing" su "True" in modo che l'animazione venga riprodotta quando la diapositiva è visualizzata.
Inoltre, se decidete di trasferire la presentazione su altri PC, dovete incorporare in essa il file .swf, impostando la proprietà "Embed/Movie" del controllo ActiveX su "True".

PowerPoint: stampare in alta qualità
Se avete creato delle presentazioni, delle tesi o qualsiasi altro progetto con PowerPoint, per avere un risultato migliore potete stamparli in alta qualità.
Una volta aperto PowerPoint e il file che desiderate stampare, cliccate sul pulsante "Microsoft Office" e aprite le "Opzioni di PowerPoint".
Ora, portatevi all'interno della scheda "Impostazioni avanzate".
A questo punto, all'interno della sezione "Stampa" mettete il segno di spunta vicino all'opzione "Alta qualità".
In questo modo i vostri progetti verranno stampati con una qualità superiore rispetto alla normalità.

Consigli per una buona presentazione
Mi capita spesso di dover effettuare delle presentazioni PowerPoint utilizzando un videoproiettore. Quali sono le migliori impostazioni da usare?
Per ottenere un buon risultato installando il videoproiettore conviene seguire alcuni semplici criteri:
* Schermo: la superficie su cui avverrà la proiezione ha grande importanza per la qualità delle immagini. Non illudetevi che un muro bianco possa essere sufficiente: difficilmente l'intonaco è davvero bianco puro e le piccole impurità saranno altrettanti ostacoli a una visione omogenea. Se proprio volete risparmiare sullo schermo potete usare un grande foglio di cartoncino liscio.
* Distanza: partite dalla dimensione dello schermo che volete ottenere e usate le tabelle riportate nell'articolo di ogni proiettore per decidere la distanza dell'installazione. Di solito c'è un certo margine legato alla possibilità del proiettore di effettuare un po' di zoom.
* Installazione: la posizione ideale per un videoproiettore resta il montaggio sul soffitto. Quasi tutti i proiettori prevedono questa possibilità acquistando la staffa apposita e attivando la funzione che ribalta lo schermo. Altrimenti scegliete un piano orizzontale ben livellato alto quanto la base inferiore del riquadro che volete proiettare.
* Connessione: scegliete sempre il collegamento alla sorgente che offre la migliore qualità possibile. Il peggiore è il composito, seguito da VGA ed S-video, meglio il component, ideale il DVI.
Se il vostro proiettore dispone di una connessione di rete, come avviene con alcuni modelli professionali, magari wireless, potrete avvantaggiarvi della nuova funzione di Vista che ne automatizza la ricerca e la gestione. Basta avviare l'apposito strumento dal menu accessori ed eseguire la procedura guidata. Al termine apparirà la finestra “Presentazioni in rete” che potrà essere usata ogni volta che si vuole lanciare una presentazione. Con XP si poteva arrivare a un risultato simile solo servendosi di software aggiuntivo.

Regole per una presentazione efficace
- evitare la complessità
- essere concisi
- tenere qualche luce puntata su di sè: il relatore non deve scomparire nel buoi della sala ed essere assorbito dalle schermate
- muoversi dal podio (il motto è "siete voi il protagonista, non le diapositive")
- avete piena libertà di movimento usando un microfono a clip
- rivolgersi e coinvolgere il pubblico
- limitate la lunghezza del testo e le liste infinite
- evitare grafica pacchiana o a sproposito ed usare immagini di qualità, evitando le trite e ritrite clip art fornite insieme ai programmi
- attenzione infine alla leggibilità: i caratteri devono essere abbastanza grandi per essere leggibili anche dall'ultima file della sala, e il colore del testo deve contrastare molto con lo sfondo.

Avviare in maniera automatica una presentazione
"C:\Programmi\Microsoft Office\OFFICE11\POWERPNT.EXE" /s "percorso e nome file.ppt"

 

 

 

 

 

 

 


Tips su Access

Stampare le relazioni
Nelle versioni precedenti di Access non era prevista la possibilità di stampare la "Visualizzazione delle Relazioni" mentre Access 2002 vi permette di stamparla.
Per farlo vi basterà seguire queste istruzioni.
Per prima cosa dovete entrare nel menù "Strumenti/Relazioni".
Aprite la "Visualizzazione delle Relazioni".
Portatevi all'interno del menù "Stampa".
Infine selezionate "Stampa relazioni".
E' inoltre possibile salvare la pagina come un report per rielaborazioni successive.

