Windows XP ( http://www.microsoft.com/windowsxp/pro/downloads/)
I suggerimenti sono stati presi da riviste di informatica, da newsletters o da siti web
perciò ogni diritto rimane al legittimo proprietario.


*** Molti trucchi funzionano sia su Windows XP che su 2000 ***

SP3 di Windows XP: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=5b33b5a8-5e76-401f-be08-1e1555d4f3d4&DisplayLang=it
                                    File immagine: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=2fcde6ce-b5fb-4488-8c50-fe22559d164e&DisplayLang=it
                                                              http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=2fcde6ce-b5fb-4488-8c50-fe22559d164e (file iso)
                                    Pacchetto di installazione di rete di Windows XP Service Pack 3 per sviluppatori e professionisti IT:
                                                        http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=5b33b5a8-5e76-401f-be08-1e1555d4f3d4  
                                    Overview: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=68c48dad-bc34-40be-8d85-6bb4f56f5110&DisplayLang=it

SP2 di Winxp http://download.microsoft.com/download/a/6/5/a6568b83-298e-43a6-afae-348ea983261d/WindowsXP-KB886185-x86-ita.exe 
        Home page del SP2: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=049C9DBE-3B8E-4F30-8245-9E368D3CDB5A

Windows XP Professional con Utility Service Pack 2: Dischi di installazione per installazione con avvio da disco floppy:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=535d248d-5e10-49b5-b80c-0a0205368124&DisplayLang=it

Microsoft .NET 3.5: http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=333325fd-ae52-4e35-b531-508d977d32a6&DisplayLang=it

Microsoft Security Essential: http://www.microsoft.com/security_essentials/
                                                        Aggiornamento manuale delle firme virus:
http://support.microsoft.com/kb/971606

Aggiornamento della protezione di Windows XP (INDISPENSABILE)
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=0cc30297-d4ae-48e9-acd0-1343d89ccbba&displaylang=it

Autopatcher: http://www.eng2ita.net/forum/index.php/board,28.0.html

Portable Update
Un piccolo tool portable che consente di scaricare gli aggiornamenti su una chiavetta USB, e poi installarli su vari PC. La schermata principale è organizzata in schede. La scheda History mostra lo stato della macchina corrente, con gli aggiornamenti applicati e quelli mancanti
http://www.portableupdate.com/

Conficker (INDISPENSABILE)
http://www.microsoft.com/italy/technet/security/bulletin/ms08-067.mspx (MS08-067 - KB958644)
http://www.microsoft.com/technet/security/Bulletin/ms08-067.mspx
http://www.symantec.com/norton/theme.jsp?themeid=conficker_worm
http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?idSezione=1917

RPC (Blaster Codice Microsoft: KB823980 KB833330 - INDISPENSABILE)
Patch per Windows XP:
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=2354406c-c5b6-44ac-9532-3de40f69c074&DisplayLang=it (*******)

http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=e70a0d8b-fe98-493f-ad76-bf673a38b4cf&displaylang=it

Virus Sasser (KB835732)
Bullettin http://www.microsoft.com/technet/security/bulletin/MS04-011.mspx

http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=3549EA9E-DA3F-43B9-A4F1-AF243B6168F3 (*******)
Specifiche microsoft per rimuovere il Virus Sasser: http://www.microsoft.com/italy/security  

I servizi caricati e quelli disponibili nel sistema operativo Scarica qui

Patch per TCP
The problem is related to the limits SP2 for Windows XP puts to the number of TCP connections a P2P program can make.
You can download a Microsoft patch to restore P2P connectivity on your system. (http://support.microsoft.com/default.aspx?kbid=884020)
You can also download a third party patch to increase the number of TCP connections from 10 to 50. (http://www.lvllord.de/?lang=en&url=news)

Windows XP: 100 Trucchi per Windows XP (formato PDF)

Windows XP: Trucchi per Windows XP e Windows 98 (formato PDF)

I processi di Windows: Vedi

Come spostare un'installazione di Windows su un computer con una configurazione hardware diversa Scarica qui

Inglobare il Service Pack nell'installazione di Windows
Nlite: http://nuhi.msfn.org/

NTlite: http://www.nliteos.com/

SlipStream: http://www.winsupersite.com/showcase/windowsxp_sp2_slipstream.asp
                    http://www.theeldergeek.com/slipstreamed_xpsp2_cd.htm
                    http://www.tacktech.com/display.cfm?ttid=295 
oppure scarica qui oppure qui

Windows XP Changer - Scarica
Come creare un CD di XP con SP2 integrato (slipstream)
Leggete
CREARE UN CD DI INSTALLAZIONE XP CON SP2 INTEGRATO (SLIPSTREAMING) - http://www.tweakness.net/articoli/a10.php
Questi altri articoli in inglese potrebbero tornare utili:
http://www.tomshardware.com/howto/20040908/index.html
http://www.neowin.net/forum/?showtopic=188337 ( AutoStreamer)
http://www.msfn.org/articles.php?action=show&showarticle=49 (nLite)

Usare file INF di Windows Firewall per personalizzarne i settaggi
Consultate questo documento messo a disposizione da Microsoft
Using the Windows Firewall INF File in Microsoft Windows XP Service Pack 2
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=cb307a1d-2f97-4e63-a581-bf25685b4c43&DisplayLang=en

Windows-NT/2000/XP Tech Support Artciles

XP Tweaks: http://www.kellys-korner-xp.com/xp_tweaks.htm 

The Elder Geek: http://www.theeldergeek.com/

Windows TIPS: Leggi (inglese)

Desktop remoto Vedi
Remote Desktop Connection: http://www.microsoft.com/windowsxp/downloads/tools/rdclientdl.mspx

Internet Connection Service - Configurazione

Variabili di sistema - Vedi

Windows Code name - Vedi

Microsoft Windows XP Professional
Centro di supporto
http://support.microsoft.com/ph/3223/it

Configurazione Wireless sotto Windows XP SP2 (Vedi)

Enterprise Management with the Group Policy Management Console
http://www.microsoft.com/windowsserver2003/gpmc/default.mspx

Come effettuare la manutenzione di Windows  (Vedi)

Visual Studio Express (gratuito): http://msdn.microsoft.com/vstudio/express/

Iso Recorder: http://isorecorder.alexfeinman.com/isorecorder.htm

SQL Server Express Edition: http://msdn.microsoft.com/vstudio/express/sql/

Java Virtual Machine
http://virtualmachine.no-ip.info/ 
http://www.xs4all.nl/~herman5/MSVM.exe
http://download.windowsupdate.com/msdownload/update/v3-19990518/cabpool/MSJavWU_8073687b82d41db93f4c2a04af2b34d.exe

Disattivazione o disinstallazione della versione pilota di Microsoft Windows Genuine Advantage Notifications
http://support.microsoft.com/kb/921914

Installazione Rete per Windows NT
http://www.fis.unipr.it/lca/pc/test/installnt.html
Configurare la rete in Windows 2000/XP
http://www.fis.unipr.it/lca/istruzioni/istruzioni_rete_w2k_xp.html

Installare una rete tra Windows XP e Windows Vista
Scarica qui

Sbloccare il servizio Terminal per permettere più collegamenti contemporanei.
Scarica qui

Product Key" di Windows
Strumento di aggiornamento codice
http://www.microsoft.com/genuine/selfhelp/PkuInstructions.aspx?displaylang=it
Oppure scarica qui

Il Proteggere Wi-Fi Accede a 2 (WPA2)
The Wi-Fi Protected Access 2 (WPA2)/Wireless Provisioning Services Information Element (WPS IE) update for Windows XP with Service Pack 2 is available
http://support.microsoft.com/kb/893357/it

Controllo del software originale (Notifica WGA - Windows Genuine Advantega): è la patch KB905474. NON INSTALLATELA!

Disabilitazione del controllo WGA (Windows Genuine Advantage): Vedi, Vedi

Spostare le cartelle utente di sistema
http://windowsxp.mvps.org/folderredirector.htm oppure scarica qui

Windows File Association Restore
http://www.dougknox.com/xp/file_assoc.htm

Trucchi per Windows 9x, Windows XP: scarica qui

Assistenza free: http://www.assistenzafree.com/guide/windows-xp/index.php

Ripristino del file di registro: scarica qui (PDF File)

Formattazione a basso livello: Vedi (documento Word)

Links
http://www.helpwithwindows.com
http://www.tech-faq.com/

http://www.computerperformance.co.uk/

Risoluzione dei problemi relativi alle icone mancanti di Rete e connessioni remote.pdf (http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;it;329050)
How to troubleshoot missing network connections icons in Windows Server 2003 and in Windows XP.pdf (http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;en-us;825826)

Installare Windows XP da una pendrive: vedi le istruzioni per windows 7

Chiavi di registro
Dopo aver scelto quella che piu' vi soddisfa, copiatela in un file di testo ma aggiungendo sempre all'inizio quella riga citata nei taq.
Poi la salvate come tutti i file e con nome a vostro piacere, ma con estensione .reg

Windows Registry Editor Version 5.00 (da aggiungere ad ogni file.reg)

;disabilitazione icone inattive
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer]
"EnableAutoTray"=dword:00000000

;Disabilitazione barra della lingua
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\CTF\LangBar]
"ShowStatus"=dword:00000003

;Disabilitazione autoplay cd
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\AutoplayHandlers]
"DisableAutoplay"=dword:00000001

;Disabilitazione centro di sicurezza
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\wscsvc]
"Start"=dword:00000004

;Disabilitazione windows firewall
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\MpsSvc]
"Start"=dword:00000004

;Disabilitazione windows defender
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\WinDefend]
"Start"=dword:00000004

;Disabilitazione autoupdate
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\wuauserv]
"Start"=dword:00000004

;Visualizzazione estenzione dei file
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced]
"HideFileExt"=dword:00000000

;Rimozione 'Collegamento a...' (00 00 00 00 = No Shortcut Text)
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer]
"link"=hex:00,00,00,00

;Disabilitazione User Account Control (UAC)
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\System]
"EnableLUA"=dword:00000000

;Disabilitazione all'avvio di Windows Vista Sidebar
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run]
"Sidebar"=-

;Disabilitazione all'avvio di windows welcome
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run]
"WindowsWelcomeCenter"=-

;Disabilitazione all'avvio di Windows Defender
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run]
"Windows Defender"=-

;Personalizzazione del Menu' start
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced]
"Start_ShowUser"=dword:00000000
"Start_ShowMyDocs"=dword:00000000
"Start_ShowMyPics"=dword:00000000
"Start_ShowMyMusic"=dword:00000000
"Start_ShowMyGames"=dword:00000000
"StartMenuFavorites"=dword:00000000
"Start_ShowSearch"=dword:00000000
"Start_ShowRecentDocs"=dword:00000000
"Start_ShowMyComputer"=dword:00000001
"Start_ShowNetPlaces"=dword:00000001
"Start_ShowNetConn"=dword:00000000
"Start_ShowControlPanel"=dword:00000001
"Start_ShowSetProgramAccessAndDefaults"=dword:00000000
"Start_AdminToolsRoot"=dword:00000000
"Start_ShowPrinters"=dword:00000001
"Start_ShowHelp"=dword:00000000
"Start_ShowRun"=dword:00000001
"Start_TrackProgs"=dword:00000000
"Start_TrackDocs"=dword:00000000

;Start Menu - Icone grandi
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced]
"Start_LargeMFUIcons"=dword:00000000

;Disabilitazione suoni di windows
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Authentication\LogonUI\BootAnimation]
"DisableStartupSound"=dword:00000001

[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\.Default\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\AppGPFault\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\Close\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\CriticalBatteryAlarm\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\DeviceConnect\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\DeviceDisconnect\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\DeviceFail\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\FaxBeep\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\LowBatteryAlarm\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\MailBeep\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\Maximize\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\MenuCommand\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\MenuPopup\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\Minimize\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\Open\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\PrintComplete\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\RestoreDown\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\RestoreUp\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\SystemAsterisk\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\SystemExclamation\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\SystemExit\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\SystemHand\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\SystemNotification\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\SystemQuestion\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\WindowsLogoff\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\WindowsLogon\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\.Default\WindowsUAC\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\Explorer\BlockedPopup\.current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\Explorer\EmptyRecycleBin\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\Explorer\FaxError\.current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\Explorer\FaxLineRings\.current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\Explorer\FaxSent\.current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\Explorer\FeedDiscovered\.current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\Explorer\Navigating\.Current]
@=""
[HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\Explorer\SecurityBand\.current]
@=""
[-HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\sapisvr]
[-HKEY_CURRENT_USER\AppEvents\Schemes\Apps\WindowsPhotoGallery]

Ripristino della gestione ZIP interna
regsrv32 %windir%\system32\zipfldr.dll

Riparare errori File Host in automatico su Windows XP, 2003, Vista, 7
Hosts File Repair:
Questo ripristinare il file host di Windows di default. Alcuni virus e infezioni aggiungerà siti per il file hosts per impedirti di andare in quei siti. Ma alcuni utenti utilizzano anche il file hosts per proteggersi da siti pericolosi.
Se si esegue questo strumento di riparare il file verrà eseguito il backup nella stessa directory come il file hosts, nel caso avete bisogno di ritornare al vecchio file .
DOWNLOAD (http://www.tweaking.com/files/setups/Tweaking.com-RepairHostsFile.exe)

117 comandi Windows da “Esegui…”
Il comando Esegui…
è una di quelle funzionalità poco usate.
E’ molto utile quando le icone non sono chiare o non riusciamo a trovare la voce desiderata dal menù.
Ecco 117 comandi da scrivere nella poco considerata riga bianca.

  1. Controlli Accessibilità – access.cpl
  2. Wizard Accessibilità – accwiz
  3. Aggiungi Hardware – hdwwiz.cpl
  4. Aggiungi/Rimuovi hardware – appwiz.cpl
  5. Strumenti Amministrazione – control admintools
  6. Aggiornamenti Automatici – wuaucpl.cpl
  7. Trasferimento Guidato Bluetooth – fsquirt
  8. Calcolatrice – calc
  9. Certificati – certmgr.msc
  10. Mappa Caratteri – charmap
  11. Esegui Check Disk – chkdsk
  12. Visualizza Clipboard – clipbrd
  13. Finestra DOS – cmd
  14. Servizi Componenti – dcomcnfg
  15. Gestione Computer – compmgmt.msc
  16. Pannello di Controllo – control
  17. Proprietà Data/Ora – timedate.cpl
  18. Condivisioni DDE – ddeshare
  19. Gestione Periferiche – devmgmt.msc
  20. Diagnostica Direct X – dxdiag
  21. Pulizia Disco – cleanmgr
  22. Deframmentazione Disco – dfrg.msc
  23. Gestione Disco – diskmgmt.msc
  24. Gestione Partizione Disco – diskpart
  25. Proprietà Schermo – control desktop
  26. Proprietà Schermo – desk.cpl
  27. Dr. Watson – drwtsn32
  28. Driver Verifier Manager – verifier
  29. Visualizzatore Eventi – eventvwr.msc
  30. Trasferimento Guidato File e Impostazioni – migwiz
  31. Verifica Firma File – sigverif
  32. Trova Velocemente – findfast.cpl
  33. Firefox – firefox
  34. Opzioni Cartella – control folders
  35. Font – control fonts
  36. Cartella Font – fonts
  37. Gioco Free Cell – freecell
  38. Controlli Gioco – joy.cpl
  39. Criterio Gruppo (per xp professional) – gpedit.msc
  40. Gioco Hearts – mshearts
  41. Aiuto e Supporto – helpctr
  42. HyperTerminal – hypertrm
  43. Iexpress Wizard – iexpress
  44. Servizio Indicizzazione – ciadv.msc
  45. Connessione Guidata a Internet – icwconn1
  46. Internet Explorer – iexplore
  47. Proprietà Internet – inetcpl.cpl
  48. Proprietà Tastiera – control keyboard
  49. Impostazioin Protezione Locale – secpol.msc
  50. Utenti e Gruppi Locali – lusrmgr.msc
  51. Uscire da Windows – logoff
  52. Strumento di Rimozione Malware – mrt
  53. Microsoft Chat – winchat
  54. Microsoft Movie Maker – moviemk
  55. Microsoft Paint – mspaint
  56. Microsoft Syncronization Tool – mobsync
  57. Gioco Campo Minato – winmine
  58. Proprietà Mouse – control mouse
  59. Proprietà Mouse – main.cpl
  60. Netmeeting – conf
  61. Connessioni di Rete – control netconnections
  62. Connessioni di Rete – ncpa.cpl
  63. Connessioni Guidata Rete – netsetup.cpl
  64. Notepad – notepad
  65. Object Packager – packager
  66. Amministrazione Origine Dati ODBC – odbccp32.cpl
  67. Tastiera su Schermo – osk
  68. Outlook Express – msimn
  69. Paint – pbrush
  70. Proprietà Password – password.cpl
  71. Monitor Performance – perfmon.msc
  72. Monitor Performance – perfmon
  73. Opzioni Telefono e Modem – telephon.cpl
  74. Connessione Telefonica – dialer
  75. Gioco Pinball – pinball
  76. Opzioni Risparmio Energia – powercfg.cpl
  77. Stampanti e Fax – control printers
  78. Cartella Stampanti – printers
  79. Impostazioni Regionali – intl.cpl
  80. Editor del Registro di Sistema – regedit
  81. Editor del Registro di Sistema – regedit32
  82. Rubrica per la Connessione Remota – rasphone
  83. Desktop Remoto – mstsc
  84. Archivi Removibili – ntmsmgr.msc
  85. Richieste Operatore per Archivi Removibili – ntmsoprq.msc
  86. Griuppo di Criteri Risultante (per xp professional) – rsop.msc
  87. Scanner e Macchine Fotografiche – sticpl.cpl
  88. perazioni Pianificate – control schedtasks
  89. Centro Sicurezza – wscui.cpl
  90. Servizi – services.msc
  91. Cartelle Condivise – fsmgmt.msc
  92. Chiusura Windows – shutdown
  93. Souni e Periferiche Audio – mmsys.cpl
  94. Gioco Spider – spider
  95. Utilità di rete Configurazione SQL – cliconfg
  96. Editor di Configurazione di Sistema – sysedit
  97. Utilità di Configurazione di Sistema – msconfig
  98. Informazioni di Sitema – msinfo32
  99. Proprietà di Sistema – sysdm.cpl
  100. Task Manager – taskmgr
  101. TCP Tester – tcptest
  102. Telnet Client – telnet
  103. Gestione Account Utente – nusrmgr.cpl
  104. Utility Manager – utilman
  105. Rubrica Windows – wab
  106. Utilità Importazione Rubrica Windows – wabmig
  107. Windows Explorer – explorer
  108. Windows Firewall – firewall.cpl
  109. Windows Magnifier – magnify
  110. Windows Management Infrastructure – wmimgmt.msc
  111. Windows Media Player – wmplayer
  112. Windows Messenger – msmsgs
  113. Protezione del Database Account Windows – syskey
  114. Windows Update – wupdmgr
  115. Versione di Windows – winver
  116. Tour Guidato Windows XP – tourstart
  117. Wordpad – write

Come Velocizzare avvio e chiusura di Windows Xp
Ci sono diversi metodi per rendere piu' rapido e veloce l'avvio e la chiusura (shutdown) di Windows Xp.
Mediante delle piccole modifiche al registro
E' possibile rendere piu' veloce l'avvio e la chiusura (shutdown) di Windows Xp apportando delle piccole modifiche al registro di windows.
Cliccare su Start > Esegui e digitare regedit
Cercare la seguente chiave e cliccarci sopra una volta:
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop
Nel pannello di destra modificare i valori delle chiavi:
HungAppTimeout con 2000
WaitToKillAppTimeout con 5000
Cercare ora la seguente chiave e cliccarci sopra una volta:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control
Nel pannello di destra modificare il valore della chiave:
WaitToKillServiceTimeout con 3000
E' possibile diminuire ancora un po' questi valori, ma senza esagerare!
Nel caso si voglia ripristinare i valori di default, essi sono:
HungAppTimeout = 5000
WaitToKillAppTimeout = 20000
WaitToKillServiceTimeout = 20000

Windows Xp: come disabilitare il messaggio “Il computer potrebbe essere esposto a rischi”
Ho notato che nella maggior parte dei pc con Windows Xp installato appare sempre nella taskbar in basso a destra il messaggio “Il computer potrebbe essere esposto a rischi” , una cosa che mi ha infastidito non poche volte . Allora mi sono messo all'opera per cercare la soluzione e l'ho trovata !
E molto semplice disabilitarla basta seguire questi semplici passaggi:
Start-->Pannello di controllo-->Centro sicurezza PC
“Cambiare la modalità con cui il Centro di Sicurezza PC avvisa l’utente”. A questo punto ti viene mostrata un’altra finestra.
Togli il segno di spunta a tutte le voci proposte in questa finestra e infine clicca ok
Nel caso dovesse ancora apparire il messaggio dovremo agire più radicalmente :
Start-->Esegui
Scriviamo “services.msc” (senza le virgolette)
Premendo ok apparirà una finestra
Impostiamo nel menu a tendina l’opzione “Tipo di avvio” sul valore “Disabilitato”
Clicchiamo su applica e poi ok e riavviamo il computer !
Finalmente sarete liberi da ciò

La versione di Windows sul Desktop
Con una modifica del registry si visualizza sul desktop la versione di Windows XP
Start - Esegui - Regedit
portatevi nella chiave
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop
Cercate la voce chiamata PaintDesktopVersion ed impostarla ad 1 (se non esiste, create un nuovo valore di tipo DWORD). Effettuate logoff, al logon successivo troverete le info sul desktop in basso a destra.

Aprire velocemente le console

Nome Console Descrizione
LUSRMGR.MSC Gestione utenti e gruppi locali (Local Users and Groups)
FSMGMT.MSC Gestione cartelle condivise (Shared folder)
EVENTVWR.MSC Visualizzatore eventi (Event Viewer)
DEVMGMT.MSC Gestione periferiche (device Manager)
DISKMGMT.MSC Gestione disco (Disk Manager)
DFRG.MSC Utility di deframmentazione (Defrag Utility)
SERVICES.MSC Gestione Servizi (Services)

Creare un backup delle impostazioni delle connessioni
Tutti i dati riguardanti le connessioni di rete sono racchiusi in un file RasPhone.pbk che è possibile trovare nella cartella c:\documents and settings\All Users\Dati Applicazioni\Microsoft\Network\Connections così basterà copiare questo file e avremo tutte le impostazioni di rete al sicuro, pronte per essere poi rimesse al proprio posto in caso di fomattazione, che il file rimanga danneggiato, oppure potremo portarle direttamente su un altro pc.

Inversione (Swap) drive floppy A con drive floppy B (USB)
Start Regedit and find:
My Computer\HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\MountedDevices.
Under that you will see a \DosDevices\B:
Select the entry and press F2 (or Rt click and choose rename)
Rename to \DosDevices\A:
Make sure if you have an entry for A: that you rename that one to B:
Now what ever the drive letters are that you will see just change the drive letters to something else like x or z first then cnage it back to the letter you want or else microsoft windows will conflict and not work ok thanks.

Attivare subito la modalità stand-by
In Windows XP tenere premuto il tasto Maiusc mentre si fa click su Start - Spegni computer: apparirà l'icona Stand-by, su cui fare click.

Disabilitare la modalità di sospensione
In Windows XP aprire opzioni risparmio energia nel pannello di controllo e nella scheda sospensione disabilitare l'opzione Attiva sospensione.

I file sono nascosti così bene, che non li vedo più
Mi sono accorto che da Risorse del computer \ Strumenti \ Opzioni cartella \ Visualizzazione spunto la voce Visualizza cartelle o file nascosti, applico la modifica e chiudo la schermata di Opzioni cartelle. In Esplora risorse, però, non c'è traccia dei file nascosti. Torno allora nella finestra di configurazione delle cartelle e mi accorgo che in realtà l'opzione non è più attiva. Insospettito da ciò, eseguo una scansione dell'hard disk con Kaspersky Antivirus installato nel computer e aggiornato alle ultime definizioni. Viene individuato il virus Not-Worm.Win32.kido.fm, ma dal programma della kastersky non mi viene proposta alcuna azione per rimuoverlo. Può è un malfunzionamento di Windows?
Dagli indizi che emergono sembra proprio che i problemi siano tra loro correlati: alcuni virus, infatti, impediscono proprio la visualizzazione dei file nascosti nel tentativo di rendere più difficoltosa l'identificazione dell'infezione e la sua successiva rimozione. In questo caso, sembrerebbe che abbiamo a che fare con il worm Conficker, una brutta bestia che ha già mietuto parecchie vittime in passato. Se così fosse, vuol dire che il sistema non è stato aggiornato con la patch di sistema rilasciata da Microsoft proprio per cercare di porre un argine alla diffusione dell'infezione. La prima cosa che bisogna fare, quindi è instalare l'aggiornamento dopo averlo scaricato dal sito http://technet.microsoft.com/en-us/security/bulletin/ms08-067. Dopodichè, rimuovi il virus utilizzando il tool di rimozione KidoKiller rilasciato proprio da Kaspersky. Il programma non richiede installazione: è sufficiente avviarlo, eseguire la scansione dell'hard disk e attendere che completi la sua opera di bonifica del sistema. Al termine, potrebbe essere necessario correggere anche alcune chiavi di registro modificate dal worm.
Regidit e individuiamo la seguente chiave di registro:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced
e cliccare 2 volte con il mouse sul corrispondente valore REG_DWORD "HIDDEN". Nella schermata Modifica valore che appare digita 1 nel campo Dati valore. Se dovessere essere presente anche il valore RAG_SZ "HIDDEN", eliminalo selezionandolo con il tasto destro del mouse e scegliendo l'opzione Elimina dal menu contestuale che appare. Poi vai sulla chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced\Folder\Hidden\SHOWALL
clicca due volte sul valore REG_DWORD "CHECKEDVALUED" e impostarlo su 1. Anche in questo caso, elimina il valore REG_SZ "CHECKEDVALUE" se presente
Chiudi l'editor del registro di configurazione. Adesso dovresti riusccire a vedere i file nascosti senza riscontrare più problemi.

Windows libero da CTFMON
Uno dei processi di sistema che pesa, pressochè inutilmente, sul sistema operativo, è ctfmon.exe. Ha la responsabilità del riconoscimento vocale e grafico e, all'occorrenza, è preposto al cambio di layout della tastiera. Se non avete bisogno di continuare a cambiare lingua, potete chiudere questo processo, aumentando considerevolmente l'agilità del vostro pc.
Espandere il CTFMON-Remover e lanciare il tool. Quest'ulitmo indica immediatamente se il fastidioso processo è in esecuzione nel vostro computer. Basta fare click su Deactivate CTFMON.exe: windows incomincerà ad obbedire più rapidamente ai vostri comandi.
The CTFMON-Remover supports the following operating systems:
Windows 98
Windows ME
Windows 2000
Windows 2003 Server
Windows XP
Windows Vista
http://www.gerhard-schlager.at/en/projects/ctfmonremover/ - http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1923665

Windows Installer mi blocca il computer
Ho dei programmi, tipo Office 2000, che vorrei disinstallare per installare versioni più recenti. Seguendo la procedura normale di disinstallazione, però, compare un messaggio in cui mi si informa che l'impostazione di sistema lo vieta. Ho quindi provato all'avvio del computer a premere F8 per eseguire la stessa operazione, ma anche in Modalità Provvisoria è stato impossibile accedere al servizio Windows Installer. In più, a video compare un messaggio d'errore che mi informa che ciò può verificarsi quando Windows Installer non è stato installato correttamente. Potete indicarmi come procedere per risolvere questo fastidioso problema? Sul PC è installato Windows XP.
Dal menu Start / Esegui in Windows XP (si tratta di un problema che si presenta solo su questa versione del sistema operativo) digitiamo %windir%\system32, premiamo Invio e prendiamo nota del percorso del file MsiExec: dovrebbe essere C.\windows\system32\msiexec.exe. Accediamo al registro di configurazione (da start / esegui - regedit) individuiamo la chiavi HKEY_LOCAL_MACHINE\Sistema\CurrentControlSer\Servizi e selezioniamo la voce MSIServer. Nel riquadro a destra clicchiamo con il tasto destro del mouse sul valore ImagePath e selezioniamo l'opzione Modifica dal menu contestuale che appare. Nella casella Dati valore digitiamo il percorso del file precedentemente segnato, quindi clicchiamo ok e riavviamo in modalità provvisoria. Da start - esegui usiamo il comando msiexec /regserver. In alternativa possiamo provare a reinstallare Windows Installer. Sempre da Start / Esegui digitiamo %windir%\system32 e premiamo invio. Quindi diamo i seguenti comandi seguiti da invio.
attrib -r -s -h dllcache
ren msi.dll msi.old
ren msiexec.exe msiexec.old
ren msihnd.dll msihnd.old
Completate queste operazioni, scarichiamo Windows installer e reinstalliamolo (http://www.microsoft.com/it-it/download/details.aspx?id=8483).

Aggiungere indicatori di riempimento alle icone dei dischi
A partire da Windows Vista, Esplora risorse visualizza graficamente accanto ad ogni icone delle unità disco la percentuale di riempimento, consentendo di capire subito quanto spazio è disponibile e quanto occupato. Si vorrebbe poter disporre di questa funzione anche in Windows.
E' possibile implementare la nuova visualizzazione grafica usata da Vista e 7 anche in XP, tramite il freeware Vista Drive Icone, disponibile all'indirizzo http://drvicon.sourceforge.net/
Installare l'utility seguendo la procedura guidataa. L'utility non dispone di un'interfaccia, ma può essere integrata in Esplora risorse e avviata automaticamente. L'indicatore di riempimento è rappresentato da icone graduate, specifiche per i dischi fissi e le unità removibili. Queste icone si trovano di default nella cartella C:\Programmi\VistaDriveIcone\Icons. Se lo si desidera, è anche possibile modificare queste icone singolarmente tramite un programma grafico. Se in futuro si vorranno eliminare le icone graduate tornando a quelle di XP, basterà disinstallare l'utility tramite la voce Uninstall all'interno della cartella del programma.

Usare schede SDXC anche in Windows XP
Le schede SDxc utilizzano il file system ExFat, sviluppato da Microsoft in particolare per le unità di memoria flash. Questo file system è necessario per poter utilizzare schede di capacità superiori a 32 GB. WIndows 7 supporta l'ExFat di default, mentre Windows Vista lo supporta a partire dal Service Pack 1. Se si utilizza Windows XP, si deve installare una patch che si può scaricare gratuitamente all'indirizzo: http://support.microsoft.com/kb/955704. Altrimenti all''inserimento della scheda apparirà un messaggio che richiede di formattarla, cui ovviamente si deve rispondere No o Cancella, per non perdere tutte le fotografie già presenti sulla scheda.

Primo soccorso per XP (Fixmbr-Fixboot-Bootcfg /rebuild)
Può capitare per i più svariati motivi, di non poter più accedere a Windows XP.
Motivi per cui il disco potrebbe non essere più bootabil/di avvio, oppure che l'installazione non venga trovata per problemi al file boot.ini oppure che ci siano problema al MBR.
Gli errori più noti risolvibili con questo medoto sono:
1) "Tabella delle partizioni non valida"
2) "Errore nel caricamento del sistema operativo"
3) "Sistema operativo mancante"
4) "Errore lettura da disco"
5) "NTLDR mancante"
6) "NTLDR compresso"
7) "File Boot.ini non trovato o danneggiato"
8) "Boot.ini non aggiornato"
Se vuoi provare la soluzione mirata gli errori segnalati in rosso (1, 2, 3) sono risolvibili da col fix mbr, quelli in blu (4, 5, 6) da fix boot mentre quelli in verde (7, 8) da bootcfg /rebuild.
La procedura risolutiva più generica è la sequenza di questi comandi utilizzati tramite la console di ripristino presente nel cd di Windows XP oppure in Sardu, o in UBCD4Win. Una volta che hai impostato il boot da cd o usb e sei arrivato alla riga dei comandi della console di ripristino di XP digita i seguenti comandi oppure solo quello che ti interessa per la risoluzione mirata:
- fixmbr (batti invio) (salta questo comando se utilizzi un bootloader diverso da quello di XP)
- fixboot (conferma con S se console in italiano o Y se in inglese e batti invio)
- bootcfg /rebuild (e batti invio)
- attendi il rilevamento delle installazioni
- premi S alla successiva domanda
- quando ti chiede di inserire l'identificatore scrivi Windows XP provvisorio
- quando ti chiede di inserire l'identificatore di caricamento batti invio
- rimuovi il cd e digita exit e batti invio per uscire e riavviare
- al successivo riavvio, se non ci sono altri problemi, ti chiederà con che windows partire, tu scegli Windows XP provvisorio (se hai usato bootcfg /rebuild)
Se hai usato il comando bootcfg /rebuild a questo punto non ti resta che sistemare il file boot.ini lasciando solo la stringa corretta. Quello sotto è un esempio di boot.ini con un solo Windows nel disco 0 e partizione 1
[boot loader] timeout=30 default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS [operating systems] multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /noexecute=optin /fastdetect
Dopo avere eseguito la sequenza di comandi il file boot.ini diventa così
[boot loader] timeout=30 default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS [operating systems] multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /noexecute=optin /fastdetect multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP provvisorio
In questo caso la parte iniziale della stringa multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1) è identica quindi puoi lasciare tranquillamente la riga già esistente cancellando quella appena creata con il comando bootcfg /rebuild ossia multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP provvisorio Se invece la prima parte della stringa fosse diversa sostituisci provvisorio con la versione del tuo XP e aggiungi /noexecute=optin /fastdetect ed alla 3° riga sostituisci l’indirizzo corretto che c’era nella riga di Microsoft Windows XP provvisorio.

Avvio rapido
Non si spegne completamente il pc, ma si seleziona la modalità di risparmio energetico. A questo scopo, in Windows XP si può scegliere tra lo stand-by (S3) e la sospensione (S4). Nel caso dello stand-by, o Supend to Ram, Windows scrive lo stato attuale del sistema nella memoria e il computer riceve corrente solo dalla linea a 5 volt. Con S4, invece, lo stato del sistema raggiunge l'hard disk e il computer si spegne. Per avviare con la massima rapidità la scelta giusta è S3, e anche se S4 necessita di un po' meno corrente, è pur vero che impiega più tempo a recuperare i dati dall'hard disk e trasferirli alla memoria. Se cliccate su Start e poi su Arresta il sistema, XP mostra anche la modalità di risparmio energetico Standby. Grazie ad essa si mette Windows a riposo, mentre per risvegliarlo basta premere la barra spaziatrice (o, spesso, anche il tasto di accensione) Se preferite invece metterlo in sospensione, potete farlo tramite pannello di controllo: tra le opzioni risparmio energia cliccate su sospensione e attivate l'opzione attiva sospensione.

La cartella Documenti si apre da sola
All'avvio del sistema operativo Windows XP, si carica automaticamente la cartella Documenti. Ho seguito alcune procedure di verifica. Ho visto in esecuzione automatica, ho controllato nel menu avvio del comando msconfig, ho cercato anche qualche voce nel registro attraverso il comando regedit. Non ho trovato niente che mi potesse aiutare. Chiudendo la cartella documenti all'avvio il PC funziona normalmente. Il problema però sta iniziando a preoccuparmi perché la stessa cosa sta succedendo su altri PC. Ho timore di qualche virus o trojan. Potete aiutarmi in qualche modo?
Il dubbio del virus te lo puoi togliere con una semplice scansione antivirus da modalità provvisoria; la causa più probabile di quel comportamento, piuttosto comune, è però un’altra. Un programma (accade anche con i software Norton) ha alterato la voce Userinit.exe nel registro. Entraci (scrivi regedit da Start/Esegui), poi trova la chiave HKEY_ LOCAL_ MACHINE\SOFTWARE\ Microsoft\Windows…\
CurrentVersion\Winlogon, Quindi, nella finestra di destra cerca il valore Userinit e fai doppio click. In dati valore cancella quanto appare e digita C:\WINDOWS\system32\userinit.exe, (virgola finale inclusa). Se hai installato Windows in un'altra partizione (per esempio D: invece di C:), cambia il valore di conseguenza

Lista dei comandi possibili da impartire da Esegui...
Impostazioni e utility del sistema
CERTMGR.MSC - gestione certificati utente
CIADV.MSC - servizio di indicizzazione
CLICONFG - utilità di rete del client di SQL server
CLIPBRD - visualizza il contenuto degli appunti
CMSTP - programma di installazione profilo connection manager
COMP - confronta il contenuto di due file o di gruppi di file
COMPMGMT.MSC - gestione computer
CONTROL USERPASSWORDS2 - account utenti avanzato
CONTROL ADMINTOOLS - strumenti di amministrazione
CONTROL COLOR - proprietà schermo
CONTROL DESKTOP - proprietà desktop
CONTROL FOLDERS - proprietà cartella
CONTROL FONTS - cartella caratteri
CONTROL INTERNATIONAL - opzioni internazionali e della lingua
CONTROL KEYBOARD - proprietà tastiera
CONTROL MOUSE - proprietà mouse
CONTROL NETCONNECTIONS - connessioni di rete
CONTROL PRINTERS - stampanti
CONTROL TELEPHONY - opzioni modem telefono
CONTROL USERPASSWORDS - account utenti
DDESHARE - strumento per la creazione e gestione di condivisioni DDE
DCOMCNFG - servizi componenti
DFRG.MSC - strumento per la deframmentazione
DEFRAG C: -B - riorganizzazione facilitata dei files tramite Prefetching
DEVMGMT.MSC - gestione periferiche
DIALER - connessione telefonica
DISKMGMT.MSC - gestione disco
DRWTSN32 - dottor Watson
DXDIAG - diagnostica directx
EUDCEDIT - editor di caratteri personalizzati
EVENTVWR - visualizzatore eventi
FSMGMT.MSC - condivisione cartelle
GPEDIT.MSC - criteri di gruppo (solo con XP Professional e successivi)
HELPCTR - avvia guida in linea e supporto tecnico
HYPERTRM - avvio di hyper terminal
IEXPRESS - procedura guidata che permette di creare archivi autoestraenti e autoinstallanti
IRFTP - collegamento senza fili
JETCOMP - database compact utility
LABEL - crea cambia o elimina l'etichetta di volume di un disco
LUSRMGR.MSC - gestione utenti locali e gruppi
MMC - Microsoft Management Console
MSCONFIG - utilità configurazione Microsoft
MSINFO32 - Microsoft System Information
MSINFO32 /? - opzioni della riga di comando per Microsoft System Information
MSINFO32 /COMPUTER BIGSERVER - visualizzazione di Microsoft System Information da un computer remoto
MSINFO32 /MOSTRACATEGORIE - lista delle categorie di Microsoft System Information (in italiano)
MSINFO32 /NFO C:\NOME CARTELLA\CONFIG.NFO - creazione di un file nfo sulla configurazione del computer
MSINFO32 /PCH - cronologia del sistema da Microsoft System Information
MSINFO32 /REPORT C:\NOME CARTELLA\CONFIG.TXT - creazione di un file txt sulla configurazione del computer
MSINFO32 /REPORT C:\NOMECARTELLA\CONFLICTS.TXT /CATEGORIES +COMPONENTSPROBLEMDEVICES+RESOURCESCONFLICTS+RESOURCESFORCEDHARDWARE - creazione di un file txt sui conflitti presenti nel sistema
MSINFO32 /SHOWCATEGORIES - lista delle categorie di Microsoft System Information (in inglese)
NETSH DIAG GUI - diagnosi delle connessioni di rete
NTMSMGR.MSC - gestione archivi rimovibili
NTMSOPRQ.MSC - richiesta operatore su gestione archivi rimovibili
PERFMON - prestazioni del pc
RASPHONE - connessione di rete
REGEDIT - registro di sistema
REGEDT32 - registro di sistema
REGSVR32 /U [nome libreria] - disabilitazione di una libreria
REGSVR32 [nome libreria] - registrazione di una libreria
RTCSHARE - apre una sessione per la condivisione di applicazioni RTC
SECPOL.MSC - impostazioni di sicurezza (solo con XP Professional e successivi)
SERVICES.MSC - servizi del sistema
SHUTDOWN -s -t 00 - arresto sistema
SYSTEMINFO - informazioni sul sistema (solo con XP Professional e successivi)
SYSEDIT - apre in modifica tutti i file critici del sistema (AUTOEXEC.BAT, CONFIG.SYS, WIN.INI, SYSTEM.INI)
SNDVOL32 - controllo volume
TASKLIST - lista dei processi attivi (solo con XP Professional e successivi)
TASKKILL - termina i processi su macchine remote
TASKMGR - task manager windows
TCMSETUP - guida all'installazione del cliente di telefonia
TELNET - telnet
VERIFIER - utilità diagnostica dei drivers di sistema
WIAACMGR - acquisizione guidata immagini
WBEMTEST - tester di strumentazione gestione windows
WINCHAT - utility per chattare della microsoft
WINVER - mostra la versione di windows installata sul pc
%APPDATA% - apre C:\Documents and Settings\nome utente\Dati applicazioni
%SYSTEMROOT%\SYSTEM32\RESTORE\RSTRUI.EXE - avvio di ripristino configurazione di sistema

Esecuzione programmi e file
CALC - calcolatrice
CLEANMGR - pulitura disco
CMD - prompt dei comandi
DVDPLAY.EXE - Windows Media Player
EXCEL - Excel
EXPLORER - avvia Esplora Risorse
MOZILLA - browser Mozilla
MPLAYER2.EXE - MediaPlayer 6.4 spartano e leggero
MSPAINT - Paint
NERO - Ahead Nero
NOTEPAD C:\BOOT.INI - visualizzazione boot.ini
OSK - tastiera su schermo
WINWORD - Word
WIN.INI - visualizzazione win.ini

Cartelle accessibili da esegui
AppPatch
Config
Connection Wizard
Cursors
Debug
Downloaded Installations
Downloaded Program Files
Driver Cache
Inf
Media
Offline Web Pages
PCHEALTH
Prefetch
Pss
Registration
Repair
Sendto
ServicePackFiles
system
system32
Tasks
In pratica è possibile accedere da ESEGUI a tutte le cartelle che si trovano nella directory WINDOWS.

Ripristino dei file protetti e di sistema con SFC
(se i file mancano o sono corrotti sarà necessario inserire il disco di xp per la loro sostituzione)
SFC /CACHESIZE=X - delimita i parametri , in Mb, della cache del Windows File Protection.
SFC /PURGECACHE - rimuove la cache del Windows File Protection file cache ed esegue una scasione immediata per inserire i nuovi dati
SFC /REVERT - ripristina il valore di default di SFC
SFC /SCANBOOT - esegue la scansione dei file protetti e di sistema ad ogni avvio del computer
SFC /SCANNOW - esegue una scansione immediata di tutti i file protetti
SFC /SCANONCE - esegue per una volta sola la scansione dei soli file protetti

Varie
RunDll32 advpack.dll,LaunchINFSection %windir%\INF\msmsgs.inf,BLC.Remove - disinstallazione di Messeger
Rundll32.exe advapi32.dll,ProcessIdleTasks - maggiore potenza del processore ciò libererà i programmi in idle che lavorano in background, così Windows XP potrà avere più risorse libere. Questo processo può durare anche 15 minuti.
[Lettera CD Rom]:\i386\winnt32.exe /cmdcons Recovery Console - in caso di crash o gravi problemi che impediscono il corretto funzionamento di Windows 2000/XP, si ricorre alla Recovery Console. La si può installare nel menu d'avvio di Win2000/XP in modo che venga copiata sull'hard disk e sia immediatamente accessibile tramite il menu di boot.
Rundll user32.dll,LockWorkStation - nei sistemi 2k e XP serve a bloccare il pc da intrusioni. Per riaccedere bisogna reinserire la password.

Comandi eseguibili dal prompt (START-ESEGUI-cmd)
DRIVERQUERY - elenco dei drivers installati (solo con XP Professional e successivi)
FSUTIL BEHAVIOR - interroga e modifica l'insieme dei parametri di comportamento del file system
FSUTIL DIRTY - interroga ed imposta i bit dirty
FSUTIL - FILE ricerca, imposta e crea file
FSUTIL FSINFO - interroga e acquisisce informazioni su volume e file system
FSUTIL HARDLINK - crea collegamenti
FSUTIL OBJECTID - crea, elimina, modifica ed interroga l'ID di un file
FSUTIL QUOTA - gestione quote
FSUTIL REPARSEPOINT - gestione punti di nuova analisi
FSUTIL SPARSE - controlla ed imposta i file di tipo sparse
FSUTIL USN - gestione usn
FSUTIL VOLUME - interroga i volumi
RECOVER - recupera file da un'unità danneggiata o difettosa (un file alla volta)
TASKLIST /SVC - mostra i processi attivi con relativi servizi da cui dipendono (solo con XP Professional e successivi)

Problemi allo Spooler di stampa (spoolsv.exe)
Cosa fare quando lo spooler di stampa di Windows da problemi:
1. Verificare che sia attivo il servizio RPC.
2. Riavviare il servizio: start-esegui-services.msc-spooler di stampa-riavvia
3. Il problema può essere dovuto ad alcuni file danneggiati all’interno della cartella
%windir%\System32\spool\PRINTERS
Cancellare tutti i file presenti all’interno della cartella e riavviare il servizio.
4. Verificare che il file spoolsv.exe sia presente nella directory
c:\windows\system32
5. Start-esegui-regedit
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Servic es\Spooler
Verificare che il valore di ImagePath abbia il percorso:
%SystemRoot%\system32\spoolsv.exe
6. Nella chiave di registro citata in precedenza: Click destro su ImagePath, elimina, poi modifica nuovo>valore stringa espandibile nominarla ImagePath e come percorso
C:\WINDOWS\system32\spoolsv.exe
7. Copiare il file dalla cartella nascosta
C:\WINDOWS\system32\dllcache\spoolsv.exe
in
C:\WINDOWS\system32\
8. Start-esegui
sfc /scannow
inserire il cd di windows e proseguire con le indicazioni che compaiono a schermo
9. SOLUZIONE DRASTICA
Cleanspl.exe: Spooler Cleaner (http://honestpchelp.com/2011/cleanspl-exe-print-spooler-cleaner/)
Spooler Cleaner (CleanSpl) is a GUI tool that restores the print spooler to its original state. It deletes all print jobs, printers, printer drivers, and spool files on a specified local or remote server.
Scaricare i Windows Server Resource Kit Tools (a seconda del s.o.) e lanciare il comando sopra citato. Questa soluzione è tanto invasiva quanto risolutiva, vi risparmia una reinstallazione del sistema.
10. Se il problema persiste consultare una scansione antimalware (spybot, superantispyware, malwarebytes!

Impossibile avviare windows poichè il file manca o è danneggiato \windows\system32\config\system
Dopo un giorno di duro lavoro arrivate a casa, accendete tranquillamente il vostro PC è vi esce una schermata con scritto:
“impossibile avviare windows poiché il file manca o è danneggiato \windows\system32\config\system”
Non allarmatevi il problema si può risolvere in meno di 5 minuti.
Occorrente:
Una copia di Windows Xp ( originale ovviamente va anche bene )
5 minuti di pazienza
Soluzione
Subito dopo aver accesso il PC dovrete entrare nel BIOS della scheda madre per fare ciò ci sono diversi tasti per entrare quello più comune è “Canc” che si trova sopra le frecce direzionali della tastiera.
Dopo essere entrati nel BIOS, posizionatevi su boot
Boot device priority
Impostate il vostro lettore come unità primaria
Uscite salvando le modifiche
Inserite il cd di windows, ad un certo punto chiederà di “premere una tasto per avviare da cdrom” premete invio
Aspettate il caricamento dei file
Premete R
Selezionate la partizione dove è installato il sistema operativo ( in predefinito è “1″ )
Inserite la password dell’account se richiesto
Ora scrivete “cd repair” (senza apici) e premete invio
Scrivete “copy system c:\windows\system32\config” (sempre senza apici)
Vi chiederà se si deve sostituire il file scrivete si e premete invio
Infine scrivete Exit per uscire togliete il cdrom di Windows e il sistema operativo si avvierà con successo
Unico problema e quello di dover reinstallare i driver delle periferiche, sempre meglio di doveri reinstallare il sistema operativo

Riparare Windows XP
Premesse
Spesso Windows XP riesce "da solo" a risolvere i suoi e nostri problemi. Ma quando si rovina qualche file di sistema, spesso a causa di ripetute mancanza di alimentazione, si ricorre quasi sempre alla formattazione dell'Hard disk. ...perchè??
Possiamo dire con certezza che il più delle volte si puo' ripristinare il corretto funzionamento del sistema in modo indolore e senza perdita di dati.
Vediamo come ..."passo-passo".
- Accedere al menu di Avvio di Windows XP
Per accedere al menu di avvio di XP basta seguire le seguenti istruzioni:
- Avviare il Computer
- Subito dopo la schermata del BIOS tenere pressato il tasto 'F8'
...ecco che appare il menu di Avvio di XP con le seguenti Opzioni:
- Modalità provvisoria
- Modalità provvisoria con supporto di Rete
- Modalità provvisoria con Prompt dei Comandi
- Abilita Modalità di Debug
- Avvia in modalità VGA
- Ultima Configurazione Funzionante
- Console di Ripristino
....
- 1 Primo Tentativo di Recupero
Avviare con "Ultima configurazione funzionante"
XP cercherà di avviare il sistema con i files di Avvio più recenti. Cioè i Files dell'ultimo "Arresto di Sistema" andato a buon fine.
Solitamente per i problemi meno "gravi" questa operazione farà ripartire il vostro XP.
Se così non fosse ...Andiamo Avanti al punto successivo.
- 1a Windows si avvia ..ma continua a dare "problemi"
Se Windows si è avviato ma vi sono, per esempio, diversi "servizi" di base che non funzionano, ci viene in aiuto l'utility di Controllo dei File di Sistema (SFC). SFC consente il controllo e l'eventuale ripristino dei file di sistema danneggiati o sovrascritti da altre applicazioni. In pratica il comando che andremo ad utilizzare non fa altro che eseguire un scansione dei file "essenziali" al sistema operativo (file di sistema e servizi di base), ne controlla l'eventuale modifica e quindi ripristina i file originali prelevandoli dal CD di installazione o da un percorso alternativo.
NB. Prima di procedere procurarsi il disco di installazione di XP
Digitare da Start -> Esegui o da Prompt dei comandi DOS il seguente comando
SFC /SCANNOW
Si avvierà l'utility di controllo dei File di Sistema. Dopo qualche minuto vi sarà richiesto l'inserimento del disco di installazione di XP.
Se tutto va a buon fine NON verrà visualizzato nessun messaggio. Ma vi consiglio di RIAVVIARE il sistema.
Se i problemi continuano ..andiamo al punto successivo.
- 2 Secondo Tentativo di Recupero
Tentare il "Recupero file corrotti tramite Console di Ripristino"
Dal bios impostare il lettore cd-rom come prima unità della sequenza di boot, quindi avviare il pc con il cd di installazione di XP inserito e procedere all'avvio del sistema da cd.
Nella videata delle scelte selezionare R per avviare la CONSOLE DI RIPRISTINO.
Per l'elenco dei comandi si veda sul sito Microsoft al seguente Link
Oppure digitate HELP dal Prompt dei comandi.
- Dal Prompt dei comandi Selezionare l'installazione di Windows ed inserire la password fornita in fase di installazione (Invio per nessuna password)
- Quindi digitare il seguente comando:
CHKDSK /F /R
la funzione cercherà i file corrotti e tenterà il loro recupero. L'operazione potrebbe richiedere alcuni minuti (in base al numero di file corrotti e alle dimensioni del Vs. Hard disk)
- Al termine dell'operazione Togliete il CD di installazione di XP e Riavviate il Sistema digitando il comando:
EXIT
Se il sistema continua a NON funzionare correttamente.. Andiamo al punto successivo.
- 3 Terzo Tentativo di Recupero
"Riparare il Settore di BOOT o i files di avvio (ntldr o ntdetect.com)"
Se i file di sistema ntldr o ntdetect.com sono danneggiati, possimo sostituirli con i file presenti sul CD di Windows XP.
Vediamo Come:
- Inserite il CD di XP e avviate la Console di Ripristino (Punto 2)
- Al Prompt dei comandi digitate le seguenti istruzioni (dove X è la lettera del vs. CD-Rom)
COPY X:\i386\NTLDR C:
COPY X:\i386\NTDETECT.COM C:
- Al termine dell'operazione Togliete il CD di installazione di XP e Riavviate il Sistema digitando il comando:
EXIT
Se il sistema continua a NON funzionare correttamente proveremo a Ripristinare il file BOOT.INI:
- Inserite il CD di XP e avviate la Console di Ripristino (Punto 2)
- Al Prompt dei comandi digitate la seguente istruzione
BOOTCFG/REBUILD
- Verranno richieste ulteriori informazioni e conferme : nell'ordine digitare:
s (che sta per "SI") poi il nome del sistema operativo (Windows Xp) ed
infine,all'ultima richiesta digita "n".
- Al termine dell'operazione Togliete il CD di installazione di XP e Riavviate il Sistema digitando il comando:
EXIT
Se il sistema continua a NON funzionare correttamente dovremo Ripristinare il settore di BOOT:
- Inserite il CD di XP e avviate la Console di Ripristino (Punto 2)
- Al Prompt dei comandi digitate la seguente istruzione
FIXBOOT
- Alla domanda se confermare rispondete con il tasto 'Y'
Se il sistema continua a NON funzionare correttamente.. Andiamo al punto successivo.
4 Quarto Tentativo di Recupero
Tentare di "Riparare l'installazione di XP"
L'unico lato negativo di questa procedura è che si perdono i service pack e gli aggiornamenti installati successivamente. Tuttavia, un lato più che positivo è che tutti i programmi installati resteranno intatti!!
Dal bios impostare il lettore cd-rom come prima unità della sequenza di boot, quindi avviare il pc con il cd di installazione di XP inserito e procedere all'avvio del sistema da cd.
- Alla schermata di Setup pressare il tasto 'ENTER'(Invio)
- La schermata successiva verrà visualizzata la Licenza del prodotto pressare il tasto 'F8' per procedere
- Successivamente vi è la schermata più importante (**ATTENZIONE!**), qui ci viene chiesto se installare Ex-novo XP o RIPARARE una precedente installazione.. Bene! Selezionate l'installazione da riparare (con le frecce su-giù) e pressate il tasto 'R'
- A questo punto il Setup copierà sul disco i files necessari e si RIAVVIERA automaticamente
- Al Riavvio vi verrà chiesto "Pressa qualsiasi tasto per Avviare il Sistema da CD-Rom"
..NON PRESSATE ALCUN TASTO ed ecco che partirà il Setup di XP.
Alla fine del Setup il Vostro Sistema e tutti i programmi installati resteranno intatti, purtroppo perderemo solamente i Service Pack e gli aggiornamenti non presenti nel CD-Rom di XP.
Se il sistema continua a NON funzionare correttamente... Andiamo alla pagina successiva.
5 Quinto Tentativo di Recupero
"Procedura manuale di Recupero del Registro di Sistema"
(Riferimento: Guida Microsoft KB307545)
Se siamo arrivati a questo punto, il problema è più grave del previsto. Le cause possono essere tante e i messaggi saranno del tipo ''impossibile avviare windows poichè manca o è rovinato il file \WINDOWS\SYSTEM32\CONFIG\SYSTEM'' (o SOFTWARE).
''System'' e ''Sofware'' fanno parte dei registri di sistema e il loro danneggiamento ne impedisce l'avvio o il corretto funzionamento.
NB. Data la complessità delle operazioni da eseguire si consiglia l'utilizzo ad utenti Avanzati o con particolare dimestichezza in ambiente MS-Dos.
Dal bios impostare il lettore cd-rom come prima unità della sequenza di boot, quindi avviare il pc con il cd di installazione di XP inserito e procedere all'avvio del sistema da cd.
Nella videata delle scelte selezionare R per avviare la CONSOLE DI RIPRISTINO.
Per l'elenco dei comandi si veda sul sito Microsoft al seguente Link
Oppure digitate HELP dal Prompt dei comandi.
- Dal Prompt dei comandi Selezionare l'installazione di Windows ed inserire la password fornita in fase di installazione (Invio per nessuna password)
- Quindi create una cartella Temporanea che chiameremo TMP digitando il seguente comando:
MD TMP
- Copiate ora nella cartella i 5 files di sistema con i seguenti comandi:
copy c:\windows\system32\config\system c:\windows\tmp\system.bak
copy c:\windows\system32\config\software c:\windows\tmp\software.bak
copy c:\windows\system32\config\sam c:\windows\tmp\sam.bak
copy c:\windows\system32\config\security c:\windows\tmp\security.bak
copy c:\windows\system32\config\default c:\windows\tmp\default.bak
- Copiati i files si procede alla loro cancellazione dalla cartella originaria con i seguenti comandi:
del c:\windows\system32\config\system
del c:\windows\system32\config\software
del c:\windows\system32\config\sam
del c:\windows\system32\config\security
del c:\windows\system32\config\default
- Al loro posto si copiano i 5 files presi dalla cartella REPAIR con i seguenti comandi:
copy c:\windows\repair\system c:\windows\system32\config\system
copy c:\windows\repair\software c:\windows\system32\config\software
copy c:\windows\repair\sam c:\windows\system32\config\sam
copy c:\windows\repair\security c:\windows\system32\config\security
copy c:\windows\repair\default c:\windows\system32\config\default
- Concluse le operazioni sopra indicate, Togliete il CD di installazione di XP e Riavviate il Sistema digitando il comando:
EXIT
NOTE: Se preferite potrete copiare le 16 righe dei comandi sopra elencate in un FILE di testo che chiamerete per Es. REGCOPY1.TXT ed eseguirlo direttamente tramite procedura Batch all'avvio della console di ripristino tramite il seguente comando:
BATCH REGCOPY1.TXT
ll comando batch della Console di ripristino di emergenza consente di elaborare in sequenza tutti i comandi contenuti in un file di testo. L'utilizzo del comando batch evita di dover digitare manualmente un numero elevato di comandi.
Se tutto è stato eseguito in modo corretto, XP dovrebbe riavviarsi senza problemi e avremo concluso la prima sessione di Recupero.
- Avviato XP, va ricordata la password data durante l'installazione
- Portatevi in ESPLORA RISORSE, scegliete STRUMENTI e quindi OPZIONI CARTELLA
- Fate click su VISUALIZZAZIONE e selezionare VISUALIZZA CARTELLE E FILE NASCOSTI
- Deselezionare NASCONDI I FILE PROTETTI DI SISTEMA e confermate la scelta con OK. (Vedi Fig.)
- Quindi selezionate il disco in cui è installato il sistema operativo.
- Qui troveremo la cartella SYSTEM VOLUME INFORMATION
- Se non riuscite a visualizzare la cartella o i files in essa contenuti occorre fare riferimento all'articolo http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;it;309531 per risolvere il problema.
- All'interno della cartella troverete altre cartelle del tipo "restore{codice_alfa_numerico}"
- Se possibile selezionatene una che non abbia la data e l'ora di quel momento e visualizzatene il contenuto
- Al suo interno ci sono una o piu' cartelle che iniziano con RP. Questi sono i "punti di ripristino" creati in precedenza durante l'utilizzo di Windows XP.
- Utilizzate la cartella più recente (meglio utilizzare una cartella di qualche giorno prima).
- Aprirla ed individuare la cartella SNAPSHOT.
- Da questa cartella vanno copiati nella cartella TMP creata precedentemente i seguenti files:
_REGISTRY_USER_.DEFAULT
_REGISTRY_MACHINE_SECURITY
_REGISTRY_MACHINE_SOFTWARE
_REGISTRY_MACHINE_SYSTEM
_REGISTRY_MACHINE_SAM
- Chiudete tutte le finestre e Riavviate il Sistema.
- Inserite nuovamente il cd di installazione di XP, procedere all'avvio del sistema da cd e ripetere le operazioni per accedere alla Console di Ripristino.
- Cancellate i seguenti files con i relativi comandi:
del c:\windows\system32\config\sam
del c:\windows\system32\config\security
del c:\windows\system32\config\software
del c:\windows\system32\config\default
del c:\windows\system32\config\system
- Copiate questi altri con questi comandi:
copy c:\windows\tmp\_registry_machine_software c:\windows\system32\config\software
copy c:\windows\tmp\_registry_machine_system c:\windows\system32\config\system
copy c:\windows\tmp\_registry_machine_sam c:\windows\system32\config\sam
copy c:\windows\tmp\_registry_machine_security c:\windows\system32\config\security
copy c:\windows\tmp\_registry_user_.default c:\windows\system32\config\default
- Concluse le operazioni sopra indicate, Togliete il CD di installazione di XP e Riavviate il Sistema digitando il comando:
EXIT
NOTE: Se preferite potrete copiare le 10 righe dei comandi sopra elencate in un FILE di testo che chiamerete per Es. REGCOPY1.TXT ed eseguirlo direttamente tramite procedura Batch all'avvio della console di ripristino tramite il seguente comando:
BATCH REGCOPY1.TXT
ll comando batch della Console di ripristino di emergenza consente di elaborare in sequenza tutti i comandi contenuti in un file di testo. L'utilizzo del comando batch evita di dover digitare manualmente un numero elevato di comandi.
- Portatevi su START, TUTTI I PROGRAMMI , ACCESSORI , UTILITA' DI SISTEMA e quindi su RIPRISTINO CONFIGURAZIONE DI SISTEMA
- Qui Ripristinate l'ultima configurazione funzionante e ....il Vs. Windows XP dovrebbe ripartire e funzionare come prima!!
- Controllate tutte le periferiche installate, programmi, connessioni ecc. per essere sicuri che il ripristino abbia portato la macchina alla piena funzionalità ed efficienza.
- Terminati i controlli e solo dopo essersi accertati che tutto sia tornato alla normalità, Ricreate subito un punto di ripristino relativo a questo momento.

Protezione del database degli account.
Chi dispone di Windows XP deve sapere che è possibile aggiungere un ulteriore livello di sicurezza al sistema operativo con la funzione chiamata "Protezione del database degli account di Windows XP".
Con questa opzione si possono cifrare gli account di sistema e salvare la chiave crittografata su di un disco.
Se questo disco non è disponibile, non sarà consentito accedere al sistema operativo, anche se si conosce username e password.
Ecco come procedere:
nel menu Esegui digitare il comando "syskey.exe".
Apparirà una finestra nella quale premeremo il pulsante Aggiorna.
Si aprirà una nuova finestra dove ci verrà richiesto se vogliamo salvare la chiave sul disco oppure su di un Floppy.
Sceglieremo la seconda opzione e da questo momento per entrare nella schermata di Avvio, dovremo inserire questo floppy nell'unità; in caso contrario, non potremo accedere al sistema.

Riabilitare i suoni di Windows tramite un file reg.
Di seguito verrà illustrato come, creando un file da integrare nel file di registro di Windows, si abilitano i suoni di sistema di Windows.
Aprire un file di testo vuoto e incollare le seguenti stringhe:
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Sound]
"Beep"="yes"
Salvare con nome a caso, ma con estensione .reg. Dopodiché lanciare il file .reg appena creato per abilitare i suoni di Windows.

Ripristinare sul desktop l’icona di Internet Explorer.
Se per errore si è cancellata l’icona di Internet Explorer sul desktop, ecco di seguito illustrata la procedura per poterla ripristinare.
Entrare in Pannello di Controllo, scendere sino alla voce Schermo, con CTRL+Tab spostarsi alla scheda Desktop, quindi tab successivi fino ad arrivare al pulsante Personalizza desktop e premerlo con spazio.
Si troverà una casella di controllo da attivare per visualizzare l'icona di explorer sul desktop, attivarla con spazio.
Molto più semplicemente si può anche aprire il menù Avvio o Start, spostarsi con le frecce su programmi quindi freccia destra, con freccia giù focalizzare la voce Internet Explorer, aprire il menù contestuale, andare sul menù "invia a" e dare invio su "desktop crea collegamento".

Windows XP: ridurre il tempo necessario per la chiusura del sistema.
Il team di sviluppo di Windows XP ha risposto con numerosi sforzi per rendere più rapido l'avvio di Windows XP.
Per chiudere la sessione di lavoro, invece, è possibile che il sistema operativo impieghi più tempo:
questo tip dovrebbe aiutarvi a migliorare le cose.
Avviate l'Editor del registro di sistema (Start , Esegui... , REGEDIT) quindi portatevi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_CURRENT_USER\CONTROL PANEL\DESKTOP
Nel pannello di destra dovreste trovare la stringa AutoEndTasks.
Solitamente il valore di default è impostato a 0: in tal caso modificatelo (cliccandoci due volte sopra con il tasto sinistro del mouse) e inserite come valore 1.
L'unica cosa che dovrete aver cura di verificare è che il valore della stringa HungAppTimeout sia maggiore di quello indicato in WaitToKillAppTimeout:
modificate, quindi, il valore di WaitToKillAppTimeout a 3500 (questo perché i valori di default sono 5000 e 20000, rispettivamente, per HungAppTimeout e WaitToKillAppTimeout).

Rimuovere definitivamente i programmi dal pannello Installazione Applicazioni.
Grazie ad una modifica nel Registro di Sistema è possibile rimuovere definitivamente i programmi dal pannello Installazione applicazioni già disinstallati.
Infatti spesso, anche se abbiamo già disinstallato un software, esso può risultare ancora all'interno del pannello Installazione applicazioni.
Per cancellare definitivamente questa voce, aprite il registro di sistema e portatevi nella chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\CurrentVersion\Uninstall. Qui cancellate le voci che fanno riferimento a software già disinstallati. Scompariranno di conseguenza anche nel pannello Installazioni applicazioni.
Per uscire dal registro premere alt più F4.

Rinominare un gruppo di file.
Ecco di seguito illustrata la procedura per rinominare tutti i file di una cartella. Rinominare significa oltre che cambiare il nome del file, ne può essere cambiata anche la sola estensione.
Aprire il blocco note e copiare le seguenti righe:
@echo off
Cls
ren *. *.mp3
Uscire dal file e salvare, attribuendo al file di testo il nome desiderato.
Ora il file si chiamerà, per esempio:
tuo nome.txt
rinominarlo in:
tuo nome.bat
copiare il file nella cartella cd1 ed eseguirlo.
Ora copiare il file tuo nome.bat nell’altra cartella denominata cartella cd2 ed eseguirlo.
Ecco dunque che la fase di rinomina di gruppi di file è completata.

Riprendere il controllo sul registro di sistema di Windows.
Alcuni malware applicano una modifica alla configurazione di Windows che di fatto impedisce l'editing del registro di sistema. Se l'Editor del registro (Start, Programmi, REGEDIT) non si avvia, pur utilizzando un account utente dotato dei diritti di amministratore, è molto probabile che il personal computer sia infetto da malware.
Il software Malwarebytes' Anti-Malware è capace non solo di rimuovere le infezioni ma anche di ripristinare la corretta configurazione di molte aree del sistema operativo.
Nel caso in cui non fosse comunque possibile accedere al registro di Windows mediante l'uso di REGEDIT, suggeriamo – in prima istanza – di provare ad accedere alla finestra “Criterio di gruppo”. In Windows XP/Vista (versioni “Home” escluse) tale finestra di configurazione può essere richiamata digitando il comando gpedit.msc in Start, Esegui... Cliccando sulla sezione Configurazione utente, modelli amministrativi, Sistema, si noterà – nel pannello di destra – la presenza della voce Impedisci accesso agli strumenti di modifica del registro di sistema.
Facendo doppio clic su tale voce quindi selezionando l'opzione Non configurata o Disattivata quindi confermando la propria scelta mediante la pressione del pulsante OK, si dovrebbe riuscire a riprendere il controllo sull'Editor del registro di Windows.
In alternativa è possibile ricorrere al seguente comando: REG add HKCU\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\System /v DisableRegistryTools /t REG_DWORD /d 0 /f (da avviarsi dal Prompt dei comandi).
L'indicazione finale “``/f``” richiede la sovrascrittura del valore del registro specificato dopo “``/v`` ”, senza richiedere conferma da parte dell'utente. Il valore DWORD viene impostato a zero (“``/d``”).
Ancora, è possibile scaricare ed utilizzare – in alternativa – il file .vbs: esso si fa carico di applicare la stessa modifica presentata in precedenza. Si tenga presente che alcuni software antimalware, dopo aver fatto doppio clic sul file .vbs, potrebbero indicarlo come potenzialmente pericoloso. Si tratta di un messaggio di allerta da ignorare che viene mostrato solamente perché lo script .vbs effettua modifiche su un'area critica del sistema operativo.
Il programma freeware XP Security Console, prelevabile dalla seguente pagina:
http://www.dougknox.com/xp/utils/xp_securityconsole.htm
aiuta spesso a risolvere molte problematiche correlate all'applicazione di restrizioni da parte dei malware. Per rimuovere le limitazioni, è sufficiente avviare l'applicazione e cliccare sul pulsante Apply. Il software è compatibile solo ed esclusivamente con i sistemi Windows XP.

