Windows XP 4 ( http://www.microsoft.com/windowsxp/pro/downloads/)
I suggerimenti sono stati presi da riviste di informatica, da newsletters o da siti web
perciò ogni diritto rimane al legittimo proprietario.


*** Molti trucchi funzionano sia su Windows XP che su 2000 ***

 Sostituire file di sistema e in uso 
A volte si può avere la necessità di sostituire un file di sistema, cosa che Windows, ovviamente, non permette di fare. Microsoft però ha rilasciato una piccola utility, chiamata inuse.exe, che consente proprio di sostituire file "critici" e in uso dal sistema operativo.
Inuse.exe, si utilizza a riga di comando, con questa sintassi:
InUse [origine] [destinazione] /Y
[origine] è la path del file che si vuole utilizzare
[destinazione] è la path del nome esistente e che verrà sostituito
/Y elimina la richiesta di conferma
Perchè la modifica sia effettuata è necessario riavviare il computer.
Questa utility è gratuitamente scaricabile da qui! (http://www.microsoft.com/windows2000/techinfo/reskit/tools/existing/inuse-o.asp)

Avvio di Windows 2000/XP
L'avvio di Windows viene fatto in più fasi: mentre sullo schermo si può vedere solo la bandiera di windows, il computer lavora. Molti dati vengono caricati e hanno un compito ben preciso fino a quando non compare il desktop di Windows.
- ntldr: questo programma serve al vero e proprio avvio di Windows. Si avvia dopo che il BIOS del computer è stato elaborato.
- boot.ini: i dati qui contenuti servono per determinare la posizione sul disco fisso in cui sono salvati i dati di Windows.
- ntdetect.com: questo programma raccoglie informazioni sulle componenti hardware più importanti tra quelle installate, normalmente il mouse, la tastiera e la scheda video. Le informazioni vengono poi passate al programma ntldr
- ntoskrnl.exe: questo è il kernel (letteralmente il "nocciolo") di Windows XP. Viene richiamato dal programma di avvio ntldr e lo riconoscete quando appare la schermata blu di Windows. Il kernel si sostituisce al precedente programma di avvio (ntdetect.com) e prende il controllo delle successive fasi di boot.
- hal.dll: questi dati si preoccupano che Windows riesca a riconoscere tutte le periferiche collegate.

Bloccare HomePage
A tutti è capitato almeno una volta di avviare Internet Explorer e di trovare un'Home Page diversa da quella da noi impostata.
Per impedire che ciò si ripeta possiamo fare una modifica al registro di sistema (start->esegui->regedit).
Portiamoci alla chiave: HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\Internet Explorer\Control Panel
Selezioniamo "Homepage" e portiamo a 1 il suo valore per bloccarla.
Se per caso, in futuro, volessimo sbloccarla non dovremo fare altro che portare lo stesso valore a 0. 

Eliminare spazio su disco dopo l'installazione dei SPx
Dopo l'installazione il Servizio Pack 2 di Windows occupa diverse cartelle di backup con alcune centinaia di Mb sul disco fisso. Si vorrebbe sapere quali file di questo tipo possono venire  cancellati per liberare spazio su disco. Per prima cosa conviene controllare per un certo periodo di tempo se dopo l'installazione del SP2 il computer funziona correttamente in tutti i suoi componenti. Dopo essersene accertati, si potrà liberare lo spazio su disco occupato dai file di backup. Andare su Esplora risorse, selezionare Strumenti - Opzioni cartella e passare alla scheda Visualizzazione. Attivare l'opzione Visualizza cartelle e file nascosti, fare applica e poi ok. Aprire la cartella di Windows: qui sarà possibile eliminare la cartella o le cartelle $NtServicePackUninstall$ che occupa/no dai 200 Mb in su; se i file vengono spostati nel cestino, ricordarsi di svuotarlo. Per eliminare anche la voce Service Pack 2 dall'elenco delle applicazioni installate, aprire il Pannello di Controllo e fare doppio clic su Installazione Applicazioni; selezionare nell'elenco Windows XP Service Pack 2 e fare clic su Rimuovi. Rispondere sì alla richiesta di conferma. ATTENZIONE: la cartella Windows\ServicePackfiles NON VA ASSOLUTAMENTE CANCELLATA; essa contiene infatti le copie dei file di sistema che la protezione file di Windows utilizza per il ripristino dei file importanti. Qui si trovano inoltre, varie librerie di sistema necessarie per il funzionamento del Service Pack 2