Utilizzo delle query
Nei criteri possiamo inserire:
"nome" Or "nome" Or "nome"
oppure
"nome"
Voce Oppure: "nome"
                         "nome"

Operatori "And" e "Or"
Se si utilizza  "And", i dati non verranno recuperati a meno che non vengano soddisfatte tutte le condizioni. Si tratta di un operatore più restrittivo.
Se si utilizza "Or", i dati verranno recuperati nel caso in cui venga soddisfatta una qualsiasi condizione.

Caratteri jolly nelle query

Simbolo Descrizione Esempio
* (asterisco) Corrisponde a un numero qualsiasi di caratteri. Può essere utilizzato come primo o ultimo carattere nella stringa di caratteri no* trova nome, note, notare
? (punto interrogativo) Corrisponde a qualsiasi singolo carattere alfabetico b?llo trova ballo, bello, bollo, bullo
[ ] (parentesi quadre) Corrisponde a qualsiasi singolo carattere all'interno delle parentesi quadre b[ae]llo trova ballo e bello, ma non bollo
! (punto esclamativo) Corrisponde a qualsiasi carattere non incluso nelle parentesi quadre b[!ae]llo trova bollo e bullo, ma non ballo e bello
- (trattino) Corrisponde a uno qualsiasi dei caratteri di un intervallo. E' necessario specificare l'intervallo in ordine crescente (dalla A alla Z, non dalla Z alla A) b[a-c]d trova bad, bbd e bcd
# (cancelletto) Corrisponde a qualsiasi singolo carattere numerico 1#3 trova 103, 113 e 123

Altro utilizzo dei caratteri jolly nella query

Situazione Esempio
Alcuni clienti sono denominati "owners", mentre altri sono denominati "owners/operator"
Like "*owner" recupera "store owner" ma non "owner/operator"
Like "owner*" recupera "owner/operator" ma non "store owner"
Like "*owner*" recupera sia "owner/operator" e "store owner"
Like "owner*" oppure
Like "*owner*"
Durante l'immissione dei dati, il nome "Adrien" è stato immesso come "Adrian" Like "Adri?n"
Si desidera individuare i clienti il cui cognome inizia con lettere comprese tra A e H, ad esempio per l'invio di posta in grandi quantitativi Like "[a-h]*"
Si desidera individuare i codici che non hanno in comune solo la seconda e la terza cifra Like "R??083930"
Si desidera spedire gli inviti a una festa a tutti gli abitanti del blocco 1000 di Park Street Like "* Park Street"

 

Tipo Esempio Descrizione
Testo "amministratore" Consente di trovare tutti i record la cui posizione è "amministratore"
Numero 03 Consente di trovare tutti i corsi il cui numero di sezione è 3
Data #03/04/06# Consente di trovare tutte le date che corrispondono esattamente alla data del 03/04/06
Espressione con operatore a confronto <Now() Consente di utilizzare la funzione Now() per recuperare tutte le date precedenti alla data odierna.
Espressione con calcolo ([qtaricevuta])<
([qtacommissionata]-3)
Consente di utilizzare un calcolo nei criteri.

Operatori a confronto

= Uguale a
> Maggiore di
< Minore di
>= Maggiore o uguale a
<= Minore o uguale a
<> Diverso da
Between x and xx Compreso tra

Ricerca (query) sul form
[Forms]![Fatture]![Numero_Fattura]

Come resettare il contatore nelle tabelle con Microsoft Access
Quando vengono eliminati gli ultimi record in una tabella, il valore del campo Contatore (se presente) non viene aggiornato.
Ciò significa che, inserendo un nuovo record, la numerazione prosegue come se i record non fossero stati cancellati.
In questo modo possono generarsi dei "salti" nella numerazione.
Se si desidera che la numerazione sia progressiva e continua, è possibile resettare il contatore compattando il database.
Esempio: In una tabella vi sono 10 record: 1 ... 10. Cancello gli ultimi due record (9 e 10). Se inserisco un nuovo record ad esso verrà assegnato il n° 11 (non il numero 9).
Se invece compatto il database prima di inserire il nuovo record, al nuovo record verrà assegnato il n° 9.
Questo trucco vale solo se si cancellano gli ultimi record.
Se si cancella un record intermedio, rimarrà comunque il "salto" in corrispondenza del record cancellato.