Ripristinare autoplay per le porte USB.
La Microsoft ha rilasciato un tool, che una volta installato, verifica se qualche applicazione ha disattivato l’autoplay su alcune porte USB e ne effettua la riattivazione.
Anche se l'interfaccia grafica è in inglese, funziona anche con il sistema operativo in lingua italiana.
Il seguente link è stato accorciato con un apposito servizio presente sul web, ma in realtà riporta ad una pagina del download center di Microsoft:
http://urlin.it/178f2
In alternativa ecco il link diretto, che permette di scaricarlo direttamente sul PC:
http://download.microsoft.com/download/2/3/2/2326455e-a840-4c61-bc28-3afa1820b240/AutoFix.exe

Ripristinare i driver del lettore DVD.
Se il lettore DVD, per un motivo non meglio definito, non viene più riconosciuto dal sistema, basta andare nel Pannello di Controllo, scendere con le frecce sino alla voce Sistema e dare invio, dalla finestra di dialogo multi scheda, scegliere hardware.
Al primo posto si trova il pulsante gestione periferiche e premere invio. Premere Tab, dalla visualizzazione ad albero, con le frecce verticali scegliere lettore CD/DVD.
Con la freccia destra aprire e scegliere con freccia giù il proprio lettore/masterizzatore DVD e premere invio.
Si aprirà una ulteriore multi scheda. Dalla scheda Driver, scegliere ripristina driver ed eseguire la re installazione del driver.
Se dopo aver riavviato il sistema, il lettore non viene ancora riconosciuto, ripetere la procedura a partire dall’inizio, ma quando viene aperta la scheda driver, disinstallare il driver e confermare.
Chiudere tutte le finestre e riavviare il computer. Windows si riavvierà e se il lettore/masterizzatore DVD non è guasto, dovrebbe essere riconosciuto nuovamente.

Ripristinare la modalità provvisoria.
Sono in circolazione molteplici malware (uno tra tutti il diffuso virus Bagle, onnipresente sui circuiti peer-to-peer) che disattivano la possibilità di accedere alla "modalità provvisoria" di Windows (pressione ripetuta del tasto F8 al boot del sistema).
Questi malware cancellano un'intera chiave del registro di sistema disabilitando di fatto la modalità provvisoria (al suo posto, di solito, compare una schermata blu).
Il perché la modalità provvisoria venga disattivata è semplice: utilizzandola è possibile fare in modo che il sistema operativo carichi solo ed esclusivamente file e driver di periferica strettamente necessari. Avviando Windows in modalità provvisoria è quindi di solito possibile evitare il caricamento delle componenti correlate al funzionamento di malware (virus, rootkit, trojan e così via), procedendo alla loro eliminazione da questo contesto.
Per riattivare la modalità provvisoria, è possibile ricorrere ad un trucco di immediata applicazione. E' sufficiente infatti scaricare questo file dalla seguente URL:
http://www.techportal.it/dl/SafeBoot.zip
compresso , aprirlo e fare doppio clic sul file .reg corrispondente alla versione di Windows in uso.
I file proposti sono tre: uno destinato agli utenti di Windows XP aggiornato al Service Pack 3 (SafeBoot_Windows-XP-SP3.reg), uno per i sistemi Windows XP SP2 (SafeBoot_Windows-XP-SP2.reg) ed infine un terzo per Windows 2000 Professional Service Pack 4 (SafeBoot_Windows-2000-SP4-Pro.reg).
Si dovrà poi rispondere affermativamente alla domanda Si desidera aggiungere i dati contenuti in nomedelfile.reg al registro? shots/safeboot_0908_01 La chiave di registro SafeBoot, che consente di accedere alla modalità provvisoria e che deve essere sempre presente
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet \Control\SafeBoot
contiene semplicemente una lista di riferimenti a driver di periferica e servizi che Windows deve caricare all'avvio della modalità provvisoria. In caso di presenza sul proprio sistema di rootkit o malware particolarmente aggressivi, è possibile che il file SafeBoot.zip non risulti scaricabile.
In tal caso, alla comparsa della finestra del browser per il salvataggio del file, modificatene il nome, ad esempio, in sb.zip. In alternativa, create un file con estensione .reg sul disco a partire dai seguenti file: sb_XP-SP3.txt, sb_XP-SP2.txt e sb_2000-SP4-Pro.txt , a seconda della versione di Windows da voi installata.
La chiave "SafeBoot" del registro di Windows consta a sua volta di due sottochiavi: Network e Minimal. All'interno delle due chiavi sono specificati gli elementi da caricare, rispettivamente, nella versione della modalità provvisoria con e senza supporto di rete. Per inciso, quindi, chi volesse evitare il caricamento di un driver di periferica o di un servizio specifico da modalità provvisoria, può eliminare la chiave corrispondente dall'interno delle sezioni Network e Minimal (è comunque sempre caldamente consigliato effettuare un backup completo della chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet \Control\SafeBoot
(tasto destro su SafeBoot quindi Esporta). Nel caso di infezioni malware, riattivando la modalità provvisoria con il trucco qui illustrato, riavviando il sistema premendo ripetutamente il tasto F8 quindi eseguendo uno strumento gratuito come Combofix sarà possibile eliminare tutte le infezioni più comuni. Combofix deve essere ovviamente scaricato prima di ricorrere alla modalità provvisoria. Suggeriamo sempre di non salvare questo strumento con il nome di default (ovvero combofix.exe) perché molti malware sono in grado di rilevarne la presenza sul sistema ed inibirne il corretto funzionamento. Molto meglio rinominare il file in qualcosa come abcde.exe salvandolo quindi sul desktop di Windows.
Da modalità provvisoria basterà ricorrere al comando Start, Esegui …
"%userprofile%\desktop\abcde.exe" /killall
per eliminare tutte le infezioni maggiormente ricorrenti.

Ripristinare nel menù contestuale la voce: Invia a - Destinatario posta.
Se accidentalmente, dovesse scomparire dal menù contestuale la voce Invia a destinatario posta, seguire i passi appresso illustrati per ripristinare la situazione.
- Aprire un documento vuoto del blocco note;
- Copiare e incollare il testo compreso tra gli asterischi, escludendo questi ultimi;
- Chiudere con ALT+F4, rispondere Si alla richiesta di salvataggio, inserire un nome a caso e dare invio;
- Portarsi sul file appena salvato, rinominarlo con F2, quindi cambiare l’estensione del file da .txt a .reg;
- Lanciare il file .reg, dando invio su di esso, per applicare le modifiche al registro.
** Inizio testo da copiare **
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Clients\Mail\Outlook Express]
"DLLPath"=hex(2):25,00,50,00,72,00,6f,00,67,00,72,00,61,00,6d,00,46,00,69,00,\
6c,00,65,00,73,00,25,00,5c,00,4f,00,75,00,74,00,6c,00,6f,00,6f,00,6b,00,20,\
00,45,00,78,00,70,00,72,00,65,00,73,00,73,00,5c,00,6d,00,73,00,6f,00,65,00,\
2e,00,64,00,6c,00,6c,00,00,00
@="Outlook Express"
** Fine testo **

Se Windows non si spegne.
Windows, prima di spegnere il PC, fa una serie di controlli e se qualche processo "tarda" a comunicare l'ok, rallenta lo spegnimento.
Solitamente uno dei maggiori responsabili del rallentamento è la cancellazione del file di swap.
Come ovviare al problema? Basta agire sul registro di Windows. Dal menù Start, invio su Esegui, quindi scrivere regedit e dare invio.
- Verificare che sul computer in uso non sia disattivata la voce relativa allo svuotamento del file di Swap. Di norma il file di scambio su disco non viene cancellato, ma potrebbe essere stato installato un tool che lo abbia fatto.
- Aprire il registro di sistema, Start, Esegui, regedit e invio.
- Navigare sino a trovare la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Session Manager\Memory Management
- con Tab spostarsi sulla visualizzazione ad elenco, dove selezionare la voce "ClearPageFileAtShutdown". Quindi premere il menù contestuale e dare invio su "Modifica". Se il valore è impostato su 1, sostituirlo con 0. La modifica sarà attiva solo dopo il riavvio del PC.
- Navigare nel registro di Windows sino a raggiungere la chiave:
[HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop]
Scorrere la lista sino ad evidenziare la voce "AutoEndTasks". Se questa non esiste, dal menu Strumenti, Modifica, Nuovo, creare una nuova stringa, nominarla "AutoEndTasks" ed assegnarle il valore "1".
Scorrere la lista e raggiungere la stringa "HungAppTimeout", modificarne il valore attuale portandolo a "500".
Scendere sino alla stringa "WaitToKillAppTimeout" e modificarne il valore assegnato portandolo a "2500".
Se non dovesse bastare, portarsi sulla chiave:
[HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop]
Premere Tab e portarsi nell’elenco sulla destra, raggiungere la chiave “power off” ed impostarne il valore su “1”.
Riavviare il sistema.

Robocopy: copiare e sincronizzare file e cartelle.
Tra le utility poco pubblicizzate già integrate in Windows Vista ed in Windows Server 2008 vi è Robocopy. Questa utilità basata su riga di comando mette a disposizione decine di possibilità per la copia di file e cartelle.
Per ottenere l'elenco degli "switch" utilizzabili, è sufficiente digitare il comando: ROBOCOPY /? dopo aver aperto il prompt (nel box Inizia ricerca in basso a sinistra è sufficiente scrivere cmd e premere il tasto Invio).
Il comando robocopy /? | more consente di visualizzare più comodamente le opzioni applicabili.
Robocopy supera di gran lunga le funzionalità offerte dal classico "XCOPY" dato che può essere impiegato, ad esempio, per configurare operazioni di sincronizzazione di file e cartelle. L'opzione /PURGE consente di eliminare dalla cartella di destinazione i file e le sottocartelle che non sono più presenti nella cartella di origine mentre /MON e /MOT permettono di monitorare la locazione sorgente, rispettivamente, avviando di nuovo l'operazione specificata qualora venissero rilevate un certo numero di modifiche od eseguendola automaticamente dopo un certo numero di minuti.
/MAX e /MAXAGE, invece, consentono rispettivamente di escludere dall'operazione indicata i file di dimensioni superiori a quelle specificate o di non prendere in considerazione file più vecchi di una certa data.
Robocopy offre comunque decine di opzioni aggiuntive: per maggiori informazioni, è sufficiente far riferimento al suo help.
Coloro che volessero utilizzare Robocopy in Windows XP od in Windows Server 2003 devono necessariamente scaricare il pacchetto aggiuntivo Windows Server 2003 Resource Kit Tools
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyID=9d467a69-57ff-4ae7-96ee-b18c4790cffd&displaylang=en
che contiene al suo interno anche l'utilità d'interesse.
Chi invece non fosse particolarmente avvezzo all'utilizzo della riga di comando, può scaricare Robocopy GUI
http://download.microsoft.com/download/f/d/0/fd05def7-68a1-4f71-8546-25c359cc0842/UtilitySpotlight2006_11.exe
un software che funge da interfaccia grafica. Attraverso le varie schede che il programma mette a disposizione, si possono definire cartella di origine e directory di destinazione, regolare le opzioni di copia, impostare dei filtri, mappare delle unità di rete ed abilitare la registrazione delle operazioni svolte.
Questa GUI per Robocopy permette anche di salvare sotto forma di file script le azioni indicate. In questo modo sarà possibile creare una libreria di script pronti per l'uso, utili per compiere operazioni ricorrenti di copia e sincronizzazione dei file e delle cartelle.
Il programma permette anche di conservare le impostazioni predefinite in modo tale che non debbano essere reinserite manualmente ad ogni successivo avvio dell'utilità.

Se Windows non ne vuole sapere di aggiornarsi.
Se Windows non ne vuole sapere di aggiornarsi attraverso Windows Update e la funzionalità Aggiornamenti automatici, esiste una procedura che consente di controllare le motivazioni del problema.
Come primo passo, è bene accertarsi di essere loggati sul sistema in uso con un account dotato di diritti amministrativi. Andando in menu avvio, Esegui ed invio, quindi, digitando C:\Windows\WindowsUpdate.log (dove C:\Windows deve essere sostituito con la cartella ove è installato il sistema operativo), si accederà al registro delle attività effettuate da Windows Update.
A questo punto, è necessario esaminare il contenuto del file di log alla ricerca di errori. In corrispondenza degli eventuali messaggi d'errore dovrebbe essere riportato un codice facente riferimento alla documentazione (Knowledge base) di Microsoft.
Individuato l'errore, facendo una ricerca all'interno della "Knowledge base", si potranno rilevare le indicazioni per la risoluzione del problema. In particolare, facendo riferimento a questa pagina: http://v4.windowsupdate.microsoft.com/troubleshoot/, dovrebbe essere possibile appurare le cause dell'errore.
Suggerimenti aggiuntivi per tentare di risolvere le problematiche legate al funzionamento di Windows Update e di "Aggiornamenti automatici", consistono nel controllare che la data e l'ora dell'orologio di sistema siano impostate correttamente e nel loggarsi con un altro account amministratore ripetendo l'operazione di aggiornamento (nel caso in cui non si dovesse disporre di un secondo account dotato di diritti amministrativi, si provveda a crearlo da
Pannello di controllo, Account utente).
Come "ultima ratio", si provi a richiedere l'aggiornamento del sistema riavviando Windows in modalità provvisoria (tasto F8 all'atto della fase di boot).
Altri approcci consigliati, sono trattati in questa pagina: http://www3.telus.net/dandemar/updtcl.htm

Windows 2000/XP: Backup completo di tutte le password.
In passato abbiamo descritto come le password utilizzate per accedere ad Internet da Windows 98 (password delle connessioni di Accesso remoto) vengano memorizzate all'interno dei file .PWL, nella directory di Windows. Le password possono essere ripristinate, a seguito di una reinstallazione del sistema operativo, semplicemente riportando i file .PWL - dei quali si era precedentemente fatta una copia di backup - nella posizione originale.
Windows 2000, Windows XP e Windows 2003 utilizzano una filosofia differente: tutte le informazioni relative ai dati personali per l'accesso ad Internet, per la consultazione della posta elettronica, per l'accesso a forum e servizi online (tutte le informazioni inserite nei form visualizzati nelle varie pagine web) vengono memorizzate nella chiave seguente del registro di sistema: HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Protected Storage System Provider
I dati, presenti all'interno di questa chiave, comunque, sono crittografati da parte di Windows in modo da impedirne l'immediata visualizzazione in chiaro. Per creare una copia di backup di tutte le informazioni memorizzate nella chiave Protected Storage System Provider, basta esportarne il contenuto servendosi dell'Editor del registro di sistema. E' sufficiente, infatti, fare così:
- Cliccare su Start, Esegui..., digitare REGEDIT, premere Invio.
- Portarsi in corrispondenza della chiave HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Protected Storage System Provider
- A questo punto, una volta selezionata la chiave Protected Storage System Provider, basterà fare clic sul menù File, quindi, sulla voce Esporta.
- Si apre la maschera per il salvataggio e bisogna digitare il nome del file .REG che dovrà ospitare tutto il contenuto della chiave.
Dopo aver provveduto ad una nuova installazione del sistema operativo, si potranno ripristinare immediatamente tutte le password personali facendo doppio clic sul file .REG creato in precedenza ed acconsentendo all'inserimento delle informazioni in esso contenute, all'interno del registro di Windows.
Per ripristinare le informazioni relative alle connessioni Internet impostate, è indispensabile creare una copia di backup (da utilizzare, per esempio, in caso di reinstallazione del sistema) anche del file RASPHONE.PBK: tale file dovrà essere ripristinato nella posizione originaria.
Immediatamente dopo aver compiuto questa operazione, si potranno ripristinare le password facendo doppio clic sul file .REG creato in precedenza e come spiegato sopra.
Il file RASPHONE.PBK risiede, generalmente, nella cartella seguente: \Documents and Settings\All Users\Dati applicazioni\Microsoft\Network\Connections\Pbk
Da tener presente che la cartella "Dati applicazioni" è nascosta quindi, per accedervi, dovrete renderla visibile selezionando Strumenti , Opzioni cartella... , Visualizzazione quindi attivate l'opzione Visualizza cartelle e file nascosti.
A questo punto potete copiare il file RASPHONE.PBK, ad esempio, su un floppy disk, in modo che, successivamente, dopo aver reinstallato il sistema operativo, possiate ripristinare le vostre connessioni senza difficoltà e senza perdite di tempo.
Il file RASPHONE.PBK andrà ripristinato, ovviamente, nella cartella \Documents and Settings\All Users\Dati applicazioni\Microsoft\Network\Connections\Pbk
Il programma gratuito Protected Storage PassView (prelevabile da questa pagina), consente di ottenere l'elenco completo delle password e di tutte le altre informazioni memorizzate da Windows nella chiave Protected Storage System Provider.
Il programma non necessita d'installazione, pesa appena 30 KB ed è eseguibile semplicemente facendo doppio clic sul file PSPV.EXE contenuto nel file zip compresso.
Va sottolineato che Protected Storage PassView si limita a mostrare le password relative all'account dell'utente che ha effettuato il login (non vengono quindi mostrate le password di altri utenti)

XP e L'ibernazione.
L'ibernazione è una ottima funzione di Windows XP che è "nascosta" nel dialog box dello shutdown.
La sospensione memorizza su disco un'immagine del desktop.
con tutti i file e i documenti aperti, e poi toglie corrente al computer, cioè lo spegne.
Quando si riaccende la macchina, i file e i documenti vengono riaperti sul desktop esattamente come li si era lasciati in precedenza. Per un computer portatile, la sospensione può contribuire a far durare più a lungo le batterie.
Lo standby invece, riduce il consumo di corrente del computer togliendo la corrente ai componenti hardware che non sono stati usati per un certo periodo.
Lo standby può togliere la corrente alle periferiche, al monitor, o perfino al disco rigido, ma mantenere l'alimentazione della memoria del computer così che il lavoro non vada perso.
Se si ha abilitata la funzione in questione si potrà agire in questo modo:
Per mettere manualmente il pc in ibernazione: Start , e dare invio su Spegni computer.
Premere contemporaneamente il tasto Shift.
Questo farà si che Stand By, diventera' Iberna o "Sospendi" dare invio su Iberna o Sospendi.
Per abilitare questa funzione sul computer fare in questo modo:
Bisogna innanzitutto loggarsi come Amministratore o un membro degli Amministratori o ancora come Power Users group.
Se il computer è connesso a una rete, i settaggi delle politiche della rete possono evitare questa procedura. andare su Start - Pannello di controllo Opzioni Risparmio energia.
Scegliere qui il Tab Sospensione e attivare l'opzione Se l'etichetta Sospensione non è disponibile, vuol dire che il computer (scheda madre) non permette di usare questa funzione.
A volte (caso raro)
può anche capitare che un computer sembri accettare la sospensione perché presenta la scheda Sospensione, ma poi, quando la si attiva e la si verifica, ci si accorge che in realtà non funziona e che, magari, il computer resta bloccato. In questo caso dopo averla disattivata, ci si dovrà ricordare di questa anomalia e non attivarla più.

Scannerizzare con xp.
Parliamo dunque di scannerizzazione. E precisamente di come svolgere questo compito senza spendere un euro in più. Non parlo di crack ma di una funzione contenuta nel pacchetto di Office xp.
Menu/avvio, programmi, Microsoft Office, strumenti di Office, document scanning. Si tratta ovviamente di navigare nei sottomenu. Invio su quest'ultima riga. Ecco la finestra come si presenta.
- Digitalizza nuovo documento.
- Selezionare un'impostazione predefinita per la digitalizzazione:
- Bianco e nero.
- Bianco e nero da pagina a colori.
- Colori.
- Gradazioni di grigio Digitalizza.
- Impostazioni predefinite.
- Scanner...Originale fronte-retro.
- Richiedi altre pagine ?
- Visualizza file dopo digitalizzazione
- Chiudi.
Si tratta ovviamente di fare le proprie scelte. Da qui si comandano le opzioni preimpostate.
Nell'incollare in formato testo la finestra, l'ho divisa in due con gli asterischi. La prima parte è un menu da esplorare con le frecce verticali; la seconda corrisponde a una serie di campi da percorrere con il tasto tab.
- Per avviare la scansione, basta premere il pulsante "digitalizza".
- Tuttavia, prima, assicuriamoci che siano attive le caselle: "Richiedi altre pagine?" e "Visualizza file dopo digitalizzazione".
Nel primo caso faremo in modo che, terminata la scansione di una pagina, il programma ci richieda se procedere con la pagina successiva.
Il cursore si trova già sul pulsante "continua", dunque barra spaziatrice per proseguire. Altrimenti, con tab, ci si sposta su "chiudi".
Nel secondo caso, terminata la scansione col pulsante "chiudi", a schermo appare il documento in puro formato grafico e dunque illeggibile per noi.
Premiamo insert+t e verifichiamo che la sintesi ci dica il nome di un file.tif seguito da "Microsoft Office document imaging". Se non lo dice o dice altro, cerchiamo il task tramite alt+tab oppure insert+f10. Messo a fuoco il document imaging, nel menu degli strumenti troviamo: "invia testo a Word". E' esattamente ciò che ci serve.
Nota: il file viene in effetti visualizzato in Word, ma si tratta di un file html che verrà salvato, tranne diversa impostazione, nei documenti e il nome sarà costituito dalle prime parole del documento. Se non piace, basta un salva con nome cambiando nome e formato.
In prima battuta, saremmo a posto così. Ma non posso non suggerirvi una simpatica modalità di rapido accesso al document scanning di Office. Torniamo al menu di cui sopra e scegliamo una modalità. Poi con tab ci spostiamo al pulsante "Impostazioni predefinite" e lo premiamo. Ecco il menu che appare:
- Crea nuova impostazione predefinita.
- Modifica impostazione predefinita selezionata.
- Elimina impostazione predefinita selezionata.
Pur essendo tutto chiaro, consiglio di guardare dentro la seconda: modifica. Qui, percorrendo con tab, giusto prima dell'OK, troviamo un "crea collegamento". Attiviamola e otterremo un collegamento sul desktop. La prossima volta ci basterà premere quello per sentir partire lo scanner. Ovviamente la modalità sarà quella che avremo scelto in fase d'impostazione.
E' possibile creare anche più di un collegamento. Ad esempio, uno per il bianco e nero normale e uno per il bianco e nero da pagina a colori, oppure anche uno per i livelli di grigio. La prossima volta sceglieremo direttamente dal desktop. Tutto questo funziona egregiamente per quanto riguarda il testo.
Ci sono dei limiti che però vanno sottolineati. Innanzitutto niente layout; quindi niente fine riga, fine pagina, ecc. In secondo luogo, occorre prudenza se si sta lavorando a un libro.
Infatti noi sappiamo che Finereader salva ogni pagina subito dopo la sua scansione. Document scanning no. Il che significa che, se il pc dovesse piantarsi per cause endogene o esogene, ovvero per colpa sua, vostra o della rete elettrica, dovrete ricominciare il lavoro daccapo. Invece io raccomando questa modalità per la lettura immediata di documenti non lunghi. Ad ogni modo, ognuno poi è padrone di affrontare i rischi come vuole.
Ad esempio, se proprio gli piacesse questo programma, potrebbe decidere, in corso d'opera, di salvare ogni tanto e poi montare il lavoro alla fine. Nei vostri rapporti professionali, può capitarvi di ricevere un documento sì di testo ma in formato immagine. E non parlo di pdf, ma di immagine tif. E' proprio l'immagine da cui parte il Document scanning.
Se lo avete aperto e usato la prima volta, da quel momento siamo certi che i files.tif verranno aperti da DS. Altrimenti usate la funzione "apri con". Dopo averci premuto invio, digitate insert+t e sentite cosa dice la voce. Se siete nel DS, andate nel menu strumenti e inviate a Word.
Se il programma vi dice che il documento non è stato riconosciuto e vi chiede di riconoscerlo, rispondete affermativamente. Da quel momento le cose stanno come detto sopra.

Xp eliminare il messaggio di software non originale?
In questo messaggio vi è sia la procedura manuale e sia un utility per rimuovere il controllo di MicrosoftDisattivare le notifiche WGA.
L'ultimo aggiornamento del Windows Genuine Advantage, installato con gli aggiornamenti di fine Giugno/inizio Luglio 2006, ha messo in crisi numerosi utenti che, loro malgrado, si sono trovati con una copia di Windows non autentica, magari dopo aver pagato il corrispettivo a rivenditori senza scrupoli.
Dopo questa installazione, l'utente riceve ad ogni accensione e ad intervalli di tempo non molto lunghi, l'avviso che il software non e' originale.
Si apre una finestra popup molto fastidiosa che fornisce l'avviso di software non originale e, solo all'avvio, occorre usare un pulsante per chiudere questa finestra ed avviare il sistema operativo.
Questo avviso, soprattutto all'avvio, diventa oltremodo fastidioso per chi utilizza tecnologia assistiva, perchè disorienta l'utilizzatore che, nella migliore delle ipotesi e' costretto ad eseguire manovre insolite per avviare il proprio PC.
Dopo una settimana circa, la Microsoft ha pubblicato sul proprio sito la modalità per evitare tale fastidioso inconveniente, disattivando il software che lo genera.
La procedura per poter disattivare due file del sistema operativo e' pubblicata sul sito Microsoft, ma si riportano di seguito i passi salienti e si danno i suggerimenti per poter eseguire quanto descritto per chi utilizza tecnologia assistiva.
Bisogna eseguire prima un controllo per verificare la versione di Windows Genuine Advantage installata e poi si passa, se e' il caso, alla disattivazione dei due file interessati.
Allora facciamo come segue:
1. Avviamo il computer utilizzando un account che dispone di privilegi di amministrazione.
2. Ci assicuriamo che la versione TNotifiche WGA esistente nel computer sia una versione pilota. Per verificare questo particolare, dobbiamo fare cosi':
a. Ci portiamo nel pannello di controllo, installa applicazioni ed invio.
b. Premiamo tab fino alla casella di controllo visualizza aggiornamenti ed attiviamo con la barra spaziatrice.
c. Tab fino all'elenco delle applicazioni installate e con freccia giu' troviamo la voce "Windows Genuine Advantage Notifications". Siccome e' una voce che si trova in fondo all'elenco, sarà fastidioso con freccia giù scorrere tutta la lista per trovarla.
Se volete fare prima, dovete avvalervi di un occhio in prestito e farlo fare con il mouse.
d. Selezionata questa voce, premiamo tab e ci ritroviamo sul pulsante "Informazioni sul supporto" che per chi usa Jaws viene letto:
"fare click qui per informazioni sul supporto", e premiamo barra spaziatrice.
e. Si apre una finestra con le indicazioni che abbiamo chiesto e bisogna esplorare lo schermo con il cursore del mouse per poter leggere la versione del software installata sul nostro computer.
Per chi usa Jaws, girare Jaws a pc, pagina su, tasto home e freccia giù per leggere riga per riga. Quando siamo sulla riga versione, seguita da un numero che facilmente Jaws leggerù come data, ci portiamo con control piu' freccia destra sul numero da leggere.
Il formato di versione per la versione pilota è il 1.5.0532.x, dove X e' un numero che va da 0 a 2.
In questo caso, e' possibile disinstallare solo le versioni comprese tra 1.5.0527.0 alla 1.5.0532.2, cosa non proprio chiara dal bollettino di informazioni della Microsoft.
Siccome la finestra che mostra il numero della versione, qualche volta non consente di raggiungere il pulsante chiudi, basta premere alt e, dal menu che si apre, scegliamo chiudi seguito da invio e avremo chiuso la finestra di informazione che avevamo aperto.
g. Ci ritroviamo di nuovo sul pulsante "Informazioni sul supporto" e con tab cerchiamo di nuovo la casella di controllo Mostra aggiornamenti, che disattiviamo con barra spaziatrice.
i. Chiudiamo con alt piu' F4 installa applicazioni e pannello di controllo.
3. Apriamo risorse del computer, disco C, disco dove si presume sia installato il sistema operativo, e ci portiamo all'interno della cartella:
Windows, System32.
In questa cartella, ammesso che si abbiano i privilegi di amministratore e che sono visibili file nascosti e di sistema, troveremo due file che dobbiamo rinominare.
Questi file sono:
WgaLogon.dll e WgaTray.exe.
Se non sono visibili le estensioni, portarsi nelle opzioni cartella e nella scheda visualizzazione, disattivare la voce nascondi estensioni per i tipi di file conosciuti.
Questi due file li rinomineremo in:
WgaLogon.old e WgaTray.old.
Personalmente, in un computer dove era installata la versione 1.5.00540.0, ho rinominato i due file ed al riavvio non si e' presentata la finestra popup per la notifica della genuinità del software.
Siccome non tutti hanno installato le versioni suddette, a cui fa riferimento Microsoft nelle sue pagine e nei suoi bollettini, qualora si intendesse rinominare lo stesso i due file, anche in presenza di versione non corrispondente a quelle suddette, se ne assume tutte le responsabilità, perchè non e' sicuro che si disattiva il Windows Genuine Advantage Notifications, come e' accaduto a me, ed inoltre potrebbero verificarsi anche altri problemi.
Alla prossima tornata, quando faremo il prossimo acquisto per un computer nuovo, occorre che ci facciamo furbi e ci facciamo dare le licenze del Sistema Operativo, con i relativi cd-rom di installazione, e non ci facciamo fregare da commercianti senza scrupoli che ci vendono per originale quello che poi si e' rivelato non esserlo.
Tutto quello sin qui scritto, non e' altro che quello che la Microsoft ha comunicato e che e' stato da me ripreso per dare una mano a chi e' meno pratico.
Qualora non si avessero i privilegi di amministratore, queste operazioni le dovra' eseguire l'amministratore del sistema.
RemoveWga:
utility per rimuovere il controllo di Microsoft
RemoveWGA_noxptheme.exe.
creato dalla Firewall Leak Tester, azienda che commercializza strumenti per provare la qualità e la sicurezza dei personal firewall.
RemoveWga impedisce a Microsoft di contattare quotidianamente i propri server per verificare l'autenticità di Windows:
un'azione che, pur intrapresa da tempo, solo da poco l'azienda di Redmond ha reso nota al grande pubblico.

Modificare il path della cartella i386.
A partire da Windows XP, Microsoft ha introdotto una funzionalità che davvero in tanti, soprattutto fra chi si occupa di assistenza tecnica oppure di amministrazione di sistema, auspicava da tempo. Al momento dell'installazione, la maggior parte dei driver e degli altri file di sistema presenti sul CD vengono copiati anche sul disco fisso, eliminando in molti casi la necessità di inserire il disco di installazione quando si aggiunge nuovo hardware oppure si aggiorna qualche driver di periferica, o ancora si modificano i componenti opzionali di Windows.
Se in talune occasioni questi file aggiuntivi occupano prezioso spazio su disco che può essere recuperato eliminando la cartella C:\WINDOWS\Driver Cache , nella maggior parte degli ambienti si tratta senza dubbio di una scelta vincente.
Nonostante le buone intenzioni però, l'implementazione della cosa non è proprio ottimale, e sono ancora molti i casi in cui viene mostrata la fastidiosa richiesta del CD di Windows. Per ovviare a questo problemino, è sufficiente effettuare manualmente sul disco fisso del computer, una copia della cartella i386 presente sul CD-ROM, ad esempio copiandola in c:\i386 oppure d:\WinCD eccetera. Resta però l'incognita di come impostare il Sistema Operativo per far si che ricerchi i file sulla nostra copia locale, senza richiedere alla bisogna l'inserimento del disco.
Il percorso della cartella in questione deve essere modificato via registro, agendo su due chiavi. Per fare la modifica, fare come segue:
- Menu avvio, esegui ed invio.
- digitare: regedit e quindi premere invio.
- Facciamo subito una copia del file stesso di registro: dal menu "file" scendendo troviamo "esporta", premiamo invio e sulla finestra di dialogo, diamo un nome e un luogo dove salvare una copia originale (non si sa mai!).
- Quindi con F3 si aprirà la maschera di ricerca nel file di registro.
- La prima chiave da cambiare è HKEY_LOCAL_MACHINE, Software, Microsoft, Windows NT, CurrentVersion, e modificare il valore SourcePath , specificando qui il percorso completo della copia locale di i386. Attenzione! La chiave interessata questa volta è "Windows NTCurrentVersion" e non la più frequente "WindowsCurrentVersion".
Questo però non è sufficiente: è necessario alterare allo stesso modo anche il valore SourcePath nella chiave HKEY_LOCAL_MACHINE, Software, Microsoft, Windows, CurrentVersion, Setup. Attenzione! In questo secondo caso la chiave interessata è "WindowsCurrentVersion" e non quella utilizzata prima.
Una volta ultimata questa operazione, il problema dovrebbe essere risolto del tutto, e la richiesta di inserire il CD di Windows dovrebbe sparire per sempre: una vera manna dal cielo per i PC portatili!

Windows XP: Memorizzare la dimensione delle finestre.
Con Windows XP capita a tutti di trovarsi di fronte al problema del ridimensionamento delle finestre.
Windows riesce a gestire per default solo 400 cartelle.
Ecco una modifica che sembra funzionare.
Aprire il Registro di Sistema, menu avvio, Esegui, scriviamo Regedit) e premiamo invio.
trovare la chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\ Microsoft\Windows\Shell.
Al suo interno creare un nuovo valore DWORD (Modifica - Nuovo - Valore DWORD) e premiamo invio). Chiamatelo BagMRU Size.
Stessa cosa per la chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\ Microsoft\Windows\ShellNoRoam.
diamo invio sopra ai due valori BagMRU Size appena creati e assegniamo un numero (in formato decimale) approssimativamente superiore al numero delle cartelle che possediamo sul nostro disco. Una media è indicata a 5000 ma potete aumentarlo almeno fino a 20000.
Chiudere il registro e riavviare il pc per rendere effettiva la modifica.

Le opzioni del programma shutdown in Windows xp.
Windows XP dispone al suo interno di un programma chiamato shutdown.exe (esattamente collocato nella cartella "system32") che permette di riavviare o spegnere rapidamente il personal computer. Per farlo partire, andate su menu avvio, Esegui ed invio. Digitate semplicemente : shutdown -s -t00. A questo punto il sistema verra' automaticamente chiuso.
Però, ci sono altre particolari opzioni che si possono utilizzare al comando "shutdown":
-l, disconnette l'utente corrente.
-s, arresta il sistema.
-r, riavvia il sistema.
-a, annulla un riavvio del sistema.
-f, forza la chiusura delle applicazioni in esecuzione senza preavviso.
-m, seguito dal nome del computer, specifica il computer che deve essere Arrestato.
-tNN, imposta il numero di secondi trascorsi i quali dovrà essere spento il computer (potete sostituire al posto di NN il numero di secondi).
-c, seguito da un testo (lungo max. 127 caratteri) racchiuso tra virgolette (ad esempio -c "testo del messaggio"), permette invece di specificare il messaggio che deve essere visualizzato nell'apposita area contenuta all'interno della finestra di arresto.
Attenzione al trattino che compone il comando da scrivere!

L'autoplay non funziona più.
Per ripristinare il funzionamento dell’autoplay procedere come appresso illustrato:
- dal menù Start, Programmi/Tutti i programmi, Accessori, premere il menù contestuale su Prompt dei comandi, quindi invio su Esegui come amministratore.
- Dal prompt dei comandi digitare “net start shellhwdetection” e premere INVIO.
- Riavviare il computer.

L'account nascosto.
Come su Windows XP, anche su Windows Vista è presente un account Amministratore che si crea automaticamente durante l’ installazione del sistema operativo. L’ account possiede tutti i poteri, anche più di quelli di un semplice account. Esso, una volta che voi create un account normale e personale, verrà nascosto e verrà usato come account di default; verrà poi oscurato e reso inaccessibile agli utenti.
Ma quest’ ultima affermazione per quanto veritiera sia, è anche falsa poiché esistono ben due metodi che ci permettono di attivare l’ account Amministratore. La prima procedura è la più facile ed immediata poiché si fa davvero in pochi click. Ecco illustrato come.
Cliccate su Start e digitate secpol.msc nella barra di ricerca; vi si aprirà il Local Security Policy e al seguente percorso Local Policies- Security Options, cercate la voce Accounts: Administrator account. Cliccateci sopra due volte con il tasto sinistro (alias dare invio), per attivare/disattivare l’account amministratore.
Riavviate il PC per attivare l’ account amministratore.
Un altro metodo, poco più complesso è sottocitato :
Aprite il prompt dei comandi come amministratore ( per fare ciò basta cliccare col destro e scegliere la voce “Esegui come”, scegli Amministratore ).
Fatto questo inserite il comando
“net user administrator /active:yes”
per attivare l’account Amministratore ( se volete disattivare account Amministratore basta sostituire a yes la parola no ).
Se inoltre volete inserire una password all’ account amministratore basta digitare il comando:
Net user administrator password
dove alla parola password va sostituita la password che volete.

Installare windows XP su una chiavetta USB.
Introduzione
Quante volte ci capita e ci tocca formattare, magari dovendo preoccuparci di fare anche dei backup? Abbiamo già visto come e con quali strumenti sia possibile salvare i dati del computer, ora vediamo come utilizzare uno strumento in più, utile proprio nei casi d'urgenza quando il computer si rifiuta di partire. ATTENZIONE: per poter seguire questa guida avete bisogno di un cd di Windows XP e della relativa licenza. La licenza dei sistemi operativi Windows permette l'utilizzo della copia del sistema operativo solamente sul computer con il quale è stato acquistato (parlo delle licenze OEM, quelle più diffuse per l'utenza normale). Quindi questa guida è applicabile solamente in casi di emergenza sul proprio computer; ogni utilizzo su computer diversi viola la licenza di utilizzo di Windows.
Materiale necessario
Per poter installare una copia di Windows funzionante occorre procurarsi il seguente materiale:
Il cd di Windows installato sul computer e la relativa licenza nLite per creare una versione "leggera" del sistema operativo (date prima un occhio a questa guida) Il pacchetto con i seguenti software: Disk Storage Format Tool Bart's PE Builder RAMDisk 5.0.2.2 PE2USB.cmd Una chiavetta USB almeno da 256 MB minimi a 2GB massimi.
Preparare il necessario
Formattare la chiavetta USB
La prima cosa da fare è quella di preparare la chiavetta USB. Dopo aver installato il programma Disk Storage Format Tool possiamo procedere con la formattazione, facendo attenzione a utilizzare FAT come FileSystem e disabilitando le opzioni Quick Format e Create a DOS startup disk. Una volta che la formattazione è completata ci conviene controllare che la chiavetta sia effettivamente avviabile. Per questa operazione dobbiamo copiare alcuni file di sistema nella chiavetta, quindi provare a riavviare il computer con la chiavetta collegata.
Copiare i file di sistema
I file che andremo a copiare nella chiavetta sono: Boot.ini Ntldr NTDetect.com Questi file si trovano nella cartella C:(o comunque la cartella radice della partizione o del disco su cui è installato il sistema operativo). Normalmente questi file sono nascosti; per renderli visibili basta aprire una cartella qualsiasi, selezionare Opzioni cartelladal menu Strumenti, quindi nel tab Visualizzazione deselezionare l'opzione Nascondi i file proteddi di sistema. Ora che i file sono visibili è possibile copiarli nella chiavetta (fate attenzione a non spostarli perchè altrimenti il computer non sarebbe più in grado di avviarsi).
Avviare il computer dalla chiavetta
Perchè il tutto sia avviabile dalla chiavetta, come premesso, è necessario che la scheda madre supporti questa funzione e che sia abilitata nel BIOS. Inoltre si deve disabilitare l'opzione Quick Boot (che in pratica è quella che avvia velocemente il computer mostrando solitamente il logo della scheda madre) e bisogna abilitare l'opzione USB Legacy Support Dopo essersi assicurati di avere questi requisiti, è possibile riavviare il computer. A questo punto, riavviando il computer dovrebbe essere possibile notare che il boot viene effettuato dalla chiavetta, fino a quando non compare un messaggio che indica che manca il file HAL. Se siamo arrivati correttamente fino a qui siamo a buon punto e abbiamo appurato che è possibile avviare il sistema da chiavetta USB.
Nota che Talvolta il mancato avvio dal boot è dovuto al fatto che la lettura delle periferiche USB richiede maggior tempo rispetto ad altre periferiche come hard disk, floppy o cdrom. Se la periferica non risponde per un certo tempo (timeout) l'avvio da USB non è possibile. Spesso nei vari BIOS è possibile impostare questo timeout; ovviamente ogni BIOS è diverso dagli altri, quindi è impossibile fornire percorsi precisi per le varie opzioni (è quindi necessario spulciare da soli queste opzioni). Una volta trovata l'opzione provate ad aumentare questo timeout e fate varie prove diminuendolo fino a trovare il valore ottimale. Notate tuttavia che questa opzione potrebbe non essere presente.
Preparazione del software da installare
Come abbiamo detto, lo scopo è quello di installare Windows XP su una chiavetta. Vien da se che normalmente Windows non può stare in una chiavetta USB, quindi seguite questa guida per creare una copia "leggera" del sistema operativo. Una volta che avete completato la procedura, dobbiamo preoccuparci di rendere Windows avviabile (infatti nLite crea solamente i file di setup per l'installazione ma non installa direttamente Windows); per questa operazione utilizzeremo il software Bart's PE Builder. Questo programma, oltre a installare Windows sulla chiavetta USB, è in grado di installare anche altri tool, i quali saranno disponibili nel sistema operativo finale. Da notare che questi programmi non sono i programmi normali (che occupano molto spazio) ma sono dei plugin; questi plugin sono reperibili qui. Una volta scaricati i plugin vanno copiati nella cartella Plugin nel percorso di installazione di Bart's PE Builder. Avviando quindi il programma è possibile selezionare i vari plugin da installare; tutti i plugin da installare devono trovarsi nella cartella Plugin di Bart's PE Builder. Accertarsi che siano selezionati tutti i plugin che contengono BartPE, Nu2 o PE ed è anche consigliabile selezionare Adaptec ASPI.
Modificare la lingua di sistema
Bart's PE Builder utilizza l'inglese come lingua di sistema e ovviamente anche il layout della tastiera verrà impostato su inglese. E' possibile comunque modificare le impostazioni in modo da impostare l'italiano come layout della tastiera: è sufficiente aprire il file Keyboard.inf presente nella cartella Keyboard della cartella dei plugin, cercare la sezione Default.AddReg. Di seguito si troveranno una serie di chiavi precedute da un punto e virgola; bisogna eliminare il punto e virgola nella riga (da notare che la riga precedente che descrive la chiave deve essere quella relativa a Italian). Codice: 0x1, "Keyboard Layout/Preload", "1", "00000410"
8. Ora che tutte le impostazioni sono a posto si deve passare a trasferire la copia di Windows sulla chiavetta USB. Accertarsi di eliminare i file precedentemente copiati sulla chiavetta e avviare Bart's PE Builder; accertarsi che le opzioni Crea immagine ISO e Scrivi CD/DVD sia disabilitata, quindi premere il pulsante Crea. Una volta che il processo è terminato bisogna quindi trasferire il tutto sulla chiavetta; per fare questo bisogna portarsi nella cartella plugins/peinst presente nella cartella del programma Bart's PE Builder e avviare il file peinst, quindi premere il tasto 1 per modificare il percorso dei file originali (che se durante l'installazione del programma non è stato specificato un percorso di installazione diverso sarà C:\PEBuilder313\BartPE. Quindi, dopo aver confermato, premere il tasto 2 per indicare la cartella di destinazione: in questo caso si dovrà inserire la lettera dell'unità relativa alla chiavetta USB (ad esempio E:). Premere quindi successivamente i tasti 5 e 1 per avviare l'installazione dei file sulla chiavetta. Una volta completate le operazioni la chiavetta è pronta per l'uso.
Nota: errore di mancanza ServicePack 2
Se la copia di windows che stiamo utilizzando non integra al suo interno il SP2, si potrebbe ricevere un errore durante il processo di scrittura. Per ovviare a questo problema è sufficiente scaricare il file Ntdll.dll e copiarlo nella cartella i386 della copia di Windows trattata con nLite.
Utilizzare RAMDisk per ovviare i problemi del timeout in avvio
Se non è possibile avviare dalla chiavetta USB (probabilmente per i motivi legati al timeout) è possibile però utilizzare una procedura che ci potrebbe consentire di farlo. Si tratta di installare un disco ram sul quale si andranno poi a installare alcuni file, i quali saranno resi disponibili in avvio ovviando il problema del timeout. Installare quindi il programma RAMDisk 5.0.2.2, quindi creare una cartella (ad esempio RamDisk) nella cartella del programma Bart's PE Builder. Decomprimere quindi all'interno della cartella appena creata il file RAM-Disk_inst. Ora, sempre nella cartella di Bart's PE Builder, è presente un'utility chiamata PE2USB.cmd. Dopo aver formattato la chiavetta USB, aprire il prompt dei comandi (Start, Esegui e scrivere CMD), quindi portarsi nella cartella di installazione di Bart's PE Builder con il comando appropriato, ad esempio:
Codice:
``CD\ ->`` (questo comando porta il prompt a ``C:\``)
``CD PEBuilder313 ->`` (questo porta il prompt nella cartella del programma)
e quindi digitare il comando:
codice:
PE2USB seguito da uno spazio e dalla lettera dell'unità USB (ad esempio F:) e quindi premere invio.
Terminate le operazioni la chiavetta sarà pronta per essere utilizzata senza problemi.
Conclusioni
Come abbiamo visto è possibile creare un sistema per avere una "console di emergenza", che in molti casi può risolverci parecchi problemi. E' comunque da ricordare che questo sistema può essere utilizzato, per motivi di licenza, solamente sul computer dal quale si è svolto tutto il procedimento.

File nascosti non visibili.
Può capitare che, su Windows XP, non si riesca più a visualizzare i file nascosti con esplora risorse, nonostante si abiliti l'opzione "Visualizza file e cartelle nascosti" nelle Opzioni Cartella. Questo comportamento è dovuto al virus W32.Beagle, che fa danni anche abbastanza rilevanti, innestandosi all'interno di altri programmi ed eseguibili.
Uno dei problemi causati, è, appunto, la modifica al registro di sistema, che rende impossibile la visualizzazione dei file e cartelle nascosti.
La risoluzione, è, tuttavia, abbastanza semplice. È sufficiente seguire i passi appresso illustrati:
Scaricare il file “FileNascostiXP.zip”, raggiungibile alla URL: http://www.thetotalsite.it/files/download/articles/FileNascostiXP.zip, della dimensione di 1 Kb;
All'interno dell'archivio vi sarà un file, sul quale premere invio;
Apparirà la richiesta di unire le informazioni al registro di sistema;
premere spazio su "Sì";
problema risolto. Si raccomanda comunque, al più presto, una scansione antivirus all'intero sistema.
Il file contenuto nel programma FileNascostiXP è un file di registro contenente le seguenti righe

Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced\Folder\Hidden]
"Text"="@shell32.dll,-30499"
"Type"="group"
"Bitmap"=hex(2):25,00,53,00,79,00,73,00,74,00,65,00,6d,00,52,00,6f,00,6f,00,74,\
00,25,00,5c,00,73,00,79,00,73,00,74,00,65,00,6d,00,33,00,32,00,5c,00,53,00,\
48,00,45,00,4c,00,4c,00,33,00,32,00,2e,00,64,00,6c,00,6c,00,2c,00,34,00,00,\
00
"HelpID"="shell.hlp#51131"
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced\Folder\Hidden\NOHIDDEN]
"RegPath"="Software\\Microsoft\\Windows\\CurrentVersion\\Explorer\\Advanced"
"Text"="@shell32.dll,-30501"
"Type"="radio"
"CheckedValue"=dword:00000002
"ValueName"="Hidden"
"DefaultValue"=dword:00000002
"HKeyRoot"=dword:80000001
"HelpID"="shell.hlp#51104"
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced\Folder\Hidden\SHOWALL]
"RegPath"="Software\\Microsoft\\Windows\\CurrentVersion\\Explorer\\Advanced"
"Text"="@shell32.dll,-30500"
"Type"="radio"
"CheckedValue"=dword:00000001
"ValueName"="Hidden"
"DefaultValue"=dword:00000002
"HKeyRoot"=dword:80000001
"HelpID"="shell.hlp#51105"

Eliminare le voci di disinstallazione
Gli aggiornamenti di Windows sono indispensabili, ma lasciano tracce che si possono rimuovere dal registro e dal disco rigido.
Windows 2000, Windows XP e Windows 2003 Server conservano le informazioni di disinstallazione degli aggiornamenti di Windows Update nel registro e i relativi eseguibili su disco rigido.
Se apriamo l'utility del Pannello di Controllo "Installazione Applicazioni" ci accorgiamo che vengono elencati gli identificativi di tutte le patch installate.
Questa lista, oltre che dar fastidio, ci segnala che su disco sono ancora presenti diversi Mbyte di eseguibili praticamente inutili, se abbiamo deciso di non disinstallare taluni o tutti gli aggiornamenti. Ecco dunque che si pone il problema di come fare pulizia senza che Windows se ne accorga.
L'eliminazione dei residui degli aggiornamenti di Windows attraverso i diversi metodi resi disponibili da Microsoft va eseguita solo se si è certi che nessun hotfix è da rimuovere (attraverso il pannello "Installazione Applicazioni").
Da Esplora risorse andate in "Strumenti" "Opzioni cartella" "Visualizzazione", selezionate la spunta su "Visualizza file nascosti e di sistema", entrate quindi nella directory di Windows. Vedrete le cartelle che fanno riferimento ai pacchetti di disinstallazione degli hotfix scaricati sino a quel momento.
Segnatevi i nomi, oppure fermate uno screenshot della finestra con il tasto "Stamp" e dagli appunti ricavatene l'immagine con un qualsiasi programma per la gestione delle immagini (Modifica > Incolla).
Ora Selezionate le cartelle da eliminare e, premendo il tasto "Shift" in combinazione con il tasto "Canc", confermate la rimozione delle stesse. Fate attenzione a non selezionare altre cartelle indispensabili al corretto funzionamento di Windows. I file eliminati non sono recuperabili, se non con tool appropriati.
Ora aprite il registro di Windows (Start > Esegui > regedit) e portatevi sulla chiave: HKEY_LOCAL_MACHINESOFTWAREMicrosoftWindowsCurrentVersionUninstall
Scorrete l'elenco e identificate i nomi corrispondenti alle cartelle cancellate. Ad esempio: q311542_WXP_SP1_x86_ENU.exe
Ora non vi resta che eliminare le voci di registro che si riferiscono alle "Uninstall hotfixes folders". In questo specifico caso la pulizia manuale del registro si rende necessaria poiché programmi di pulizia del registro (escluso Norton Win Doctor di Symantec) non rilevano alcuna incongruenza tra le informazioni nel registro di Windows e le cartelle non più presenti su disco rigido.
Ora, se tutto è stato eseguito correttamente, dalla finestra "Installazione Applicazioni" non risultano più Hotfix da rimuovere, e abbiamo recuperato alcuni Mbyte di spazio su disco.

Disinstallazione dei driver delle periferiche USB.
Quando si inseriscono le periferiche USB in tutte le porte disponibili, in pratica non abbiamo fatto altro che far riconoscere da tutte le porte USB del computer un hardware generico.
Vediamo se si riesce ad eliminare queste installazioni improprie.
Vai nel pannello di controllo, scegli sistema e premi invio.
Sei su generale tab, freccia destra e vai su hardware tab.
premi Tab, sei su gestione periferiche pulsante e premi invio.
Si apre una nuova finestra e con tab, vai su una lista di elementi in una visualizzazione ad albero.
Con freccia giù trovi Controller USB (Universal serial bus) chiuso.
Premi freccia destra ed apri questa voce.
nella lista di elementi, dovresti trovare i riferimenti al tuo Nokia E65.
Se trovi le voci riferite alla tua periferica USB, ti posizioni sulla prima e premi invio.
Si apre la scheda delle proprietà e con control tab due volte vai su driver.
Con tab raggiungi il campo con il pulsante disinstalla e premi invio.
Confermi su OK.
Con tab vai su OK e premi invio.
Ripeti dal punto 8 al punto 12 per tutte le voci che si riferiscono alla tua periferica.
Se non dovessi trovare nessun riferimento alla periferica che possiedi, puoi provare ad usare USBDeview

Disattivare autorun.
Le penne USB sono grandi propagatrici di virus. Il meccanismo sta nell'autorun, ovvero in quel meccanismo che permette di avviare la chiavetta automaticamente al suo inserimento nella porta USB.
E’ consigliabile disattivare questo automatismo al fine di preservare il nostro PC da possibili infezioni. Quindi, inserita la chiave, si dovrà ,manualmente dalle Risorse del computer o da Esegui avviare la periferica.
Ecco le istruzioni dettagliate:
Dal menu di Avvio, scegliere Esegui, digitare gpedit.msc.
Dalla visualizzazione ad albero aprire Criteri computer locale, aprire Configurazione computer, aprire Modelli amministrativi, aprire Sistema.
Passare con tab alla visualizzazione ad elenco e trovare Disattiva riproduzione automatica, aprirla con invio, quindi attivare il pulsante radio Attivata tab alla casella combinata e scegli tutte le unità, Confermare e chiudere.

Disabilitare visualizzazione anteprima in xp.
Il problema del rallentamento di Jaws quando si naviga una cartella contenente divx, è lo stesso di quando si naviga una qualunque cartella contenete file grafici, dipende dalla funzione di anteprima di Windows XP.
Praticamente, nel caso dei divx è più evidente, XP per visualizzare a schermo un'anteprima dell'oggetto grafico analizza il file ed un divx è bello lungo, questo occupa moltissimo il processore, ad esempio nel caso, sempre del divx, deve decodificarlo.
Per risolvere il problema vi posto i consigli forniti da PcMagazine:
"Disattivare l'anteprima in modo permanente.
Windows 98, Me, 2000 e Xp dispongono di una funzione di anteprima che, di default, è attiva per i file grafici. Quando all'interno di Explorer si seleziona un file di tipo noto, Windows ne visualizza l'anteprima, assieme ad alcune informazioni.
Questa funzione si può disattivare in modo rapido e semplice nel menu View, deselezionando l'opzione View as Web page. Ma si può anche disabilitare in modo permanente, usando una speciale chiave del registro di sistema.
In corrispondenza di HKEY_CLASSES_ROOT\SystemFileAssociations\image\ShellEx\ContentMenuHandlers 'elemento ShellImagePreview indica a Windows che deve generare l'anteprima in miniatura delle immagini. Se questa chiave viene cancellata, la funzione non sarà più disponibile e si noterà un aumento di velocità quando si naviga nella struttura delle cartelle con Windows Explorer.

Cambiare nome utente inserito durante l'installazione di Windows xp.
Quando si installa Windows, durante l'esecuzione del programma di installazione viene chiesto di fornire il nome utente e, se lo si desidera, quello della società.
Queste informazioni di registrazione vengono visualizzate in Registrato a nome di nella scheda Generale della finestra di dialogo Sistema.
Quando si va sul pulsante Start, si sceglie Pannello di controllo, Prestazioni e manutenzione, e infine Sistema.
Per risolvere il problema fare cosi':
Start
Esegui...
digitare regedit
cercare la chiave di registro: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion
dare invio sulla stringa RegisteredOrganization.
In Dati valore scrivere il nuovo nome, quindi dare invio su OK.
invio su RegisteredOwner.
In Dati valore digitare il nome desiderato, quindi dare invio su OK.
Chiudere Regedit.

Disabilitare i servizi inutili per Ottimizzare XP.
Attenzione! Tutti i dati e le informazioni riportate sono derivanti da esperienze pratiche, pertanto, data la vastità di componenti hardware oggi in commercio, possono avere esiti diversi ed imprevedibili. Si consiglia pertanto di procedere con cautela.
In ogni caso si declina ogni responsabilità per eventuali danni e/o malfunzionamenti, su hardware e software, derivanti dall'applicazione dei consigli e/o di tutto ciò che è riportato nella presente pagina.
In Windows XP, vari compiti del sistema operativo, sono affidati a piccoli programmi che girano in background, chiamati, appunto, servizi di sistema.
Questa serie di programmi, occupano risorse a livello di processore e, poiché sempre in esecuzione, preziosa Ram , pur se non tutti i servizi siano necessari.
Windows XP ne attiva di default una discreta quantità: disabilitando quelli superflui si ottiene un deciso aumento delle performance.
Selezionate menu avvio, Esegui ed invio. Digitate "services.msc", senza virgolette, e premete invio.
Si apre una finestra per poter modificare le modalità di fruizione dei servizi. Premendo tab ci posizioniamo sull'elenco di tutti i servizi che il computer usa.
Una volta che ci siamo posizionati su uno dei servizi e premiamo invio, si apre una ulteriore finestra nella quale troviamo, premendo tab, il campo con tre pulsanti radio per la scelta del tipo di avvio, che stabilisce la modalità di avvio del servizio ed è configurabile su tre opzioni:

Sempre da questa scheda è possibile controllare anche lo Stato attuale del servizio, ed eventualmente agire per modificarlo tramite i pulsanti disponibili:

Passiamo ora a consigliare quali servizi è possibile disabilitare nella maggior parte dei casi. Eccone l'elenco:

Cosa fare se il PC si riavvia continuamente.
Una possibile soluzione può essere un check disk dal cd di Windows XP mediante la console di ripristino. Ci occorrono però 2 cose: La prima, il CD di Windows XP e la seconda, se possibile, un occhio in prestito.
Procediamo:
Prendiamo il cd di XP e inseriamolo nel lettore CD/DVD del PC.
Facciamo avviare il CD al boot, ci chiederà di premere un tasto dopo di che incomincia a caricare tutti i file iniziali per l'installazione. Nota: se il CD non si avvia controllare nel bios se è abilitato il lettore CD tra i dispositivi che devono avviarsi all'accensione della macchina. Inoltre le schede madri moderne permettono di scegliere manualmente il dispositivo da avviare premendo uno dei tasti funzione, ad esempio, f8, con conseguente comparsa di un menu.
Ritornando al caricamento del CD, una volta completata la prima fase, ci si presentano le opzioni di installazione e ripristino. Premiamo R per accedere alla console di ripristino, eventualmente ci chiederà di indicare il numero relativo all'installazione di Windows a cui dobbiamo accedere, lo digitiamo e diamo Invio. Inoltre ci chiederà di inserire una eventuale password. Se quest'ultima non esiste basta premere Invio e ora siamo all'interno della console testuale.
Al prompt dei comandi digitare:
chkdsk C: /r
e dare invio. Ora il programma controllerà il disco e ripristinerà gli eventuali errori avvenuti in precedenza.
Al termine di tale processo, ci si ripresenta il prompt al quale diamo il comando Exit per uscire dalla console e quindi al riavvio del PC togliamo il cd dal lettore.

Come creare un collegamento sul desktop per rimuovere le periferiche USB.
Sebbene rimuovere una periferica esterna col metodo tradizionale sia abbastanza semplice, oggi voglio descrivervi un metodo alternativo per farlo.
Mi sposto sul desktop con Tasto Windows+m, CTRL+spazio per deselezionare tutto, girare Jaws a pc con insert più meno del tastierino numerico,spostarsi con le frecce fino a sentire jaws che recita: vuoto, vuoto, vuoto, poi, clicchiamo col tasto destro simulato del mouse , a questo punto, scendiamo con le frecce fino ad arrivare a Nuovo sotto menu' ,freccia a destra, poi freccia giu, fino a trovare Collegamento , e invio.
Nella finestra che si aprirà, incolliamo la seguente stringa:
RunDll32.exe shell32.dll,Control_RunDLL hotplug.dll
col tab,portiamoci su Avanti, diamo l'invio, a questo punto diamo un nome al collegamento che comparirà e per finire, diamo invio su fine.
A questo punto, attivando il collegamento appena creato, potrete accedere alla schermata di Rimozione sicura dell'hardware.
Volendo velocizzare l’attivazione di questo collegamento, possiamo dare una scorciatoia da tastiera, ad esempio CTRL+shift+r. Per fare questo, seguiamo i passaggi appresso illustrati.
Sul desktop, portarsi sull'icona che abbiamo appena creato; Alt + Invio ne attiva le proprietà; con tab fino a tasti di accesso, quindi, metti ciò che vuoi, ad esempio CTRL+ALT+ un carattere a scelta; tab successivi fino ad Applica e ok; così avrai associato anche un tasto caldo.
Quindi il metodo per scollegare una periferica diventa intuitivo.

Correggere i file di sistema corrotti senza il CD originale di Windows.
Per correggere eventuali file di sistema danneggiati, Windows potrebbe chiedervi di inserire il disco originale d'installazione. Però, per velocizzare l'operazione, potete copiare il contenuto del Cd sull'hard disk, in modo da non dover più ricorrere al Cd originale.
Per prima cosa, copiate tutta la cartella d'installazione di Windows dal Cd originale al disco rigido, ad esempio nel percorso C:\CD_Windows. Ora digitate regedit in "Start/Esegui" e confermate con "Invio" per caricare l'editor del registro di configurazione. Individuate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\CurrentVersion\Setup
e create una nuova sottochiave chiamandola "ServicePackSourcePath". Selezionatela col tasto destro del mouse (tasto applicazioni), e dal menù contestuale scegliete la voce "Nuovo/Valore stringa", nominandola "Ripristino". Cliccateci sopra due volte e, nella schermata che appare, nel campo "Dati valore" indicate il percorso in cui avete archiviato i file di installazione del sistema operativo.
Ripetete la stessa operazione anche nella chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE_SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion
Fatto ciò, ogni volta che proverete a ripristinare i file danneggiati Windows cercherà sull'hard disk se esiste una copia funzionante.

Come ripristinare Windows XP, Vista o 7 senza dischi di ripristino.
Windows non ne vuole sapere di avviarsi e non avete sottomano di dischi di ripristino oppure non sapete come procedere? Paragon rescue kit express potrebbe essere la soluzione. Ecco come:
Scaricate Rescue kit express dal sito di CNet
http://download.cnet.com/Rescue-Kit-Express/3000-2094_4-10910591.html
Cliccate su Get Free Product Key e Serial Number per ottenere i codici necessari per il funzionamento del software.
Cliccate su CD/DVD per masterizzare il tutto su un CD o DVD che userete poi per avviare il computer inchiodato.
Fate partire il computer con il CD appena masterizzato.
Selezionate l’opzione Normal Mode.
Selezionate l’opzione adatta a riparare il vostro problema. Se la macchina non fa il boot questa opzione è Boot Connector.
A questo punto potrete scegliere tra varie possibilità tra Search of valid Windows installations, Correction of the Master Boot Record, Correction of partition boot records, Modification of partition parameters e Correction of boot parameters (boot.ini, BCD).
A seconda del vostro problema dovrete scegliere l’opzione corretta. Se il problema è il boot, l’opzione Correction of the Master Boot Record dovrebbe fare al caso vostro.
Anche qui dovrete scegliere tra varie possibilità ma la prima, Correct ‘boot.ini’ potrebbe essere quella giusta.
Alla fine cliccate su Finish e su Reboot, dopo avere tolto il CD. Il problema dovrebbe essere stato corretto.
Se avete Windows 7 o Vista potete anche provare a usare questi altri strumenti. Sono immagini .iso che arrivano direttamente da Microsoft e che permettono di fare partire il computer per effettuare tutte quelle operazioni necessarie per la correzione dei problemi e il ripristino del sistema. Il download è tramite torrent per cui dovete avere necessariamente un software atto a scaricare file torrent come Transmission su Mac o µTorrent su Windows. Successivamente le immagini andranno masterizzate su CD o DVD e il computer fatto partire da lì.
Windows Vista Recovery Disc 32-Bit (x86) Edition.
Windows Vista Recovery Disc 64-Bit (x64) Edition.
Windows 7 Recovery Disc 32-Bit (x86) Edition.
Windows 7 Recovery Disc 64-Bit (x64) Edition.

Come ripristinare l’icona della Rimozione sicura dell’hardware.
Appena viene inserita una periferica USB, nella system tray appare un’icona che, se aperta, ci permette di disattivare la periferica e poterla rimuovere in tutta sicurezza.
A volte capita, che tale icona non compare più nella system tray, pur inserendo una periferica USB. Ovviamente ciò è abbastanza grave, visto che non è più possibile rimuovere l’hardware inserito.
Ecco di seguito illustrata la procedura per ripristinare l’icona della rimozione sicura dell’hardware.
Per ripristinare l'icona della rimozione sicura dell'hardware, occorre riparare la funzione Universal Plug and Play di Windows.
Per fare questo, spostarsi sul desktop con tasto windows più “m”, leggendo riga, con INS+freccia su, se viene letta da Jaws una qualsiasi icona premere ALT+spazio, se invece Jaws recita: “non selezionato” e poi nomina una qualsiasi icona del desktop allora si preme il tasto applicazioni o menù di contesto, nel menù che compare la voce Nuovo, entrare con freccia destra nel sotto menù, selezionare Documento di testo, Attribuire un nome qualsiasi, avendo l'accortezza, però, di modificare l'estensione da .txt in .bat, confermare cliccando su “SI”, nella finestra di dialogo che avvisa del cambio dell’estensione del file.
Portarsi sul file appena creato, premere il menù contestuale, dare invio sulla voce Modifica. Nel file, appena aperto, digitare il seguente testo:
%SystemRoot%\System32\RUNDLL32.EXE shell32.dll,Control_RunDLL hotplug.dll
Salvare il file, chiudere e dare invio sull’icona appena creata, per eseguirlo.
Se così facendo l'icona non dovesse apparire o appare, ma al successivo riavvio riscompare, allora occorre che Windows reinstalli la funzione della Rimozione sicura dell’hardware.
Ecco come procedere:
cliccare su Start, quindi Impostazioni, Pannello di controllo, scendere fino alla voce Installazione applicazioni, andare su Installazione componenti di Windows.
Nella finestra Componenti di Windows che si è appena aperta, selezionare Servizi di rete, quindi dare invio su Dettagli e rimuovere Universal Plug and Play togliendo il segno di spunta dalla casella, dare invio su Ok e riavviare il computer.

Come recuperare la password di accesso a Windows.
Se si è dimenticata la password di accesso a Windows, per recuperarla c'è un rimedio e non sarà necessario formattare il PC.
La formattazione è uno degli ultimi passi da compiere per ripristinare il PC. Nel caso specifico esiste un software, denominato “Offline NT Password & Registry Editor”, che permette, istantaneamente, di eliminare la password di accesso a Windows.
Consiste in un file immagine da masterizzare come CD bootable. Una volta masterizzata l’immagine, avviato il PC da Cd-Rom, il tool chiederà su quale account azzerare la password, basterà indicarlo e, una volta riavviato il PC, Windows si avvierà senza richiedere password di accesso.
Il tool è stato testato con successo su Windows NT 3.51, NT 4, Windows 2000, Windows XP, Windows Server 2003, Vista 32 e 64 bit.
Un'ottima alternativa, velocissima e del tutto automatica, la si può trovare al seguente indirizzo web: http://ophcrack.sourceforge.net/

Come istallare i driver senza il consenso di xp.
In Windows XP, durante l'installazione di nuovi driver, spesso appare un messaggio che questi non sono certificati e ci invita a non procedere con l'installazione.
Il messaggio significa soltanto che Microsoft non ha testato i driver, ma potete ignorarlo se avete la necessità di installarli.
Per fare ciò, andate in "Start/Impostazioni/Pannello di controllo/Sistema", aprite la scheda "Hardware" e cliccate sul pulsante "Firma driver".
Selezionate l'opzione "Ignora, Installa il software comunque, senza chiedere conferma", assicuratevi che la voce "Rendi questa azione il valore predefinito di sistema, sia attiva così alla prossima istallazione dei driver Windows non ci chiederà la conferma.

Come impostare l’utilizzo di una sola finestra di Windows nella gestione delle cartelle.
L’utilizzo di una sola finestra per visualizzare il contenuto di cartelle aperte in successione, anziché aprire una finestra per ogni cartella aperta, fa risparmiare tempo e memoria di sistema.
Per impostare Windows in modo che apra le finestre in una sola cartella, procedere come segue:
- aprire una cartella qualsiasi, per esempio Documenti;
- aprire il menù Strumenti e dare invio su Opzioni cartella;
- premere Tab e ci si ritroverà sulla voce “Apri cartella usando una sola finestra”, pulsante radio che va attivato con spazio;
- Tab successivi fino ad arrivare sul pulsante Ok e premere spazio.
Da questo momento in poi le aperture successive di cartelle verranno sempre visualizzate nella stessa finestra.
Un’altra opzione che è fortemente consigliato eseguire è l’impostazione della visualizzazione dell’estensione per tutti i file, anche quelli conosciuti. Impostazione importante per gli utilizzatori di screen reader. Ecco come procedere:
Dalla finestra in cui ci si trovava al punto tre, premere CTRL+Tab, con Tab arrivare alla visualizzazione ad albero e scendere fino alla voce “Nascondi le estensioni per i tipi di file conosciuti” e disattivare premendo spazio. Tab successivi fino a raggiungere il pulsante “Applica a tutte le cartelle” e premere spazio, quindi confermare cliccando su Si alla finestra che appare subito dopo. Quindi Tab successivi fino ad Ok e premere spazio.

