Pronto Soccorso
I suggerimenti sono stati presi da siti web
perciò ogni diritto rimane al legittimo proprietario.


 

Cassetta di pronto soccorso
Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non sono riferibili né a prescrizioni né a consigli medici
La cassetta di pronto soccorso raccoglie il materiale che è necessario ad un primo sommario trattamento di un infortunato, detto primo soccorso.
Un minimo di attrezzatura per il primo soccorso è indispensabile in casa, in garage, nell'automobile e dovunque si svolge un'attività anche solo saltuariamente. Negli ambienti sportivi, le dotazioni sono regolate da precise normative.

Casa
L'attrezzatura contenuta nella cassetta di pronto soccorso (in casa, spesso denominato armadietto di pronto soccorso) è varia e dipende dal tipo di rischio prevalente, dal numero di persone presenti e dal tipo di soccorso che può essere necessario prestare. In un miniappartamento in zona sciistica è opportuno che vi siano stecche e materiale per immobilizzare un arto fratturato, in presenza di bambini sono utili cerotti di ogni dimensione, etc.
Se si tengono medicinali, aghi o altri oggetti pericolosi, l'armadietto deve essere chiuso a chiave per evitare incidenti ai bambini. I medicinali hanno una validità limitata, sostituirli entro la data di scadenza. Non conservare mai nell'armadietto di pronto soccorso avanzi di terapie che necessitano di prescrizione medica, ma soltanto farmaci di automedicazione. In caso di dubbio, chiedere consiglio al proprio medico curante.

Autovettura
Nell'autovettura esistono delle dotazioni inerenti la sicurezza che sono già obbligatorie, quali il triangolo di segnalazione catarifrangente e il gilet ad alta visibilità con bande riflettenti. Nessuna prescrizione c'è al momento in Italia, ma sono vivamente consigliabili almeno:

Aziende
Il possesso e il mantenimento della dotazione della cassetta nelle aziende fa parte delle responsabilità del datore di lavoro. La Legge prevede una classificazione delle aziende in base ai rischi, assegnando in base alla classe l'obbligo di un minimo di ore di formazione relativa al primo soccorso e il possesso di una dotazione minima, prevista in due differenti tipologie.

Cassetta aziendale

Pacchetto di medicazione

Collegamenti esterni

Cassetta di Pronto Soccorso Tabella 'D' Contenuto della Cassetta

Dotazioni di Sicurezza - Unità da diporto
Cassetta Medicinali a bordo
Elenco medicinali da tenere a bordo delle unità da diporto (senza equipaggio della gente di mare a bordo)

La dotazione di medicinali MINIMA da tenere a bordo delle imbarcazioni da diporto (quando la navigazione si svolge ad una distanza dalla costa maggiore alle 12 MIGLIA ) é stabilita dal Decreto del Ministero della Sanità n.279 del 25 maggio 1988 (G.U. n.170 del 21.7.1988 - tab. D). I medicinali devono essere conservati in una cassetta di pronto soccorso costruita con materiale rigido, a chiusura stagna, facilmente asportabile e galleggiante.

• Disinfettante a base di ammonio quaternario: un flacone da 250 cc
• Ammoniaca: 1 flacone;
• Cerotto adesivo: una confezione;
• Cerotto medicato: una confezione;
• Cotone idrofilo: un pacco da 250 gr.;
• Forbice comune: una;
• Garza idrofila compressa: una confezione;
• Garza vasellinata compressa: una confezione;
• Laccio emostatico: uno;
• Stecche per fratture: una.

Elenco medicinali da tenere a bordo delle unità adibite al noleggio (in quest'attività l'equipaggio é formato da personale professionale)

• Disinfettante a base di ammonio quaternario: un flacone da 250 cc
• Ammoniaca: 1 flacone;
• Cerotto adesivo: una confezione;
• Cerotto medicato: una confezione;
• Cotone idrofilo: un pacco da 250 gr.;
• Forbice comune: una;
• Garza idrofila compressa: una confezione;
• Garza vasellinata compressa: una confezione;
• Laccio emostatico: uno;
• Stecche per fratture: una

1) Analgesici - Antipiretici - Antireumatici
• A base di acido acetilsalicilico: compresse da 500 gr. gastroresistenti, n.20
• A base di derivati pirazolinici compresse n.10, gocce, flaconi n.1

2) Analgesici - Antispastici
• Discoidi 10 mg.: n.20
• Fiale: n. 3

3) Antiemorragici
• A base di tranexanico: fiale da 5 ml

4) Antistaminici - Antiallergici - Antishock
• A base di desclorfeniramina maleato: compresse 2 mg n.30
• A base di metilprednisolone: fiale da 20 mg. n.1 scatola 

5) Collirio a base di ossibuprocaina: flacone con contagocce da 20 ml n.1 

6) Gocce antiodontalgiche (mal di denti): flacone o fialette, n.1 

7) Unguento
• A base di prometazina: crema o pomata 2% tubetti, n.1
• Contro ustioni: spray da 100 g flacone o tubetti pomata da 30 gr. 