Immagini nel database
In access XP/2003, quando imposto un campo come oggetto OLE per poter inserire in una maschera un'immagine diversa per ogni record, l'immagine appare come icona collegata al file e non vi è modo di visualizzarla nella maschera.
Per visualizzare un'immagine o un oggetto incorporato o collegato associato in una maschera o in report, è necessario creare una cornice di oggetto associato. Se tale operazione non è stata ancora eseguita, crei un campo in una tabella e imposti il tipo di dati del campo su Oggetto OLE in un db di Access, oppure su image in progetto di Access. Crei una maschera o un report oppure apra una maschera o un report esistente, che contiene nella relativa origine record la colonna di tipo image o il campo di tipo Oggetto OLE. nella visualizzazione struttura della maschera o del report, faccia clic sul pulsante Elenco CAMPI sulla barra degli strumenti per visualizzare l'elenco dei campi. A questo punto trascini la colonna di tipo image o il campo di tipo Oggetto OLE dall'elenco dei campi all'interno della maschera o del report. Verrà creata una cornice di oggetto associato, collegata alla colonna o al campo. Se il controllo è già stato creato tramite lo strumento cornice oggetto associato nella casella degli strumenti, è  possibile associare il controllo a un campo in un'origine record sottostante, impostando sul nome del campo la proprietà Origine controllo della cornice di oggetto associata.

Runtime di Access
Dal sito Microsoft si possono scaricare i file per il runtime:
http://download.microsoft.com/download/6/1/5/61545b52-cd1e-4ee9-be27-e0fe5e55d8ab/access2002-runtime-kb813617-client-enu.exe oppure qui

Dieci regole d'oro
Per ottenere buoni risultati durante la creazione di qualsiasi database, è importante tenere presenti dieci regole fondamentali:
1 - scriviamo su un foglio di carta, oppure tramite il Blocco Note di Windows, tutte le caratteristiche che il nostro database dovrà possedere e pianifichiamo le principali tabelle e le relazioni da creare tra loro.
2 - sullo stesso foglio, elenchiamo anche i dati che dovranno essere inseriti nel database. Per ciascuno segniamo anche la tipologia alla quale dovranno fare riferimento
3 - nelle tabelle, nel Nome Campo, non inseriamo spazi e schiviamo in maiuscolo la prima lettera di ogni parola. Ci consentirà di leggere più facilmente le varie intestazioni
4 - nelle tabelle in modalità Struttura inseriamo nella proprietà Etichetta del foglio Generale lo stesso testo usato in Nome campo. Qui possiamo scrivere anche con gli spazi.
5 - sulla base della pianificazione realizzata, creiamo nell'ordine tutte le tabelle principali e poi le tabelle secondarie.
6 - evitiamo la ripetizione dei dati. Se dei dati devono essere ripetuti, creiamo una tabella secondaria per contenerli.
7 - completata la realizzazione delle tabelle, verifichiamo le relazioni reciproche e inseriamo nelle tabelle principali tutti i riferimenti alle tabelle secondarie.
8 - creiamo una maschera per l'inserimento dei dati distinta per ognuna delle tabelle che dobbiamo riempire
9 - nelle maschere verifichiamo le intestazioni delle etichette dei campi risultino sempre leggibili e che non vengano tagliate dalle dimensioni troppo piccole dei vari elementi grafici inseriti.
10 - utilizziamo il più possibile gli strumenti di creazione automatica offerti da Access per la realizzazione delle query. In caso contrario saremo costretti a utilizzare l'impegnativo linguaggio SQL.

Chiudere una applicazione di Access con una macro
In Microsoft Access, esiste un oggetto che prende il nome di Macro. Esso racchiude tutta una serie di azioni che automatizzeranno una serie di operazioni per l'applicazione che si sta realizzando.
Con questo trucco imparerete, tra le tante azioni, a chiudere Microsoft Access.
L'azione da impostare è Esci, dichiarando l'Opzione salva su Salva tutto.
Dalla barra degli strumenti, salvare la macro e nominarla Chiudiapplic.
Uscire dall'ambiente macro e provare ad eseguire la macro creata.
L'effetto sarà che verrà chiuso l'ambiente di lavoro di Access, salvando le modifiche apportate.

