Software da installare su Server  Windows?
- Windows 2003 Server o successivo
- Web Server IIS ver. 6.0 o successivo
- Framework .NET 2.0
- FrontPage Extension ver. 2002
- FTP Server
- SMTP server
- NNTP server
- POP3 server
- Firewall integrato
Software da installare  su Server Linux?
- Una qualunque distribuzione di Linux
- Apache 2
- MySQL 5
- PostgreSQL (insieme o in alternativa a MySQL)
- PhpMyAdmin
- PHP 5
- Perl 5
- ProFTPD
- ClamAV
- Spamassassin
- Sendmail

La tua macchina diventa un server
Ottenuto un dominio con DNS dinamico chiunque in tutto il mondo potrà accedere ai servizi offerti dal tuo personal computer facendo riferimento al nome di dominio che da questo punto in avanti penseremo sia miopc.dyndns.org.

Il primo passo: il ping  
Senza dover installare nulla qualcosa già funziona: il ping.
Il ping invia un pacchetto all'indirizzo specificato, il quale ritorna poi indietro al mittente.
Al mittente vengono quindi mostrare informazioni sul tempo impiegato dal pacchetto per andare e tornare.
Quindi proviamo dal Prompt di MSDOS ad eseguire il comando:
ping miopc.dyndns.org
     (dove dovrete sostituire a miopc.dyndns.org il Vostro nome di dominio)
Analogamente chiunque nella rete eseguendo lo stesso comando invierà un pacchetto di dati al Vostro pc.
È da notare che già dietro questo semplice comportamento c'è l'utilizzo del DNS che effettuerà la conversione del nome in un indirizzo IP.

Hosting Multiple Domains with Apache and No-IP
http://www.no-ip.com/support/guides/web_servers/ - http://www.no-ip.com/support/guides/
Many people would like to host more than one website on their Apache server but think they can't because they only have one IP address. This guide will show you how to use the name-based virtual hosts feature of Apache in conjunction with No-IP Plus Managed DNS service to be able to do just that.
This guide is based on the assumption that your web server is already configured to answer to all requests for "yourdomainname.com." We will refer to this as your primary domain name; all other domain names will be referred to as "virtual hosts". If you don't already use Apache as your web server but would like to, you can refer to our existing guide "How to setup an Apache web server, Using your own domain name and No-IP Plus service." Please bear in mind that we are offering these guides for informational purposes only and are not responsible for offering technical support for Apache or any other third party software you may be using. There is documentation that ships with Apache that will more fully explain how to configure and use your software and you should refer to that for additional assistance with these concepts. Apache also has their documentation available online.
First, make a copy of your httpd.conf file for security reasons. If your Apache service fails to start with the modified file you can then use your backup to get the server up and running while you look for the error.
Open your httpd.conf file in a standard text editor and find 'Section 3: Virtual Hosts'. You should see something like this:
NameVirtualHost *
Edit this line by adding your servers "primary domain name" instead of the asterisk:
NameVirtualHost yourdomainname.com
Now, let's add our first virtual host:
Let's start by configuring your server to answer requests for "www.yourdomainname.com"; "www" in front of the domain name is also considered to be a virtual host or it can sometimes be referred to as a subdomain. This hostname is not configured automatically by Apache. It is good to comment your changes (the "#" symbol denotes a comment and is ignored by the Apache software), so you can debug problems or remember why you made certain changes at a later date.
Add the following code, customized for your own domain and document paths of course, to the httpd.conf file after the NameVirtualHost line:
############# YOURDOMAINNAME.COM ############
############# primary domain name ###########
ServerAdmin webmaster@yourdomainname.com # webmasters email address
DocumentRoot c:\www # root for your 'www' content
ServerName yourdomainname.com # your full domain name
ServerAlias www.yourdomain.com # the 'www' virtual host
ErrorLog c:\www\error_log # error log file
TransferLog c:\www\access_log # access log file
Before you edit your server file locally, make sure that you have already added these new domain names to your No-IP Plus account. Note that when you register or add a new domain name to your No-IP account, it may take sometime for the new domain name to be propagated to the web (24 to 48 hours is typical).
In order to add these additional virtual hosts, simply insert them into your httpd.conf file below the code we created in the first example.
############# SOMEOTHERNAME.COM ############
ServerAdmin webmaster@someothername.com
DocumentRoot c:\www\someothername\www
ServerName someothername.com
ServerAlias www.someothername.com
ErrorLog c:\www\someothername\logs\error_log
TransferLog c:\www\someothername\logs\access_log
To add the third domain name, just continue as illustrated below.
############# THIRDDOMAINNAME.COM ############
ServerAdmin webmaster@thirddomainname.com
DocumentRoot c:\www\thirddomainname\www
ServerName thirddomainname.com
ServerAlias www.thirddomainname.com
ErrorLog c:\www\thirddomainname\logs\error_log
TransferLog c:\www\thirddomainname\logs\access_log
Save your new httpd.conf file and restart Apache. Please make sure that the disk paths to your content are correct. If they're not it could cause your pages not to be displayed or even prevent the Apache server from starting up normally. If everything's fine, you should be able to access your 'www' content by typing www.yourdomainname.com in your url field. It's always a good idea to save the httpd.conf file often and restart your server to make sure that the new config file is accepted by the server without errors.
To add virtual hosts or domain names, just create additional virtual host entries in your httpd.conf file based on the examples above.

Il web server (http server)
Il web server è un servizio che è disponibile sull'indirizzo di porta numero 80, e più raramente sulla 8080.
In rete sono disponibili molti web server gratuiti, ma addirittura nel cdrom di installazione di Windows® 98 è presente l'installazione di Microsoft® Personal Web Server (in \add-ons\pws\setup.exe).
Una scelta professionale è Apache, che è sicuramente il più famoso sicuro e completo http server in circolazione, disponibile anche in versione per piattaforme Windows®, ed oltretutto di pubblico dominio (viene distribuito gratuitamente anche il codice sorgente).
Molti di questi server offrono molteplici e complesse possibilità di espansione e di configurazione.
Un primo passo può essere quello di provarne uno semplice da installare e da configurare, per iniziare ad imparare, e poi successivamente passare ad altri più complessi.
Una volta che si è installato uno dei web server basta collegarsi con il proprio browser all'indirizzo
http://Localhost
per accedere, attraverso il web server, alle pagine html dal proprio pc.
Il più semplice da installare e da utilizzare è senza dubbio AnalogX SimpleServer:WWW.
Per utilizzare questo programma, il cui file di installazione è di soli 300K, è sufficiente inserire nella cartella scelta il contenuto del sito ed attivare il server. Supporta anche MIME, CGI e connessioni multiple.
Anche TinyWeb server è facile da utilizzare, supporta i CGI, ed il suo download è di appena 120 K.
Il programma viene lanciato nel sistema in background, e la sua esecuzione è rilevabile solo attraverso il Task Manager di Windows.
Un ottimo web server piuttosto conosciuto è Xitami: disponibile per diversi sistemi operativi supporta numerosi linguaggi di script.
Tra le numerose possibilità offerte da Xitami vi è anche la configurazione indipendente di host virtuali (HTTP ed FTP); e quindi la possibilità di poter ospitare sulla propria macchina più siti web.
Il server Xitami può essere configurato attraverso una comoda interfaccia web.
Particolarmente interessante è il fatto che l'installazione del linguaggio PHP su piattaforme Windows a 32 bit (CGI only) configura automaticamente Xitami per l'uso del PHP.
Il supporto per il PHP deve essere scaricato separatamente al seguente indirizzo www.php.net/downloads.php
Nei primi mesi del 2002 è stato rilasciato il web server Abyss Web Server, il cui pannello di configurazione via web offre diverse possibilità e che permette anche la configurazione del web server per l'utilizzo del php o del Perl (Installare il php su Abyss Web Server)).
Abyss Web Server è disponibile sia per sistemi operativi Windows che Linux.
Key Focus Web Server offre, attraverso il suo pannello di controllo, diverse possibilità di personalizzazione, tra cui la possibilità di utilizzare Php e Perl.
Nel sito della Key Focus è inoltre presente una buona sezione dedicata alle Faq, nello stesso tempo completa ed immediata da utilizzare e da capire.
Altro server piuttosto completo è Sambar, il cui download è di oltre 4 Mb, che comprende al suo interno un mail server ed un semplice dns server.
MyServer is a powerful and easy to configure web server http://www.myserverproject.net
Altri server (Apache, PHP, MySql) si possono trovare nella sezione php del mio sito
BarracudaDrive (http://barracudaserver.com/examples/BarracudaDrive/index.html)
Si tratta di un piccolo web server e file manager con interfaccia web, é multiutente e non necessita di accesso FTP
Permette di caricare, scaricare, gestire i file del proprio PC da qualsiasi parte ci si trovi, bypassando firewall e proxy poiché utilizza il protocollo HTTPS. La comunicazione è protetta dal certificato SSL integrato a 1024bit. Per operare è conveniente avere un IP fisso, altrimenti si può ovviare con servizi come No-IP o DynDNS. OSS: Per sistemi operativi Windows, Linux x86, Mac OS X

Gestione Server
Webmin, su piattaforma Linux (principalmente) permette di personalizzare qualunque servizio del sistema operativo. (http://www.webmin.org)
VHCS is a Professional Control Panel Software for shared, reseller, virtual and dedicated server management. http://www.vhcs.net - http://sourceforge.net/projects/vhcs/
ISPConfig - OpenSource ISP management and Hosting Control Panel (http://www.ispconfig.org/) Vedi

Rapache - è un programma che permette di gestire Apache attraverso un'interfaccia grafica. Le funzionalità principali sono il controllo dello stato del server Web, la gestione dei moduli Apache e l'aggiunta/modifica/rimozione dei Virtual Host, nonchè la possibilità di editare manualmente i file di configurazione in una finestra dotata di evidenziazione della sintassi. (http://www.rapache.org)
http://gancjo.blogspot.com/2008/07/rapache-configuratore-grafico-di-apache.html - https://wiki.ubuntu.com/Rapache - http://www.stefanoforenza.com/me-and-rapache/ - https://launchpad.net/rapache