Windows XP: come creare un account nascosto.
La procedura che vi mostriamo vi permette di creare un Account nascosto che non comparirà nella lista degli account nella pagina iniziale.
Andate in "Start/Esegui", digitate regedit, premete "Invio" e posizionatevi nella chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\ WindowsNT\CurrentVersion\Winlogon\SpecialAccounts\ UserList
Se non trovate la chiave, potete crearla cliccando col tasto destro del mouse su "Winlogon" e facendo clic su "Nuovo/Chiave". Date il nome SpecialAccounts e fate la stessa cosa su "SpecialAccounts" per creare la chiave UserList.
Fatto questo, modificate o create un valore DWORD cliccando con il tasto destro del mouse nella parte destra dello schermo e selezionare "Nuovo/Valore DWORD".
Inserite il nome dell'account segreto che volete creare come, per esempio, "UserNascosto". Impostate il valore "Data" a 0 per rendere nascosto l'account e riavviare il computer per rendere effettive le impostazioni.
Per entrare nell'account nascosto appena creato, dalla pagina di login, premete per due volte CTRL+ALT+CANC e inserite la vostra username (UserNascosto in questo caso).

Come cancellare le voci da Esegui.
Tutte le istruzioni che vengono digitate nella finestra del comando esegui vengono salvate da Windows.
Per cancellarle è sufficiente aprire il Registry Editor.
Start, poi Esegui e, quindi, invio. Poi scrivendo Regedit e premendo invio.
portarsi su: HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\Microsoft\Windows\Current version\Explorer\RunMRU.
Per cancellare una o più delle voci salvate basta eliminare le chiavi corrispondenti.
Fare attenzione a non eliminare la chiave (Predefinito) e la chiave RunMRU.

Come aggiustare l’Autoplay.
Cause di Errore.
Gli errori del registro sono spesso una delle cause principali dei problemi dell’Autoplay. È vivamente consigliato di eseguire la scansione del PC utilizzando Registry Booster. In tal modo si potranno aggiustare voci di registro problematiche che possono causare questi errori e si eviterà il verificarsi di nuovi problemi.
Sintomi Più Comuni.
I sintomi di errore dell’Autoplay possono includere blocco del programma, rallentamento del PC, blocco del sistema, problemi di avvio e di arresto, errori di installazione e guasti a livello hardware.
Risolvere il Problema.
Al fine di assicurare che il computer funzioni senza errori, scaricare ed eseguire lo strumento di riparazione dell’Autoplay, Registry Booster.
Per scaricare il software:
http://www.scanerrors.com/download_italian_regbooster.php
Progettato per Windows 7, Vista e XP.
Istruzioni sull’utilizzo di Registry Booster.
Scaricare ed eseguire Registry Booster;
Cliccare su “Scan” per la ricerca di errori.
Cliccare su “Aggiusta Errori” ed il gioco è fatto!

Come abilitare il Logon automatico a Windows XP .
Per chi si scoccia di inserire ogni volta all'avvio codice utente e password.
Vediamo quindi qui di seguito come si può attivare l'autologon di Windows XP.
Tasto Start
- Scegliete Esegui
- Digitate control userpasswords2 e premete invio.
Apparirà una finestra:
La finestra Account Utente di Windows Da qui potete disabilitare la voce "Per utilizzare questo computer è necessario che l'utente immetta il nome e la password" e il gioco è fatto!

Comandi da esegui per windows XP.
XP possiede moltissimi programmi che si possono lanciare scrivendone il nome in menu avvio, Esegui e confermandone l'avvio con invio.
Collaudati su un Windows XP Professional SP2 (quindi su XP Home o windows 2000 potrebbe mancarne qualcuno).
1. accwiz, (Impostazione guidata di accesso facilitato).
2. calc, (Calculator) Calcolatrice.
3. chkdsk, (Check Disk) - Controllo errori nel disco fisso.
4. charmap, (Mappa caratteri) - Mostra e permette di inserire tutti i caratteri dei font installati.
5. cleanmgr, (Pulizia disco) - Elimina i file file obsoleti o temporanei recuperando spazio sul disco.
6. cliconfg - Gestione utilità di rete del client di SQL server.
7. clipbrd, (Visualizzatore di Clipboard) - mostra quanto memorizzato nella clipboard con il Copia o Ctrl+C.
8. cmd - lancia il prompt di comandi, i comandi DOS vanno digitati qui.
9. conf, (NetMeeting) - Programma di chat e videoconferenza.
10. comp, (Compare) - Paragona due file.
11. fsquirt - Trasferimenti guidato BlueTooth.
12. control - Apre il Pannenlo di Controllo.
13. control userpasswords2 - permette di accedere al proprio account protetto da password senza doverla digitare a ogni avvio.
14. dcomcnfg, (Microsoft Management Console) - Strumenti di amministrazione utilizzabili per gestire reti, computer, servizi e altri componenti di sistema.
15. ddeshare - strumento per la gestione delle conversazioni DDE.
16. dialer, (Connessione Telefonica) - Permette di telefonare via PC usando la normale linea telefonica.
17. diskpart - tool da linea di comando per la gestione di volumi e partizioni.
18. driverquery - Mostra la lista dei driver installati.
19. drwtsn32, (Dr Watson) - Strumento di individuazione e risoluzione dei problemi.
20. dxdiag, (Diagnostico per DirectX) - Fornisce informazioni sulle DirectX installate e ne testa il funzionamento.
21. edit - Editor di testo DOS.
22. esentutl - Server Database Storage Utilities.
23. eudcedit, (Editor di caratteri) - Editor di font personalizzati.
24. explorer - Apre una finestra di explorer.
25. eventvwr, (Event Viewer) - Visualizzatore degli eventi di Windows.
26. freecell - Esegue l'omonimo solitario.
27. ftp - client FTP da linea di comando.
28. gpedit, (Group Policy Editor) - Per la modifica e gestione di gruppi e permessi.
29. gpresult, (Group Policy Results) - Mostra le informazioni circa i permessi dei gruppi presenti sul PC.
30. iexpress, (IExpress Wizard) - Crea archivi auto-estraenti per installazioni.
31. ipconfig - Mostra le informazioni circa l'IP e la subnet.
32. label - Cambia l'etichetta dei volumi.
33. magnify - avvia l'opzione di ingrandimento dello schermo.
34. mobsync, (Microsoft Synchronization Manager) - Sincronizza file presenti in una rete.
35. mspaint - Avvia l'editor di immagini PaintBrush.
36. mplay32, (Windows Media Player 5.1) - Vecchia versione del popolare player multimediale.
37. mplayer2, (Windows Media Player 6.4) - Vecchia versione del famoso player Microsoft.
38. msconfig, (System configuration) - Utilità di configurazione, gestisce anche l'esecuzione dei file all'avvio di Windows.
39. mstsc - connessione a computer remoto.
40. netstat, (Network Connection Status Monitor) - mostra le connessioni presenti sul PC.
41. notepad - Avvia il Blocco Note.
42. odbcad32, (ODBC Data Source Administrator) - Tool per l'amministrazione di dati ODBC.
43. packager, (Object Packager) - strumento che consente di creare un pacchetto e inserirlo in un file.
44. perfmon, (Monitor di sistema) - controlla le prestazioni sistema in modo dettagliato.
45. progman, (Program Manager) - Program Manager consente di organizzare i programmi in gruppi o avviarli. Dal SP2 sembra essere presente ma non funzionante.
46. rasphone, (Remote Access phone book) - piccolo gestore delle connessioni di rete.
47. regedit o regedt32, (Editor di registro) - visualizza e modifica il registro di Windows.
48. rsop.msc - consente di visualizzare il gruppo di criteri risultante per un utente.
49. secpol.msc, (Security Policy) - Mostra le impostazioni di portezione locale.
50. services.msc - Elenca i servizi in esecuzione.
51. shrpubw, (Wizard per la condivisione di cartelle in rete) - Creazione guidata per la condivisione delle cartelle.
52. sigverif, (Tool di verifica signature dei file) - verifica la firma digitale nei file.
53. sndvol32, (Controllo volume) - controllo del volume audio.
54. sol -, (Solitare). Avvia il solitario di carte.
55. spider - Avvia il solitario chiamato Spider.
56. sysedit, (Editor della configurazione di Sistema) - Per la modifica di System.ini, Win.ini, Config.sys e Autoexec.bat.
57. syskey, (Syskey) - Protezione del database di account di Windows tramite crittografia aggiuntiva, una volta attivata non sarà disabilitabile.
58. telnet, (Microsoft Telnet Client) - Programma con funzioni di base per telnet.
59. verifier, (Driver Verifier Manager) - Verifica i driver.
60. winchat, (Windows for Workgroups Chat) - semplice chat per PC in LAN.
61. winver, (Windows Version) - Mostra le informazioni sul sistema operativo.
62. wmplayer - Eseguie il Windows Media Player.

Inviare messaggi ai computer in rete
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows NT Windows Xp
molto tempo addietro avevamo parlato di WinPopUp nei sistemi Windows 98 per inviare messaggi ai computer interni ad una rete... una sorta di messaggistica immediata (era sufficiente andare su Start – Esegui – Winpopup).
In Windows XP e 2000 si hanno altri metodi per comunicare in maniera veloce in rete.
Il più veloce è utilizzare il comando Net send con questa sintassi suggerita:
net send {nome | * | /domain[:nome] | /users} messaggio
dove:
nome indica il nome utente o del computer a cui inviare il messaggio. Se ci sono degli spazi occorre mettere il tutto tra apici.
Invia il messaggio a tutti i possibili nomi nel dominio o nel gruppo di lavoro.
/domain: NomeDelDominio Invia il messaggio a tutti i nomi nel dominio del computer.
/users Invia il messaggio a tutti gli utenti connessi al server.
messaggio è il testo del messaggio.
Esempio: net send PCdiMela79 Andiamo a prenderci un caffè tra dieci minuti? Comparira una finestra di messaggio con la provenienza e la data.
Nota Bene: è consigliato avere il servizio Messenger sempre in esecuzione.
Utilizzare MessagePopup II v3.0.3 un programmino freeware molto intuitivo scaricabile da qui che tra le funzioni ha:
1-messaggio in apertura a tutti gli utenti della lista
2-generazione di un suono al ricevimento di un messaggio
3-invio allegati
4-può comunicare con altri IP
5-diario
6-allarmi
Trucco testato su Windows XP PRO

Configurazione di LMHOSTS (3)
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows Xp
Il file LMHOSTS è utilizzato da Windows per la risoluzione dei domini all'interno di una rete. Con questa modifica al registro potrete personalizzare l'utilizzo del server WINS.
Premete su Start -> Esegui... e digitate regedit.
Fate sempre molta attenzione mentre utilizzate l'editor del registro di sistema!
Cercate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE -> SYSTEM -> CurrentControlSet -> Services -> NetBT -> Parameters
Adesso create o modificate il valore DWORD chiamato NodeType e inserito i seguenti valori:
- 1 se non sono presenti server WINS (B-node/broadcast)
- 2 se volete eseguire un broadcast prima di interrogare i server (M-mode/mixed)
- 3 se è configurato almeno un server WINS (H-node/queries)
Configurazione di LMHOSTS (2)
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows Xp
Il file LMHOSTS è utilizzato da Windows per la risoluzione dei domini all'interno di una rete. Con questa modifica al registro potrete specificare il numero di #PRE da inizializzare.
Premete su Start -> Esegui... e digitate regedit.
Fate sempre molta attenzione mentre utilizzate l'editor del registro di sistema!
Cercate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE -> SYSTEM -> CurrentControlSet -> Services -> NetBT -> Parameters
Adesso create o modificate il valore DWORD chiamato MaxPreLoad e inserite il valore che desiderato (il valore predefinito è 100).
Riavviate il sistema perchè i cambiamenti abbiano effetto.
Configurazione di LMHOSTS (1)
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows Xp
Il file LMHOSTS è utilizzato da Windows per la risoluzione dei domini all'interno di una rete. Grazie a questo trucco potrete abilitare o disabilitare LMHOSTS.
Premete su Start -> Esegui... e digitate regedit.
Fate sempre molta attenzione mentre utilizzate l'editor del registro di sistema!
Cercate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE -> SYSTEM -> CurrentControlSet -> Services -> NetBT -> Parameters
Adesso create o modificate il valore DWORD chiamato EnableLMHOSTS e inizializzatelo a 1 per abilitare LMHOSTS o a 0 per disabilitarlo.
Riavviate il sistema perchè i cambiamenti abbiano effetto.

Memorizzare la dimensione delle finestre
Piattaforme : Windows Xp
Con Windows XP capita a tutti di trovarsi di fronte al problema del ridimensionamento delle finestre. Abbiamo provato di tutto ma senza risolvere, senza contare che Windows riesce a gestire in questo senso per default solo 400 cartelle.
Ecco una modifica che a me sembra ancora reggere e funzionare.
Aprire il Registro di Sistema (Start – Esegui – Regedit) e trovare la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\ Microsoft\Windows\Shell
Al suo interno creare un valore DWORD (Modifica – Nuovo – Valore DWORD) e chiamatelo BagMRU Size
Stessa cosa per la chiave HKEY_CURRENT_USER\Software\ Microsoft\Windows\ShellNoRoam
Clicchiamo sopra ai due valori BagMRU Size appena creati e assegniamo un numero (in formato decimale) approssimativamente superiore al numero delle cartelle che possediamo sul nostro disco. Una media è indicata a 5000 ma potete aumentarlo almeno fino a 20000.
Chiudere il registro e riavviare il pc per rendere effettiva la modifica.

Disinstallare la JavaVM
Piattaforme : Windows Xp
Se vogliamo disintallare la Virtual Machine di Microsoft da Windows XP per poter installare la versione più aggiornata di Sun presente all''indirizzo ftp://ftp.javasoft.com/docs/specs/vmspec.2nded.html.zip, dobbiamo procedere in questo modo: andiamo in Start - Esegui e nella casella Apri scriviamo:
RunDll32 advpack.dll,LaunchINFSection java.inf,UnInstall
Ci apparirà un messaggio di disinstallazione a cui dovremo dare conferma cliccando sul pulsante Sì.
Poi cancelliamo dalla directory C:/WINDOWS la cartella "java" e, dalla cartella C:\WINDOWS\system32, i file "wjview.exe" e "jview.exe".
Dalla cartella C:\WINDOWS\inf cancelliamo il file "java.pnf", quindi apriamo il Regedit e cancelliamo le chiavi
HKEY_LOCAL_MACHINE\software\Microsoft\Java VM
e
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Internet Explorer\AdvancedOptions\JAVA_VM
Ora potremo finalmente installare la JVM di Sun.

Personalizzare le proprietà di sistema di windows
Acquistato un nuovo PC. Notate che andando in Pannello di Controllo/Proprietà di Sistema nella scheda “Generale” appare in basso a sinistra il logo del negozio dove hai comprato il PC. Vediamo come hanno fatto ad inserirlo, intanto beccatevi il mio “Proprietà del Sistema” modificato:
Realizzare quello che ho fatto io è molto semplice. Partiamo dal logo che ho inserito sotto “Prodotto da:”.
Si tratta di una semplice immagine in formato ".bmp". Questa immagine può avere le dimensioni massime di 180 pixel in larghezza e 114 pixel in altezza.
Salviamo questa immagine col nome di “oemlogo.bmp” nella cartella “system32” di Windows, che, generalmente, si trova in “C:\Windows\System32”.
Con un editor di testo, tipo il Blocco notes di Windows, copiate le righe seguenti, ovviamente personalizzandole liberamente, secondo la vostra immaginazione ;):
[General]
# Queste sono le righe che verranno visualizzate
# sopra il nome del processore del PC
Manufacturer="Questo è il PC del (mitico :P)"
Model="webmaster ultarm"
[Support Information]
# Queste sono le righe che appaiono
# cliccando sul tasto "Informazioni sul supporto"
Line1="Questo è il maledetto PC dove webmaster ultarm"
Line2="compie i suoi delitti digitali...."
Line3="Ma che centra con "Informazioni sul supporto?""
Line4="Bhooo :)"
Questo file dovrà essere chiamato “oeminfo.ini” e dovrà essere sempre posizionato dentro la cartella “system32” di Windows.
Le prime due righe permettono di indicare il nome del costruttore e il modello, le linee seguenti sono le informazioni che appaiono cliccando sul tasto “Informazioni sul supporto”:
Aprendo le proprietà di Sistema, nella sezione Generale sarà visibile il testo inserito nelle prime due righe dell’oeminfo.inc, cliccando poi sul tasto “Informazioni sul supporto” saranno visibili le righe inserite nella sezione [Support Information].

Attivare il tastierino numerico all'avvio
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003
Modificando il registro di configurazione è possibile fare in modo che Windows 2000 attivi automaticamente all'avvio il tastierino numerico. Aprite il registro di sistema e cliccate sul pulsante OK.
Cercate la chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Keyboard
Nella parte destra della finestra identificate il valore "InitialKeyboardIndicators" sul quale dovrete effettuare un doppio click.
Inserire nella casella Valore il numero 2. Impostando il valore a 0, infatti, il tastierino risulterà disattivato.
Ripetete la stessa procedura con la chiave:
HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Keyboard
Chiudete il registro e riavviate il computer per rendere effettive le modifiche.

Nascondere le periferiche in Risorse del computer
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows 95 Windows 98 Windows ME Windows NT Windows Xp
Premete Start -> Esegui... e digitate regedit.
Fate sempre molta attenziona mentre maneggiate il registro di sistema!
Cercate la seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER -> Software -> Microsoft -> Windows -> CurrentVersion -> Policies -> Explorer
Create o modificate il valore DWORD chiamato NoDrives e assegnategli 0 per vedere tutte le periferiche. Per nascondere una determinata periferica utilizzate i valori sottostanti. Ad esempio per nascondere la periferica F: assegnate a NoDrives il valore 32. Se invece volete nascondere sia la periferica F: che la A: utilizzate il valore 33 (A+F).
A: 1
B: 2
C: 4
D: 8
E: 16
F: 32
G: 64
H: 128
I: 256
J: 512
K: 1024
L: 2048
M: 4096
N: 8192
O: 16384
P: 32768
Q: 65536
R: 131072
S: 262144
T: 524288
U: 1048576
V: 2097152
W: 4194304
X: 8388608
Y: 16777216
Z: 33554432
TUTTI: 67108863

Navigazione in rete più veloce
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows Xp
In Windows 2000 è presente un bug che impedisce una veloce navigazione delle reti Microsoft, ecco come rimediare applicando un fix rilasciato da Microsoft stessa.
Premete Start -> Esegui... e digitate regedit.
Fate sempre molta attenzione mentre utilizzate il registro di Windows!
Cercate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE -> Software -> Microsoft -> Windows -> Current Version -> Explorer -> RemoteComputer -> NameSpace
Cercate la chiave {D6277990-4C6A-11CF-8D87-00AA0060F5BF} ed eliminatela.
Riavviate il sistema perchè i cambiamenti abbiano effetto.
La redazione non si assume responsabilità di danni derivanti dall'uso errato di queste informazioni.

Inaccessibile boot-service
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows Xp
Analizziamo oggi un problema che può colpire Windows 2000/XP quando si cambia la configurazione hardware. Se quest'ultima è molto diversa (ad esempio montate l'hard disk con Windows 2000/XP su una scheda madre diversa da quella su cui è stato installato), il sistema operativo si potrebbe rifiutare di partire presentandoci un essere simile a questo:
***STOP: 0x0000007B (0xF741B84C,0xC0000034,0x00000000,0x00000000)
INACCESSIBLE_BOOT_DEVICE
Come risolvere questo problema? Vediamo una soluzione:
Prima di tutto è opportuno creare un'immagine del nostro disco fisso con DriveImage o Norton Ghost di Symantec. Questi due programmi, per chi non lo sapesse, memorizzano l'intero contenuto del disco (file compresi) in forma compressa; è come se ne facessero una fotografia. Salvate l’immagine su un CD-ROM, in modo di poter tornare alla configurazione iniziale in caso di problemi.
Microsoft (rif. Knowledge Base Q271965) propone la seguente soluzione:
1. ricollegate il disco fisso sul PC in cui il sistema operativo si avviava;
2. scaricate il file MERGEIDE.REG e memorizzatelo su un floppy;
3. estraete dall'archivio compresso c:\winnt\Driver Cache\i386\Driver.cab (oppure da c:\windows\Driver Cache\i386\Driver.cab per Windows XP) i file Atapi.sys, Intelide.sys, Pciide.sys e Pciidex.sys e posizionateli in c:\windows\System32\Drivers.
Nota: se avete installato una Service Pack dovete estrarre i file dall'archivio dei file d'installazione della Service Pack stessa;
4. fare doppio click sul file MERGEIDE.REG ed acconsentite all'inserimento del suo contenuto nel registro di Windows;
5. chiudete a questo punto Windows e spostate l’hard disk sul sistema di destinazione; il messaggio di errore dovrebbe essere sparito.
La procedura appena descritta è molto delicata e per questo è riservata ai soli utenti esperti. Si consiglia nuovamente di effettuare una copia di backup dei file importanti, oppure di eseguire un'immagine prima di apportare qualsiasi modifica.
Microsoft dichiara che in alcune circostanze non è possibile l’accesso a Windows anche dopo questa procedura

Memorizzare la posizione delle icone sul desktop
Piattaforme : Windows
Tante sono le icone che affollano il desktop di Windows: per creare di dare un po' di ordine alla propria "scrivania virtuale", spesso fatichiamo a
suddividerle per categoria o per utilizzo più o meno frequente.
Al termine dell'operazione può capitare di vedere nuovo le icone disporsi nuovamente alla rinfusa sul desktop (a causa, per esempio, di un software che ha
temporaneamente modificato la risoluzione video...).
Per "bloccare" la posizione delle icone presenti sul Desktop di Windows esiste una soluzione pratica e veloce che può essere adottata in tutte le versioni
di Windows.
L'espediente si basa sostanzialmente sull'adozione di un paio di file che provengono dal Resource Kit di Windows NT 4.0. Prelevate il seguente file compresso:
Estraete il file LAYOUT.DLL, contenuto nel file zip compresso, nella cartella
\WINDOWS\SYSTEM32 (nel caso in cui utilizziate Windows NT/2000/XP); in \WINDOWS\SYSTEM (nel caso di Windows 9x/ME).
A questo punto fate doppio clic sul file LAYOUT.REG (anch'esso contenuto nel file zip
compresso) e confermate l'aggiunta delle informazioni nel registro di sistema di Windows.
Questo secondo file aggiungerà alcuni riferimenti, all'interno del registro di sistema che vi consentiranno, in qualunque momento, di salvare o di ripristinare le impostazioni del Desktop. Riavviate il sistema affinché le modifiche applicate abbiano effetto.
D'ora in poi cliccando col tasto destro del mouse sull'icona del "Cestino" oppure su "Risorse del computer", troverete una nuova opzione: "Save [Restore]
Desktop Icon Layout" ovvero "Salva (o ripristina) le impostazioni del Desktop".
Disponete le icone sul desktop come meglio credete quindi avviate la funzione "Save Desktop Icon Layout".
Qualora le icone dovessero, in seguito, disporsi in modo confusionario sul desktop, sarà sufficiente ricorrere al comando "Restore Desktop Icon Layout".

Eliminare o riattivare il Visualizzatore immagini e fax
Piattaforme : Windows Xp
come tutti sanno Windows XP include un ottimo e funzionale programma chiamato "Visualizzatore immagini e fax" che consente di visualizzare l'anteprima delle immagini in Risorse del computer e inoltre di visionarle a grandezza naturale, modificarle, ruotarle ecc..
Ma a volte potrebbe esserci poco utile questo programma predefinito e se vogliamo disattivarlo andiamo in Start – Esegui e digitiamo quanto segue:
regsvr32 /u shimgvw.dll
Riceveremo il messaggio “DllRegisterServer in shimgvw.dll riuscito”. Diamo Ok e avremo disattivato il Visualizzatore.
Qualora, invece, lo si voglia riattivare (ad esempio perché in Risorse del computer non viene più mostrata l'anteprima delle immagini memorizzate su disco), è sufficiente cliccare su Start - Esegui e digitare:
regsvr32 shimgvw.dll
Le modifiche avranno effetto immediato.

Messaggio Durante il Logon
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows Xp
Windows 2000 permette di visualizzare un testo personalizzato agli utenti che tentano di accedere al sistema.
Qualora il computer fosse utilizzato da più persone, per ricordare alcune informazioni importanti non appena si accede al sistema è possibile utilizzare questa possibilità.
Andare in Start - Impostazioni - Pannello di controllo - Strumenti di amministrazione - Criteri di protezione locali.
Fare doppio clic sulla voce "Criteri locali" quindi su "Opzioni di protezione".
Cercare nell'elenco "Testo del messaggio per gli utenti che tentano l'accesso" e "Titolo del messaggio per gli utenti che tentano l'accesso".
Fare doppio clic prima su una voce, poi sull'altra, ed inserire nella casella che si presenterà i testi che desidera vengano mostrati in avvio.

Visualizzare un messaggio all'avvio del sistema operativo
Piattaforme : Windows 2000 Windows 2003 Windows Xp
Qualora foste interessati, sappiate che è possibile visualizzare un messaggio personalizzato ad ogni avvio di Windows 2000/XP/2003 a chiunque acceda al sistema.
Aprite l'Editor del registro di sistema digitando REGEDIT in Start |
Esegui..., quindi portatevi in corrispondenza della chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion\WinLogon
Individuate nel pannello di destra la voce "LegalNoticeText", fatevi doppio clic, inserite il testo che desiderate venga visualizzato nella finestra all'avvio del sistema operativo infine premete il tasto OK.
Fate ora doppio clic sulla stringa "LegalNoticeCaption" e specificate il testo che desiderate venga mostrato nella finestra all'avvio di Windows.
Per ripristinare la situazione iniziale sarà sufficiente eliminare i testi inseriti.

Dimensioni immagini di anteprima
Piattaforme : Windows Xp
Probabilmente la dimensione dei "thumbnail" (anteprime delle immagini) non rispecchia i vostri bisogni, magari le vostre cartelle sono piene zeppe di immagini oppure ce ne sono molto poche.
Apportando una piccola modifica nel registro è possibile cambiare le dimensioni dei thumbnail.
Per aprire l'editor del registro di sistema premete su Start -> Esegui... e digitate regedit.
Fate sempre molta attenzione mentre maneggiate il registro di sistema
Cercate la seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer
Create o modificate il valore DWORD chiamato ThumbnailSize e assegnategli un valore decimale che va da 32 a 256.
Se scegliete un valore piccolo sarà possibile mostrare più anteprime contemporaneamente, il contrario invece se applichiamo un valore grande.
Il cambiamento dovrebbe essere immediato rendendo così inutile il solito riavvio dopo una modifica al registro di sistema.

Rendere invisibili le cartelle ad alcuni utenti
Piattaforme : Windows Xp
Oggi vediamo un semplice trucco con il quale, in Windows XP, potrete rendere le vostre cartelle invisibili ai normali utenti che usano il vostro sistema operativo.
Ciò però non impedisce che un eventuale altro amministratore possa accedervi: tuttavia tiene comunque lontano qualsiasi utente che fa uso di un normale account. Il trucco sta nel fatto di eliminare (dalla finestra Strumenti - Opzioni cartella - Visualizzazione delle opzioni) queste: "Visualizza cartelle e file nascosti" e "Non visualizzare cartelle e file nascosti".
Procedete così: andate nel Registro di Sistema e trovate la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\Explorer\Advanced\Folder
Cliccate con il tasto destro del mouse sulla chiave "Hidden" e poi su "Autorizzazioni".
Cliccate ancora sul pulsante "Avanzate". Qui trovate la casella denominata "Eredita dall'oggetto padre le autorizzazioni propagate agli oggetti figlio. (...)" di solito attiva per default: disattivatela.
Vi comparirà automaticamente la finestra "Protezione": cliccate ancora sul pulsante "Copia".
Dopo aver selezionato OK, scegliete, dalla finestra principale ("Autorizzazioni per Hidden"), il gruppo "Users" : infine premete il pulsante "Rimuovi". Volendo è possibile impedire l'accesso anche ai "Power users": eliminate dall'elenco il gruppo "Power users".

Imposta come sfondo, NO grazie...
Piattaforme : Internet Explorer
Il trucco: a chi non è mai capitato, durante la navigazione con Internet Explorer, di avere la necessità di salvare un'immagine contenuta in una pagina web, ma per errore di aver selezionato la voce "Imposta come sfondo", ritrovandosi così il desktop di Windows modificato?
La cosa è abbastanza antipatica... tanto più che il sistema operativo non chiede alcuna conferma per effettuare l'operazione!
La soluzione sta nel disattivare questa voce.
A questo proposito, è sufficiente impostare l'attributo di sola lettura al file che Internet Explorer usa per modificare lo sfondo del desktop.
Procedere così:
aprire "Trova file o cartelle";
cercare il file "Sfondo Internet Explorer.bmp";
fare clic con il tasto destro del mouse sulla relativa icona;
selezionare la voce "Proprietà";
nella finestra che appare, spuntare la casella "Sola lettura";
dare infine l'OK.
Da questo momento in poi, selezionando la voce "Imposta come sfondo" del menu contestuale di Internet Explorer, si aprirà una finestra di messaggio con sopra scritto: "Accesso negato".
Per ripristinare la situazione iniziale, basterà disattivare la casella "Sola lettura" del menzionato file.

Formattare un disco in FAT32
Per formattare un Hard disk in FAT32 su Windows XP occorre:
Cliccare su start -> Esegui... e digitare cmd, cliccare quindi su OK
Nella finestra digitare format X: /FS:FAT32 (dove X è la lettera dell'hard disk da formattare)
Se il vostro file system è NTFS apparirà la seguente scritta "Il file system è di tipo NTFS.
Il nuovo file system è di tipo FAT32.
AVVERTENZA, TUTTI I DATI SUL DISCO FISSO
UNITA' X: ANDRANNO PERSI
Procedere con la formattazione (S/N)?"
Digitare S e premere Invio

Auto Login to Windows Without Entering Password
When you access to your Windows, either Windows Vista or Windows XP, you will be greeted by a welcome page. You need to enter your users or admin password to go in to the Windows. This process is mainly designed for security purposes. However, if you feel that going through this process is a bit irritated and annoyed, you can actually personalized your PC by allowing you to login automatic to your Windows without entering the password.
You can auto login to your Windows via the following steps: -
For Windows XP
1. Go to start > RUN
2. Type control userpasswords2 in the run box prompted out
3. Select the user from which you want to login automatically and uncheck the box “Users must enter a username and password to use this computer”.
4. Enter the password of the account in the box
5. Click ok
For Window Vista and Windows 7:
1. Go to start button.
2. Type netplwiz in the search box
3. Select the user from which you want to login automatically and uncheck the box “Users must enter a username and password to use this computer”.
4. Enter the password of the account in the box.
5. Click ok
Once you have done it, you will login automatically whenever you access your computer.

Rimuovere il bootLoader
Per rimuovere un boot loader indesiderato è sufficiente sovrascriverlo con un altro specifico per il sistema operativo che si intende installare, nel caso specifico Windows XP.
Questa operazione è ottenibile avviando il pc dal cd-rom d'installazione di windows XP, entrando nella console di ripristino e impartire i seguenti comandi:
cd c:\windows
fixboot c:
fixmbr
bootcfg /rebuild
Così facendo il master boot record (MBR) del disco sarà cancellato e al suo posto sarà installato l'usuale loader di Windows XP.
La cancellazione del MBR è eseguibile anche dal CDROM di installazione di WIndows 98, ma in questo caso il comando da impartire è
FDISK /mbr
Si consiglia di controllare, durante l'installazione, di verificare che la partizione dalla quale si desidera avvaire il sistema sia impostata come attiva, mediante una utilità di partizionamento. In caso contrario, il loader non sarebbe in grado di svolgere la sua funzione.

Disabilitare servizi inutili

Nome servizio Nome processo Disattiviamolo se...
Accesso rete lsass.exe solo se il nostro pc non fa parte di un dominio Active Directory
Accesso secondario svchost.exe -k netsvcs solo se usiamo un account di amministratore. Disabilita "Compatibilità di cambio rapido utente"
Acquisizione di immagini di Windows (WIA) svchost.exe -k imgsvc solo se disponiamo di scanner o webcam
ClipBook clipsrv.exe disabilita la condivizione via rete degli appunti di windows
Compatibilità di Cambio rapido utente svchost.exe -k netsvcs solo se non usiamo questa funzionalità
Condivisione desktop remoto di NetMeeting mnmsrvc.exe disabilita la condivisione del desktop tramite netmeeting
Copia replica del volume/MS Shadow Copy Provider vssvc.exe solo se non usiamo il sistema di backup di windows xp
DDE di rete netdde.exe necessario per il funzionamento del servizio clipbook
DDE DSDM di rete netdde.exe necessario per il funzionamento del servizio clipbook
Gruppo di continuità ups.exe solo se non abbiamo un ups controllabile
Guida in linea e supporto tecnico svchost.exe -k netsvcs solo se non utilizziamo la guida di Windows
Helper NetBIOS di TCP/IP svchost.exe -k LocalService solo se la nostra rete utilizza NetBIOS e WINS
Smart card scardsvr.exe solo se non utilizziamo smart card
Host di periferiche Plug'n'Play universali svchost.exe -k LocalService disabilitarlo per motivi di sicurezza
Manutenzione collegamenti distribuiti client svchost.exe -k netsvcs solo se lavoriamo su una singola postazione
Messenger svchost.exe -k netsvcs non ha nulla a che vedere con Windows Messenger.
Provider supporto protezione LM NT lsass.exe inutile su una semplice workstation
Registro di sistema remoto svchost.exe -k LocalService consente l'accesso al nostro registro ad utenti remoti
Servizi IPSEC lsass.exe solo se il PC non fa parte di un dominio Active Directory
Servizi terminal svchost.exe -k DComLaunch sol se non vogliamo usare Desktop Remoto per collegarci al nostro PC
Servizio di indicizzazione cisvc.exe solo se vogliamo fare a meno dell'indicizzazione dei documenti.
Servizio di segnalazione errori svchost.exe -k netsvcs disabilita l'invio di segnalazioni d'errore a Microsoft
Servizio di rilevamente SSDP svchost.exe -k LocalService compagno di host di periferiche Plug'nPlay universiali: disabilitarlo per motivi di sicurezza
Servizio Ripristino configurazione di sistema svchost.exe -k netsvcs solo se non vogliamo il ripristino di configurazione
Telnet tlntsvr.exe sistema di comunicazione insicuro
Temi svchost.exe -k netsvcs solo per ritornare ad un'interfaccia come quella di Windows 2000
Zero configuration reti senza fili svchost.exe -k netsvcs solo se non disponiamo di una scheda di rete wireless.

Versioni di Windows

Nome Num. versione
Windows 1 1.0
Windows 2 2.0
Windows 3 3.0/3.1
Windows NT 3.51/4.0
Windows 95/98/OSR2 4.00.950/4.00.951/4.00.1112
Windows 2000 5.0
Windows XP 5.1
Windows Server 2003 5.2
Windows Vista, Windows Server 2008 6.0
Windows 7, Windows Server 2008 R2 6.1

Strumento di controllo delle password
http://www.microsoft.com/italy/athome/security/privacy/password_checker.mspx

Riabilitare l´anteprima immagini di windows
Alle volte può capitare che dopo un installazione o una disisnstallazione di qualche programma, oppure anche senza motivo, Windows perda la sua funzione di anteprima delle immagini nelle directory.
Questa funzione è facilmente riattivabile utilizzando il file qui allegato. E' un file .REG, quindi un file che agisce nel registro di Windows, e che rimette alle impostazioni di default le voci relative all'anteprima immagini.
Il file è stato testato su tutti i SO Windows che supportano questa funzione. Copiare tutto il contenuto successivo in un file di testo e nominarlo con .reg. Farci doppio click per unire il tutto al file di registro.
REGEDIT4
[HKEY_CLASSES_ROOT\.art\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.art\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.bmp\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.bmp\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.dib\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.dib\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.gif\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.gif\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jfif\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jfif\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpe\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpe\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpeg\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpeg\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpg\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpg\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.png\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.png\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tif\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tif\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tiff\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tiff\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.wmf\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.wmf\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.cdr\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.cdr\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.cgm\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.cgm\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.dfx\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.dfx\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.drw\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.drw\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.emf\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.emf\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.eps\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.eps\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pcd\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pcd\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pct\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pct\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pcx\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pcx\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tga\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tga\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.wpg\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.wpg\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\Shell.ThumbnailExtract.Office.1\CLSID]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}]
@="Office Graphics Filters Thumbnail Extractor"
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}\InprocServer32]
@="C:\\WINDOWS\\SYSTEM\\THUMBVW.DLL"
"ThreadingModel"="Apartment"
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}\ProgID]
@="Shell.ThumbnailExtract.Office.1"
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}\VersionIndependentProgID]
@="Shell.ThumbnailExtract.Office.1"
[HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Shell Extensions]
@=""
[HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Shell Extensions\Approved]
@=""
"{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}"="Office Graphics Filters Thumbnail Extractor"

Bloccare l'esecuzione delle applicazioni
Programma 1:
Applocker è un interessante programmino gratuito che può impedire il "lancio" di programmi sul nostro computer. In pratica impedisce, a chi non ha l'autorizzazione, di aprire determinati programmi scelti dall'amministratore del Pc
Dettagli risorsa:
Applicazioni bloccabili: Internet Explorer, Excel, Powerpoint, Word, Outlook, Nero, Notepad, Calculator, Wordpad, MSPainter
AppLocker, un freeware funzionale che condente di gestire e limitare l'accesso ed esecuzione di uno o più programmi installati sul nostro computer da vari utenti che hanno l'accesso al Pc.
Per un esempio pratico AppLocker può impedire l’accesso ad Internet Explorer oppure a Paint, sarà sufficiente avere i permessi di Amministratore per segnalare quali software bloccare.
Una volta installato AppLocker, lo troverete già configurato per bloccare alcuni programmi Windows come Internet Explorer, Blocco note, Calcolatrice oppure Microsoft Office: per aggiungere alla lista il software desiderato sarà sufficiente cliccare “Configure” e selezionare il file di avvio (il classico .exe). Per memorizzare le nuove impostazione dovrete infine cliccare su "Save".
Ovviamente AppLocker funziona solo con i permessi di amministratore (Administrator): da amministratore potrete quindi aggiungere o rimuovere dalla lista i programmi da bloccare. Quando un semplice utente Windows tenterà di avviare un programma bloccato vedrà visualizzare una finestra d'errore che spiegherà il blocco di tale software.
Interessante il fatto che AppLocker può essere usato anche in una rete per bloccare l’accesso a determinati programmi in tutti i computers: vi basterà copiare l’eseguibile dei programmi in una cartella condivisa e successivamente aggiungerlo alla lista di AppLocker. Questo software gratuito è perfetto per limitare l'suo del vostro computer a diverse persone che hanno accesso. Certamente da provare!
Download di circa 991 Kbytes, compatibile con i sistemi operativi Windows 2K, Windows XP, Windows 2003
http://www.anarchia.com/link_in_frame.php?link=7233&c=

Bloccare l’esecuzione di Programmi Eseguibili
Ad un gestore di computer aziendali/scolastici oppure un genitore può venire in mente di non fare eseguire programmi eseguibili, ecco un programma che li blocca.
Seppur io li adoro i programmi eseguibili perchè non hanno bisogno d'installazione e possono essere messi su pendrive usb e ne indico anche molti, è vero anche che per un datore di lavoro questi diminuiscono la produttività oppure lo studente non studia, o un genitore non vuole vengano eseguiti programmi di dubbia provenienza, ecco allora che viene in aiuto ANTI-EXECUTABLE, un programma presente anche in versione gratuita che li blocca.
Mi dispiace per tutti quelli che a causa della segnalazione del software non potranno più usare i servizi di messaggistica istantanea in ufficio/scuola perchè il capo/professore ha letto il mio post però alla fine è giusto che sul posto di lavoro si lavori a a scuola si studi :) .
Qui è possibile scaricare ANTI-EXECUTABLE (http://www.faronics.com/html/choose.asp?software=5), dove per uso personale è gratuito e con un pò di funzionalità in meno della versione a pagamento ma funziona egregiamente. Per scaricarlo bisogna visitare il link, poi basta premere download in alto a destra, ho già selezionato la versione personal, ed infinei bisogna compilare il modulo con le informazioni personali.

Bloccare esecuzione programma Windows 7
Vediamo come bloccare l’esecuzione di un determinato programma in Windows 7.
Questa situazione può rendersi utile per esempio se non siamo i soli ad usare il computer, e vogliamo bloccare l’utilizzo di un certo programma, magari ritenuto pericoloso, o per altri mille motivi.
L’operazione prende per esempio Windows 7, ma in teoria dovrebbe essere possibile effettuare gli stessi passaggi anche su sistemi precedenti come ad esempio Windows Xp o Vista.
Per prima cosa dobbiamo conoscere il nome dell’eseguibile da bloccare, ricavabile premendo col tasto destro sull’eseguibile del programma e leggendo la voce Destinazione sotto proprietà. Il nome sarà del tipo programma.exe.
Apriamo Start, dunque digitiamo regedit nella barra di ricerca e lo apriamo. Andiamo alla sezione HKEY_CURRENT_USER\ Software\ Microsoft\ Windows\ CurrentVersion\ Policies\ Explorer, e se la chiave Explorer non c’è basta crearla cliccando col destro su Policies, cliccando poi Nuovo – Chiave, nominandolo Explorer.
Dunque nella parte destra della finestra clicchiamo col tasto destro, poi Nuovo – Valore DWORD 32 bit, mettendo come valore DisallowRun.
Dunque clicchiamo col destro sulla chiave Explorer a sinistra e selezioniamo Nuovo – Stringa, che andremo a chiamare col nome del programma visto prima.
Per tornare allo stato precedente, cioè per poter usare il programma, basterà eliminare le stringhe create.

La pendrive non si rimuove più in maniera sicura
Da qualche tempo è scomparsa dalla system tray l'icona per la rimozione sicura delle periferiche usb collegate al comptuer e non so proprio come ripristinarla.
Si tratta di un problema che può essere risolto in vari modi. Come primo tentativo, clicca col tasto destro del mouse in un punto libero della barra delle aplicazioni e, dal menu contestuale che appare, seleziona Proprietà. Spostati nella scheda Area di notifica, attiva la voce Nascondi Icone inattive e clicca sul pulsante personalizza. Verrà così mostrata la finestra Personalizzata icone di notifiche. Scorri l'elenco mostrato e, nella sezione Elementi passati, individua la voce Rimozione sicura dell'hardware. Verrà così attivato un menu a tendina con tre opzioni: Nascondi se inattivo, Nascondi e Mostra. In questo caso, scegli Mostra e conferma con OK. Ora l'icona dovrebbe ricomparire sulla barra delle applicazioni.
Se questa soluzione non offre i risultati sperati procedi come segue: dal menu Start esegui digitare
RunDll32.exe shell32.dll, Control_RunDLL hotplug.dll
e premi Invio. In questo modo, registrerai nuovamente la libreria di sistema che gestisce la rimozione sicura dell'hardware.

Evitare l'installazione automatica degli aggiornamenti allo spegnimento del pc
Appena ci sono aggiornamenti disponibili, Windows modifica la procedura di spegnimento standard in modo da installarli automaticamente. Ma la procedura può essere lunga e quando si deve spegnere il computer rapidamente o la batteria del notebook sta per scaricarsi sarebbe meglio poterla rimandare.
Se si deve spegnere rapidamente il computer, o se si utilizza un notebook e la batteria sta per scaricarsi, è meglio evitare che Windows installi automaticamente gli aggiornamento allo spegnimento del pc, e poter decidere, invece, personalmente quando Windows debba installarli. Il momento migliore, nel caso di un portatile è ovviamente quello in cui sarà collegato ad una presa elettrica. Si deve dunque modificare l'impostazione standard, che costringe ad attendere l'installazione degli aggiornamenti quando si spegne il pc.
Ciò è possibile creando una nuova voce nel Registry. Portarsi nella seguente chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\WindowsUpdate\AU
Se le ultime due chiavi non sono presenti (WindowsUpdate e AU), crearle con Modifica - Nuovo - Chiave. Poi nella zona destra dello schermo selezionare Modifica - Nuovo - Valore DWord. Dare il nome
NoAUAsDefaultShutdownOption
alla voce creata e premere invio. Fare doppio clic sulla voce appena creata per modificarla in 1, in Dati valore e confermare.
Ciò impedisce a Windows di attivare automaticamente l'installazione degli aggiornamenti quando si spegne il computer. Se in futuro si vuole riattivare l'installazione allo spegnimento basterà reimpostare Dati valore a 0.
NOTA: questa procedura modifica l'impostazione solo per l'utente attuale. Se si desidera che l'impostazione valga per tutti gli utenti, inserire il valore Dword descritto sopra nella seguente chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Policies\Microsoft\Windows\WindowsUpdate\AU
e poi chiudere l'editor. L'impostazine sarà valida al prossimo riavvio del computer.

Files nascosti (fin troppo bene)
In Esplora risorse, non c'è più traccia dei file nascosti, seppur io ho chiesto di visualizzarli.
Alcuni virus impediscono proprio la visualizzazione dei file nascosti nel tentativo di rendere più difficoltosa l'identificazione dell'infezione e la sua eliminazione. Sembra un attacco del worm Conficker (Kido è un suo alias). Se così fosse, vuol dire che il sistema non è stato aggiornato con la patch di sistema rilasciata da Microsoft proprio per cercare di porre un argine alla diffusione.
La prima cosa da fare, è installare l'aggiornamento dal sito Microsoft http://www.microsoft.com/technet/security/Bulletin/MS08-067.mspx. Vedi anche qui nella pagine (all'inizio) i link per scaricare il file.
Puoi rimuovere anche il virus con il tool KidoKiller http://forum.kaspersky.com/index.php?showtopic=100916
Il programma non richiede installazione: è sufficiente avviarlo, eseguire la scansione dell'hard disk ed attendere che completi la sua opera di bonifica del sistema. Al termine, potrebbe essere necessario correggere alcune chiavi di registro modificate dal virus. Lancia Regedit e individua la seguente chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced
e clicca due volte con il mouse sul corrispondente valore Reg_Dword "Hidden". Nella scherma Modifica valore che appare digita 1 nel campo Dati valore.
Se dovesse essere presente anche il valore Reg_Sz"Hidden" eliminalo con il tasto destro mouse.
Poi vai alla seguente chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced\Folder\Hidden\SHOWALL
clicca due volte sul valore Reg_Dword"CheckedValue" e impostalo a 1.
Anche in questo caso, elimina il valore Reg_Sz"CheckedValue" se presente.
Chiudi l'editor del registro di configurazione. Adesso dovresti riuscire a vedere i file nascosti senza riscontrare più problemi.

Richiesta di controllo del disco ad ogni avvio
Ho windows XP e un disco usb collegato perennemente e identificato con la lettera G. Il problema è che ad ogni accensione del computer mi viene richiesto il controllo del disco G. Se non lo interrompo alla partenza il controllo dura alcuni minuti. Come devo fare per escludere l'avvio del controllo?
Il controllo del disco all'avvio del computer viene proposta da Windows XP se la struttura logica di un disco è danneggiata. L'attesa è seccante ma indispensabile per evitare brutte sorprese, come la sparizione inspiegabile di cartelle o file oppure l'impossibilità di aprire alcuni file salvati su disco. Se la struttura logica del disco arriva a corrompersi fino a questo punto, molti file apparentemente presenti sul disco in realtà non esistono più: appaiono quando si elenca il contenuto delle cartelle, ma ogni tentativo di apertura generano un messaggio di errore o mostrano contenuti corrotti. Il controllo dei file di Windows cancella automaticamente tutti i file e le cartelle che hanno la struttura corrotta per evitare che il danno si propaghi al resto del disco. Se l'azione è troppo efficace e spariscono anche file necessari, bisogna utilizzare un programma di recupero dati per tentare di recuperare il salvabile. Se il controllo dei file termina con successo ma il messaggio appare di nuovo al successivo riavvio, può dipendere da un'impostazione sbagliata del Registry che forza la scansione ad ogni avvio. Per disattivarla fare click su Start ed eseguire il programma Regedit, e portarsi sulla seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Session Manager\BootExecute
Scegliere la voce Modifica dal menu Modifica e scrivere autocheck autochk * al posto del comando preesistente, quindi confermare la scelta. Il difetto può apparire anche se Windows spegne il computer alla chiusura del sistema senza dare al disco esterno abbastanza tempo per aggiornare i dati. Per ottenere conferma a questa ipotesi, scollegare l'hard disk utilizzando l'apposita icona della barra delle applicazioni e poi ricollegarlo: Windows non deve mostrare messaggi di errore. Scollergarlo di nuovo e riavviare il computer, quindi attendere il caricamento di Windows e ricollegarlo: non deve apparire nessun messaggio di errore o invito a controllare il disco. Se a questo pu nto si riavvia il computer il messaggio riappare, significa che il bios del computer ha errori nella funzione ACPI.
Se non è disponibile un BIOS più aggiornato nel sito del produttore del computer o della scheda madre, bisogna disattivare il driver di sistema ACPI e usare al suo posto il driver APM. Si può ottenere questo risultato seguendo la complessa procedura descritta nell'articolo del sito di supporto tecnico Microsoft alla pagina: http://support.microsoft.com/kb/810903/it, ma il modo pi+ù efficace consiste nel disattivare il supporto ACPI nel setup del BIOS (attivando APM se è disponibile una voce di setup separata) e poi ripetere l'installazione di Windows. A volte il problema si risolve semplicemente sostituendo l'hard disk usb problematico con uno di marca differente.

Doppia configurazione di rete
Ho un computer portatile che utilizzo sia al lavoro sia a casa, dove ho due computer in rete. Voglio configurare il portatile per le due reti senza bisogno di cambiare ogni volta le impostazioni della scheda di rete, che sono differenti.
Per commutare con la massima semplicità e velocità i profili di configurazione della rete locale in Windows bisogna installare un software aggiuntivo come Net Profile Switch (http://www.jitbit.com/net-profile-switch/) oppure NetSwitcher, scaricabile in versione dimostrativa dal sito http://www.netswitcher.com oppure NetSetMan da http://www.netsetman.com.
Da qui si potranno effettuare le impostazioni delle due rete e quindi richiamarle in pochi click

La scomparsa dell'icona volume
Dalla barra delle applicazioni scompare all'improvviso l'icona per la regolazione del volume e ogni volta che avvio windows sono costretto a ripristinarla da pannello di controllo - suoni e periferiche.
Se hai il cd/dvd originale di installazione di windows, avvia il prompt dei comandi dal menu Start - Tutti i  programmi - Accessori e spostati nella cartella con il comand cd. Digita la seguente stringa:
expand -r sndvol32.ex_ %systemroot%\system32  e premi invio. Riavviando il sistema, l'icona del volume dovrebbe comparire al suo posto nella system tray.
Se così non fosse, avvia l'editor di registro REGEDIT, e vai alla seguente chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run e clicca su Modifica - Nuovo - Valore stringa: nella scherma che appare assegnagli il nome systray, confermando con ok.
Ora clic due volte e nel campo Dati valore digita c:\windows\system32\systray.exe . Riavvia di nuovo il sistema.

Il service Pack non si installa
Ho provato più volte ad installarlo ma quando arrivo al termine dell'installazione stessa, compare un avviso che mi comunica la non riuscita del processo.
In effetti, può capitare che l'installazione del Service Pack 3 di Windows XP non proceda sempre in maniera lineare e senza problemi: il messaggio "Impossibile completare l'installazione del Service Pack 3£ è un'apparizione antipatica, ma quando si manifesta non dobbiamo farci prendere dal panico: procedendo, vale a dire cliccando su OK, ci viene detto che ci troviamo di fronte a un problema interno e, consultando il file scvpack.log, che troviamo all'interno di C:\windows\Svcpack.log, ci potremo ritrovare a leggere altre stringhe di testo con ulteriori informazioni sul problema occorso. Possiamo così venire informati che potrebbero essere file "non attendibili", vale a dire che non appartengono a programmi originali, oppure delle parti danneggiate. Se non abbiamo installato il software originale, allora questo problema è praticamente inevitabile e risolvibile in teoria solo con l'acquisto di una licenza originale. Altrimenti, ci troviamo di fronte a tre diverse possibilità: potremmo venire avvisati che uno dei file è danneggiato (ci viene detto anche quale), oppure che esiste un problema livello di informazione, sull'ID del computer, che risultano non corrette. Infine, potremmo imbatterci nella segnalazione della presenza di registri corrotti.
Fortunatamente, in tutti e tre i casi esistono delle procedure per correre ai ripari: sono infatti problemi ben noti a Microsoft, che nella pagina http://support.microsoft.com/kb/949384 riporta le istruzioni per risolvere la situazione: si tratta di procedure un po' lunghe, e per questo è impossibile riportarle, ma dovrebbero rivelarsi semplici da eseguire: come sempre, meglio privilegiare l'aiuto del produttore stesso, che conosce evidentemente molto bene il proprio software, piuttosto che quello dialtri udenti.

Eliminare la funzione ZIP in XP
Inserire il seguente comando dentro esegui: regsvr32 /u zipfldr.dll
Per riattivarla basta digitare: regsvr32 zipfldr.dll

Creare una scorciatoia per rimuovere la pendrive USB
Fare clic destro sul desktop e selezionare Nuovo - Collegamento; nella casella di testo digitare la stringa seguente
RunDll32.exe shell32.dll, Control_RunDLL hotplug.dll
e cliccare sul pulsante Avanti.
Inserire il nome da assocciare al collegamento, per esempio Rimozione sicura USB. Per associare una scorciatoia da tastiera al collegamento, fare click destro sull'icona del collegamento, selezionare la voce Proprietà, TAB Collegamento, Tasti di scelta rapida ed inserire una lettera da associare all'azione, per esempio U. Con CTRL+ALT+U si passerà alla rimozione sicura.

La rimozione della pendrive non è così sicura
Alcune volte mi capita di non riuscire a scollegare correttamente la chiavetta USB che utilizzo per trasferire file sul mio computer, nonostante esegua correttamente la procedura per la rimozione sicura dell'hardware. Ogni volta viene mostrato il messaggio che mi informa del fatto che la periferica è attualmente in uso. Ma non c'è nessun programma in esecuzione che accede alla pendrive. Da cosa può dipendere allora?
Ti sei imbattuto in un problema molto comune, che può verificarsi anche collegando hard disk esterni o altre periferiche di archiviazione di massa USB. Le cause possono essere molteplici. Magari può esserci un programma che tiene
“bloccata” la chiavetta, anche se in quel momento non sta eseguendo operazioni di lettura o scrittura sulla periferica. Chiudi quindi tutte le applicazioni che hanno utilizzato i file archiviati nella chiavetta. In alcuni casi, poi, la colpa potrebbe essere del servizio di protezione del Cestino attivato dalla suite Norton Internet Security. Ma il più delle volte, il problema tende a capitare quando si cancellano file dalla chiavetta. Se questo è il tuo caso, clicca con il tasto destro del mouse sull'icona del Cestino presente sul desktop di Windows e, dal menu contestuale scegli la voce Proprietà. Quindi clicca su Configura le unità inmodo indipendente e apri la scheda corrispondente alla pendrive (che si attiva quando la periferica viene collegata al computer). Da qui scegli Non spostare i file nel Cestino, rimuovili immediatamente. Senza il transito dal cestino, quest'ultimo non dovrebbe bloccare la chiavetta. Infine, clicca sull'icona della chiavetta da Risorse del computer e poi su Proprietà. Spostati nella sezione Hardware, seleziona di nuovo la voce relativa al dispositivo e premi il pulsante Proprietà e criteri. Dovresti trovare selezionata l'opzione Ottimizza per la rimozione rapida. Questa funzione disabilita la scrittura della cache sulla chiavetta e consente quindi una rimozione sicura anche senza bisogno di usare l'apposito comando Rimozione sicura

Service Pack 3 di Windows XP e processore AMD
Ho letto su Internet che l’installazione del Service Pack 3 di Window XP crea molti problemi se si possiede un processore AMD. Il problema, secondo quanto ho appreso, sarebbe imputabile alla contemporanea presenza nella cartella System32 di due file con estensione SYS (intelppm.syseamdk8.sys) e potrebbe essere risolto in vari modi, utilizzando la riga di comando e avviando il sistema in modalità provvisoria. Vorrei installare il SP3,ma verificando i file presenti nella cartella System32 ho trovato entrambi gli “indiziati”. Potreste spiegarmi quindi come procedere per evitare problemi?
Quello che hai letto sul Web è parzialmente corretto: il problema non è causato dai processori AMD, quanto dal file intelppm.sys. In particolare, su alcuni computer di marca HP con processore AMD, l’immagine del sistema operativo installata dal produttore è uguale a quella utilizzata per i sistemi Intel e presenta quindi il file in questione, che si occupa della gestione dello stato energetico dei processori Intel ed è inadatto alle CPU AMD, che necessitano dell’analogo amdk8.sys. I malfunzionamenti (problemi al boot, riavvii improvvisi o errori di sistema con codice 0x0000007e) dopo l’installazione del Service Pack 3 si presentano infatti su tutti i PC prodotti da HP ed appartenenti alla
serie “Z”, dotati quindi di processori AMD. Per risolvere il problema, basta disabilitare il driver intelppm.sys seguendo questa procedura: accedi al sistema con l’utente Administrator (o con quello che utilizzi abitualmente se ha privilegi di amministratore) e apri il prompt dei comandi da Start/Esegui, digitando cmd e confermando con Invio. Nel prompt immetti il comando sc config intelppm start= disabile e premi di nuovo Invio. A questo punto il driver è disabilitato e puoi installare senza problemi in Service Pack 3. Questo metodo funziona anche dopo l’aggiornamento all’SP3. Il problema descritto si presenta, oltre che con i computer HP, anche con alcune schede madri, tra cui la ASUS A8N32-SLI Deluxe: in questo caso è visualizzato il messaggio Problemwas detected and windows has been shut down to protect your computer from damage. The BIOS in this system is not fully ACPI compliant. La schermata termina con l’errore STOP:0x000000A5. La soluzione del problema si ottiene in questo caso in modo molto semplice: basta collegare al PC una periferica di memorizzazione USB (pendrive o hard disk esterno) prima del boot. Tale metodo costringe però ad avviare sempre il PC in questo modo, sperimentando lo stesso errore qualora non si connetta la periferica USB. In alcuni rari casi, invece, sembra che il problema derivi dall’uso di un mouse USB, che dovrebbe essere spostato sulla porta PS2 (sostituendo il mouse o utilizzando un adattatore).

Bloccare modifica impostazioni scheda di rete – Xp
Ecco una soluzione semplice per bloccare la modifica delle impostazioni della scheda di rete di Windows Xp. Se, infatti, settiamo i server Dns di OpenDns per la navigazione sicura, altrettanto semplicemente possiamo rimuoverli e settare quelli del nostro provider internet per eliminare i filtri.
Per evitare la rimozione dei “blocchi” da parte di qualsiasi utente, dobbiamo aprire “Start” poi premere “Esegui”. Digitiamo “gpedit.msc”.
In questa finestra che si e’ aperta, dobbiamo compiere 2 operazioni, seguiamo il percorso:
* Configurazione utente
* Modelli amministrativi
* Rete
* Connessioni di rete
* Proibisci l’accesso alle proprietà dei componenti di una connessione LAN (prima voce, la seconda e’ per le connessioni remote, controlliamo alla sinistra della finestra che venga riportata la dicitura “LAN” , doppio clic e selezioniamo “Attivato”
* Attiva impostazioni connessioni di rete di Windows 2000 per gruppo Administrators (Doppio clic e selezioniamo “Attivato”)
Ora possiamo chiudere tutto. Per i piu’ smaliziati “ragazzacci” cancelliamo anche la cronologia ed il completamento automatico, per non ricordare il comando gpedit.msc appena eseguito. Quindi andiamo sulla barra in basso, da parte al pulsante “Start” , clic di destro e selezioniamo “proprietà” , poi nel TAB in alto “menu’ di avvio” premiamo personalizza. Ora se abbiamo il menu’ nuovo o vecchio non ha importanza, guardate le schermate qui sotto.
Confermate con OK ed avete finito. Se volete testare voi stessi, non sarete piu’ in grado di modificare l’impostazione TCP/IP della vostra scheda di rete, quindi non potrete ne cambiare l’indirizzo IP del vostro PC ne cambiare i server DNS.

HostWall
Il progetto blocco HOSTS nasce dalla sempre maggior richiesta di blocchi per programmi che dialogano all'esterno, non che di pubblicità e siti poco affidabili...
Esiste un file su Windows che può essere usato per bloccare i banner provenienti dai server che vogliono spiarvi.
Quando vedete un banner della Double-Click il banner non proviene dal sito che state visitando, ma dai server della Double-Click.
Il trucco è costringere il vostro computer a non contattare i server della Double-Click facendogli credere che l'IP di questi sia 127.0.0.1, o meglio, fargli contattare 127.0.0.1 al posto dei server pubblicitari.
Ok, un po' di teoria.
Quando inserite un indirizzo nel browser la prima cosa che il vostro computer farà è cercare l'indirizzo IP equivalente. L'indirizzo IP di un sito è sempre un gruppo di quattro numeri che vanno da 0 a 255 separati da punti. Uno dei motivi è che è più facile ricordare un nome che una sequenza di numeri.
Windows usa un programma, Winsock, per gestire le richieste di accesso ad Internet dei vari software. Ogni qualvolta inserite il nome di un dominio questi, per velocizzare le operazioni, va a controllare sul file 'Hosts' (C:\Windows\Hosts in Win9x e C:\WinNT\System32\drivers\etc\Hosts in WinNT2000\XP\Vista\Win7) se questo ha un equivalente indirizzo IP memorizzato. Se sì vi porterà direttamente lì, altrimenti si collegherà al vostro ISP e chiederà a lui qual'è l'equivalente IP del dominio da voi richiesto.
L'idea è di far credere al computer che tutti questi server abbiano un solo IP cioè 127.0.0.1 che corrisponde al vostro computer. In altre parole direte ai software spyware che la pubblicità che cercano è sul vostro computer (l'IP 127.0.0.1 è sempre l'indirizzo del vostro computer). Non trovandola ci rinuncerà e voi avrete risparmiato risorse mentre le varie compagnie di marketing non sapranno mai del vostro passaggio.
Ecco come si fa:
Usando NotePad o un qualunque altro editor di testo create un file chiamato 'Hosts' (senza virgolette e senza estensioni) e scrivete l'IP del localhost (127.0.0.1) seguito dal nome del server che volete bloccato separati da due spazi.
Ad esempio:
127.0.0.1 ads.doubleclick.net
127.0.0.1 www.ads1.aureate.com
Per Windows 7 per poter salvare il file hosts bisogna cambiare le proprietà del file prima di modificarlo.
Selezionare il file /Pulsante destro/proprietà/sicurezza/modifica/selezionare il nome utente e spuntare tutto tranne autorizzazioni speciali.
Confermare.
Per chi non conoscesse ancora il progetto HostWall 1.0 disponibile qui
http://footballpessite.forumcommunity.net/?t=34095812
http://www.tv-sat.org/tutto-dreambox/showthread.php?t=14876
Non fa altro che sostituire il tuo file HOSTS con uno completo di indirizzi nocivi e quindi dal tuo browser non potrai accedere involontariamente su questi siti se verrai reindirizzato o ci finisci per caso, il file hosts blocca l'accesso a qualsiasi indirizzo abbia in lista è una protezione passiva utilizzata da molti antispyware compreso spybot "dal quale proviene la lista aggiornata".
Quindi prendiamo come partenza questo programmino, almeno si ha molti blocchi "pubblicitari" già pronti...
poi possiamo continuare a "aggiungere altri"... importante aggiungere dopo che si è usato il programma, visto che HostWall sostituisce il file e quindi tutte le modifiche fatte andrebbero perse...
Un'altra strada si può prendere seguendo gli aggiornamenti (anche scaricando il loro file hosts) da questo ottimo sito: Blocking Unwanted Parasites with a Hosts File (http://www.mvps.org/winhelp2002/hosts.htm)
Ora veniamo a quelli che possono servire per l'uso quotidiano:
Per bloccare le pubblicità in MSN (molto comodo):
127.0.0.1 localhost rad.msn.com
Per bloccare l'attivazione dei prodotti Adobe:
127.0.0.1 activate.adobe.com

Windows 7/Vista/XP   = C:\WINDOWS\SYSTEM32\DRIVERS\ETC
Windows 2K = C:\WINNT\SYSTEM32\DRIVERS\ETC

The actual location is defined by the following Registry key:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Tcpip\Parameters\DataBasePath

Login Automatico
Se utilizziamo un PC “domestico” e installiamo un aggiornamento importante come ad esempio una nuova versione del Net Framework, può capitare che al successivo login Windows ci chieda la password di accesso e, se questa non esistesse, ci chieda più semplicemente di premere il pulsante login per accedere al nostro desktop.
Tale login è una scocciatura, ancor più se il nostro PC non è multiuser, ovverosia non lo utilizziamo in più persone e siamo gli unici a lavorarci.
Come rimuovere il login su Windows 7 e Windows Vista e fare in modo che il login in Windows 7 e Windows Vista sia automatico ? La soluzione è più semplice di quanto si pensi.
Da Windows Vista/Windows 7 dobbiamo premere Start, inserire nel box “Inizia Ricerca” la “frase” netplwiz e premere invio.
Ora siamo in Account Utente e possiamo disattivare la richiesta di login per l’accesso al PC.
Anche su Windows XP il procedimento è simile, dobbiamo andare in Pannello di Controllo – Account Utente e scegliere di non effettuare il login prima di accedere al Desktop.
Oppure utilizzare da Esegui: control userpasswords2 e si otterrà lo stesso risultato di Windows Vista.

Evitare di dover cambiare la password
Con questa impostazione, la vostra password avrà validità indefinita e non sarete più obbligati a cambiarla.
Anche se siete gli unici ad utilizzare il vostro computer, proteggerne l'accesso con password è una buona idea.
Il problema è che con le impostazioni standard, Windows XP Professional Edition pretende che essa venga cambiata ad intervalli di tempo prestabiliti.
Vi mostriamo come fare per evitare questa noiosa seccatura.
Aprite il Pannello di controllo e cliccate su "Prestazioni e manutenzione", quindi su "Strumenti di amministrazione" e selezionate "Criteri di protezione locali".
Un doppio clic su "Criteri Account" vi permetterà di accedere all'impostazione "Criterio password".
Trovate la voce "Validità massima password" nel pannello di sinistra e cliccate due volte su di essa.
Se impostate il valore sullo 0 la password avrà validità infinita.
In Windows XP Home Edition questa modifica non è necessaria perchè la password non ha un periodo di validità limitato come nella versione "Professional".

Come creare un account nascosto
La procedura di seguito riportata vi permette di creare un Account nascosto che non comparirà nella lista degli account nella pagina iniziale.
Andate in "Start/Esegui", digitate regedit, premete "Invio" e posizionatevi nella chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\ WindowsNT\CurrentVersion\ Winlogon\SpecialAccounts\ UserList.
Se non trovate la chiave, potete crearla cliccando col tasto destro del mouse su "Winlogon" e facendo clic su "Nuovo/Chiave". Date il nome SpecialAccounts e fate la stessa cosa su "SpecialAccounts" per creare la chiave UserList.
Fatto questo, modificate o create un valore DWORD cliccando con il tasto destro del mouse nella parte destra dello schermo e selezionando "Nuovo/Valore DWORD".
Inserite il nome dell'account segreto che volete creare come, per esempio, "UserNascosto".
Impostate il valore "Data" a 0 per rendere nascosto l'account e riavviare il computer per rendere effettive le impostazioni.
Per entrare nell'account nascosto appena creato, dalla pagina di login, premete per due volte CTRL+ALT+CANC e inserite la vostra username (UserNascosto in questo caso).

Controllare l'accesso al proprio PC
Grazie al Registro di Sistema potete controllare chi e quando ha avuto accesso al vostro PC.
Ecco come fare...
Innanzitutto dovete scrivere alcune righe di codice. Aprite il "Notepad" ed inserite questo codice:
@echo off
echo ~~~~~~>>log.txt
echo.>>log.txt
echo entrata >> log.txt
date /t >>log.txt
time /t >> log.txt
echo ~~~~~~>>log.txt
cls
Fatto ciò, salvate il file con il nome log.bat, aprite il Registro di sistema e trovate la chiave seguente:
HKEY LOCAL MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run
Cliccate con il tasto destro sulla voce Run e create una nuova stringa: la chiamerete log, mentre il suo valore sarà: c:\log.bat.
A questo punto premete "Ok" oppure "F5", confermate l'operazione ed uscite.
Da questo momento in poi, ogni volta che accenderete il PC comparirà per qualche istante una finestra di DOS.
Le registrazioni saranno disponibili nella cartella C:\Documents and Settings nome utente, dove per nome utente si intende il nome dell'account con il quale è stato effettuato l'accesso a Windows XP.

Convertire una unità da FAT a NTFS
Ecco come convertire una unità di massa (C,D) da FAT/FAT32 a NTFS.
Da "Start/Programmi/Accessori/Prompt dei comandi" dovete digitare il seguente comando:
"convert lettera unità:/fs : ntfs", ovviamente senza apicetti.
L'unità in questione verrà cocì formattata e convertita in NTFS.
Se avete dei dati importanti, vi consigliamo di salvarli da qualche parte prima di eseguire il processo di conversione.