8) Disinfettanti liquidi per uso esterno 

9) Acqua ossigenata a 12 volumi: g.100 

10) Tintura di iodio: g.50 

11) Bende di mussola idrofila: confezioni di varie misure n.2 

12) Manuale di pronto soccorso 

13) Pacchetti sterili di medicazione di varie misure, n.2 

14) Siringhe monouso da cc. 5 (n.2) e da cc. 10 n.2 

15) Termometro clinico

I requisiti fondamentali per la cassetta sono:

Dare un consiglio sui farmaci necessari non è semplice, soprattutto in considerazione delle conoscenze farmacologiche dei singoli individui; inoltre per ogni molecola esistono diversi nomi commerciali, per cui di seguito si consiglieranno alcune medicine citando sia il principio attivo, che il nome commerciale, un breve cenno sull'uso della tipologia dei farmaci e la loro posologia.
La presente pagina vuole essere solo un suggerimento, ricordo che ci sono moltissimi farmaci per lo stesso scopo e che ogni medico consiglia in base alla sua esperienza personale ed alla scuola di appartenenza, per cui prima di comprare i medicinali, parlatene al vostro medico curante ed attenetevi scrupolosamente ai suoi consigli.
Tutti i farmaci devono essere prescritti dal proprio medico, accertatevi delle allergie ed intolleranze varie, compatibilità con i farmaci che eventualmente state assumendo

ANTIBIOTICI

Servono a combattere le infezioni batteriche. Quando compare un'infezione è luogo comune pensare che ci sia anche la febbre; bhe non è sempre vero, anche se è un buon campanello d'allarme.
L'ideale sarebbe un antibiotico che andrebbe bene un po' per tutto.
Dalla ferita profonda, alla frattura esposta, per bronchiti, faringiti, cistiti, diarrea viaggiatore, otiti.
Non esiste un solo antibiotico che va bene per tutto da assumersi per via orale, per cui io di solito mi porto un antibiotico per gruppo:FERITE E VARIE:
Augmentin (Amoxicillina + Acido Clavulanico) 1gr. esiste in compresse, bustine, sospensione orale. Posologia : 1gr. due volte al di (ogni 12h) per 8gg per ferite e tagli importanti, ustioni 2°-3°, 1gr 3 volte al giorno se fratture esposte (in questo caso meglio aggiungere un altro antibiotico, vedi sotto, e porre fine al viaggio) fino al ricovero ospedaliero
Può essere usato che per bambini, da preferire la sospensione orale da somministrare a seconda del peso.BRONCHITI, FARINGITI, OTITE:
Klacid (Claritromicina) . Per dolori all'orecchio, tosse protratta con muco o secca, mal di gola e le vostre tonsille sono piuttosto grosse e rosse, magari tempestate da placche biancastre.
Esiste in compresse da 250 mg o 500mg, bustine, sospensione orale per bimbi (125/250mg). Posologia 250mg due volte al giorno (ogni 12h) per 10gg se infezione grave apparato respiratorio 500 mg due volte di (per bimbi a seconda del peso) CISTITI, INFEZIONI VIE URINARIE.
Tavanic (Levofloxacina) compresse da 250 mg, 500mg. Posologia 250mg una volta al die per 7gg,
Ciproxin (Ciprofloxacina) compresse da 250mg, 500mg , posologia 250mg due volte al die per 7-10gg.
Se urinate spesso, talvolta con bruciore (ma non sempre), ci possono anche essere tracce di sangue (cistite emorragica) ed urine maleodoranti, molto probabilmente avete un infezione delle vie urinarie o della vescica, oltre che bere molto, è utile l'antibiotico.
Ma sappiate che talvolta le cistiti sono asintomatiche
Questi due antibiotici sono utili anche in corso di frattura esposta, da aggiungere al primo in elenco, (vedi sopra)
Entrambi gli antibiotici sono utili anche per le infezioni dell'apparato respiratorio ma, personalmente preferisco usare il Klacid.
Non somministrare ai bimbi nessuno dei due ma per infezioni apparato urinario:
Monuril ped 2g. (Fsfomicina Trametamolo) una sola somministrazione al giorno DIARREA VIAGGIATORE
Rifacol ( Rifaximina ) compresse da 200mg, flacone sospensione orale per bimbi. Posologia, 1cp ogni 6 ore se oltre 12anni, da 6 a 12 anni 1/2 cp ogni 6 ore, inferiore 12anni 1 misurino di sospensione ogni 6 ore.