Recuperare banda con Windows XP (P2P)
Per recuperare un po' di banda, in XP, è possibile disattivare nella proprietà di rete, l'Utilità di pianificazione pacchetti QoS.
La disattivazione del servizio su macchine standalone, o piccole reti non ha controindicazioni, e consente di recuperare la quota di banda destinata alla gestione del network.

Playing DVD's with Windows Media Player
To play DVD's with the Windows Media Player

  1. Run Regedit
  2. Go to HKEY_CURRENT_USER \ Software \ Microsoft \ MediaPlayer \ Player \ Settings
  3. Create a new string EnableDVDUI
  4. Give it a value of yes
  5. The next time you start the Media Player, you can do a File / Open DVD

Changing Drive Icons
To change a drive's icon when you open My Computer
1. Create a file called AUTORUN.INF on the root of your hard drive
2. Enter the lines
[autorun]
ICON=Name of the ICON file
For the name of the icon file you can either specify the path and name (e.g. ICON=C:\WINDOWS\ICONS\MY_ICON.ICO) or a specific icon in a library (e.g. ICON=ICONFILE.DLL,2)

Remove the tildes in short filenames
1. Open Regedit
2. Go to Hkey_Local_Machine\System\CurrentControlSet\Control\FileSystem
3. Right Click on the Right pane
4. Select New / Hex
5. Add the value NameNumericTail= 0

Closing Multiple Windows
If you go to web sites that open up multiple windows,
Pressing the Ctrl-W keys seems to work better than Alt-F4

Installing WindowsNT, Windows2000 and WindowsXP
This is a general way to partition your hard drive for installing any version of NT.
The reason for the change is that with Win98, if the operating system failed to boot,
you could easily reinstall and the previous settings and applications would still be installed.
With NT based systems, this is not always possible and often requires a complete reinstall.
Even the Recovery options don't always work that well.
I've had it erase my C: drive on more than one occasion!! Good thing for backups.
1. Create a smaller C: partition
With NT 4 - 2 gigs - FAT
With Windows2000 or WindowsXP - 4 gigs - FAT32
2. Install the base operating system on that partition
3. Create a D: partition for the rest of the drive
4. Install all your apps and keep your data on the D: partition
5. Then use a program like Partition Magic or Ghost to make an image of the C: drive
6. If you keep this image relatively current, should the OS fail to boot, you can simply restore that image.
7. This restore typically takes only about 10 minutes. Much faster than reinstalling any OS.

Installing WindowsNT, Windows2000 and WindowsXP
This is a general way to partition your hard drive for installing any version of NT.
The reason for the change is that with Win98, if the operating system failed to boot,
you could easily reinstall and the previous settings and applications would still be installed.
With NT based systems, this is not always possible and often requires a complete reinstall.
Even the Recovery options don't always work that well.
I've had it erase my C: drive on more than one occasion!! Good thing for backups.
1. Create a smaller C: partition
With NT 4 - 2 gigs - FAT
With Windows2000 or WindowsXP - 4 gigs - FAT32
2. Install the base operating system on that partition
3. Create a D: partition for the rest of the drive
4. Install all your apps and keep your data on the D: partition
5. Then use a program like Partition Magic or Ghost to make an image of the C: drive
6. If you keep this image relatively current, should the OS fail to boot, you can simply restore that image.
7. This restore typically takes only about 10 minutes. Much faster than reinstalling any OS.