Creare un punto di ripristino
Creare un punto di ripristino può risultare molto utile per riportare Windows XP alla normalità.
Per creare un punto di ripristino, aprite "Start/Programmi/Accessori/Utilità di sistema/Ripristino configurazione di sistema".
Nella finestra che apparirà, selezionate "Crea un punto di ripristino" e cliccate su "Avanti".
Digitate un nome da assegnare al punto di ripristino. Data e ora sono inserite dal programma, per cui usate un nome, o una frase, che descriva bene la condizione attuale o il motivo della creazione del punto di ripristino.
Cliccate sul pulsante "Crea" e al resto penserà Windows, impiegando solo pochi secondi. Ultimate le operazioni, vi verrà proposta una finestra, "Punto di ripristino creato", con data, ora e nome del punto di ripristino. Cliccate su "Chiudi".
Per fare tornare Windows a una delle precedenti configurazioni memorizzate, selezionate "Ripristina uno stato precedente del computer" nella finestra principale di "Ripristino configurazione di sistema" e cliccate su "Avanti".
Apparirà un calendario in cui le date che contengono dei punti ripristino sono evidenziate in neretto. Cliccando su una di queste date, nella finestra di destra saranno visualizzati i nomi di tutti i punti di ripristino disponibili. Cliccate sul nome di un punto di ripristino e poi su "Avanti". Cliccate ancora su "Avanti" nella finestra di conferma e il processo si avvierà.
Alla fine, dopo un riavvio di Windows, un messaggio comunicherà l'esito del ripristino.

La selezione inversa
A volte capita di dover copiare una raccolta di immagini in una cartella evitando di inserirne alcune.
Anziché selezionare ogni file, in Windows XP esiste una procedura che consente di effettuare ciò in modo semplice e rapido.
Avviate "Esplora risorse" ed aprite la cartella all'interno della quale si trovano le vostre foto.
Cliccate sul pulsante "Visualizza" presente nella barra degli strumenti, quindi sulla voce "Anteprima" per visualizzare all'interno della finestra l'anteprima delle immagini.
Selezionate infine i file che non desiderate mostrare.
Per fare ciò tenete premuto il tasto "Ctrl" e cliccate sulle foto.
A questo punto interviene la selezione: andate nel menù "Modifica" e, nell'elenco a discesa che si apre, cliccate sulla voce "Inverti selezione".
Eseguita questa operazione, potete copiare i file come di consueto.
Infine, chiudete "Esplora risorse" con un clic sulla crocetta in alto a destra.

Se il cestino è danneggiato
Se avete un PC con Windows XP, potrebbe capitarvi che, quando cancellate un file o avviate la pulizia del sistema con un programma come Ccleaner, vi appaia a video il messaggio di errore "Il cestino è danneggiato, Svuotare il cestino di tale unità?".
Se vi si presentasse un problema come questo, potete provare a risolverlo tramite il Prompt dei comandi di Windows.
Andate in "Start/Esegui", digitate cmd e cliccate su "Ok".
Una volta aperta la finestra del Prompt, digitate rd /s C:\$recycle.bin e premete "Invio".
In questa maniera avrete cancellato la cartella del cestino, che verrà automaticamente ricreata quando eliminerete un nuovo file.

Creare icone per lo spegnimento e per il riavvio del sistema
Anche con Windows Vista è possibile creare un collegamento veloce per spegnere e riavviare il sistema operativo, senza ricorrere al classico "itinerario". Per farlo, dovete creare due icone, una per spegnere il PC ed una per riavviarlo.
Icona per lo spegnimento
Cliccate con il tasto destro sul desktop e scegliete "Nuovo/Collegamento".
Si aprirà una finestra di dialogo in cui dovete digitare shutdown -s -t 00. Cliccate su "Avanti" e scegliete una descrizione per il vostro collegamento (vi apparirà in questo caso semplicemente shutdown).
Infine, premete "Fine" e comparirà così il nuovo collegamento su desktop.
Icona per il riavvio
Fate clic con il tasto destro sul desktop e scegliete nuovamente "Nuovo/Collegamento".
Nella finestra di dialogo che appare, questa volta dovete digitare shutdown -r -t 00. Cliccate su "Avanti" e scegliete una nuova descrizione per il vostro collegamento.
Infine fate clic su "Fine" per visualizzare il nuovo collegamento su desktop

Se Windows Update non funziona più
Se Windows Update non funziona più, potete provare a bloccarlo e a cancellare le vecchie patch già scaricate.
Aprite il menù "Start" e, nella casella di ricerca, digitate "Servizi". Confermate premendo "Invio".
Nella pagina dei servizi attivi nel sistema operativo, cercate la voce relativa a "Windows Update" e cliccateci sopra col tasto destro del mouse. Dal menù che appare cliccate su "Arresta".
Ora, create una nuova cartella in C:\WINDOWS chiamandola "VecchiAggiornamenti". Al suo interno spostate tutti i presenti in C:\WINDOWS\SoftwareDistribution.
Fatto questo, riavviate Windows Update dal menù "Start/Tutti i programmi", controllate la presenza di eventuali aggiornamenti ed installateli.
Se questa procedura non dovesse funzionare, provate a riportare il sistema ad una data antecedente al problema, accedendo al "Ripristino configurazione di sistema".

Se il Ripristino di configurazione di sistema non funziona più
Mentre state eseguendo tranquillamente un Ripristino di configurazione di sistema sul vostro PC, potrebbe capitarvi di ritrovarvi senza corrente, con conseguente spegnimento del PC.
Riaccendendo il PC e tendando di recuperare la precedente configurazione però, l'operazione potrebbe non andare a buon fine.
In questi casi, è possibile che si sia danneggiato il file di sistema necessario per il corretto funzionamento del ripristino di configurazione.
Se avete un PC con Windows XP, andate in "Start" e, in "Esegui", digitate il comando Inf. Premete "Invio" e dopo qualche secondo visualizzerete il file sr.inf. Selezionatelo col tasto destro del mouse e cliccate su "Installa".
Se, invece, avete un PC con Windows Vista, andate in "Start" e, nella barra di ricerca, digitate il comando sfc /scannow, confermando con "Invio".
In alternativa, potete riavviare il PC dal CD di installazione di Vista, scegliendo di riparare il PC tra le opzioni proposte e selezionando la voce "Ripristino configurazione di sistema".

Se il pulsante standby è disattivato...
Può capitare, al momento di spegnere il PC, di non riuscire ad impostarlo in modalità di risparmio energetico in quanto il pulsante di Standby risulta disattivato.
A volte il problema può essere causato da un errato funzionamento dei software Alcohol e Daemon Tools (ovviamente se installati nel PC) che servono per creare unità ottiche virtuali.
Per risolvere il problema disinstallate questi programmi da "Pannello di controllo/Installazione applicazioni".
Se ciò non dovesse essere sufficiente, dovrete eliminare manualmente ogni riferimento anche dal registro di configurazione dell'hard disk, da "Gestione Periferiche" e dalla cartella C:\WINDOWS\System32 in cui vengono archiviati i loro driver.

Proteggersi da virus e worm con Microsoft Security Essentials
Un antivirus aggiornato consente di rimuovere e prevenire quasi tutte le infezioni virali. Oggi vi mostriamo come proteggere il vostro computer con Microsoft Security Essentials (http://www.microsoft.com/Security_Essentials/). 
Prima di tutto installate il programma prelevabile dal sito della Microsoft ed avviatelo. Prima di avviare la scansione, andate in "Aggiornamento" e cliccate su "Aggiorna", in modo da scaricare gli update disponibili.
Spostatevi nel tab "Impostazioni" e, nel riquadro di sinistra, selezionate la voce "Azioni predefinite". Impostate tutto su "Quarantena".
Sempre in "Impostazioni", selezionate "Microsoft SpyNet" e spuntate la voce "Livello avanzato": così, ogni volta che MSE rileva e rimuove una minaccia, invierà un report a Microsoft con informazioni utili per il rilascio di nuove firme virus. Fatto ciò, premete "Salva modifiche".
A questo punto aprite la scheda "Home" e, nella sezione "Opzioni di analisi", attivate la casella di controllo "Completa" e premete "Esegui analisi".
Quando individua una minaccia, MSE mostra un riquadro da cui è possibile scegliere l'azione da compiere. Cliccate su "Mostra dettagli", selezionate la minaccia e premete di nuovo "Mostra dettagli" per leggere le informazioni.
Con "Applica azioni" i virus verranno messi in quarantena e, se siete sicuri che siano reali minacce, cliccate su "Pulisci computer".

Proteggere i dati scambiati tramite Web
Purtroppo, i dati personali che scambiate e utilizzate tramite il Web, sono intercettabili e leggibili da qualsiasi esperto. Ecco perchè dovete affidarvi ad un buon protocollo di crittazione per renderli irriconoscibili.
I router wireless supportano uno o più sistemi per cifrare i dati scambiati. Il più vecchio è chiamato WEP, usa una chiave fissa scelta da voi, ma è poco sicuro: se lo utilizzate, dovete considerare che i dati cifrati con questo algoritmo si possono decifrare in pochi minuti.
Quindi è sempre meglio acquistare un router più sicuro e non abilitare questo tipo di cifratura.
Se possibile, usate invece WPA o, meglio ancora, WPA2.
Prima di tutto aggiornate i driver della scheda di rete wireless all'ultima versione disponibile sul sito Web del produttore.
Se avete Windows XP, assicuratevi di avere applicato tutte la patch rilasciate da Microsoft mediante il servizio Windows Update: esiste infatti una patch apposita per abilitare il WPA2 (http://support.microsoft.com/kb/893357).
Infine, accedete all'interfaccia Web per la configurazione del router, entrate nel menù "Wireless/Security" e impostate il protocollo di cifratura su "WPA2-Personal" oppure, in alternativa, su "WPA-Personal" o "WPA-PSK".
Scegliete l'algoritmo di cifratura "TKIP+AES" e digitate una password di sicurezza in "Shared Key".
La password non deve essere in uso comune: inventate una parola grammaticalmente corretta ma non esistente che andrà inserita ogni volta cge creerete in Windows una nuova connessione a Internet.

Problemi con l'hard disk esterno
Potrebbe capitarvi di non riuscire più ad accedere ai contenuti archiviati nel vostro hard disk esterno.
Il sistema operativo potrebbe rilevare correttamente la periferica ma, tentando di salvare un file, potrebbe apparirvi il seguente messaggio: "Windows - Scrittura rimandata non riuscita".
In questo caso, cliccate col tasto destro del mouse sull'icona dell'hard disk esterno da "Risorse del computer" e scegliete la voce "Proprietà" dal menù contestuale.
Aprite la scheda "Hardware", cliccate su "Proprietà" e aprite il tab "Criteri", togliendo la spunta all'opzione "Abilita cache di scrittura su disco".
Se il problema dovesse persistere, provate a collegarlo ad altre porte USB libere, prestando molta attenzione che non siano collegate allo stesso controller.

Facciamo pulizia in Esegui con Regedit
Per eseguire un'applicazione è possibile usare il comando "Esegui..." presente nel menù che compare dopo aver premuto il pulsante "Start".
Tutte le istruzioni che vengono digitate nella finestra "Esegui..." vengono automaticamente memorizzate da Windows.
Per cancellare le istruzioni precedentemente salvate è sufficiente aprire il Registro Editor e portarsi su:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\Explorer\RunMRU
Per cancellare una o più delle voci salvate basta semplicemente eliminare le chiavi corrispondenti.
Fate attenzione a non eliminare la chiave "Predefinito" e la chiave "RunMRU".
Per cancellare tutte le voci potete eliminare l'intera chiave "RunMRU" che verrà automaticamente ricreata successivamente da parte di Windows.

Ripristinare il settore di avvio su hard disk NTFS
In Windows XP è possibile riparare il settore di avvio dell'hard disk, qualora questo non si avvii, usando il programma FIXBOOT, che riscrive il record di avvio eliminando quello non funzionante.
Questo tool è disponibile solo dalla Console di ripristino di emergenza, a cui si può accedere avviando il PC dal disco di ripristino o di installazione del sistema.

Verificare le connessioni di rete
Se la trasmissione dei dati nella LAN o la navigazione su Internet mostrano dei problemi di funzionamento, è possibile, in Windows XP, effettuare una diagnosi di tutte le connessioni di rete in modo semplice ed automatico.
In "Start/Esegui" digitate il comando "NETSH DIAG GUI", per aprire il prompt ed eseguire la verifica delle connessioni presenti nel sistema.

Disinstallare Internet Explorer 7 da Windows XP
Metodo 1
Aprite il "Pannello di controllo" e cliccate su "Installazione applicazioni".
Selezionate "Windows Internet Explorer 7", quindi cliccate sul pulsante "Rimuovi".
A volte, potrebbe essere necessario selezionare la casella "Mostra aggiornamenti" prima di procedere come vi abbiamo mostrato sopra..
Non vi resta che seguire le istruzioni a video per la rimozione e, successivamente, riavviate il computer per completare la configurazione.
Dopo il riavvio, nel menù del browser selezionate "?" e poi "Informazioni su Internet Explorer" per verificare se siete riusciti a ripristinare la precente versione di Internet Explorer.
Metodo 2
Innanzitutto dovete abilitare la visione delle cartelle e file nascosti.
Aprite "Risorse del computer" e scegliete "Strumenti/Opzioni cartella/Visualizzazione".
Spuntate l'opzione "Visualizza cartelle e file nascosti" e togliete il flag nelle caselle "Nascondi i file protetti e di sistema" e "Nascondi le estensioni per i tipi di file conosciuti".
Confermate con "Ok" e cliccate su "Applica a tutte le cartelle".
A questo punto, nella cartella Windows compare una nuova cartella "IE7".
Da "Start/Esegui" digitate il comando %windir%\IE7\spuninst\spuninst.exe e confermate con "Ok".
Premete "Avanti" per avviare la disinstallazione e aspettate che vengano eliminati i file.
Premete "Fine" per riavviare il sistema.
Dopo il riavvio, verificate l'effettivo completamento della procedura.

Disattivare Windows Messenger Service
Mentre siete in procinto di terminare la sessione attiva di Windows XP, potrebbe apparirvi un messaggio in cui vi viene comunicato che il sistema sta cercando di chiudere il programma WMS Idle e, non riuscendoci, vi viene chiesto di terminare manualmente il processo cliccando su "Termina".
Si tratta del processo relativo all'applicazione Windows Messenger Service (WMS).
Potete tranquillamente disabilitare il software Microsoft, perchè inutile e perchè crea non pochi problemi di sicurezza. Tramite esso, infatti, vengono indirizzati in rete centinaia di messaggi di spam pubblicitari che compaiono all'improvviso sul desktop durante le vostre navigazioni.
Ecco la procedura da seguire per disattivare il software.
Nel menù "Start/Esegui" scrivete il comando services.msc e premete "Invio".
Verrà caricata la schermata "Servizi". Individuate la voce "Messenger" e cliccateci sopra due volte.
Nella schermata "Proprietà" cliccate prima su "Arresta" e poi scegliete l'opzione "Disabilitato" nel menù a tendina "Tipo di avvio".
Quindi premete "Ok", chiudete il modulo "Servizi" e provate a riavviare il sistema, operazione che ora dovrebbe concludersi senza problemi.

Disabilitare la fastidiosa ricerca online dei driver
Lanciare l'editor (regedit) e navigare fino alla seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\Windows\DriverSearching
Ora fate sulla zona destra della finestra e con Modifica/Nuova/Valore DWORD creare la voce "DontPromptForWindowsUpdate" (senza virgolette e tutto attaccato). Poi fare doppio click sulla nuova voce e digitare "1" in Dati valore e confermare con OK. D'ora in poi Windows non farà più apparire la richiesta, ma eseguirà automaticamente la ricerca online.
Se si desidera disabilitare questa funzione per tutti gli account del computer basta creare le voci viste sopra nella chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Policies\Microsoft\Windows\DriverSearching

Come ripristinare il cestino scomparso.
Nella rara ipotesi che il cestino scompaia improvvisamente dal vostro desktop, un sistema per recuperarlo c'è ed è quello di ricorrere al Registro di Sistema.
Per prima cosa andate su "Start" e selezionate "Esegui". Digitate regedit e scegliete "Ok".
Individuate la chiave del registo di sistema HKEY_LOCAL_MACHINE, quindi seguite il seguente percorso: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\Curr entVersion\Explorer\Desktop\NameSpace.
Ora, una volta identificata la chiave, fate clic col tasto destro del mouse e scegliete "Nuovo/Chiave".
Digitate la nuova chiave, ovvero: {645FF040-5081-101B-9F08-00AA002F954E}, e premete "Invio" per confermare.
Cliccate sulla nuova chiave e successivamente fate doppio clic sul riquadro "Predefinito" che comparirà alla vostra destra.
Ora, nella finestra "Modifica stringa", scrivete Cestino nella casella "Valore Dati" e confermate con "Ok".
Infine, uscite dall'Editor del Registro di sistema e vi accorgerete che l'icona del Cestino sarà riapparsa sul Desktop.

Come acquisire i diritti amministrativi di un PC...
SuDown, giunto alla versione 2.2, è un programma completamente gratuito grazie al quale si possono acquisire diritti amministrativi senza dover abbandonare l'account limitato in uso.
Ciò significa che l'utente resta sempre il proprietario dei file installati, delle chiavi di registro e tutto ciò che lo riguarda.
Il nome "Sudo" deriva dall'omonimo comando Linux (acronimo di "super user do"), utilizzato appunto sul sistema operativo Linux per poter avviare applicazioni così come se si fosse "loggati" con l'account "root". SuDown
Questo programma è valido solo per WindowsXP, "pesa" 310 KB e lo potete scaricare da qui http://sudown.sourceforge.net/

Bloccare il riavvio automatico dopo gli aggiornamenti di Windows
Solitamente Windows Update avvia automaticamente il riavvio del sistema operativo se avete lasciato abilitata l'opzione di riavviare il PC dopo gli aggiornamenti, o anche quando uno di questi aggiornamenti lo richiede espressamente.
Tuttavia grazie ad una modifica nel Registro di Sistema, è possibile evitare questa operazione.
Aprite il Registro e cercate questa chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\ Microsoft\Windows\WindowsUpdate\AU
All'interno di essa create un nuovo valore DWORD (o se c'è, modificatelo) e dategli come note "NoAutoRebootWithLoggedOnUsers" (senza le virgolette).
Uscite dal Registro di Sistema e riavviate il PC per rendere effettive le modifiche.
Questo trucco è valido sia per Windows XP che per Windows Vista.

Visualizzare le dimensioni delle cartelle in Esplora Risorse
Esiste un0utility Open Source, Folder Size, che consente di personalizzare la vista dei dettagli in Esplora Risorse. L'utility si integra in Esplora risorse e calcola le dimensioni delle cartelle e le mostra in una colonna separata nella visualizzazione Dettagli.
Collegandosi alla pagina http://foldersize.sourceforge.net/ e facendo clic su Download è possibile scaricare gratis il file MSI per l'installazione.
Al termine dell'installazione, lanciare Esplora Risorse e dal menu selezionare Visualizza/Dettagli. Fare clic destro sulle intestazioni delle colonne in alto a destra (Nome, Dimensioni ecc) e si vedrà nel menu contestuale la nuova voce Dimensione Cartelle. Si selezioni la nuova voce e dopo un periodo di elaborazione verrà mostrata la nuova colonna Dimensione Cartelle. Finalmente si potrà sapere con un colpo d'occhio quanti megabyte (o gigabyte) occupa la cartella. Per posizionare la nuova colonna della posizione desiderata basta trascinarne l'intestazione in alto. La nuova colonna mostra anche le dimensioni dei singoli file, dunque è possibile eliminare dalla vista la vecchia colonna Dimensioni. Per farlo, fare nuovamente clic destro sulle intestazioni delle colonne e disabilitare la voce Dimensioni dal menu contestuale. Se l'utility è ancora impegnata a calcolare le dimensioni di una cartella, il valore sarà seguito da un segno "+" sulla destra, che indica la possibilità di un suo aumento. Se nella cartella ci sono file su cui sono in corso delle operazioni di scrittura, sarà invece indicato il segno "~" (circa). Per abilitare questa utile colonna in tutte le finestre di Esplora risorse, e di Risorse del computer che si apriranno, fare clic su Strumenti/Opzioni cartella e nella scheda Visualizzazione fare clic con il pulsante Applica a tutte le cartelle. D'ora in poi la visualizzazione Dettagli delle finestre che si apriranno rispecchierà quella della finestra da cui è stata compiuta l'operazione. L'utility lavora costantemente in background per tenere aggiornati i valori delle dimensioni di tutte le cartelle. Per disabilitare questa attività nascosta è possibile configurare l'utility dal Pannello di controllo. Fare click sull'icona Folder Size nel Pannello e, nella scheda Servizio, fare clic su Pausa. Per riattivarlo basta tornare in questa scheda e clic su Riprendi. Il servizio è disabilitabile totalmente con il pulsante Disattiva. Nella scheda Visualizzazione possiamo invece regolare lo stile di visualizzazione con più o meno cifre.

Blocchiamo il PC... con una pendrive!
USB PC Lock Pro
Questo programma freeware ci permette di usare qualsiasi chiavetta USB come strumento di accesso al PC.
Una volta installato (occorre veramente pochissimo), il software si posiziona con un'icona in basso a destra ed ci da' la possibilità impedire l'accesso non autorizzato al Pc.
In particolare, ogni qualvolta l'utente disinserisce la periferica USB, il pc si blocca.
Tra le principali funzioni abbiamo:
- blocco automatico del sistema operativo;
- blocco dell'accesso a MSN Messenger;
- la disabilitazione audio;
- Start/Stop al log eventi;
- Start/Stop esecuzioni batch.
Il programma “pesa” solo 450KB e lo potete scaricare da qui (http://www.speedapps.com/Builds/USBPCLockSetup.exe).
E' valido per tutti i sistemi operativi Microsoft, compreso Vista.

Eliminare l'evidenziazione dei programmi appena installati
Come possiamo notare dopo aver installato un programma questo verrà evidenziato nell'elenco dei programmi raggiungibile da 'Start', 'Tutti i programmi'.
Per iniziare clicchiamo con il tasto destro del mouse sul pulsante 'Start' e dal menù di scelta rapida che compare selezioniamo la voce 'Proprietà'.
Dalla finestra che si apre clicchiamo sull'etichetta 'Menu di avvio' e al suo interno clicchiamo sul pulsante 'Personalizza...'.
Dalla nuova finestra che si è aperta, nell'area riservata alla voce 'Impostazioni menù di avvio', dobbiamo disattivare la casella di controllo relativa alla voce 'Evidenzia i programmi installati di recente'. Per disattivare la casella di controllo basta cliccare su di essa una sola volta con il tasto sinistro del mouse in modo da far scomparire dal suo interno un simbolo assomigliante ad una piccola 'v'
Dopo aver premuto il pulsante 'OK' per tutte le finestre aperte possiamo notare che il programma installato di recente non è più evidenziato.
In windows Vista é: tasto destro sulla barra dei menu, proprietà, Menu Start, Personalizza, scorrere fino a "evidenzia i programmi installati di recente" e togliere il segno di spunta.

Aprire Explorer direttamente in una cartella
Se si desidera avviare Explorer direttamente da una cartella, bisogna includere la cartella di destinazione stessa nella barra dei link. Ad esempio scriveremo:
%SystemRoot%\explorer.exe /n, /e, d:\<cartella>
Così da avere la possibilità di avviare Explorer dalla cartella posizionata in D:

Ripristinare il sistema
Avviare il sistema con una chiavetta usb invece che con un floppy
Quando il sistema non si avvia correttamente la soluzione classica è avviarlo con un floppy disk, ma molti computer attuali sono primi del drive floppy e anche i supporti stessi sono sempre più rari da trovare nei negozi.
Si può effettuare l'avvio del sistema da una chiavetta USB. Come primo step si deve andare nel BIOS del computer e attivare il boot da dispositivo usb: solitamente l'opzione si trova nelle Advanced Bios Features sotto forma di lista di dispositivi, in cui basta posizionare la voce USB o USB-HDD prima del disco fisso primario nella lista che rappresenta la sequenza di dispositivi con cui il pc trova a eseguire l'avvio (USB, lettore cd, floppy, hard disk).
In alcuni BIOS è invece necessario impostare Hard Disk come primo dispositivo di boot, e in un altro menu si deve impostare la chiavetta USB al primo dispositivo di boot, e in un altro menu si deve impostare la chiavetta USB al primo posto nella lista, prima del disco fisso stesso. Per rendere avviabile una chiavetta USB e copiare su di essa i file necessari per avviare Windows è disponibile l'utility gratuita USB Disk Storage Format Tool. La si può scaricare al seguente sito
http://download.chip.eu/it/USB-Disk-Storage-Format-Tool-2.0.6_1760368.html
I file necessari per l'avvio di molti sistemi operativi possono essere scaricati sotto forma di immagine dall'indirizzo web http://www.bootdisk.com
==================
USB Disk Storage Format Tool 2.2.3
Un freeware che permette di formattare qualsiasi chiavetta USB con il filesystem desiderato.
Per rendere una chiavetta USB "bootable" come un backup in caso di crash del PC, serve uno strumento come USB Disk Storage Format Tool. Mostra le chiavette come normali hard-disk e le formatta con vari filesystem (FAT, FAT32, NTFS).
Con NTFS si può aumentare lo spazio a disposizione, attivando la compressione automatica delle cartelle.
http://download.chip.eu/it/USB-Disk-Storage-Format-Tool-2.0.6_1760368.html

Ordinare correttamente i file i cui nomi contengono numeri
Ordinando i file file in Esplora risorse, Vista e XP interpretano le sequenza di cifre nei nomi di file e cartelle come valori numerici e non come singoli caratteri. Di conseguenza l'ordinamento non viene effettuato alfanumericamente. Per esempio il file text13.txt appare prima del file text4.txt
Si può intervenire in questo modo. Avviare l'editor del registro "regedit" e navigare fino alla seguente chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\Explorer
Fare click con il tasto destro in uno spazio libero a destra e creare la voce
NoStrCmpLogical
tramite il comando contestuale Nuovo/Valore DWod. Ora fare doppio clic su questo valore per aprirlo e impostare il valore a 1. Confermare la modifica e ok e uscire dell'editor. Dopo aver riavviato il computer, il sistema operativo ordinerà i file secondo un criterio puramente alfanumerico, proprio come in Windows 2000. Le cifre dei nomi dei file e di cartelle saranno interpretati come singoli caratteri e non come numeri. Per ripristinare, sarà sufficiente portare a 0 l'opzione.

Visualizzare in Windows le info del BIOS
Le informazioni del BIOS della scheda madre e su quello della scheda grafica sono disponibili in quattro voci del Registry alla seguente chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Hardware\Description\SYstem

Visualizzare in rete i dati di login
Per visualizzare o cancellare i dati di login in rete, come nomi utente e password, selezionare Start/Esegui e digitare il seguente comando.
rundll32 keymgr.dll,KRShowKeyMgr

Rimuovere il bootloader dopo aver installato Linux e ripristinare quello di WIndows
L'operazione è ottenibile avviando il pc dal CD-Rom d'installazione di Windows XP, entrando nella console di ripristino e impartendo i seguenti comandi
cd c:\windows
fixboot c:
fixmbr
bootcfg /rebuild
Così facendo il Master Boot Record (MBR) del disco sarà cancellato e al suo posto sarà installato l'usuale loader di Windows XP. La cancellazione del MBR è eseguibile anche dal CDRom d'installazione di Windows 98, ma in questo caso il comando da impartire è il seguente:
fdisk /mbr
Per gli utenti di XP:
CDROM::\boot\bootsect.exe /nt52 ALL /force
Per gli utenti di Vista:
CDROM::\boot\bootsect.exe /nt60 ALL /force

Sbloccare le stampe ed eliminare le code di stampa
Quando una stampa rimane in sospeso e non si riesce ad eliminare, aprire il comando Esegui e lanciare il prompt dei comandi, digitando "cmd" (senza virgolette). Eseguire il seguente comando:
net stop spooler
Controllare che la coda di stampa si sia svuotata, portandosi in C:\Windows\System32\Spool\PRINTERS ed eventualmente cancellare tutti i file SPL qui presenti.
Tornare al prompt ed eseguire il comando:
net start spooler
La coda di stampa tornerà a funzionare regolarmente. Adesso cancellare il comando di stampa bloccato nella finestra della stampante, dopodichè si potrà tornare ad utilizzare la stampante regolarmente.

Mostrare la lista dei comandi
Per riutilizzare facilmente i comandi impartiti nel Prompt premere F7 e sarà visualizzato l'elenco dei comandi impartiti in precedenza.

Non registrare la data dell'ultimo accesso a un file
Windows è sempre all'erta: aggiorna immediatamente la data dell'ultimo accesso, non appena un file viene aperto in lettura o addirittura soltanto quando l'utente ne visualizza le Proprietà. Questa funzione può creare confusione in alcuni casi, per esempio quando si archiano le fatture.
Si può risolvere il problema creando una nuova chiave nel registro: con Start/Esegui/regedit aprire l'editor del registro e raggiungere la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\FileSystem
Nella parte destra della finestra cercare la voce
NtfsDisableLastAccessUpdate
Se non è presente, crearla con il comando Modifica/Nuovo/Valore DWord. Aprirla con un doppio clic e impostare il valore a 1, poi confermare con OK.
A partire dal successivo avvio, Windows non salverà più la data dell'ultimo accesso ai file. Per tornare al comportamento precedente, si può ripristinare facilmente lo stato iniziale impostando il valore della voce a 0 oppure cancellarlo.

NetSetMan
Chi si muove con il proprio notebook da un ufficio all'altro sa quanto è difficile collegarsi di volta in volta alle varie reti, modificando i parametri di connessione ecc. Ebbene, questo software è in grado di ricordare ben 6 differenti set di connessione a internet, che è possibile attivare di volta in volta a seconda di dove ci si trovi. Certamente un numero sufficiente anche se si è soliti frequentare molti posti diversi.
E' possibile avviare il programma con Windows minimizzandolo sulla barra di sistema
http://www.netsetman.com

Avviare il PC portattile dall'hard disk esterno
Vorrei provare Windows Vista e linux, ma senza compromettere l'installazione di WIndows XP originale sul mio computer portatile. E' possibile installare questi sistemi operativi su un hard disk esterno, così quando è collegato al computer posso scegliere che sistema avviare, mentre quando mi sposto con il PC portatile continua ad avviare WIndows XP come al solito? Ho provato ad abilitare il boot da hard disk usb nel BIOS, ma il setup di Widnows non vede l'hard disk esterno.
Installare Windows su un hard disk USB esterno non richiede soltanto il supporto del bios, ma anche procedure speciali perchè Microsoft non ha inserito il driver necessario all'interno del setup. Il risultato è incerto, e anche in caso di successo l'avvio e il funzionamento del sistema operativo sono molto lenti. Si può invce installare qualsiasi sistema operativo su un disco esterno e-Sata, che spesso è perfino più veloce dell'hard disk interno del pc portatile. Bisogna inserire nello slot di espansione una scheda PCCard o Express Card con uscite e-sata o SataII e supporto per il boot. Alcune schede Raid e-sata hanno il supporto per il boot disattivato per opzione predefinita, ma per riattivarlo basta usare il loro programma di configurazione nelle opzioni avanzate. La voce si chiama di solito Legacy Bootable Support. Dopo averla attivata, quando la scheda è inserita nello slot durante il boot appare una schermata che riepila i dischi Sata collegati. Prima di lanciare il setup di Windows bisogna scaricare dal sito web del produttore della scheda eSata il driver richiesto dal setup. Nel caso di Vista e delle distribuzioni recenti di Linux potrebbe essere superfluo, perchè molti controller Sata sono individuati automaticamente, ma per installare Windows XP sul disco esterno eSata questo driver è indispensabile, e viene cercato esclusivamente su floppy drive. Bisogna quindi collegare al PC portatile un floppy drive usb, e premere il tasto F6 quando appare la prima scherma blu del setup. Se il setup di Windows XP non riconosce il floppy con il driver per il controller eSata, bisogna intergrarlo sul cd di windows utilizzando un programma come nLite, scaricabile dal sito web http://www.nliteos.com

Nascondere le frecce nei collegamenti
Lanciare Regedit e nella chiave HKEY_CLASSES_ROOT\lnkfile, cancellare la strinca lsshortucut, per nascondere la freccia delle icone dei collegamenti.

Che cos'è quel thum?
Se abbiamo deciso di visualizzare le cartelle e i file nascosti, vedremo che in parecchie cartelle c'è un file che si chiama thumb.db. Non è un file "parassita" creato da uno spyware o da un virus ma un file di sistema che contiene informazioni epr aiutare Windows a visualizzare più in fretta le immagini dei file in modalità Anteprima. Siccome non è proprio utilissimo, possiamo anche cancellarlo ma non stupiamoci di rivederlo apparire automaticamente la prossima volta che torneremo alla visualizzazione in modalità anteprima.

Con Windows Media Player è impssobile leggere un file video con estensione ASX.
Cambiare l'estensione in WMV dovrebbe risolvere il problema, anche se "teoricamente" i file ASX sono files di streaming.

Menu start più veloce
Vogliamo risparmiare un po' di tempo ogni qualvolta usiamo il menu di WIndows XP?
Start/Esegui, Regedit.
Cerchiamo la chiave
HKEY_CURRENT_USER\ControlPanel\Desktop
Sulla destra, scegliamo MenuShowDelay, doppio clic e modificare il valore in 100
Riavviamo il computer.

Anteprima delle immagini più grandi
Avere anteprime delle nostre foto più grandi in XP è possibile con una modifica nel file di registro
Start/Esegui, Regedit.
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer
Clicchiamo su Modifica/Nuovo/Valore DWord
Chiamiamo il nuovo valore ThumbnailSize
Adesso basterà inserire un valore compreso tra 32 (più piccola) e 256 (dimensioni massime) per ottenere delle anteprime di dimensioni più grandi.

Free virtual CD ROM for Windows XP
http://www.softwarepatch.com/windows/xpvirtualcd.html
This free program for Windows XP lets you create a virtual CD drive on your hard disk. Some visitors to the site have confirmed that it works with Windows 2000 too (but this is not stated in Microsoft's official readme). For anyone unfamiliar with the terms 'virtual CD' or 'CD emulator', they mean that you can copy the entire contents of a CD-ROM to your hard disk and run the programs or access the files without the need for the original CD. This can make files more accessible, faster and more convenient. Given the speed and size of today's hard drives, you could easily fit a number of CDs onto your hard drive without noticing the difference. Assuming you had 30 full CDs, these would take around 20GB on a hard drive and all will be accessible after a few clicks of a mouse.
Hard drives are about 10 times faster than a CD, plus you can instantly access the file instead of grabbing the CD case, inserting the CD and awaiting for the contents to load. It's true, you could try copying the files over to the hard drive, but this can get messy, plus some programs require a CD to be loaded in order to run. This virtual CD program 'pretends' it is a CD drive (even though the files are on your hard drive), so your programs will run as normal.
As mentioned above, this program is free, and it is absolutely tiny at just 0.06MB. There are many similar commercial programs around, but they will set you back $50-$100 and can be substantially larger.
There are three tricks with this free emulator:
1. It only runs on XP and unofficially Windows 2000.
2. Your CDs have to be converted to ISO files. That is not as hard as it sounds. Programs like Nero can do it, but there is another free tool for XP that will let you create ISO files in a flash. For more information see http://isorecorder.alexfeinman.com
3. Most types of copy protected CDs cannot be used by the emulator.
==================
Integrare file iso come drive è semplice se si utilizza un'utility offerta gratuitamente da Microsoft. In realtà ci sarebbe un'utility ancor più adatta, Daemon Tools, ma la sua versione gratuita purtroppo contiene Adware. Meglio dunque tenere pulito il proprio sistema e scaricare il tool di cui sopra. Lanciare l'eseguibile scaricato e scompattare l'archivio in una cartella a scelta.
Installare il tool: copiare il driver VCdRom.sys nella cartella %systemroot%\system32\drivers. Poi lanciare VCdControlTool.exe; fare click su Driver Control e poi su Install Driver. Nella finestra successiva navigare sino alla cartella %systemroot%\system32\drivers e selezionare il file VCdRom.sys al suo interno. Ora fare clic su Apri e nella finestra successiva sui pulsanti start e ok.
Impostare il drive: fare clic sul pulsante Add Drive e controllare che la lettere di unità richiesta non sia già utilizzata da un disco locale. Se così fosse fare clic pià volte su Add drive finchè non appare una lettera di unità libera. Poi selezionare la voce corrispondente nella lista e fare clic su Mount. Ora navigare sino al file dell'immagine ISO desiderata e fare clic su Open. Solitamente non è necessario modificare le opzioni che appaiono nella finestra seguente, si può semplicemente proseguire confermando con OK. Ora è possibile lavorare con l'immagine ISO come se si trattasse di un normale drive cd-rom. Quando si è finito di utilizzarlo, basta rimuovere il collegamento al file iso per estrarre virtualmente il disco: fare clic sul pulsante eject, poi aprire il driver control e fare click su stop. in questo modo viene anche liberata la lettera di unità utilizzata dal drive virtuale.

Visualizzare il desktop
Con funzione opposta a WIN+M, Win+D visualizza in primo piano il desktop quando ci sono finestre di dialogo o di avvio aperte che ne impediscono la vista.

Ottenere la lista dei software installati
Se in Windows XP non appare la lista dei software installati nel Pannello di Controllo, la si può riattivare da liena di comando digitando: regsvr32 appwiz.cpl

Ingrandire gli oggetti del desktop
Con Windows+U è possibile aprire direttametne utility manager, un'applicazione quasi sconosciuta che offre accesso ad una lente di ingrandimento e ad una tastiera virtuale a schermo.

Visutalizzare le connessioni di rete
Si può accedere alle connnessioni di rete e di Accesso remoto impostate in Windows Vista e XP tramite il comando ncpa.cpl (da esegui).

Copia più rapida in XP
Tenere premuto il tasto Maiusc mentre si fa clic su NO nella finestra di conferma della copia. Ciò rende la decisione valida per tutti gli elementi, in modo analogo al pulsante Sì tutti

Copiare le immagini dal browser
Su alcuni siti web capita che le immagini non possano essere copiate, utilizzando il tasto destro ed il menu contestuale, per incollarle in Word. Tale problema si verifica sia con Mozilla che con Internet Explorer, perchè il webmaster ha disabilitato i javascript che abilitano questa funzione. E' possibile, apportando alcune modifiche al registro di configurazione di Windows, abilitare questa funzione. La chiave da modificare si trova in HKEY_USERS nella sezione S-1-5-21, il cui successivo numero potrebbe variare su sistemi diversi. La modifica deve essere eseguita sia sulla voce relativa a Office 10.0 che in quella di Office 11.0: le due chiavi sono identiche, a parte la sigla 10.0 o 11.0 per cui la modifica è identica in entrambi i casi.
Aprire quindi Regedit, andare sula chiave seguente:
HKEY_USERS\S-1-5-21-602162358-1383384898-1343024091-1003\Software\Microsoft\Office\10.0\Common
creare una nuova voce DWORD (tasto desto Nuovo) chiamandola BlockHTTPImages ed assegnando il valore 0.

Dischi eSata - Integrare l'hard disk esterno eSata nel sistema
Si è acquistato un hard disk esterno dotato della velocissima connessione eSata per poter trasferire rapidamente notevoli quantità di dati ma, a differenza dei dischi esterni usb, il pc non lo riconosce automaticamente, se non dopo aver riavviato il computer.
Il protocollo eSata offre una funzione chiamata hot plug, ovvero il sistema operativo dovrebbe riconoscerlo e integrarlo nel sistema non appena viene collegato e acceso. Questa funzione però non è operativa nelle prime schede madri dotate di connettori e-Sata, e anche in alcune schede madri moderne il disco eSata appare in Esplora risorse solo dopo aver riavviato il computer. La colpa è dei driver mal programmati, dei Bios non aggiornati o dell'integrazione scorretta dei connettori eSata nel sistema. Spesso la porta eSata che si trova all'esterno del computer è semplicemente collegata da un cavetto a un connettore Sata presente sulla scheda madre, che è invece adatto solo al collegamento dei dischi fissi Sata interni e non supporta la funzione hotplug, invece che ad un controller eSata separato, come sarebbe corretto.
La soluzione è relativamente semplice, anche se scomoda a lungo andare: quando si connette un disco eSata, Windows non avvia la procedura di riconoscimento automatico hardware perchè il bios della scheda madre non comunica la presenza di nuovo hardware, dunque basta avviare manualmente il riconoscimento. Nel pannello di controllo, sezione hardware, è possibile avviare il riconoscimento sia con XP sia con Vista. Entrambi i sistemi operativi sono già dotati dei driver, dunque l'installazione funzionerà in tutti i casi. Al termine della procedura il dispositivo sarà pronto a funzionare anche senza un riavvio del computer, e sarà possibile copiare i propri dati sull'hard disk esterno alle velocità offerte dalla connessione eSata, di gran lunga superiore a quelle consentite da USB 2.0 e firewire.
Unico problema: Windows non salta i dati della periferica, dunque la procedura dovrà essere ripetuta dopo ogni riavvio!

Rimuovere il blocco nella rete locale
Non riesco ad accedere al mio pc principale con sistema XP dagli altri computer della rete che ho creato Tutti i computer sono collegati allo stesso switch/router e si può navigare su internet da tutti i pc senza problemi.
Il problema spesso dipende dai firewall installati sui vari pc che bloccano l'accesso in rete locale da altri comptuer. Si può controllare e impostare il firewall in modo che lasci aperta questa comunicazione ma prima è necessario controllare che tutti i prerequisiti necessari per la comunicazione in rete locale siano presenti: il server, cioè il computer principale ai dati del quale si vuole accedere partendo dagli altri pc (chiamati client), deve disporre di un account con password per gli utenti client. La cosa migliore è usare per questo account sul server gli stessi dati di accesso (anche la stessa passwrod) utilizzati sul computer client. Infatti anche se non è obbligatorio usare la stessa password su ambedue i pc, ciò facilita l'accesso rapido ai dati sul server in quanto non sarà richiesta una password quando si tenterà di accedere ai dati.
Dopodichè deve essere creata sul server almeno una cartella condivisa per l'utente client, altrimenti il server lascerà la porta chiusa. Deve essere definita la cartella attraverso la quale il client può accedere ai dati sulla rete, e il modo migliore per farlo è fare clic destro sulla cartella e selezionare condivisione eprotezione dal menu contestuale.

WinFuture xp-Iso-Builder
With WinFuture xp-Iso-Builder 3 you can extend your Windows CD with many useful functions. It does not matter, if you're running Windows 2000, XP or 2003 - WinFuture xp-Iso-Builder integrates the latest Service Pack or system files, that allow using unauthorized visual styles and more. You can add drivers for your system's hardware, too.
Additionally you can create user accounts, change registry settings and remove unnecessary folders from the installation disc. For a full list of the features of xp-Iso-Builder, scroll down this site.
The software contains extensive information on what each function does. If there are any questions left unanswered, you should check out our english language support forums.
Here's what xp-Iso-Builder has to offer:
* Integrate Service Packs & Updates
* Integrate user accounts
* Change registry settings
* Unattended (automatic) installation incl. registration key and creation of user data
* Change paths of different system folders
* Change launch modes of system services
* Defining pagefiles
* Integrate user-defined desktop theme
* Integrate your own fonts
* Integrate controller drivers for SATA, RAID, etc.
* Integrate device drivers for graphics, sound, network, etc.
* Integrate service and security updates
* Integrate applications
* Remove unnecessary folders
* Integrate your own folders
* Convert Recovery-CDs
* Enable usage of unauthorized visual styles
* Speed up internet after installation of SP2 (TCP/IP patch)
* Includes profile management for easy recovery of different settings made
* Languages: German, English
* Clarifications concerning every action
* Create bootable CD/DVD-ISO-Image
http://winfuture.de/XPIsoBuilder_en

Creare un registro di log con i task personali.
Spesso mentre si lavora si ha la necessitàd i annotare appunti indicando in modo preciso la data e l'ora attuali, in modo da poter presentare un report dettagliato. E' un'operazione che, se eseguita manualmente, è ripetitiva e noiosa. Esiste comunque un modo molto più rapido e semplice.
Per far fronte a questa necessità non è necessario un software di terze parti. E' infatti sufficiente sfruttare il Blocco Note di Windows per creare un registro degli eventi. Blocco note può reigstrare e scrivere automaticamente la data e l'ora attuali in un file di testo. Avviare NotePad (blocco note). Nella prima riga digigare .LOG. Attenzione a non omettere il punto iniziale ed assicurarsi di scrivere in stampatello (maiuscolo). Salvare il file con un nome a scelta, per esempio RegistroTelefonate.txt. Chiudere Blocco Note. Ogni volta che verrà aperto il file, Blocco note aggiungerà automaticamente una nuova riga vuota e una riga con la data e l'ora attuali, alla fine del testo già esistente. A questo punto non rimane che digitare di seguito il proprio appunto

Disabilitare DEP (Data Execution Prevention)
Ho installato un programma di riproduzione video, ma viene costantemente bloccato da un serivzio chiamato DEP. Come posso risolvere il problema?
DEP è la sigla del servizio implementato in Windows XP Service Pack 2 e la sigla significa Data Execution Prevention. Questo sistema permette di proteggere la memoria bloccando le applicazioni che cercano di sfruttarla senza autorizzazione. Uno dei problemi più comuni genereati da questo servizio è proprio il malfunzionamento dei programmi che riproducono filmati video compressi come i DivX. In questo caso è opportuno disabilitare il DEP con una serie di comandi che possiamo immettere nel menu Esegui nella barra di avvio. Dopo averlo avviato, scriviamo "Attrib c:\boot.ini -r -h -s", riavviamo quindi il pannello esegui e stavolta immeddiamo l'istruzione "Notepad c:\boot.ini" per aprire con il Blocco Note il file Boot.ini. Appena sotto la voce [operating system] sostituiamo "/NoExecute=xxxxxx" con "/Execute". Salviamo quindi il file boot.ini e avviamo nuovamente Esegui e scriviamo "Attrib c:\boot.ini +r +h +s". Riavviamo il sistema operativo, stavolta con il servizio Data Execution Prevention disabilitato.

Spooler di stampa bloccato.
Improvvisamente non si avvia più il servizio di stampa. Cosa posso fare?
Il processo Spooler di stampa è un'applicazione di sistema di Windows che gestisce la memorizzazione dei documenti che intendiamo stampare, generando così una coda gestita secondo una precedenza cronologica. In pratica possiamo inviarne alla stampante più dcoumenti da riprodurre su supporto cartaceo e questa, secondo quanto imposto dallo spooler di stampa, li stamperà uno di seguito all'altra. Se riscontriamo dei malfunzionamenti, per prima cosa dobbiamo assicurarci che il servizio sia abilitato. Accediamo al Pannello di Controllo e nel menu Strumenti di amministrazione, facciamo click sulla voce Servizi. Cerchiamo quindi il processo spooler di stampa e controlliamo che all'opzione Tipo di avvio sia specificato Automatico. Uno degli errori più comuni è generato dalla disinstallazione di una precedente stampante utilizzata. Se quest'ultimo processo non viene portato a buon fine eliminando tutti i collegamenti ai driver e alle applicazioni che fanno riferimento alla vecchia periferica di stampa, si può verificare il mancato avvio dello Spooler. Normalmente l'errore viene identificato con il numero 1608 specificato con la dicitura Errore del gruppo o del servizio di dipendenza non riuscito. Per risolverlo, è sufficiente avviare il registro di sistema, immettendo il codice regedit nel menu Esegui...che troviamo nella barra di avvio. Dopodichè selezioniamo il percorso
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControl\SetServices\Spooler e facciamo doppio click sulla stringa "DependOnService". Eliminiamo quindi tutte le voci presenti, fatta eccezione per RPCSS.

Windows XP La cache di memoria
La cache di memoria per il disco fisso rende più veloce ed efficiente il trasferimento dei dati e delle informazioni. Le impostazioni di default del sistema operativo possono limitare le prestazioni al fine di garantire la compatibilità in tutte le configurazioni, ma all'aumentare della RAM installata sul PC, si può agire sul registro di sistema per migliorare le prestazioni complessive. Aprite il Registro di Configurazione seguendo il percorso Start - Esegui e digitate nel campo Apri il comando Regedit, quindi premete INVIO sulla tastiera. Seguite il percorso HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\ Control\Session Manager\Memory Management nella parte destra della finestra individuate il valore "IoPageLockLimit" ed effettuate su quest'ultimo un doppio click. Nella finestra che apparirà modificate il campo "Dati valore" in base ai seguenti parametri, in relazione alla RAM: 64 MB: passare da 1000 a 800000 128 MB: passare da 4000 a 1000000 256 MB: passare da 10000 a 2000000 512 MB o superiore: passare da 40000 a 4000000 Al termine delle modifiche riavviate il sistema operativo.

Cancellare i file temporanei a fine sessione
Questa operazione si può effettuare con due modalità distinte: 1) Direttamente da Windows: lanciare Internet Explorer/strumenti/opzioni internet/avanzate/ mettere un check a: svuota la cartella dei file temporanei alla chiusura del browser 2) Effettuando una modifica del registro: Hkey_Local_Machine/Software/Microsoft/Windows/CurrentVersion/Setting/Cache a destra modificare il valore Dword Persistent e dargli il valore = 0 Usando uno di questi due metodi la cartella dei file temporanei verrà svuotata alla chiusura del browser.

Floppy drive scomparso
Nel caso si verificasse l'eventualità che il lettore floppy scompaia da Risorse del Computer e da Esplora Risorse, potrebbe risolvere il problema la seguente modifica nel registro di configurazione: REGEDIT4 [HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Class\{4D36E980-E325 11CE-BFC1-08002BE10318}] "UpperFilters"=- "LowerFilters"=- fare copia e incolla nel blocco note e salvare con nome Floppy.reg, dopodichè cliccarvi sopra per unirlo nel registro e riavviare.

CD-rom inaccessibile
Nell'aventualità che il lettore CD non sia accessibile e magari in gestione periferiche compaia con un punto esclamativo, una possibile soluzione potrebbe essere questa: 1. innanzitutto occorre salvare delle voci nel registro di configurazione, e per farlo si deve avviare il Prompt dei Comandi Start --> Esegui --> scrivere cmd e pigiare invio copiare nella finestra questa stringa regedit /a SaveFilters.reg HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Class\{4D36E965-E325-11CE-BFC1-08002BE10318} e pigiare invio. Ora che sono state salvate queste voci del registro, fare copia e incolla dei seguenti valori: REGEDIT4 [HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Class\{4D36E965-E325-11CE-BFC1-08002BE10318}] "UpperFilters"=- "LowerFilters"=- salvare il tutto come CDrom.reg, cliccarci sopra per unirlo nel registro e riavviare.

Ntldr mancante impossibile avviare Windows xp
Questo avviso che compare all'avvio di un sistema ad avvio multiplo (ad esempio con un boot manager che ci permette di scegliere quale sistema operativo avviare) può capitare in varie circostanze:
* dopo aver inserito un'immagine del sistema operativo in una partizione.
* dopo aver installato un software.
compare il warning: Ntldr mancante impossibile avviare il sistema operativo premere ctrl+ alt + canc per riavviare per poter rimediare a questo problema formattare un dischetto (senza mettere i file per l'avvio), da un sistema funzionante dalla cartella I386 del cd-rom, oppure dalla cartella c:\ di un sistema operativo Windows 2000 o Windows XP, copiate i file: Ntldr e Ntdetect.com ora supponiamo di avere 2 sistemi operativi sullo stesso disco con la seguente situazione:
* partizione 1: Windows 2000 Professional
* partizione 2: Windows XP Professional
create sempre dentro il disco floppy un file editandolo con il blocco note, chiamatelo boot.ini e copiate all'interno le stringhe: [boot loader] timeout=30 default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINNT [operating systems] multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINNT="Windows 2000 Professional" /fastdetect multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINNT="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetecta questo punto il dischetto è pronto e possiamo provare a riavviare dopo averlo inserito nel lettore facendo gli scongiuri di rito. Naturalmente ognuno potrà adattare il file boot.ini secondo lo schema con il quale ha installato i sistemi operativi. In questo esempio Windows 2000 Professional è installato nella cartella Winnt nella prima partizione, Windows XP Professional è installato nella seconda partizione.
* multi = numero ordinale dell'adattatore di avvio, il primo ide=0, il secondo ide=1.
* disk= in ambito multi =0.
* rdisk = valori che dipendono dal numero dei dischi, il primo numero è 0.
* partition = numero della partizione, il primo numero è1.
Per concludere ed evitare stress non benefici, sarà opportuno preparare, a sistemi operativi installati e funzionanti, dei dischetti pronti per ogni partizione, da utilizzare in caso di necessità.

CD-rom scomparso
Tempo fa avevamo trattato lo stesso problema, nel caso che con il precedente trucco il vostro masterizzatore o il vostro lettore non compaia nelle periferiche, provate a unire nel registro di configurazione le seguenti modifiche: REGEDIT4
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Class\{4D36E965-E325-11CE-BFC1-08002BE10318}]
"UpperFilters"=-
"LowerFilters"=-
[-HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Cdr4_2K]
[-HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Cdralw2k]
[-HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Cdudf]
[-HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\UdfReadr]

PWD Accesso Remoto
Se Windows 9x (presumo anche ME) non dovesse permettervi il salvataggio della password di connessione, rendendo non utlizzabile l'apposita casellina per consentirne la memorizzazione, agire come segue: aprire Regedit posizionarsi in: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Network\Real Mode Net cercare la voce autologon e verificarne i valori: se e' presente solo 00, modificare in 01 00 00 00 00, riavviare

Accesso rapido LAN
Generalmente accade che quando un PC con Win2000/XP cerca di accedere a un Win9x/ME, vi sia un certo ritardo per potere esplorare la rete. Per ovviare a tale inconveniente, avviare regedit su 2k/XP e cancellare (previo backup), la seguente chiave:
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\RemoteComputer\NameSpace\ {D6277990-4C6A-11CF-8D87-00AA0060F5BF}]

Link in una nuova finestra
Durante la navigazione molto spesso nasce la necessità di aprire dei link in finestre separate da quella in cui si sta al momento navigando. Per fare ciò, oltre alla classica voce "Apri in un'altra finestra" del menu che appare cliccando con il tasto destro del mouse sul link in questione, esiste una semplice scorciatoia da tastiera, ovvero: SHIFT + Click sul link

48-bit LBA Hard Disk Atapi
Prima del service pack 3 Windows 2000 non supportava i 48-bit Logical Block Addressing (LBA), come invece veniva indicato nelle specifiche ATA/ATAPI 6.0. Se si ha una scheda madre LBA compatibile e un hard disk di 137Gb o superiore, è possibile abilitare il supporto ai 48-bit LBA senza il SP3, ecco come: 1. copia/incolla e salva con nome: LBA48.reg> REGEDIT4 [HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\atapi\Parameters] "EnableBigLba"=dword:00000001 2. Start --> Esegui: regedit /s \LBA48.reg ATTENZIONE!!! se si abilita i 48-bit su un sistema che non li supporta, potrebbe avvenire una corruzione dei dati.

Windows Update non avvia il download
Nel caso vi capitasse su Windows Update, dopo avere selezionato quali aggiornamenti installare, accettata l'eula e comparsa la finestra per il download ma non si scarichi assolutamente niente, provare quanto segue:
1. Chiudere tutte le finestre Start --> Esegui --> cmd
2. con regsvr32 registrare i seguenti file regsvr32 msscript.ocx regsvr32 dispex.dll regsvr32 vbscript.dll regsvr32 scrrun.dll
3. Type Assoc .JS=JSFile pigiare invio
4. Type Ftype JSFile=%SystemRoot%\System32\WScript.exe "%1" %* pigiare invio
5. riavviare e rieseguire Windows Update.

Come uccidere un task da riga di comando
Vi siete sempre chiesti com'è possibile chiudere una serie di servizi da riga di comando e non sapevate come fare. Bhè il metodo è piuttosto semplice basta usare il comando : TASKKILL Un esempio classico : 1) Aprite notepad 2) Scrivete il seguente comando in una finestra di prompt 3) taskkill /F /IM notepad.exe 4) Voilà ... come per magia notepad si chiude Per avere una visione di tutte le possibilità del taskkill il comando classico da inserire nella finestra di prompt è : taskkill /? in questa maniera saranno visualizzate tutte le opzioni dell'help. Quando è utile questo comando ? Bhè ad esempio quando un programma entra in errore e se ne creano molteplici istanze, con taskkill siete in grado di chiuderle tutte in un colpo solo. Un altro caso tipico è quando un programma va in errore e nemmeno da taskmanager si riesce a chiudere, con le opzioni /f si forza la chiusura del task.

Eliminare la scritta ( Collegamento a ) Windows 2000 - Windows XP
La maggioranza dei file che abbiamo nelle varie localizzazioni sono dei collegamenti al programma o alle varie cartelle o directory ed è desiderio comune, almeno a quanto vedo, togliere quelle freccette che indicano appunto la natura del file. Abbiamo imparato a farlo QUI quest'oggi togliamo la scritta: Collegamento a che viene aggiunta in automatico come gli esempi qui sotto dimostrano: Per eliminare tale dicitura dobbiamo aprire il registro di sistema Start->esegui->regedit andare alla chiave HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer creare un valore binario con nome link assegnare a "link" il valore 00 00 00 00 Abbiamo ottenuto ora il file originale cancellando la parte che non desideravamo.

To enable Autologon in Windows XP Professional
1) Click Start, Run and enter CONTROL USERPASSWORDS2
2) In the list of users, highlight the user account you want automatically logged on.
3) Uncheck Users must enter a Username and password.................
4) Click Apply.
5) In the next dialog, enter the password for the account you selected in Step 2, if any
6) OK your way out.

Disabling CD autoplay, completely, in Windows XP Professional (disabilitazione autorun)
1) Click Start, Run and enter GPEDIT.MSC
2) Go to Computer Configuration, Administrative Templates, System.
3) Locate the entry for Turn autoplay off and modify it as you desire.

To Disable CD autoplay, completely, in Windows XP Home
Click Start, Run and enter REGEDIT Then go to:
HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\Explorer
Create a new value called: NoDriveTypeAutoRun
Type is: DWORD
Value is: 0x000000b1 (177)
You may need to log off/log on or reboot for the change to take effect. Additionally, you may need Administrator privileges to edit the Registry.
To undo this change, set the NoDriveTypeAutoRun value back to 91 (145) instead of B1 (177)

How do I enable CD burning for Limited accounts?
This tip does not apply to Nero users, it is only for XP's built-in CD burning feature.
Allow limited users access to CD Burning:
To allow Limited User's to burn CD's, click Start, Run and enter REGEDIT. Go to:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Winlogon
Look in the right pane for AllocateDASD and double click the entry. Set the value to 2.
On PRO, this is exposed in Local Security Policy under Security Settings\Local Policies\Security Options
"Devices: Allowed to format and eject removable media"
For XP Pro, you can do this by clicking Start, Run and entering SECPOL.MSC
Go to Local Policies, Security Options, look in the right pane for Devices: Allowed to Format and eject removable media. Set this option to Administrators and Interactive Users

Internet explorer 7 unable to save settings
Recently installed IE7,When opening IE from short cut ,web page" runonce.msn.com/runonce3.aspx" opens asking to choose default search provider.(" A" REQUIRED SETTINGS)
page opens but with errors on it:
line:80
char:5
error: element not found
code:0
url:http://runonce.msn.com/runonce3.aspx
When I select keep my current default search provider and click on SAVE SETTINGS I get Settings were not able to be saved successfully.
I have tried resetting internet explorer settings by using the feature in the tools menu/ advance tab for resetting, but does not resolve problem.
running windows XP Home edition version 2002 with service pack 3
Go to Registry Editor:
Click START>RUN>type "REGEDIT"
'HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Internet Explorer\Main"
Add New DWORD Value called "RunOnceHasShown" and set the value to "1"
and
another DWORD Value called "RunOnceComplete" and set the value to "1"
Restart the Internet Explorer and it should be fine.

Fixing the IE7 “runonce” problem
After running the RIES (Reset Internet Explorer Settings) I discovered that every time I opened Internet Explorer it took me to the following page on the Microsoft site:
http://runonce.msn.com/runonce2.aspx
This is the Customize Your Settings page for Internet Explorer 7. Problem is, some kinda problem is preventing it from being displayed:
This kinda thing was going to get very old, very fast, especially considering the number of times I open and close my browser.
This fix is quite easy.
- Click Start > Run and type the following into the Open box:
gpedit.msc 
Click OK.
- Using the left hand pane, navigate as follows:
User Configuration
 > Administrative Templates
 > Windows Components
 > Internet Explorer
- In the right-hand side pane double-click on Prevent performance of First Run Customize settings
- Change the setting for Prevent performance of First Run Customize settings to Enabled and use the drop-down box to select Go directly to home page
- Click OK and close Group Policy
- Restart Internet Explorer 7
There are a couple of other possible fixes.
First involves a registry edit.
- Click Start > Run and type the following into the Open box:
regedit 
Click OK.
- Using the left-hand pane, navigate to the following registry key:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Internet Explorer\Main
- In the right-hand pane, right-click on RunOnceHasShown and change the value to 1
- Close Regedit and restart Internet Explorer 7
Alternatively, making the following tweak to the trusted sites also seems to work:
- Click Tools > Internet Options
- Click on the Security tab
- Click on Trusted Sites and then the Sites button

- Add the following site to the trusted zone:
*.msn.com 
Click Add and then uncheck the Require server verification (https:) for all sites in this zone and click close
- Click OK
After doing any of the above you will have to reset your home page to whatever it was you used before by clicking on Tools > Internet Options and typing the URL into the Home Page box.

IE7 runonce page “Settings were not able to be saved successfully”
This fix is quite easy.
* Click Start > Run and type the following into the Open box:
gpedit.msc
Click OK.
* Using the left hand pane, navigate as follows:
User Configuration
> Administrative Templates
> Windows Components
> Internet Explorer
* In the right-hand side pane double-click on Prevent performance of First Run Customize settings
* Change the setting for Prevent performance of First Run Customize settings to Enabled and use the drop-down box to select Go directly to home page
* Click OK and close Group Policy
* Restart Internet Explorer 7
There are a couple of other possible fixes.
First involves a registry edit.
* Click Start > Run and type the following into the Open box:
regedit
Click OK.
* Using the left-hand pane, navigate to the following registry key:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Internet Explorer\Main
* In the right-hand pane, right-click on RunOnceHasShown and change the value to 1
* Close Regedit and restart Internet Explorer 7
Alternatively, making the following tweak to the trusted sites also seems to work:
* Click Tools > Internet Options
* Click on the Security tab
* Click on Trusted Sites and then the Sites button
* Add the following site to the trusted zone:
*.msn.com
Click Add and then uncheck the Require server verification (https:) for all sites in this zone and click close
* Click OK
After doing any of the above you will have to reset your home page to whatever it was you used before by clicking on Tools > Internet Options and typing the URL into the Home Page box.

Reimpostazione del protocollo Internet (TCP/IP)
http://support.microsoft.com/kb/299357/it
http://technet.microsoft.com/it-it/library/cc784552(WS.10).aspx

Problemi/soluzioni, ai pricipali problemi TCP/IP
- Problema: non si può accedere a risorse TCP/IP
Soluzione: questo, è causa di impostazioni errate, inserire, le impostazioni correttamente, come fornite, dalla società che ci fornisce rete, o l'amministratore di rete.
- Problema: le connessioni di accesso remoto "cadono"
Soluzione: cambiare il tipo di server nelle proprietà della connessione, è stata installata, una versione sbagliata di PPP (non in pannello di rete).
- Problema: all'avvio, un messaggio,segnala che l'interfaccia TCP/IP è disabilitata
Soluzione: indirizzi IP duplicati, controllare gl'indirizzi ip, in proprietà della connessione.
- Problema: non si può condividere la connessione internet
Soluzione: verificare i settaggi del router, degli indirizzi ip dei computer, ed abilitare condivisione della connessione, qualora si usasse ICS verificarne i parametri.
- Problema: il browser non apre le pagine
Soluzione: digitare cmd da start/esegui, fare un ping ad un sito, al gateway ed al server dns (ping nome sito, ping indirizzo ip del gateway, ping indirizzo ip del dns), controllare i settaggi della connessione, qualora fossero giusti, contattare e riferirgli gl'esiti del ping all'azienda che fornisce rete.
===============
- Problemi/soluzioni ai principali problemi di rete su windows
Vi propongo, una serie di messaggi d'errore di rete (i più comuni), su un computer windows e le relative soluzioni.
- Problema: messaggio d'errore, all'avvio 'nome del computer duplicato'
Soluzione: verificare che ogni computer in rete abbia un id univoco,andare nel pannello di controllo/sistema/nome computer, e cambiarlo se necessario.
- Problema: non si visualizzano altri computer nelle risorse di rete
Soluzione: controllare che ogni computer in rete, abbia lo stesso nome del gruppo di lavoro, andare nel pannello di controllo a verificare (il percorso è come il precedente)
- Problema: non si può accedere a stampanti, cartelle, o altro di condiviso
Soluzione: controllare, di aver installato il servizio, 'condivisione file e stampanti'(proprietà della connessione, se non presente il componente, premere installa..,poi servizio ed infine condivisione file e stampanti per reti microsoft).
- Problema: la rete non funziona dopo aver fatto cambiamenti alla stessa
Soluzione: è necessario eseguire il reboot, assicurarsi di aver fatto login alla rete.

Riparare TCP IP e WinSock corrotti
Nel caso abbiate riscontrato problemi di navigazione o navigate all'interno della VS. rete senza problemi, ma non riuscite ad accedere al web, magari con un messaggio: Impossibile connettersi a Internet , potrebbe essersi corrotto il TCP/IP.
Al contrario di quanto accaduto con Windows XP, Vista non necessita di interventi al registro, ma permette di riparare il TCP/IP, semplicemente attraverso il comando ESEGUI, spiegato ampiamente nei trucchi precedenti.
per riparare il TCP/IP eseguire:
Start - Esegui
netsh interface ipv4 reset
netsh interface ipv6 reset
Riavviare
In modo simile è possibile riparare un WinSock non funzionante, il cui sintomo è l'impossibilità a non connettersi sul web, semplicemente da comando esegui per farlo digitate
Start - Esegui
netsh winsock reset
Riavviare
a riavvio avvenuto la connessione ad internet non funzionante dovrebbe tornare a funzionare

Connessione effettuata ma navigazione impossibile Vedi

Abilitare Disabilitare i DNS in Windows XP/ Vista
A Febbraio inoltrato, continuano i problemi con le connessioni , iniziati ad ottobre. Abbiamo pensato di mettere online un semplice file batch che permette di abilitare, o bloccare il caching dei DNS, permettento di visualizzare alcuni siti che altrimenti risulterebbero irragiungibili.
Per abilitare un'opzione, o l'altra, basta salvare i file in locale , ed effettuare un doppio click su di essi.
==============
DNS CACHE DISABILITA Windows XP / Vista
Copiare in un documento di testo e nominarlo con estensione .bat
sc config DNSCache start= disabled
sc stop DNSCache
==============
DNS CACHE MANUALE (Abilita) Windows XP / Vista
Copiare in un documento di testo e nominarlo con estensione .bat
sc config DNSCache start= demand
sc stop DNSCache

Problemi/soluzioni ai principali problemi di rete su windows
- Problema: messaggio d'errore, all'avvio 'nome del computer duplicato'
Soluzione: verificare che ogni computer in rete abbia un id univoco,andare nel pannello di controllo/sistema/nome computer, e cambiarlo se necessario.
- Problema: non si visualizzano altri computer nelle risorse di rete
Soluzione: controllare che ogni computer in rete, abbia lo stesso nome del gruppo di lavoro, andare nel pannello di controllo a verificare (il percorso è come il precedente)
- Problema: non si può accedere a stampanti, cartelle, o altro di condiviso
Soluzione: controllare, di aver installato il servizio, 'condivisione file e stampanti'(proprietà della connessione, se non presente il componente, premere installa..,poi servizio ed infine condivisione file e stampanti per reti microsoft).
- Problema: la rete non funziona dopo aver fatto cambiamenti alla stessa
Soluzione: è necessario eseguire il reboot, assicurarsi di aver fatto login alla rete.