Ordinare i record per Stampa Unione
Se state lavorando con un database (ad esempio Access), potreste aver bisogno di stampare piu' di un record contemporaneamente. Come fare? Con stampa unione. E per farlo occorre che essi siano ordinati.
I record possono essere ordinati in base ai campi contenuti nell'origine dati. Ad esempio, e' possibile metterli in ordine alfabetico in base al campo Cognome o in ordine cronologico secondo il campo Data Di Nascita, nel caso di un comune record di fatturazione clienti.
Aprite il documento principale contenente i codici dei campi unione e visualizzate la barra degli strumenti Stampa Unione. se non l'avete gia' fatto aprite il menu Visualizza, quindi Barre degli Strumenti e scegliete Database.
Cliccate ora sullo strumento Prepara Stampa Unione. Nel riquadro unisci i dati al documento selezionate il pulsante Opzioni Query.
Selezionate la scheda Ordina i Record, quindi selezionate l'elenco Ordina Per. Detto in altro modo, si aprira' l'elenco dei campi disponibili. selezionate regione per selezionare il campo in base al quale ordinare i record . Il campo sara' visualizzato nella casella Ordina Per
Ora selezionate il campo in base al quale si desiderano ordinare i record. Potete fare clic su Crescente per selezionare il tipo di ordinamento voluto. Dopo aver letto il fondo pagina fate clic su Ok Si chiudera' la finestra di dialogo Opzioni Query e i record saranno ordinati secondo le vostre preferenze.

Utilizzare i caratteri jolly per la ricerca
Se utilizzate le funzioni di ricerca di Access, potete selezionare solo alcuni campi oppure solo alcuni basati su un determinato valore. Per fare questo potete utilizzare i cosidetti caratteri jolly * e ?. Esempoio pratico: se volete trovare tutti i valori che comprendono le parole Cavaliere o Cavalieri, potrete usare la parola Cavalier?. Il jolly ? riesce a sostituire un solo carattere di qualsiasi tipo, mentre l'asterisco (*) sostituisce un qualsiasi numero di caratteri. Access solitamente quando si utilizzano i caratteri jolly, precede il criterio con l'operatore Lik onde evitare di trovare valori uguali.

Filtri
Filtro tra intervallo: >=[schede]![ricerca articoli]![da COD_MATERIA] And <=[schede]![ricerca articoli]![a COD_MATERIA]
Filtro su richiesta: Like [Domanda da fare?] & "*"

Operatori utilizzabili

Operatori aritmetici

Esempio Significato
+ Somma, addizione, più Retribuzione + Premio Esegui l'addizione fra i due campi
- Differenza, sottrazione, meno (Retribuzione + Premio) - Trattenute Sottrai dalla somma 
* Prodotto, moltiplicazione, per Prezzo * quantità Moltiplica il prezzo per qualità
/ frazione, divisione, diviso Prezzo unitario /100 * 20 Dividi il campo prezzo unitario per 100 e moltiplica per 20 (si ottiene il 20%)
Operatori di confronto Esempio Significato
< Minore di  Importo < 1000 Il campo importo deve essere minore di 1000
> Maggiore di Importo > 500 Il campo importo deve essere maggiore di 500
<> Diverso da Quantità <> Giacenza Il campo quantità deve essere diverso dal campo giacenza
<= Minore o uguale a DataNascita <= DataOdierna La data di nascita deve essere minore o uguale alla data odierna
>= Maggiore o uguale DataOdierna >= DataAssunzione Data Odierna deve maggiore o uguale alla dataAssunzione
Operatori Logici Esempi di operazioni possibili Significato
AND Prodotto, e DataAssunzione >= #01/01/2002#
AND
DataAssunzione <= #30/06/2002#
Dta assunzione deve essere compreso fra 01/01/2002 e il 30/06/2002 (maggiore o uguale a 01/01/2002 e CONTEMPORANEAMENTE minore o guale al 30/06/2002
OR Somma, oppure Titolo = "dott" OR Titolo = "Arch" OR Titolo = "Prof" Il campo titolo deve essere uguale ad almeno uno dei valori indicati