Mail server
Installando un mail server sulla propria macchina è possibile attivare delle caselle di posta elettronica (ad esempio posta@miopc.dyndns.org).
Bisogna tenere conto però che se il server di posta non viene attivato per un minimo di alcune ore al giorno (almeno due) si rischia di perdere la posta in arrivo.
Infatti il server di posta dell'eventuale mittente cercherà di connetersi al nostro server per inviare la posta, se il collegamento non ha successo ritenterà più volte attendendo un certo intervallo di tempo. Passati un certo numero di giorni senza successo, e quindi di tentativi, la posta ritornerà al mittente con un errore di timeout.
Un ottimo mail server è ArgoSoft Mail Server distribuito sia in versione freeware che shareware dalla Argo Software Design.
Viene continuamente aggiornato ed è semplice da configurare ed installare, in più include anche un semplice finger server.
Particolarmente interessante è la presenza di una interfaccia webmail per la consultazione della posta con il browser (anche dall'esterno).
Inet Server
Inet Server, è un mail server di cui è disponibile anche il codice sorgente.
È possibile scaricare separatamente un semplice help in formato html.
Mercury Pegasus Mail
Mercury Pegasus Mail è un mail server che permette la gestione della posta, oltre che su una singola macchina, anche per una rete locale.
Il prodotto è gratuito ed altamente configurabile, ma il manuale d'uso è a pagamento.
XMail ****
XMail is an Internet and intranet mail server featuring an SMTP server, POP3 server, finger server, multiple domains, no need for users to have a real system account, SMTP relay checking, RBL/RSS/ORBS/DUL and custom (IP based and address based) spam protection, SMTP authentication (PLAIN LOGIN CRAM-MD5 POP3-before-SMTP and custom), a POP3 account syncronizer with external POP3 accounts, account aliases, domain aliases, custom mail processing, direct mail files delivery, custom mail filters, mailing lists, remote administration, custom mail exchangers, logging, and multi-platform code.
Molti Tools disponibili
http://www.xmailserver.org/
hMailServer ****  (simile a Merak Mail Server) Vedi Tutorial
hMailServer is a free, open source, GPL-licensed e-mail server for Microsoft Windows. It supports all the common e-mail protocols (IMAP, SMTP and POP3) and comes with an easy-to-use COM library that can be used for integration with other software. It also has supports for virtual domains, distribution lists, antivirus, antispam, aliases, distributed domains and much more. E-mail data is stored in a database server, MySQL or MS SQL, depending on your choice.
The hMailServer installation contains a minimal MySQL-installation, so if you don't already have a database server in your network, MySQL is installed automatically when you install hMailServer.
http://www.hmailserver.com/
DeepOfix: in 25 minuti un mail server Linux
DeepOfix Messaging Server si propone come un server Linux installabile e configurabile in pochi minuti: è sufficiente rispondere a 15 domande per poter disporre subito di un server di posta completamente operativo.
Gli autori della distribuzione sottolineano la semplicità di utilizzo e di configurazione di "DeepOfix Messaging Server" facendo notare come sia uno dei primi prodotti Linux a supportare il protocollo LDAP.
DeepOfix permette di gestire centinaia di account di posta elettronica con la possibilità di effettuare rapide interrogazioni sullo stato di ciascuno di essi. L'utilizzo della soluzione antivirus ClamAV e dell'antispam SpamAssassin è già integrato nella distribuzione che supporta direttamente i protocolli SMTP, POP3 e IMAP.
L'accesso alle caselle di posta elettronica è possibile direttamente, dai client collegati, oppure attraverso una comoda interfaccia web. "DeepOfix Messaging Server" offre la possibilità di configurare anche liste di distribuzione ("mailing list").
La distribuzione è veicolata in formato ISO (l'immagine pesa circa 280 MB) ed è prelevabile cliccando qui. Per visitare il sito web di DeepOfix, fate riferimento a questo link (http://www.deeproot.in/deepofix)
DeepOfix: mail server Linux con funzionalità antispam, semplice e veloce da installare.
Ecco una interessante distribuzione Linux, appena giunta alla versione 3.1 che, stando a quanto dichiarato dagli sviluppatori, dovrebbe riscuotere un grande interesse, soprattutto tra le appliance dedicate alla gestione della posta elettronica.
DeepOfix Mail Server si propone come un server Linux installabile e configurabile in pochi minuti: è sufficiente rispondere a 15 domande per poter disporre subito di un server di posta completamente operativo.
Gli autori della distribuzione sottolineano la semplicità di utilizzo e di configurazione di "DeepOfix Mail Server" facendo notare come sia uno dei primi prodotti Linux a supportare il protocollo LDAP.
DeepOfix permette di gestire centinaia di account di posta elettronica con la possibilità di effettuare rapide interrogazioni sullo stato di ciascuno di essi. L'utilizzo della soluzione antivirus ClamAV e dell'antispam SpamAssassin è già integrato nella distribuzione che supporta direttamente i protocolli SMTP, POP3 e IMAP.
L'accesso alle caselle di posta elettronica è possibile direttamente, dai client collegati, oppure attraverso una comoda interfaccia web. "DeepOfix Mail Server" offre la possibilità di configurare anche liste di distribuzione ("mailing list").
La distribuzione è veicolata in formato ISO (l'immagine pesa circa 280 MB) ed è prelevabile da questa pagina (http://sourceforge.net/project/showfiles.php?group_id=156141).
Il vantaggio derivante dall'adozione di DeepOfix consiste appunto nella possibilità di configurare un server di posta con funzionalità antispam senza necessariamente dover disporre di competenze specifiche in materia.
E' bene installare il software inizialmente su una macchina di test non utilizzata per altri scopi.
Al termine dell'installazione per effettuare il login è necessario premere la combinazione di tasti ALT+F2, inserire "root" come username e la password specificata in fase di setup.
Per amministrare DeepOfix da browser, è necessario digitare l'indirizzo http://ipdelserver:4080/ digitando "admin" come username oltre alla password di sistema.
Per maggiori informazioni, è possibile far riferimento al sito web ufficiale (http://www.deeproot.in/deepofix).
SquirrelMail: http://squirrelmail.org/ oppure scarica qui

Zimbra Mail server di posta elettronica
Il miglior software per la gestione della posta e del calendario di gruppo disponibile oggi è anche open source
Zimbra è la soluzione di punta per la gestione della posta e del calendario ad uso di aziende, fornitori di servizi, istituzioni accademiche e governative. Un groupware moderno e innovativo, di gran lunga superiore ai sistemi software precedenti:
* Flessibilità: Zimbra è facile da personalizzare e adattare alle esigenze della propria organizzazione
* Libertà: il client Web Zimbra può essere utilizzato con qualsiasi combinazione di client tradizionali, su più piattaforme
* Durata: server della posta e del calendario estremamente scalabili e affidabili
* Bassa manutenzione: la gestione è estremamente semplice
Caratteristiche principali di Zimbra Collaboration Suite (ZCS)
* Client Web basato su Ajax: integrazione tra e-mail, contatti, calendario condiviso, VoIP, mash-up aziendali, oltre alla creazione di documenti - il tutto all'interno del browser Web
* Compatibilità con il client desktop: sincronizzazione nativa da ZCS a Microsoft Outlook ed Entourage oltre che a Mail, Rubrica Indirizzi e iCal Apple; supporto completo dei client IMAP/POP
* Zimbra Mobile: sincronizzazione nativa di tipo "push" con dispositivi Windows Mobile, Symbian e Palm senza server aggiuntivo
* Server ZCS Linux e Mac OS X: soluzione completa con MTA (Mail Transfer Agent), anti-spam, anti-virus, directory, database, strumenti di migrazione e console di amministrazione Web basata su Ajax
http://www.zimbra.com/products/compare_products.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Zimbra
http://en.wikipedia.org/wiki/Zimbra

A pagamento, Merak Mail Server (http://www.merakmailserver.com/ - http://www.icewarp.com/), ottimo prodotto mail server

Mail server

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un mail server (o mail transfer agent) è un programma (e, per estensione, il computer) che si occupa dello smistamento da un computer a un altro della posta elettronica.

Normalmente un mail server risiede su sistemi dedicati ma può essere eseguito su computer ove risiedano altri server o che vengano utilizzati anche per altri scopi. Si può installare un mail server su un normale personal computer.

Lista dei mail server

Questa è una lista dei mail server: mail transfer agent, mail delivery agent, e altri software che offrono servizi e-mail.

SMTP

POP/IMAP

Filtri anti-spam o anti-virus per le e-mail

 

Open WebMail si interfaccia con i server di posta.
http://openwebmail.org/

Antispam
Spamdel POP3 utility & anti-spam
http://www.spamdel.com/
SpamFighter
http://www.spamfighter.com/Lang_IT/Product_Info.asp

Ftp server
CesarFtp è un server ftp freeware.
Completamente ad interfaccia grafica, risulta essere semplice da utilizzare e contenuto nelle dimensioni.
Cerberus FTP Server è un server FTP studiato per utilizzare poche risorse di memoria e CPU, realizzato secondo le specifiche internazionali dettate dai documenti RFC959 e RFC1123.
L'installazione di Cerberus FTP Server richiede la presenza nel sistema operativo di Windows Installer (che è sempre più utilizzato nelle procedure di installazione in ambiente Windows).
Windows Installer è presente nelle più recenti versioni di Windows; ad ogni modo per verificare la presenza nella propria macchina di Windows Installer è sufficiente cercare se su disco è presente il programma
msiexec.exe
.
Ulteriori informazioni si possono trovare alla pagina Q292539 - INFO MSI How to Obtain the Windows Installer Engine.
FileZilla Server e Client - FTP program (e supporta il protocollo SSH)
http://sourceforge.net/projects/filezilla
http://filezilla.sourceforge.net
Manuale:scarica qui

Configurazione del software
Una volta terminata la procedura di installazione verrò avviata automaticamente l'interfaccia di gestione di FileZilla FTP Server per permetterci di eseguire le prime impostazioni. Nella finestra Connect to Server basta premere OK per proseguire nell'installazione, infatti non è presente attualmente nessuna password di amministrazione. Successivamente potrebbe risultare comodo spuntare la voce Always connect to this server.
Una volta avuto accesso all'interfaccia di configurazione è possibile:
* Disattivare il servizio;
* Bloccare l'accesso alle nuove connessioni, mantenendo quelle attive;
* Modificare la configurazione generale;
* Gestire Utenti;
* Gestire Gruppi.
Configurazione Generale
Come prima cosa è utile modificare le impostazioni generali, anche se non è necessario perché la configurazione di default, nella maggioranza dei casi, è corretta.
Aprire quindi il menu Edit e poi Settings ed accedere, nella lista a sinistra, a General Settings e poi a Welcome message. Una volta lì, nella parte destra della finestra sarà presente una grande casella di testo dove poter inserire il messaggio di benvenuto che compare a chi si connette prima dell'autenticazione.
Una volta inserito il messaggio di benvenuto conviene spuntare la casella Hide welcome message in log, in modo da ridurre le informazioni di logging. Dopo di che, nel caso siate dietro un router od un firewall hardware con poche porte puntate al vostro server casalingo, oltre la porta 21 che è quella di default, è necessario configurare il software in modo che acquisisca automaticamente l'IP esterno ed utilizzi solo uno specifico range di porte per la connessione passiva. Ciò si ottiene accedendo alla sezione Passive Mode Settings selezionando la dicitura Retrieve external IP address from e attivando l'opzione Use custom port range definendo quindi le porte da usare.
Per finire, se volete evitare che i download/upload eseguiti col server FTP consumino tutta la banda disponibile, accedendo alla pagina Speed Limits è possibile definire dei limiti variabili, in base alle situazioni che si presentano al server FTP, o costanti, fissi in qualsiasi situazione, sia per gli upload sia per i download.
Gestione Utenti
Come detto in precedenza è possibile definire gli utenti che possono avere accesso al server FTP dal menu Edit/Users. Una volta avuto accesso alla gestione utenti è possibile aggiungerne di nuovi, modificare quelli esistenti o eliminarli. Nel nostro caso, poichè il server FTP è appena installato, troverete utenti presenti, di conseguenza è necessario creare un primo utente premendo sul bottone Add nella parte destra della finestra, sotto la lista Users. Dopo aver premuto il tasto comparirà una finestra nella quale andranno inseriti un nome utente ed il gruppo di appartenenza, se necessario.
Una volta eseguita l'operazione nell'elenco degli utenti sarà presente l'utente appena inserito e sarà possibile modificare le varie impostazioni inerenti alla sicurezza, ai limiti di velocità e altre impostazioni generali.
Se ad esempio volessimo dar accesso una cartella condivisa per tutti gli utenti chiamandola Shared Folder basterebbe crearla in C: e poi accedere alla sezione Shared Folders della configurazione dell'utente. Una volta eseguita l'aggiunta tramite il bottone Add, presente sotto la lista chiamata Shared Folders, sarà possibile definire le operazioni eseguibili su questa specifica cartella: leggere, scrivere o eliminare file e leggere, scrivere, rinominare e creare cartelle. Inoltre, sempre in questa stessa pagina, è possibile bloccare la possibilità di ottenere la lista delle sottocartelle presenti ed è possibile definire una cartella Home dell'utente.
Gestione Gruppi
La gestione dei gruppi, per semplicità d'utilizzo, è stata implementata costruendo un'interfaccia quasi identica a quella della gestione utenti, ed è possibile accedervi aprendo il menu Edit e cliccando sulla voce Groups.
Il concetto che sta dietro ai gruppi è semplice: se più utenti hanno le stesse impostazioni è possibile creare un gruppo, includere lì quelle impostazioni e quindi applicare il gruppo agli utenti. Come detto in precedenza, se si volesse creare una cartella condivisa per una specifica serie di utenti, si potrebbe creare il gruppo Shared Folder 1, ad esempio, e dare accesso solo a quella cartella, seguendo le indicazioni precedenti.
Per applicare i gruppi nella sezione General della gestione utenti è necessario selezionare il gruppo precedentemente creato dall'elenco Group membership e premere OK
Una volta eseguite queste configurazioni è già possibile scambiarsi file tra amici con un sistema veloce e comodo con la possibilità, inoltre, di interrompere e riavviare eventuali upload/downloads, senza quindi perdere i dati trasferiti fino ad uno specifico momento. Questo server FTP supporta, in aggiunta, la possibilità di Kerberos per le autenticazioni e le SSL per la crittazione delle comunicazioni. È possibile approfondire la configurazione di FileZilla FTP Server leggendone la documentazione.

Finger server
Il server finger ha forse ben poca utilità, ma averlo può essere interessante.
È forse il tipo di server più semplice, opera sulla porta numero 79, e le sue specifiche sono consultabili presso l'IETF nell'RFC1288.txt.
Un semplice finger server è FingerD.

Server per utilizzare ed amministrare una macchina da remoto
Nei laboratori di Cambridge della famosa società AT&T è stato sviluppato un server gratuito, disponibile per numerosi sistemi operativi, che permette di utilizzare a distanza una macchina.
Il sistema è chiamato VNC - Virtual Network Computing e di esso sono disponibili tutti i sorgenti.
Una volta installato il server, il cui download è meno di 1Mb, è possibile prendere completamente il controllo della macchina da remoto, utilizzando un apposito client, oppure utilizzando un semplice browser che supporti java aprendo l'URL http://Indirizzo_IP:5900.
Il fatto che siano disponibili i sorgenti ha permesso una ampia diffusione del prodotto e la possibilità di trovare diversi programmi aggiuntivi che ne estendono le possibilità, come pacchetti che facilitano la gestione di reti complesse di calcolatori, o la compressione e la crittografia dei dati trasmessi.
Con VNC è possibile amministrare una macchina con un sistema operativo diverso, per cui ad esempio installando il server su un pc con sistema operativo MacOS è possibile amministrarlo ed utilizzarlo da una macchina con sistema operativo Linux oppure Windows, e questo tramite un semplice browser.
TightVNC (
http://www.tightvnc.com ) è una particolare versione di VNC studiata appositamente per chi ha una connessione con poca banda (come un normale modem telefonico a 56K).
TightVNC utilizza infatti particolari algoritmi di compressione dei dati in modo da diminuire il traffico ed aumentare le prestazioni del prodotto.