Pulire la cache DNS ad ogni avvio di Windows XP
Partito da una segnalazione del ns Giorgius, vi presentiamo un registro che carica in avvio il comando ipconfig.exe /flushdns, per pulire la cache dns, inoltre pulisce la cache del system file checker, in modo da avere un windows più pulito e con meno problemi di navigazione web.
Dopo aver installato il registro, è sufficiente riavviare il pc. per ottenere al prossimo riavvio una pulizia di entrambi, a pulizia avvenuta, si disabiliterà in automatico. Per effettuare nuovamente la pulizia, inserire nuovemente il registro.
==============
CACHE DNS PURGE Windows XP solamente
Copiare in un documento di testo e nominarlo con estensione .reg
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\RunOnce]
"Cache DNS purge"="ipconfig.exe /flushdns"
"SFC purge"="sfc /purgecache"

Portatile con doppia configurazione di rete
INTRODUZIONE
Quando si lavora con il portatile spesso si ha la necessità di reimpostare i parametri di rete
(indirizzi IP, subnet, server DNS, ecc..) a seconda della rete a cui ci connettiamo.
Per ovviare a questa macchinosa operazione manuale di cambio parametri c’è la possibilità di impostare più configurazioni ed attivarle con un semplice click del mouse a seconda della rete a cui siamo connessi in quel momento, questo grazie al comando netsh presente in Windows 2000 e Windows XP...ma passiamo alla procedura da effettuare per raggiungere questo traguardo.
GUIDA PASSO-PASSO
Impostiamo correttamente i parametri di rete per (ad esempio) la rete di casa.
Successivamente apriamo una sessione DOS (start / esegui / cmd).
Digitiamo ora il comando:
netsh -c interface dump > c:\ReteDiCasa.txt
Questo comando praticamente prende tutta la configurazione delle connessioni attive in quel momento e compila un file (ReteDiCasa.txt) con i parametri della rete di casa.
A questo punto modifichiamo i parametri del TCP/IP come se fossimo i ufficio e ripetiamo il comando ma modificando il nome del file di testo.
Sempre da una sessione DOS (start / esegui / cmd) digitiamo:
netsh -c interface dump > c:\ReteUfficio.txt
Abbiamo salvato così nella root dell’hard-disk (c:/) le due configurazioni di rete per casa e per l’ufficio.
Adesso apriamo il Blocco Note di Windows (notepad.exe) e creiamo un file di testo con i seguenti comandi:
------------------------------------------
@echo off
netsh -f c:\ReteDiCasa.txt
ipconfig/flushdns
exit
------------------------------------------
…e salviamolo sul Desktop come ReteDiCasa.bat
Apriamo nuovamente il Blocco Note e creiamo un altro file con i parametri:
------------------------------------------
@echo off
netsh -f c:\ReteUfficio.txt
ipconfig/flushdns
exit
------------------------------------------
…e salviamolo sul Desktop come ReteUfficio.bat
A questo punto quando si cambia rete bisogna solo cliccare sul file corrispondente, ReteDiCasa.bat o ReteUfficio.bat per impostare i parametri TCP/IP corretti senza neanche bisogno di riavviare Windows o la connessione Lan.
Potete utilizzare questa procedura per creare ennesimi file di configurazione per tutte le reti che utilizzate.
PS Per funzionare naturalmente non eliminate i file ReteDiCasa.txt e ReteUfficio.txt altrimenti gli script .BAT non troveranno la configurazione.
I file .TXT non devono necessariamente risiedere in C:/ ma possono essere salvati e richiamati in una sottocartella qualsiasi (es. netsh -c interface dump > c:\configurazioniIP\ReteDiCasa.txt ) basta che il percorso sia specificato anche nel file .BAT

Spegnere il computer con un semplice doppio click
Windows 2000/XP
Spegnimento/Riavvio in Xp con due semplici file batch
Prendete il blocco note e incollateci dentro questo:
@echo off
shutdown -s
cls
Questo serve a spegnerlo, salvate con nome (utilizzate le virgolette come da esempio) "uscita.bat" altrimenti il file verrà salvato come .txt, non utilizzate i nomi come exit perchè questo corrisponde a un comando e il sistema esegue prima i comandi suoi, quindi i nomi che volete assegnare ai batch devono essere diversi.
Per riavviare il pc:
@echo off
shutdown -r
cls
e assegnate un nome tipo riavvio.bat
Per vedere le altre opzioni del comando digitate dal prompt di dos shutdown /?
Trucco testato su Windows Xp Pro
Metodo alternativo
Aprite il blocco note, scrivete "shutdown -s -t 00" (senza virgolette) e salvate il file con estensione .bat (esempio spegni.bat).
Metodo alternativo
Cliccate con il tasto destro del mouse sul desktop quindi scegliete Nuovo, Collegamento. Nella finestra che comparirà a video, digitate:
c:\windows\system32\shutdown.exe -s -t 00
Cliccate sul pulsante Avanti, scrivete un nome al collegamento appena creato e premete nuovamente Avanti.
Metodo alternativo
Cliccate col tasto destro sul desktop e scegliete Nuovo>Collegamento; a questo punto inserite questa stringa:
%windir%\System32\Shutdown.exe -s -t 00
Se volete creare un collegamento per riavviare, basta che mettere -r al posto di -s.
Confermate la creazione del nuovo collegamento e se volete, potete anche associare una icona a vostro piacimento.
Metodo alternativo
Creiate una nuova icona sul desktop cliccando con il tasto destro del mouse e selezionando "Nuovo -> Collegamento".
Immettete quindi questa riga di comando: rundll32.exe user32.dll,LockWorkStation
Shutdown
Windows XP dispone al suo interno di un programma chiamato shutdown.exe (esattamente collocato nella cartella "system32") che permette di riavviare o spegnere rapidamente il personal computer. Per farlo partire, andate su Start - Esegui e digitate semplicemente : shutdown -s -t00
A questo punto il sistema verra' automaticamente chiuso. Ci sono però altre particolari opzioni che si possono utilizzare al comando "shutdown":
-l disconnette l'utente corrente
-s arresta il sistema
-r riavvia il sistema
-a annulla un riavvio del sistema
-f forza la chiusura delle applicazioni in esecuzione senza preavviso
-m seguito dal nome del computer, specifica il computer che deve essere arrestato
-tNN imposta il numero di secondi trascorsi i quali dovrà essere spento il computer (potete sostituire al posto di NN il numero di secondi)
-c seguito da un testo (lungo max. 127 caratteri) racchiuso tra virgolette (ad esempio -c "testo del messaggio"), permette invece di specificare il messaggio che deve essere visualizzato nell'apposita area contenuta all'interno della finestra di arresto.

Disattivare tutte le informazioni che vengono inviate a Microsoft
Il nuovo sistema di protezione introdotto da MS è a quanto pare tutt'altro che semplice da craccare. Sembra che windows XP si colleghi alla Microsoft e trasmetta informazioni personali quando siamo OnLine.
Allora proseguiamo come segue:
1] Start -> esegui -> regsvr32.exe -u c:\windows\system32\regwizc.dll
2] Start -> esegui-> regsvr32.exe -u c:\windows\system32\licdll.dll
3] Con il tasto destro, cliccare su: Risorse del computer -> Proprietà -> Aggiornamenti automatici -> "Disattiva l'aggiornamento automatico".
Poi elimina la spuntatura su: Connessione remota -> "Consenti invio inviti di Assistenza remota da questo computer".
Ancora su: Avanzate -> Segnalazione errori -> "Disabilita segnalazioni errori".
4] Aprire Media Player 8 e andare su: Stumenti -> Opzioni -> Lettore multimediale -> "Consenti ai siti internet di identificare in modo univoco il lettore multimediale" & "Acquisisci licenze automatiche". Disattivare le due voci.
5] Disattivare la seguente voce cliccando due volte sull'orologio -> Ora internet -> "Sincronizzazione automatica con serverdi riferimento ora"
6] Start -> Pannello di controllo (Versione classica) -> Strumenti d'amministrazione -> Gestione computer ->
Nel menù di sinistra: Utilità di sistema -> Utenti e gruppi locali -> User ->
Nel menù di destra: Eliminare il profilo "Microsoft support user" (E' una voce simile a questa)
7] Aprire Internet Explorer -> Strumenti -> Opzioni Internet -> Avanzate -> Deselezionare le seguenti voci: "Abilita autentificazione Windows integrata" & "Verifica automaticamente aggiornamenti di Internet Explorer"
8] Evitare di utilizzare "MSN Messenger" rinominando il file: C:\Windows\Messenger\msmsgs.exe, oppure disinstallarlo procedendo come segue:
Editare il file "SYSOC.INF" nella cartella: C:\Windows\Inf ed individuare la seguente voce:
msmsgs=msgrocm.dll,OcEntry,msmsgs.inf,hide,7
Eliminare la parola "HIDE", in modo da ottenere una stringa uguale a questa:
msmsgs=msgrocm.dll,OcEntry,msmsgs.inf,,7
Salvare il file così modificato e riavviare il sistema, in questo modo al prossimo riavvio la voce Windows Messenger comparirà regolarmente nella sezione Installazione Applicazioni del Pannello di controllo.
9] Start -> Esegui -> Regedit -> Eliminare la chiave:
Hkey_Local_Machine\ Software\ Microsoft\ Internet Explorer\ Extensions\ c95fe080-8f5d-11d2-a20b-00aa003c157a (Solamente l'ultima parte, ovvero: c95fe080-8f5d-11d2-a20b-00aa003c157a)
10] Bloccare il file: C:\Windows\System32\Oobe\msoobe.exe con un Firewall del tipo ZoneAlarm
Ora riavviare il computer e il gioco è fatto!

I programmi nascosti di Windows XP
Windows XP è attualmente il migliore sistema operativo prodotto da Microsoft, decisamente superiore rispetto alle precedenti versioni di windows; certamente tutto è migliorabile, ma indubbiamente ha migliorato (è di molto) la stabilità complessiva del sistema rispetto ai suoi "avi"...
Tra le maglie del sistema operativo ci sono comunque alcune "zone d'ombra" in termini di privacy che paiono decisamente inquietanti, e che sono già state oggetto di polemiche da parte di diversi movimenti di pensiero. Tra le zone in ombra sono custodite anche alcune applicazioni, non documentate che però sarebbe utile conoscere.
Come è oramai tradizione di mamma Microsoft, alcune applicazioni sono ben nascoste e per niente pubblicizzate, ma meritano secondo noi di essere conosciute; per eseguire queste applicazioni nascoste, è sufficiente andare sulla barra di avvio e digitare il nome del programma nella voce "esegui"
Pulizia disco (cleanmgr.exe) - Utility che serve ad effettuare un "pulizia" del disco fisso eliminando file obsoleti e residui di installazioni/disinstallazioni, file di configurazione non più necessari; è lo stesso programma chiamato in esecuzione in condizioni di esaurimento spazio su disco.
Visualizzatore di Clipboard (clipbrd.exe) - per visualizzare i contenuti della clipboard.
Mappa caratteri (charmap.exe) - una applicazione oramai storica, utile quando vogliamo utilizzare caratteri insoliti o inusuali.
Dr Watson (drwtsn32.exe) - Tool di configurazione/risoluzione problemi.
Diagnostico per DirectX (dxdiag.exe) - Prova le directx e esegue un test delle schede video e audio
Editor di caratteri (eudcedit.exe) - Sempice editor di font.
IExpress Wizard (iexpress.exe) - Crea pacchetti di installazione auto-estraenti.
Microsoft Synchronization Manager (mobsync.exe) - Programma non documentato per la sincronizzazione di file presenti in rete.
Windows Media Player 5.1 (mplay32.exe) - La versione primordiale del media player.
ODBC Data Source Administrator (odbcad32.exe) - Gestore di collegamento a data-base.
Monitor di sistema (perfmon.exe) - programma estremamente utile, molto configurabile in grado di fornire informazioni molto dettagliate sul sistema.
Controllo volume (sndvol32.exe) - controlo Volume della scheda sonora sulla tray.
Program Manager (progman.exe) - un tuffo al cuore per i nostalgici utilizzatori di windows 3.1...
Remote Access phone book (rasphone.exe) - documentazione praticamente inesistente.
Editor di registro (regedt32.exe) (o regedit.exe) - utility per l'editing del registry.
Wizard per la condivisione di cartelle in rete (shrpubw.exe) - Wizard per creare condivisioni in rete per file e directory
Tool di verifica signature dei file (sigverif.exe) - verifica della firma digitale dei file.
Editor della configurazione di Sistema (sysedit.exe) - editor per la modifica del System.ini & Win.ini, analogo a quello di win98.
Syskey (syskey.exe) - Encritta le password; da usare con molta cautela !! full implications).
Microsoft Telnet Client (telnet.exe) - il client per le sessioni telnet
Gestore di controllo Driver (verifier.exe) - Funzione non documentata: pare essere implicata nel controllo dell'attività dei driver.
System configuration (msconfig.exe) - Può essere utilizzato per controllare l'avvio dei programmi.
gpedit.msc - Utilizzato per gestire le politiche dei gruppi e dei permessi.
Object Packager (packager.exe) - da fare con il packaging nell'inserimento dei file.

Windows 2000/XP: creare un set di dischi per avviare il sistema
Sia Windows 2000 che Windows XP, consentono di creare un set di floppy disk per l'installazione e/o l'avvio del sistema operativo. Tali floppy disk risultano indispensabili qualora il proprio personal computer non consentisse l'avvio dell'installazione da CD ROM.
Nel caso di Windows 2000, inserite il CD ROM di installazione nel lettore CD quindi cliccate su Avvio/Start , Esegui... (va bene un qualunque sistema operativo Windows) quindi digitate:
X:\BOOTDISK\MAKEBOOT A:
e premete il tasto Invio. Sostituite X: con la lettera identificativa associata al lettore CD ROM installato sul personal computer.
Tenete presente che saranno necessari 4 floppy disk.
Nel caso di Windows XP, scaricate questo file - http://download.microsoft.com/download/whistler/Install/SP1/W98NT42KMeXP/EN-US/winxpsp1_en_pro_bf.exe - (versione Professional); mentre questo file - http://download.microsoft.com/download/WinXPHome/Install/310994/WIN98MeXP/IT/WinXP_IT_HOM_BF.EXE - qualora facciate uso della versione Home.
Dopo averli scaricati fate doppio clic sul file eseguibile per avviare la creazione dei 6 floppy disk d'installazione.
Qualora abbiate installato Windows 2000, vi ricordo che è sempre bene preparare un dischetto di avvio di emergenza comportandovi così come segue.
Formattate, innanzi tutto, un floppy disk quindi copiate al suo interno i seguenti file, che dovreste trovare nella directory radice della partizione all'interno della quale è installato il sistema operativo:
BOOT.INI
NTLDR
NTDETECT.COM
BOOTSECT.DOS (nel caso di un sistema dual boot: avvio di due diversi sistemi operativi)
Se utilizzate un controller SCSI con relativo bios disattivato copiatevi anche il file NTBOOTDD.SYS.
Riavviando il computer e lasciando il floppy disk inserito, anche in situazioni di emergenza, dovreste così essere in grado di riavviare il sistema operativo!
A tal proposito, anche a noi è più volte accaduto che su sistema ad avvio multiplo (cioè con un boot manager che permetta di scegliere quale sistema operativo eseguire di volta in volta all'avvio del personal computer) dopo aver, per esempio, reinstallato qualche software - o lo stesso boot manager (ad es. BootMagic di Powerquest) -, Windows 2000 si sia rifiutato di ripartire visualizzando immediatamente un messaggio simile al seguente: NTLDR mancante. Impossibile avviare il sistema. Premere CTRL+ALT+DEL per riavviare.
Come fare per risolvere un problema simile e permettere di nuovo l'avvio di Windows 2000?
Formattate da un sistema su cui è installato Windows 2000 un floppy disk (non copiatevi i file di avvio, eseguite semplicemente il comando FORMAT A:) quindi copiate dalla cartella /I386 del CD ROM di installazione di Windows 2000
i file NTLDR e NTDETECT.COM
Create quindi, sempre all'interno del disco floppy appena formattato, un file denominato BOOT.INI quindi copiatevi all'interno quanto segue:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(N)\WINNT
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(N)\WINNT="Microsoft Windows 2000 Professional" /fastdetect
Sostituite la lettera N con il numero della partizione contenente Windows 2000, salvate, quindi riavviate il computer con il dischetto inserito. Infine, copiate i tre file BOOT.INI, NTLDR e NTDETECT.COM nella cartella
principale della partizione contenente Windows 2000. Il sistema operativo verrà così d'ora in poi, dal boot manager, riavviato correttamente.
Si tratta quindi di un suggerimento molto utile qualora si sia combinato qualche pasticcio con le partizioni e non si sia provvisti del floppy di emergenza presentato poco fa.

Avviare il sistema operativo in condizioni di emergenza. Come ricreare il file boot.ini.
Se, durante l'avvio di Windows XP, ricevete un messaggio d'errore che vi segnala un errore relativo all'impossibilità di accedere al disco di avvio selezionato, è possibile che il problema risieda nella presenza di informazioni scorrette all'interno del file BOOT.INI ed, in particolare, nella sezione default. E' possibile tuttavia che Windows XP non sia installato nella locazione indicata
nel file BOOT.INI.
Si tratta di un file estremamente interessante, importante e con grandi potenzialità.
Il file boot.ini è parte integrante del boot loader proprio di Windows 2000/XP, ossia della procedura che permette di scegliere quale sistema operativo debba essere lanciato ad ogni avvio del personal computer.
Quando si installano nuovi sistemi operativi o si "gioca" con le partizioni è possibile che il BOOT.INI venga danneggiato.
Per prima cosa inserite all'avvio del computer il CD-ROM d'installazione di Windows XP (Premete il tasto R, non appena vi viene presentata questa possibilità, per avviare la Console di ripristino del sistema.
Basterà inserire il CD d'installazione di Windows XP e digitare in Start, Esegui...: X:\I386\WINNT32 /CMDCONS.
Dopo l'avvio della Console di ripristino, selezionate l'installazione corrispondente a Windows XP indicando la cifra
corretta e digitate, quando richiesto, la password associata all'amministratore di sistema.
Digitate, a questo punto, BOOTCFG e premete Invio.
Non appena viene individuato un file d'installazione mancante premete S per consentirne, in seguito, il ripristino automatico.
Alla richiesta di inserimento dell'identificativo (etichetta) da attribuire al sistema operativo digitate "Windows XP" (senza le virgolette). Alla richiesta successiva (opzioni di avvio) premete semplicemente Invio.
Uscite dalla Console di ripristino ed avviate il sistema selezionando la voce "Windows XP".
Tenete presente che BOOTCFG è una potente utility - eseguibile solo dalla Console di ripristino di Windows XP (non è presente nella Recovery console di Windows 2000) che permette di effettuare una scansione di tutte le unità disco installate sul sistema alla ricerca delle varie versioni di Windows installate.
Digitando BOOTCFG /SCAN il programma provvederà a ricercare le installazioni di Windows NT 4.0, 2000 e XP e ad aggiornare il file di avvio BOOT.INI con le opzioni corrette.
BOOTCFG /ADD permette di aggiungere all'elenco di BOOT.INI una singola installazione di Windows;
BOOTCFG /DEFAULT consente di specificare una nuova installazione di default (la voce predefinita nel menù di avvio o boot loader che compare all'accensione del personal computer qualora siano installate più versioni di Windows sul sistema.
BOOTCFG /REBUILD permette di ricostruire un file BOOT.INI danneggiato; BOOTCFG /LIST elenca il contenuto del file BOOT.INI (le versioni di Windows attualmente avviabili).

AVG miniport driver
Problemi su: wan miniport ip avg miniport driver
Ho disinstallato da poco l'antivirus AVG, e non so se c'era anche prima, ma ho notato in Gestione Periferiche, alla voce "schede di rete", una WAN miniport (IP) - AVG miniport driver , con il punto interrogativo e pallino giallo. Non riesco a disinstallarla perché "potrebbe essere necessaria per l'avvio del computer". Come faccio a rimuoverla lo stesso??
Per risolvere dei andare sulla tua connessione, tasto destro sull'icona e scegli -->Proprietà. Nella Scheda Rete dove trovi La connessione utilizza i seguenti elementi: dovresti trovare la dicitura AVG Miniport. Selezionala e Clicca su Disinstalla. Attendi e poi riprova ad entrare nella Gestione periferiche. Vedcrai che le altre schede di rete spariscono e resta la tua solamente.

Send To Mail Recipient option does nothing (Invia a... Destinatario di posta)
When you right-click a file and choose the Mail Recipient option in the Send To menu, the email window may not open.
This happens due to one of the following reasons:
* The default mail client is not set
* The MAPI DLL registry path for your mail client is missing
Resolution
Click Start, Run and type:
regsvr32 sendmail.dll
Next, set your default email client. To set Outlook Express as your default mail client, type the following commands:
"%ProgramFiles%\Outlook Express\MSIMN.EXE" /REG
regsvr32 "%ProgramFiles%\Outlook Express\msoe.dll"
For other email clients, use the Internet Options applet in the Control Panel.

Boot your computer in to Windows XP.
Ensure you have the Vista DVD image emulated or in the DVD drive.
Go to “Start” and “Run”. Type in “e:\boot\bootsect.exe /nt52 ALL /force” (without quotes, and replacing e: with the drive letter of your Vista DVD).
Restart the computer, and you will notice the boot selection menu is gone.
Format the partition/drive where you had Vista installed.
Remove two files (Boot.BAK & Bootsect.BAK) on your XP drive’s root folder (C:), these were backup files of your previous bootloader, now no longer useful.
Optional: Restart to ensure it still works.
Use your partition software to merge your partitions together.
And now you have returned your computer to its previous state, without Vista and without the new bootloader.

Reinstallare Windows XP?
Un'opzione di Windows XP, permette di reinstallare l'intero sistema operativo conservando le impostazioni globali dello stesso e le applicazioni installate.
Per far ciò è sufficiente eseguire il file WINNT32.EXE, contenuto nel CD ROM di installazione di Windows XP, unitamente con l'opzione /unattend così come segue:
WINNT32 /unattend

Abilitare / disabilitare anteprima file AVI
Registro di configurazione fornitoci da un lettore, che permette di abilitare / disabilitare l'anteprima dei file AVI. Risolve il problema di NON poter cancellare alcuni file .AVI
Messaggio di errore: il file è in uso
Scarica qui

Abilitare lettura DVD in media player.
Un utile registro di configurazione per visualizzare i DVD semplicemente grazie al Media player, già installato in Windows 2000 / XP.
Richiede WM player 9.0 e riavvio del pc
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\MediaPlayer]
"EnableDVDUI"="yes"
Mplayer_enable_DVD Windows 2K / XP

Abilitare l'IP forwarding in windows 2K / XP / 2K3
In Windows NT 4.0, si poteva abilitare l' IP forwarding abilitando semplicemente il BOX "Enable IP Routing". Per poter fare la stessa cosa con Windows 2000 bisogna ricorrere ad un trucco.
Aprire il regedit.exe
Andare alla voce:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Tcpip\Parameters
Effettuare un doppio clic su : IPEnableRouter. e modificare il valore, portandolo ad 1.
quindi OK e successivo riavvio del computer.
IP Forwarding Windows XP / 2K / 2003
IP Forwarding NO Windows XP / 2K / 2003

Abilitare la casella "compatibilità" in Windows 2000
Per ottenere la massima compatibilità dal ns. Windows 2000, sulla scia di quanto avviene in Windows Xp, pubblichiamo un piccolo trucco che tornerà utile ai molti utenti del più bel s.o. di casa Microsoft.
La modalità di compatibilità è una tecnologia che consente di eseguire programmi in un ambiente simile a quello che per cui sono stati creati (ad es. Windows 98 o NT)
* Accedere al computer come amministratore.
* Fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Esegui.
* Nella casella Apri digitare il comando:
regsvr32 %systemroot%\apppatch\slayerui.dll
Per rimuovere il comando è sufficiente eseguire :
regsvr32 /u %systemroot%\apppatch\slayerui.dll
In questo modo avrete la possibilità di aprire un programma od un file in modalità compatibilità come con Windows XP
* Accedere al computer come amministratore.
* Creare un collegamento al programma
* Fare clic con il pulsante destro del mouse sul collegamento al programma, quindi scegliere Proprietà.
* Scegliere Compatibilità. visualizzabile unicamente se installato correttamente.
* Selezionare la casella di controllo Esegui in modalità compatibilità per abilitare il supporto della modalità di compatibilità per il programma.
* Nella casella di riepilogo a discesa scegliere la modalità di compatibilità Windows 95, 98 o NT 4.0.
* OK per salvare le modifiche

Abilitare il NUMLock (tastierino numerico)
Semplice ma funzionale registro di configurazione (non testato su NT) per abilitare il tastierino numerico senza dover mettere mano ai meandri del pannello di controllo.
NUMLOCK ON Abilita tastierino
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Keyboard]
"InitialKeyboardIndicators"="2"
NUMLOCK OFF Disabilita tastierino
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Keyboard]
"InitialKeyboardIndicators"="0"

Posso trasportare file e configurazioni da un sistema a Win XP senza rifare tutto da capo?
Con Win XP è possibile trasportare con un clic (o due) file e configurazioni (settings) da un computer a un altro. Vai in START > Programmi e Accessori e quindi Utilità di Sistema. Qui trovi la nuova opportunità che si chiama: "Files and Settings Transfer Wizard" ovvero Trasferimento Guidato di file e configurazioni. Seguendo le istruzioni crei un disco di trasferimento dove copi via via i file e le altre cose che intendi importare nel nuovo disco con Win Xp.

Inibire la possibilità di accesso senza password
La seguente chiave di registro inibisce l'accesso a Windows, senza la password, ovvero per tutti quegli utenti che hanno lasciato la password "bianca"
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Lsa]
"limitblankpassworduse"=dword:00000000

Messaggio di errore: Impossibile accedere a: \\nomecomputer
Messaggio di errore nel tentativo di accedere alle risorse condivise in una rete Workgroup
Sintomi
Dopo aver creato una "rete domestica" , nel tentativo di accedere alle risorse condivise potrebbe apparire il seguente messaggio:"Impossibile accedere a: \\nomecomputer. L'utente potrebbe non disporre dell'autorizzazione necessaria per l'utilizzo della risorsa di rete. Per le autorizzazioni di accesso, contattare l'amministratore del server. Impossibile trovare il percorso di rete"
Cause
Il messaggio di errore potrebbe essere causato da una non corretta configurazione di Windows e della configurazione di rete.
Risoluzione
Verificare che tutti i Pc appartengano alla stessa classe di indirizzi IP:
* Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, fare clic su Rete e connessioni Internet, quindi scegliere Connessioni di rete.
* Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla "Connessione alla rete locale (LAN)"e scegliere Proprietà. Verranno visualizzati i componenti di rete installati.
* Fare clic su Protocollo Internet (TCP/IP), quindi scegliere Proprietà.
* Fare clic su Utilizza il seguente indirizzo IP e digitare la corrispondente combinazione di numeri. Se si utilizza 192.168.0.1 per il primo computer. utilizzare 192.168.0.2 per il secondo, 192.168.0.3 per il terzo e così via. La subnet mask rimane immutata per tutti i computer. Si raccomanda di utilizzare 255.255.255.0 per la subnet mask.
* Scegliere OK, quindi Chiudi.
Nelle impostazioni avanzate del TCP/IP, scheda Wins, Abilitare "NetBios su TCP/IP":
* Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, fare clic su Rete e connessioni Internet, quindi scegliere Connessioni di rete.
* Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla "Connessione alla rete locale (LAN)"e scegliere Proprietà.
* Fare clic su Protocollo Internet (TCP/IP), scegliere Proprietà, quindi fare clic sul pulsante Avanzate, Scheda Wins, mettere la spunta sulla casella "Abilita NetBios su Tcp/Ip".
Avviare il servizio Browser di Computer e Client Dns:
* Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, fare clic su Servizi, quindi scegliere Client Dns ed avviarlo, scegliere Browser di Computer ed avviarlo;
Impostare tutti i Pc come appartenenti allo stesso Gruppo di Lavoro:
* Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo e fare doppio clic su Prestazioni e manutenzione (Se si utilizza la visualizzazione classica nel Pannello di controllo, fare doppio clic sull'icona Sistema);
* Fare clic sulla scheda Nome computer;
* Per definire il nome del computer e il gruppo di lavoro, fare clic sul pulsante Modifica nella scheda Nome computer , assegnare un nome univoco per ogni Pc, impostare lo stesso nome di Gruppo di Lavoro e scegliere OK.
Inserire gli stessi NomeUtente/Password (non vuote) in tutti i Computers oppure utilizzare la condivisione semplice:
* Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo e fare doppio clic su Account utente, clic sul pulsante Crea nuovo Account, nella casella di testo inserire un nome per l’Account utente (es. pippo), fare clic sul pulsante Avanti, clic su Crea Account;
* Nella finestra Account utente, fare clic sull’ utente appena creato, clic sul pulsante Crea password , inserire nella casella di testo la una password e scriverla nuovamente nella successiva casella, clic sul pulsante Crea password;
Nota: In Windows Xp Home Edition non e' possibile disabilitare la condivisione semplice, pertanto gli accessi alla rete avvengono come utente Guest.
Assicurarsi che il Firewall permetta il traffico da/verso gli indirizzi IP del Workgroup inserendo tra le eccezioni "Condivisione File e stampanti":
* Fare clic sul pulsante Start, scegliere Pannello di controllo, fare clic su Firewall, quindi posizionarsi sulla scheda Eccezioni e mettere la spunta sulla casella Condivisione File e Stampanti.
Nota: Alcuni antivirus hanno un firewall integrato, configurarlo in modo da consentire il traffico da/verso gli indirizzi Ip del proprio Workgroup
Se si utilizza Windows Xp Professional verificare che sia consentito l'accesso dalla rete:
* Fare Clic sul pulsante start--Clic su esegui, digitare "secpol.msc" e premere OK, espandere Criteri Locali, Assegnazione diritti Utente, nel frame di destra assicuratevi che il criterio "Accedi dalla rete al computer specificato" consenta l'accesso ai gruppi EveryOne, Administrator e/o agli utenti/gruppi da voi specificati.
Se si utilizza Windows Xp Home Edition, secpol non e' disponibile e bisogna utilizzare il registro di configurazione:
* Fare Clic sul pulsante Start--Clic su esegui, digitare "regedit" e premere OK
* Posizionarsi sulla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Lsa
* Nel frame di destra fare doppio click su restrictanonymous ed assicurarsi che il valore di Value data sia impostato a 0
* Riavviare il Pc.

Creare un server multimediale su Vista e XP per Ps3
Guida su come creare un server DLNA con Microsoft Windows Vista al fine di poter scambiare files multimediali su rete locale con la Playstation3.
Questo è soltanto uno dei tanti modi possibili per creare un server DLNA in quanto è possibile crearlo anche con Nero Media Home, però questo che andremo a vedere è sicuramente uno dei più semplici.
Requisiti:
- Microsoft Windows Vista o Microsoft Windows XP (con Windows mediaplayer 11 installato)
- Playstation 3
- Router (Wi-Fi o senza) già configurato con modalità DHCP disattivata (quindi si dovranno assegnare gli indirizzi IP e DNS ad ogni PC della rete e Ps3)
Iniziamo dunque.
::::::::::Impostazioni PC (WINDOWS VISTA)::::::::::
1) Aprire il Pannello di controllo e passare alla modalità di visualizzazione classica. Successivamente aprire Centro connessioni di rete e condivisione
2) Quello che dobbiamo fare dunque è agire sulla scheda Condivisione file multimediali che al momento risulta in modalità Disattivata. Quindi apriamola con l'apposita freccietta laterale e clicchiamo su Cambia per modificare le impostazioni
3) Adesso nella finestra che appare mettiamo un segno di spunta su Condividi file multimediali del computer in uso e clicchiamo su OK
4) Adesso spunterà un'altra finestra. Da qui sarà possibile decidere a quale computer dare l'accesso ai file multimediali e a quale computer invece impedire l'accesso. Quindi cliccare su Impostazioni
5) In questa ultima schermata quindi possiamo decidere se autorizzare tutti i PC della rete a ricevere i nostri files in streaming oppure no. E soprattutto possiamo decidere che genere di files condividere (Musica, Video, Immagini). Quindi innanzitutto diamo il Nome del server che sarà visualizzato dagli altri pc e mettiamo i segni di spunta come indicato in foto, e se vogliamo che tutti i pc della reta vedano i nostri files multimediali, mettiamo un segno di spunta su Autorizza automaticamente nuovi dispositivi e computer (scelta non consigliata). In questo modo anche ai nuovi Pc che verranno aggiunti alla nostra rete locale successivamente, sarà possibile vedere i files multimediali
6) Vi ricordo che affinchè vogliate far vedere i files alla ps3, dovrete mettere tutti i files multimediali nelle rispettive cartelle di Windows Vista e quindi Immagini, Musica, Video
::::::::::Impostazioni PC (WINDOWS XP USERS)::::::::::
Aprite Windows Mediaplayer 11 ed effettuate i seguenti passaggi
Una volta qui, potete seguire i passi della stessa procedura su Vista, partendo dal punto 4.
::::::::::Impostazioni PS3::::::::::
Quando abbiamo finito tutte le impostazioni sul PC, accendiamo la nostra Ps3 e in base a quello che vogliamo vedere (Foto, Video, Musica), selezioniamo la voce Cerca server multimediali
Se abbiamo configurato tutto a dovere, spunterà una voce supplementare nella XMB che sarà del tipo nomePC:nomeservermultimediale: e quindi ad esempio: PCMMedia

Utility per windows
Il pacchetto comprende più applicazioni
Descrizione:
- ProcessGuard
Did you know? A FREE version of our powerful ProcessGuard security system is available!
- Advanced Process Termination (APT)
Very few programs in the world are resistant to APT's process-killing arsenal. With approximately 20 different kernel & usermode process termination techniques including suspension and fatal crashing, if APT can't kill your target process nothing can!
- Advanced Process Manipulation (APM)
Take control over a process from within. APM is a process/module manipulation utility with a twist - by injecting itself into target processes it literally becomes a part of them, effectively giving you full ownership & control from the inside - you can even load your own DLLs.
- File & Folder Unlocker
This powerful tool allows you to search for, and unlock, files that are in use/open/locked, as well as show you which process(es) are doing the locking. Also supports network-opened files!
- RegistryProt
A popular lightweight registry monitor which guards several important registry locations, including many key autostart locations.
- ASViewer
ASViewer allows you to instantly view over 50 different autostart locations to check (and have complete control over) which programs are starting automatically when Windows starts.
- DelLater
If you can't delete a file because it's in use or if you simply want to delete a file upon system reboot then DelLater is the tool for you! Assembly source code included.
- NetCheck
The quickest and easiest way to check the status of your Internet connection, NetCheck automatically performs DNS and TCP tests for you at the click of a button.
- CSView
CSView is our freeware lightweight CSV (Comma-Separated Values) file viewer. Includes seamless support for compressed XCSV files, and can even export to BMP and HTML formats.
- IRClean
The popular mIRC client is the target of the vast majority of IRC worms that target IRC clients. This fast, free and lightweight IRC worm scanner makes it easy to detect and remove mIRC infections.
- MD5
The easiest way to verify the integrity of files, this is our implementation of the famous MD5 algorithm - designed with ease-of-use in mind! Supports both file and text hashing.
Attachments: Download this file (utility pack.zip) utility pack.zip [http://www.compago.it/attachments/157_utility%20pack.zip oppure qui]  2586 Kb

Come avviare un computer remoto con Wake on lan
Se volessimo utilizzare la gestione remota per dei pc connessi tramite un router ed uno switch sarebbe molto comodo non dover accenderli uno per uno. Il classico server può essere amministrato usando per esempio UltraVNC, ma rimane sempre la seccatura di dover andare ad accenderlo quando necessario.
Per risolvere questo problema esiste una comodissima funzione chiamata “Wake on Lan”.
Cosa è il Wake on lan? Per “wake on lan” si intende la capacità di un sistema di essere avviato in seguito alla ricezione di un segnale (tipicamente chiamato “magic packet”) ricevuto tramite la scheda di rete.
Come si attiva il Wake On Lan sul computer remoto? Per avviarlo bisogna innanzitutto controllare se la nostra scheda di rete è integrata nella scheda madre oppure è una periferica PCI. Solitamente, le schede madri di ultima generazione integrano almeno una porta di rete (RJ-45), se fosse il vostro caso saltate il punto numero 1, altrimenti eseguite le tre operazioni a seguire.
1. Inserite il cavetto in dotazione con la scheda di rete (che da bravi avrete conservato con cura fino ad oggi) nel piccolo connettore a 3 pin sulla scheda madre identificabile dalla scritta WOL.
2. Abilitate il “Wake on Lan” dal BIOS della scheda madre (la sua posizione nel menu varia a seconda del BIOS).
3. Segnatevi l’indirizzo MAC della vostra scheda di rete (è in pratica il “numero di serie” univoco, della scheda).
Fatto questo, il computer remoto sarà pronto per ricevere il “magic packet” ed avviare il sistema.
Come inviare il “magic packet”? L’invio del “pacchetto magico” è qualcosa di… ancora più semplice. Sebbene ci sia qualcuno che si è persino divertito a scrivere uno script in php per l’avvio remoto, vi consiglio l’utilizzo di un leggerissimo programma gratuito realizzato da una piccola software house italiana: “Wake on LAN” della StephenSoftware (http://www.stephensoftware.it/), scaricabile dall’area Free Download.
Download (http://www.compago.it/downloads/wakeonlinesetup.exe oppure qui)
Come si usa “Wake on LAN”?
Sarà necessario inserire l’indirizzo MAC della scheda di rete del computer da avviare, il suo indirizzo IP assegnato dal router/switch (che vi consiglio di mettere statico) e l’indirizzo della subnet (se non avete configurazioni di rete particolari, andrà messo 255.255.255.0).
Cliccate in seguito su “Add to list”, selezionate la nuova voce e… cliccate, incrociando le dita, su “Wake On Lan”.
A questo punto… se non sentite alcuna esplosione… il computer remoto dovrebbe esser partito

Come controllare i file di sistema con windows
Per verificare i file protetti e di sistema, come molti sapranno, fin dai tempi di Windows 98 , è molto utile utilizzare il System File Checker.
I comandi da utilizzare sono i seguenti:
(Start - esegui) =>
sfc [/scannow] [/scanonce] [/scanboot] [/revert] [/purgecache] [/cachesize=x]
/scannow - Esegue una scansione immediata di tutti i file protetti .
/scanonce - Esegue la scansione dei soli file protetti (una volta).
/scanboot - Eseguela scansione dei file protetti e di sistema ad ogni avvio cel computer.
/revert - Ripristina il valore di default di SFC.
/purgecache - Rimuove la cache del Windows File Protection file cache ed esegue una scasione immediata per inserire i nuovi dati.
/cachesize=x - delimita i parametri , in Mb, della cache del Windows File Protection
Per eseguire il system file checker senza Cd di installazione:
Per eseguire il sfc /scannow senza essere assillati dalla continua richiesta di inserimento del CD rom, bisogna applicare un paio di tricks al VS. Windows XP
Copiare la cartella di installazione del Vs. Windows XP (di norma \i386\) in una cartella a Vs. scelta sul disco:
Ad. es. D:\OEM
Una volta che i file di installazione sono sul Vs. Hard disk apportare le seguenti modifiche al registro di configurazione .
avviare il regedit e cambiare le impostazioni della path (percorso) inserendo la nuova path (vedi sopra).
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Setup\ServicePackSourcePath
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Setup\SourcePath
(stringa non necessaria in alcune installazioni )
e
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\SourcePath
Riavviare.

Uso delle DLL con rundll32
La cosa migliore per capire il funzionamento penso sia un esempio:
Questo comando esegue il lock della workstation su sistemi multiutente.
L'eseguibile rundll32.exe permette di utilizzare le funzioni esportate da alcune DLL di sistema. In questo caso la funzione utilizzata, ha lo scopo di eseguire il lock della workstation, allo stesso modo di quando si utilizza la combinazione CTRL+ALT+CANC:
C:\>rundll32.exe user32.dll, LockWorkStation
Grazie a rundll32 viene richiamata la funzione LockWorkStation esportata dalla libraria dinamica user32.dll
Creando un collegamento sul dekstop, tasto destro->nuovo->collegamento ed inserendo come percorso la command line indicata, e' possibile con un solo doppio click eseguire il lock della propria macchina.
Ecco con un semplice comando possiamo aver accesso a delle funzioni inserite dentro le DLL.
Sintassi :
RUNDLL.EXE <dllname>,<entrypoint> <optional arguments>
Ora che più o meno sappiamo la procedura non rimane altro che conoscere le varie funzioni che potrebbero esserci utili, ma questo è il vero problema... queste funzioni non sono documentate...quindi si ricorre all'esperienza e a degli elenchi presenti su internet. Ve ne elenco un po , ma dato che queste dipendono dalla versione di windows di cui si dispone, alcune possono essere inutilizzabili:
- Spegne windows
rundll32 user,exitwindows
- Blocca tutto il sistema operativo
rundll32 user,disableoemlayer
- Apre la connessione alla rete
rundll32 user,wnetconnectdialog
- Apre la disconnessione dalla rete
rundll32 user,wnetdisconnectdialog
- Riavvia windows
rundll32 shell32,SHExitWindowsEx 0
- Chiude Windows
rundll32 shell32,SHExitWindowsEx 1
- Avvia il computer in Windows
rundll32 shell32,SHExitWindowsEx 2
- Aggiorna schermo
rundll32 user,repaintscreen
- Posiziona il cursore del mouse nel angolo superiore sinistro dello schermo
rundll32 user,setcursorpos
- Apre la finestra Copia Disco
rundll32 diskcopy,DiskCopyRunDll
- Apre la finestra Accesso Remoto
rundll32 rnaui.dll,RnaWizard/1
- Apre la finestra esplora risorse
rundll32 shell,shellexecute
- Apre la finestra di informazioni sulla memoria e sulle risorse
rundll32 shell32,ShellAboutA

Creare un file autorun.inf
ome far eseguire in automatico un programma usando il file autorun.inf
Il file autorun.inf serve per far partire un CD subito dopo averlo inserito nel lettore (si da il caso che l'autorun funziona solo con i computer, e non anche con gli stereo come pensano alcuni...). Quest'ultimo può risultare molto utile nel momento in cui vogliamo che un programma venga aperto subito.
Allora... creare un autorun è molto semplice. Infatti bastano solo tre righe (nel vero senso della parola). Sulla prima riga va messa la descrizione del programma che nel nostro caso è autorun e quindi scriverete così:
[autorun]
Nella seconda riga va messo il nome del programma che va lanciato. Se, per esempio, vogliamo aprire il programma notepad.exe, la seconda riga andrà scritta così:
OPEN=notepad.exe
Nella terza riga, poi, va inserito il nome dell'icona con la quale vogliamo che appaia il nostro programma e la nostra unità. Se la nostra icona si chiama Logo.ico, si scriverà così:
ICON=Logo.ico
Alla fine il nostro file verrà così:
[autorun]
OPEN=notepad.exe
ICON=Logo.ico
Ora basta salvare il file con il nome autorun.inf e masterizzarlo nella directory di base del supporto oppure anche salvarlo su una chiave usb con le stesse modalità.
Il percorso del programma notepad comprende solo il nome del programma perchè, essendo incluso nel path di window, può essere avviato in maniera generica da qualsiasi posizione. Ma se noi avessimo un programma particolare dovremmo specificarne la posizione.
se io avessi il messo il progamma mio.exe sul disco C la stringa sarebbe OPEN=C:\notepad.exe
se fosse invece nella stessa posizione del file di avvio che sto creando allora sarebbe : OPEN=.\notepad.exe

Guida al boot.ini
Il boot.ini è un file di avvio presente in ogni Windows NT 2000 e XP, oltre ad essere un file di avvio, può svolgere anche la funzione di boot manager generico , ovvero, in caso abbiate installato più di un sistema operativo sul vostro PC il boot.ini se ben configurato, vi permetterà di scegliere quale sistema operativo usare.
Per configurarlo aprite Sistema nel Pannello di controllo fate click su Avanzate fate click sul pulsante Impostazioni sotto Avvio e ripristino e infine cliccate su Modifica nella sezione Sistema operativo predefinito.
Questo che vedete qua sotto è un file boot.ini classico.
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
Analizziamo il contenuto:
[Boot loader]
Timeout = tempo di visualizzazione della lista dei sistemi operativi se volete fare in modo che finche non date la conferma rimanga la lista impostate –1.
Default = visualizza il sistema operativo impostato come default.
[Operating Systems]
In questa sezione troviamo la lista dei sistemi operativi e tutte le informazioni necessarie per fare partire il determinato O.S.
Ogni riga utilizza percorsi ACR (Advanced RISC Computing) per specificare la posizione di avvio.
Questo è il percorso standard dell’ARC del file boot.ini
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS
Il primo parametro può essere multi() per controller IDE o scsi() per controlli SCSI e identificano i controller del disco. La numerazione parte da 0.
Il parametro disk() indica il disco del controller indicato in multi() di solito il valore è 0.
Il parametro rdisk() nella forma multi() specifica il numero ordinale (che inizia con 0) sul controller del disco contenente la partizione di avvio.
Il parametro partition() identifica il numero della partizione di avvio, le partizioni su disco sono numerate a partire da 1.
Infine dopo il simbolo bisogna digitare la cartella che contiene il sistema operativo, di default può essere o \WINDOWS oppure \WINNT.
Specificata la cartella che contiene il S.O. per semplificare le cose tra parentesi c’è il nome del sistema operativo, questo nome si può modificare a piacimento.
Il comando /fastdetect serve a definire il sistema operativo di default.
In caso abbiate un sistema non basato su tecnologia NT vedi serie Windows 9X o ME non bisogna usare i percorsi ACR ma il nome della partizione.
Facciamo qualche esempio dei più comuni:
1) Esempio:
Avete 1 hard disk su canale IDE in Primary Master diviso in 2 partizioni C: D: avete windows XP nella prima partizione e windows 2000 nella seconda, il file boot.ini completo sarà cosi:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS="Microsoft Windows 2000 Professional"
2) Esempio:
Avete 2 hard disk sullo stesso canale IDE il primo sarà Primary Master e il secondo Primary Slave. Sul Primary Master avete installato windows XP mentre sul Primary Slave Windows 2000.
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(1)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows 2000 Professional"
3) Esempio:
1 hard disk Primary Master diviso in 2 partizioni, sulla prima avete installato il millennium, sulla seconda windows XP.
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
C:\"Microsoft Windows Millennium"

Come trasformare Windows Xp Home edition in Professional edition
Consiglio a tutti i possessori di windows Xp home edition di trasformarlo nell'edizione Professional, sia per motivi pratici, dato che ha delle funzionalità potenziate, sia per ragioni di sicurezza.
Le principali differenze tra XP Home e Professional sono:
- gestione file e cartelle non in linea
- SMP Support (fino a 2 processori)
- Dynamic Disk Support
- Desktop Remoto
- Piena funzionalità di NT Domain / Active Directory
- Servizi di installazione remota
- Criteri di gruppo
- Profili utenti comuni
- Amministrazione centralizzata
- Encrypt File System
- Installazione e manutenzione software
- Interfaccia Multilinguaggio
Queste limitazioni della Home edition possono essere rimosse semplicemente apportando queste modifiche al registro di sistema:
Start –> Esegui –> digitare regedit invio
posizionarsi sulla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE/SYSTEM/ControlSet00X/Control/ProductOptions, dove ControlSet00X ha valore maggiore (es: ControlSet004)
Eliminare la chiave ProductSuite
Creare una nuova chiave DWORD e chiamarla Brand
impostare il valore della nuova chiave Brand a 0
Riavviare il sistema
Avviare il menu’ di sistema premendo F8 prima che Windows si avvii
Avviare il sistema usando l’ultima configurazione sicuramente funzionante
Se tutto è andato a buon fine dal Pannello di controllo –> Sistema si potrà vedere se il nostro sistema XP è stato convertito in versione Professional

Ripristinare l’icona di Internet Explorer sul desktop
Vi sarete di certo accorti che non esiste nessuna opzione per riabilitare l’icona di Internet Explorer 7 sul desktop.
Ci pensiamo noi ! Una piccola modifica al registro di sistema e passa la paura. Vi facciamo creare una chiave a mano nel registro, come sempre fatelo sempre a vostro rischio e pericolo e solo se sapete cosa state facendo !
Start -> Esegui -> Regedit.exe (se lo avete ripristinato, vedi un nostro trucco di qualche giorno fa) oppure Start e digitiamo Regedit nel box di ricerca e diamo invio
La chiave in questione è questa HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\HideDesktopIcons\NewStartPanel
Dovete creare al suo interno una nuova DWORD (2-bit) con questo nome, incluse le parentesi graffe
{871C5380-42A0-1069-A2EA-08002B30309D}
Ora tornate al desktop, fate un refresh (click destro -> Aggiorna) e l’icona di Internet Explorer 7 dovrebbe riapparire

Ripristinare l'icona di rete (leggi anche qui)
Verify that the network DLL files are registered correctly. DLL files are small files that include a library of functions and data that can be shared across multiple applications.

a. Click Start, and then click Run.
b. In the Run box, type cmd.exe, and then click OK.
c. Type the following lines. Press ENTER after you type each line. This command text is difficult to type. Be sure that you type it exactly as it appears below. Or you may find it easier to copy and paste the text instead. Click OK when the RegSvr32 dialog box appears for each command.

regsvr32 netshell.dll
regsvr32 netcfgx.dll
regsvr32 netman.dll
d. Restart the computer. Check to see whether your networking icons appear. If this method worked for you, you are finished with this article. However, you might want to read the "Prevention tips" section to avoid this problem in the future.

========================================================================
Risoluzione dei problemi relativi alle icone mancanti di Rete e connessioni remote
(http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;it;329050)
In questo articolo sono descritti i metodi utilizzabili per risolvere problemi relativi alla mancanza delle icone di Rete e connessioni remote. I problemi elencati di seguito si possono verificare se si fa clic sul pulsante Start, si sceglie Impostazioni, quindi Rete e connessioni remote oppure se si fa clic con il pulsante destro del mouse su Risorse di rete sul desktop e si sceglie Proprietà.
L'icona Connessione alla rete locale (LAN) è mancante.
Le icone della connessione remota sono mancanti.
L'icona della procedura guidata Crea nuova connessione è mancante.
è presente solo l'icona Crea nuova connessione oppure è visualizzata una o più icone di connessioni remote.
Scegliendo il menu Avanzate e quindi il comando Impostazioni avanzate, il riquadro Connessioni contiene solo la voce [Connessioni accesso remoto].
La finestra Rete e connessioni remote si blocca dopo aver selezionato una connessione di rete e scelto Proprietà.
Nonostante questi problemi, la rete continua a funzionare correttamente e il comando Ipconfig visualizza tutte le informazioni relative alle connessioni e alla scheda.
Per risolvere questi problemi, attenersi alla seguente procedura:
Verificare l'impostazione della scheda di rete.
Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del computer, quindi scegliere Proprietà.
Fare clic sulla scheda Hardware e scegliere Gestione periferiche.
Espandere Schede di rete e controllare che sia elencata la scheda di rete corretta.
Fare doppio clic sulla scheda di rete e verificare che venga visualizzato il messaggio "La periferica funziona correttamente" nella casella Stato periferica della scheda Generale.
Verificare che i servizi siano avviati:
Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del computer, quindi scegliere Gestione.
Espandere Servizi e applicazioni, quindi selezionare Servizi.
Nel riquadro di destra controllare che i seguenti servizi siano avviati:
RPC (Remote Procedure Call)
Connessioni di rete (dipende dal servizio RPC)
Plug and Play
Sistema di eventi COM+ (dipende dal servizio RPC)
Connection Manager di Accesso remoto (dipende dal servizio Telefonia)
Telefonia (dipende dai servizi RPC e Plug and Play)
Verificare l'impostazione dell'accesso:
Fare doppio clic sul servizio Sistema di eventi COM+.
Scegliere la scheda Connessione.
Verificare che sotto la voce Connessione sia selezionato il pulsante di opzione Account di sistema locale. Si tratta dell'impostazione predefinita.
Verificare l'impostazione dell'interazione con il desktop:
Fare doppio clic sul servizio Connessioni di rete.
Verificare sotto la voce Account di sistema locale che il servizio sia in esecuzione.
Verificare che l'opzione Consenti al servizio di interagire con il desktop sia selezionata.
Verificare l'impostazione dei servizi di rete.
Nel Pannello di controllo fare doppio clic su Installazione applicazioni.
Scegliere Installazione componenti di Windows.
In Servizi di rete verificare che la voce Servizi semplici TCP/IP sia selezionata.
Verificare che le DLL di rete elencate nel seguente articolo della Microsoft Knowledge Base siano registrate correttamente: Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
269019 (http://support.microsoft.com/kb/269019/ )  Icone mancanti nella cartella "Rete e connessioni remote"
Al prompt dei comandi digitare sfc /purgecache e premere INVIO. Verrà avviata l'utilità Controllo file di Windows. Verificare che tutti i file protetti di Windows contenuti nella cartella System32 siano integri.
Verificare che le chiavi del Registro di sistema siano integre e corrette.
Avviare l'editor del Registro di sistema.
Individuare e fare clic sulla seguente chiave del Registro di sistema:
HKEY_CLASSES_ROOT\Interface
Se la chiave non è presente, è necessario crearla.
Verificare che il valore della chiave sia
{0000010C-0000-0000-C000-000000000046}
In caso contrario, modificarne il valore. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
269019 (http://support.microsoft.com/kb/269019/ )  Icone mancanti nella cartella "Rete e connessioni remote"
Utilizzare Dcomcnfg.exe per reimpostare l'opzione Livello di rappresentazione predefinito.
Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare dcomcnfg, quindi scegliere OK.
Nella scheda Proprietà predefinite selezionare un'impostazione diversa da Anonimo nella casella Livello di rappresentazione predefinito. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
273461 (http://support.microsoft.com/kb/273461/ )  Le icone delle connessioni remote e di rete scompaiono quando si utilizza Dcomcnfg.exe per impostare il livello di rappresentazione predefinito su Anonimo
Se risultano mancanti solo le icone delle connessioni remote, aggiungere temporaneamente un finto modem standard e controllare se le icone vengono visualizzate.
Rimuovere e reinstallare il service pack più recente per il sistema operativo Windows. Per ottenere il service pack più aggiornato per Windows 2000, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
260910 (http://support.microsoft.com/kb/260910/ )  Acquisizione della versione più recente del service pack di Windows 2000
Accertarsi che nel computer non vi siano schede di rete nascoste. Per ulteriori informazioni su questa operazione, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
269155 (http://support.microsoft.com/kb/269155/ )  Messaggio di errore quando si tenta di impostare un indirizzo IP su una scheda di rete
Rimuovere e reinstallare la scheda di rete.
Nel Pannello di controllo fare doppio clic su Installazione guidata hardware.
Rimuovere la scheda di rete.
Riavviare il computer e lasciare che il sistema rilevi automaticamente e installi i driver per la scheda di rete.
Rimuovere qualsiasi software di gestione della scheda di rete di terze parti. Rimuovere temporaneamente qualsiasi software di collaborazione. La combinazione seguente è nota per essere incompatibile:
Scheda server Intel Pro 100+ Dual-Port con Intel Teaming Software che esegue un componente SNMP, come Dell Open Manage Server Agents
Se si utilizza questa combinazione, rimuovere Dell Open Manage Server Agents. Per una versione aggiornata e per ulteriori informazioni, rivolgersi al produttore della scheda di rete o al fornitore software di terze parti.
Se il connettoide viene eliminato non appena un utente si connette fisicamente alla rete, attenersi alla seguente procedura:
Riavviare il computer mentre non è connesso alla rete per verificare se viene scaricato un oggetto Criteri di gruppo (GPO).
Avviare GPresult per scoprire quali GPO sono applicati.
Individuare e aprire Criterio gruppo/Configurazione utente/Impostazioni di Windows/Manutenzione di Internet Explorer/Connessione/Impostazioni di connessione/. Deselezionare la casella di controllo Elimina le impostazioni di connessione remota esistenti. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo di GPresult, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
321709 (http://support.microsoft.com/kb/321709/ )  Utilizzo dello strumento Risultati Criteri di gruppo in Windows 2000
Al prompt dei comandi digitare winmgmt /clearadap e premere INVIO. Questo comando cancella tutti i valori relativi a WMI dalla chiave del Registro di sistema relativa alle prestazioni del servizio. Per ulteriori informazioni, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito:
266416 (http://support.microsoft.com/kb/266416/ )  Risoluzione degli errori dei contatori delle prestazioni basati su WinMgmt
I prodotti di terze parti citati in questo articolo sono forniti da produttori indipendenti. Microsoft non rilascia alcuna garanzia implicita o esplicita relativa alle prestazioni o all'affidabilità di tali prodotti.
Per ulteriori informazioni, fare clic sui numeri degli articoli della Microsoft Knowledge Base riportati di seguito:
254631 (http://support.microsoft.com/kb/254631/ )  Mancata visualizzazione di alcune icone di Rete e connessioni remote 
273461 (http://support.microsoft.com/kb/273461/ )  Le icone delle connessioni remote e di rete scompaiono quando si utilizza Dcomcnfg.exe per impostare il livello di rappresentazione predefinito su Anonimo
269019 (http://support.microsoft.com/kb/269019/ )  Icone mancanti nella cartella "Rete e connessioni remote"

Installazione di Windows XP su sistemi con dischi S-ATA
Una volta inserito il cd-rom di Windows XP, il processo di installazione non ha riconosciuto l'hard disk.
Windows XP non ha i driver per gestire il controller SATA della scheda madre del computer, quindi il setup si ferma segnalando che non trova l'hard disk. Per rimediare devi configurare il BIOS del computer per gestire l'hard disk in emulazione PATA (Parallel ATA o EIDE), che è lo standard hardware precedente riconosciuto da Windows XP. La velocità del disco in emulazione PATA resta identica, perchè Windows XP non è in grado di gestire i dischi SATA in modalità nativa con la stessa efficienza di Vista. Accendi il computer e premi il tasto che richiama il setup del BIOS. Dopo essere entrato nel BIOS, apparirà la schermata che riepiloga l'hardware del computer. Bisogna andare nella sezione delle "integrated peripherals" e andare nella sezione che riguarda il controller SATA o similare. Bisogna cambiare l'opzione a Compatible, Enhanced o ACPI o Emulation o ATA. Esci salvando. Ora dovrebbe essere visto tranquillamente il disco fisso durante l'installazione.
Nel caso si possieda ancora il lettore floppy, è possibile scaricare dal cd della scheda madre o da internet, i file necessari al riconoscimento del controller. Durante l'installazione, premere subito F6 e inserire il floppy. il sistema riconoscerà i drivers e verrà installato tutto correttamente.

Se l'editor del Registro risulta disabilitato
«Con l'editor di registro di sistema, quando vado in esegui e scrivo "REGEDIT" mi risponde "Editor di sistema è stato disabilitato dall'amministratore di sistema". Il mio sistema operativo è Windows XP Professional. Sarà forse qualche virus? Esiste qualche modo per riattivare l'editor di registro?».
Copiate le righe seguenti nel blocco note (Notepad) di Windows:
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\Cur
rentVersion\policies\system]
"DisableRegistryTools"=dword:00000000
Successivamente salvate il file sul deskop con il nome "sbloccaregistro.reg" comprese le virgolette e lancialo con il doppio click, poi riavviate il PC e controllate se il registro si apre.
Se rilevate problemi con il file o se il registro non volesse saperne di aprirsi, utilizzate Registry Commander per mettere a 0 (zero) la voce di registro di cui sopra.

Riabilitare l´anteprima immagini di windows
Alle volte può capitare che dopo un installazione o una disisnstallazione di qualche programma, oppure anche senza motivo, Windows perda la sua funzione di anteprima delle immagini nelle directory.
Questa funzione è facilmente riattivabile utilizzando il file qui allegato. E' un file .REG, quindi un file che agisce nel registro di Windows, e che rimette alle impostazioni di default le voci relative all'anteprima immagini.
Il file è stato testato su tutti i SO Windows che supportano questa funzione.
Scarica il file reg

Soluzioni ai problemi di Windows Xp Service Pack 3
Molti utenti che utilizzano computer con processore Amd, hanno scoperto che i loro Pc si bloccano improvvisamente dopo l'installazione del Service Pack 3. In particolare i possessori di Pc desktop di Hp basati su processore Amd: le copie Oem di Windows Xp utilizzate da Hp hanno infatti il difetto di utilizzare la stessa identica immagine sia su piattaforme Intel che su piattaforme Amd. Il problema è dovuto ai driver per la gestione del risparmio energetico dei sistemi Intel (ossia il file intelppm.sys), insieme a quello corretto per Amd (amdk8.sys) fa sì che sia accessibile solo la modalità provvisoria. Se si tenta un avvio normale il computer si riavvia continuamente.
Per risolvere il problema basta disabilitare il driver intelppm.sys usando la modalità provvisoria o la console di ripristino: in modalità provvisoria occorre dare il comando sc config intelppm start= disabled, mentre usando la console di ripristino il comando da usare è disable intelppm.
Altri problemi riscontrati con Windows Service Pack 3 è il messaggio di errore STOP: 0x000000A5 in cui si legge che il Bios non è pienamente compatibile con Acpi (in particolar modo sulle schede madri Asus serie A8n32-Sli Deluxe). Il problema è risolvibile inserendo in una porta Usb un drive flash (una chiavetta, per esempio) prima di avviare il Pc oppure spostando la presa del mouse Usb sulla porta Ps/2: Windows in questo caso si avvia essendoci un drive secondario (la chiavetta Usb).
Un'altro problema riguarda la corruzione del driver ntfs.sys, quello che permette l'accesso al filesystem, corrotto senza un'apparente spiegazione (problema più frequente su macchine Intel, pare), e l'incompatibilità con i driver Catalyst (in particolar modo la versione 8.432) di Ati-Amd.
Prima di procedere all'installazione del SP3 e necessario aggiornarli all'ultima versione disponibile.

Creazione di un nuovo profilo utente in WINDOWS XP e WINDOWS VISTA
Il profilo utente nei sistemi operativi può corrompersi, con gravi conseguenze come facilmente intuibile, in queste situazioni possiamo crearne uno nuovo per sostituire il vecchio spostando tutto il contenuto della cartella vecchia in questa nuova:
1. Accedere come amministratore o come utente con credenziali amministrative.
2. Fare clic sul pulsante Start e scegliere Pannello di controllo.
3. Fare clic su Account utente.
4. Scegliere la scheda Avanzate e fare clic su Avanzate.
5. Nel riquadro sinistro fare clic sulla cartella Utenti.
6. Scegliere Nuovo utente dal menu Azione.
Immettere le informazioni utente appropriate, quindi scegliere Crea.
copia dei file in un nuovo profilo utente
1. Accedere con un account utente diverso da quello dell'utente il cui profilo è l'origine o la destinazione della copia dei file.
2. In Esplora risorse scegliere Opzioni cartella dal menu Strumenti, scegliere la scheda Visualizzazione, fare clic su Visualizza cartelle e file nascosti, deselezionare la casella di controllo Nascondi i file protetti di sistema, quindi scegliere OK.
3. Individuare la cartella C:\Documents and Settings\Nomeutente_precedente, dove C è l'unità in cui è installato Windows XP e Nomeutente_precedente è il nome del profilo del quale si intende copiare i dati.
4. Tenere premuto CTRL mentre si selezionano i singoli file e le sottocartelle di tale cartella, eccetto i file seguenti:
• Ntuser.dat
• Ntuser.dat.log
• Ntuser.ini
5. Scegliere Copia dal menu Modifica.
6. Individuare la cartella C:\Documents and Settings\Nuovo_Nomeutente, dove C è l'unità in cui è installato Windows XP e Nuovo_Nomeutente è il nome del profilo utente creato nella sezione "Creazione di un nuovo profilo utente".
7. Scegliere Incolla dal menu Modifica.
8. Disconnettersi dal computer, quindi accedere con il nuovo account utente.

L'iphone manda in crash il sistema operativo.
Devi fare così:
1. vai su pannello di controllo
2. click su sistema
3. poi nella scheda hardware fai gestione periferiche
4. poi connetti l'iphone
5. vai su periferiche di imaging (hai poco tempo per farlo)
6. quando compare iphone fai disattiva
dovresti aver risolto.

Problemi di installazione degli aggiornamenti dopo il Service Pack 3
Spesso è capitato a molti utenti di collegarsi all’oramai conosciutissimo sito MicrosoftUpdate (http://www.update.microsoft.com/windowsupdate/v6/default.aspx?ln=it) e scaricare i classici aggiornamenti che la microsoft ci mette a disposizione. Il problema è che a volte potremmo riscontrare un problema del tipo :
Impossibile installare alcuni aggiornamenti – Gli aggiornamenti non installati sono i seguenti:
E qui segue una lunga lista degli aggiornamenti incriminati, ma non compare nessun errore, solo un bottone per chiudere la finestra.
Cosa fare in questi casi? Visto che molti me lo hanno chiesto,sono andato un pò a googlare e ho trovato una guida su www.hwupgrade.it di Gle89 che spiega alcuni semplici passi per risolvere il problema.
Vediamo quindi cosa fare:
* Creiamo una nuova cartella in C: (o in qualsiasi unità dove è contenuta la cartella di windows) e rinominiamola WUA
* Scaricate da questo indirizzo (http://go.microsoft.com/fwlink/?LinkID=91237) il file “WindowsUpdateAgent30-x86” e salvatelo nella cartella WUA che abbiamo precedentemente creato
* Aprite il Prompt di Dos (potete farlo anche da Start -> Esegui e digitate “cmd” senza apici)
* Spostiamoci nella cartella WUA col comando CD \WUA
* Diamo ora il comando : WindowsUpdateAgent30-x86.exe /wuforce e digitiamo invio
Dovrebbe partire l’installazione della programma che avevamo scaricato. Una volta finita l’installazione,colleghiamoci al sito della MicrosoftUpdate per scaricare di nuovo gli aggiornamenti. Non dovrebbero esserci più problemi
http://taninorulez.wordpress.com/2007/12/05/impossibile-installare-aggiornamenti-xp-risolviamo-il-problema/

Ripristinare il BootLoader di Windows
Per rimuovere un boot loader indesiderato è sufficiente sovrascriverlo con un altro specifico per il sistema operativo che si intende installare, nel caso specifico WIndows XP.
Questa operazione è ottenibile avviando il pc dal cd-rom d'installazione di windows XP, entrando nella console di ripristino e impartire i seguenti comandi:
cd c:\windows
fixboot c:
fixmbr
bootcfg /rebuild
Così facendo il master boot record (MBR) del disco sarà cancellato e al suo posto sarà installato l'usuale loader di Windows XP.
La cancellazione del MBR è eseguibile anche dal CDROM di installazione di WIndows 98, ma in questo caso il comando da impartire è
FDISK /mbr
Si consiglia di controllare, durante l'installazione, di verificare che la partizione dalla quale si desidera avvaire il sistema sia impostata come attiva, mediante una utilità di partizionamento. In caso contrario, il loader non sarebbe in grado di svolgere la sua funzione.

Codice errore nella gestione delle periferiche
In presenza di un problema hardware o di driver, la periferica in questione viene indicata con un punto interrogativo giallo o con un simbolo di pericolo con un punto esclamativo. Per visualizzare il codice di errore presente nella tabella fare click, con il pulsante destro del mouse sulla periferica evidenziata e selezionare Proprietà. Nella scheda Generale è indicato il codice di errore. Per maggiori informazioni sugli errori sopraccitati, anche sul sito Microsoft all'indirizzo http://support.microsoft.com e leggi qui: vedi

Codice di errore Causa Risoluzione del problema
Codice 1 Nessun driver installato, problemi di configurazione. Aggiornare i drivers
Codice 3 Driver difettoso oppure memoria insufficiente Sostituire i driver, eventualmente aumentare la Ram
Codice 10 Voce mancante nel Registry Aggiornare i driver
Codice 12 A due periferiche è stata assegnata la stessa risorsa Disattivare una delle due periferiche
Codice 14 La periferica attende il riavvio del pc Riavviare il pc
Codice 16 La periferica è collegata in modo errato o incompleto Controllare il driver con il test UPnP, collegare la perifera manualmente.
Codice 18 Driver difettoso, eliminato o sovrascritto Reinstallare il driver
Codice 19 E' definito più di un servizio per periferica, non è possibile aprire la sottochiave del servizio, il servizio non trova il nome del driver Reinstallare la periferica o riavviare XP con l'ultima configurazione funzionante
Codice 21 Disinstallazione non conclusa Riavviare il computer
Codice 22 Intervento dell'utente Riattivare la periferica
Codice 24 Hardware o driver difettosi Reinstallare il driver o rimuovere la periferica
Codice 28 Nessun driver disponibile Installare il driver
Codice 29 La periferica è stata disattivata nel BIOS Attivare la periferica nel Bios
Codice 31 Impossibile caricare il driver Aggiornare il driver
Codice 32 Il tipo di avvio per questo driver è disattivato nel Registry Aggiornare o reinstallare il driver
Codice 33 Difetto Hardware Riparare o sostituire la periferica
Codice 34 La periferica non è stata ancora configurata manualmente Controllare la configurazione del ponticello.
Codice 35 Nella tabella del sistema multiprocessore (Tabella Mps), dove vengono salvate le assegnazioni risorse per il BIOS, manca la voce relativa alla periferica. La tabella deve essere aggiornata Sostituire il chip del BIOS
Codice 36 La traduzione della richiesta di interrupt (IRQ) è fallita Assegnare manualmente gli interrupt dal BIOS
Codice 37 Il driver ha riportato l'errore dalla routine DriverEntry Disinstallare manualmente gli interrupt dal BIOS
Codice 38 Nella Ram è già presente una copia di questo driver Riavviare il pc
Codice 39 Windows non trova il driver Reinstallare il driver
Codice 40 Voce errata nel Registry Disinstallare e reinstallare il driver
Codice 41 Il driver fantasma o la periferica non supporta il Plug and Play Rimuovere il driver fantasma o la periferica oppure collegarli e configurarli correttamente.
Codice 42 Il driver del bus assegna erroneamente due nomi identici (errore driver del bus) oppure la periferica con il numero di serie viene riconosciuta in una nuova posizione, prima che sia stata rimossa da quella precedente. Riavviare il pc o rimuovere una delle periferiche interessate
Codice 43 Il driver ha comunicato a Windows un cattivo funzionamento La soluzione dipende dalla periferica. Chiedere al produttore un driver che non presenti bug.
Codice 44 Il driver è stato disattivato da un driver o da un programma Riavviare il pc
Codice 45 Il driver fantasma o la periferica non sono collegati Rimuovere il driver fantasma oppure collegare la periferica.
Codice 46 Il controllo dei driver Verifier.exe è attivato Disattivare Verifier e riavviare il pc
Codice 47 Tenendo premuto il pulsante di espulsione dell'unità cd, il pendrive USB viene preparato per la rimozione con la Rimozione sicura dell'hardware. Rimuovere la periferica in questione dal computer e ricollegarla
Codice 48 Il driver è difettoso Procurarsi un nuovo driver
Codice 49 Non è possibile inserire voci nuove nel Registry Ripulire il Registry

File host
http://www.mvps.org/winhelp2002/hosts.htm
Windows Vista = C:\WINDOWS\SYSTEM32\DRIVERS\ETC
Windows XP = C:\WINDOWS\SYSTEM32\DRIVERS\ETC
Windows 2K = C:\WINNT\SYSTEM32\DRIVERS\ETC
Win 98/ME = C:\WINDOWS

Associazione dei programmi per ogni attività
Andare su Start - Impostazioni accesso ai programmi, per personalizzare l'uso delle applicazioni.