Proteggere il database 
Per accedere ai comandi relativi all'imposizione di password e di cifratura del database, andare nel menu 'Strumenti' -> Sicurezza' e quindi effettuare la scelta desiderata. L'impostazione della PASSWORD dà origine ad una finestra di dialogo che effettuerà la convalida ad ogni apertura del database protetto.
L'opzione CIFRATURA riscrive completamente il database in formato cifrato sostituendolo alla versione preesistente. Le altre funzioni di protezione richiedono che i gruppi di lavoro e gli utenti siano stati preventivamente definiti con il programma "Access Workgroup Administrator"

Filtrare i record di una maschera
In MS Access, alcune volte si presenta il problema di dover filtrare i record attraverso una maschera. Il trucco è quello di selezionare il contenuto di una delle caselle di testo presenti sulla maschera, ovviamente quando quest'ultima è aperta in modalità Visualizzazione maschera; subito l'operazione di selezione basta premere il pulsante sulla barra degli strumenti Filtra in base a selezione. Alla fine la maschera aperta mostrerà tutti i record che soddisferanno il criterio di selezione. Al termine di questa procedura è possibile salvare il risultato come oggetto query, selezionando dal menu Record la voce Ordinamento/Filtro Avanzato.Sarà mostrato a video la struttura della query creata e premere il pulsante Salva dalla barra degli strumenti per assegnare un nome alla query.

8 regole importanti durante la creazione di qualsiasi database
1) Nelle tabelle, nel Nome Campo, EVITIAMO l'inserimento di spazi e scriviamo in maiuscolo la prima lettera di ogni parola. Ci consentirà più facilmente le varie intestazioni. Se vogliamo mettere per forza gli spazi, sostituiamoli con il simbolo di sottolineatura (underscore) "_".
2) Nelle tabelle in modalità Struttura, anche se non è obbligatori, scriviamo nella proprietà Etichetta del foglio Generale lo stesso testo inserito in Nome Campo eventualmente senza maiuscole e con gli spazi.
3) Creiamo  nell'ordine tutte le tabelle principali, poi le tabelle secondarie.
4) Evitiamo quanto più possibile la ripetizione dei dati. Ogni volta che ci accorgiamo che dei dati devono essere ripetuti, creiamo una tabella secondaria che possa contenerli.
5) Completata la realizzazione delle tabelle, verifichiamo le relazione reciproche e inseriamo e inseriamo nelle tabelle principali tutti i riferimenti a quelle secondarie.
6) Creiamo una maschera distinta per ognuna delle nostre tabelle.
7) Nelle maschere verifichiamo che le intestazioni delle etichette dei campi risultino sempre leggibili e anche non vengano tagliate.
8) Utilizziamo il più possibile gli strumenti di creazione offerti da Access 2002 per la realizzazione delle Query. In caso contrario saremo costretti ad utilizzare il linguaggio SQL.

ACCESS - Stampare la mappa delle relazioni
In Access 2002, è possibile stampare le relazioni create. Dal Menu STRUMENTI - Relazioni aprite la tavola delle relazioni. Poi da File - Stampa, cercare Stampa Relazioni. E' anche possibile salvare la pagina come un report per rielaborazione successiva.

Licenza persa in Access (leggi articolo)
Dopo aver installato Access 2000 si è deciso di tornare ad Access 97 per motivi di compatibilità, ma quando si apre il programma, compare il messaggio di errore: "Impossibile avviare Access perchè non si dispone della licenza". Ovviamente la licenza di Access 97 è valida, ma non si riesce a far partire il programma.
In alcuni casi il programma di installazione si dimentica di inserire la chiave nel registro di configurazione. Il risultato è che compare il predetto messaggio di errore e il programma non parte. Al sito http://www.microsoft.com/downloads si trova uno strumento chiamato ACLINCN97.EXE che ripristina la chiave corretta in HKEY_CLASS_ROOT\LICENSES.