Raw Tools Virtual Network Computing
(Programma di gestione remota)
Ultr@VNC (effettua anche trasferimenti FTP)
http://ultravnc.sourceforge.net
http://www.ultravnc.com/ - http://www.uvnc.com
http://sc.uvnc.com (con personalizzazione)
MetaVNC (integra anche un programma di FTP)
http://metavnc.sourceforge.net/
RealVNC
http://www.realvnc.com
EchoVNC
Permette l'uso del software di controllo remoto vnc anche tra macchine protette da un firewall. Grazie a EchoVNC, un pc windows può essere raggiunto a distanza attraverso una lan o attraverso internet senza dover configurare il router o il firewall. Non occorre quindi configurare il reindirizzamento di porte o di creare eccezioni nel firewa. EchoVNC è basato sulla Dll opensource echoware. Con questo qualsiasi applicazione client user-to-user può comunicare facilmente
http://sourceforge.net/projects/echovnc/  - http://echovnc.sourceforge.net/fom-serve/cache/1.html
VNCR 1.0 -
VNCR - Virtual Network Computer Recorder
http://sourceforge.net/projects/vncr

DNS server
http://it.wikipedia.org/wiki/DNS
Posadis è un DNS server open source per Windows.
L'installazione del programma comprende anche un ottimo manuale completo di esempi disponibile sia in formato HTML che PDF.
Nonostante questo la configurazione di un DNS server non è affatto semplice.
Una traccia in italiano che aiuta a capire come configurare un server di questo tipo è disponibile in rete nella famosa guida HowTo dedicata al sistema operativo Linux alla pagina DNS HowTo (tenendo presente che la sintassi richiesta da Posadis può essere diversa da quella descritta in questa guida).
I DDNS client sono programmi che permettono di allineare il proprio indirizzo ip dinamico con un indirizzo alfanumerico.
Tra questi, molto facile da configurare e ben funzionante è No-ip.com (http://www.no-ip.com).
Altri client li potete trovare nella sezione a questo indirizzo: vedi oppure vedi

I dns del tuo provider funzionano male o non vanno ? Prova OpenDNS.
Continua la sua scalata verso il successo il progetto OpenDNS, che si prefigge di creare una rete di DNS intelligenti e sicuri ma soprattutto liberi dal possibile controllo dei providers. Il funzionamento di OpenDNS è semplicissimo, si prende il proprio router/pc e si assegnano gli ip dei DNS con quelli del progetto. A questo punto saremo protetti dai siti di phishing, che verranno bloccati in base a blacklist pubbliche, avremo un dns intelligente che correggerà i nostri errori di digitazione (ad esempio traducendo .cmo in .com) e più veloce (ma questo è tutto da vedere) in quanto gestito per avere una cache mastodontica. Da notare che il progetto attualemente vive della pubblicità che verrà mostrata in caso di richiesta di un dominio non esistente. Link: http://www.opendns.com/ Funzionamento: http://www.opendns.com/what/
- http://www.opendns.com/start/

Altri possibili server
Numerosi sono i tipi di server possibili, come ad esempio server news; server telnet; server MP3 per trasmettere in rete musica; server per WebCam; server per la gestione di Mailing List, ecc. ecc.
Molti di questi sono gratuiti.
Per trovare uno di questi programmi basta cercare in uno dei tanti siti che offrono download di software come Volftp, oppure Tucows che ha mirrors in tutto il mondo, oppure nell'ottimo sito WebAttack.com, oppure anche su Sourceforge.net

Creare web radio

Come creare una radio che trasmetta in streaming mp3

Creare una radio che trasmette in streaming mp3 significa utilizzare un computer (che chiameremo server, potrebbe essere anche il proprio pc) per trasmettere in formato mp3 via internet sia canzoni che magari anche la propria voce (in pieno stile dj), insomma come in una vera radio. Questo può essere utile per piccoli gruppi musicali o autori che desiderano farsi conoscere, oppure può servire per creare una piccola radio aziendale (da ascoltare su rete locale tra colleghi o amici). Infatti la trasmissione via web di file mp3 protetti da copyright è un reato (per intenderci, la trasmissione di canzoni scaricate illegalmente da internet, oppure anche di canzoni di cd legalmente posseduti ma tutelati dal copyright e dai diritti SIAE).

In questa guida comunque non vogliamo addentrarci nei particolari legali su come sia possibile creare una radio web dal punto di vista giuridico, ma ci occuperemo solo della parte software e tecnica.

Per questo tutorial occorrono tre cose fondamentali:

- WinAmp, gratuito riproduttore di file audio, scaricabile dal sito WinAmp.com .

- Il ShoutCast server, è la componente software che consentirà di creare lo streaming tramite winAmp. E' scaricabile, anche questo gratuitamente, dal sito shoutcast.com . E' disponibile in versione per Windows, Linux e Mac OS.

- Il ShoutCast DSP PlugIn per WinAmp, scaricabile in questa pagina sempre del sito shoutcast.com. E' essenziale per interfacciare WinAmp al server ShoutCast.

1) Cominciamo installando WinAmp, si possono utilizzare le opzioni di default durante l'installazione, attenzione che però la procedura è impostata per settare WinAmp come lettore predefinito di mp3 e cd audio, qualora non lo vogliate è meglio togliere il visto di fianco alle relative opzioni durante la procedura di installazione.

2) Quindi installiamo ShoutCast server. Durante l'installazione del server scegliere la modalità GUI, cioè grafica, tralasciando quella Server che è a riga di comando, più complessa.

A questo punto settiamo il server ShoutCast. Nella directory in cui lo avete installato troviamo vari file, il file sc_serv.exe che consente l'avvio del server (magari create un collegamento su desktop a questo file) e il file sc_serv.ini per la configurazione del server. Questo file letto con notepad viene visualizzato senza interruzioni e risulterebbe praticamente illeggibile. Apriamolo quindi con WordPad, dal menu File--> Apri File... e alla voce Tipo file indicare Tutti i File *.*, quindi scegliere il file sc_serv.ini. I campi che possiamo modificare sono:

- MaxUser, il numero massimo di utenti che possono connettersi al nostro server streaming. Di default è 32, ricordiamoci che il numero massimo dipende anche dalla nostra banda, cioè dalla quantità di kb in upload che possiamo fornire con la nostra connessione internet. Una adsl medio/bassa ha 256 kbps (32kb/secondo) in upload, quindi dobbiamo fare i conti con la qualità a cui vogliamo trasmettere e il numero di utenti massimo.

- Password, per indicare la password di caratteri e numeri da inserire per trasmettere con ShoutCast, il valore non può essere lasciato vuoto! Di default è changeme.

- PortBase, la porta TCP da utilizzare per la trasmissione streaming, va bene il valore di default che è 8000. Ricordiamoci anche di settare eventuali firewall per consentire il transito dati attraverso questa porta.

Modificati questi campi, salviamo il file e lanciamo il file sc_serv.exe per avviare il server ShoutCast. Lasciamolo in esecuzione (per terminare invece il server, basta cliccare su Kill Server).

3) Scarichiamo e installiamo il plug-in per WinAmp: verrà salvato nella cartella di installazione di WinAmp.

Per verificare la corretta installazione e per configurare il plug-in, andiamo dal menu di WinAmp Options--> Preferences--> da plug-ins cliccare DSP/Effect. Appariranno (se l'installazione è andata a buon fine) i plugins NullSoft


 

Cliccare quindi su Nullsoft SHOUTcast Source DSP, si aprirà una finestra di configurazione, qui per esempio dal menu Encoder è possibile settare il tipo di encoder, selezionando Encoder1, lasciare mp3 in Encoder Type, e scegliere il valore di kbps a cui uplodare la musica (più basso sarà, più bassa sarà la qualità ma anche minore il consumo di banda e quindi più utenti massimi supportati dal vostro server).
 

 

Con un valore per esempio di 256 kbps di banda in upload (come molte adsl) si potranno supportare a 32 kbps in trasmissione 256/32= 8 utenti contemporaneamente.

Quindi passiamo alla linguetta Output. Lasciare selezionato Output1, quindi compilare i campi inserendo:

in address lasciate localhost (o il valore 127.0.0.1)

in port lasciare 8000

in password mettere la password scelta precedentemente da sc_serv.ini.

In Encoder lasciare il valore 1.

 

 

Quindi cliccare su YellowPages: togliete il visto dalla casella Make This Server Public, che attiverebbe la connessione ai server pubblici di shoutcast. quindi compilate le successive caselle per scegliere il nome da dare alla propria radio (sarà visibile nel programma usato poi per l'ascolto), la descrizione della radio, eventuali dati come url del sito correlato, genere musicale, numero ICQ o AIM, e lasciare selezionato il campo Enable Title Updates per mostrare i dati delle canzoni in esecuzione.

Dalla linguetta Input è possibile modificare le impostazioni per trasmettere la propria voce via streaming assieme alle canzoni. Per fare ciò occorre naturalmente un microfono connesso alla linea ingresso microfono del pc (vedi anche qui lo schema delle linee ingresso). Basta poi impostare il valore SoundCard Input in Input Device e 22050 Mhz in Input Settings, in Mic Input vistare Microphone (o Line Input in certi casi). A questo punto cliccare su open Mixer: si apriranno le due finestre Controllo registrazione e controllo volume, qui nella finestra Controllo Registrazione ci deve essere una colonna Controllo Mixer (o simile, dipende dalla scheda audio), se manca la si può aprire da Opzioni--> Proprietà--> Registrazione, qui vistare Mono Mix (o stereo mix se avete scelto un canale stereo in Input Settings). Comparirà la colonna Mono Mix o Stereo mix (o nomi del genere, come ho già detto dipende dalla scheda audio, le più datate possono anche essere prive di queste modalità e non riuscire a trasmettere contemporaneamente sonoro e voce), sotto alla quale si deve vistare 'Seleziona', oltre naturalmente a impostare il volume di uscita col cursore.

Per parlare, basterà cliccare su Push to Talk, o su Lock per mantenere aperto il canale voce.

Se non si è interessati allo streaming della propria voce ma solo a quello degli mp3, basta lasciare indicato WinAmp in Input Device.

4) A questo punto per fare partire il flusso streaming (ricordate che deve essere in esecuzione il server sc_serv.exe!!) basta cliccare su Connect sempre dalla finestra di configurazione del plugin. Da WinAmp eseguire un mp3 o altro file compatibile con WinAmp, in Status apparirà la quantità di byte inviati sulla porta selezionata (8000 di default) al valore in bitrate scelto.

Ora avete la vostra web radio, che trasmetterà tutto ciò che eseguirete su WinAmp, anche in automatico se si crea la propria playlist!  Per testare sul pc la correttezza di quanto fatto, basterà usare un programma come Windows Media Player e lì inserire dal menu File--> Apri URL il valore http://127.0.0.1:8000 oppure http://localhost:8000 (al posto di 8000 la porta scelta): la canzone sarà riprodotta da Windows Media Player (basta abbassare il volume di WinAmp altrimenti la sentiremo con due programmi).

Per ascoltare la radio su un altro pc connesso in rete, si dovrà usare il vostro indirizzo IP al posto di localhost. Una volta determinato il vostro IP (se avete un IP fisso sarà sempre quello, oppure basta usare un servizio web per ottenere un nome che punti sempre al vostro IP come www.no-ip.com) sarete raggiungibili da chi inserirà in un programma compatibile con lo streaming mp3 (come appunto Windows Media Player) il valore http://vostroindirizzoip:8000 .

Nota per utenti FastWeb: chi ha una connessione fastweb assume in rete l'indirizzo IP del server fastweb a cui è connesso, quindi sarà raggiungibile al suo IP fisso solo dagli altri utenti fastweb.