ANTINFIAMMATORI, ANTIDOLORIFICI, ANTIPIERETICI

Tre categorie di farmaci con tre scopi diversi e uno in comune, sono tutti antidolorifici, mentre l'effetto antipiretico è variabile

Gli antipiretici puri per la febbre: Tachipirina, Efferalgan, (Paracetamolo) 500 mg 3-4 volte, utile anche come antidolorifico, per adulti almeno 1g (esistono compresse effervescenti di 1grammo) di paracetamolo tre volte al di. Non ha effetto antinfiammatorio.
Antinfiammatori: sono i cosidetti FANS che chiunque possiede in casa, da usare associato all'antibiotico per le infezioni come otiti, bronchiti, faringiti, sindromi similinfluenzali e da raffreddamento,per dolori muscoloscheletrici.
Esistono diverse specialità, con diverse formulazioni. Le fiale possono essere assunte sublinguali per avere una pronta efficacia, sono tutti antidolorifici ma non con ugual efficacia, da assumersi a stomaco pieno. Solo alcuni nomi come esempi : Tora-Dol (ketoralac trometamina), Oki (ketoprofene sale di lisina), Brufen (ibufrene), Voltaren (diflochenac sodico) Nimesulide
Antidolorifici puri : per dolore severo/grave: puntura scorpione, frattura, grave distorsione non sono antiinfiammatori: Coefferalgan, Tachidol ( codeina+paracetamolo) 1cp o bustina 4 volte al die, si può associare un antinfiammatorio, Contramal, Prontalgin 50(tramadolo) esistono in cp in fiale e gocce, queste ultime sono molto utili e facili da dosare, di solito 20 gocce 3 volte al di.
Novalgina (noramidopirina metansolfonato sodico) sia in compresse, gocce, sospensione , utilissimo negli stati dolorosi acuti (esempio: mal di denti). Posologia: 20-40 gocce per adulti e 15 gogge per bambini 5-15anni 3 volte al giorno.
Non sono antinfiammatori.
Utile un farmaco per ogni classe, da somministrarsi nel caso più appropriato.

ANTISTAMINICI

Sono farmaci da somministrare quando sussiste uno stato allergico, conosciuti bene dagli allergici.
Anche per questi farmaci esistono diverse formulazioni e forse l'utilità per chi non ha alcuna patologia in corso e limitata, soprattutto per il fatto dell'autodiagnosi.
Utile, potrebbe essere una pomata antistaminica tipo Polaramin crema (desclorfeniramina maleato) o Tinset gel (oxatomide idrato) per gli stati pruriginosi, eritemi solari, punture d'insetto

APPARATO GASTROENTERICO

-ANTIEMETICI
Plasil (metoclopramide monocloridrato monoidrato) e Zofran(ondasetron ) sono da usarsi come antivomito e antinausea, anche in questo caso esistono diverse formulazioni comprese le fiale intramuscolo e le supposte.
Sono farmaci sintomatici, cioè curano il sintomo e non la causa, per cui domandatevi il perché si sta vomitando
-ANTIACIDO ORALE
Maalox plus comp/sosp (magnesio idrossido), Gastrogel (sucralfato gel), Riopan gel (magaldtrato gel) da usarsi in caso di iperacidità, esofagite da reflusso, gastrite da FANS
-LATTOBACILLI
lacteol forte (lactobacillus acidophilus), utile per prevenire la diarrea del viaggiatore
-ANTIEMORROIDARI
Proctolyn (fluocilonone acetonalide+ chetocaina cloroidrato) disponibile sia in crema con apposito applicatore o in supposte
-ANTIDIARROICI
Imodium, dissenten (loperamide cloridato) da usarsi solo per attacchi diarroici protratti, in associazione con antibiotico . posologia 2cp in unica soluzione, quindi 1 ad ogni attacco.
Il farmaco è piuttosto pericoloso, per cui non abusatene
ANTISPASTICI
Sono farmaci da usarsi quando compaiono le coliche, sia renali che addominali, conosciuti bene da chi soffre da tale disturbo: Buscopan (N-butilbromuro di Joscina), Rilaten (rociverina) , disponibili in compresse, supposte e fiale, per gli stati acuti e particolarmente dolorosi utile la somministrazione sublinguale della fiala.