Database di dvd
le informazioni di base potrebbero essere queste:
- Titolo
- Locandina film
- Produzione (es: USA, ITALIA, FRANCIA, ecc..)
- Anno
- Durata
- Genere
- Video (es: 16x9 1.85:1, ecc.)
- Audio (es: Dolby Digital 5.1 ita, ing ecc.)
- Sottotitoli
- Riconoscimenti
- Contenuti speciali
- Trama
- Interpreti *
- Regia
* andrebbe bene un solo campo per memorizzare tutti i componenti del cast, magari separati da una virgola, boh?
che se devi memorizzare i componenti del cast seguirai questo procedimento:
1) crei una tabella "attori" con id, nome, cognome, sito (e tutti i dati che ci vuoi mettere)
2) Inserisci i vari attori e relative info nella tabella
3) Crei una tabella "cast" con i campi id, dvd, attore
id è autoincrement e si incrementa automaticamente ad ogni nuovo inserimento
dvd contine l'id del dvd in questione
attore contiene l'id dell'attore
In pratica ogni riga associa un attore ad un dvd ed ovviamente potrai associare un attore a più dvd e ad un dvd potrai associare più attori.
Il procedimento è simile anche per gli altri dati.
Questo è il dump del database su cui ho iniziato a provare la struttura delle tabelle. Mancano ancora diversi campi per le varie tabelle e, cosa "molto" importante, non sono riuscito ancora a realizzare nulla di concreto per la memorizzazione degli interpreti. Non ho compreso bene il "sistema" per assegnare ad un film più attori.

code:
-- phpMyAdmin SQL Dump
-- version 2.6.1-rc2
-- http://www.phpmyadmin.net
--
-- Host: localhost
-- Generato il: 07 Nov, 2005 at 04:40 PM
-- Versione MySQL: 4.1.9
-- Versione PHP: 5.0.3
--
-- Database: `mydvd`
--

-- --------------------------------------------------------

--
-- Struttura della tabella `dvd_dati`
--

CREATE TABLE dvd_dati (
id_dvd int(10) NOT NULL auto_increment,
titolo varchar(100) NOT NULL default '',
id_locandina int(10) NOT NULL default '0',
id_genere int(10) NOT NULL default '0',
nazione varchar(50) NOT NULL default '',
anno year(4) NOT NULL default '0000',
id_regia int(10) unsigned NOT NULL default '0',
trama text NOT NULL,
PRIMARY KEY (id_dvd),
FULLTEXT KEY titolo (titolo),
FULLTEXT KEY trama (trama)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1 COMMENT='Anagrafica dvd' AUTO_INCREMENT=3 ;

-- --------------------------------------------------------

--
-- Struttura della tabella `generi`
--

CREATE TABLE generi (
id_genere int(10) NOT NULL auto_increment,
descrizione varchar(50) NOT NULL default '',
PRIMARY KEY (id_genere),
UNIQUE KEY descrizione (descrizione)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1 AUTO_INCREMENT=14 ;

-- --------------------------------------------------------

--
-- Struttura della tabella `locandine`
--

CREATE TABLE locandine (
id_locandina int(10) NOT NULL auto_increment,
immagine varchar(100) NOT NULL default '',
PRIMARY KEY (id_locandina)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1 AUTO_INCREMENT=3 ;

-- --------------------------------------------------------

--
-- Struttura della tabella `registi`
--

CREATE TABLE registi (
id_regista int(10) NOT NULL default '0',
cognome varchar(50) NOT NULL default '',
nome varchar(50) NOT NULL default '',
PRIMARY KEY (id_regista)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1;


Scusatemi se rispondo in ritardo... prima di tutto voglio ringraziarvi per la grande disponibilità e per tutti i validi consigli che mi avete dato finora.

Vi ripropongo di nuovo il dump del database che, seguendo le indicazioni di mecganass, ho modificato in questo modo:

code:-- phpMyAdmin SQL Dump
-- version 2.6.1-rc2
-- http://www.phpmyadmin.net
--
-- Host: localhost
-- Generato il: 09 Nov, 2005 at 08:16 AM
-- Versione MySQL: 4.1.9
-- Versione PHP: 5.0.3
--
-- Database: `mydvd`
--

-- --------------------------------------------------------

--
-- Struttura della tabella `attori`
--

CREATE TABLE attori (
id int(10) NOT NULL auto_increment,
cognome varchar(50) NOT NULL default '',
nome varchar(50) NOT NULL default '',
PRIMARY KEY (id)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1 COMMENT='Anagrafica attori';