 

Come faccio a creare una webradio che trasmetta in streaming internet?
Un'emittente web radio svolge due funzioni: gestisce il palinsesto, cioè la sequenza di file MP3 che corrispondono alle trasmissioni, e distribuisce uno stream audio a ciascun utente internet che ascolta la stazione radio. Nelle webradio professionali queste funzioni sono svolte da programmi separati: il programma che gestisce il palinsesto che è installato sul pc invia i dati MP3 a un servizio web di streaming, connesso direttamente alle dorsali internet, che offre la banda necessaria all'accesso simultaneo dimolti ascoltatori. La banda in upload di una connessione ADSL domestica normalmente è di appena 512 Kb, che corrisponde a meno di 10 ascoltatori simultanei, ma è sufficiente per fare le prime prove. Esiste un gran numero di programmi per gestire i palinsesti della webradio e inviarli verso il servizio di streaming web o direttamente a un numero limitato di ascoltatori. Pirate Radio (www.pirateradio.com) è uno dei più noti, assieme al più completo e costo SAM broadcaster (www.spacialaudio.com). Alcuni servizi web offrono guide e aiuti per impostare la propria stazione radio, eventualmente con software gratuiti. I più popolari sono il software di streaming IceCast (www.icecast.org) e il portale Shoutcast (www.shoutcast.com), che offre anche una pratica guida per i principianti e un motore di riceca per gli ascoltatori. Un'alternativa per ridurre a zero le spese sono i servizi di streaming peer to peer come PeerCast (www.peercast.org), tuttavia il numero di potenziali ascoltatori è inferiore. In ogni caso, per trasmettere musica tramite web è indispensabile collegarsi al sito della SIAE (Società Italiana Autori ed Editori) e richiedere la licenza, che è a pagamento; per evitare pesanti sanzioni il suo numero della licenza deve obbligatoriamente essere indicato sulla pagina web della radio.

FreeNAS is a free NAS (Network-Attached Storage) server, supporting: CIFS (samba), FTP, NFS, RSYNC protocols, local user authentication, Software RAID (0,1,5) with a Full WEB configuration interface. FreeNAS takes less than 16MB once installed on Compact Flash, hard drive or USB key.
The minimal FreeBSD distribution, Web interface, PHP scripts and documentation are based on M0n0wall (http://www.m0n0.ch/wall/)
FreeNAS è un server NAS libero (Network-Attached Storage) che supporta i protocolli CIFS (samba), FTP, NFS, AFP, RSYNC, iSCSI, S.M.A.R.T., l'autenticazione di utenti locali, Software RAID (0,1,5). La sua interfaccia di configurazione è completamente WEB. FreeNAS occupa meno di 32MB dopo l'installazione su Compact Flash, hard disk o chiavetta USB.
La mini-distribuzione FreeBSD (grazie alla quale FreeNAS funziona), l'interfaccia Web, gli scripts PHP e la documentazione sono basati su M0n0wall.

http://www.freenas.org/ - Vedi immagine - Vedi manuale

M0n0wall (monowall, con le o sostituite da zero)
Firewall
m0n0wall is a project aimed at creating a complete, embedded firewall software package that, when used together with an embedded PC, provides all the important features of commercial firewall boxes (including ease of use) at a fraction of the price (free software).
m0n0wall is based on a bare-bones version of FreeBSD, along with a web server, PHP and a few other utilities. The entire system configuration is stored in one single XML text file to keep things transparent.
m0n0wall is probably the first UNIX system that has its boot-time configuration done with PHP, rather than the usual shell scripts, and that has the entire system configuration stored in XML format.
http://www.m0n0.ch/

Endian
Firewall Appliance, UTM Appliance, Unified Threat Management, Italia, Hotspot, Antispam, Antivirus, VPN, OpenVPN, Open Source
http://www.endian.com/it/

Programmi di utilità
Per chi vuole far diventare il proprio pc un server avere una maggiore quantità di memoria disponibile è sicuramente importante.
Grazie a MaxMem è possibile liberare periodicamente la memoria allocata dal sistema e non più utilizzata rendendola disponibile.
Il programma è molto semplice da utilizzare.
Anche WinRamTurbo è un ottimo programma freeware che libera la memoria non utilizzata e deframmenta la RAM.
UltimateZip è un ottimo sostituto freeware al famoso Winzip.
PortTunnel è invece un programma che permette di inoltrare verso altre macchine tutto il traffico in arrivo su determinate porte (molto utile nel caso in cui i vari server siano dislocati su domini o macchine diverse; oppure si voglia rendere disponibile all'esterno un servizio di intranet).
PortTunnel è molto semplice da utilizzare e le sue dimensioni sono veramente ridotte.
OpenSSH http://sshwindows.sourceforge.net/ e http://www.openssh.org/
OpenVPN http://openvpn.net/

Dorgem
Dorgem is a webcam capture application for Windows 9x and up. Any Video for Windows compatible webcam (or other digital camera) is supported.
It has unlimited storage events that can put the captured image on an FTP site as well as a local disk, all with their own time interval. It can put a unlimited texts and bitmaps on the captured image before the image is stored.
Dorgem supports an unlimited number of simultaneous cameras. It has a built-in webserver for still images and can be used as security camera because of its motion detection.
http://dorgem.sourceforge.net/ - http://sourceforge.net/projects/dorgem/
Altri software per trasformare una webcam in una di sorveglianza
Pryme
Pryme is a nice, little webcam program, capable of the most common things.
http://www.hilo.dk/pryme.php
Fwink
Fwink is a free and open source webcam application for Windows. It takes images from your camera at timed intervals and puts them on your web site with FTP. You can add effects like text messages, time stamps and an overlay image. You can superimpose a logo, or any image you want, on top of your webcam image. The following image formats are supported: JPEG, GIF (transparency is supported), PNG (transparency and alpha are supported), BMP, TIFF and WMF. You can now trigger your camera with the ATI Remote Wonder. Instructions for configuring this plug-in are provided with Fwink.
http://lundie.ca/fwink
Webcam Publisher
Webcam, camera, scanner or other real-time video capture device FTP publishing. Webcam Publisher supports png, gif, jpg, and avi via FTP or the built in webserver. Overlay text, images, watetermarks, time stamps, and more. Multiple webcams are supported.
http://sourceforge.net/projects/wpub/
Ultimate WEBcam PRO 2001
Ultimate WEBcam PRO 2001 is a PHP script that allows WEBcam owners to publish their WEBcams online easily. UWCP2001 have features like, putting images into a image archive with only one click,visitors will be able to vote the top5 images from your WEBcam.
http://sourceforge.net/projects/uwcp/
JCam - Webcam Server/WebClient
Java Server and Client to view live webcam images in a browser. Server only runs on linux, the client is platform independent.
http://sourceforge.net/projects/jcam/
webcamserver
A webcam server enabling streaming video to a Web browser via Java.
http://sourceforge.net/projects/webcamserver/
DCAM Server
DCAM WebCam Server w/ Personal Web Server (PWS) makes it easy to capture live streaming video and broadcast it on your web page. DCAM also has a built in HTTP personal web server (PWS) for those without a web host.
http://sourceforge.net/projects/dcamserver/
Webcam streaming service
The purpose of this project is to provide to community wrapper for original Windows Encoder application that can work as Windows 2000/XP/2003 system service.
http://sourceforge.net/projects/wcstreaming/
WebCapture
WebCapture allows you to upload WebCam-pictures onto a ftp-server
http://sourceforge.net/projects/webcapture/
WebCamApplet
A simple Java applet for webcam viewing with examples. Easy to use and no programming experience necessary. Put one file on your site and paste in the HTML tags provided. Aims to be highly portable across browsers. Lots of handy features.
http://sourceforge.net/projects/webcamapplet/
Net-Cam : Free IP Video Surveillance
Net-Cam : A full-featured free IP Video Surveillance server for Axis 2100 cameras. Keywords : netcam camserver webcam video surveillance axis
http://sourceforge.net/projects/net-cam/
camNet - P2P Webcam Network
camNet is a P2P Network to exchange Webcam images and videos. Therefore the P2P Network is aware of the location of it's participants and efficient location-based search is possible.
http://sourceforge.net/projects/camnet/
OpenSurveillance
Open Surveillance is an application that takes records realtime video/audio stream from WebCam to hard drive. It works with other open source project like XVid for real-time high quality high compression ration video recording.
http://sourceforge.net/projects/opensurveillanc/
Surveillence Webcams
Revolutionizing Webcam Capabilities
http://sourceforge.net/projects/surveillence/
Webcam Server
You have a cam ? You're not behind a firewall ? Then use this free webcam http server and let your friends to see you... You want to build a live webcams website ? Even if it's for adult purposes, I don't care... download and use it...
http://sourceforge.net/projects/webcams/
LogiSphere 2.0.4
Applicazione interessante per tutti coloro che possiedono una webcam. Il programma può essere utilizzato per controllare da remoto la propria abitazione.
Una volta installato LogiSphere, il personal computer diventa di fatto un server web utilizzabile per rendere possibile la visualizzazione, da remoto, di quanto inquadrato dalla webcam collegata. Il software può essere quindi usato per scopi di videosorveglianza o semplicemente per controllare la proprietà a distanza. Collegando una videocamera Logitech Sphere/Orbit, il programma permette di controllarne il comportamento da remoto utilizzando semplicemente il browser web.
http://www.logisphere.org/en/index_html
Pysoft
Surveillance Products
Surveillance Solutions
Surveillance Packages
Surveillance DVRs
Surveillance Services
Capture Cards
http://www.pysoft.com/
Webcam Watcher 2.1 è un software che consente di visualizzare fino a 24 webcam in modalità simultanea. Il programma permette di salvare diversi fotogrammi o usare qualsiasi webcam come il proprio screensaver. Webcam Watcher non contiene adware, spyware o programmi di terze parti. Si tratta di un software semplice da installare e facile da utilizzare, in quanto presenta un'interfaccia user-friendly. La nuova versione, rispetto a quella precedente, è compatibile con Windows Vista.
http://download.html.it/software/vedi/3253/webcam-watcher/ oppure scarica qui

Movino
Questo tool permette di utilizzare uno smartphone come webcam. Disponibile per diversi OS, tra cui Symbian, Movino invia il flusso video via Bluetooth, WLan o GPRS. Il software permette anche videochiamate Voip, con Skype Mobile.
http://www.movino.org
Whoosh Cam
Un client per PC e uno in java da installare sul cellulare che lavorano in tandem. L'obiettivo è trasmettere le immagini della webcam collegata al computer sul telefonino. Sul PC si crea un account da usare sul cellulare per collegarsi. Potrebbe essere un sistema molto semplice di monitoraggio a distanza. Tra l'altro si possono creare più account da distribuire a più persone ed è anche disponibile una chat in tempo reale con chi si collega al computer per sbirciare.
http://www.whooshcam.com/
Multiwebcam
Chi usa più di un programma di videocomunicazione lo sa: non è possibile usare una webcam per più applicazioni. Se siete impegnati in una videochat su Windows Live Messenger, l'amico su Skype deve aspettare. O meglio, funziona così se non si usa un programma come ManyWebcam Virtual Webcam. Sulla falsa riga dei dischi virtuali, questo programma crea delle webcam virtuali da usare in varie applicazioni. Ed è molto semplice da usare perchè basta selezionare la fonte video in Video Sources e poi impostare ManyCam Virtual Webcam come webcam predefinita nei programmi di videocomunicazione usati.
http://manycam.com/
YawCam http://www.yawcam.com/
Yawcam is a shortening for Yet Another WebCAM software, and that's exactly what it is ;-)
More precise Yawcam is a webcam software for windows written in java. The main ideas for Yawcam are to keep it simple and easy to use but to include all the usual features.
Yawcam is completely free to use! ...
Yawcam features:
.: Video streaming
.: Image snapshots
.: Built-in webserver
.: Motion detection
.: Ftp-upload
.: Text and image overlays
.: Password protection
.: Online announcements for communities
.: Scheduler for online time
.: Multi languages