ANTIPERTENSIVO
E' legato al fatto che la puntura di scorpione può causare una crisi ipertensiva, utile sarà, nifedicor gocce ( nifedipina) 20 gocce sublinguali o il catapresan fiale (clonidina cloridrato) 1fl da assumersi sublinguale o intramuscolo accertatevi che state vivendo una crisi ipertensiva, non datelo come dato di fatto inseguito alla puntura da scorpione, per cui sarà necessario uno sfingomanometro per la misurazione della pressione arteriosa .

GOCCE OTOLOGICHE

Si usano in caso di otite, da associare all'antibiotico per via orale: Anauran gocce ( neomicina solfato ) 4-5 gocce 3 volte al die per adulti e 2-3 gocce per bimbi per 3 volte al giorno, o il Tobral oto(tobramicina) 4 gocce per 3 volte al die per 5gg.

COLLIRI

Contenenti antibiotico, da usarsi n caso di infezione localizzata: Tobral coll (tobraminicina), colbiocin coll ( cloramfenicolo, colistimetato, rolitetracilcina) 3-4 gocce in caso di infezioni oculari esterne, congiuntivite catarrale
Imidazyl coll (nafazolina nitrato) 2gocce due volte al giorno negli stati infiammatori della congiuntiva caratterizzati da bruciore, iperlacrimazione, fotofobia, iperemia

ANSIOLITICI

Non si sa mai magari durante un viaggio c'è chi perde la calma, anche qui diverse tipologie in compresse o gocce, alcuni esempi: xanax cp 0.25mg (alprazolam) , prazene cp 20mg (prazepam) lexotan (bromazepam); la posologia è variabile a seconda della necessità, bhe il buon senso, il consiglio del curante e la lettura del bugiardino vi può aiutare.

CORTISONICI

Utili in caso di allergie, anche per altri scopi, ma ricordiamo l'autodiagnosi? L'orticaria potrebbe essere un'evenienza nota e facilmente riconoscibile : Bentelan fl 4 mg( betametasone disodio fosfato) 1fl intramuscolo o sublinguale, continuare la cura con le compresse da 0,5mg 3 volte al giorno sino alla risoluzione del quadro
Le pomate cortisoniche sono utili per punture d'insetti, stati pruriginosi della pelle.

FLUIDIFICANTI ORALI

Servono a rendere fluido il muco prodotto dall'apparato respiratorio durante le infezioni o infiammazione dello stesso Fluifort bust( carbocisteina sale di lisina monoidrato) 1 bustina al giorno
DISINFETTANTI LOCALI
Betadine (iodopovidone) per applicazioni locali su ferite, disinfettare i margini della ferita, lasciare agire almeno per 30 secondi, quindi rimuovere il disinfettante con altra garza sterile, coprire la ferita.
Altri disinfettanti sono: Acqua Ossigenata, Amuchina
VARIE

La presente lista è frutto dei consigli e suggerimenti raccolti nel forum Salute, Malattie e Vaccinazioni per il viaggiatore si ringraziano tutti coloro che hanno partecipato attivamente alle discussioni on line.

=====================================
ATTENZIONE

=====================================
In base al paese che visitate potreste avere dei problemi nel portare con voi determinati medicinali, ad esempio ci e' stato segnaleto che

il Coefferalgan contiene Codeina e nei paesi musulmani chi viene fermato alla dogana con sostanze medicinali derivate dall'oppio rischia seriamente molti anni di carcere duro.