Deleting the TEMP Directory at Bootup
Normally your TEMP directory can fill with .tmp files, files left over from installs etc.
An easy way to delete it each time you boot is to add the following lines to your AUTOEXEC.BAT file:
@C:\WINDOWS\COMMAND\DelTree /Y C:\WINDOWS\Temp\

Upgrading to Windows2000 or XP
In general, I do not recommend doing in place upgrades.
For example, you currently have Windows98 and want to upgrade to XP, and upgrade directly over your current operating system.
There are just too many problems that can occur this way.
It might seem like it will take too long otherwise but typically you spend more time trying to fix problems than if you did a clean install.
However....
This does not mean you need to format your hard drive first and erase all your data in order to get the benefits of a clean install.
Preparation is the key.
1. Write down what apps are installed and have all the source files available.
2. Save any configurations like e-mail settings to a simple text file.
3. Copy the source files for the new operating system to a directory on the hard drive.
4. Boot with a simple Win98 DOS disk. Make sure Smartdrv is loaded to speed up the actual install.
5. On the C: drive, rename the \windows and \progra~1 (program files directory)
6. Change to the location of the source files that were copied and start the install of the new operating system.
7. Now you will have a clean install and everything is still on the hard drive.
8. You will need to reinstall your applications but typically this doesn't take that long if things are ready ahead of time.
9. If you have enough hard drive space, I also like to copy all my source files to something like an Install directory along with any product ID's. Then you don't need to keep looking for them.

Deleting the INDEX.DAT file (Windows2000, XP)
The INDEX.DAT file keeps a record of all the web sites you have visited.
Normally you can't simply delete this file since it is protected by the operating system.
However, there is a way:
1. Close all running applications
2. Open a command window (CMD.EXE)
3. Go to to C:\Documents and Settings\username\Local Settings\Temporary Internet Files\Content.IE5 (where username is the replaced by your current login name)
4. Start the Task Manager (Ctrl-Shift-Esc)
5. Click on the Processes tab
6. Select EXPLORER.EXE and click on End Process
7. The screen will be blank except for the command window
8. Delete the INDEX.DAT file
9. Go back to the Task Manager
10. Do File / Run / Explorer and the desktop will be back

With a Batch File
Since it would be cumbersome to manually change directories each time,
it would be very simple to create a two line batch file to do this automatically.
For the example it will be the C:\index.bat file
CD C:\Documents and Settings\%username%\Local Settings\Temporary Internet Files\Content.IE5
Del index.dat
1. Open up a CMD window to the C:\ directory
2. Start the Task Manager (Ctrl-Shift-Esc)
3. Click on the Processes tab
4. Select EXPLORER.EXE and click on End Process
5. Run INDEX.BAT
6. Go back to the Task Manager
7. Do File / Run / Explorer and the desktop will be back
Once you learn how do this, it only takes about 30 seconds to delete the file.

Showing Long and Short Filenames (DOS)
There are two additional switches that can be used when doing a DIR
1. /B - Shows only the long filename, no details
2. /Z - Shows the short filename, with details
3. /B /Z - Shows only short filename, with no details

DOS Command History
If you use DOSKEY in either your AUTOEXEC.BAT file or as part of the properties of your DOS Window,
you can show and recall the history of commands you enter and the DOS prompt.
* To recall previous commands, use the up arrow key.
* A complete list of previous commands can be shown if you press the F7 key
* To use one, press F9 and the number of the command you want to use
* To clear the cache, press Alt+F7

Printing a Directory from Explorer
To make a Print Directory option from a right-click in Explorer:
1. In Explorer, choose View / Options / File Types
2. Highlight Folder (not File Folder)
3. Click on the Edit button
4. Click on the New button
5. In the Action box, type &Print Dir
6. In the Application use to perform action box type C:\WINDOWS\COMMAND.COM /C DIR %1 /S /A /O:N > PRN
You can use other switches for COMMAND.COM (COMMAND.COM /?) or DIR (DIR /? | MORE) to customize to your preference.