Trasformare la nostra webcam in una telecamera di sorveglianza
Abbiamo acquistato qualche tempo fa una webcam e la utilizziamo pochissimo: avendo una connessione ad Internet lenta, non possiamo certo usarla per entrare in videoconferenza con i nostri amici!
Possiamo usare la nostra webcam come un sistema di rilevazione e registrazione dei movimenti di persone e di cose dell’ambiente in cui è stata collocata. Così facendo, avremo le prove che nostra nonna si alza tutte le notti per uno spuntino oppure che nostro fratello più piccolo usa il nostro computer di nascosto.
Per realizzare questo sistema di sicurezza, come viene spiegato nel sito americano Simplehelp, basta semplicemente collocare la nostra webcam nell’ambiente da monitorare, collegarla al nostro computer (solitamente tramite cavetto USB) ed installare il programma Dorgem.
Potete scaricare Dorgem da questa pagina (http://dorgem.sourceforge.net/download.html), facendo click sulla voce che contiene l’installation executable. L’installazione si conclude molto velocemente: occorre semplicemente fare click sul tasto Next.
Una volta avviato Dorgem, selezionate nel riquadro Camera selection la vostra webcam. Se non appare nell’elenco, assicuratevi di averla installata con il CD-Rom del produttore. Per essere sicuri che la webcam funzioni, potete fare click sul tasto Preview che vi mostra l’ambiente inquadrato dalla webcam.
Nel caso in cui il video della webcam non sia chiarissimo, fate click sul tasto Source e cercate di migliorarlo, smanettando con le impostazioni della finestra che si apre. A questo punto, fate click sul tasto Options della finestra principale di Dorgem e, nella finestra che si apre, mettete un segno di spunta alla voce Use motion detection.
Per completare le impostazioni del programma, fate click sul tasto Store settings. Nella finestra che si apre, selezionate la voce File e poi fate click sul tasto OK. Alla voce Enter a Name scriviamo Controllo ed assicuriamoci che la voce Enable sia spuntata.
Alla voce Interval scriviamo 2 e selezioniamo Seconds. Clicchiamo sul tasto … alla voce Filename e specifichiamo la cartella in cui salvare le prove rilevate dalla webcam. Come nome del file, inseriamo la scritta prova-%G%g. Le prove registrate saranno salvate nella cartella specificata in una forma simile a prova-20060926165001.jpg.
Fate a questo punto click sul tasto OK e poi su Close per concludere la configurazione della webcam. Gli eventuali movimenti rilevati saranno registrati, a partire da questo momento, da Dorgem. Da segnalare è che Simplehelp (http://www.simplehelp.net/2006/09/27/how-to-use-your-pc-and-webcam-as-a-motion-detecting-and-recording-security-camera/) spiega nel suo articolo come utilizzare in modo più avanzato questo sistema di base, spiegando come caricare le foto su di uno spazio FTP oppure come usare due o più webcam.
========================
Regole per il posizionamento delle telecamere

N. Regola Osservazioni
1 Non puntare la telecamera in direzione di una sorgente di luce concentrata, perchè la ripresa controluce rende il soggetto della ripresa troppo scuro; inoltre il sensore potrebbe danneggiarsi Controllare il percorso del sole durante tutta la giornata per evitare che entri accidentalmente nel campo di ripresa. Se necessario, montare una palpebra ombreggiante davanti alla lente delle telecamere. Di notte, non inquadrare frontalmente lampadine, lampioni stradali e fari di automobili.
2 Quando sono presenti due telecamere, ognuna deve inquadrare l'altra Se le telecamere si riprendono a vicenda, un ladro o un vandalo non potrà disattivarle senza essere inquadrato
3 Montare la telecamera da esterno al riparo dalla pioggia e dal sole a picco. Anche se la telecamera da esterno ha una custodia stagna che la protegge, la pioggia sporta il vetro dell'obiettivo e i raggi del sole estivo scoloriscono il filtro colore creando, col tempo, striature verticali nell'immagine. Per proteggere la telecamera basta una piccola tettocia.
4 Se la telecamera è di sicurezza, non deve essere facilmente individuabile Installare telecamere finte (costano pochi euro) in posizioni evidenti, e montare la telecamera vera in posizione nascosta.
5 Inquadrare ogni ingresso alle aree da sorvegliare Scegliere distanza, risoluzione e ottiva della telecamera per riprendere nitidamente chi entra ed esce. Se è presente un cancello carraio, la telecamera dovrebbe riuscire a riprendere la targa o quantomeno il tipo di auto.

Lunghezza massima delle connessioni tra telecamera e router/switch o computer

Tipi di collegamento Distanza massima Note
Cavo USB 4,5 metri 1,5 metri per il cavo incorporato e 3 metri di prolunga
Connessione Wi-Fi 50 metri All'aumentare della distanza si abbassano il frame-rate e la fluiditià
Cavo video analogico coassiale
(del tipo per antenna satellitare)
80 metri Più il cavo è lungo e più la nitidezza cala. Si possono usare amplificatori che ripetono il segnale, ma sono costosi
Cavo di rete Fast Ethernet 100 metri Sulle distanze più lunghe, scegliere il cavo di categoria 6 o 7 al posto del cavo standard 5E

Scelta del collegamento per la telecamera

Tipo di collegamento Pro Contro
USB o firewire Economico; facile da installare; non richiede alimentazione separata; gestito da tutti i programmi PC Si può gestire al massimo una sola webcam USB o firewire; cavo di collegamento al PC corto
Analogico Economico; facile da installare; cavo di collegamento al PC economico e facilmente reperibile anche in lunghezze notevoli. Richiede alimentazione separata; scarsa nitidezza, richiede una scheda acquisizione video installata nel PC o un video gateway.
Ethernet Gestione a distanza semplificata; non richiede un PC sempre acceso; alimentabile attraverso il cavo di rete Costo elevato; possibili problemi di compatibilità con il browser
Wi-Fi Richiede solo il cavo di alimentazione Costo elevato; configurazione relativamente complessa; vincoli di posizionamento; il segnale radio può essere accecato da aggressori.

Server Completi
MoWes
Modular Webserver System. Il software in questo pacchetto è compatibile con qualsiasi versione di Windows.
Contiene Apache, PHP, MySQL, Zend Optimizer, e si possono scaricare dal sito anche TYYPO3, Joomla, Mambo, WordPress, Moodle, OS Commerce, Drupal, PHPMyAdmin
http://www.moweshelp.chsoftware.net


NetServer
(Hosting@home)
It is a project I developed to easily have a full featured webserver quickly for the Windows Operating System.
NetServer includes the most popular open-source servers and uses the stable versions of those servers...
The main feature of NetServer is the Graphical User Interface (GUI) which is developed with the intention of giving the user all the control it needs for each server, in just a few clicks you can install a server, configure it, and start it...You don´t need to edit textfiles to make them work at all...
Just click and run...
The best thing of it all is the price. NetServer is FREE Software and also open-source.
NetServer includes the following servers :
- Apache Webserver - http://httpd.apache.org/
- MySQL Database Engine - http://www.mysql.com
- Filezilla FTP Server - http://filezilla.sourceforge.net
- hMailServer - http://www.hmailserver.com
Besides the servers, NetServer also comes with a few tools to administer your servers, they are web-based tools developed in PHP scripting language.
NetServer includes the following PHP scripts :
- phpMyAdmin (For MySQL server administration)
- SquirrelMail (Webmail for your hMailServer accounts)
- phpWebAdmin for hMailServer (is a PHP GUI for configuring hMailServer)

http://netserver.hugosoft.net

Pampa
Acronico di Portable Apache -  Mysql - PHP Apllication, è un'applicazione con interfaccia grafica che permette di lanciare un webserver, database e moduli collegati senza bisogno di installazione. Utile quando si vuole presentare un sito dinamico in un ambiente di prova temporaneo.
P.S.
1 - Anche se si tratta di un'applicazione che può essere eseguita senza bisogno di installazione, per copiarla su un supporto rimovibile è necessario almeno installarla una prima volta. Poi basterà copiare l'intera cartella nella posizione desiderata (da c:\programmi\pampa).
2 - Per motivi di sicurezza, MySql non viene lanciato in maniera automatica all'avvio dell'applicazione. Se si desidera cambiare questa opzione, basterà modificare l'impostazione predefinita partendo dal menù Settings/AutoLaunch Mysql.
3 - Utilizzando l'avvio automatico di Mysql, un cd con autorun correttamente configurato e con la possibilità di lanciare ulteriori programmi dopo l'avvio (modificando il file "runafterstart.ini), si può ottenere un'applicazione web che parta automaticamente appena viene inserito il cd.
4 - E' possibile scaricare soltanto l'applicazione grafica di Pampa e scegliere autonomamente le versioni di Apache, Mysql e PHP da utilizzare, così come aggiungere moduli aggiuntivi, per esempio Perl, Python, PostgresSQL, Zend accelerator ecc.
http://pampa.phpsoft.it/

Un WebServer completo su una chiavetta USB (WebserverOnStick) - esiste una traduzione in italiano dei messaggi e dei comandi
http://www.chsoftware.net/en/useware/wos/wos.htm
Technical infos:
- Apache 2.2.0
- MySQL 5.0.18
- PHP 4.4.2/PHP 5.1.2.2
- PhpMyAdmin 2.8.0.3
You need about 200/250 MB space for the normal version! If you think this is too much you can use the small version (~20 MB).
Il programma funziona sotto Windows9x, 2000 e XP.
Dopo aver scompattato l'archivio, salvare il Web server in una cartella qualsiasi e copiare poi l'intera cartella sulla propria chiavetta USB. Il web server è immediatamente avviabile, non richiede infatti, un'installazione sul supporto removibile e neppure sul disco fisso.
Inserire la chiave e fare doppio clic su Start.exe per avviare il server. Successivamente si dovranno effettuare alcune impostazioni di base, come l'impostazione della lingua da utilizzare.
Si consiglia di adoperare PHP versione 4.x, poichè talvolta compariranno alcuni messaggi di errori, legati al file DLLphp_gd2.dll.
Come cartella d'origine viene usata la cartella /www: i file html e php vanno quindi salvati in questa cartella.

Server2Go - Web server
Server2Go è un Webserver che funziona senza alcuna installazione. Questo significa che è un Webserver che può funzionare da un cdrom, da una pendrive o da una qualunque cartella sull'hard disk. Server2GO ti permette di creare siti web funzionanti "standalone" o applicazioni PHP su un CD-ROM. Server2Go è stato sviluppato principalmente per l'uso da cd, ma non ci sono problemi ad usarlo da altri drive. Usando un browser, un utente può avviare, dal cdrom, programmi in php tanto come se vedesse delle pagine html. Ha bisogno solo di inserire un cd con Server2Go su un sistema operativo Windows. Il server si avvia automaticamente e apre il browser con il sito contenuto nel cdrom.
http://www.server2go-web.de/

PHP Home Edition 2.3.4
PHP Home Edition is a complete package including WWW server Apache, DBS Server MYSQL and scripting language PHP into one fully operational system. Including additional compiled libraries for Win32 OS and many more. Easy to install, plug and play installat
* Development Status: 5 - Production/Stable
* Intended Audience: Developers, End Users/Desktop, System Administrators
* License: GNU General Public License (GPL)
* Operating System: 32-bit MS Windows (95/98), 32-bit MS Windows (NT/2000/XP), All 32-bit MS Windows (95/98/NT/2000/XP), Win2K, WinXP
* Programming Language: PHP
* Topic: Database Engines/Servers, Dynamic Content
* Translations: English
* User Interface: Win32 (MS Windows)
Pacchetti inclusi:
+ apache 2.0.50
+ MYSQL Stable 4.0.20a/d
+ php 5
+ phpmyadmin 2.6.x
http://phphome.sourceforge.net/ 
INSTALLAZIONE COMPLETA ED EX NOVO DI UN SERVER PHP, APACHE E MYSQL SOTTO WINDOWS
Vedi (**************)
Installare Apache 2, PHP 5, MySQL 4.1 su Windows
Versione stampabile: http://www.phpnews.it/index2.php?option=com_content&task=view&id=67&Itemid=80&pop=1&page=0 
http://www.phpnews.it/index.php?option=com_content&task=view&id=67&Itemid=80 
INSTALLAZIONE COMPLETA ED EX NOVO DI UN SERVER PHP 4.x, APACHE 2.x E MYSQL 3.x SOTTO WINDOWS
Vedi (**************)
Costruirsi un server web in locale
(Vedi)

Apache e IIS sulla stessa macchina.
Supponiamo di avere una macchina con due ip (192.168.0.2, 192.168.0.3); in teoria dovrei poter fare girare due istanze di un mail server, per esempio, sulle stesse porte ma bindandoli su due IP diversi. Quando provo con IIS e Apache, non funziona mai.
Effettivamente, in linea teorica è possibile bindare IIS e Apache sulla stessa prota ma su IP differenti. In realtà però IIS adotta il "Socket pooling" tale che resta in ascolto su tutti gli IP anche quelli non bindati direttamente a un sito Web, per tale motivo Apache e IIS non possono girare sulla stessa porta anche se con IP differenti. In IIS5 è ancora possibile disabilitare il Socket Pooling utilizzando l'utility "adsutil.vbs", in IIS6 questo invece non ha nessun effetto, di fatto questa funzionalità viene implementata a livello di kernel in HTTP.sys e dovrebbe essere gestita tramite HTTPCFG.EXE. La knowledge base di Microsoft rispetto all'argomento è consultabile all'indirizzo http://support.microsoft.com/kb/238131
Attenzione: disabilitare il Socket Pooling conduce ad un decremento delle prestazioni.