E' raro che un doganiere vada ad ispezionare accuratamente la nostra borsa medicinali e ancora piu' raro che conosca i prodotti, se poi non sono nella confezione originale mi domando come possano capire cosa hanno in mano, comunque e' sempre meglio non correre rischi.
E' buona norma portare con se le prescrizioni mediche per medicinali specifici che potrebbero creare probelmi.
Anche delle semplici siringhe spesso insospettiscono i doganieri, anche se non abbiamo nulla da nascondere a volte una sosta obbligata di mezza giornata in dogana per contoli non e' sempre il massimo.

http://www.mclink.it/personal/MC7176/


L'armadietto dei medicinali
Dove sistemare l’armadietto e come conservarvi i farmaci?
Quali sono i farmaci che è opportuno tenere in casa?
E gli articoli sanitari e per medicazione da tenere nell'armadietto?
Quali farmaci è bene non avere in casa?
Cosa mettere in valigia prima di partire per un viaggio?
Cosa tenere in casa per la cura dei bambini?
Dove sistemare l’armadietto e come conservarvi i farmaci?
In casa è sempre utile tenere alcuni dei medicinali di automedicazione, acquistabili senza obbligo di ricetta medica. A questi possono aggiungersi farmaci prescritti dal medico per specifiche malattie che solo il curante può riconoscere. In ogni caso è opportuno essere prudenti nell'uso dei farmaci durante la gravidanza, l'allattamento e l'età pediatrica. Ma dove e come sistemare l’armadietto dei farmaci in casa? Ecco alcuni consigli utili:
- scegliere un luogo inaccessibile ai bambini, ben chiuso (con chiusura a prova di bambino) ma accessibile agli adulti; inoltre deve essere facilmente riconoscibile;
- posizionarlo in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla luce, dall’umidità e da fonti di calore: se lo si vuole sistemare in bagno o in cucina, è bene controllare che non ci sia troppa umidità;
- l’armadietto dei medicinali va tenuto in ordine: è importante ricordarsi di controllare regolarmente la scadenza dei prodotti ed eliminare le confezioni scadute, possibilmente sostituendole con quelle nuove;
- può essere utile tenere al suo interno l'elenco dei numeri telefonici di emergenza e delle farmacie di turno;
- è consigliabile conservare le medicine nella confezione originale, insieme al foglietto illustrativo, che può essere così consultato in caso di necessità: non travasare mai farmaci e altre sostanze potenzialmente pericolose in contenitori diversi da quelli originali;
- non lasciare in giro compresse, capsule o altri medicinali, soprattutto se senza scatola, per evitare pericolosi scambi. È bene ricordare che per un bambino ogni confetto colorato è una caramella.
In ogni caso, prima di assumere nuovamente farmaci prescritti in precedenza dal medico o consigliati da amici, è meglio consultare il medico o il farmacista. 
Quali sono i farmaci che è opportuno tenere in casa? 
Per organizzare un armadietto è importante fare un elenco di prodotti, medicinali e articoli sanitari, che non dovrebbero mai mancare. Questo elenco dovrà poi essere completato con i farmaci specifici che le condizioni di salute di ciascun componente della famiglia potrebbero richiedere. 
Di seguito riportiamo i farmaci che non dovrebbero mai mancare nell'armadietto di casa.
Per via orale:
- antiacido: acidità e bruciori di stomaco;
- antidiarroico: diarrea;
- antidolorifico (analgesico): mal di testa, mal di denti e simili;
- antipiretico: febbre;
- antispastico: dolori mestruali;
- antistaminico in compresse: allergie, eritemi e simili;
- carbone attivo: flatulenza;
- digestivo: difficoltà digestive;
- lassativo: stipsi;
- antitosse: tosse, soprattutto notturna.
Per via cutanea:
- antiemorroidario: prurito anale, ragadi e simili;
- pomata antistaminica: punture di insetto, prurito e simili;
- pomata cicatrizzante: piccole ferite;
- crema a base di ossido di zinco: arrossamenti cutanei;
- pomata per contusioni: lividi, strappi, contusioni;
- pomata o unguento per ustioni: ustioni superficiali;
- stick per punture: punture di api.
Per altre vie:
- collirio: arrossamenti oculari.
E gli articoli sanitari e per medicazione da tenere nell'armadietto? 
Alcuni prodotti sanitari e di medicazione non dovrebbero mai mancare nell’armadietto dei medicinali. Sarà comunque il farmacista a consigliare quelli che ritiene più idonei: 
acqua ossigenata;
disinfettante a base di cloro o iodio;
bende di garza orlata per fasciature (altezza media);
borsa per l’acqua calda;
borsa per il ghiaccio o ghiaccio istantaneo;
compresse di garza sterile;