Processo di boot di Windows
Il processo di boot (avvio) di Windows Xp è un processo molto laborioso che coinvolge molti aspetti della macchina, sia dal punto di vista hardware che da quello software; è per questo motivo che dal momento dell'accensione del pc all'operatività completa passano parecchi secondi, talora diversi minuti; in questo articolo vedremo cosa succede "dietro le quinte" e capiremo meglio la comparsa di messaggi di errore tipici, collocandoli nella fase di avvio; questo renderà più comprensibili sia i messaggi di errore che gli elementi coinvolti.
In onestà va detto che la fase di boot è simile per tutti i diversi sistemi operativi, quindi siamo li anche come tempistiche, quello che accade purtroppo praticamente da sempre con i sistemi operativi Microsoft, è che con l'uso allungano progressivamente il tempo di avvio; mi ricordo che con windows 95 ero arrivato al punto di potermi preparare e sorseggiare il caffè prima di potere utilizzare il pc, ed io il caffè lo preparo lentamente !!
Il processo di boot di Xp, pur se ottimizzato, impiega tempo per compiere tutte le "tappe" che lo compongono; questo tempo è necessario perchè affinchè il caricamento si compia completamente, il sistema operativo deve compiere degli "step" che vedremo meglio in dettaglio.
Tappa Se tutto funziona correttamente Se si verifica un errore
1) Master Boot Record II Bios controlla il Master Boot Record dell'hard disk, viene lanciata la sequenza di avvio Viene visualizzato il messaggio: "Impossibile leggere dal disco di avvio selezionato"
2) Inizializzazione di NTLoader II file di sistema Ntldr.exe attiva la modalità a 32 bit per la Cpu e carica il file Boot.ini Compare il messaggio :
"NTLDR mancante"
3) Selezione del sistema operativo Se sono installati più sistemi operativi, l'utente seleziona Windows Compare il messaggio:
Boot.ini non valido"
4) Controllo dell'hardware II file di sistema Ntdetect controlla tutti i componenti hardware installati Interruzione con comparsa
di schermata blu
5) Caricamento del kernel di Windows II kernel e gli Hardware Abstraction Layer (Hal) vengono caricati e attivati Interruzione con comparsa
di schermata blu con dicitura "Errore del kernel"
6) Caricamento dei driver I driver vengono caricati e inseriti nel Registry come "attivati" Schermata blu e compare il messaggio: "IRQ_less_or_Equal"
7) Inizializzazione del kernel NTLoader passa il comando al kernel di Windows II computer si blocca
al messaggio "Avvìo di Windows in corso"
8) Avvio dei servizi di Windows II Servizio di gestione delle sessioni (Smss.exe) avvia una nuova sessione di Windows Il sistema si blocca e frequentemente vengono visualizzate schermate blu e messaggi di errore.
9) Login dell'utente Una volta effettuato il login con successo, vengono caricati gli elementi del desktop Compare il messaggio:
"Nome utente o password scorretti"
10) Fine del processo di Boot Windows carica i programmi presenti nella cartella di esecuzione automatica Il pc si blocca, possono apparire schermate blu

Secondo le specifiche Microsoft, il processo di boot in condizioni ideali dovrebbe concludersi in circa 30-40 secondi; questo valore in realtà è difficilmente ottenibile, ma le condizioni migliori per tentare il "record" sono appena dopo una installazione "fresca" di Windows; successivamente, i tempi si allungano anche di molto per tutta una serie di motivi (installazioni/disinstallazioni di software, navigazione sul web, caricamento di font ecc, ecc) che di fatto "zavorrano" il nostro Windows

Problemi con l'attivazione di Windows XP o Windows 2003
Ogni volta che si avvio il pc, viene chiesto di attivare la copia del sistema operativo, in quanto l'hardware è stato modificato in maniera significativa, ma non è così.
La risposta al problema è offerta dalla nota tecnica presente all'indirizzo http://support.microsoft.com/kb/312295 (oppure leggi qui) che indica una serie di passaggi proprio nel caso in cui Windows continua a chiedere di eseguire la riattivazione dell'installazione. E' necessario, a questo punto, avviare il sistema in Modalità provvisoria ed eseguire una serie di modifiche al registro; l'articolo in questione indica in maniera precisa, passo dopo passo, le operazioni necessarie. E' invece interessante cercare di capire il motivo per cui questo problema si presenta. Al momento dell'attivazione, Windows genera e inserisce nella cartella di sistema System32 un piccolo file, denominato wpa.dbl. Questo file viene interrogato ogni volta che il pc si avvia e, continuamente, modificato per que che riguarda la data e l'ora. In questo file sono custoditi i certificati di autenticità della copia di windows, copo l'attivazione. Nel caso questo file sia corrotto, ecco che l'attivazione non viene più riconosciuta e si genera il messaggio di cui sopra.

Pen Drive scomparso
Il pendrive che utilizzo di solito è scomparso dalla finestra delle risorse del computer, ma sono sicuro che è funzionante perchè in altri pc viene letto correttamente. Quale può essere la soluzione?
La sparizione di una lettera di unità removibili, come il pendrive o il masterizzatore esterno, può essere causata da un conflitto di lettere di unità con una partizione dell'hard disk o con un disco di rete. Per risolvere il problema fare clic su Start, Esegui e digitare diskmgmt.msc, seguito dal tasto invio. Si aprirà la gestione disco, e in caso di conflitto di lettere il pendrive sarà mostrato nella metà inferiore dello schermo. Fare clic con il tasto sinistro del mouse sulla barra che lo rappresenta, poi fare clic con il tasto destro e scegliere la voce di menu Cambia lettera e percorso di unità. Fare clic sul pulsante Cambia e scegliere una lettera di unità non utilizzata, ad esempio U:, quindi confermare le scelte. Tornare in Risorse del computer e controllare se effettivamente ora esiste un nuovo disco removibile.

Sfruttare il firewire 800
Per abilitare il corretto funzionamento del Firewire 800 sotto Windows XP SP2 è necessario installare la patch KB885222, reperibile all'indirizzo http://support.microsoft.com/kb/885222/en-us o http://support.microsoft.com/kb/885222/it e modificare una chiave di registro seguendo le istruzioni riportate nella pagina.

Disabilitare la fastidiosa ricerca online dei driver
Quando manca un driver in windows xp, viene cercato, inutilmente, su internet.
Solitamente i driver per i dispositivi hardware sono forniti sul cd incluso nella confezione del prodotto. Altrimenti possono essere scaricati dal sito del produttore. Possiamo dunque eliminare l'inutile ricerca online di Windows Update, tramite una modifica del Registry. Ecco come fare: lanciare l'editor (regedit) e navigare sino alla chiave HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\Windows\DriverSearching. Ora fare click sulla zona destra della finestra e con modifica/nuovo/valore dword creare la voce DontPromptForWindowsUpdate. Poi fare doppio clic sulla nuova voce, digitare "1" in Dati valore e confermare con OK. D'ora in poi Windows non farà più apparire la richiesta, ma eseguirà automaticamente la ricerca online.
Se si desidera disabilitare questa funzione a livello di computer, basterà effettuare le stesse modifiche in HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Policies\Microsoft\Windows\DriverSearching.

Mostrare le dimensioni delle cartelle in Esplora Risorse
Basta scaricare l'utility opensource, Folder Size, dal seguente sito: http://foldersize.sourceforge.net/

Tasti di scelta rapida di accesso facilitato
MAIUSC di destra per otto secondi (Attiva e disattiva Filtro tasti)
ALT di sinistra+MAIUSC di sinistra+STAMP (Attiva e disattiva Contrasto
elevato)
ALT di sinistra+MAIUSC di sinistra+BLOC NUM (Attiva e disattiva Controllo
puntatore)
MAIUSC cinque volte (Attiva e disattiva Tasti permanenti)
BLOC NUM per cinque secondi (Attiva e disattiva Segnali acustici)
LOGO WINDOWS+U (Apre Utility Manager)
http://support.microsoft.com/?id=301583 >> Elenco dei tasti di scelta rapida disponibili in Windows XP".

Ricerca i XP
Di default in Win XP il "Cerca..." Testo nei file funziona solo per determinate estensioni: .asa .asp .bat .cmd .css .dic .htm .inf .ini .js .log .txt .vbs .wri .xml .xsl (e alcune altre)
Però ad esempio non vale sui file .ctl e .sql usati molto in ambito delle conversioni dati.
Per aggiungere le estensioni desiderate come ad esempio i .CTL:
Esegui >> regedit >> HKEY_CLASSES_ROOT >> .ctl
>> NUOVO >> CHIAVE >> PersistentHandler
>> al valore predefinio fare modifica e inserire il valore: 5e941d80-bf96-11cd-b579-08002b30bfeb
Dopo la modifica, effettuare Log off e Login per renderla effettiva!
Valido chiaramente anche per tutte le altre estensioni, tipo .SQL
Qui c'è la Documentazione Estesa: http://support.microsoft.com

Velocizzare lo spegnimento
Questi registri velocizzano incredibilmente lo shutdown del sistema, provare per credere!!! WaitToKillAppTimeout Aprite il registro (Start/Esegui e scrivere “regedit”) e navigate fino a trovare la chiave [HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop] Cambiate il valore della stringa WaitToKillAppTimeout a 3000 (default 20000);
WaitToKillServiceTimeout Aprite il registro (Start/Esegui e scrivere “regedit”) e navigate fino a trovare la chiave [HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control] Cambiate il valore della stringa WaitToKillServiceTimeout a 3000 (default 20000);
HungAppTimeout Aprite il registro (Start/Esegui e scrivere “regedit”) e navigate fino a trovare la chiave [HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop] Cambiate il valore della stringa HungAppTimeout a 4000 (default 5000).
Esegui regedit, vai a HKEY_CURRENT_USER, poi a Control Panel, poi a Desktop e cambia il valore in MenuShowDelay da 400 a 200 o 100 (Il valore in millisecondi che preferisci).

Autoplay CD in Windows
Risorse del Computer >> tasto destro del mouse sull'icona CD-Rom >> Proprietà >> Linguetta Autoplay >>Modificare la voce che ci interessa
OPPURE: gpedit.msc >> Configurazione computer >> Modelli amministrativi >> Sistema >> Disattiva riproduzione automatica
OPPURE: regedit >> HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\Current ControlSet\Services\Cdrom >> Spostarsi sul valore Autorun >> Inserire 1 al posto di 0

Come eliminare gli sfondi indesiderati
C:\WINDOWS\Application Data\Microsoft\Internet Explorer

Disinstallare componenti non necessari
Ci sono dei componenti (MSN Messenger, MSN Explorer e Giochi vari) che non possono essere disinstallati da Installazione applicazioni, Aggiungi/rimuovi.
Per poter far apparire tali voci nel menu di Installazione/Rimozione applicazioni:
Copia di backup del file sysoc.inf (\winnt\inf\sysoc.inf).
Aprire il file sysoc.inf.
Cancellare la sola parola HIDE da tutte le componenti che vorreste poter disinstallare.
Salvare il file sysoc.inf e riavviare il PC.
Adesso nel pannello Rimuovi/aggiungi applicazioni non necessarie potranno essere disinstallate comodamente

NTFS contro FAT32
Molte persone, decise a passare al nuovo sistema operativo Windows XP, appena iniziata l'installazione si sono trovati di fronte al dubbio amletico, proposto dallo stesso, se effettuare o no la conversione del file system da FAT (File Allocation Table) o FAT32 a NTFS (NT File System).
Abbiamo pensato così che fosse il caso di approfondire questo argomento, mettendo in rilievo le differenze tra questi due tipi di file system.
Ovviamente spiegare il tutto non è semplicissimo né facile, ma cercheremo di farlo nel modo più comprensibile e facile possibile.
FAT32: rappresenta una versione avanzata della FAT che può essere utilizzata con dischi rigidi da 512MB a 32GB, ed offre la compatibilità con tutti i sistemi operativi. Se state utilizzando un dual-boot probabilmente utilizzerete FAT32.
Se dovete installare un nuovo dual-boot in cui uno dei sistemi operativi è XP scegliete un file system basato sull'altro sistema operativo utilizzando queste modalità:
formattate la partizione come FAT se le sue dimensioni non superano i 2GB e se dovete creare un dual-boot di Windows XP con MS-DOS, Windows 3.11, Windows 95, Windows 9x/ME, Windows NT;
nel caso la partizione sia più grande di 2GB utilizzate FAT32;
ovviamente se la partizione supera i 32GB dovete necessariamente utilizzare l'NTFS.
NTFS: sicuramente raccomandato per utilizzare Windows XP, presenta tutte le potenzialità di base della FAT con in più i seguenti vantaggi:
- maggior sicurezza,
- migliore compressione disco,
- supporto per grandi hard disk, fino a 2TB (TeraBytes).
Una nota va comunque fatta: una partizione formattata con NTFS non sarà accessibile ai sistemi operativi istallati su eventuali altre partizioni presenti sul disco, se prendiamo come esempio un sistema dual-boot con Windows XP (NTFS) e Windows 98 (FAT), da Win98 non sarà possibile accedere ai file presenti nella partizione di XP.
Velocità: Ntfs e Fat32 hanno una velocità molto simile, ma aumentando le dimensioni del disco la differenza aumenta. Ntfs memorizza i file piccoli nella Master File Table (MFT) al fine di incrementare la velocità, questa procedura permette infatti l'accesso veloce delle testine di lettura del hard disk nella posizioni iniziali senza andare a cercare i dati nelle tracce centrali, contiene infatti informazioni relative a ciascun file del volume, per esempio il nome del file, i diritti di accesso, le date di modifica ecc.
Journaling: Ntfs è un journaling file system, ciò significa che memorizza tutte le modifiche fatte. Molto utile se ad esempio dovesse partire la corrente, il sistema può infatti risalire ai cambiamenti effettuati; sicuramente non garantisce una infallibilità totale nella perdita dei dati, ma significa che se l'MFT è corrotto può essere recuperato.
Sicurezza: Fat32, a differenza di Ntfs, non offre alcun tipo di sicurezza.
In Ntfs infatti tutte le directory e files possono essere protette: potrete specificare chi può leggerle, scriverle, modificarle e molto altro.
Comunque da tenere presente è che tutta questa sicurezza è bypassabile attraverso un Boot disk Linux, per cui la protezione "fisica" dei file è quella migliore.
Compressione: Una carattestica comunemente usata da Ntfs è la compressione dei dati. Molti ritengono che tale compressione sia errata, visto il modo con cui è fatta.
In Windows 98 ad esempio se effettuiamo una compressione di un drive gli archivi verranno messi in un unico grande file facendo una compressione unica, non ottimale, Ntfs invece realizza una compressione singola per ogni file ed è estremamente efficace; è così efficace che spesso vedrete prestazioni migliori di un volume compresso di Ntfs che di uno non compresso, ciò è dovuto al fatto che i dati compressi posso essere letti in modo molto veloce, visto anche l'aiuto che il nuovo sistema operativo da a questa funzionalità.
Conclusioni: Se volete utilizzare il sistema operativo per operazioni non troppo impegnative, e avete un disco non molto grande potete utilizzare tranquillamente FAT32, ma se volete avere funzionalità avanzate dal vostro file system non potrete evitare di utilizzare NTFS visto le garanzie di sicurezza e stabilità che da, anche in abbinamento a Windows XP.
Dimensioni dei cluster in base alla grandezza delle partizioni
FAT fino a 128MB -> 2KB
128-256MB -> 4KB
256-512MB -> 8KB
512-1024MB -> 16KB
1024-2048MB -> 32KB
FAT32 512MB-8GB -> 4KB
8GB-16GB -> 8KB
16GB-32GB -> 16KB
32GB o + -> 32KB
NTFS 512MB -> 512 bytes
513MB - 1024MB ->1KB
1025MB -2048MB ->2KB
2049MB o + -> 4KB

Come eliminare il pagefile.sys all'uscita di Windows
regedit >> HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Session Manager\Memory Management >> Doppio click su
ClearPageFileAtShutdown (presente nel pannello di destra) >> Cambiare il valore da 0 a 1 >> Riavviare il PC.
Oppure:
Esegui - gpedit.msc
Configurazione computer - Impostazioni di Windows - Impostazioni Protezione - Criteri locali - Opzione di Protezione - Arresta il sistema. Cancella il file di paging dalla memoria virtuale e sistemarlo su ATTIVATO

Come velocizzare l'apertura del menu Start
Esegui >> regedit >> HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop\ >> spostarsi sulla stringa MenuShowDelay
doppio click e cambiare 400 (valore di default) in 0 (massima velocita' di apertura del menu)

Esiste un modo per convertire la partizione a NTFS?
convert /?
Converte volumi FAT in NTFS.
CONVERT volume: /FS:NTFS [/V]
volume Specifica la lettera dell'unità, il punto di montaggio o il nome del volume seguiti da due punti.
/FS:NTFS Specifica la conversione del volume in NTFS.
/V Specifica che Convert dovrebbe essere eseguito in modalità dettagliata.

Dove sono nascoste le mail di outlook express?
Se volete formattare, ma non volete perdere tutti i vostri messaggi di posta elettronica basta copiare i file creati automaicamente da Outlook Express per archiviare i vari messaggi. Vediamo appunto dove trovarli!
1) Dal desktop andate su Risorse del Computer...
2) Selezionate l'hard disk dove avete il sistema operativo...
3) Aprite la cartella Windows...
4) e poi la cartella ApplicationData...
5) quindi la cartella Identities...
6) poi ancora questa cartella...
7) la cartella Microsoft...
8) e infine la cartella Outlook Express...
9) Compare una lista di file .dbx che contengono le diverse cartelle della posta elettronica (Posta in Arrivo, Posta in Uscit, etc).

Eliminare i programmi presenti nella lista AGGIUNGI/RIMUOVI?
regedit >> Cercare la chiave >> HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\Current Version\Uninstall >> Eliminare le sottocartelle che interessano

Impostare la memoria virtuale
Per evitare che il sistema calcoli tutte le volte quanta memoria virtuale utilizzare si apra PANNELLO DI CONTROLLO >> SISTEMA >> MEMORIA VIRTUALE e si scelga l’impostazione manuale, dando un valore massimo uguale a quello minimo più o meno come la vostra Ram moltiplicata per 3

La cache di 2° livello
La Cache di Secondo Livello (L2) ricopre un ruolo molto importante per cio che riguarda le performance della CPU.
Solitamente Windows XP riesce a riconoscere la CPU e quindi il valore della cache di secondo livello.
In alcuni casi, cio non accade...
Per verificare se il valore della cache L2 e' impostato correttamente con XP:
Regedit >> HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Session Manager\Memory Management
doppio click su SecondLevelDataCache e modificarne il valore (decimale) a seconda della CPU che avete
AMD Duron: 64(kb);
CeleronA/celeron2: 128;
PII mobile/PIII E(EB)/P4/AMD K6-3/AMD THUNDERBird/Cyrix III: 256;
AMD K6-2/PII/PIII katmai/AMD Athlon: 512;
PII Xeon/PIII Xeon: 1024
Riavviare il PC
Esempio: CPU con 512Kb di cache... il valore da inserire sarà 512

Sfogliare la rete velocemente
Regedit >> HKEY_LOCAL_MACHINE/Software/Microsoft/Windows/Current Version/Explorer/RemoteComputer/NameSpace
selezionare la sottochiave:
{D6277990-4C6A-11CF-8D87-00AA0060F5BF}
Esportare la chiave sopraindicata (copia di backup)
Eliminare tale chiave (pulsante destro del mouse sulla chiave, quindi scegliere Elimina)

Bloccare le comunicazioni di Microsoft Windows XP
Sembra che windows XP si colleghi alla Microsoft e trasmetta informazioni personali quando siamo OnLine.
1] Start -> esegui -> regsvr32.exe -u c:\windows\system32\regwizc.dll
2] Start -> esegui-> regsvr32.exe -u c:\windows\system32\licdll.dll
3] Con il tasto destro, cliccare su:
Risorse del computer -> Proprietà -> Aggiornamenti automatici -> "Disattiva l'aggiornamento automatico".
Poi elimina la spuntatura su: Connessione remota -> "Consenti invio inviti di Assistenza remota da questo
computer". Ancora su: Avanzate -> Segnalazione errori -> "Disabilita segnalazioni errori".
4] Aprire Media Player 8 e andare su: Stumenti -> Opzioni -> Lettore multimediale -> "Consenti ai siti
internet di identificare in modo univoco il lettore multimediale" & "Acquisisci licenze automatiche".
Disattivare le due voci.
5] Disattivare la seguente voce cliccando due volte sull'orologio -> Ora internet -> "Sincronizzazione automatica
con serverdi riferimento ora"
6] Start -> Pannello di controllo (Versione classica) -> Strumenti d'amministrazione -> Gestione computer ->
Nel menù di sinistra: Utilità di sistema -> Utenti e gruppi locali -> User ->
Nel menù di destra: Eliminare il profilo "Microsoft support user" (E' una voce simile a questa)
7] Aprire Internet Explorer -> Strumenti -> Opzioni Internet -> Avanzate -> Deselezionare le seguenti voci:
"Abilita autentificazione Windows integrata" & "Verifica automaticamente aggiornamenti di Internet Explorer"
8] Evitare di utilizzare "MSN Messenger" rinominando il file: C:\Windows\Messenger\msmsgs.exe, oppure disinstallarlo
procedendo come segue:Editare il file "SYSOC.INF" nella cartella: C:\Windows\Inf ed individuare la seguente voce:
msmsgs=msgrocm.dll,OcEntry,msmsgs.inf,hide,7
Eliminare la parola "HIDE", in modo da ottenere una stringa uguale a questa:
msmsgs=msgrocm.dll,OcEntry,msmsgs.inf,,7
Salvare il file così modificato e riavviare il sistema, in questo modo al prossimo riavvio la voce Windows
Messenger comparirà regolarmente nella sezione Installazione Applicazioni del Pannello di controllo.
9] Start -> Esegui -> Regedit -> Eliminare la chiave:
Hkey_Local_Machine\ Software\ Microsoft\ Internet Explorer\ Extensions\ c95fe080-8f5d-11d2-a20b-00aa003c157a
(Solamente l'ultima parte, ovvero: c95fe080-8f5d-11d2-a20b-00aa003c157a)
10] Bloccare il file: C:\Windows\System32\Oobe\msoobe.exe con un Firewall del tipo ZoneAlarm

Salvataggio di tutti gli Account di accesso remoto
Windows 2000/XP Può capitare di avere sottoscritto più di un abbonamento e magari di non avere stampato le pagine riportanti le informazioni relative agli account (password, login..etc..).
Esiste un metodo velocissimo per salvare le configurazioni di tutti gli account di accesso remoto ...e ripristinarli, anche su un'altro PC..
In Win2000/XP, al contrario di Win98, tutti i dati relativi alle connessioni di accesso remoto impostate, vengono memorizzate in un file denominato RASPHONE.PBK....quindi... dopo avere reso visibili le cartelle nascoste...
Strumenti=>Opzioni=>cartella...=>Visualizzazione=> quindi attivate l'opzione "Visualizza cartelle e file nascosti".
Portatevi nella cartella:
\Documents and Setting\All Users\Dati applicazioni\Microsoft\Network\Connections\Pbk.
Qui trovate il file RASPHONE.PBK;
Per effettuare il salvataggio degli Account di Accesso remoto non vi resta che copiare il file RASPHONE.PBK sul supporto o disco che desiderate.
Per ripristinare il tutto basta copiare il file RASPHONE.PBK nella stessa cartella da cui lo abbiamo prelevato e cioe':
\Documents and Setting\All Users\Dati applicazioni\Microsoft\Network\Connections\Pbk.

Logon automatico in Windows XP
In Windows Xp, così come anche in Windows 2000, è possibile attivare la cosiddetta procedura di Logon Automatico. In questo modo all'avvio del sistema operativo non verrà richiesto alcun nome utente e password per accedere al sistema. Per eseguire il Logon automatico di Windows XP occorre modificare ed aggiungere alcuni valori nel registro di sistema per cui si consiglia di eseguire tale modifica con la massima attenzione in quanto ogni variazione al registro di sistema può danneggiare il sistema operativo stesso. Prima di tutto occorre effettuare il logon come amministratore di sistema e, una volta caricato il sistema operativo, cliccare su Start, Esegui, Regedit e premere su OK. Seguire poi il seguente percorso: HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\WindowsNT\
CUrrentVersion\Winlogon
Cliccare con il tasto destro del mouse nella finestra di destra e selezionare Nuovo, Valore Stringa; chiamare il valore appena creato DefaultPassword. Una volta creata tale stringa occorre cliccarci due volte e inserire nel campo Dati Valore la nostra password di amministratore facendo attenzione alle maiuscole/minuscole. Fatto questo premere su OK. Cliccare ancora con il tasto destro del mouse nella finestra di destra e selezionare Nuovo, Valore Stringa, quindi nominarla AutoAdminLogon.
Una volta creata tale stringa occorre cliccarci due volte, quindi inserire nel campo Dati Valore il numero 1 (ossia nella casella di testo il valore: 1) Chiudere Regedit e riavviare Windows.

Disabilitare le richieste di "Segnalazione degli Errori a Microsoft"
In Windows XP è stata introdotta una nuova funzionalità chiamata Segnalazione degli Errori. Questa nuova (e seccante!) funzione, dovrebbe contribuire a fornire ai programmatori Microsoft, informazioni utili per migliorare il sistema operativo.
Sarà utile... ma per l'utente resta comunque una perdita di tempo. Vediamo come Disattivare questa funzione:
- Andate in "Pannello di Controllo";
- Fate doppio click sull'icona "Sistema";
- quindi portatevi sulla finestra "Avanzate" e fate click sul pulsante "Segnalazione Errori";
- Si aprirà una piccola finestra; non vi resta che mettere il segno di spunta su "Disabilita Segnalazione Errori" e confermare.
Finalmente! Non avrete più le fastidiose finestre con la richiesta di Segnalazione Errore...
NB. Disabilitare Windows Update..
..Allo stesso modo potrete disabilitare anche l'aggiornamento automatico di Windows:
- Sempre da "Proprietà del Sistema"
- Portatevi sulla finestra "Aggiornamenti Automatici" e selezionate la voce "Disattiva l'aggiornamento automatico...", confermate il tutto.

Deframmentare il file di scambio
Normalmente Windows non ottimizza il file di scambio swap. Per ottimizzare questi dati seguire le seguenti istruzioni:
1- chiudere tutte le applicazioni
2-andare nel pannello di controllo aprire Sistema, cliccare sulla scheda prestazioni e cliccare su Memoria virtuale. Qui attivare l'opzione "impostazione manuale della memoria" e selezionare "Disattiva memoria virtuale"
3-procedere ora con la deframmentazione che ottimizzerà anche il file swap.
4-riattivare, poi, la memoria virtuale.

Come impedire il salvataggio delle password
Spesso navigando in Internet Explorer ci viene richiesto se vogliamo salvare la user e password, per evitare di doverla ridigitare, tutte queste informazioni vengono salvate automaticamente. E' chiaro che poi tutti possono accedere ai vostri dati se per caso utilizzassero il vostro PC.
Tra le varie soluzioni proposte (oltre a disabilitare la funzione citata), c'è quella di agire direttamente sul Registro di Sistema per evitare di salvare le password. Aprite quindi il Registro di Sistema (Start-Esegui-Regedit) e cercate la seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER/Software/Microsoft/Windows
/CurrentVersion/Internet Settings
Adesso posizionatevi nel pannello di destra e cliccate due volte sul valore DisablePasswordCaching (se non c'è questo valore, createlo dal menu Modifica-Nuovo-ValoreDword. Impostate adesso il valore su 1 e riavviate il PC.

Come impedire la masterizzazione sul nostro PC
Sicuramente nel nostro ufficio, o a casa, siamo i soli ad avere il PC con il masterizzatore (guarda il caso!). Pertanto orde di colleghi (o parenti stretti), ronzano sovente nelle nostre vicinanze sino a chiederci di usare il PC per masterizzarsi le loro copie personali. Stufi di questa situazione, potreste inventarvi un guasto, ma ricordatevi che durante la vostra assenza, comunque cercherebbero di usare lo stesso il vostro PC per i loro comodi. Vediamo allora come, con WindowsXP, è possibile impedire di masterizzare. Anche per questa volta usiamo il Registro di Sistema, e troviamo la seguente chiave: [HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\
Windows\CurrentVersion\Policies\Explorer
Adesso, posizionatevi a destra del Pannello e fate su Modifica-Nuovo- Valore DWORD. Dategli come nome NoCDBurning. Cliccateci due volte sopra il nostro nuovo valore ed inserite "1" (senza virgolette). In questo modo non abbiamo fatto altro che disabilitare la proprietà CDR. Noteremo infatti che sparirà la voce Invia i file a.. "masterizzatore". Finalmente possiamo tenere lontana molta gente dal nostro pc con una scusa qualsiasi... ed anche se vorranno verificare di persona, nessun problema :-).
Chiaramente possiamo riabilitare la funzione: per fare ciò sarà sufficiente assegnare al valore NoCDBurning, il valore valore 0.

Nascondere utente in logon su windows XP
In Windows XP si ha una funzione che permette di nascondere la visualizzazione di un qualsiasi account nella finestra di logon di accesso al sistema. In questo modo l'account creato risulterà a tutti gli effetti funzionante ma invisibile agli occhi degli altri utenti del pc.
Entrare nel registro e posizionarsi alla chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Winlogon\SpecialAccounts\UserList
Cliccare con il tasto destro del mouse su un qualunque punto vuoto della parte destra della finestra del registro, quindi dal menu a cascata scegliere la voce NUOVO, VALORE DWORD. Rinominare il valore appena creato con il nome dell'account che si vuole nascondere, quindi cliccarci sopra due volte e inserire nella casella DATI VALORE il numero 0
Chiudere il registro di sistema e riavviare il pc per rendere effettive le modifiche.

Terminare velocemente la connessione
Per interrompere una connessione ad internet possiamo intervenire sull'icona presente vicino all'orologio. Tuttavia è possibile impostare una sequenza di tasti per disconnetersi più rapidamente. Creare un collegamento al file rasdial.exe presente in c:\winnt\system32.
Cliccate poi con il tasto destro sul collegamento appena creato e cliccare su proprietà. Qui completare il campo Destinazione aggiungendo l'opzione /disconnect; infine assegnare una combinazione di tasti a propria scelta.

Disattivare l'avvio automatico dei CD
Nelle precedenti versioni di Windows, l'avvio automatico dei CD si disattivava con semplicità togliendo la spunta da "Notifica inserimento automatico" da Gestione Periferiche=>CD-Rom=>Proprietà.
In Windows XP pro e home la procedura non è così immediata come in precedenza. Nella versione Home dobbiamo addirittura agire sul registro..
> Windows XP Home Edition
- Avviate REGEDIT (da Start=>Esegui);
- Portatevi sulla seguente chiave di registro:
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows
\CurrentVersion\ Policies\Explorer]
- Editate (se esistente) o Create un Nuovo => Valore DWORD, denominandolo come segue:
NoDriveTypeAutoRun
- Assegnategli il valore su base Decimale "181" (ovviamente senza le virgole).
- Chiudete REGEDIT;
- Riavviate Windows per rendere effettiva la modifica.
..Fatto!!
> Windows XP Professional
- Avviate GPEDIT.MSC (da Start=>Esegui);
- Fate click su "Configurazione Computer";
- Quindi selezionate "Modelli Amministrativi" e "Sistema";
- Scorrete l'elenco finché trovate la voce "Disattiva Riproduzione Automatica" e selezionatela con un doppio click del mouse;
- Dalla finestra successiva selezionate la voce "Attivata";
- Confermate il tutto e chiudete il pannello di amministrazione.
..Fatto!!
Dopo queste modifiche, quando inserirete un CD nel lettore (o masterizzatore), questo non avvierà nessun setup, software o qualsiasi operazione di AutoPlay.

Disattivare l'Autoplay dei lettori CD-ROM
E' possibile disattivare l'autoplay dei CD-ROM. Aprite la finestra Risorse del Computer e cliccate con il tasto destro del mouse sull'icona della periferica in relazione alla quale desiderate modificare le proprietà. Dalla finestra che apparirà selezionate la cartella "AutoPlay" e attivate in basso la casella "Richiedi sempre la scelta dell'operazione" per ogni voce presente nel menu a tendina (File musicali, Immagini, File video, Contenuto misto e CD musicale). Confermate la scelta cliccando sul pulsante "Applica" e quindi sul pulsante OK. Inserite un CD-ROM nel lettore ed attendete che vi compaia la finestra di selezione dell'operazione, selezionate poi l'opzione "Nessuna operazione" e attivate la casella "Esegui sempre l'operazione selezionata".

Effettuare il download degli aggiornamenti
Tramite il Catalogo di Windows Update è possibile scaricare da internet i file degli aggiornamenti per salvarli poi, per esempio, su CdRom.
Aprite Windows Update e sotto il menù "Vedere anche" selezionate la voce "Catalogo di Windows Update". In alto troverete la voce "Trova aggiornamenti per Microsoft Windows". Selezionando tale voce, vedrete apparire un menù, nella parte destra della finestra, dal quale potrete scegliere la versione di Windows XP da voi utilizzata. Vi verrà mostrato un elenco con gli aggiornamenti disponibili. Selezionate quelli che desiderate scaricare premendo il tasto Aggiungi. Gli aggiornamenti verranno aggiunti nel Raccoglitore download al quale potrete accedere attraverso il menù presente nella parte sinistra della schermata. Selezionata quest'ultima voce, potrete visionare tutti gli aggiornamenti pronti per il download. Tramite il pulsante Sfoglia avrete la possibilità di decidere su quale cartella scaricare i file, operazione da effettuare premendo il tasto Download. 

Come velocizzare l'avvio di PC collegati in rete
Potreste notare dei rallentamenti in fase di avvio di personal computer con sistema operativo Windows NT (ma anche 2000 e XP) collegati in rete locale. Questo fatto è di solito dovuto al tempo impiegato da Windows NT per l'aggiornamento delle policy di gruppo. Ecco come ovviare al problema: aprite il Registro di Sistema (Start-Esegui-Regedit) e trovate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\policies\system
Adesso cercate, nel pannello di destra, questi due valori:
- SynchronousMachineGroupPolicy
- SynchronousUserGroupPolicy
Se non vi sono, create due nuovi valori DWORD ed attribuite loro i seguenti nomi : "SynchronousMachineGroupPolicy" e "SynchronousUserGroupPolicy" (senza le virgolette). Assegnate ad essi il valore 0. Ravviate il PC e... enjoy the new speed

"Copia nella cartella" e "Sposta nella cartella" nel menu contestuale
Vediamo oggi un'ulteriore personalizzazione del menu contestuale di Windows XP: aggiungeremo due voci che ci daranno la possibilità di copiare o spostare i file e le cartelle selezionate. Un'utile alternativa al trascinamento col mouse o al solito taglia (o copia) & incolla.
Per fare questo apriamo il registro di sistema (Start - Esegui - Regedit) e posizioniamoci alla chiave: HKEY_CLASSES_ROOT\AllFilesystemObjects\shellex\
ContextMenuHandlers
Al suo interno creiamo, da Modifica - Nuovo - Chiave, una nuova chiave a cui assegneremo nome Copy To; facciamo doppio clic sulla stringa Predefinito che troviamo nella sezione di destra del registro e incolliamo nel campo Valore questo:
{C2FBB630-2971-11D1-A18C-00C04FD75D13}
Creiamo con la stessa procedura un'altra chiave (sempre all'interno della chiave HKEY_CLASSES_ROOT\AllFilesystemObjects\shellex\
ContextMenuHandlers) attribuendogli come nome Move To. Doppio clic sulla stringa Predefinito e nel campo valore incolliamo:
{C2FBB631-2971-11D1-A18C-00C04FD75D13}
Chiudete il registro di sistema e verificate i cambiamenti immediati al menu contestuale: saranno comparse le voci "Copia nella cartella" e "Sposta nella cartella".

Come rendere "invisibile" un Drive
Molti utenti lavorano su PC condivisi con altre persone (colleghi, familiari..etc.). Nasce spesso la necessità di proteggere alcuni dati, personali o comunque importanti, da occhi indiscreti e soprattutto da mani inesperte.
Esistono alcuni software che consentono di impostare password per l'accesso a files e cartelle, ma manipolando opportunamente il registro di Windows è possibile rendere INVISIBILE uno o più dischi di sistema. In pratica i Drive che andremo a proteggere non saranno più visibili sia in Esplora Risorse che in Risorse del Computer; i collegamenti a programmi e applicativi residenti in tali drive, saranno comunque funzionanti.
Ecco come fare:
- Avviate l'editor di registro REGEDIT (da START->Esegui);
- Portatevi sulla seguente chiave di registro: HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\
CurrentVersion\Policies\Explorer
- Qui create un Nuovo->Valore DWORD denominandolo come segue:
NoDrives
- Successivamente assegnategli il valore Esadecimale relativamente al drive da "nascondere" basandosi sulla seguente tabella:
Valore HEX Drive
1 A
2 B
4 C
8 D
10 E
20 F
- Supponiamo per Es. di rendere invisibile il Drive "A" .... basta assegnare a NoDrives il valore Esadecimale "1" (ovviamente senza le virgolette);
- Riavviate Windows ...Fatto!
Al riavvio, infatti noterete che il drive "A" non sarà più presente in Risorse del Computer.
Per Rendere nuovamente visibile il drive, basta eliminare la Chiave NoDrives creata in precedenza.
NB. Va precisato che questo tipo di protezione può essere aggirata da una sessione di MS-Dos, da dove i drive nascosti risultano raggiungibili

Come riattivare Windows XP dopo la reinstallazione del sistema
Una peculiarità di Windows XP è l'attivazione. Infatti se ci troviamo costretti a modificare l'hardware sarà necessario la reinstallazione del sistema con una successiva riattivazione.
Il cambiamento dell'hardware richiede la riattivazione poiché il sistema operativo, meno "sveglio" e più fastidioso dei suoi predecessori si convince che è stata effettuata un'istallazione su un nuovo PC.
Ma nel caso in cui reinstalliamo XP sullo stesso Hardware possiamo seguire questo trucco:
Copiare su un dischetto i file wpa.dbl e Wpa.bak presenti nella cartella C:\WINDOWS\system32.
Dopodiché procedere alla reinstallazione del sistema.
Una volta completata, accedere a Windows in modalità provvisoria (altrimenti alla modifica dei suddetti file riceveremmo l'errore "file in uso"), andare nella cartella C:\Windows\System32.
Rinominare i file wpa.dbl e Wpa.bak in modo che non siano più riconosciuti, e copiare nella stessa cartella i file salvati sul dischetto.
Fatto tutto ciò sarà possibile riavviare il sistema che verrà magicamente riattivato.

Disabilitare la Thumbnail in XP
Se per caso vi fosse capitato di visualizzare le immagini in Esplora Risorse in modalità anteprima, avrete sicuramente verificato un nuovo particolare nel vostro PC: nel momento in cui tornate alla visualizzazione dei dettagli, vi sarà comparso un file dal nome Thumbs.db.
Questo file ha una funzione ben precisa: memorizzare l'anteprima delle immagini, con il proprio livello di qualità e grandezza, in modo tale che quando si ripassa a visualizzare l'anteprima di quella directory, thumbs.db accelera di molto l'operazione poiché non dovrà ricaricarsele tutte.
E' possibile sbarazzarsi dell'inconveniente (se proprio vi infastidisce) procedendo nel solito modo: aprite il Registro di Sistema e trovate la chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Explorer
All'interno di Explorer dovrete creare un nuovo valore DWORD, assegnandogli poi come nome DisableThumbnailCache.
Cliccate due volte sul valore appena creato e segnate come valore esadecimale "1" (senza virgolette). Chiudete il registro e riavviatelo per rendere effettive le modifiche.
Naturalmente se vorrete tornare alla situazione precedente, vi sarà sufficiente cancellare il DWORD DisableThumbnailCache oppure assegnargli come valore 0.

Visualizzare il contenuto degli Appunti
E' possibile visualizzare il contenuto degli "appunti di Windows" seguendo il percorso Start - Esegui e digitando nell'apposita casella il comando "clipbrd.exe". Apparirà la finestra "Visualizzatore Cartella Appunti" attraverso la quale sarà possibile visionare il contenuto degli appunti. Il comando funziona anche nei sistemi Windows XP.

La cache di memoria
La cache di memoria per il disco fisso rende più veloce ed efficiente il trasferimento dei dati e delle informazioni. Le impostazioni di default del sistema operativo possono limitare le prestazioni al fine di garantire la compatibilità in tutte le configurazioni, ma all'aumentare della RAM installata sul PC, si può agire sul registro di sistema per migliorare le prestazioni complessive.
Aprite il Registro di Configurazione seguendo il percorso Start - Esegui e digitate nel campo Apri il comando Regedit, quindi premete INVIO sulla tastiera.
Seguite il percorso
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\ Control\Session Manager\Memory Management
nella parte destra della finestra individuate il valore "IoPageLockLimit" ed effettuate su quest'ultimo un doppio click. Nella finestra che apparirà modificate il campo "Dati valore" in base ai seguenti parametri, in relazione alla RAM:
64 MB: passare da 1000 a 800000
128 MB: passare da 4000 a 1000000
256 MB: passare da 10000 a 2000000
512 MB o superiore: passare da 40000 a 4000000
Al termine delle modifiche riavviate il sistema operativo

Modifica del formato del nome dei file
Quando nei sistemi operativi Windows NT e 2000 (dotati di file system NTFS) salviamo un file, il nome dello stesso viene memorizzato in due modi diversi: il primo in formato lungo (detto LFN, Long File Name), ovvero fino a 255 caratteri. Il secondo in formato corto (8 caratteri più 3 per l'estensione denominato appunto 8.3), in modo da mantenere la compatibilità con il precedente sistema DOS.
Per aumentare le prestazioni del sistema, possiamo disattivare la doppia memorizzazione dei nomi dei file, in modo da costringere Windows a salvare i file solo in formato lungo. Questo permette di risparmiare il numero di informazioni memorizzate sull'hard disk e di velocizzare il sistema.
Per attivare tale funzione occorre procedere nel seguente modo: Aprire il registro e posizionarsi sulla chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\ Control\FileSystem
Nella parte destra della finestra cliccare due volte con il mouse sul valore REG_DWORD NtfsDisable8dot3NameCreation e qui inserire il valore (il default è 0, con il valore 1 i nomi 8.3 non verranno più creati).
Chiudere il regsitro di sistema e riavviare Windows. In questo modo i nomi dei file saranno salvati soltanto nel modo lungo. Occorre precisare che in seguito a questa modifica i nomi dei file in formato DOS avranno dei problemi (aggiunta di ~ ad es). Inoltre c'è da fare attenzione ad una cosa: in seguito a questa modifica le applicazioni a 32 bit andranno tutte a buon fine, ma quelle a 16 potrebbero avere dei problemi.

XP non si spegne
Se il vostro PC non si spegne completamente quando lo chiudete, allora potete ricorrere al Registro di Sistema. Per correggere il problema, posizionatevi alla chiave
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop
Adesso modificate la PowerOffActive dandogli come valore 1. Fate la stessa cosa anche su
HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Desktop
Riavviate il PC.

Attivare o disattivare l'anteprima sulle immagini
Quando si fa un doppio-click su una immagine, Windows in automatico ne apre l'anteprima con il visualizzatore di immagini e fax. Vediamo oggi come disattivare questa possibilità oppure reimpostarla nel caso non funzioni più a dovere (nel caso cioè in cui si apra con un programma di modifica di immagini).
Apriamo il registro di sistema e posizioniamoci nella chiave:
HKEY_CLASSES_ROOT\SystemFileAssociations\image\ ShellEx\ContextMenuHandlers\ShellImagePreview
Per disattivare l'anteprima cancelliamo la stringa (Predefinito) che troviamo al suo interno semplicemente con il tasto canc. Da ora in avanti le nostre immagini si apriranno con il programma predefinito di immagini ad esempio Paint Shop Pro o AcdSee.
Se invece dobbiamo ripristinarla reimpostiamo il suo valore facendo un doppio click sopra, appunto, a (Predefinito) e incollando {e84fda7c-1d6a-45f6-b725-cb260c236066} compreso di parentesi graffe.
Non è necessario riavviare il sistema per verificare le modifiche apportate.

Evitare il messaggio in avvio
Quando accendiamo il PC, alla schermata della scelta dell'utente in Windows XP, sotto il nome dell'utente viene visualizzato un messaggio riferito al numero dei messaggi di posta non letti in Outlook Express per quell'utente e per tutti quelli presenti sulla macchina.
Se l'opzione non vi interessa fate questa modifica al registro:
Posizioniamoci alla chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\UnreadMail
Al suo interno, nella parte destra, create un nuovo valore (Modifica - Nuovo - Valore DWORD) e assegnategli nome MessageExpiryDays .
Fate doppio click su questo nuovo valore e assegnate valore dati 0. In questo caso il messaggio non verrà più mostrato in avvio.
Nel caso però si voglia tornare alla condizione precedente, assegnare valore dati 1, oppure cancellare la chiave.

Impedire la modifica delle impostazioni dello schermo
A volte capita, se si condivide il PC con altre persone, di ritornare alla nostra postazione e trovare lo schermo "sottosopra": screensaver attivati o modificati, sfondi impostati, risoluzione dello schermo modificata...
Vediamo oggi come rendere la vita difficile a questi impavidi smanettoni:
Aprire il registro di sistema (Start - Esegui - Regedit) e posizionarsi nella chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\
CurrentVersion\Policies\System
(se la chiave System non esiste crearla all'interno di Policies).
Qui creeremo ora i nostri valori per le restrizioni: sono tutti valori DWORD che si creano da Modifica - Nuovo - Valore DWORD e dando per nome i nomi sotto citati, che si abilitano facendo doppio click su ogni voce e assegnando valore 1:
NoDispBackgroundPage : Nasconde la cartella Sfondo in Pannello di Controllo - Schermo.
NoDispScrSavPage : Nasconde la cartella Screen Saver in Pannello di Controllo - Schermo.
NoDispAppearancePage : Nasconde la cartella Aspetto in Pannello di Controllo - Schermo.
NoDispSettingsPage : Nasconde la cartella Impostazioni in Pannello di Controllo - Schermo.
Non è necessario riavviare il PC per verificare le modifiche.

Disattivare il componente Prefetcher
Il modulo Prefetcher è un componente di Windows Memory Manager, il suo scopo è di ottimizzare il tempo di avvio e caricamento dei programmi.
Per fare questo Windows controlla la frequenza con cui un'applicazione viene usata, che file utilizza ed altre informazioni sull'applicazione stessa. Queste informazioni sono salvate nella cartella C:\Windows\Prefetch. Ma se il nostro PC è dotato di 128Mb di Ram o meno, questo modulo rallenterà di molto le nostre operazioni e pertanto vediamo, in questo caso, come disattivarlo.
Per disattivare il componente Prefetcher, utilizzare l'Editor del Registro di sistema (Start - Esegui Regedit). Scorrete le chiavi fino a posizionarvi in:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\ CurrentControlSet\Control\Session Manager\ Memory Management\PrefetchParameters
Al suo interno fare doppio click sul valore DWORD EnablePrefetcher e digitare 0 in Valore Dati sostituendolo al 3 presente.
Chiudere il registro e riavviare il sistema per rendere effettive le modifiche. Al riavvio Prefetcher non verrà avviato.
N.B.: Chi possiede più di 128 Mb di Ram potrebbe notare dei rallentamenti e la situazione potrebbe tornare a quella precedente impostando il valore a 3.
Inoltre se il vostro PC è un PIII 800 o superiore, con almeno 512 Mb di Ram potete mettere in Valore Dati 5 per aumentare le prestazioni.
E' comunque consigliata la pulizia periodica della cartella Prefetch per evitare intasamenti e rallentamenti.

Eliminare o riattivare il Visualizzatore immagini e fax
Come tutti sanno Windows XP include un ottimo e funzionale programma chiamato "Visualizzatore immagini e fax" che consente di visualizzare l'anteprima delle immagini in Risorse del computer e inoltre di visionarle a grandezza naturale, modificarle, ruotarle ecc..
Ma a volte potrebbe esserci poco utile questo programma predefinito e se vogliamo disattivarlo andiamo in Start - Esegui e digitiamo quanto segue:
regsvr32 /u shimgvw.dll
Riceveremo il messaggio "DllRegisterServer in shimgvw.dll riuscito". Diamo Ok e avremo disattivato il Visualizzatore.
Qualora, invece, lo si voglia riattivare (ad esempio perché in Risorse del computer non viene più mostrata l'anteprima delle immagini memorizzate su disco), è sufficiente cliccare su Start - Esegui e digitare:
regsvr32 shimgvw.dll
Le modifiche avranno effetto immediato.

Spegnimento computer… ovvero quando il pc non vuole andare a dormire
Quello del computer che si rifiuta di spegnersi è un problema più diffuso di quanto si pensi!! Infatti, i problemi di arresto di Windows, quasi in ogni edizione, possono dipendere da tantissime ragioni.
A volerle raggruppare però, si può dire che questi problemi si manifestano principalmente in tre modi:
1. schermata nera e cursore lampeggiante,
2. visualizzazione della schermata "è ora possibile spegnere il computer",
3. blocco del computer con la visualizzazione della schermata "spegnimento in corso".
Tali problemi, come già detto, possono essere riconducibili a tutta una serie di ragioni: conflitto tra driver, programmi non chiusi correttamente, configurazione del BIOS sbagliata, scheda video configurata in maniera errata e altri ancora. Proviamo ad analizzare, una ad una, le varie cause.
Innanzitutto, verifichiamo la configurazione Bios e hardware. Se tali configurazioni sono a posto, evidentemente si tratta di un problema software. Per prima cosa, accertiamo che il nostro sistema sia aggiornato scaricando le patch necessarie al nostro sistema operativo dal sito http://v4.windowsupdate.microsoft.com/it/default.asp.
Il sistema è aggiornato ma, nonostante questo, il problema non è ancora risolto? Proviamo allora a fare in questo modo: tasto destro sul desktop, proprietà dello schermo e screen saver. Ora, clicchiamo sul tasto alimentazione, e andiamo sulla pagina APM dove metteremo un segno di spunta su "attiva supporto APM". Se poi il vostro sistema operativo è Windows Xp, il percorso da seguire è il seguente: tasto destro del mouse su un punto vuoto del del desktop, proprietà, scheda screensaver. Da qui poi, ciccare su ALIMENTAZIONE e, nella nuova finestra che apparirà, scegliere SOSPENSIONE dove andremo a mettere il segno di spunta su ATTIVA SOSPENSIONE. Il problema persiste? Proviamo ad entrare nel registro di sistema clicclando su START\ESEGUI e scrivendo, nell'apposita riga, REGEDIT: A questo punto, vai a HKEY_CURRENT_USER\CONTROL PANEL\DESKTOP.
Ora, bisogna creare delle nuove voci nel menù di destra: clicca col tasto destro e scegli NUOVO/STRINGA, quindi creiamo il valore Autoendtask e dai il valore 1. Crea ancora un'altra nuova voce e chiamala HungAppTimeout il cui valore deve essere, in questo caso, 1000; 2000 per WaitToKillAppTimeout. Ora proviamo a riavviare! Il pc si spegne? Se l'errore si ripete, potrebbe dipendere dalle tue applicazioni. Quindi, avviamo il computer in modalità provvisoria premendo F4 all'avvio. Proviamo ad arrestarlo per vedere se si spegne senza problemi. Se in questo caso non ci sono problemi, è chiaro che si tratta di un problema generato da Windows. Riavviamo ancora una volta il pc, clicchiamo di nuovo su START\ESEGUI e scriviamo il comando MSCONFIG e diamo invio. Si aprirà, in questo modo, l' "Utilità di Configurazione di Sistema" dalla quale dovremo cliccare sulla scheda "GENERALE" e selezionare la voce "AVVIO SELETTIVO" togliendo il segno di spunta sull'ultima voce (cioè da CARICA ELEMENTI GRUPPO DI AVVIO). Se il problema è risolto, vuol dire che è dovuto a uno dei programmi caricati all'avvio di Windows. Adesso, per stabilire di quale programma si tratta, è necessario avviare nuovamente MSCONFIG, riabilitare la voce CARICA ELEMENTI GRUPPO DI AVVIO e andare nella scheda ESECUZIONE AUTOMATICA (o AVVIO in Windows Xp!!), e da qui deselezionare una ad una le voci dei programmi caricati all'avvio. Si tratta di un'operazione sicuramente molto lenta, ma garantisce un risultato quasi certo. Se invece si tratta di un problema di driver, occorre seguire le istruzioni seguenti:
o riavviare ancora una volta msconfig dal menù START\ESEGUI.
o Selezionare la voce di avvio selettivo e deselezionare le caselle relative ai file WIN.INI, SYSTEM.INI, AUTOEXEC.BAT E CONFIG.SYS che sono quei programmi che Windows usa per avviarsi. Se al riavvio il computer si spegne, occorrerà fare dei tentativi abilitando i file uno alla volta e quindi andando a cercare le voci che possono avere dato problemi. Ultima cosa, per capire se si tratta di un problema dovuto ad un conflitto IRQ o ad una configurazione della scheda video non corretta, occorre andare su PANNELLO DI CONTROLLO \SISTEMA\GESTIONE PERIFERICHE. Adesso, bisogna selezionare la voce "PERIFERICHE DI SISTEMA" , cliccare due volte sulla scheda video e controllare i parametri IRQ, verificando che non ci siano conflitti. Se ce ne sono, disabilitare la voce "Usa parametri IRQ" dal bus PCI e riavviare. Un altro possibile controllo da effettuare consiste nel disabilitare l'istruzione NVRAM/ESCD da Pannello di controllo\sistema\gestione periferiche nella voce BIOS Plug and Play. Se poi queste soluzioni non hanno risolto il vostro problema, sul sito della Microsoft ci sono numerosi documenti dedicati a tali problemi e relativi ai diversi sistemi operativi. Eccovi i vari indirizzi: Windows '95:
o Come risolvere i problemi relativi all'arresto del sistema in win95 (http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;it;145926 ). 
o Come risolvere i problemi di shutdown (http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;it;639329 ). 
Windows Xp Pro e Home Edition
o Windows Xp si blocca durante l'arresto del sistema (http://support.microsoft.com/default.aspx?scid=kb;it;307274

Memorizzare la dimensione delle finestre
Con Windows XP capita a tutti di trovarsi di fronte al problema del ridimensionamento delle finestre. Abbiamo provato di tutto ma senza risolvere, senza contare che Windows riesce a gestire in questo senso per default solo 400 cartelle.
Ecco una modifica che a me sembra ancora reggere e funzionare.
Aprire il Registro di Sistema (Start - Esegui - Regedit) e trovare la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\ Microsoft\Windows\Shell
Al suo interno creare un valore DWORD (Modifica - Nuovo - Valore DWORD) e chiamatelo BagMRU Size
Stessa cosa per la chiave HKEY_CURRENT_USER\Software\ Microsoft\Windows\ShellNoRoam
Clicchiamo sopra ai due valori BagMRU Size appena creati e assegniamo un numero (in formato decimale) approssimativamente superiore al numero delle cartelle che possediamo sul nostro disco. Una media è indicata a 5000 ma potete aumentarlo almeno fino a 20000.
Chiudere il registro e riavviare il pc per rendere effettiva la modifica.

Diventare proprietari di una cartella
Se troviamo delle cartelle in cui non possiamo accedere perché non disponiamo dei diritti di accesso invece di rassegnarci... "impossessiamocene" diventandone Proprietari. In questo modo potremo andare a modificare le autorizzazioni impostandole a noi stessi. Il tutto sotto l'occhio benevolo di Microsoft che ci illumina sul da farsi.
Innanzitutto è necessario accedere alla macchina come Amministratore.
Tasto destro del mouse sella cartella incriminata e scegliamo Proprietà - Protezione - Avanzate - Proprietario.
Se la scheda Protezione non è visualizzata andate in Esplora Risorse - Strumenti - Opzioni Cartella - Avanzate e qui togliere la spunta alla voce Utilizza condivisione file semplice (scelta consigliata).
Nell'elenco sottostante Nome fare clic sul nome utente con cui siamo entrati oppure fare clic sul gruppo Administrators. Per diventare proprietari mettiamo la spunta sull'opzione Sostituisci proprietario in sottocontenitori ed oggetti. Dare OK.
Verrà visualizzato il messaggio:
"Non si dispone dell'autorizzazione per leggere il contenuto della directory nome cartella. Sostituire le autorizzazioni sulla directory con autorizzazioni che assegnino il controllo completo?
Tutte le autorizzazioni saranno sostituite scegliendo Sì."
Diamo Sì e poi scegliere OK, quindi impostare la protezione e le autorizzazioni desiderate per la cartella e il suo contenuto.

Memorizzare le visualizzazioni delle cartelle
Un altro problemino di Windows XP è non memorizzare dopo il riavvio le nostre impostazioni di visualizzazione delle cartelle e disposizioni dei file.
Questo sempre perché, come si sa, XP riesce a gestire il salvataggio solo per 400 cartelle.
Vediamo come ovviare:
Apriamo il Registro e posizioniamoci alla chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\ Microsoft\Windows\ShellNoRoam\
Al suo interno cancelliamo le chiavi BagMRU e Bags
In alternativa copiamo queste righe
Windows Registry Editor Version 5.00
[-HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\
ShellNoRoam\BagMRU]
[-HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\
ShellNoRoam\Bags]
all'interno del Notepad e salviamo il file con nome imp.reg. Cliccateci sopra 2 volte per unirlo al registro e date Ok alla domanda postavi.
Chiudere il registro e riavviare il PC per rendere effettiva la modifica.
Mi raccomando fate sempre attenzione a quando cancellate le chiavi, fate sempre un "Esporta" prima, in modo da tornare indietro in caso di errori.

Rendere invisibili le cartelle ad alcuni utenti
Ecco come rendere le vostre cartelle invisibili ai normali utenti che usano il vostro sistema operativo.
Ciò però non impedisce che un eventuale altro amministratore possa accedervi: tuttavia tiene comunque lontano qualsiasi utente che fa uso di un normale account. Il trucco sta nel fatto di eliminare (dalla finestra Strumenti - Opzioni cartella - Visualizzazione delle opzioni) queste: "Visualizza cartelle e file nascosti" e "Non visualizzare cartelle e file nascosti".
Procedete così: andate nel Registro di Sistema e trovate la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\Explorer\Advanced\Folder
Cliccate con il tasto destro del mouse sulla chiave "Hidden" e poi su "Autorizzazioni".
Cliccate ancora sul pulsante "Avanzate". Qui trovate la casella denominata "Eredita dall'oggetto padre le autorizzazioni propagate agli oggetti figlio. (...)" di solito attiva per default: disattivatela. Vi comparirà automaticamente la finestra "Protezione": cliccate ancora sul pulsante "Copia".
Dopo aver selezionato OK, scegliete, dalla finestra principale ("Autorizzazioni per Hidden"), il gruppo "Users" : infine premete il pulsante "Rimuovi". Volendo è possibile impedire l'accesso anche ai "Power users": eliminate dall'elenco il gruppo "Power users".

Attivare o disattivare l'anteprima delle immagini
Quando si fa un doppio-click su una immagine, Windows in automatico ne apre l'anteprima con il visualizzatore di immagini e fax. Vediamo oggi come disattivare questa possibilità oppure reimpostarla nel caso non funzioni più a dovere (nel caso, cioè, in cui si apra con un programma di modifica di immagini).
Apriamo il registro di sistema e posizioniamoci sulla chiave:
HKEY_CLASSES_ROOT\SystemFileAssociations\image\ ShellEx\ContextMenuHandlers\ShellImagePreview
Per disattivare l'anteprima cancelliamo la stringa Predefinito che troviamo al suo interno, semplicemente con il tasto canc. Da ora in avanti le nostre immagini si apriranno con il programma predefinito di immagini ad esempio Paint Shop Pro o ACDSee.
Se invece dobbiamo ripristinarla, reimpostiamo il suo valore doppio-cliccando ancora su Predefinito e incollando la seguente stringa:
{e84fda7c-1d6a-45f6-b725-cb260c236066}
compresa di parentesi graffe. Non è necessario riavviare il sistema per verificare le modifiche apportate.

Come nascondere le periferiche
Ecco come nascondere le periferiche in Risorse del computer.
Ricorriamo sempre al Registro di Sistema (fatevi una copia di backup)
Cercate questa chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Policies\Explorer
Create (o modificate se c'è già) il valore DWORD chiamato NoDrives: assegnategli 0 per vedere tutte le periferiche. Se invece volete nascondere una determinata periferica utilizzate i valori elencati di seguito. Ad esempio per nascondere la periferica C: assegnate a NoDrives il valore 4. Se invece volete nascondere sia la periferica C: che la A: (per esempio) utilizzate il valore 5 (A+C).
A: 1
B: 2
C: 4
D: 8
E: 16
F: 32
G: 64
H: 128
I: 256
J: 512
K: 1024
L: 2048
M: 4096
N: 8192
O: 16384
P: 32768
Q: 65536
R: 131072
S: 262144
T: 524288
U: 1048576
V: 2097152
W: 4194304
X: 8388608
Y: 16777216
Z: 33554432
TUTTI: 67108863

Salvare gli aggiornamenti di Windows XP
Possiamo salvare in una cartella del PC le patch, gli aggiornamenti, i fix e i link prelevati da Windows Update per archiviarli senza doverli riscaricare. Lanciate da Strumenti di Internet Explorer il Windows Update. Sulla colonna di sinistra ciccate sulla voce Personalizza Windows Update. Mettete il segno di spunta sulla voce Visualizzazione del collegamento al Catalogo di Windows Update nella sezione "Vedere anche" e cliccate su Salva Impostazioni per abilitare questa modifica. Cliccate nella colonna "Vedere anche" sulla voce Catalogo di Windows Update. Dopo qualche secondo di caricamento avremo a disposizione a due opzioni:
1) Trova aggiornamenti per i sistemi operativi Microsoft
2) Trova aggiornamenti driver per le periferiche e i dispositivi hardware
Selezioniamo la prima voce. Dopo qualche altro secondo andremo a scegliere il nostro Sistema Operativo e la lingua e daremo Cerca. Il sistema effettuerà una ricerca e ci dividerà in categorie gli aggiornamenti trovati: ad esempio "Aggiornamenti importanti e Service Pack", "Aggiornamenti consigliati". Se presente la voce "funzionalità multilingue" vi consiglio di scaricarla. Una volta selezionata la categoria otterremo la schermata con tutti gli aggiornamenti possibili e dopo avere scelto l'aggiornamento da installare, vediamo che si va ad incrementare la voce Totale elementi nel Raccoglitore download. Avremo a differenza delle altre volte, la voce Raccoglitore download, clicchiamoci sopra e scegliamo la cartella dove vogliamo andare a salvare il tutto. Il sistema creerà una cartella (facciamo una nidificazione) per ogni fix o patch scaricata al cui interno si troverà anche il link di nome ReadMore per le info. Per le altre versioni di Windows si puo far riferimento alla pagina http://corporate.windowsupdate.microsoft.com/en/default.asp Trucco testato su Windows Xp Pro
225 Evitare i continui riavvi di Windows XP In caso di Errore di Sistema, Windows XP è settato per riavviarsi automaticamente; Per evitare questo problema andate su Risorse del computer - clic destro - Proprietà - Avanzate - Impostazioni d'avvio e ripristino;
deselezionate la voce "Riavvia Automaticamente".
Dato che XP come sistema è molto sensibile, è consigliato applicare questo trucco. Evitare schermate blu e riavvi di Windows XP quando premiamo CTRL+ ALT + CANC Per evitare questo inconveniente (generato il più delle volte dal blocco di Internet Explorer!) invece di premere la combinazione CTRL+ ALT + CANC (che spesso genera una "simpatica" schermata blu!!!) fate così: clic destro sulla "barra delle applicazioni" e dopo clic su "Task Manager": fra i vari processi il più delle volte a creare problemi è IEXPLORE.EXE. Selezionatelo col mouse e dopo un clic su "termina processo"... il sistema operativo dovrebbe tornare normale... O quasi!

Rimozione degli Shared Documents
In windows Xp sono stati inseriti i cosiddetti "shared documents": in risorse del computer possiamo osservare due cartelle che vengono attivate di default su tutte le versioni del sistema operativo; tale funzione è utile a chi lavora in rete, ma nelle utenze domestiche risulta di fatto inutile, rallentando l'apertura di Risorse del computer e "occupando" spazio prezioso. Per rimuoverli basterà aprire il registro di windows (Start/Esegui e scrivere "regedit") e cercare la seguente chiave:
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\
Explorer\MyComputer\NameSpace\DelegateFolders\]
eliminate la sottochiave:
{59031a47-3f72-44a7-89c5-5595fe6b30ee

Windows XP e salvataggio password di posta
Molti hanno lamentato il mancato salvataggio della password di posta in Outlook Express con Win XP.
Ecco come rimediarvi.
Aprire il registro di configurazione (Start/esegui/regedit), navigate fino a trovare la seguente stringa:
HKEY_CURRENT_USER/SOFTWARE/MICROSOFT/PROTECTED STORAGE SYSTEM PROVIDER.
Una volta trovata eliminatela, riavviate il pc, aprite OE e inserite la password dell'account.
Chiudete OE e riapritelo: la password è salvata

Salvare gli aggiornamenti di Windows XP
Possiamo salvare in una cartella del PC le patch, gli aggiornamenti, i fix e i link prelevati da Windows Update per archiviarli senza doverli riscaricare. Lanciate da Strumenti di Internet Explorer il Windows Update. Sulla colonna di sinistra ciccate sulla voce Personalizza Windows Update. Mettete il segno di spunta sulla voce Visualizzazione del collegamento al Catalogo di Windows Update nella sezione "Vedere anche" e cliccate su Salva Impostazioni per abilitare questa modifica. Cliccate nella colonna "Vedere anche" sulla voce Catalogo di Windows Update. Dopo qualche secondo di caricamento avremo a disposizione a due opzioni:
1) Trova aggiornamenti per i sistemi operativi Microsoft
2) Trova aggiornamenti driver per le periferiche e i dispositivi hardware
Selezioniamo la prima voce. Dopo qualche altro secondo andremo a scegliere il nostro Sistema Operativo e la lingua e daremo Cerca. Il sistema effettuerà una ricerca e ci dividerà in categorie gli aggiornamenti trovati: ad esempio "Aggiornamenti importanti e Service Pack", "Aggiornamenti consigliati". Se presente la voce "funzionalità multilingue" vi consiglio di scaricarla. Una volta selezionata la categoria otterremo la schermata con tutti gli aggiornamenti possibili e dopo avere scelto l'aggiornamento da installare, vediamo che si va ad incrementare la voce Totale elementi nel Raccoglitore download. Avremo a differenza delle altre volte, la voce Raccoglitore download, clicchiamoci sopra e scegliamo la cartella dove vogliamo andare a salvare il tutto. Il sistema creerà una cartella (facciamo una nidificazione) per ogni fix o patch scaricata al cui interno si troverà anche il link di nome ReadMore per le info. Per le altre versioni di Windows si puo far riferimento alla pagina http://corporate.windowsupdate.microsoft.com/en/default.asp Trucco testato su Windows Xp Pro

Modificare le info del proprietario del PC
Buongiorno e buon inizio di settimana,
con questo rapido trucco e' possibile modificare in pochi secondi le informazioni relative al proprietario del PC (quelle che si trovano in Pannello di Controllo-Sistema). Aprite il Registro di Sistema e trovate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion
e cercate, alla vostra destra, la stringa chiamata "RegisteredOwner". Una volta trovata, cliccateci su due volte: vi apparira' la finestra "Modifica Stringa". Inserite nel campo Valore un altro nome (anche di fantasia). Chiudete Regedit ed andate a controllare il risultato in Pannello di Controllo-Sistema

Come disabilitare l'accensione del BlocNum all'avvio del computer
HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Keyboard
Qui selezioniamo la stringa "InitialKeyboardIndicators" (se non c'è, createla) ed impostare il valore a 0 (BlocNum disattivato); se volte riattivarlo, impostate il valore a 2 (BlocNum attivato).