DeveloperSide.NET Web-Server Suite (http://www.devside.net/) (OTTIMO *******)

Server Specifics -- std v1.14 (http://www.devside.net/web/server/free/download)

Server Specifics -- ssl v1.14s  (http://www.devside.net/web/server/free/download)

Reactor 1.x: http://www.reactorserver.com/ (OTTIMO *******)
Reactor Components:
+ Apache 2.0.52
+ MySQL 4.0.20
+ PHP 5.0.2 + PEAR
+ Perl 5.8.3 (mini)
+ Openssl 0.9.7e
+ mod_ssl 2.0.52
+ SQLite 2.8.14
+ Zend Optimizer 2.5.3 
+ PHPMyAdmin 2.6.0-pl3
+ PHP-Nuke 7.5 (No Mail() Hack Preinstalled)
+ Zina 0.10.28
Ottimo editor PHP: MPS PHP Design http://www.mpsoftware.dk/ ( http://www.mpsoftware.dk/phpdesigner.php )
A questo indirizzo, http://www.appservnetwork.com/, si può trovare una suite contenente i seguenti programmi
AppServ 2.4.0

Permette di creare un web server per testare le proprie pagine PHP e MYSQL.
Wamp
Wamp (Suite PHP e Mysql) http://thinkro.com/content/resources.php?view=wamp 
http://www.en.wampserver.com/download.php 
PHP5 Apache MySQL sur Windows : WAMP5
WAMP5 est un logiciel permettant d'installer l'ensemble PHP5 Apache et MySQL sur Windows; il dispose d'un gestionnaire de services permettant d'administrer ...
www.wampserver.com/

Apache 1.3.31

XAMPP - Crearsi un server domestico
http://www.apachefriends.org/en/xampp.html
Disponibile in 4 versioni: per Linux, Windows, Mac OS X e Solaris, comprendono:
Apache HTTPD 2.2.3
MySQL 5.0.27
PHP 5.2.0 + 4.4.4 + PEAR + Switch, MiniPerl 5.8.7
Openssl 0.9.8d
phpMyAdmin 2.9.1.1
XAMPP Control Panel 2.3
Webalizer 2.01-10
Mercury Mail Transport System für Win32 und NetWare Systems v4.01a
FileZilla FTP Server 0.9.20, SQLite 2.8.15
ADODB 4.93
Zend Optimizer 3.0.2
Insomma con XAMPP ci si può creare una postazione server praticamente professionale in 5 minuti, completamente gratis!
Esiste anche una versione portable da mettere su una normalissima chiavetta usb per utilizzarlo senza installazione (http://portableapps.com/apps/development/xampp)

Lamp Guida: http://php.html.it/guide/leggi/92/guida-lamp/

*** IL MIGLIORE ***
A questo indirizzo, http://www.wmcreation.it/index.php?action=wmservertools , si può trovare un'altra suite OTTIMA:
WMServer Tools è un utility che raccoglie: Apache - PHP - Perl - PHPMyAdmin - MySQL e WMServer SMTP (per testare l'invio delle e-mails in locale). Poichè è già tutto configurato, basta eseguire l'installazione per poter così gestire il tutto con estrema semplicità.
E' molto discreto, infatti al suo avvio si limita ad inserire un'icona sulla barra delle applicazioni, dove è possibile visualizzare l'avvio corretto di Apache e MySql tramite due spie di colore arancio (grigio = spento; rosso = errore).
Con un "popup menu" è possibile tramite:
- Setting - Cambiare la lingua e impostare le opzioni di avvio.
- Menu Editor - Gestire, tramite l'apposito editor, i collegamenti che sono presenti sul menu e i corrispondenti sottomenu, crearne nuovi, nonchè cambiare le icone.
- Check for Update - Controllare eventuali aggiornamenti.
- Add-ons - Controllare ed aggiungere nuove funzioni. (Default è installato WMServer SMTP che ti consente di testare l'invio di una e-mail in locale e WMLogs Reset) .
- Start Apache - Avviare Apache - Stop Apache - Terminare Apache
- Start MySql - Avviare MySql - Stop MySql - Terminare MySql
La V3.2 dispone di: Apache 2.0.52 - PHP 4.3.9 + Zend Opt. 2.5.5 - Perl 5.8.4 - MySQL 4.0.22 - phpMyAdmin-2.6.0-pl3
Per scaricarla: andare a questo indirizzo: http://www.wmcreation.it/download/software/ e selezionare la versione 1111wmservertools.exe
WMServer Tools CD ti consente di creare ed utilizzare un vero e proprio server su CD-Rom.
Selezionando semplicemente la cartella contentente il sito e quella del database, questa utility provvederà a creare in automatico, un CD-Rom autoavviante con incluso: Apache, PHP, Perl e MySQL.
In questo modo potrai far funzionare il tuo sito direttamente su CD e su qualsiasi PC senza l'obbligo di installare alcun componente aggiuntivo. 

Per chi vuole avvicinarsi al linguaggio di programmazione PHP, ed opera su piattaforma Windows, può installare il programma EasyPHP. Il programma crea un ambiente composto dai seguenti pacchetti: Apache (webserver), MySql (database), PHP (il linguaggio di programmazione) e PHPMyAdmin (interfaccia di gestione del database MySQL)
Questo pacchetto completo si può scaricare al seguente indirizzo:
http://www.easyphp.org
Apache Toolbox   
Descrizione: Apache Toolbox fornisce una installazione facile di Apache con SSL, PHP, ZendOptimizer, mod_auth_nds, mod_dynvhost, WebDAV, mod_fastcgi, mod_gzip, mod_layout, mod_throttle, mod_accessref, mod_roaming, mod_auth_sys, mod_bandwidth, mod_auth_ldap, mod_perl, openldap, e le ultime librerie GD con il supporto per il formato PNG. L'installazione e' ocmpletamente personalizzabile tramite dei semplici menu'. Tutti i moduli/file sono installati/compilati direttamente dai loro sorgenti.
 http://www.apachetoolbox.com/
PHP EasyWindows Installer   
Descrizione: Questo programma permette di installare in PWS o in IIS l'ultima versione di PHP (la 4.0.3). Sono disponibili all'interno della directory di installazione le istruzioni per Apache e altri Web server. Sono incluse le seguenti estensioni : GD, Interbase, Sybase, Informix, MSSQL7, Oracle, OCI8, IMAP, MySQL (integrato nel codice), CPDF, PDF, PGSQL, ZLib, LDAP, MHash, GNU GetText, CyberCash, Curl, DBM, Calendar (integrato nel codice), FDF, FilePro, XML, DOMXML, Sablot (XSL). Inoltre sono incluse due librerie OpenSource : PEAR 1.8 e ADODB Database Library 0.46. Il software e' stato testato nei seguenti OS : Windows 98, Windows NT, e Windows 2000.

http://php.weblogs.com/easywindows
PHPMyAdmin
Gestiamo i database con PhpMyAdmin
PhpMyAdmin è un tool in PHP per la gestione dei database. Consente, grazie all'utilizzo di un pannello di controllo molto intuitivo, di creare, eliminare, modificare e gestire al meglio i database MySQL; creare, modificare, cancellare intere tabelle o singoli record; fare un backup dei dati contenuti nel database, e visualizzare informazioni sul db.
Dopo aver scaricato il pacchetto, decomprimiamolo in una cartella, e modifichiamo il file di configurazione config.inc.php.
Una volta aperto, modifichiamo le seguenti righe di codice:
$cfg['Servers'][$i]['host']
Questa variabile corrisponde all'host a cui dovrà connettersi PhpMyAdmin per accedere al database. Sostituiamo host con l'indirizzo del nostro database(es. sql.vostronome.it)
$cfg['Servers'][$i]['port']
port invece va sostituito con la porta su cui lavora MySQL nella nostra macchina. Solitamente è la 3306
$cfg['Servers'][$i]['user']
L'username da utilizzare per connettersi al database
$cfg['Servers'][$i]['password']
La password da utilizzare per connettersi al database
$cfg['Servers'][$i]['controluser']
Nome utente che utilizzeremo per collegarci a PhpMyAdmin
$cfg['Servers'][$i]['controlpass']
Password che utilizzeremo per collegarci a PhpMyAdmin
Dopo aver completato la configurazione, accediamo a PhpMyAdmin tramite l'indirizzo www.vostronome.it/cartellaphpmyadmin/index.php, e iniziamo a lavorare con questo interessantissimo tool.

Cherokee
Cherokee is a flexible, very fast, lightweight Web server. It is implemented entirely in C, and has no dependencies beyond a standard C library. It is embeddable and extensible with plug-ins. It supports on-the-fly configuration by reading files or strings, TLS/SSL (via GNUTLS or OpenSSL), virtual hosts, authentication, cache friendly features, PHP, custom error management, and much more.
http://www.0x50.org/
VertrigoServ
VertrigoServ was developed to make available a highly professional and easily installable package of Apache, PHP5, MySQL4 and PhpMyAdmin for Windows platform. With a convenient all-in-one installer, all components are installed
in a single directory and can be used immediately after the installation
process has copleted. An uninstaller allows you to remove the VertrigoServ from
hard disc.
Version 1.19 contains:
* Apache 1.3.33
* PHP 5.0.5
* MySQL 4.1.14
* PhpMyAdmin 2.6.3-pl1
* ZendOptimizer 2.5.10
* SQLiteManager 1.1.1
http://vertrigo.sourceforge.net/

NetServer
is a pack of servers for Windows NT/2000/2003/XP, controlled and configured by an easy to use interface designed for the project which will run in the systray. This includes Apache+PHP, MySql, Filezilla FTP Server, hMailServer and PHP scripts.
http://sourceforge.net/projects/netserver
http://netserver.hugosoft.net/
What is NetServer?
What can it do?
You want to host your own website?
You can´t afford hosting a site on somewhere else or you don't like the free hosting-sites?
You have a PC at home that maybe connected to the internet for 24/7 ?
You need a place to host or test your PHP-scripts?
Need a SSL secured web server?
Download NetServer and your PC will become a Web Server, Database Server, FTP Server, Mail Server in just 5 minutes. As easy as eating a pie.
And the best of all is that NetServer is free and open-source under the GNU/GPL.
Latest version - NetServer 01beta5 (build 3)
Server versions :
- Apache/2.0.54 (Win32)
- mod_perl/1.99_16
- Perl/v5.8.6
- PHP/4.4.0
- PHP/5.0.4
- mod_ssl/2.0.54
- OpenSSL/0.9.7g
- MySQL 4.1.14 - updated
- Filezilla FTP server 0.9.10a - updated
- hMailServer 4.1 build 136 - updated
Script versions :
- phpMyAdmin 2.6.4-pl1 - updated
- SquirrelMail 1.4.5

Uniform Server
http://www.uniformserver.com/
Documentazione: http://doc.uniformserver.com/
GoPenServer
GoPenServer (Go-Open-Server) è un server HTTP/FTP che include Apache, MySQL, PHP, Perl e phpMyAdmin.
Contiene anche alcuni software per la creazione di pagine web come Nvu, GIMP, e Fully Modded phpBB2.
Al suo interno è già presente Audacity, un editor e registratore audio semplice e libero, disponibile per Windows, Mac OS X, GNU/Linux, e altri sistemi operativi.
È un freeware, quindi la sua distribuzione è gratuita, senza nessuna limitazione.
http://gopenserver.sourceforge.net/
http://gopenserver.sourceforge.net/mediawiki/index.php/Main_Page
http://gerfulsworld.wordpress.com/
http://download.html.it/software/vedi/3185/gopenserver/

Come rimanere sempre connessi alla rete
Fare in modo che il computer possa essere sempre connesso non è così facile: infatti spesso accade che venga persa la connessione in rete, specialmente nel caso in cui si utilizzi una normale linea telefonica ed una connessione Dial-Up.
Spesso la disconnessione è causata da un timeout che si attiva dopo diversi minuti di inutilizzo della connessione.
Per evitare questo esistono diversi semplici programmi che generano un traffico di rete molto esiguo ma costante.
Un programma che può servire a questo scopo, e che ha anche una sua utilità è Atomic TimeSync.
Atomic TimeSync aggiorna l'ora del pc collegandosi ad uno dei particolari server che restituiscono l'ora, con la precisione di un orologio atomico, e può essere impostato per effettuare periodicamente il collegamento.
Il protocollo NTP utilizzato da tali server impegna pochissimo la rete.
Anche in Italia esistono alcuni server di questo tipo: uno dei quali risponde all'indirizzo ntp2.ien.it ed è gestito dal famoso Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Farraris di Torino (quello del segnale orario della RAI).
Nel caso che venga persa la connessione è necessario fare in modo che il computer si riconnetta automaticamente alla rete, ricomponendo ovviamente il numero.
NetLaunch è un programma freeware per la gestione della connessione, e riconnessione, automatica ad internet, molto utile a chi si collega tramite una normale linea telefonica in modalità Dial-Up.
Le possibilità di NetLaunch sono numerose, come ad esempio eseguire programmi in fase di accesso alla rete, e disattivarli nel momento in cui la connessione termina; schedulare connessioni e riconnessioni; configurare in modo diverso ciascuna connessione; ed altro ancora.
Quindi con questo programma si possono attivare tutti i servizi desiderati dopo che è stato effettuato collegamento in rete.
È poi possibile, che quando il computer compone il numero, la linea sia occupata, oppure la connessione non avvenga.
Per ovviare a questa eventualità occorre impostare la modalità di accesso remoto in modo tale che il computer attenda alcuni secondi e poi riprovi nuovamente a comporre il numero.
Tale configurazione è facilmente modificabile attraverso la cartella di accesso remoto: infatti selezionando la voce di menù Connessioni, e successivamente la voce Impostazioni, si possono cambiare le impostazioni relative alla ricomposizione automatica del numero.
In realtà in questo modo vengono modificate le voci del registro di sistema EnableRedial,RedialTry e RedialWait.