cerotti medicati;
cotone idrofilo;
siringhe sterili;
termometro;
guanti monouso;
forbicine a punta arrotondata. 
Quali farmaci è bene non avere in casa?
Ci sono alcuni medicinali che è controindicato tenere in casa, ossia: 
- farmaci scaduti e/o deteriorati;
- medicinali sprovvisti dell'involucro e/o del foglietto illustrativo o quando non sia chiaramente visibile la data di scadenza;
- medicinali che si preparano in casa al momento dell'uso (devono essere consumati appena pronti eliminandone l'eventuale residuo);
- medicinali preparati dal farmacista su indicazione del medico, finita la cura, è bene che vengano buttati;
- colliri in confezione multidose e le pomate oftalmiche, una volta aperti, vanno consumati entro un mese e comunque conviene eliminarli finita la cura;
- medicinali di cui non si conoscono perfettamente le indicazioni.  
Cosa mettere in valigia prima di partire per un viaggio?
Quando si parte è utile portare con sé:
- farmaci che si usano abitualmente, nel quantitativo necessario per la durata del viaggio, con la relativa prescrizione medica;
- farmaci specifici per curare malattie originarie di alcuni paesi: è bene comunque chiedere consiglio al medico o al farmacista prima di partire;
- farmaci di automedicazione (antinfiammatori, antidiarroici, antistaminici);
- il modello E111 rilasciato dalla ASL che dà diritto, negli altri paesi europei, allo stesso trattamento sanitario dei residenti.  
Da ricordare che spesso il nome commerciale del farmaco è diverso nei vari paesi, perciò è consigliabile annotare il nome del principio attivo (riportato sulla confezione sotto il nome commerciale) e il dosaggio del farmaco che si usa in Italia (oppure chiedere al medico e al farmacista). 
È bene poi riporre nel bagaglio a mano i prodotti che potrebbero servire durante il viaggio, soprattutto se sarà un viaggio lungo. Se si viaggia in macchina è consigliabile aver cura di non lasciare la borsa dei farmaci esposta al sole per lungo tempo. Meglio usare borse refrigerate, soprattutto per i farmaci che richiedono rigorosamente determinate fasce di temperatura. 
Cosa è bene tenere in casa per la cura dei bambini? 
Molte mamme tendono a riempire l’armadietto di medicinali. In realtà i farmaci veramente indispensabili sono pochi e, in ogni caso, prima di somministrarli è necessario sempre consultare il pediatra: 
- i medicinali contro la febbre sono quelli più spesso utilizzati per i bambini: questi farmaci agiscono anche come antidolorifici, perciò bisogna usarli su indicazione del medico, così da non correre il rischio di mascherare un dolore che potrebbe essere la spia di malattie più gravi;
- lo stesso dicasi per i cosiddetti antispastici, utili contro il mal di pancia;
- può essere utile avere a disposizione qualche supposta di glicerina o i microclismi già pronti: con i bambini è sempre meglio non utilizzare i lassativi per bocca, che possono essere irritanti per la parete dell’intestino;
- soprattutto nei mesi invernali, è utile avere a disposizione uno sciroppo emolliente per la tosse, soprattutto se la tosse è persistente e disturba il sonno notturno;
- utili anche le gocce per il mal d’orecchio, in caso di otite, e le gocce decongestionanti per il naso;
- è bene tenere in casa un digestivo in forma effervescente che può facilitare la digestione e risolvere molti casi di vomito da acetone, frequente fino all’età scolare;
- consigliabili anche le pomate per traumi e contusioni che, usate tempestivamente, favoriscono il riassorbimento di contusioni ed ematomi;
- da non dimenticare un disinfettante che non bruci, garze e cerotti.
Ci sono poi alcuni comportamenti da evitare sempre, ovvero: 
non somministrare antibiotici di propria iniziativa anche se sono in casa e sono già stati usati in precedenza: chiedere sempre consiglio al pediatra;
non insistere nel cercare di curare in modo casalingo disturbi che non si risolvono in breve tempo;
è preferibile non applicare polveri cicatrizzanti su ferite, superficiali o meno. Queste formano una crosta difficilmente asportabile che favorisce le infezioni e rende difficile, in caso di bisogno, l’intervento del medico.
A cura del Centro Studi Comunicazione sul Farmaco
Università degli Studi di Milano
Testi di: Mara Sgroi, Valentina Fasciolo, Sally Mussetta, Valeria Di Giorgi Gerevini, farmacisti
Fonti:
- Associazione Provinciale Titolari di Farmacia, Bolzano. Medicine in casa: consigli del tuo farmacista sull’uso corretto e la conservazione dei farmaci.
- Ministero della Salute.