Creare un floppy di reset password
Con Windows XP è possibile creare un Floppy di Reset Password, che vi sarà utile nello sfortunato caso in cui perdereste la password.
Per creare un Floppy di Reset Password procedere come segue :
Andate a Pannello di Controllo e cliccate su Account Utente, cliccate sull'utente per il quale volete creare il floppy di reset, adesso cliccate su Reimpostazione Password, e si aprirà una procedura guidata.
Inserire un Floppy nell'unità e cliccate su Next, adesso inserire la password corrente per l'utente selezonato ed il gioco è fatto!
Per l'utilizzo del Floppy di Reset procedere come segue:
Inserite il Floppy ed avviate il pc, cliccate sull'Account utente di cui avete perso la password, cliccate sul Check presente, apparirà "Questo causerà la perdita della tua password", ora cliccate su Usa disco di Reset, adesso basterà seguire la procedura guidata, per impostare una nuova password.

Aggirare la password dello ScreenSaver
Avete dimenticato la password dello screen saver e adesso state impallati e nervosi dinanzi al pc, calma! Niente paura...
Ecco è un piccolo tips per aggirare la password dello screen saver:
* Riavviate il pc
* Aprite il registro di configurazione:
Start > Esegui > digtate "Regedit" [Invio]
* Accedete alla chiave HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop
* Cercate la stringa ScreenSaveUsePassword.
* Evidenziare la stringa, cliccare su Modifica ed impostare come valore esadecimale lo 0 (troverete sicuramente 1 se è impostata una password).

Disabilitare il WGA
Introduzione
Avete mai sentito parlare di "Windows Genuine Advantage Notifications" (WGA)?
Con questa definizione viene indicato il sistema di protezione messo appunto dalla microsoft per rendere inutilizzabile le copie pirata di windows XP.
Quando entra in azione il WGA
Il sistema WGA riconosce una copia pirata di Windows XP nel momento in cui viene utilizzato il servizio di "Windows Update", a partire da questo momento Windows XP invaderà il vostro schermo di messaggi del tipo "Il software potrebbe essere contraffatto.".
Come disabilitare il WGA
Disabilitare il WGA si può.
Per disabilitare il WGA basta seguire 4 semplici passi:
1. Per prima cosa, rinominiamo i file di sistema C:\Windows\System32\WgaLogon.dll in C:\Windows\System32\WgaLogon.old, e il file C:\Windows\System32\WgaTry.exe in C:\Windows\System32\WgaTry.old, manterremo questi file in caso si verificassero dei problemi.
Di seguito riavviate il sistema.
2. Dobbiamo ora annulare la registrazione del file LegitCheckControl.dll.
Andiamo su Start -> Esegui e digitiamo cmd e poi premiamo OK.
Adesso digitiamo Regsvr32 C:\Windows\System32\LegitCheckControl.dll /u e poi premiamo invio.
In questo modo eliminiamo ogni riferimento alla libreria del sistema WGA.
Riavviamo il sistema.
3. Sempre dal promp dei comandi:Start -> Esegui -> cmd; eseguiamo i comandi:
del C:\Windows\System32\wgalogon.old Invio
del C:\Windows\System32\wgatry.old Invio
del C:\Windows\System32\LegitCheckControl.dll Invio
4. Ed infine da Start -> Esegui digitiamo regedit per accedere al registro di sistema.
Individuiamo ed eliminiamo le chiavi: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion\Winlogon\ Notify\WgaLogon e
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Unistall\WgaNotify.
Il WGA è adesso disabilitato.

Come togliere la scritta "Il tuo software potrebbe essere contraffatto"
A molti di voi sarà capitato di vedere all'acceso di windows una scitta che dice
"il tuo software non ha superato la convalida di windows"e"il tuo software potrebbe essere contraffatto richiedi microsoft originale".Inoltre nel deskotop ongni paio di orette si può vedere l'insistente scritta di microsoft che dice che il tuo pc ha un software falso.Questo perchè se per la distribuzione di Microsoft Windows XP su più computer (ovvero un'installazione con contratti multilicenza) si utilizza un codice "Product Key" che è diventato di pubblico dominio, potrebbe risultare impossibile installare Windows XP Service Pack 1 (SP1) o le versioni successive di Windows XP oppure ottenere automaticamente gli aggiornamenti dal sito Web Windows Update. Quando si installa Window XP SP1 o una versione successiva di Windows XP potrebbero ad esempio verificarsi i problemi come questo.Infatti accade speso dopo la formattazione o i primi accessi a internet, poichè si potrebbero utilizzare 2 product key uguali rendendo il tuo microsoft una copia ovvero un falso se non hai internet niente ma se lo hai la microsoft ti segnala questo allarme.Non arreca danni o cose del genere ma è meglio risolvere il problema. Avviso L'errata modifica del Registro di sistema tramite l'editor o un altro metodo può causare seri problemi, che potrebbero richiedere la reinstallazione del sistema operativo.La modifica del Registro di sistema è a rischio e pericolo dell'utente.
Ok ecco come risolvere:
1. Fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Esegui.
2. Nella casella Apri digitare regedit, quindi scegliere OK.
3. Nel riquadro di sinistra individuare e selezionare la seguente chiave del Registro di sistema:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\WindowsNT\Cu rrent Version\WPAEvents
4. Nel riquadro destro fare clic con il pulsante destro del mouse su OOBETimer e scegliere Modifica dal menu di scelta rapida.
5. Modificare almeno una cifra di questo valore per disattivare Windows.
6. Fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Esegui.
7. Nella casella Apri digitare il comando riportato di seguito, quindi scegliere OK.
%systemroot%\system32\oobe\msoobe.exe /a
8. Fare clic su Sì, verrà effettuata una telefonata a un addetto al servizio clienti per attivare Windows, quindi scegliere Avanti.
9. Fare clic su Cambia Product key.
10. Digitare il nuovo Product Key nelle caselle Nuovo codice, quindi scegliere Aggiorna.
Se viene visualizzata di nuovo la finestra precedente, fare clic su Visualizza in seguito e riavviare il computer.
11. Ripetere i passaggi 6 e 7 per verificare che Windows sia attivato. Verrà visualizzato un messaggio analogo al seguente:
Windows è già attivato. Scegliere OK per uscire.
12. Scegliere OK.
13. Installare Windows XP SP1 o una versione successiva di Windows XP.
Se non è possibile riavviare Windows dopo avere installato Windows XP SP1 o una versione successiva di Windows XP, premere F8 quando si riavvia il computer, selezionare Ultima configurazione sicuramente funzionante, quindi ripetere questa procedura.
Fonte: http://support.microsoft.com/kb/328874/it/

Disabilitare il tasto di spegnimento di windows
Se volete disattivare il tasto di spegnimento del pc di windows XP basta accedere al registro di sistema: Start->Esegui->regedit [Invio]
posizionatevi alla chiave:
[HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\MICROSOFT\WINDOWS\CURRENT
VERSION\POLICIES\EXPLORER](Se non c'è la cartella "Explorer", potete crearla).
Create un valore DWORD con nome NOCLOSE, apritelo facendo doppio click e assegnate il valore "1".
Per ripristinare il tasto dello spegnimento basterà inserire uno 0 al posto dell'uno.

Cambiare l'icona dei drive di Windows
Per cambiare l'icona del drive di windows bisogna operare dal registro di sistema.
Andate su Start->Esegui digitate regedit e premete Invio.
Andate alla chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\MICROSOFT\WINDOWS\CURRENTVERSION\EXPLORER\DRIVEICONS
Adesso selezionate il drive che vi interessa, e nella cartella default icon cambiate il valore della stringa predefinata, con il percorso esatto del file corrispondente alla nuova icona.

Install NetBEUI on Windows XP
The files necessary for installing the NetBEUI protocol on Windows XP are Netnbf.inf and Nbf.sys. Complete the following steps to install NetBEUI:
1. Insert your Windows XP CD-ROM into the CD-ROM drive and browse to the Valueadd\MSFT\Net\NetBEUI folder.
2. Copy Nbf.sys to the %SYSTEMROOT%\System32\Drivers directory.
3. Copy Netnbf.inf to the %SYSTEMROOT%\Inf hidden directory.
NOTE: To make a hidden folder viewable, perform the following steps:
1. Click Start, click Run, type Explorer, and then press ENTER.
2. Click Tools, click Folder Options, and then click the View tab.
3. Under Advanced Settings, click Show hidden files and folders under the Hidden files and folders Folder.
4. Click Start, click Control Panel, and then double-click Network Connections.
5. Right-click the adapter you want to add NetBEUI to, and then click Properties.
6. On the General tab, click Install.
7. Click Protocol, and then click Add.
8. Click to select NetBEUI Protocol from the list and then click OK.
9. Restart your computer if you receive a prompt to complete the installation.
The NetBEUI protocol should now be installed and working.
NOTE: %SYSTEMROOT% is a Windows environment variable that identifies the directory where Windows XP is installed (for example, C:\Windows). To view the value associated with %SYSTEMROOT%, as well as other environment variables, at a command prompt, type set, and then press ENTER.
NOTE: After following the steps above you should be able to use NetBEUI on Lan connections, however you will not be able to use NetBEUI on a Remote Access Service (RAS) connection. RAS connections cannot use NetBeui.
Scarica qui

Installare Windows 98/ME dopo aver installato Windows XP
Premesso che qui si parlerà del boot di Windows XP e Millennium, tutto ciò che segue può essere valido, anche per altre combinazioni, del tipo Windows 2000 - con Windows 98 etc.
Si parte:
Di norma, si ha un' installazione esistente di XP su un Hard Disk e si vuole installare Millennium su un altro Hard Disk...
sfruttando il bootloader nativo di XP, che come è già noto, andremo in contro ad una catastrofe, in quanto , la nuova installazione non verrà riconosciuta.
Normalmente, la procedura per attivare ex-novo la voce per il nuovo SO nel bootloader é abbastanza semplice, e ve possiamo trovare ulteriori spiegazioni con una semplice ricerca sul WEB.
Il problema, nel ns. caso , riguarda l'Hard Disk nuovo.
La cosa migliore, intanto, é che all' atto dell 'installazione di Millennium si sia provveduto a staccare l' HD contenente XP e al suo posto, in posizione master, ci sia stato messo quello nuovo da preparare per l' installazione (ovviamente si può anche provvedere a un suo partizionamento, l' importante è che Millennium, venga installato nella prima partizione fisica).
La procedura, é in realtà più complessa di quanto si possa pensare, sempre a causa del fatto che ci sono di mezzo due HD e non solo due partizioni.
IMP. : formattare un floppy nuovo da XP (formattazione completa) e copiarci su NTLDR, NTDETECT.COM e BOOT.INI onde evitare spiacevoli sorprese in futuro... )
1) mettere l' HD con XP su slave e quello con Millennium su master (pena il mancato avvio del pc.)
2) avviare il PC, entrare nel bios e impostare HD1 come primo HD di boot (lasciando però la sequenza 1) floppy - 2) CD-ROM - 3) HD.
4) salvare con F10 e riavviare. Partirà XP
5) in XP copiare NTLDR - NTDETECT.COM nella root di Millennium (che da XP non sarà C: ma probabilmente F: o altro.)
6) editare il boot.ini come segue :
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(1)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(1)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
C:\bootsect.dos="Millennium"
altrimenti, a fine lavoro, non riusciremo a far avviare Windows XP.
ma ATTENZIONE! il boot.ini originale va lasciato così come sta nella root di Windows XP !!
7) salvare il nuovo boot.ini nella root di Millennium insieme agli altri file di cui al punto 4
8) dal floppy originale di Millennium togliere tutto quello che non serve, diciamo che gli aspi non ci servono e li eliminiamo.
Sul floppy scompattare il file zip disponibile a questo indirizzo.
9) avviare il PC col floppy originale di Millennium (Imp: l'ORIGINALE di Windows Millenium) .
In fase di avvio, scegliere l'opzione senza supporto per cd-rom ed al prompt di A:\> digitare i seguenti comandi:
c: (invio)
cd c:\windows\command (invio)
copy debug.exe c:\ (invio) questo passaggio é opzionale, ma velocizza la procedura
cd\ (invio)
a:(invio)
bootsect.bat (invio)
a questo punto rispondere sempre "S" a tutte le opzioni tranne a quelle che invitano a leggere i txt ed a quella che ci chiede se usare SYS (totalmente inutile, perchè abbiamo usato il floppy originale di millennium)
alla fine ci troviamo ancora al prompt di A:\>
segue:
C: (invio)
attrib -r -h -s bootsect.dos (invio)
debug bootsect.dos (invio)
ora inserire i parametri per il debug:
L 100 2 0 1 (invio)
n bootsect.dos (invio)
rcx (invio)
200 (invio)
w (invio)
q (invio)
(il 2 nel primo parametro é la C )
10) siamo di nuovo a c:\>
copy bootsect.dos a:\ (invio)
Ctrl+alt+canc, togliere il floppy al volo a questo punto aprire il cassetto del cd-rom, infilarci il cd di XP, riavviare.
11) entrare in console di ripristino, premendo R e sarà a questo punto scopriamo che C:\windows non é più tale ma é diventato D:\windows ( )
quindi al prompt
D:\WINDOWS
digitare, dopo aver inserito il floppy su cui avevamo salvato il bootsect.dos:
copy a:\bootsect.dos d:\ (invio)
di seguito:
fixboot c: (invio)
confermare con S alla richiesta di scrivere un nuovo settore di avvio su C:
per finire : exit
togliere il CD ed al riavvio successivo , premere "canc" per accedere al BIOS e impostare HD0 (l' HD di Millennium) come HD primario (di boot) ... le altre voci è meglio restino invariate (1 per floppy, 2 per il CD-ROM, 3 per l' HD)
A questo punto, e solo a questo punto, comparirà il menù del boot-loader.
Spero di non aver tralasciato nulla.
Consigliato l'utilizzo di BOOT partition scaricabile dal sito winimage (http://www.wintricks.it/framer.php?url=http://www.winimage.com/bootpa25.zip) che si è rivelato essere un ottimo strumento per automatizzare alcune delle operazioni descritte, ed in alcuni casi, permette di sostituire la suddetta procedura. (ma non sempre).

Windows XP: aggiungere l'avvio in modalità provvisoria nel menu principale
Anche in Windows XP, per avviare il sistema in modalità provvisoria è necessario comportarsi nel modo seguente. Avviate il sistema, quindi, nel caso in cui abbiate installato solo Windows XP, premete ripetutamente il tasto F8 immediatamente dopo la prima schermata (caricamento del BIOS) che informa sul quantitativo di memoria RAM installato ed, eventualmente, sui dischi fissi presenti.
Servendovi dei tasti freccia selezionate l'opzione Modalità provvisoria e premete Invio.
In una configurazione multiboot, dopo il caricamento del BIOS selezionate l'opzione che avvia Windows XP quindi affrettatevi a premere immediatamente il tasto F8. Servendovi dei tasti freccia selezionate l'opzione Modalità provvisoria e premete Invio.
Se lo desiderate, potete inserire l'opzione che permette l'avvio di Windows XP in modalità provvisoria, direttamente nel menu di boot. Per far ciò copiate il file BOOT.INI - contenuto nella cartella radice del disco fisso - in BOOT.BAK in modo da poter ripristinare, in caso di problemi, la copia originale.
Aprite il BOOT.INI con il Blocco Note di Windows o con un qualsiasi normale editor di testo (i.e. TextPad).
Supponiamo che la configurazione originale di BOOT.INI sia la seguente:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINNT="Windows 2000 Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS="Windows XP Professional" /fastdetect
Aggiungiamo una nuova riga copiando pari pari quella riferita a Windows XP ed avendo cura di sostituire a Windows XP Professional la stringa Windows XP modalità provvisoria:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINNT="Windows 2000 Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS="Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS="Windows XP modalità provvisoria" /fastdetect
Avviamo ora MSCONFIG cliccando su Start , Esegui... e digitando MSCONFIG.
Clicchiamo sulla scheda BOOT.INI quindi selezioniamo la riga appena aggiunta e contenente la stringa Windows XP modalità provvisoria.
Attiviamo l'opzione /SAFEBOOT e scegliamo quale tipo di avvio deve essere reso possibile:
- Minimal - Avvia Windows XP con un insieme minimo di driver
- Network - Avvia il sistema col supporto della rete locale
- Dsrepair - Directory Services Repair
- Minimal (Alternate Shell) - Modalità provvisoria con prompt dei comandi
Dopo aver confermato con la pressione del pulsante OK, al riavvio del sistema si troverà sempre la nuova opzione di avvio.

Avviare il sistema operativo in condizioni di emergenza. Come ricreare il file boot.ini
Se, durante l'avvio di Windows XP, ricevete un messaggio d'errore che vi segnala un errore relativo all'impossibilità di accedere al disco di avvio selezionato, è possibile che il problema risieda nella presenza di informazioni scorrette all'interno del file BOOT.INI ed, in particolare, nella sezione default. E' possibile tuttavia che Windows XP non sia installato nella locazione indicata
nel file BOOT.INI.
Abbiamo dedicato un articolo intero al file BOOT.INI. Si tratta di un file estremamente interessante, importante e con grandi potenzialità. Più volte, in altri nostri articoli, abbiamo parlato della possibilità di installare più sistemi operativi differenti sullo stesso disco fisso e delle metodologie che permettono all'utente di scegliere, ad ogni accensione del personal computer, quale sistema operativo avviare.
Il file boot.ini è parte integrante del boot loader proprio di Windows 2000/XP, ossia della procedura che permette di scegliere quale sistema operativo debba essere lanciato ad ogni avvio del personal computer.
Quando si installano nuovi sistemi operativi o si "gioca" con le partizioni è possibile che il BOOT.INI venga danneggiato.
Ad integrazione di quanto già scritto qui, vi segnaliamo questa volta un trucco che riteniamo assai utile e che vi consentirà di sostituire un file BOOT.INI danneggiato con uno correttamente configurato.
Per prima cosa inserite all'avvio del computer il CD-ROM d'installazione di Windows XP (oppure il primo dei dischi di avvio che possono essere creati seguendo questa procedura.Premete il tasto R, non appena vi viene presentata questa possibilità, per avviare la Console di ripristino del sistema.
In alternativa, è possibile applicare il trucco pubblicato in questa pagina per installare in modo permanente la Console di ripristino sul sistema, senza dover ricorrere all'uso dei dischi di avvio o del CD d'installazione.
Il tip indicato si riferisce a Windows 2000 ma è applicabile esattamente nello stesso modo anche per Windows XP (basterà inserire il CD d'installazione di Windows XP e digitare in Start, Esegui...: X:\I386\WINNT32 /CMDCONS).
Dopo l'avvio della Console di ripristino, selezionate l'installazione corrispondente a Windows XP indicando la cifra
corretta e digitate, quando richiesto, la password associata all'amministratore di sistema.
Digitate, a questo punto, BOOTCFG e premete Invio.
Non appena viene individuato un file d'installazione mancante premete S per consentirne, in seguito, il ripristino automatico.
Alla richiesta di inserimento dell'identificativo (etichetta) da attribuire al sistema operativo digitate "Windows XP" (senza le virgolette). Alla richiesta successiva (opzioni di avvio) premete semplicemente Invio.
Uscite dalla Console di ripristino ed avviate il sistema selezionando la voce "Windows XP".
Tenete presente che BOOTCFG è una potente utility - eseguibile solo dalla Console di ripristino di Windows XP (non è presente nella Recovery console di Windows 2000...) che permette di effettuare una scansione di tutte le unità disco installate sul sistema alla ricerca delle varie versioni di Windows installate.
Digitando BOOTCFG /SCAN il programma provvederà a ricercare le installazioni di Windows NT 4.0, 2000 e XP e ad aggiornare il file di avvio BOOT.INI con le opzioni corrette.
BOOTCFG /ADD permette di aggiungere all'elenco di BOOT.INI una singola installazione di Windows;
BOOTCFG /DEFAULT consente di specificare una nuova installazione di default (la voce predefinita nel menù di avvio o boot loader che compare all'accensione del personal computer qualora siano installate più versioni di Windows sul sistema.
Per maggiori informazioni vi rimandiamo a questa pagina.
BOOTCFG /REBUILD permette di ricostruire un file BOOT.INI danneggiato; BOOTCFG /LIST elenca il contenuto del file BOOT.INI (le versioni di Windows attualmente avviabili).

Installare Vista in dual boot con XP
Un consiglio per installare Windows Vista in dual boot con Windows XP, ossia per avere entrambi i sistemi operativi installti sullo stesso PC.
Questa operazione può essere utile per provare Windows Vista senza rinunciare alla comodità di Windows Xp.
Bisogna tenere presente però che, se si esegue l’installazione partendo da Xp, Vista verrà posizionato in una partizione dell’hard disk creata appositamente e denominata probabilmente D: .
Per evitarlo dovete avviare il sistema dal DVD di Vista facendo partire l’installazione direttamente da lì.
In questo modo entrambi i sistemi operativi verranno installati sul disco C: e le applicazioni che scelgono quello come percorso di default partiranno senza fare confusione.
In questo modo, tutto ciò che verrà installato durante l’utilizzo di Windows Vista apparirà nella vostra partizione primaria.

Chiudere più finestre contemporaneamente
Se vi capita spesso di aprire molte finestre e, di conseguenza, un gran numero di programmi si accumula nella barra delle applicazioni di Windows XP vi presentiamo un trucco, semplice da mettere in pratica, che permette di chiudere contemporaneamente tutte le finestre/applicazioni che non servono più.
Tenete premuto il tasto CTRL sulla tastiera quindi cliccate, contemporaneamente, su ciascuna finestra, elencata nella barra delle applicazioni di Windows XP che desiderate chiudere.
A questo punto cliccate con il tasto destro del mouse su uno degli oggetti selezionati e scegliete la voce "Chiudi gruppo".

Come disattivare i suggerimenti
Disabilitare i suggerimenti "a fumetto", di colore giallo, utilizzato da Windows XP.
Aprite l'Editor del Registro di sistema (Start , Esegui... , REGEDIT) quindi portatevi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced
Modificate il valore EnableBalloonTips da 1 a 0.
A questo punto le applicazioni che fanno uso dei temi di XP non visualizzeranno più i suggerimenti "a fumetto".

Come visualizzare tutti i programmi installati
Windows XP non visualizza, automaticamente, nel menù "Start", l'intero elenco dei programmi installati.
Ne mostra soltanto alcunie, per poterli visualizzare tutti, bisogna cliccare su una freccia posta in fondo al menù.
I programmi che vengono mostrati sono in realtà quelli più comunemente utilizzati.
Per fare in modo che tutti i programmi installati vengano resi vivibili, dovete cliccare col pulsante destro del mouse sul menù "Start", scegliere "Proprietà" e, se è attivata la voce "Menù di avvio classico", cliccate su "Personalizza" e disattivare l'opzione "Usa menù personalizzati", accessibile facendo scorrere l'elenco delle opzioni presenti nel riquadro in basso della finestra.

Disattivare il modulo per la masterizzazione di CD
Windows XP include un modulo per masterizzare i propri CD ROM direttamente dalla shell di sistema.
Se questa funzionalità non vi serve sappiate che è possibile disattivarla agevolmente.
E' sufficiente, infatti, fare doppio clic sull'icona "Risorse del computer" quindi cliccare con il tasto destro del mouse sull'unità corrispondente al masterizzatore collegato al personal computer.
A questo punto scegliete la voce "Proprietà", cliccate sulla scheda "Registrazione", quindi disattivate la casella "Abilita registrazione di CD su questa unità".

Reinstallare il sistema operativo
Una opzione non documentata di Windows XP, permette di reinstallare l'intero sistema operativo pur conservando le impostazioni globali dello stesso e le applicazioni installate.
Di seguito vi mostriamo come fare.
Eseguite il file WINNT32.EXE, contenuto nel CD ROM di installazione di Windows XP.
Unitamente all'operazione sopra indicata basterà eseguire l'opzione /unattend così come segue:
WINNT32 /unattend.

Ripristinare un driver che non funziona
Se avete installato un driver di periferica che non funziona correttamente, con Windows XP è possibile ripristinare la situazione iniziale attraverso una procedura molto veloce e facile da usare.
Accedete a Windows XP con l'account amministratore, fate doppio clic sull'icona "Sistema", cliccate sulla scheda "Hardware", quindi sul pulsante "Gestione periferiche".
Portatevi in corrispondenza della periferica hardware che desiderate riconfigurare, fate doppio clic su di essa, selezionate la scheda "Driver" quindi cliccate sul pulsante "Ripristina driver".

Velocizzare la grafica
La nuova interfaccia utente di Windows XP utilizza nuovi effetti grafici tesi a rendere ancora più coinvolgente l'utilizzo del sistema operativo.
Se tuttavia queste innovazioni grafiche vi danno fastidio oppure incidono negativamente sulle prestazioni velocistiche del vostro Pc, è possibile disattivarle.
Accedete al "Pannello di controllo" di Windows XP, fate doppio clic sull'icona "Sistema" quindi cliccate sulla scheda "Avanzate".
Premete il pulsante "Impostazioni" visualizzato nella sezione "Prestazioni".
All'interno della scheda "Effetti visivi", mediante un apposito elenco, vi sarà possibile scegliere quali effetti grafici volete vengano utilizzati da Windows XP e quali no.
Per disattivarli tutti selezionate l'opzione "Regola in modo da ottenere le prestazioni migliori".

Applicare delle restrizioni al menù Start
Il registro di sistema di Windows XP include una serie di chiavi che permettono di personalizzare in profondità il menù "Start" del sistema operativo.
Anziché utilizzare l'Editor del registro di configurazione per modificare tali chiavi, è possibile far uso della nuova utilità inclusa insieme con Windows XP denominata "Criterio gruppo".
Per avviare "Criterio gruppo" fate clic su "Start , Esegui..." quindi digitate "GPEDIT.MSC" e premete il tasto "Invio".
Per modificare la configurazione del menù "Start" di Windows XP, cliccate sulla voce "Configurazione utente", quindi su "Modelli amministrativi" ed infine su "Menu di avvio e barra delle applicazioni".
Nel pannello di destra troverete l'elenco completo di tutte le restrizioni applicabili al menù "Start": fate doppio clic sulla restrizione di vostro interesse quindi selezionate l'opzione "Attivata".
Riavviate Windows XP per applicare le modifiche.

Come eliminare gli avvisi dei nuovi programmi installati
Quando installate un software, in Windows XP, nel menù di avvio appare il messaggio "Nuovi programmi installati".
Il nuovo software inoltre viene evidenziato nel menù di avvio tramite un rilievo che scompare dopo alcuni avvii del programma.
E' possibile eliminare questo tipo di avvisi.
Per disattivare una volta per tutte questa funzione cliccate con il tasto destro del mouse su "Start" e poi su "Proprietà".
Selezionate "Menù di avvio", quindi cliccate su "Personalizza", andate nella scheda "Avanzate" e levate il segno di spunta da "Evidenzia i programmi installati di recente".
Chiudete questa e l'altra finestra aperta con un clic del mouse su "Ok".
Effettuata questa operazione, quando installerete un programma non vedrete più il messaggio né il rilievo colorato della voce del software.

Come eliminare i programmi preinstallati
Molti dei programmi che trovate preinstallati in un nuovo computer sono, nella maggior parte dei casi, un'inutile perdita di tempo e di risorse.
In questo "elenco" sono inclusi anche e soprattutto alcuni componenti di Windows XP che sono i primi da eliminare.
Per farlo, selezionate "Start/Impostazioni/Pannello di controllo/Installazione applicazioni".
Quindi scegliete il pulsante "Installazione componenti di Windows" sulla parte sinistra della finestra "Installazione applicazione".

Eliminare l'avviso dei messaggi di posta elettronica non letti
Quando accendete il vostro PC, al momento della visualizzazione della finestra di logon di Windows XP, viene mostrato un messaggio che vi informa sul numero delle e-mail che, tramite Outlook Express, non sono state aperte.
Se il messaggio non vi interessa o vi dà semplicemente fastidio, potete agevolmente eliminarne la visualizzazione mediante un semplice intervento sul Registro di sistema.
Avviate l'Editor del Registro di sistema (Start , Esegui... , REGEDIT), quindi portatevi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\UnreadMail
Create, nel pannello di destra, un nuovo valore DWORD (Modifica , Nuovo... , Valore DWORD) ed assegnategli il nome "MessageExpiryDays".
Fate doppio clic sul valore "MessageExpiryDays" appena aggiunto e specificate, come valore, 0.
Il messaggio che vi informa sul numero di e-mail non lette non verrà, così, più mostrato.

Installare una periferica che funzionava solo su Windows 2000
Per installare in Windows XP un dispositivo che funziona solo con Windows 2000, evitando problemi certi, basta andare alla stringa del registro di sistema:
HKEY_CURRENT_MACHINE/SOFTWARE/Microsoft/ WindowsNT/CurrentVersion.
A questo punto aprite la stringa ProductName, sostituendo 2000 al posto di XP nel nome di Windows.
Dopo l'installazione dei driver, e prima di riavviare il sistema, riportate il nome alla versione originale.
In questo modo ingannerete il dispositivo e farete in modo che non riesca a comprendere che state utilizzando XP e non Windows 2000.

Aggiunta di un comando per l'apertura di una finestra DOS
Se utilizzate di frequente comandi DOS, potete aggiungere al menu di scelta rapida una voce che permette di aprire una finestra DOS da qualsiasi posizione.
Aggiungete alla chiave "HKEY_CLASSES_ROOT\Folder\shell" una nuova chiave di nome "dos" e impostate come valore predefinito un testo descrittivo, come "Finestra MS-DOS".
Create quindi una sottochiave di nome "command" e con valore predefinito "command.com", che permette di richiamare l'interprete dei comandi DOS.

Ripristinare il BootLoader di Windows
Per rimuovere un boot loader indesiderato è sufficiente sovrascriverlo con un altro specifico per il sistema operativo che si intende installare, nel caso specifico WIndows XP.
Questa operazione è ottenibile avviando il pc dal cd-rom d'installazione di windows XP, entrando nella console di ripristino e impartire i seguenti comandi:
cd c:\windows
fixboot c:
fixmbr
bootcfg /rebuild
Così facendo il master boot record (MBR) del disco sarà cancellato e al suo posto sarà installato l'usuale loader di Windows XP.
La cancellazione del MBR è eseguibile anche dal CDROM di installazione di WIndows 98, ma in questo caso il comando da impartire è
FDISK /mbr
Si consiglia di controllare, durante l'installazione, di verificare che la partizione dalla quale si desidera avvaire il sistema sia impostata come attiva, mediante una utilità di partizionamento. In caso contrario, il loader non sarebbe in grado di svolgere la sua funzione.

Desktop scomparso ed altri comandi utili
Esegui e digitare un semplice punto (.) e cliccare su OK.
Tutti i fonts installati sul PC: scrivete la parola fonts in esegui e cliccate su OK.
Se volete vedere il contenuto del vostro hard disk, scrivete solo *C:* (senza gli asterischi) e così via.

Attivare e disattivare il tasto Blocco maiuscole nel registry
Quante volte è capitato di attivare inavvertitamente il Blocco maiuscole mentre si scrive con la tastiera.
Per chi scrive molto velocemente con la tastiera del pc, continuare ad attivare inavvertitamente il tasto Blocco Maiuscole può essere così irritante. Si può provare a disattivare automaticamente la funzione con una semplice modifica del file di registro. Andare in Start - Esegui  e digitare regedit e cercare la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\KeyboardLayout.
Fare clic destro sulla voce KeyboardLayout e selezionare Nuovo/Valore binario dal menu contestuale ed assegnare alla nuova voce il nosme "Scancode Map" (senza virgolette) e digitare il seguente valore:
00 00 00 00 00 00 00 00 02 00 00 00 00 00 3a 00 00 00 00 00 (8 volte 00, 02, 5 volte 00, 3a, 5 volte 00)
nella casella dati valore. Chiudiamo l'editor e riavviare il sistema. Il tasto BlocMaiuscole sarà finalmente disattivato. Se è necessario riattivarlo cancellare la voce inserita nel registry.
Fate attenzione allo spazio presente tra "Scancode" e "Map". Fare attenzione anche a non creare per errore il nuovo valore nella chiave Keyboard Layouts: la chiave corretta è Keyboard Layout senza "s" finale!

Windows non mi riconosce più le periferiche USB, cosa posso fare?
Premettendo che le cause possono essere molteplici, bisogna sempre provare a cambiare la porta USB, per vedere se la periferica viene riconosciuta. Nel caso non dovesse andare, si può fare un tentativo in questo modo:
Start -> Esegui -> Regedit
HKEY_LOCAL_Machine\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\Usb
Create un nuovo valore DWORD e chiamatelo DisableSelectiveSuspend
Impostate il valore a 1
Per sicurezza riavviate il pc e provate il dispositivo USB.

Ridondanza ciclica
Durante l'installazione di un software, compare un messaggio di "Errore ridondanza ciclica", ma riesco ad installarlo su un altro computer, come si può rimediare al problema.
Questo messaggio di errore scatta quando il sistema tenta di leggere un file di un'unità ottica, come può essere il lettore CD/DVD, senza successo. Il fatto che riesci a installare il programma su un altro computer, avvalora l'ipotesi che il tuo lettore abbia qualche problema hardware che gli impedisci di leggere il supporto. Si potrebbe usare l'altro pc per creare una copia del programma su un altro disco e usare quest'ultimo per l'installazione. Oppure, trasferire l'intero contenuto del cd sull'hard disk e avviare l'installazione da qui. Se per caso durante il trasferimento dei file si dovesse presentare di nuovo l'errore di ridondanza ciclica, estrarre i file sull'altro computer e usando la rete locale o un disco fisso esterno trasferirli sul pc con problema di messaggio di ridondanza. Altrimenti più semplicemente provare a cambiare il lettore.

I caratteri accentati non vengono visualizzati correttamente
Tutti i caratteri accentati non vengono visualizzati, sia negli applicativi sia nei menu contestuali, sia nelle pagine web.
E' possibile che la versione di WIndows installata nel computer abbia impostato (magari in maniera automatica) la codifica dei caratteri in una lingua non latina (ad esempio, il cirillico o cinese). Da Start - Pannello di controllo - Opzioni internazionali accertarsi che sia selezionata l'opzione Italiano nei vari menu. Quindi, da Internet Explorer, accedi al menu Visualizza - Codifica - e scegli Europa Occidentale oppure Unicode.

Modificare il percorso di installazione
Il percorso di installazione è programmato nel file di registro. E' possibile cambiare il percorso di installazione dei programmi (C:\Programmi), andare nel file di registro in HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion
Nella parte destra della finestra fare doppio clic sulla voce "ProgramFilesDir" e quindi sostituire il percorso di installazione, ad esempio in C:\.

Creare un file autoestraente
Per creare questi pacchetti basta andare in "Start/Esegui" e digitare il comando "IEXPRESS".
Gli archivi sono creati mediante una procedura guidata molto semplice, che genera un file "CAB Win32".
Facendo doppio clic su un archivio generato con IExpress saranno estratti i file contenuti nel pacchetto ed un report delle operazioni effettuate.
Per creare un archivio di questo tipo, dopo aver avviato l'applicazione IExpress, selezionate la casella "Create New Self Extraction Directive file".
Al secondo passo del wizard di IExpress, scegliete la voce "Extract files only" e seguite tutta la procedura fino al termine, indicando i file da comprimere e la directory di estrazione.
Per scompattare l'archivio eseguite il file CAB.
Indicate nel pannello visualizzato la cartella di destinazione, nella quale saranno resi disponibili i file contenuti nell'archivio, ed un report in formato TXT.

Memoria virtuale insufficiente? Ecco come risolvere...
Per risolvere il problema bisogna aumentare la dimensione massima del File di paging.
Per farlo andate su "Pannello di controllo/Sistema", selezionate la scheda "Avanzate" e nel riquadro "Prestazioni" cliccate su "Impostazioni".
Una volta aperta la finestra "Opzioni prestazioni", andate nella scheda "Avanzate" e cliccate sul pulsante "Cambia" del riquadro "Memoria virtuale".
Selezionate la voce "Dimensioni personalizzate" ed inserite in "Dimensioni iniziali" la quantità di RAM del vostro Pc moltiplicata per 1,5.
Inserite poi questo valore moltiplicato per 2 in "Dimensioni massime".
Questo significa che se avete 256 MB di RAM dovete inserire 384 in "Dimensioni iniziali" e 768 in "Dimensioni massime".
Fatto ciò, cliccate su "Imposta", quindi su "Ok" e riavviate per rendere effettive le modifiche.

Formattazione e riattivazione di XP
Se abbiamo acquistato una copia di Windows XP e ci capita sovente di formattare e reinstallare la stessa copia sul nostro PC, forse ci può tornare utile questo trucchetto riguardo la riattivazione.
I dati relativi alla nostra attivazione sono contenuti in un file dbl e precisamente nel file wpa.dbl contenuto nella cartella ...\Windows\System32.
Ora, una volta attivato il sistema per la prima volta facciamo una copia del suddetto file in un floppy disk e etichettiamolo come "XP Attivazione".
Al primo avvio dopo ogni nuova installazione del sistema operativo sullo stesso computer, senza aver apportato sostanziali modifiche hardware, andremo a copiare il file contenuto nel nostro floppy appunto nella cartella ..\Windows\System32 ed il nuovo sistema operativo potrà sfruttare la prima attivazione fatta.

Come realizzare un archivio autoestraente
Realizzare un archivio autoestraente con WindowsXP è un'operazione semplicissima e velocissima.
Cliccate su "Start - Esegui" e inserire la parola "Iexpress" (senza virgolette).
Con questo sistema potrete realizzare i famosi file "setup", dove con un clic si installa un programma.

Aprire directory e sottodirectory con un semplice asterisco
una funzione abbastanza curiosa ed interessante è quella di visionare tutte le directory e sottodirectory di una cartella (o di una unità) premendo il tasto asterisco (*) che si trova sul tastierino numerico.
Potete fare così in questo modo: andate in "Esplora risorse".
Selezionate un’unità oppure una cartella e premete il tastierino.
Dopo una manciata di secondi ecco che vi appariranno tutte le directory e sottodirectory che fanno riferimento all'unità o cartella che avete scelto.

Il cdrom non funziona
Se il cdrom smette di funzionare all'improvviso e abbiamo Windows 2000 o Xp controlliamo le seguente cose: tasto destro su "Risorse del computer", selezionare "Proprietà" e poi hardware e gestione periferiche. Cercare cdrom e controllare se ci sono i seguenti codici di errore: 31, 32, 19, oppure 39. Se ci sono questi codici di errore, andiamo a leggere l'articolo al seguente indirizzo: http://support.microsoft.com/kb/314060 oppure in italiano: http://support.microsoft.com/?scid=kb%3Bit%3B314060&x=18&y=14

How to tell XP Pro from XP Pro Corporate
Here is a problem that I run into alot when working a peoples computer who have Windows XP Pro. I decide that the problem requires a reinstall or a repair install of Windows XP Pro to fix their problem. I extract their cd key from Windows and then start the installation process. When I get to the part where I enter the CD key it doesn't work. The reason it doesn't work is because either I used a Pro CD and they have a corporate CD key or vise-versa. So here is some info that might help if you run into this problem or to help you not run into this problem.
How to tell from Windows:
Right click on My Computer and select properties. Look in the section that says "Registered to". If the licence number starts with 55274 then it was a corporate install.
Right click on My Computer and select properties. Look in the section that says "Registered to". You should see a licence number like this: XXXXXX-???-XXXXXX-XXXXX. If you have Windows XP Pro Corporate the first ? will be a 6. For OEM versions the ??? will state OEM. For Windows XP Home Corporate the ?? will have an 11.
How to tell from CD:
Have a look on the CD, in the "\i386\setupp.ini" file Look at the last three characters on the line that starts with "pid=" some of the values are: (I don't know them all) OEM = OEM version, 000 = retail version, 270 = volume license. I don't know if changing these values changes the way the CD performs in WinXP / Win2k3 (it definitely did in Win2k).
How to tell if Windows won't boot: If you find that windows won't boot, but you need to find out which CD to use, here is what you do. Find a way to view the registry of the damaged Windows (I use bartPE). Then in the registry go here:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion
You should see a string named "ProductId". Take the value of that string and analyze it using the methods listed above "How to tell from Windows"
If you have a damaged Windows install and don't know if it is Windows XP Home or Windows XP Pro. Then browse to "C:\Windows\System32" and open up a file called "eula.txt". At the bottom you should see a code like this: "EULAID:WX.4_PRO_RTL_EN". From the code you should be able to tell if it is Home or Pro.

Come disattivare i suggerimenti
Ecco come disabilitare i suggerimenti "a fumetto", di colore giallo, utilizzato da Windows XP.
Aprite l'Editor del Registro di sistema (Start , Esegui... , REGEDIT) quindi portatevi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced
Modificate il valore EnableBalloonTips da 1 a 0.
A questo punto le applicazioni che fanno uso dei temi di XP non visualizzeranno più i suggerimenti "a fumetto".

Accesso remoto in Windows: le impostazioni ottimali
Ecco le impostazioni ottimali per la connessione ad Internet in Accesso Remoto.
Fate doppio clic su "Risorse del computer" quindi su "Accesso Remoto".
Fate clic con il tasto destro del mouse sulla connessione ad Internet che utilizzate di solito quindi scegliete la voce "Proprietà".
Selezionate la cartella "Tipi di server".
Quindi accertatevi che tutte le caselle siano disattive tranne "Attiva compressione software" e "TCP/IP" (fra i protocolli di rete consentiti).

I dati in Windows XP

Tipo di documento Percorso standard
Documenti c:\document and settings\nomeutente\documenti
Immagini c:\document and settings\nomeutente\documenti\immagini
File musicali c:\document and settings\nomeutente\documenti\musica
Desktop c:\document and settings\nomeutente\desktop
Posta elettronica Outlook Express c:\document and settings\nomeutente\impostazioni locali\dati applicazioni\identities\SID utente\microsoft\outlook express
File temporanei di internet c:\document and settings\nomeutente\impostazioni locali\temporary internet files
Cookies c:\document and settings\nomeutente\cookies
Documenti recenti c:\document and settings\nomeutente\recent items
Preferiti di Windows c:\document and settings\nomeutente\preferiti - c:\document and settings\nomeutente\favourites
Cartella temporanea di Windows c:\windows\temp
Cartella temporanea utente c:\document and settings\nomeutente\impostazioni locali\temp

Statistiche di rete locale con il prompt dei comandi
In windows è possibile ottenere una serie di statistiche relative alla macchina sulla quale si sta operando con l'utilizzo del prompt dei comandi semplicemente utilizzando il comando NET STATISTICS
Portatevi al prompt dei comandi MS DOS quindi digitate:
net statistics workstation
Per le macchine server digitate:
net statistics server

Installare una stampante di rete
Premessa:
--------------
In quest'articolo si presuppone che i computers i quali dovranno utilizzare la stampante di rete, abbiano già la rete locale correttamente configurata.
Se così non fosse, prima di procedere all'installazione di una stampante di rete, è necessario configurare correttamente la rete locale in modo che la condivisione delle risorse sia disponibile.
Il procedimento che spiegherò, è il procedimento "standard" da seguire sui sistemi Windows, ma in alcuni casi, soprattutto con le nuove stampanti, è necessario utilizzare il software fornito con la stampante per evitare problemi. Quindi prima di procedere nella pratica, consiglio di consultare il manuale fornito assieme alla stampante sull'argomento.
Configurare il server:
------------------------------
I seguenti procedimenti sono da applicare al computer che ha la stampante. Installare i drivers della stampante come se fosse una normale stampante locale, assicurarsi che funzioni correttamente, dopodichè aprire Start -- Impostazioni -- Stampanti -- Click destro sull'icona che riporta il nome della stampante -- Proprietà -- Scheda "Condivisione" -- selezionare l'opzione "Condividi" -- Premere Ok. (nota: il processo potrebbe essere leggermente diverso a seconda della versione di Windows utilizzata, in questo tutorial sto facendo riferimento alla versione 2000 Pro).
In questo modo la stampante di rete è dichiarata come "Condivisa", quindi accessibile da altri computers.
Configurare i clients:
------------------------------
A questo punto non resta che aggiungere la stampante condivisa a tutti i computers della rete locale.
Andare su Start -- Impostazioni -- Stampanti -- Aggiungi stampante -- Seguire il Wizard e nella schermata dove viene chiesto il tipo di stampante, selezionare "stampante di rete". Non commenterò tutto il wizard passo a passo in quanto è abbastanza intuitivo e soprattutto, varia leggermente da Windows a Windows. (nota: Il CD dell'installazione di Windows potrebbe essere richiesto durante il processo di installazione della nuova stampante).

Rimozione degli Shared Documents (documenti condivisi)
Windows Xp possiede di defaul delle cartelle destoinate agli “shared documents”, ovvero ai documeni da condividere in rete.
Questa funzione è utile a chi lavora in rete, ma nelle utenze domestiche risulta di fatto inutile, rallentando l’apertura di Risorse del computer e occupando spazio prezioso.
Per rimuovere gli shared document procedere come segue:
Start > Esegui > scrivere “regedit”) e premete [Invio]
Posizionatevi sulla chiave:
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\
Explorer\MyComputer\NameSpace\DelegateFolders\]
Eliminate la sottochiave {59031a47-3f72-44a7-89c5-5595fe6b30ee}
Adesso le cartelle per gli shared documents nn vi daranno più alcun fastidio.

Riattivare la copia di Windows
Quante volte vi sarà capitato di formattare il pc, e poi successivamente riattivare la copia di Windows XP?
Con questa procedura, non dovrete più riattivare Windows ogni volta che formatterete il vostro pc:
Prima di cancellare il contenuto dell'hard disk, bisogna effettuare una copia del file wpa.dbl su floppy o Cd-rom:
* Portatevi nella cartella System32 di Windows (Es. C:\Windows\System32\);
* Quindi cercate il file "WPA.DBL" e copiatelo
Al primo riavvio dopo la nuova installazione di Windows:
* Inserite il disco creato in precedenza;
* Copiate il file "WPA.DBL" nella stessa cartella System32 di Windows (Es. C:\Windows\System32).
Eviterete così di riattivare la vostra copia di Windows.

Nascondere una macchina alla rete locale
Basta un semplice comando per nascondere, all'interno di una rete locale il il nome della vostra macchina (quello vusualizzato in "Risorse di rete").
Per fare in modo che il vostro computer non venga elencato in "Risorse di rete", basta digitare il segiente comando nella finestra del prompt dei comandi:
Aprite il prompt dei comandi, Start -> Esegui e digitate cmd e premete [Invio].
Adesso digitate il comando:
net config server /hidden:yes
Dove "server" verrà sostituito con il nome di rete della vostra macchina.
Ricordate che la vostra macchina pur non essendo elencata all'interno di Risorse di Rete, sarà possibile da chi conosce i nomi della vostra macchina accedere manualmente ad essa.

Creare un floppy di reset password
Con Windows XP è possibile creare un Floppy di Reset Password, che vi sarà utile nello sfortunato caso in cui perdereste la password.
Per creare un Floppy di Reset Password procedere come segue :
Andate a Pannello di Controllo e cliccate su Account Utente, cliccate sull'utente per il quale volete creare il floppy di reset, adesso cliccate su Reimpostazione Password, e si aprirà una procedura guidata.
Inserire un Floppy nell'unità e cliccate su Next, adesso inserire la password corrente per l'utente selezonato ed il gioco è fatto!
Per l'utilizzo del Floppy di Reset procedere come segue:
Inserite il Floppy ed avviate il pc, cliccate sull'Account utente di cui avete perso la password, cliccate sul Check presente, apparirà "Questo causerà la perdita della tua password", ora cliccate su Usa disco di Reset, adesso basterà seguire la procedura guidata, per impostare una nuova password.

Aggirare la password dello ScreenSaver
Avete dimenticato la password dello screen saver e adesso state impallati e nervosi dinanzi al pc, calma! Niente paura...
Ecco è un piccolo tips per aggirare la password dello screen saver:
* Riavviate il pc
* Aprite il registro di configurazione:
Start > Esegui > digtate "Regedit" [Invio]
* Accedete alla chiave HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop
* Cercate la stringa ScreenSaveUsePassword.
* Evidenziare la stringa, cliccare su Modifica ed impostare come valore esadecimale lo 0 (troverete sicuramente 1 se è impostata una password).

Disabilitare il WGA
Introduzione
Avete mai sentito parlare di "Windows Genuine Advantage Notifications" (WGA)?
Con questa definizione viene indicato il sistema di protezione messo appunto dalla microsoft per rendere inutilizzabile le copie pirata di windows XP.
Quando entra in azione il WGA
Il sistema WGA riconosce una copia pirata di Windows XP nel momento in cui viene utilizzato il servizio di "Windows Update", a partire da questo momento Windows XP invaderà il vostro schermo di messaggi del tipo "Il software potrebbe essere contraffatto".
Come disabilitare il WGA
Disabilitare il WGA si può.
Per disabilitare il WGA basta seguire 4 semplici passi:
1. Per prima cosa, rinominiamo i file di sistema C:\Windows\System32\WgaLogon.dll in C:\Windows\System32\WgaLogon.old, e il file C:\Windows\System32\WgaTry.exe in C:\Windows\System32\WgaTry.old, manterremo questi file in caso si verificassero dei problemi.
Di seguito riavviate il sistema.
2. Dobbiamo ora annulare la registrazione del file LegitCheckControl.dll.
Andiamo su Start -> Esegui e digitiamo cmd e poi premiamo OK.
Adesso digitiamo Regsvr32 C:\Windows\System32\LegitCheckControl.dll /u e poi premiamo invio.
In questo modo eliminiamo ogni riferimento alla libreria del sistema WGA.
Riavviamo il sistema.
3. Sempre dal promp dei comandi:Start -> Esegui -> cmd; eseguiamo i comandi:
del C:\Windows\System32\wgalogon.old Invio
del C:\Windows\System32\wgatry.old Invio
del C:\Windows\System32\LegitCheckControl.dll Invio
4. Ed infine da Start -> Esegui digitiamo regedit per accedere al registro di sistema.
Individuiamo ed eliminiamo le chiavi: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion\Winlogon\ Notify\WgaLogon e
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\
Unistall\WgaNotify.
Il WGA è adesso disabilitato.

Disabilitare il tasto di spegnimento di windows
Se volete disattivare il tasto di spegnimento del pc di windows XP basta accedere al registro di sistema: Start->Esegui->regedit [Invio]
posizionatevi alla chiave:
[HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\MICROSOFT\WINDOWS\CURRENT
VERSION\POLICIES\EXPLORER](Se non c'è la cartella "Explorer", potete crearla).
Create un valore DWORD con nome NOCLOSE, apritelo facendo doppio click e assegnate il valore "1".
Per ripristinare il tasto dello spegnimento basterà inserire uno 0 al posto dell' uno.

Disabilitare il login di Windows XP
Siete stanchi di digitare la vostra password all'avvio di windows? Oppure non ne avete per niente bisogno e siete costretti a cliccare sul vostro account per accedere a windows?
La soluzione consiste nel disabilitare il login di avvio su Windows XP.
Per disabilitare il login di avvio, procedere come segue:
Start->Esegui digitate il comando control userpasswords2 [Premete Invio]
Apparirà una finestra in cui dovrete disabilitate la voce Per utilizzare questo computer è necessario che l'utente immetta il nome e la password, adesso premete OK, inserite la password del vostro profilo e riavviate il computer.
Al prossimo riavvio il login avverrà automaticamente.

Cambiare l'icona dei drive di Windows
Per cambiare l'icona del drive di windows bisogna operare dal registro di sistema.
Andate su Start->Esegui digitate regedit e premete Invio.
Andate alla chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\MICROSOFT\
WINDOWS\CURRENTVERSION\EXPLORER\DRIVEICONS
Adesso selezionate il drive che vi interessa, e nella cartella default icon cambiate il valore della stringa predefinata, con il percorso esatto del file corrispondente alla nuova icona.

Boot.ini con 2 sistemi operativi installati (Windows XP e Windows 9x)
This is what the boot.ini file looks like on both packs. It's a basic
boot.ini file and assumes XP is on Drive C:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Windows XP" /fastdetect
If Win98 is on C: and XP is on drive D: the boot.ini would look like this:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Home Edition" /noexecute=optin /fastdetect
C:\ = "Microsoft Windows"

"Riparare" l'installazione di Internet Explorer 6
La possibilità di riparare l'installazione corrente di Internet Explorer non è prevista in Windows XP.
Tale possibilità diventerà disponibile non appena si provvederà all'installazione di nuove versioni, più aggiornate, del browser Internet Explorer (nello stesso Windows 98 non era possibile riparare l'installazione di Internet Explorer 4).
Se il vostro Internet Explorer 6 si comporta in modo strano, causa errori e risulta poco stabile, è possibile provare a reinstallarlo utilizzando un semplice trucco.
Per prima cosa inserite il CD ROM di installazione di Windows XP nel lettore. Cliccate, quindi, su Start, Esegui e digitate quanto segue:
rundll32.exe setupapi,InstallHinfSection DefaultInstall 132 %windir%\Inf\ie.inf
Premete il pulsante OK per avviare la "riparazione" di Internet Explorer 6.

Quale programma sta usando la porta TCP?
Se avete necessità di capire come viene gestito il traffico sulle porte TCP e individuare quali programmi usano quali porte, risulta utile il comando Netstat.exe.
Il funzionamento è il seguente: andate Start, Esegui, digitate cmd e poi nella finestra DOS che si apre scrivete netstat -ano.
Viene visualizzata una schermata con varie colonne. La colonna da tenere d'occhio è quella contrassegnata con la dicitura PID che identifica il processo assegnato ai programmi in esecuzione.
Per sapere qual è l'ID di processo associato a un programma premete CTRL+ALT+CANC e cliccate sulla scheda Processi. Se non viene visualizzata la colonna PID, cliccare su Visualizza, poi su Seleziona colonne e fate un flag sulla casella PID. Cliccate sull'intestazione della colonna PID per ordinare i processi in base ai PID e andate alla ricerca del processo desiderato.

"Nascondere" i PC che contengono dati sensibili
Se disponete di una LAN composta da diversi computer, potreste voler proteggere una o più macchine dagli accessi attraverso la rete.
Se tali PC contengono dati importanti, esiste un trucchetto, di semplice applicazione, che permette di "nascondere" una macchina agli altri computer che compongono la stessa rete.
In pratica, il computer continuerà a funzionare in rete locale ma non sarà più visibile.
Avviate l'Editor del registro di sistema sul computer che desiderate "nascondere" (Start, Esegui, digitate regedit), quindi portatevi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\ Services\LanmanServer\Parameters
Nel pannello di destra create un nuovo valore DWORD e denominatelo hidden.
Fate, quindi, doppio clic su di esso ed impostatene il valore a 1. Riavviate il computer. Il PC non sarà immediatamente "invisibile". E' possibile che l'attesa duri anche più di trenta minuti.
Se voleste, successivamente, annullare la modifica vi basterà eliminare il valore DWORD hidden aggiunto.

Ripristinare le impostazioni del TCP/IP
In Windows XP, il protocollo TCP/IP, utilizzato per le comunicazioni in Internet e per gran parte di quelle che avvengono in rete locale LAN, è divenuto un componente "di sistema" nel senso che non è più possibile disinstallarlo manualmente.
Ad ogni modo, la configurazione del TCP/IP, qualora fosse necessario, può essere riportata allo stato in cui si trovava immediatamente dopo la prima installazione di Windows XP.
Questo trucco è utile quando si riscontrano anomalie nella configurazione del TCP/IP od evidenti problemi di comunicazione.
Per riportare la configurazione del TCP/IP allo stato iniziale (dopo la prima installazione del sistema operativo), è sufficiente cliccare su Start, Esegui... quindi digitare COMMAND e premere il pulsante OK.
Nella nuova finestra che vi verrà presentata, digitate quanto segue:
NETSH INTERFACE IP RESET LOG.TXT
Riavviate, quindi, il sistema.

Visualizzare le porte aperte durante la connessione Internet
Il comando NETSTAT permette di visualizzare l'elenco completo delle porte aperte durante la connessione Internet. Il programma va eseguito da riga di comando MS DOS portandosi in Start, Programmi, Accessori, Prompt dei comandi.
Con Windows XP è stato introdotto un altro interessante switch da utilizzare insieme con NETSTAT: si tratta di -o.
Provate a digitare al Prompt di MS DOS, durante la connessione Internet, quanto segue: NETSTAT -ano. Premete quindi il tasto Invio. Rispetto alle precedenti versioni di Windows otterrete una colonna in più (PID = Process ID). La colonna PID indica il numero identificativo associato al processo che fa uso di una specifica porta.
Per capire a quale programma è associato un PID specifico, premete la combinazione di tasti CTRL+ALT+DEL: comparirà il Task manager di Windows XP; cliccate sulla scheda Processi quindi assicuratevi che la colonna PID venga visualizzata (accedete al menù Visualizza, Seleziona colonne... quindi attivate la casella PID (Identific. processo)).
Confrontate ora i PID visualizzati nel task manager con quelli restituiti dal comando NETSTAT -ano: comprenderete quali programmi utilizzano le varie porte durante la connessione alla Rete.

Ottimizzare la cache L2 del processore
Windows XP è ottimizzato per l'utilizzo con processori dotati di 256 KB di cache L2. Se disponete di un processore dotato di un quantitativo di cache L2 differente (ad esempio un Pentium 4 con 512KB di cache L2), potete modificarne il valore con un semplice intervento sul registro di sistema.
Avviate l'Editor del registro di sistema (Start, Esegui..., Regedit) quindi portatevi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE/SYSTEM/CurrentControlSet/ Control/Session Manager/Memory Management
Create, nel pannello di destra, un nuovo valore DWORD ed attribuitegli il nome SecondLevelDataCache.
Cliccate due volte sul DWORD appena aggiunto attribuendogli il valore 200 (esadecimale) qualora disponiate di un processore con 512 KB di cache L2. Chiudete l'Editor del registro e riavviate il sistema.

Visualizzare tutte le periferiche
Le periferiche che sono state installate ma che non sono correntemente collegate al personal computer (ad esempio i dispositivi USB) non vengono, di solito, mostrate all'interno della finestra Gestione periferiche (accessibile dal Pannello di controllo facendo doppio clic sull'icona Sistema, sulla scheda Hardware quindi sul pulsante Gestione periferiche).
Se volete che tutte le periferiche installate vengano elencate in Gestione periferiche, è possibile applicare questo semplice trucco.
Avviate l'Editor del registro di sistema (Start, Esegui..., Regedit) quindi portatevi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\ Control\Session Manager\Environment.
Nel pannello di destra create una nuova stringa (Modifica, Nuovo, Valore stringa) ed attribuitegli il nome DEVMGR_SHOW_NONPRESENT_DEVICES.
Fate doppio clic su DEVMGR_SHOW_NONPRESENT_DEVICES ed impostatene il valore a 1 in modo da visualizzare tutte le periferiche installate. Chiudete l'Editor del registro e riavviate il sistema.

Come installare 2000 dopo XP
Solitamente, su sistemi ad avvio multiplo, è sempre bene installare prima, i sistemi operativi più vecchi, quindi quelli più recenti (ad esempio prima Windows 98/ME o Windows 2000, poi Windows XP).
Supponiamo, comunque, che vogliate provare ad installare Windows 2000 dopo aver già provveduto all'installazione di Windows XP.
Per prima cosa create un archivio di backup di tutti i file più importanti memorizzati sul sistema e, possibilmente, servitevi di software come PowerQuest DriveImage o Norton Ghost di Symantec per creare un'immagine dell'intero disco fisso.
Accertatevi, quindi, di avere a disposizione una partizione all'interno della quale sia possibile installare Windows 2000 (differente da quella in cui è presente Windows XP).
Avviate il sistema servendovi di un disco di boot che offra il supporto per le unità CD ROM (quello creato con Windows 98/ME dovrebbe andar bene).
A questo punto al prompt di MS DOS (A:) digitate
X:\I386\WINNT.EXE
sostituendo a X: la lettera identificativa corrispondente al lettore CD ove avrete provveduto ad inserire il CD ROM d'installazione di Windows 2000.
Procedete all'installazione di Windows 2000 seguendo le istruzioni a video. Al termine della procedura d'installazione, lasciate avviare il computer in Windows 2000.
Inserite, a questo punto, il CD ROM d'installazione di Windows XP nel lettore CD facendo in modo che, all'accensione del personal computer, venga effettuato l'avvio del sistema da CD. Non appena vi sarà richiesto, premete il tasto R per avviare la riparazione di Windows XP.
Nella Console di ripristino digitate, in sequenza, i seguenti comandi:
FIXBOOT
(rispondete quindi Sì/Yes).
CD \
ATTRIB -H NTLDR
ATTRIB -S NTLDR
ATTRIB -R NTLDR
ATTRIB -H NTDETECT.COM
ATTRIB -S NTDETECT.COM
ATTRIB -R NTDETECT.COM
COPY X:\I386\NTLDR C:\
COPY X:\I386\NTDETECT.COM C:\
sostituendo, al solito, a X: la lettera identificativa corrispondente all'unità CD ROM contenente il CD d'installazione di Windows XP.

Rendere “invisibili” gli account utenti
La procedura per mascherare gli account visibili nel Pannello di controllo
In Windows XP è possibile definire molteplici account utenti, in modo che ciascun utente che si collega al PC ritrovi il proprio ambiente di lavoro e i propri documenti facilmente.
Per creare un nuovo account basta andare su Start, Pannello di controllo, Account utente. In questa finestra sono visibili tutti gli account creati per quel sistema. Se si desidera, è possibile renderli invisibili mascherandone l'accesso.
Ecco come fare. Andare su Start, Esegui e digitare regedit, poi OK per accedere al Registro di sistema.
Scorrere l'elenco alla ricerca della chiave HKEY_LOCAL_MACHINE, SOFTWARE, Microsoft, Windows NT, CurrentVersion, WinLogon, SpecialAccounts, UserList.
Posizionatevi col il mouse sulla parte destra della finestra e fate clic destro, Nuovo, Valore DWORD.
Scrivete il nome dell'account che volete mascherare e poi cliccate su OK.
Fate doppio clic sulla chiave appena creata, e nella finestra che si apre scrivete 0 nel campo Dati valore se desiderate mascherare l'account. Scrivendo invece 1 l'account risulterà visibile nel Pannello di controllo, Account utente.

Procedura di disinstallazione delle nuove stampanti HP
Ecco la procedura di disinstallazione,
-Scollegare il cavo usb
-Eseguire il file x:\util\ccc\hposcrlr.bat
-Eseguire il file x:\util\ccc\uninstall.bat (3 volte e poi riavviare. Dopo il riavvio, lanciare di nuovo per la 4 volta)
-Eliminare le chiavi HP e Hewlett- Packard dal registro dalle voci.da :
HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\
-Eseguire il file x:\util\ccc\Access_Denied_Utility
-Riavviare il pc con L'avvio selettivo.

Personalizzare Logo in Risorse del Computer
Se ci posizioniamo in Proprietà à Risorse del Computer à Pannello di Controllo à Sistema nella voce Prodotto Da troveremo il logo del produttore del computer:
Vediamo come modificarlo:
dobbiamo creare un’immagine bmp di dimensioni non superiori ai 172 x 110 e chiamarla oemlogo.bmp (per realizzare l’immagine va bene qualsiasi programma di creazione immagini, come paint o photoshop) e la salviamo nella cartella: C:\Windows\System32.
Poi possiamo modificare anche le informazioni del produttore (nel nostro caso modificheremo le scritte “Acer Inc...”), apriamo quindi il blocco note e creiamo un documento con le seguenti righe:
[general]
Manufactured=Produttore
Model=Modello PC
[Support Information]
Line1=xxx
Line2=xxx
Line3=
Line4=xxx
Line5=xxx
Ovviamente noi sostituiremo i campi produttore e modello pc con I nostril dati, se invece modifichiamo anche i dati Line1 ecc questi compariranno quando ciccheremo il tasto “informazioni di supporto” (ovviamente possiamo aggiungere anche altre linee. Fatto ciò salviamo il file di testo come oeminfo.ini nella stessa cartella in cui abbiamo copiato il nostro file immagine.

Prompt dei comandi
E' stata introdotta la cronologia comandi. Per aprirla basta premere F7 e scorrere il contenuto della finestra: una funzione che troverete senz'altro molto.
Se volete modificare un comando della cronologia, premere F9 e digitate il numero del comando, quindi premete invio. Lo ritroverete nel prompt dei comandi dal quale potrete apportare i cambiamenti.

Non visualizzare il numero di e-mail non lette all'apertura
Quando si avvia Windows XP, nella schermata iniziale di scelta dell'utente compare il numero di messaggi di posta elettronica non ancora letti dai vari utenti. Per nascondere questi dati, apriamo il file di registro (Start - Esegui - Regedit) e andiamo fino alla seguente chiave: HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\UnreadMail. Nel pannello di destra dovrebbe comparire la voce "MessageExpiryDays": se co così non fosse, va creato tramite il comando Modifica - Nuovo - Valore DWORD. Un doppio cli sulla voce permette di impostare il valore a 0. Dopo la conferma di chiusura la segnalazione non comparirà più a partire dal successivo avvio del sistema.

Bloccare lo sfondo del desktop
Start - Esegui e individuiamo la seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Polices
Clicchiamo con il tasto destro del mouse su Policies e selezioniamo Nuovo - Chiave. Alla nuova chiave assegniamo il nome "Active Desktop" (senza apici). Adesso selezioniamo una nuova chiave, con il valore DWORD (sempre tasto destro, Nuovo - Dword) al quale va assegnato il nome "NoChangingWallPaper" (tutto attaccato senza spazi, e mantenendo le maiuscole). Clicchiamo su questo valore, e assegniamo 1 per attivare il blocco dello sfondo del Desktop e il valore 0 per disabilitare e consentire la scelta dello sfondo. La chiave si applica solo all'utente corrente; se invece si desidera applicarla a tutti gli utenti, dovremo operare nel medesimo percorso  ma nella sezione HKEY_LOCAL_MACHINE.

Errore di pagina nel modulo Mshtml.dll
Iexplorer ha causato un errore nel modulo Mshtml.dll. Cosa significa?
Questo problema deriva normalmente da una configurazione non corretta del file Win386.swp (il file di memoria virtuale). Dobbiamo verificare che questo file non sia di sola lettura. La posizione del file Win386.swp varia a seconda delle impostazioni di Windows: possiamo modificarle per fare in modo che Windows gestisca o meno da solo la memoria virtuale. Per semplificarci la vista, lanciamo una ricerca di questo file in modo da trovarlo subito. Clicchiamo su Start - Cerca e scriviamo win386.swp. Quando il file compare, clicchiamoci sopra con il tasto destro del mouse, quindi proprietà. Nella finestra che compare, non deve esserci il segno di spunta su Sola lettura.

Windows XP e i dischi fissi dinamici
Che differenza c'è fra i dischi base e i dischi dinamici?
Windows XP riconosce due tipi di dischi fissi, quelli base e quelli dinamici. Il primo comprende il normale standard che può contenere fino a quattro partizioni primarie al cui interno è possibile creare un numero illimitato di unità logiche. I dischi dinamici, a differenza di quelli base, consentono di aumentare le dimensioni di un volume con la possibilità di estenderlo anche ad altri dischi. Possiamo creare tipi di volumi dinamici. Quelli semplici, per esempio, vengono visualizzati come partizioni primarie su un disco di base. I volumi con "spanning", invece, contengono aree di spazio su più dischi unite in un unico volume. Essi possono impegnare da 2 a 32 dischi differenti, ma possono essere estesi solo a volumi NTFS o non formattati. I volumi con "Striping" aumentano invece le prestazioni dei dischi fissi suddividendo le operazioni tra più periferiche. Tuttavia, questi ultimi non possono essere estesi. I volmi con "Mirroring" sono disponibili solo con le versioni server di Windows e consistono in due volumi che ne compongono uno singolo, risultando quindi come due copie identiche l'uno dell'altro. Infine, possiamo creare i volumi di tipo "Raid 5", una vita di mezzo tra quelli striping e quelli mirroring.