-- --------------------------------------------------------

--
-- Struttura della tabella `cast`
--

CREATE TABLE cast (
id_dvd int(10) NOT NULL default '0',
id_attore int(10) NOT NULL default '0',
KEY id_attore (id_attore)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1;
-- --------------------------------------------------------
--
-- Struttura della tabella `dvd`
--
CREATE TABLE dvd (
id_dvd int(10) NOT NULL auto_increment,
titolo varchar(100) NOT NULL default '',
locandina varchar(100) NOT NULL default 'no_image.gif',
id_genere int(10) NOT NULL default '0',
nazione varchar(50) NOT NULL default '',
anno year(4) NOT NULL default '0000',
trama text NOT NULL,
PRIMARY KEY (id_dvd),
FULLTEXT KEY titolo (titolo),
FULLTEXT KEY trama (trama)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1 COMMENT='Anagrafica dvd';
-- --------------------------------------------------------
--
-- Struttura della tabella `genere`
--
CREATE TABLE genere (
id int(10) NOT NULL auto_increment,
descrizione varchar(50) NOT NULL default '',
PRIMARY KEY (id),
UNIQUE KEY descrizione (descrizione)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1;

-- --------------------------------------------------------
--
-- Struttura della tabella `regia`
--
CREATE TABLE regia (
id_dvd int(10) NOT NULL default '0',
id_regista int(10) NOT NULL default '0',
KEY id_regista (id_regista)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1;
-- --------------------------------------------------------
--
-- Struttura della tabella `registi`
--
CREATE TABLE registi (
id int(10) NOT NULL auto_increment,
cognome varchar(50) NOT NULL default '',
nome varchar(50) NOT NULL default '',
PRIMARY KEY (id)
) ENGINE=MyISAM DEFAULT CHARSET=latin1 COMMENT='Anagrafica registi';
I dati, attualmente, ho provato ad inserirli tramite phpmyadmin senza riscontrare eccessivi problemi.
La difficoltà a cui non riesco a far fronte in nessun modo sta nel "RECUPERARE" tutti questi benedetti dati!!!
In pratica riesco solo a visualizzarne una parte, quelli cioè con relazione 1:1 (fatta eccezione per i dati della tabella "genere"). Ora vi mostro le query che sto usando nei due file interessati: index.php e view.php.
Nel file index.php ho scelto, per adesso, di mostrare solo alcuni dati e ci sono riuscito senza difficoltà. Questa è la banalissima query:
SELECT
id_dvd, titolo, locandina, anno
FROM
dvd
Nel file view.php invece non riesco ASSOLUTAMENTE a risolvere il problema di recuperare e mostrare tutti i dati collegati ad un dvd specifico. In questo file passo, attraverso $_GET ($id = $_GET['id']), l'id del dvd e lo utilizzo per la query:
code:SELECT
dvd.id_dvd, dvd.titolo, dvd.locandina, dvd.id_genere,
dvd.nazione, dvd.anno, dvd.trama,
genere.id, genere.descrizione
FROM
dvd, genere
WHERE
dvd.id_dvd = '$id'
AND
genere.id = dvd.id_genere
La query funziona, riesco a visualizzare correttamente i dati dai "soli campi selezionati".

 

 

 

 

 

 


 Tips su Notepad

Piè di Pagine in Blocco note
&f  = nome file corrente (o "senza nome" se non lo avete rinominato)
&p = numeri di pagina
&t = ora corrente del sistema
&d = data corrente del sistema
&l = allinemento a sinistra
&c = allineamento centrato
&r = allineamento a destra
Se dovete aggiungere la & commerciale, digitate &&

 

 

 


Open Office

Dizionari per Openoffice: http://www.ooodocs.org/ditinstall

 

 


FrontPage

L’effetto rollover
Quando aggiungete un effetto rollover ad un link in FrontPage, il suo aspetto cambia se il mouse si ferma su di esso.
Per creare questo effetto, cliccate sul documento con il tasto destro del mouse e selezionate "Page Properties"
Cliccate sul tab "Background" e spuntate la voce "Enable hyperlink rollover effects".
Premete il pulsante "Rollover style" e decidete come volete far apparire il testo.
Per vedere l'effetto, infine, selezionate "Preview" e muovete il puntatore del mouse sul link.