Applied Networking Hamachi (versione beta): applicazione per creare VPN peer to peer sicure, passando anche attraverso firewall hardware: http://www.hamachi.cc
La codifica è AES a 256 bit- Prevede anche la definizione di server Web e FTp protetti.
E' una soluzione semplice ed immediata per la creazione di reti private virtuali anche dietro dispositivi Nat (come i firewall).
Il software consente di creare in pochi secondi una VPN, ovvero una rete privata virtuale tra due o più computer.
La rete generata da hamachi, permette di collegare anche i pc che non dispongono di un indirizzo IP pubblico, situazione standard per i comptuer casalinghi collegati con l'ADSL.
Per instaurare la connessione tra i pc collegati in una rete virtuale hamachi si appoggia a un "mediation server". Dopo la creazione della connessione, il traffico dati tra i computer collegati è veicolato utilizzando il protocollo UDP. Per "bucare" il dispositivo NAT (router/firewall), infatti, viene usata una tecnica simile all'"UDP hole punching". Una volta che la VPN è stata instaurata, il "mediation server" non interviene più e tutto il traffico viene scambiato in modalità peer to peer (p2p). Ogni utente di hamachi può creare reti virtuali alle quali si possono al massimo 16 computer (esiste un servizio su abbonamento, Premium, dove il numero di macchine sale a 256 più altre opzioni avanzate di amministrazione e controllo).
I meccanismi di sicurezza sono spiegati nel dettaglio all'indirizzo: http://www.hamachi.cc/security. Sono tutti algoritmi di cifratura pubblici e ampiamente collaudati.
Esistono versioni per Windows, Linux e MacOsX

Un modo semplice per dare un nome ai computer di una piccola rete locale
Abbiamo collegato tra loro due o più computer, anche solo utilizzando una connessione diretta via cavo parallelo o seriale, e vogliamo che ciascuna macchina possa essere raggiunta anche attraverso un nome scelto da noi oltre che con l'indirizzo IP. Come fare ?
Supponiamo che la nostra rete sia composta da due macchine una di IP 192.168.55.1, e l'altra di IP 192.168.55.3, che vogliamo che siano raggiungibili in rete rispettivamente con i nomi macchina1 e macchina2.
All'interno della cartella
c:\windows\ cerchiamo il file hosts.sam (il .sam significa sample cioè esempio) e copiamolo nella stessa cartella con il nome hosts (solo hosts senza il .sam).
Apriamo quindi il file hosts con un normale editor di testo e modifichiamolo inserendo alla fine le seguenti righe:
macchina1 192.168.55.1
macchina2 192.168.55.3
quindi salviamo il file e facciamo la stessa operazione sulla seconda macchina.
Fatto questo se dal Prompt di MSDOS eseguiamo ad esempio il comando
ping macchina1
, come risultato avremo una risposta dall'IP 192.168.55.1.
In questo modo abbiamo attivato su ciascun computer la conversione tra nome e numero IP, come indicato nel file hosts.

Interfaccia web per il server
Uno dei vantaggi di un server di posta basato sul protocollo Imap è la possibilità di consultare tutte le cartelle del proprio account - posta inviata, posta in arrivo, bozze ed eventuali altre cartelle personalizzate - anche tramite interfaccia Web. Su internet si possono trovare diversi script gratuiti che possono essere usati a questo fine a patto di disporre di un web server in grado di eseguire il linguaggio PHP. La soluzione più rapida per allestire un server basato su Apache, Php e Mysql, che sia in grado di caricare questi script è EasyPHP (o altra suite).
Due script molto conosciuti ed utilizzati per implementare un'interfaccia web per un server imap sono Ilohamail (http://ilohamail.org/main.php) e SquirrelMail (http://www.squirrelmail.org). Si tratta di programmi piuttosto evoluti che dispondono di un'interfaccia versatile e sofisticata, e offrono diverse funzionalità interessanti come la possibilità di effettuare ricerche all'interno delle cartelle. RoundCube (http://www.roundcube.net) è simile a Ilohamail e SquirrelMail, ma utilizza un'interfaccia basata su Ajax, dunque più comoda da usare.

Antispam
Possiamo dotare il serve di una protezione antispam usando un software gratuito come PopFile (http://popfile.sf.net - http://popfile.sourceforge.net/).
PopFile utilizza un sistema di filtri bayesiani per individuare la posta indesiderata, e può essere facilmente integrato con il server se l'utente che usa Mercury Pegasus Server(server utilizzato di prova) è uno solo.
Dopo averlo installato, dovrete cambiare nel client pop3 (del server, nel caso in cui abbiamo ridirezionato caselle di posta esterne) alcune impostazioni relative agli account delle caselle da filtrare. Le modifiche da effettuare sono molto semplici: per ciascun account bisogna intervenire sul nome del server pop3 e sul nome utente. Il primo dovrà essere cambiato in 127.0.0.1 (ovvero "localhost", l'indirizzo della macchina locale). Il secondo, invece, dovrà assumere questa forma: <nome server Pop3 originale>:<nomeutente>. Notare i due punti (:) di separazione tra il nome server e il nome utente. Nel caso di utente tiscali diventerà "pop3.tiscali.it:nomeutente.miodominiodelserver.
Tutte le opzioni di PopFile possono essere gestite dall'interfaccia web dell'applicazione, che può essere aperta facendo doppio clic sull'icona arancione a forma di polipo presente in basso a destra. PopFile si limita a marcare i messaggi di spam che elabora inserendo nell'oggetto o in un header nascosto un marcatore (ad esempio: [spam]) per specificare la sua valutazione del messaggio. La scelta tra i due metodi può essere fatta dal pannello opzioni.
Per chi usa outlook express si dovrà utilizzare il sistema basato sull'oggetto del messaggio, poichè outlook express non gestisce gli header nascosti.
Come tutti i programmi basati sulla statistica bayesiana, Popfile ha bisogno di addestramento iniziale. Bisogna indicargli, tramite la sua interfaccia web, quali errori di riconoscimento ha compiuto. Basta poco, tuttavia, perchè il programma sia pronto ad entrare in azione, con una lodevole efficienza

Trasformare la nostra webcam in una telecamera di sorveglianza
http://dorgem.sourceforge.net/
Abbiamo acquistato qualche tempo fa una webcam e la utilizziamo pochissimo: avendo una connessione ad Internet lenta, non possiamo certo usarla per entrare in videoconferenza con i nostri amici!
Possiamo usare la nostra webcam come un sistema di rilevazione e registrazione dei movimenti di persone e di cose dell’ambiente in cui è stata collocata. Così facendo, avremo le prove che nostra nonna si alza tutte le notti per uno spuntino oppure che nostro fratello più piccolo usa il nostro computer di nascosto.
Per realizzare questo sistema di sicurezza, come viene spiegato nel sito americano Simplehelp, basta semplicemente collocare la nostra webcam nell’ambiente da monitorare, collegarla al nostro computer (solitamente tramite cavetto USB) ed installare il programma Dorgem.
Potete scaricare Dorgem da questa pagina (http://dorgem.sourceforge.net/download.html), facendo click sulla voce che contiene l’installation executable. L’installazione si conclude molto velocemente: occorre semplicemente fare click sul tasto Next.
Una volta avviato Dorgem, selezionate nel riquadro Camera selection la vostra webcam. Se non appare nell’elenco, assicuratevi di averla installata con il CD-Rom del produttore. Per essere sicuri che la webcam funzioni, potete fare click sul tasto Preview che vi mostra l’ambiente inquadrato dalla webcam.
Nel caso in cui il video della webcam non sia chiarissimo, fate click sul tasto Source e cercate di migliorarlo, smanettando con le impostazioni della finestra che si apre. A questo punto, fate click sul tasto Options della finestra principale di Dorgem e, nella finestra che si apre, mettete un segno di spunta alla voce Use motion detection.
Per completare le impostazioni del programma, fate click sul tasto Store settings. Nella finestra che si apre, selezionate la voce File e poi fate click sul tasto OK. Alla voce Enter a Name scriviamo Controllo ed assicuriamoci che la voce Enable sia spuntata.
Alla voce Interval scriviamo 2 e selezioniamo Seconds. Clicchiamo sul tasto … alla voce Filename e specifichiamo la cartella in cui salvare le prove rilevate dalla webcam. Come nome del file, inseriamo la scritta prova-%G%g. Le prove registrate saranno salvate nella cartella specificata in una forma simile a prova-20060926165001.jpg.
Fate a questo punto click sul tasto OK e poi su Close per concludere la configurazione della webcam. Gli eventuali movimenti rilevati saranno registrati, a partire da questo momento, da Dorgem. Da segnalare è che Simplehelp (http://www.simplehelp.net/2006/09/27/how-to-use-your-pc-and-webcam-as-a-motion-detecting-and-recording-security-camera/) spiega nel suo articolo come utilizzare in modo più avanzato questo sistema di base, spiegando come caricare le foto su di uno spazio FTP oppure come usare due o più webcam.

Links:
http://osswin.sourceforge.net/

Servizio di accesso remoto
Avvenu http://www.avvenu.com/
Folder-Share http://www.foldershare.com
Spiegazione per la configurazione di un router adsl con configurazione server (PDF 1,92 Mb)