Installare i driver Serial Ata senza floppy disk
Coma fare ad installare il sistema operativo su un disco Serial Ata, quando i driver sono su cd e non si ha a disposizione un lettore floppy disk?
La soluzione è relativamente semplice. In tutte le schede madri recenti il BIOS preconfigura in emulazione IDE il controller SATA integrato nel chipset, quindi il setup di Windows dovrebbe inizializzarlo come driver IDE standard. I controller RAID SATA continuano ad aver bisogno dei driver da caricare durante l'installazione. Esistono due possibilità: o la scheda madre contiene un bio che permette di rilevare come disco A un floppy drive USB esterno, oppure il boot di WIndows da Raid IDE è semplicemente non supportato. Questo è il caso di molti controller Raid integrati in schede madri economiche, che servono solo per i dischi diversi da quello di boot. In questo caso sarà molto difficile l'installazione del sistema operativo. Questo problema non dovrebbe verificarsi in Windows Vista, poichè il sistema operativo riconosce in maniera nativa i controller S-ATA.
L'alternativa è creare un cd modificato appositamente con i driver del controller (guardare la sezione tips su windows xp - cercare
Inglobare il Service Pack nell'installazione di Windows)

Come cambiare il nome dell'utente e della società dopo l'installazione
1. Fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Esegui.
2. Nella casella Apri digitare regedit, quindi scegliere OK.
3. Individuare la seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion
4. Per cambiare il nome della società, attenersi alla seguente procedura:
Nel riquadro destro fare doppio clic su RegisteredOrganization. In Dati valore digitare il nome desiderato, quindi scegliere OK.
5. Per cambiare il nome del proprietario registrato, attenersi alla seguente procedura:
Nel riquadro destro fare doppio clic su RegisteredOwner. In Dati valore digitare il nome desiderato, quindi scegliere OK.
6. Scegliere Esci dal menu File per chiudere l'editor del Registro di sistema.

Vedere i DVD con Media Player 9
Alcune volte per vedere i DVD sul computer si ricorre ad applicazioni che, sebbene abbiano molte funzionalità e qualità audio e video indiscutibili, hanno un costo non sempre contenuto.
Chi ha aggiornato sul proprio PC Windows Media Player 9, dispone di un ottimo lettore DVD, con funzioni avanzate per la regolazione della qualità video e audio.
Con questo programma è possibile persino usare gli impianti surround dotati di decodificatore Dolby Digital o DTS, per ottenere la massima qualità audio.
Per usare Media Player come lettore DVD, aprite il programma e spuntate, al menù "Strumenti/Opzioni/Tipi di file", la casella "Video DVD".
Inoltre, al menù "Strumenti/Opzioni" di Media Player, clicando sul pulsante "Avanzate" nella sezione "DVD", è visualizzato il Pannello di controllo che permette di modificare ogni impostazione dei filtri audio presenti nel sistema.

Strumento Cerca che non funziona
Può capitare, a volte, che lo strumento "Cerca" di Windows smetta di funzionare.
Per reinstallarlo seguite queste istruzioni.
Da "Start/Esegui" scrivete inf e poi nella cartella INF che appare in una schermata di "Esplora risorse" individuiamo il file srchasst.inf.
Se non vedete nulla, prima dovrete andare in "Strumenti/Opzioni Cartella/Visualizzazione" e spuntare la voce "Visualizza cartelle e file nascosti".
Quindi disabilitate le opzioni "Nascondi i file protetti di sistema" e "Nascondi le estensioni per i tipi di file cocnosciuti".
A questo punto, quando avrete individuato il file INF, selezionatelo col tasto destro del mouse e, dal menù contestuale che appare, cliccate su "Installa".
Vi verrà chiesto di inserire il Cd originale di Windows nel lettore del Pc.
Pochi secondi e il file di sistema verrà ripristinato: lo strumento "Cerca" dovrebbe ora funzionare.
Se non dovesse bastare, aprite un nuovo documento con il Blocco note e incollateci la stringa (su un'unica riga, senza a-capo):
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Explorer\Desktop\
NameSpace\{e17d4fc0-5564-11d1-83f2-00a0c90dc849}]@="Search Results Folder".
Salvate il file così creato con un nome qualsiasi purchè abbia estensione .reg. Infine cliccateci sopra due volte.

Come Cambiare il product-key di XP da registro
* Posizionarsi sul ramo HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\wpaevents
* Selezionare a destra la chiave OOBETimer, e cliccare su Modify
* Cambiare almeno un valore per disattivare Windows e confermare
* Chiudere il Regedit
* Andare nella directory "%systemroot%\system32\oobe e digitare: msoobe.exe /a"
* Selezionare la modalità di attivazione telefonica per attivare Windows cliccando su Yes e poi next
* Selezionare Change Product Key
* Inserire un Product Key Corporate valido
* Selezionare Update e chiudere la finestra
* Nella finestra precedente selezioanre Remind me later
* Riavviare il pc
Verificare i cambiamenti
* Dopo il riavvio de pc andare nella directory "%systemroot%\system32\oobe e digitare: msoobe.exe /a"
* Nel caso in cui l'aggiornamento sia andato a buon fine nella dialog box ci sarà scritto: "your copy of windows is already activated"

Cambiare le icone associate alle unità disco
Windows 2000 consente di associare icone differenti rispetto a quelle standard alle varie unità disco installate.
Avviate l'Editor del "Registro di sistema".
Portatevi in corrispondenza della chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\ Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer
Dal menù "Modifica" selezionate "Nuovo", "Chiave".
Denominate la chiave appena creata "DriveIcons".
Selezionate la chiave "DriveIcons" e scegliete ancora dal menù "Modifica" la voce "Nuovo" quindi "Chiave" ed attribuite come nome la lettera associata all'unità disco della quale desiderate modificare l'icona, ad esempio C (senza i due punti [:]).
Selezionate la chiave appena inserita e create al suo interno una nuova sottochiave selezionando dal menù "Modifica", la voce "Nuovo", quindi "Chiave".
Attribuite alla nuova chiave il nome "DefaultIcon". Nel pannello di destra selezionate la stringa "Predefinito".
Fate doppio clic sulla stringa "Predefinito" e specificate, all'interno del campo "Valore", il nome del file di libreria (DLL) contenente l'icona da associare all'unità disco.
Per esempio, se volete inserire la decima icona contenuta all'interno del file icons.dll digitate: icons.dll,-10. Fate clic sul pulsante OK. Chiudete l'Editor del Registro di sistema ed infine premete il tasto F5.

Impossibile creare un collegamento
Lanciamo Regedit, e cerchiamo le righe HKEY_CLASSES_ROOT quindi su .lnk e fra le diverse cartelle visualizzate subito sotto clicchiamo su quella chiamata ShellNew. Nella parte destra della finestra, cerchiamo la riga Command. Se la troviamo, passiamo alla fase successiva. Se invece non c'è dovremo crearla noi. Clicchiamo con il tasto destro del mouse su un punto vuoto della parte destra della finestra e nel menu visualizzato selezioniamo Nuovo e quindi clicchiamo su Valore Catena. Quando compare la riga Nuovo valore #, rinominiamola scrivendo al suo posto la parola Command, quindi premiamo il tasto Invio e passiamo alla fase successiva.
La fase successiva, consiste nel cliccare due volte sulla riga Command, quindi, nel campo di testo della finestra seguente, scriviamo, rispettando gli spazi:
RunDLL32.exe AppWiz.cp,NewLinkHere %1
e clicchiamo su OK. Se anche così non succede niente, sostituiamo %1 con %2. In questo modo potremo riabilitare la creazione dei collegamenti.

Installazione di Windows XP su architettura PCI-Express (Scheda video).
Durante l'installazione compare un messaggio di errore "stop:0x0000007e nel driver Pci.sys".
Alcuni portatili, come Fujitsu-Siemens Amilo Pi1505, sono caratterizzati da un'architettura basata sul bus PCI-Express. La grafica integrata fa uso dell'Intel Graphic Media Accelerator 950 PCI Express con 128 MByte di memoria video condivisa. L'errore nel modulo "pci.sys" durante l'installazione di Windows XP è dovuto al fatto che il sistema operativo sta cercando di gestire un bus PCI express con un driver progettato per il bus PCI. Ciò porta a un errore irreversibile. Il supporto per le architetture PCI Express è stato implementato in Windows XP a partire dal Service Pack 2 e quindi necessario utilizzare, per l'installazione, un cd-rom che integri direttamente questo aggiornamento. Non è possibile installare una versione precedente di Windows Xp e procedere successivamente al caricamento del Service Pack 2. Se non si ha a disposizione un cd-rom di installazione che comprenda già il SP2 sarà necessario crearlo con le apposite utility di slipstreaming. Alcuni utenti hanno segnalato di essere riusciti ad installare Windows XP SP1 in computer da scrivania dotati di PCI Express, ma solo dopo aver disabilitato da bios utte le funzionalità relative a questo bus e aver installato una scheda grafica PCI. Questa procedura non è ovviamente applicabile alle schede madri che non forniscono connettori PCi per le periferiche legacy.

Ripristinare il menu "Invia a..."
Lanciare Regedit.
Cercare la Chiave HKEY_CLASSES_ROOT\AllFilesystemObjects\shellex\ContextMenuHandlers
Tasto destro, Nuovo , Chiave. Digitare "Send To" (senza virgolette, rispettando le lettere maiuscole/minuscole e gli spazi), premere Enter (invio). Doppio clic nella metà destra della finestra sulla voce "Predefinito" e digitale il seguente numero (Dati valore): {7BA4C740-9E81-11CF-99D3-00AA004AE837} e premere invio. Chiudere il file di registro e riavviare il pc. La voce Invia a dovrebbe essere di nuovo disponibile.

Nascondere i "Documenti condivisi"
Aprire il file di registro con Regedit
Portarsi sulla chiave di registro:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies
Click sulla voce Explorer. Nella metà destra della finestra fare un clic col tasto destro del mouse su un punto libero. Tasto destro, Nuovo - Valore DWORD. Digitare NoSharedDocuments (riprodurre esattamente la scritta senza spazi e con le maiuscole/minuscole), premere invio. Facendo doppio click sulla voce appena creata, il valore dovrà essere, in esadecimale, 1. Chiudere il file di registro e riavviare il pc.

Come installare un sistema RAID
Scegliendo la modalità RAID 1 (chiamata anche "mirror", ovvero "specchio") il secondo disco diventa una copia di riserva del primo, aggiornata automaticamente in tempo reale.
RAID1 non porta vantaggi immediati, anzi rallenta il computer perchè ogni dato deve essere scritto due volte (la prima sul disco principale e la seconda sul disco mirror), ma ha il grande pregio che se il primo disco si guasta, i dati sono salvi perchè si trovano anche sul secondo disco. E' ovvio che se si imbarca un virus, questo verrà replicato sul secondo disco.
La modalità RAID0 (chiamata anche stripe) accoppia i dischi diversamente: selezionandola, Windows vedrà un solo disco con capacità pari alla somma dei due dischi di partenza e velocità leggermente superiore a quella di un disco singolo.
La modalità RAID è quindi un modo vantaggioso per mettere frutto la presenza del secondo disco, però ha alcuni difetti. Il primo è che nell'istante in cui si attiva il RAID nel setup del BIOS, si perdono i dati contenuti in entrambi i dischi, che il PC interpreta come vergini e non formattati. Bisogna perciò eseguire sempre il backup di tutti i dati e avere a portata di mano il disco con il sistema operativo e i driver di periferica prima di attivare il RAID.
Un altro limite del RAID è che richiede un driver software speciale, che generalmente non è incluso nel CD di installazione del sistema operativo. Di solito è su un dischetto inserito nella confezione del computer o della scheda madre, che è indispensabile per portare a termine la reinstallazione di Windows XP. Quando il setup di Windows invita a premere F6 per installare i driver del controller SCSI, inserire il floppy con i driver RAID nel computer (i controller S-ATA vengono visti come controller esterni/SCSI), premere il tasto F6 e eseguire la procedura. Se il dischetto non è disponibile, prima di installare il secondo disco e attivare il RAID si dovrà scaricare il software dal sito Web del costruttore del computer o di quello della scheda madre/controller). La formattazione dei dischi RAID non è standard.
Se vogliamo cambiare la scheda madre, o il controller dei dischi, bisogna prima eseguire un backup completo dei dati e dei programmi, perchè collegando i dischi ad un controller o ad una scheda differente appariranno come vuoti e non formattati. Questa è una beffa soprattutto per chi sceglie RAID 1 per la sicurezza dei dati, in quanto se si guasta la scheda madre e un modello identico non è disponibile, i dati vanno persi. L'ultimo difetto del RAID è che se i dischi non sono identici, il meno capiente o il più lento dei due prevale. Per esempio, se il nuovo disco è da 250 Gb mentre quello originale è da 160 Gb, ai fini del RAID è come se avessimo comperato un secondo hard disc da 160 Gb: la capacità aggiuntiva non è utilizzabile. Questo difetto è insormontabile nel caso della modalità RAID1, mentre il setup di certi BIOS gestisce una modalità RAID speciale che permette di usare dischi con capacità diversa: è indicata come modalità JBOD.

Eliminare i riferimenti ad applicazioni già disinstallate
Può capitare che, all'interno della finestra "Installazione applicazioni di Windows", accessibile dal "Pannello di controllo", rimanga il riferimento ad una o più applicazioni ormai già disinstallate.
E' possibile eliminare eventuali riferimenti ad applicazioni già disinstallate ed ancora presenti nella finestra "Installazione applicazioni" nel seguente modo.
Avviate l'Editor del Registro di sistema (Avvio/Start, Esegui, REGEDIT) e portatevi in corrispondenza della chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Uninstall
A questo punto, cancellate la voce corrispondente al programma di cui vi siete già liberati. Tenete presente comunque che ad alcuni programmi viene associato un identificativo alfanumerico.
Verificate il valore associato alla stringa DisplayName per riconoscere la chiave di vostro interesse.

Aggiungere una stampante di rete
Se disponete di stampanti di rete alle quali è stato associato un indirizzo IP, potete renderle utilizzabili da qualunque client Windows XP collegato seguendo un semplice procedimento.
Cliccate su Start - Stampanti e fax quindi sul link "Aggiungi stampante".
Premete il pulsante "Avanti", selezionate l'opzione "Stampante locale collegata al computer" (disattivando la casella "Rileva e installa stampante Plug and Play automaticamente"), cliccate ancora su "Avanti", selezionate "Crea nuova porta" e come tipo di porta "Standard TCP/IP Port".
Cliccando ancora una volta su "Avanti" sarà sufficiente inserire, a questo punto, l'indirizzo IP della stampante di rete ed il nome da associare alla porta.
In seguito inserire i drivers della stampante.

Aggiungere il comando Apri con...
Esiste un modo per far sì che la voce "Apri con..." sia presente all'interno del menù contestuale.
Aprite l'Editor del Registro di sistema (Avvio/Start , Esegui... , REGEDIT) quindi cercate la chiave: HKEY_CLASSES_ROOT\Unknown\shell\openas\command\
Fate quindi doppio clic sulla stringa "(Predefinito)" situata nel pannello di destra.
Comparirà la finestra "Modifica stringa".
Selezionate il contenuto del campo "Valore".
Quindi premete CTRL+C.
Premete il pulsante "Annulla".
Portatevi in corrispondenza della chiave: HKEY_CLASSES_ROOT\*
Fate clic con il tasto destro del mouse su di essa e scegliete "Nuovo, Chiave".
Nominate la nuova chiave creata "shell".
Fate clic con il tasto destro del mouse sulla chiave "shell" appena creata quindi scegliete ancora "Nuovo , Chiave".
Questa volta attribuite il nome "openas" alla nuova chiave inserita.
Fate clic con il tasto destro del mouse sulla chiave "openas" e selezionate "Nuovo , Chiave".
Denominate la chiave aggiunta "command". A questo punto cliccate due volte sulla stringa "(Predefinito)" presente nel pannello di destra. Nel campo "Valore", all'interno della finestra "Modifica stringa" premete CTRL+V. Confermate premente il pulsante OK e chiudete l'Editor del registro.
Nel menù contestuale, facendo clic con il tasto destro su di un qualunque file, sarà sempre presente la voce "Apri con...".

Il nome delle mie icone è scritto su fondo blu
Ci sono due possibili cause all'origine di questo problema quindi anche le soluzioni possono essere due:
Soluzione 1: Clicchiamo con il tasto destro del mouse sull'icone Risorse del computer e selezioniamo la voce proprietà. Nella nuova finestra andiamo sulla scheda Avanzate e clicchiamo sul pulsante Impostazioni nel riquadro Prestazioni. Nella finestra successiva selezioniamo la scheda Effetti visivi, controlliamo che la voce "usa ombreggiatura per le etichette delle icone sul desktop sia selezionata e clicchiamo su OK due volte di seguito per chiudere tutte le finestre.
Soluzione 2: clicchiamo con il tasto destro del mouse sul desktop e selezioniamo la voce Proprietà. Nella finestra che compare clicchiamo sulla scheda Desktop e poi su Personalizza desktop. Nella finestra successiva selezioniamo Web, assicuriamoci che la voce "Blocca oggetti del desktop" sia deselezionata e clicchiamo due volte su OK.

Installare su Windows XP una periferica che funzionava solo su Windows 2000
Per installare in Windows XP un dispositivo che funziona solo con Windows 2000, evitando problemi certi, basta andare alla stringa nel registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion
aprire la stringa ProductName, sostituendo 2000 al posto di XP nel nome di windows. Dopo l'installazione dei driver, e prima di riavviare il sistema, riportate il nome alla versione originale. In questo modo, "inganneremo" il dispositivo e faremo in modo che non riesca a comprendere che stiamo utilizzando XP e non Windows 2000.

Ripristinare il settore di avvio su un hard disk NTFS
In windows NT/2000/XP/2003 è possibile riparare il settore di avvio dell'hard disk, usanod il comando FIXBOOT, che riscrive il record di avvio eliminando quello non funzionante. Questo tool è disponibile sollo dalla console di ripristino di emergenza, cui si può accedere avviando il PC dal disco di ripristino o di installazione.

Limiti di utilizzo di una licenza OEM
Quale differenza fra la versione in scatola e quella OEM (cd+adesivo con numero seriale)?
La versione in scatola di Windows (indifferentemente da Vista o XP) si chiama anche retail e dà diritto ad eseguire la reinstallazione di windows un numero illimitato di volte su qualsiasi pc, a patto di disinstallare windows dal vecchio pc prima di installarlo sul nuovo. Dopo alcune reinstallazioni Microsoft disattiva la modalità di attivazione automatica tramite internet e bisogna eseguire l'attivazione telefonica, ma non si verificano altri inconvenienti.
La versione OEM dà diritto di installare Windows su un singolo pc ma, cambiando la scheda madre o altri componenti significativi, si disattiva automaticamente e bisogna ricomprarla.
L'etichetta può essere trasferita e/o rivenduta?
Non può essere trasferita da un computer ad un altro. La sola etichetta con il numero product key non è una licenza di Windows valida, ma un metodo improvvisato per simulare il possesso di una licenza di Windows originale. Normalmente le etichette sono contraffatte oppure staccate con il phon da un vecchio pc aziendale avviato alla rottamazione. In entrambi i casi il codice product key è già stato indissolubilmente legato alla scheda madre del computer da cui proviene l'etichetta e quindi non può essere riattivato.

Rimuovere l'invadente Windows Genuine Advantage
Vogliamo disattivare questo tool. Questo tool controlla la licenza del sistema operativo e avvisa l'utente nel caso in cui stia usando una versione illegale. Per liberarsi di questo tool occorre innanzitutto disattivarlo nel file di registro . In seguito si può rimuovere la registrazione dei file DLL e infine cancellarli. Procedere come segue:
aprire l'editore di registro, digitando da Start - Esegui - Regedit.exe
Cercare la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Winlogon\Notify
Selezionare quindi la sottochiave WGALogon e cancellarla. Confermare il messaggio con Yes e chiudere il Registry.
In esplora Risorse aprire la cartella c:\windows\system32 e rinominare i files modificando il nome in .old: wgalogon.dll, wgatray.exe
Riavviare il computer. In seguito cancellare la registrazione del file "LegitCheckControl.dll", utilizzando Start - Esegui:
regsvr32 %windir%\system32\LegitCheckControl.dll /u
e premere invio. Aprire il prompt dei comandi (Start - Esegui  digitare cmd)
del %windir%\system32\Wgalogon.old
del %windir%\system32\WgaTray.old
del %windir%\system32\LegitCheckControl.dll
Confermare con invio e uscire digitando "exit". Riaprire il file di registro (regedit) andare sulla seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion\Winlogon\Notify
Cancellare la sottochiave WgaLogon ricreata da Windows durante questo procedimento. Andare alla chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Uninstall
e anche qui cancellare la sottochiave Wga. Una volta chiuso il Registry, il tool sarà stato completamente rimosso.
NOTA: se windows tenta di installare di nuovo il tool, non accettare il contratto di licenza in modo da evitare l'installazione. Ciò non interferisce con alcuna funzione del sistema.

Avviare velocemente la finestra di dialogo ESEGUI
Tasto windows (bandierina) + R

Tasti scorciatoia
Digitare:
%windir%\help\keyshort.chm

Sfogliare la rete velocemente?
Normalmente quando si tenta di sfogliare la rete con Windwos XP si aspetta un qualche secondo (anche 30) prima di vedere qualcosa in quanto vengono cercati i computer
remoti presenti nelle operazioni pianificate
Per eliminare questo piccolo inconveniente:
Start
Esegui...
Regedit
cercare la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE/Software/Microsoft/Windows/Current Version/Explorer/RemoteComputer/NameSpace
selezionare la sottochiave:
{D6277990-4C6A-11CF-8D87-00AA0060F5BF}
Esportare la chiave sopraindicata (copia di backup)
Eliminare tale chiave (pulsante destro del mouse sulla chiave, quindi scegliere Elimina)

Comandi disponibili da Start->Esegui
Ecco la lista dei comandi di Windows, disponibili da Start -> Esegui.
CERTMGR.MSC Gestione certificati
CLEANMGR Pulitura disco
CMD Accede al prompt del dos
COMPMGMT.MSC Gestione computer
DCPROMO Inizia l'installazione di active directory
DEVMGMT.MSC Gestione periferiche
DISKMGMT.MSC Gestione supporto dati
DXDIAG Diagnostica directx
EVENTVWR Visualizzatore eventi
FSMGMT.MSC Condivisione cartelle
GPEDIT.MSC Criteri di gruppo
IEXPRESS Creare archivi autoestraenti e autoinstallanti
LUSRMGR.MSC Gestione utenti locali e gruppi
MPLAYER2.EXE MediaPlayer 6.4
MSCONFIG Utilità configurazione microsoft
NETSH DIAG GUI Diagnosi delle connessioni di rete
NTMSMGR.MSC Gestione dischi rimovibili
PERFMON Prestazioni
REGEDIT Registro di sistema
REGEDT32 Registro di sistema
SECPOL.MSC Impostazioni di sicurezza
SERVICES.MSC Servizi
SHUTDOWN Arresta il sistema
SYSEDIT Apre in modifica tutti i file critici
TASKMGR Task manager windows
WINVER Mostra la versione di windows installata sul pc

Riabilitare l´anteprima immagini di windows
Alle volte può capitare che dopo un installazione o una disisnstallazione di qualche programma, oppure anche senza motivo, Windows perda la sua funzione di anteprima delle immagini nelle directory.
Questa funzione è facilmente riattivabile utilizzando il file qui allegato. E' un file .REG, quindi un file che agisce nel registro di Windows, e che rimette alle impostazioni di default le voci relative all'anteprima immagini.
Il file è stato testato su tutti i SO Windows che supportano questa funzione.
Scarica qui
REGEDIT4
[HKEY_CLASSES_ROOT\.art\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.art\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.bmp\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.bmp\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.dib\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.dib\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.gif\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.gif\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jfif\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jfif\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpe\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpe\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpeg\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpeg\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpg\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.jpg\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.png\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.png\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tif\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tif\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tiff\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tiff\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.wmf\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.wmf\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{7376D660-C583-11d0-A3A5-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.cdr\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.cdr\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.cgm\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.cgm\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.dfx\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.dfx\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.drw\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.drw\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.emf\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.emf\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.eps\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.eps\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pcd\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pcd\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pct\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pct\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pcx\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.pcx\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tga\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.tga\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\.wpg\ShellEx]
@=""
[HKEY_CLASSES_ROOT\.wpg\ShellEx\{BB2E617C-0920-11d1-9A0B-00C04FC2D6C1}]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\Shell.ThumbnailExtract.Office.1\CLSID]
@="{1AEB1360-5AFC-11d0-B806-00C04FD706EC}"
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}]
@="Office Graphics Filters Thumbnail Extractor"
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}\InprocServer32]
@="C:\\WINDOWS\\SYSTEM\\THUMBVW.DLL"
"ThreadingModel"="Apartment"
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}\ProgID]
@="Shell.ThumbnailExtract.Office.1"
[HKEY_CLASSES_ROOT\CLSID\{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}\VersionIndependentProgID]
@="Shell.ThumbnailExtract.Office.1"
[HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Shell Extensions]
@=""
[HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Shell Extensions\Approved]
@=""
"{1AEB1360-5AFC-11D0-B806-00C04FD706EC}"="Office Graphics Filters Thumbnail Extractor"

Posso cambiare il percorso di installazione di Windows
Se si ha la necessità di cambiare il percorso di installazione di Windows avviare Regedit e andare alla voce: “HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Setup” trovare la stringa “SourcePath” e cambiare il suo valore.

Alla partenza di Windows si avviano programmi nella systray che non voglio, come li posso disabilitare?
La maggior parte dei software nella systray parte in automatico dal registro di configurazione sotto la chiave: “HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run”
Elimina la voce del programma che vuoi disabilitare.

Il comando Invia a... Destinatario di posta non funziona
Quando faccio click su un file e scelgo l'opzione Invia a... Destinatario di posta elettronica, l'e-mail non si crea.
Cause
Questo accade a causa di una delle seguenti ragioni
- Il client di posta non è settato
- La DLL MAPI nel percorso all'interno del registro per il client è mancante.
Soluzione
Click su Start, Esegui e scrivere:
regsvr32 sendmail.dll
Successivamente impostare il client di default. Per settare il client di posta di default eseguire i seguenti comandi:
"%ProgramFiles%\Outlook Express\MSIMN.EXE" /REG
e subito dopo:
regsvr32 "%ProgramFiles%\Outlook Express\msoe.dll"
Per un altro clint di posta elettronica, utilizzare Internet Explorer, Opzioni Internet, Programmi

Come rimuovere l'icona Documenti Condivisi
Windows XP visualizza nella finestra "Risorse del computer" la cartella "Documenti condivisi".
Per eliminare tale icona avviate l'Editor del registro di sistema (Start , Esegui... , REGEDIT) quindi portatevi in corrispondenza della chiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\ SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion
\Explorer\My Computer\NameSpace\DelegateFolders
Troverete all'interno della chiave DelegateFolders una sottochiave denominata:
59031a47-3f72-44a7-89c5-5595fe6b30ee
Cancellando tale chiave tutte le cartelle Documenti condivisi scompariranno.
Per rendere attive le modifiche chiudete l'Editor del registro e riavviate il computer.

Creazione di una nuova e-mail da riga
 Per creare una nuova e-mail senza dover lanciare il client di posta elettronica, basta digitare da Start - Esegui il seguente comando:
mailto:email@dominio.it (sostituendo ovviamente email@dominio.it dall'email della persona a cui vogliamo inviare l'email

Come eliminare i vecchi 'ripristini' di configurazione
Un utente ci sottopone il seguente quesito riguardante il "Ripristino di Configurazione di Sistema" di Windows:
"Vorrei sapere se esiste un modo per eliminare i vecchi ripristini, e quindi tenerne solo uno, l'ultimo..."
Per ottenere questo risultato, da Risorse del computer cliccate con il tasto destro del mouse sul disco di sistema, poi su Proprietà, poi sul pulsante "Pulitura disco". Nella finestra che appare dopo il calcolo, selezionate la scheda Altre opzioni ed infine cliccate sul pulsante "Esegui pulitura..." in corrispondenza della sezione Ripristino di configurazione di sistema.
Grazie a questo sistema potrete eliminare i vecchi "ripristini" mantenendo soltanto l'ultimo.

Aggiungere una stampante di rete
Se disponete di stampanti di rete alle quali è stato associato un indirizzo IP, potete renderle utilizzabili da qualunque client Windows XP collegato seguendo un semplice procedimento.
Cliccate su Start, Stampanti e fax quindi sul link Aggiungi stampante.
Premete il pulsante "Avanti", selezionate l'opzione Stampante locale collegata al computer (disattivando la casella Rileva e installa stampante Plug and Play automaticamente), cliccate ancora su "Avanti", selezionate Crea nuova porta e come tipo di porta Standard TCP/IP Port.
Cliccando ancora una volta su "Avanti" sarà sufficiente inserire, a questo punto, l'indirizzo IP della stampante di rete ed il nome da associare alla porta.

Eliminare intere cartelle da riga di comando
Il comando DOS "deltree" per la cancellazione di intere directory è stato sostituito da comando rd /s. rd /s /q evita la domanda di sicurezza.

Salvare e ripristinare le impostazioni del firewall
L'ottimizzazione del firewall integrato è impegnativa: bisogna configurare le eccezioni, aprire determinate porte, per esempio per l'instant messaging, e così via. Microsoft non ha previsto la possibilità di esportare la configurazione su un altro sistema o di salvarla per una nuova installazione. Il firewall di XP gestisce tutte le impostazioni definitive dall'utente, così come quelle che "impara" nel tempo, in due chiavi del Registry, divise in base ai programmi autorizzati e alle porte aperte. Poichè non esiste alcuna funzione per il salvataggio del profilo del firewall, come backup si possono soltanto esportare questi dati dal registro. Con start - Esegui - Regedit avviare l'editor del registro. Sotto la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Services\SharedAccess\Parameters\FirewallPolicy\StandardProfile\AuthorizedApplications\List si trovano tutte le applicazioni per le quali è stata definita un'eccezione del firewall. Selezionare la chiave e aprire File - Esporta. Nella finestra di dialogo successiva digitare un nome, come "firewall". Nell'intervallo di esportazione, verificare che l'opzione Selezione sia attiva e che sia riportata la chiave selezionata. Facendo clic su Salva, si crea il primo file .Reg per il salvataggio. Ora esportare la chiave "..\StandardProfile\Globally-OpenPorts\List" in un altro file Reg come descritto in precedenza, per salvare la configurazione delle prote aperte. Se in seguito si desidera importare di nuovo le impostazioni, è sufficiente fare doppio clic sul file corrispondente in Esplora Risorse. Con questa copia di backup, ora si può ripristinare facilmente la configurazione del firewall, per esempio dopo la nuova installazione del sistema operativo, oppure trasferirla su altri computer. Se si possiede per esempio un notebook con una configurazione simile o si devono applicare le stesse impostazioni a più computer di un gruppo di lavoro, si risparmia molto tempo. Con questo metodo, si possono anche definire facilmente vari profili del firewall epr diverse applicazioni sullo stesso sistema e attivare uno o l'altro, a seconda delle necessità.

Terminare immediatamente i processi da riga di comando.
Alcuni programmi interrompono il lavoro in primo piano ma continuano a consumare risorse in background e sono infatti visibili come processi nel Task Manager. In mancanza di alternativa l'utente continua ad utilizzarli e, dopo un crash, deve preoccuparsi di terminare il processo nel TaskManager. Il comando "taskkill" esegue lo stesso compito, anche se soltanto in Windows XP Professional, e può essere avviato dal prompt. Se si deve arrestare spesso il processo di un programma utile ma instabile, si può programmare un file batch. Sarà quindi sufficiente un doppio clic e il processo si dileguerà nel nulla. Per terminare, per esempio il processo di access, in base al nome indicato "msaccess.exe", usare "taskkill /IM msaccess.exe" (senza virgolette). Attenzione, però: se esistono più processi con lo stesso nome, il comando termina tutti senza chiedere conferma (tipo il task  svchost). Con il parametro /FI si procede in modo più sicuro: offre la possibilità di descrivere il processo con l'inserimento di un filtro specifico. Un filtro utile è, per esempio, WINDOWTITLE: in tal modo si definisce il processo in base al titolo della finestra. Se per esempio ci sono più istanze aperte di Blocco note e si desidera terminare solo quella che contiene il documento pippo.txt, basta guardare il titolo della sua finestra, cioè pippo.txt - Blocco note e utilizzare il seguente comando:
taskkill /FI "WINDOWTITLE eq pippo.txt - Blocco Note" in cui con "eq" si indica che il titolo deve essere uguale alla stringa che segue. Con taskkill /?, windows fornisce altri parametri e informazioni riguardo questo comando.

/F forza la chiusura
/FI <Filter> termina il processo descritto da un filtro
/PID <ID processo> termina un processo in base al suo Pid (IP Processo)
IM <NOME> termina i processi in base ai loro nomi (per esempio msaccess.exe o notepad.exe)
/T termina il processo indicato e i relativi sottoprocessi

Eliminare i nomi sotto le icone del desktop
Basta fare clic sull'icona e con il tasto destro selezionare Rinomina (oppure basta schiacciare F2). Ora tenere premuto il tasto ALT e, sul tastierino numerico, digitare la combinazione di numeri "0160" (è spazio vuoto). Rilasciare il tasto ALT e confermare con l'invio. L'etichetta è sparita. In realtà il nome c'è, ma è costituito da un carattere speciale chiamato "non breaking space", ovvero uno spazio che non viene considerato tale ai fini dell'a capo. Se volessimo rinominare più icone in questa maniera, dovremo seguire la seguente procedura:
1a icona: ALT+0160
2a icona: ALT+0160 ALT+0160 (quindi digitare due volte)
3a icona: ALT+0160 ALT+0160 ALT+0160  e così via....

Eliminare il messaggio di "spazio esaurito".
Andare su file di registro (REGEDIT.EXE) e andare su:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\Explorer\
e (se non esiste già) aggiungere una voce (senza virgolette) "NoLowDiskSpaceChecks"
e cambiare il valore in 1. Riavvarie il pc

Rendere più efficiente il file System NTFS
Esistono due trucchetti che permette di rendere più efficiente in nostro filesystem NTFS.
Esiste un caratteristica non necessaria del filesystem che aggiorna il timestamp ad ogni passaggio dell'indice.
Per disabilitarla occorre modificare il valore 'DisableNTFSLastAccessUpdate' a 1 che si trova alla posizione:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\FileSystem.
Inoltre, NTFS utilizza molitissime tabelle per memorizzare le azioni eseguite nei nostri drive. Con il tempo crescono e deframmentano tanto da far diminuire le prestazioni.
E'possibile disabilitare questa caratteristica aggiungendo un nuovo valore DWORD alla posizione precedente chiamandolo 'NtfsMftZoneReservation' e impostando il suo valore a 2.

Per stampare l'elenco dei file di una cartella
Apri il Prompt dei comandi.
Scrivi dir c:\cartella >lista.txt sostituendo a cartella il nome reale
della cartella che si desidera.
Aprire ora il notepad e aprire il file lista.txt che si trova
nella cartella desiderata e stamparlo.

Un trucco per migliorare le prestazioni della memoria
Queste impostazioni servono a ottimizzare l'uso della memoria. Sono richiesti, però, almeno 256MB RAM. Avviamo Regedit ("Start" -> "Esegui" -> "Regedit + INVIO") e posizioniamoci sulla chiave: HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Session Manager\Memory Management 1.DisablePagingExecutive : doppio click e nel valore decimale mettaimo 1. Questo permette a XP di mantenere i dati nella memoria anzichè nei file di paging. 2.LargeSystemCache : doppio click e cambiamo il valore decimale a 1. Questo permette migliori prestazione delle funzioni del Kernel di Windows XP. 3. Creiamo una DWORD chiamata "IOPageLockLimit" impostando un valore esadecimale di 4000 se abbaimo 128MB, 10000 se abbiamo 256MB e 40000 se abbiamo più di 512MB. Questo accorgimento velocizza la cache su disco.
Riavviamo il sistema per rendere effettivi i cambiamenti.

Blocco della Homepage
Creare un file di testo con estensione .reg ed inserire le seguenti righe.
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\Internet Explorer\Control Panel]
"HomePage"=dword:00000001
Per SBLOCCARLA:
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\Internet Explorer\Control Panel]
"HomePage"=dword:00000000

Riottenere l'accesso alla cartella Documenti dopo una nuova installazione
Si è installato Windows "sopra" una precedente installazione, oppure in una diversa partizione. Il nuovo sistema però non permette più di accedere alla cartella Documenti utilizzata precedentemente.
Per poter nuovamente accedere alla cartella, bisogna riottenere i diritti di accesso ad essa ed ai file contenuti. Effettuare il login al sistema come Amministratore e disattivare la Condivisione file semplificata (solo in Windows XP Pro). Aprire a tal fine Esplora risorse e selezionare Strumenti - Opzioni cartella; poi, nella scheda Visualizzazione disattivare con un clic  l'opzione Utilizza condivisione file semplice, confermando col clic su OK. Quindi clic destro su Documenti e selezionare Proprietà. Nella scheda Protezione fare clic su Avanzate e aprire la scheda Proprietario. Nella casella Nome selezionare il proprio nome utente oppure il gruppo Administrators (ovvero gli amministrati di sistema). Attivare la casella Sostituisci proprietario in sottocontenitori ed oggetti. Confermare con un clic su Applica e su OK, infine rispondere Sì al messaggio. Ora coi diritti di Amministratore dovrebbe essere possibile l'accesso ai dati.
E' possibile comunque anche impostare i diritti di accesso limitati per alcuni accounts. Ciò è utile se di norma non si accede al sistema come Amministratore. Nella scheda Protezione fare clic su Aggiungi, poi su Avanzate nella finestra successiva e, infine, su Trova. Nell'elenco dei risultati selezionare uno o più utenti e confermare con due clic su OK. Ora nella scheda Protezione sarà possibile selezionare l'utente cercato e nella parte inferiore impostare i suoi diritti di accesso. Infine confermare tutte le impostazioni con Applica e OK. ATTENZIONE: sotto XP Home si può accedere alla scheda Protezione solo dalla modalità provvisoria. In alternativa, le impostazioni necessari si possono effettuare anche con il vecchio File Manager (winfile.exe), che funziona anche sotto XP. Il programma fa parte del Service Pack 6 per Windows NT, scaricabile dall'indirizzo: http://download.microsoft.com/download/winntsp/Install/6.0a/NT4/IT/sp6i386.exe

Regedit non funziona più
Se il programma regedit non funziona più, possiamo trovare valida alternativa nel programma Registry Commander. Per riattivare il regedit di windows, andiamo su:
HKEY_Current_User\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\System, cliccare due volte sulla chiave DisableRegistryTools e metti 0 nel campo Dati Valore.

Snap-in (estensione MSC)

File Snap nome strumento Cosa Fa?
certmgr certificati consente di gestire i certificati di sicurezza
ciadv servizio di indicizzazione visualizza lo stato del servizio di indicizzazione del sistema
compmgmt gestione computer consente di accedere a tutte le utilità di sistema e di gestire i servizi e le applicazioni
devmgmt gestione periferiche visualizza l'hardware installato
dfrg utilità di deframmentazione avvia l'utility per la deframmentazione dei dischi rigidi
diskmgmt gestione disco consente di creare/modificare le partizioni di un disco rigido
eventvwr visualizzatore eventi visualizza gli eventi del sistema
fsmgmt cartelle condivise mostra le cartelle condivise del sistema
gpedit criterio di gruppo permette di impostare i criteri di sicurezza del sistema
lusrmgr utenti e gruppi locali consente di creare/modificare utenti e gruppi locali
ntmsmgr archivi removibili mostra gli archivi rimovibili comprese le utilità cd/dvd
ntmsoprq richieste operatore per archivi rimovibili mostra le richieste dell'utente per gli archivi removibili
perfmon prestazioni visualizza lo status e le prestazioni del sistema
rsop gruppo di criteri risultante mostra una schermata riassuntiva di tutti i criteri di protezione impostati sul sistema
secpol impostazioni protezione locale consente di impostare criteri di protezione
services servizi permette di avviare e arrestare i servizi del sistema
wmimgmt windows managemente infrastructure (WMI) consente l'amministrazione di sistema tramite utilizzo di script.

Riavviare il pc via rete
Aprire una finestra dos e digitare il seguente comando:
shutdown /r /m \\client /t 60
Il computer di nome client si riavvierà dopo 60 secondi

Attivare l'accesso al sistema e alle cartelle di sistema
Windows XP protegge le cartelle di sistema, come c:, c:\windows, c:\windows\system32 , nascondendo il loro contenuto. Queste cosiddette "barricaded folders" infastidiscono soprattutto degli utenti più esperti.
Avviare l'editor del registro e andare al ramo HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Webview\BarricadedFolders
Creare tre nuovi valori DWORD con i shell: SystemDriveRootFolder,shell:Windows e shell:System con valore 0

Mantenere la connessione online
Quando si cambia utente, Windows termina la connessione remota.
Aprire la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion\Winlogon, fare click con il tasto destro del mouse su n punto libero nella parte destra della finestra e selezionare Nuovo/Valore stringa. Come nome digitare KeepRasConnections, il valore è 1.

Riparare i file di sistema danneggiati
Un'installazione ha danneggiato i file di sistema. Con l'utility "sfc/scannow" Windows controlla i file di sistema e, se necessario, li ripara. Occorre il CD di Windows.

Comandi nascosti

ntbackup.exe Tool di Backup
mstsc.exe Connessione a desktop remoto
cleanmgr.exe Pulizia del disco
defrag.exe Utility di deframmentazione.
rstrui.exe Utilità di Ripristino sistema
msinfo32.exe System Information

Ingrandiamo le anteprima
Se vogliamo aumentare la dimensione dell'anteprima immagine di Windows, andiamo sul file di registro e andiamo alla seguente voce:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer
Creiamo un nuovo valore di tipo DWORD che chiameremo ThumbnailSize. Attribuiamo a questo valore le dimensioni in pixel che volgiamo per le anteprime, sapendo che quella standard è di 96 pixel e quella massima è di 256 pixel.

Rinominare più file contemporaneamente
Windows XP permette di rinominare contemporaneamente gruppi di file specificati da parte dell'utente. Questa funzione può risultare particolarmente utile quando si ha a che fare con molti file acquisiti da fotocamere digitali o periferiche esterne. In Windows Xp è sufficiente selezionare i file che si desidera rinominare contemporaneamente servendosi dei tasti SHIFT (maiuscolo), CTRL, dei tasti freccia e del mouse. Dopo aver selezionato i file d'interesse basta premere il tasto F2, specificare il nome che si vuole attribuire all'insieme di file.

Windows XP non si avvia più correttamente.
Per riparare un'installazione danneggiata di Windows XP, inserite il CD-ROM di Xp nel lettore e riavviate il sistema (accertandovi di fare il boot da cd). A questo punto lasciate che abbia inizio la prima parte della procedura di setup quindi premete invio per avviare l'installazione; F8 per accettare il contratto di licenza d'uso. La procedura di setup provvederà a ricercare la precedente installazione di Windows XP. Premere R per avviare la procedura di riparazione nell'installazione di Windows XP già presente sul sistema. I dati memorizzati sul disco rimarranno intatti: verranno invece sovrascritti tutti i file di sistema potenzialmente danneggiati. Per questo motivo, dopo la riparazione del sistema si dorà procedere nuovamente all'applicazione di tutte le patch necessarie ricorrendo all'uso di Windows Update o di tool quali MSBA.
Problemi con NTLDR e NTDETECT.COM
Su sistema ad avvio multiplo (cioè con un boot manager che permetta di scegliere quale sistema operativo eseguire di volta in volta all'avvio del personal computer) può accedere - per esempio dopo aver reinstallato qualche software oppure lo stesso boot manager - che Windows XP si rifiuti di partire visualizzando un messagio simile al seguente: NTLDR mancante. Impossibile avviare il sistema. Premere CTRL+ALT+CANC per riavviare. Come risolvere il problema? Formattate da un sistema su cui è installato Windows XP un floppy disck (non copiatevi i file di avvio, eseguite semplicemente il comando FORMAT A:) quindi copiate dalla cartella /i386 del CD di installazione windows XP i files NTLDR e NTDETECT.COM. Create, sempre all'interno del disco floppy appena formattato, un file denominato BOOT.ini quindi copiatevi all'interno quanto segue:
[boot loader]
timeout=30
default=mutli(0)disk(0)rdisk(0)partition(N)\WINDOWS
[operating system]
mutli(0)disk(0)rdisk(0)partition(N)\WINDOWS="Microsoft Windows XP" /fastdetect
Sostituite la lettera N con il numero della partizione contenente Windows XP, slavate, quindi riavviate il computer con il dischetto inserito (assicuratevi che Windows XP sia stato installato nella cartella \WINDOWS altrimenti specificate quela corretta). Infine, copiate i tre files BOOT.ini, NTLDR e NTDETECT.com nella cartella principale della partizione contenente Windows XP. Il sistema dovrebbe così, d'ora in poi, essere avviato correttamente. In alternativa, avviate la Console di ripristino di Windows XP e digitate quanto segue:
copy x:\i386\NTLDR c:\
copy x:\i386\NTDETECT.com c:\
dove x: sarà l'unità cdrom.
Quando NTOSKRNL sembra danneggiato o mancante
Se in fase di avvio del sistema operativo viene visualizzato un messaggio che informa su un problema riscontrato sul file NTOSKRNL (file danneggiato o mancante), ecco la soluzione per "far resuscitare" il vostro Windows xP. Inserite il CD-rom di Windows XP nel lettore e riavviate il sistema (avviando il PC da cd). A questo punto lasciate che abbia inizio la prima parte della procedura di setup e premete Invio per avviare l'installazione; F8 per accettare il contratto di licenza d'suo. La procedura di setup provvederà a ricercare la precedente vostra installazione di Windows XP. Premere R per avviare la Console di Ripristino del sistema (sarà necessario indicare l'installazione di Windows che si desidera riparare e la password dell'amministratore). Una volta avviata la console di ripristino, digitate l'identificativo associato al lettore CD-rom ove è inserito il cd di Windows XP (es. D:) quindi, in sequenza, i seguenti comandi:
cd i386
expand ntkrnlmp.exe c:\windows\system32\ntoskrnl.exe
Riavviate il computer
HAL.DLL danneggiato o mancante
Se, in fase di avvio di Windows, ricevete un errore facente riferimento al file HAL.DLL è possibile che sia il file di boot.ini ad essere danneggiato. Accedete alla Console di ripristino di windows come spiegato precedentemente, quindi al prompt dei comandi digitate il comando:
bootcfg /list
otterrette l'attuale configurazione del file Boot.ini. Il comando bootcfg /rebuild vi consentirà di ricreare il file.
\Windows\System32\Config danneggiato o mancante
In questo caso, sempre dal prompt della Console di ripristino è necessario digitare il comando:
cd \windows\system32\config
A seconda dell'errore visualizzato riguardi \windows\system32\config\system oppure \windows\system32\config\software, digitate quanto segue.
1. nel caso di SYSTEM digitate:
ren system system.bad
copy \windows\repair\system
2. nel caso di SOFTWARE digitate:
ren software software.bad
copy \windows\repair\software
Estraete il cd di installazione dal lettore e digitate Exit.

"NTLDR mancante, impossibile avviare il sistema"
Quando si hanno sistemi con più sistemi operativi installati, e quindi con avvio multiplo (boot manager), può capire che, a seguito dell'installazione di qualche software particolare, il sistemi si rifiuti di "boottare" e mostri il seguente messaggio:
"NTLDR mancante, impossibile avviare il sistema, premere CTRL+ALT+CANC per riavviare"
Per ovviare a questo problema, operare come segue:
1. Formattare un floppy da un sistema con Windows2000
2. Copiare dal CDROM di installazione i files NTLDR e NTDETECT.COM (presenti nella cartella I386)
3. Creare il file BOOT.INI, e inseriteci le seguenti righe:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(N)\WINNT
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(N)\WINNT="Microsoft Windows 2000 Professional" /fastdetect
Inserire, al posto della lettera N, il numero corrispondente alla partizione che contiene Windows 2000, e rivviate la macchina con il floppy inserito.
Una volta riavviato, copiare i files BOOT.INI, NTLDR e NTDETECT.COM nella partizione di Windows 2000.

User Profile Hive Cleanup (problema di disconnessione)
Se allo spegnimento il pc rimane sulla maschera "Disconnessione in corso", il problema è dovuto al fatto che i processi eseguiti da quella specifica utenza non vengono terminati correttamente.Il servizio User Profile Hive Cleanup (UPHClean) garantisce che le sessioni dell’utente vengano completamente terminate una volta eseguita la procedura di disconnessione (logoff). I processi di sistema infatti possono in alcuni casi mantenere dei collegamenti con le chiavi di registro nel profilo utente dopo il processo di disconnessione. Se questa circostanza si verifica, la sessione dell’utente non può essere del tutto terminata.
http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?displaylang=it&FamilyID=1B286E6D-8912-4E18-B570-42470E2F3582

Installazione di Windows su portatili con controller S-ATA
Ho un problema ad installare windows xp pro su un notebook (HP 7400 con Hardisk SATA e sprovvisto di floppy drive) in quanto il sistema preinstallato è windows home e lo voglio sostituire con professional. Ho fatto varie prove, tra cui quella di utilizzare un floppy USB esterno, ma senza alcun risultato poiche' quando premo F6 all'inizio dell'installazione mi continua a richiedere il floppy.
Qui c'è una guida abbastanza completa su come fare un cd di XP con i Driver SATA già integrati.
http://www.hwupgrade.it/forum/showthread.php?t=1039179&page=1&pp=20
1. Scaricare nLite: per lavorare con il cd di Windows XP vi servirà necessariamente il programmino gratuito nLite, scaricabile qui (http://nlite.wiretapped.us/nlite1.0rc1i.exe)
2. Installare nLite: eseguite il file prelevato precedentemente, andando fino in fondo con l'installazione. Aprite successivamente nLite.
3. Estrarre il cd di Windows XP: nLite vi chiederà il percorso del disco originale di Windows XP e la cartella del vostro disco fisso su cui estrarre i file. Assicuratevi di avere abbastanza spazio. Finita l'estrazione chiudete pure nLite, navigando fino alla cartella in cui avevate scelto di posizionare Xp.
4. Scaricare altri file necessari: per utilizzare il disco Serial-ATA durante l'installazione è necessario scaricare i driver RAID Via e relative utility per inserirli all'interno del cd di XP (processo chiamato slipstreaming), prelevabili qui (http://www.webalice.it/aleripe/Drivers%20SataRaid.zip oppure qui)
5. Decomprimere l'archivio: questo passo è abbastanza chiaro, estraete l'archivio DriversSataRaid.zip in una cartella a vostra discrezione.
6. Far partire il processo: qui inizia la parte difficile! Eseguite il file BTS_DPs_Slipstreamer_V5073.cmd, e quando chiede il metodo per creare i file rispondete digitando 2.
7. Copiare la cartella: il processo al passo precedente vi creerà una cartella di nome UWXPCD_ROOT, il cui contenuto andrà copiato all'interno della cartella contenente i file di Windows XP.
8. Continuare il processo: tra i file copiati prima, eseguite RUN_ME.cmd. Scorreranno una serie di finestre che eseguiranno automaticamente il processo. Non preoccupatevi se a volte sembrerà tutto fermo, perché il tutto richiede un pò di tempo. Alla richiesta GuiRunOnce rispondente digitando in successione G e N, e aspettate fino alla fine del processo.
9. Scaricare il file per il boot: questo piccolo file è necessario per masterizzare il cd rendendolo avviabile. Scaricatelo qui e posizionatelo in posizione comoda, ad esempio sul Desktop.
10. Masterizzare il cd: aprite Nero Burning Rom, e scegliete di creare un nuovo progetto di tipo CD-ROM (boot). Nel menu Boot selezionate la voce Image file e cercate il file scaricato al passo precedente utilizzando il tasto Browse. Spuntate la voce Enable expert settings e inserite i seguenti valori nelle quattro caselle, dall'alto verso il basso: No emulation, MICROSOFT CORPORATION, 07C0, 4. Cliccate la scheda Label , in Volume Label scrivete WXPVOL_ITA, mentre scrivete MICROSOFT_CORPORATION nei campi Publisher e Data Preparer. Cliccate nella scheda ISO e controllate che i parametri di default siano corretti: ISO level 1, Mode 1, ISO 9660, Joliet. Cliccate su New e inserite nel progetto tutti i file contenuti nella cartella del Windows XP che abbiamo trattato finora. Potete ora scrivere il cd.
11. Installare XP: finalmente potete inserire il cd nel lettore, e avviate il pc. Partirà il processo d'installazione e sarà possibile caricare Windows anche sul vostro fiammante disco Serial-ATA.

Personalizzare l'icona del vostro disco fisso.
Se l'icona visualizzata per default (all'interno di Gestione Risorse e Risorse del Computer), rappresentativa del disco fisso, non è di vostro gradimento, è posssibile modificarla a piacere scegliendo una qualsiasi icona (file con estensione.ico) e, successivamente, generando il file Autorun.inf.
All'interno del file è neccessario includere la seguente stringa:
[Autorun] Icon=c:\icone\miaicona.ico
Naturalmente il percorso e il nome dell'icona devono essere persolalizzati in accordo al proprio sistema. Infine, dopo aver salvato il file, premere F5 per poter visualizzare immediatamente la vostra icona personalizzata.

Deframmentare i file di boot
L'utilità per la deframmentazione del disco fisso, inclusa in Windows XP, mette a disposizione uno switch (non documentato) che permette di ottimizzare i file di avvio delsistema operativo e le applicazioni più utilizzate (in base alle informazioni raccolte via a via, durante l'utilizzo del pc, da parte di Windows XP).
Digitando al prompt dei comandi quanto segue:
DEFRAG c: -b
(dove c: è la lettera associata all'unità disco oggetto della deframmentazione) i file di avvio di Windows XP ed alcuni file di programma verranno spostati verso altre locazioni su disco, in modo da poter essere letti più rapidamente.

Patch senza ADSL
Supponiamo che si debba aggiornare il pc di casa (con windows xp sp1) con windows update, ma non posseggo l'adsl, come posso portarmi le patch scaricare con il computer dell'ufficio collegato con ADSL.
Nell'area download del sito di Microsoft si possono scaricare i singoli file eseguibili di ogni patch, archiviandoli anche per future reinstallazioni del sistema operativo: basta scegliere la voce del menu a sinistra Windows (Protezione e aggiornamenti). Ma esiste una soluzione ancora migliore: MS raggruppo in un cd tutte le patch mensili. Basta inserire nella ricerca patch il codice 913986 per avere la lista di tutti i cd usciti fino ad oggi. Le dimensioni variano da 160 a 320 Mb, perchè contengono tutte le 24 lingue. Il file da scaricare è in versione ISO, masterizzabile con un qualunque programma di masterizzazione.

Eliminazione dei dati inutili
Basta creare un file con estensione bat contenente queste rihe:
@echo off
echo "Pulizia dell'hard disk"
pause
del /s /f c:\*.tmp
del /s /f c:\*.fts
del /s /f c:\*.nal
del /s /f c:\*.old
del /s /f c:\*.chk
del /s /f c:\*.dmp
del /s /f c:\*.cnt
del /s /f c:\*.diz
del /s /f c:\*thumbs.db
del /s /f c:\*.gid
exit

Sparizione del cestino
E' sparita dalla scrivania l'icona del cestino. Come posso ripristinarla?
Start - Esegui - Regedit
Cerchiamo HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Desktop e clicchiamo due volte sulla cartella NameSpace. Clicchiamo con il tasto destro del mouse su questa cartella: nel menu che compare clicchiamo su Nuovo e selezioniamo su Chiave. Quando compare la voce Nuova chiave#1 rinominiamola in:
{645FF040-5081-101B-9F08-00AA002F954E} e clicchiamo sul pulsante OK. Nella parte della finestra clicchiamo due volte sulla voce (default) e nel campo testo della finestra successiva scriviamo RecycleBin. Clicchiamo su OK. Clicchiamo su File - Chiudi. Una volta tornati sul desktop di windows, facciamo F5 (tasto funzione in alto sulla tastiera) Aggiorna. L'icona del cestino dovrebbe ricomparire immediatamente.

Windows bloccato al login
All'avvio di Windows 2000/XP server il sistema accettava il login e poi mi dava un bel messaggio di errore dicendo che "non c'era abbastanza memoria virtuale disponibile" per poi tornare al login. (Messaggio di errore "Memoria virtuale limitata" "limited virtual memory".)
Ovviamente non si può accedere al sistema.
Dalla recovery console ho provato con Fixboot, Fixmbr, Chkdsk e anche il recovery Wizard del cd di Windows 2000.
Non è un problema di spazio disco. Ho provato anche (senza successo) a invertire i dischi del mirror.
Se vi servisse , si fa cosi :
1. Effettuare l'avvio nella Console di ripristino di emergenza.
2. Dato che l'avvio viene effettuato nella cartella %SystemRoot%, in genere la cartella C:\Winnt, digitare il seguente comando: cd \
3. Digitare il comando riportato di seguito per sovrascrivere il file
Pagefile.sys esistente con Boot.ini:
copy c:\boot.ini pagefile.sys
4. Digitare il seguente comando:
del pagefile.sys
5. Una volta copiato Boot.ini al di sopra di Pagefile.sys, quest'ultimo verrà visualizzato nell'elenco delle directory.
A questo punto si capisce bene che il file corrotto pagefile.sys è stato distrutto. Al riavvio Windows lo creerà nuovamente, eseguendo il Login senza errori.

Backup USB Drive on Insertion
I use my USB drive for everything. It runs Portable Firefox, Portable Thunderbird and also holds most of my files. While it’s great having these programs run no matter where I am, frequently backing up the data is a pain. I wanted an automatic solution. Unable to find a good solution on the net, I created one for myself.
Step 1: Create the folder you want to backup to (Mines c:\removablebackup)
Step 2: Create the backup batch file for your USB key. You can do this by inserting the following in a textfile and saving it as backup.bat. An example is provided below:
@echo off
echo -------------------
echo Removable Device Automatic Backup
echo -------------------
echo No Rights Reserved, do whatever you want with this.
xcopy "*" "c:\removablebackup\" /Y /E /R
echo Backup Complete!
Pause.
Make sure you change the section in bold to reflect your individual backup location.
Step 3: Place the following in a text document, and save it directly to your removable drive as autorun.inf:
[autorun]
action=Backup
open=backup.bat
label=Backup
includeRuntimeComponents=True
Step 4: Your done! Now whenever you insert your USB key you should see this nifty backup option

Conflitto tra drivers bluetooth
«Con l'installazione del Service Pack 2 di Windows XP vengono caricati anche i drivers per le reti wireless bluetooth e spesso (o quasi sempre) "infastidiscono" i drivers che vengono caricati con l'installazione del nostro hardware. Anche se correttamente inserito l'adattatore (chiavetta) bluetooth l'icona a fianco dell'orologio rimane rossa (nessun hardware trovato).
Soluzione:
Disinstallare i drivers bluetooth appena caricati
Riavviare il computer
Eliminare tutti i files il cui nome inizia con BTH dalla cartella Windows\Inf
Da Start -> Esegui... digitare regedit e portarsi su:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run
e da questa posizione cancellare la chiave "bluetooth..."
Installare nuovamente i drivers del nostro hardware

Mappare porta lpt su xp
Come si fa, su windows xp pro, a mappare la porta lpt2 sull' indirizzo di rete \\nomecomputer\stampcondivisa??
(un po come si faceva con win9x/ME).
Premetto che ho gia usato il comando NET USE LPT2: \\nomecomputer\stampcondivisa anche con il /persistent e la risposta è stata positiva "ESECUZIONE COMANDO RIUSCITO".
Per vedere se la net use ha funzionato lancia da un cmd il comando net use.
Tra le varie connessioni di rete dovresti vederla, per quanto riguarda la stampa prova con il comando :
dir >LPT2 dovrebbe stampare l'output del comado dir sulla stampante sharata se funziona, devi rivedere le impostazioni di stampa del tuo programma

Come bloccare l'accesso ad un sito
Non tutti sanno che è possibile impedire l'accesso ad un sito, editando il link nel file hosts.
Si può editare il file con il blocco note e lo troviamo in:
c:\windows\system32\drivers\etc\hosts
Una volta aperto, si inserisce la stringa
127.0.0.1 Host_name
Esempio:
127.0.0.1 www.sitodabloccare1.com
127.0.0.1 www.sitodabloccare2.it

Come cancellare l'elenco di file presenti in Installazione Applicazioni
E' possibile, grazie al Registro di Sistema, cancellare l'elenco di file presenti in Installazione applicazioni.
Per fare questo andiamo su Avvio-Esegui e digitate Regedit. Vi si aprirà il Registro. Ora cercate questa chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Uninstall
Cliccate sulla cartella corrispondente al file da eliminare (di solito riferito ad un programma che non avete più sul PC) e premete CANC.

Come avviare uno screensaver con una combinazione di tasti
E' possibile avviare uno screensaver con una combinazione di tasti. Ecco le istruzioni:
Posizionarsi nella cartella "C:\WINDOWS\system32\";
All'interno della cartella vi sono (anche) gli screensaver, quelli con estensione .scr;
Scelto uno screensaver al quale si vuole associare una combinazione di tasti, crearne un collegamento (da posizionare nella cartella che si preferisce);
Tasto destro sul collegamento appena creato --> Proprietà;
Posizionarsi nel campo "Tasti di scelta rapida" e quindi inserire uno o più caratteri (in automatico dovrebbe comporsi all'interno del campo una combinazione del tipo CTRL+ALT+ eventuali caratteri alfabetici scelti oppure senza Ctrl+Alt se si è scelto uno di questi tasti: F1,F2... o un numero del tastierino numerico);
Cliccare su Applica, Ok.
Basterà quindi usare la combinazione di tasti scelta per avviare lo screensaver prescelto.

Aumentare la velocità di trasferimento dati dell'HD
E' possibile aumentare la velocità di trasferimento dati del nostro disco rigido fino a 100 Mb/s abilitando la funzione DMA (Direct Memory Access). Per fare ciò dobbiamo seguire i seguenti passi:
- Andiamo nel Pannello di Controllo e clicchiamo su Sistema.
- Nel tab Hardware clicchiamo su Gestione Periferiche.
- Da qui selezioniamo Controller IDE ATA/ATAPI e clicchiamo su Canale primario IDE.
- Ora nella tab Impostazioni Avanzate selezioniamo la voce DMA se possibile nel box intitolato Modalità di trasferimento.
La stessa procedura è eseguibile anche per il Canale secondario IDE nel caso avessimo un secondo Hard Disk o un lettore o un masterizzatore CD/DVD.

Aggiungere Administrator User alla schermata di benvenuto di Windows
Di default, il sistema lascia nascosto l'utente Administrator, poichè non è protetto da password. Tale utenza viene creata automaticamente durante la fase di setup, allo scopo principale, se non unico, di supporto in caso di mancato avvio di Windows, al fine di poter accedere alla Consolle di Ripristino. Administrator è anche utile agli amministratori di sistema, accedendo da modalità provvisoria (premendo il tasto F8 durante la prima fase di boot di Windows, dopo il check bios delle unità hardware). Risulta evidente che siffatta impostazione sia unicamente orientata per un uso esclusivamente limitato agli amministratori di sistema.
Se l'utenza "Administrator" viene fornita di password (da "Strumenti di amministrazione" --> "Gestione Computer" --> "Users", è possibile farlo), sarà utile, ad un "Admin", avere sempre a "portata di click", ad ogni avvio del SO, l'icona che gli permetterà di accedere all'utenza con pieni diritti amministrativi, senza dover passare da modalità provvisoria.
Per attivare l'opzione, è sufficiente avviare il registro di Windows, Start --> Esegui --> digitare "regedit" (senza virgolette), quindi portarsi su:
HKEY_LOCAL_MACHINE | SOFTWARE | Microsoft | Windows NT | CurrentVersion | Winlogon | SpecialAccounts | UserList
Tasto destro in uno spazio vuoto del pannello di destra, selezionare "Nuovo" > "Valore DWORD", rinominarlo "Administrator" ed assegnargli valore 1.

Problema: accedere rapidamente alle cartelle di sistema ed usare scorciatoie per portarsi all'interno delle directory di uso più frequente.
Soluzione: Iniziamo con l'illustrare che cosa siano le “variabili di sistema”. Si tratta di stringhe facenti riferimento ad altrettante posizioni di memoria che ospitano informazioni che vengono impiegate assai frequentemente da parte del sistema operativo e delle applicazioni installate.
Provate, ad esempio, a cliccare su Start, Esegui... quindi digitate %systemdrive% e premete OK: verrà visualizzato immediatamente il contenuto del disco fisso o della partizione ove è stato installato il sistema operativo. In molti trucchi (e non solo in quelli pubblicati in queste pagine), trovate utilizzate molte altre variabili quali %userprofile% o %systemroot% (la prima consente di accedere alla cartella contenente le informazioni legate all'account utente in uso mentre la seconda fa riferimento alla directory d'installazione Windows; generalmente è c:\windows). Le variabili di sistema vengono ampiamente utilizzate negli script o nelle procedure batch per accedere rapidamente al contenuto di cartelle specifiche.
E' possibile ottenere la lista completa delle variabili di sistema portandovi al Prompt dei comandi (Start, Tutti i programmi, Accessori, Prompt dei comandi) quindi digitando il comando SET seguito dalla pressione del tasto Invio: accanto al nome di ciascuna variabile, è indicato il rispettivo valore. Digitando %temp% oppure %tmp% in Start, Esegui... si accede alla cartella che ospita i file temporanei creati dal sistema operativo e dalle varie applicazioni.
Problema: modificare la posizione delle cartelle di sistema.
Soluzione: Per cartelle di sistema si intendono quelle cartelle speciali dove il sistema operativo memorizza, ad esempio, la lista dei siti preferiti di Internet Explorer, i cookies, le icone del desktop, i dati relativi alle varie applicazioni e tanto altro ancora. I PowerToys sono una serie di utilità, sviluppate da Microsoft, che consentono di personalizzare in profondità il sistema operativo Windows XP.
Alcuni utenti possono sentire il bisogno di modificare la posizione delle cartelle di sistema per spostarne il contenuto, ad esempio, su un'altra partizione od un'altra unità disco: riformattando la partizione contenente il sistema operativo, non andrebbero così persi i contenuti delle varie cartelle speciali (ad esempio la lista dei siti web preferiti...), al sicuro all'interno di un'altra partizione/unità disco.
L'utilità TweakUI, facente parte dei PowerToys per Windows XP, consente di modificare agevolmente la posizione delle cartelle di sistema.
Dopo aver scaricato il file d'installazione di TweakUI per Windows XP all'indirizzo http://download.microsoft.com/download/f/c/a/fca6767b-9ed9-45a6-b352-839afb2a2679/TweakUiPowertoySetup.exe (150 KB circa), eseguitene l'installazione.
Al termine dell'installazione, avviate TweakUI dal menù Start, Tutti i programmi, Powertoys for Windows XP. Cliccate quindi sulla voce My Computer quindi su Special Folders. Dal menù a tendina Folder scegliete la voce Favorites (osservate l'attuale collocazione accanto alla dizione Location) quindi cliccate su Change Location per spostare altrove il contenuto della cartella: in questo caso sposterete l'elenco dei siti web preferiti di Internet Explorer nella cartella da voi specificata. Agendo sulle altre voci, avete la possibilità di spostare altrove le cartelle dei documenti, dei file condivisi e così via.
A differenza delle precedenti versioni di TweakUI, quella per Windows XP è una versione "stand alone" costituita da un file eseguibile (exe) autonomo. TweakUI consente di configurare, con un clic del mouse, anche effetti grafici, comportamento del mouse, della barra delle applicazioni, del desktop.
Suggeriamo comunque di usare sempre prudenza durante l'utilizzo di TweakUI: ricordatevi sempre la procedura per tornare alla configurazione iniziale, qualora verifichiate problemi nel funzionamento del sistema.
Problema: esiste un modo per chiudere rapidamente un insieme di finestre?
Soluzione: Avete aperto molte finestre ed un gran numero di programmi si è accumulato nella barra delle applicazioni di Windows XP? Ecco un trucco, assai semplice da mettere in pratica, che permette di chiudere contemporaneamente tutte le finestre/applicazioni che non servono più. Tenete premuto il tasto CTRL sulla tastiera quindi cliccate, contemporaneamente, su ciascuna finestra, elencata nella barra delle applicazioni di Windows XP, che desiderate chiudere. A questo punto cliccate con il tasto destro del mouse su uno degli oggetti selezionati e scegliete la voce Chiudi gruppo. Il trucco funziona con qualunque applicazione attiva.

Drivers per Microtek FilmScan35
Lo scanner di diapositive in questione non ha più i drivers per Windows XP, come possiamo fare?
Nonostante non sia previsto dal produttore, vi sono alcune chance di riuscire a configurare lo scanner Filmscan35 in ambiente Windows. Alcune versioni del software di supporto Microtek CyberView sono compatibili con questo sistema operativo e integrano il supporto per l'unità Filmscan. Il software non è più scaricabile dal sito Microtek (www.microtek.com.tw), ma potràessere recuperato inserendo le parole chiave CyberView, Microtek e FilmScan34 in un motore di ricerca. Un'altra possibilità consiste nell'acquistare software come VueScan (http://www.hamrick.com) e SilverFast (http://www.silverfast.com) ottime soluzioni di scansione dotate di funzionalità avanzate per la calibrazione delle immagini.