Opening a DOS Prompt in the Directory You Want
You can use the Explorer to easily open up a DOS window to a specific directory.
1. From Explorer Option Menu select File Types
2. Highlight the object for Folder - NOT File Folder
3. Click the Edit button
4. From the 'Edit File Type' panel click the 'New' button
5. Action is '&Goto DOS Prompt'
6. Application used is C:\windows\command.com /k cd %1
7. Select OK, then Close and Close.
8. Now from Explorer secondary (right) click the folder you want to go to in DOS
9. From the menu select 'GotDOS Prompt' (or hit G) and you are in that directory with a DOS windows
10. For Win NT 4.0 same tip, but substitute cmd.exe for command.com)

Creating Shutdown, Restart and Logoff Icons
To create the icons, create a shortcut on the desktop.
For Shutdown, the command is C:\WINDOWS\RUNDLL.EXE user.exe,exitwindows
For Restart, the command is C:\WINDOWS\RUNDLL.EXE user.exe,exitwindowsexec
For Logoff, the command is C:\WINDOWS\RUNDLL.EXE shell32.dll,SHExitWindowsEx 0

Dual boot: re-installare 98/ME dopo Windows XP
Installare 98/ME dopo Win XP? Possibile.

Sulla rete sono disponibili diverse e valide guide per rendere avviabile un sistema in dual boot nel caso si abbia la necessità di re-installare solo Windows 98/ME. Questi esaurienti tutors spiegano un metodo che risulta essere particolarmente complesso.
Io penso invece che, in taluni casi, bisogna fare di tutto per rendere le cose facili e veloci (e ne avete avuto la conferma in altre occasioni).
Quando su di un PC sono installati due o più sistemi operativi, questi vengono gestiti da alcuni files, presenti nella directory radice del primo disco rigido (su partizione primaria/attiva). Questi sono: BOOT.INI; NTLDR; NTDETECT.COM; BOOTSECT.DOS. La mancanza o la corruzione di uno di essi rende inavviabile il sistema in multiboot
Faccio notare che sò benissimo che, se necessario, si può recuperare un sistema operativo perfettamente funzionante se, si è creata in precedenza un'immagine della stesso (vi sono ottimi tools per far questo, sul tipo di Drive Image, Ghost, true Image), ma può capitare di voler rifare tutto ex novo, perchè, magari abbiamo sostituito la scheda madre, oppure perchè, più semplicemente, intendiamo installare software più aggiornato.
Premesso ciò...
Nell'eventualità in cui si debba re-installare (su "C", ovviamente) Windows 98/ME, quando Windows XP è già presente (presumibilmente su di un secondo disco (partizione primaria/attiva -"D") resta il problema rappresentato dal fatto che, una volta eseguito il setup di Windows 98/ME, Windows XP non sarà più accessibile. In realtà è sempre al suo posto, ma il menu di scelta (presente nel file Boot.ini) non sarà visibile (in realtà non c'è ancora). Non è sufficiente, come sapete, copiare semplicemente i files in questione. Innanzitutto vi serve annotare il seguente testo e salvarlo con il nome "Boot.ini" su di un floppy o dove preferite, così da poterlo recuperare al momento giusto...
...............................................................................................................................
[boot loader]
timeout=10
default=multi(0)disk(0)rdisk(1)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(1)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
C:\="Microsoft Windows 98"
................................................................................................................................
Ora avviate Windows 98 ed inserite il cd di Windows XP, quindi lanciate il setup e dal menu selezionate "Nuova installazione". Windows comincerà ad elaborare la fase di pre-installazione (ancora in ambiente Windows). Al termine di questa procedura il sistema verrà riavviato. Ora fate attenzione! Non si deve proseguire la fase di setup, ma, alla comparsa del menu di scelta come da testo seguente...
................................................................................................
- Installazione di Microsoft Windows XP
- Microsoft Windows
................................................................................................
... con il tasto scorrimento selezionare "Microsoft Windows"
così da rientrare in Windows 98 o Millennium ed abortire di conseguenza l'installzione di Windows XP.
Nota bene: in effetti Windows XP è già presente ed in questo modo non è stato ancora toccato.
A questo punto recuperate il Boot.ini salvato all'inizio e sostituitelo (nella directory radice "C" del disco). Cancellate quindi le due cartelle presenti su "C" contenenti i file temporanei creati dall'installazione di Windows XP, or ora annullata, e quindi non più necessari.
Adesso, se riavviate il SO, avrete di nuovo la possibilità di selezionare Windows XP dal menu di scelta.