La tua macchina diventa un server
Ottenuto un dominio con DNS dinamico chiunque in tutto il mondo potrà accedere ai servizi offerti dal tuo personal computer facendo riferimento al nome di dominio che da questo punto in avanti penseremo sia miopc.dyndns.org.
* Il primo passo: il ping
* Il web server
* Mail server
* Ftp server
* Finger server
* Server per utilizzare ed amministrare una macchina da remoto
* DNS server
* Altri possibili server
* Programmi di utilità
* Come rimanere sempre connessi alla rete
* Un modo semplice per dare un nome ai computer di una piccola rete locale
Il primo passo: il ping
Senza dover installare nulla qualcosa già funziona: il ping.
Il ping invia un pacchetto all'indirizzo specificato, il quale ritorna poi indietro al mittente.
Al mittente vengono quindi mostrare informazioni sul tempo impiegato dal pacchetto per andare e tornare.
Quindi proviamo dal Prompt di MSDOS ad eseguire il comando:
ping miopc.dyndns.org (dove dovrete sostituire a miopc.dyndns.org il Vostro nome di dominio)
Analogamente chiunque nella rete eseguendo lo stesso comando invierà un pacchetto di dati al Vostro pc.
È da notare che già dietro questo semplice comportamento c'è l'utilizzo del DNS che effettuerà la conversione del nome in un indirizzo IP.
Il web server (http server)
Il web server è un servizio che è disponibile sull'indirizzo di porta numero 80, e più raramente sulla 8080.
In rete sono disponibili molti web server gratuiti, ma addirittura nel cdrom di installazione di Windows® 98 è presente l'installazione di Microsoft® Personal Web Server (in \add-ons\pws\setup.exe).
Una scelta professionale è Apache (http://www.apache.org/), che è sicuramente il più famoso sicuro e completo http server in circolazione, disponibile anche in versione per piattaforme Windows®, ed oltretutto di pubblico dominio (viene distribuito gratuitamente anche il codice sorgente).
Molti di questi server offrono molteplici e complesse possibilità di espansione e di configurazione.
Un primo passo può essere quello di provarne uno semplice da installare e da configurare, per iniziare ad imparare, e poi successivamente passare ad altri più complessi.
Una volta che si è installato uno dei web server basta collegarsi con il proprio browser all'indirizzo http://Localhost per accedere, attraverso il web server, alle pagine html dal proprio pc.
Il più semplice da installare e da utilizzare è senza dubbio AnalogX SimpleServer:WWW (http://www.analogx.com/contents/download/network/sswww.htm).
Per utilizzare questo programma, il cui file di installazione è di soli 300K, è sufficiente inserire nella cartella scelta il contenuto del sito ed attivare il server. Supporta anche MIME, CGI e connessioni multiple.
Anche TinyWeb server (http://www.ritlabs.com/tinyweb/index.html) è facile da utilizzare, supporta i CGI, ed il suo download è di appena 120 K.
Il programma viene lanciato nel sistema in background, e la sua esecuzione è rilevabile solo attraverso il Task Manager di Windows.
Un ottimo web server piuttosto conosciuto è Xitami (http://www.xitami.com/): disponibile per diversi sistemi operativi supporta numerosi linguaggi di script.
Tra le numerose possibilità offerte da Xitami vi è anche la configurazione indipendente di host virtuali (HTTP ed FTP); e quindi la possibilità di poter ospitare sulla propria macchina più siti web.
Il server Xitami può essere configurato attraverso una comoda interfaccia web.
Particolarmente interessante è il fatto che l'installazione del linguaggio PHP su piattaforme Windows a 32 bit (CGI only) configura automaticamente Xitami per l'uso del PHP.
Il supporto per il PHP deve essere scaricato separatamente al seguente indirizzo www.php.net/downloads.php
Nei primi mesi del 2002 è stato rilasciato il web server Abyss Web Server (http://www.aprelium.com/abyssws/), il cui pannello di configurazione via web offre diverse possibilità e che permette anche la configurazione del web server per l'utilizzo del php o del Perl (Installare il php su Abyss Web Server: http://www.aprelium.com/abyssws/php.html).
Abyss Web Server è disponibile sia per sistemi operativi Windows che Linux.
Key Focus Web Server (http://www.keyfocus.net/kfws/) offre, attraverso il suo pannello di controllo, diverse possibilità di personalizzazione, tra cui la possibilità di utilizzare Php e Perl.
Nel sito della Key Focus è inoltre presente una buona sezione dedicata alle Faq, nello stesso tempo completa ed immediata da utilizzare e da capire.
Altro server piuttosto completo è Sambar (http://www.sambar.com/), il cui download è di oltre 4 Mb, che comprende al suo interno un mail server ed un semplice dns server.
Esistono, inoltre, molti server "portable" o "all-in-one", tipo WAMP/LAMP che contengono già tutta la sezione APACHE, PHP, MYSQL: vedasi "Server2go".
Mail server
Installando un mail server sulla propria macchina è possibile attivare delle caselle di posta elettronica (ad esempio posta@miopc.dyndns.org).
Bisogna tenere conto però che se il server di posta non viene attivato per un minimo di alcune ore al giorno (almeno due) si rischia di perdere la posta in arrivo.
Infatti il server di posta dell'eventuale mittente cercherà di connetersi al nostro server per inviare la posta, se il collegamento non ha successo ritenterà più volte attendendo un certo intervallo di tempo. Passati un certo numero di giorni senza successo, e quindi di tentativi, la posta ritornerà al mittente con un errore di timeout.
Un ottimo mail server è ArgoSoft Mail Server distribuito sia in versione freeware che shareware dalla Argo Software Design (http://www.argosoft.com/).
Viene continuamente aggiornato ed è semplice da configurare ed installare, in più include anche un semplice finger server.
Particolarmente interessante è la presenza di una interfaccia webmail per la consultazione della posta con il browser (anche dall'esterno).
Inet Server (http://www.avtronics.net/), è un mail server di cui è disponibile anche il codice sorgente.
È possibile scaricare separatamente un semplice help in formato html.
Mercury Pegasus Mail (http://www.pmail.com/index.cfm) è un mail server che permette la gestione della posta, oltre che su una singola macchina, anche per una rete locale.
Il prodotto è gratuito ed altamente configurabile, ma il manuale d'uso è a pagamento.
altro programma completamente gratuito è HMailServer (http://www.hmailserver.com/), gratuito e veramente molto completo.
Ftp server
CesarFtp (http://www.aclogic.com/) è un server ftp freeware.
Completamente ad interfaccia grafica, risulta essere semplice da utilizzare e contenuto nelle dimensioni.
Cerberus FTP Server (http://www.cerberusftp.com/) è un server FTP studiato per utilizzare poche risorse di memoria e CPU, realizzato secondo le specifiche internazionali dettate dai documenti RFC959 e RFC1123.
L'installazione di Cerberus FTP Server richiede la presenza nel sistema operativo di Windows Installer (che è sempre più utilizzato nelle procedure di installazione in ambiente Windows).
Windows Installer è presente nelle più recenti versioni di Windows; ad ogni modo per verificare la presenza nella propria macchina di Windows Installer è sufficiente cercare se su disco è presente il programma msiexec.exe.
Ulteriori informazioni si possono trovare alla pagina Q292539 - INFO MSI How to Obtain the Windows Installer Engine (http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=KB;EN-US;Q292539&).
Quick ‘n Easy FTP Server Lite (http://www.pablosoftwaresolutions.com/html/quick__n_easy_ftp_server_lite.html) è un server FTP con diverse funzionalità ma semplice da utilizzare (durante l'installazione vengono chieste le informazioni essenziali per poter iniziare ad utilizzare immediatamente il server).
Finger server
Il server finger ha forse ben poca utilità, ma averlo può essere interessante.
È forse il tipo di server più semplice, opera sulla porta numero 79, e le sue specifiche sono consultabili presso l'IETF (http://www.ietf.org/) nell'RFC1288 (http://www.ietf.org/rfc/rfc2136.txt).
Un semplice finger server è FingerD (http://www-user.tu-chemnitz.de/%7Echu/fingerd.html).
Server per utilizzare ed amministrare una macchina da remoto
Nei laboratori di Cambridge della famosa società AT&T è stato sviluppato un server gratuito, disponibile per numerosi sistemi operativi, che permette di utilizzare a distanza una macchina.
Il sistema è chiamato VNC - Virtual Network Computing (http://www.realvnc.com/) e di esso sono disponibili tutti i sorgenti. Esistono anche molte alternative basate sempre sulla logica di VNC
Una volta installato il server, il cui download è meno di 1Mb, è possibile prendere completamente il controllo della macchina da remoto, utilizzando un apposito client, oppure utilizzando un semplice browser che supporti java aprendo l'URL http://Indirizzo_IP:5800.
Il fatto che siano disponibili i sorgenti ha permesso una ampia diffusione del prodotto e la possibilità di trovare diversi programmi aggiuntivi che ne estendono le possibilità, come pacchetti che facilitano la gestione di reti complesse di calcolatori, o la compressione e la crittografia dei dati trasmessi.
Con VNC è possibile amministrare una macchina con un sistema operativo diverso, per cui ad esempio installando il server su un pc con sistema operativo MacOS è possibile amministrarlo ed utilizzarlo da una macchina con sistema operativo Linux oppure Windows, e questo tramite un semplice browser.
TightVNC (http://www.tightvnc.com/) è una particolare versione di VNC studiata appositamente per chi ha una connessione con poca banda (come un normale modem telefonico a 56K).
TightVNC utilizza infatti particolari algoritmi di compressione dei dati in modo da diminuire il traffico ed aumentare le prestazioni del prodotto.
DNS server
Posadis (http://posadis.sourceforge.net/) è un DNS server open source per Windows.
L'installazione del programma comprende anche un ottimo manuale completo di esempi disponibile sia in formato HTML che PDF.
Nonostante questo la configurazione di un DNS server non è affatto semplice.
Una traccia in italiano che aiuta a capire come configurare un server di questo tipo è disponibile in rete nella famosa guida HowTo dedicata al sistema operativo Linux alla pagina DNS HowTo (http://www.pluto.linux.it/ildp/HOWTO/DNS-HOWTO.html) (tenendo presente che la sintassi richiesta da Posadis può essere diversa da quella descritta in questa guida).
OpenDNS (OpenDNS is a better DNS service. We make your Internet safer, faster, smarter and more reliable. It's free, and there's nothing to download.)
Altri possibili server
Numerosi sono i tipi di server possibili, come ad esempio server news; server telnet; server MP3 per trasmettere in rete musica; server per WebCam; server per la gestione di Mailing List, ecc. ecc.
Molti di questi sono gratuiti.
Per trovare uno di questi programmi basta cercare in uno dei tanti siti che offrono download di software come Volftp (http://volftp.mondadori.com/), oppure Tucows (http://tucows.iol.it/)che ha mirrors in tutto il mondo, oppure nell'ottimo sito WebAttack.com (http://www.webattack.com/).
Programmi di utilità
Per chi vuole far diventare il proprio pc un server avere una maggiore quantità di memoria disponibile è sicuramente importante.
Grazie a MaxMem (http://www.analogx.com/contents/download/system/maxmem.htm) è possibile liberare periodicamente la memoria allocata dal sistema e non più utilizzata rendendola disponibile.
Il programma è molto semplice da utilizzare.
Anche WinRamTurbo (http://www.winramturbo.com/) è un ottimo programma freeware che libera la memoria non utilizzata e deframmenta la RAM.
UltimateZip (http://www.ultimatezip.com/) è un ottimo sostituto freeware al famoso Winzip.
7-zip (http://www.7-zip.org) è un ottimo sostituto freeware al famoso Winzip.
PortTunnel (http://www.steelbytes.com/) è invece un programma che permette di inoltrare verso altre macchine tutto il traffico in arrivo su determinate porte (molto utile nel caso in cui i vari server siano dislocati su domini o macchine diverse; oppure si voglia rendere disponibile all'esterno un servizio di intranet).
PortTunnel è molto semplice da utilizzare e le sue dimensioni sono veramente ridotte.
Come rimanere sempre connessi alla rete
Fare in modo che il computer possa essere sempre connesso non è così facile: infatti spesso accade che venga persa la connessione in rete, specialmente nel caso in cui si utilizzi una normale linea telefonica ed una connessione Dial-Up.
Spesso la disconnessione è causata da un timeout che si attiva dopo diversi minuti di inutilizzo della connessione.
Per evitare questo esistono diversi semplici programmi che generano un traffico di rete molto esiguo ma costante.
Un programma che può servire a questo scopo, e che ha anche una sua utilità è Atomic TimeSync (http://www.analogx.com/contents/download/network/ats.htm).
Atomic TimeSync aggiorna l'ora del pc collegandosi ad uno dei particolari server che restituiscono l'ora, con la precisione di un orologio atomico, e può essere impostato per effettuare periodicamente il collegamento.
Il protocollo NTP utilizzato da tali server impegna pochissimo la rete.
Anche in Italia esistono alcuni server di questo tipo: uno dei quali risponde all'indirizzo ntp2.ien.it ed è gestito dal famoso Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Farraris di Torino (quello del segnale orario della RAI) (http://www.ien.it/).
Nel caso che venga persa la connessione è necessario fare in modo che il computer si riconnetta automaticamente alla rete, ricomponendo ovviamente il numero.
NetLaunch (http://www.blackcastlesoft.com/netlaunch/download.asp) è un programma freeware per la gestione della connessione, e riconnessione, automatica ad internet, molto utile a chi si collega tramite una normale linea telefonica in modalità Dial-Up.
Le possibilità di NetLaunch sono numerose, come ad esempio eseguire programmi in fase di accesso alla rete, e disattivarli nel momento in cui la connessione termina; schedulare connessioni e riconnessioni; configurare in modo diverso ciascuna connessione; ed altro ancora.
Quindi con questo programma si possono attivare tutti i servizi desiderati dopo che è stato effettuato collegamento in rete.
È poi possibile, che quando il computer compone il numero, la linea sia occupata, oppure la connessione non avvenga.
Per ovviare a questa eventualità occorre impostare la modalità di accesso remoto in modo tale che il computer attenda alcuni secondi e poi riprovi nuovamente a comporre il numero.
Tale configurazione è facilmente modificabile attraverso la cartella di accesso remoto: infatti selezionando la voce di menù Connessioni, e successivamente la voce Impostazioni, si possono cambiare le impostazioni relative alla ricomposizione automatica del numero.
In realtà in questo modo vengono modificate le voci del registro di sistema EnableRedial,RedialTry e RedialWait.
Un modo semplice per dare un nome ai computer di una piccola rete locale
Abbiamo collegato tra loro due o più computer, anche solo utilizzando una connessione diretta via cavo parallelo o seriale, e vogliamo che ciascuna macchina possa essere raggiunta anche attraverso un nome scelto da noi oltre che con l'indirizzo IP. Come fare ?
Supponiamo che la nostra rete sia composta da due macchine una di IP 192.168.55.1, e l'altra di IP 192.168.55.3, che vogliamo che siano raggiungibili in rete rispettivamente con i nomi macchina1 e macchina2.
All'interno della cartella c:\windows\ cerchiamo il file hosts.sam (il .sam significa sample cioè esempio) e copiamolo nella stessa cartella con il nome hosts (solo hosts senza il .sam).
Apriamo quindi il file hosts con un normale editor di testo e modifichiamolo inserendo alla fine le seguenti righe:
macchina1 192.168.55.1
macchina2 192.168.55.3
quindi salviamo il file e facciamo la stessa operazione sulla seconda macchina.
Fatto questo se dal Prompt di MSDOS eseguiamo ad esempio il comando ping macchina1, come risultato avremo una risposta dall'IP 192.168.55.1.
In questo modo abbiamo attivato su ciascun computer la conversione tra nome e numero IP, come indicato nel file hosts.