- Quando Windows si blocca all'uscita
Windows98 dispone di una funzione per chiudere rapidamente la sessione (Fast ShutDown); è attiva per default e permette in genere di chiudere la sessione in circa 5 secondi. Ciò avviene perchè Windows98 all'uscita si limita a cancellare dalla memoria i driver caricati all'avvio, invece di chiudere i driver con la procedura standard: questo processo viene anche chiamato Controlled Crash. Se però Windows al termine si blocca, la causa potrebbe proprio essere questa opzione abilitata. In tal caso conviene disabilitare il Fast Shutdown. Per fare questo aprire il programma System Information (Start/Programmi/Accessori/Utilità di sistema/Microsoft System Information). Nella relativa finestra di dialogo aprire il menù strumenti e fare click su utilità di configurazione di sistema. Con un click su avanzate si passa alla finestra impostazioni avanzate di risoluzione dei problemi. In questa, fra l'altro si trova l'opzione Disabilita arresto rapido. Se si fa click per attivare tale funzione e si conferma con ulteriore click sul tasto Ok, dopo il riavvio di Windows98 il sistema operativo non dovrebbe più avere difficoltà nella chiusura della sessione.

Bloccare temporaneamente il computer
Potete bloccare temporaneamente il vostro computer utilizzando la combinazione di tasti WIN + L.
Se il tasto "Winkey" non dovesse essere presente sulla vostra tastiera, potrete seguire in alternativa il percorso Start - Esegui e digitare nel campo Apri il comando
%windir%\System32\rundll32.exe user32.dll, LockWorkStation

Le funzioni di Shutdown.exe
Il programma Shutdown, presente in Windows XP nella cartella "System32", consente di riavviare o spegnere velocemente il PC. Per utilizzarlo potete seguire il percorso Start - Esegui, digitando nel campo Apri il seguente comando:
shutdown -s -t00
Il sistema verrà automaticamente chiuso.
Il comando Shutdown permette l'utilizzo di particolari opzioni:
-l disconnette l'utente corrente
-s arresta il sistema
-r riavvia il sistema
-a annulla un riavvio del sistema
-f forza la chiusura delle applicazioni in esecuzione senza preavviso
-tNN imposta il numero di secondi trascorsi i quali dovrà essere spento il computer (sostituire al posto di NN il numero di secondi)
-c seguito da un testo (lungo max. 127 caratteri) racchiuso tra virgolette (ad esempio -c "testo del messaggio"), permette di specificare il messaggio che deve essere visualizzato nell'apposita area contenuta all'interno della finestra di arresto.

Windows Update non funziona
Può capitare che il download degli aggiornamenti selezionati su Windows Update non avvenga correttamente. In tali casi provate a chiudere tutte le finestre, seguite il percorso Start - Esegui e digitate il comando "command".
Dal prompt registrate i seguenti file digitando:
regsvr32 msscript.ocx [INVIO]
regsvr32 dispex.dll [INVIO]
regsvr32 vbscript.dll [INVIO]
regsvr32 scrrun.dll [INVIO]
Digitate poi il comando Type Assoc .JS=JSFile e premete il tasto INVIO sulla tastiera. Digitate il comando
Type Ftype JSFile=%SystemRoot%\System32\WScript.exe "%1" %*
e premete di nuovo il tasto INVIO. Dopo aver riavviato il sistema, avviate di nuovo Windows Update.

Aumentare velocità di connessione in LAN
Molto spesso alcuni computer in una rete locale (LAN) impiegano molto tempo a sfogliare la rete o a trovare un nuovo PC. Questo rallentamento è dovuto alle Policy di Windows. La velocità di connessione in una LAN può essere aumentata eliminando la chiave di registro relativa alle operazioni pianificate.
Aprite il registro di configurazione (Avvio - Esegui - Regedit), cercate la seguente chiave e cancellatela:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\explorer\RemoteComputer\NameSpace\{D6277990-4C6A-11CF-8D87-00AA0060F5BF}
Riavviate il PC per rendere effettive le modifiche.

Eliminare la richiesta di segnalazione errori
Quando si verifica un errore di sistema o di un particolare programma, questo può causare il blocco del sistema e l'interruzione del programma stesso.
È possibile segnalare gli errori di sistema e di programma a Microsoft tramite il sistema di segnalazione degli errori. Questo consente a Microsoft di registrare e risolvere gli errori del sistema operativo, di un componente di Windows e di un programma.
Potete disattivare questa opzione seguendo il percorso Start - Impostazioni - Pannello di Controllo e cliccando sull'icona Sistema.
Selezionate la cartella Avanzate all'interno della quale trovate il pulsante "Segnalazione errori". Nella finestra "Segnalazione errori" selezionate la voce "Disabilita segnalazione errori" e disattivate l'opzione "Notifica comunque errori critici".

Bloccare gli aggiornamenti automatici
Windows XP contatta automaticamente i server Microsoft per effettuare una ricerca degli aggiornamenti. Come quella per la segnalazione dei blocchi di sistema, questa funzione può essere disattiva cliccando con il tasto destro sull'icona Risorse del Computer e selezionando dal menù contestuale la voce Proprietà. Nella sezione "Impostazioni notifiche" della scheda "Aggiornamenti automatici" potete scegliere tra "Avvisa prima di effettuare il download" e "Disattiva l'aggiornamento automatico".

Ripristino delle configurazioni di Sistema
Nel caso in cui si verifichi un inconveniente, Windows XP Professional consente il ripristino di uno stato precedente del computer senza pregiudicare i dati personali, come documenti di Microsoft Word, la cronologia di esplorazione, l'elenco dei Preferiti o i messaggi di posta elettronica.
Il Ripristino configurazione di sistema permette di monitorare il sistema e alcuni file di applicazione per tenere traccia delle modifiche eseguite creando automaticamente punti di ripristino di facile identificazione. Questi punti di ripristino vengono creati quotidianamente in corrispondenza di eventi significativi del sistema (per esempio, l'installazione di un driver o di un'applicazione), ma possono anche essere creati manualmente in qualsiasi momento.
Per attivare la funzione seguite il percorso Start - Programmi - Accessori - Utilità di sistema - Ripristino configurazione di sistema. Nella finestra che appare potete eseguire due operazioni, "Ripristina uno stato precedente del computer", che vi permette di selezionare un punto di ripristino creato in una data determinata, o "Crea un punto di ripristino", che vi consente di crearne uno.

Come installare il protocollo NetBEUI
Può risultare necessario installare il protocollo NetBEUI, benché non incluso nella lista dei protocolli installabili in Windows XP. I file necessari all'installazione sono infatti contenuti nel CD-ROM del sistema operativo.
E' necessario installare due file: Nbf.sys e Netnbf.inf. Seguendo il percorso Start - impostazioni - Pannello di Controllo, cliccate due volte sull'icona Connessioni di rete. Cliccate poi con il tasto destro del mouse sull'icona di connessione che necessita del protocollo NetBEUI e dal menù contestuale scegliete la voce Proprietà. Nella cartella Generale cliccate sul pulsante Installa, selezionate la voce Protocollo, cliccate su Aggiungi e successivamente su Disco driver...
Inserite il CD-ROM di Windows XP e tramite il pulsante Sfoglia seguite il percorso
VALUEADD\MSFT\NET\NETBEUI
e selezionate il file Netnbf.inf. Cliccate poi sul pulsante Apri e quindi sul pulsante OK per completare l'installazione.

Riavvio automatico di XP a causa di errori interni
Windows XP è impostato in modo da riavviarsi in automatico se si presentano degli errori interni; può risultare tuttavia utile invece visualizzare la classica schermata blu per ottenere informazioni riguardanti l'errore verificatosi.
Tramite il Pannello di Controllo selezionate la voce "Prestazioni e manutenzione", quindi Sistema. Selezionate la scheda Avanzate nella quale troverete la sezione "Avvio e ripristino". Cliccate sul pulsante Impostazioni e disattivate l'opzione "Riavvia automaticamente".

Windows XP più veloce
Windows XP presenta un'interfaccia molto curata e ricca di effetti grafici che richiedono però l'utilizzo di ingenti risorse di memoria RAM. E' possibile incrementare le prestazioni di XP agendo sulle Proprietà di Sistema (Pannello di Controllo - Sistema) e cliccando sulla scheda Avanzate.
Nella sezione Prestazioni cliccate sul pulsante Impostazioni e nella finestra che compare attivate la voce "Regola in modo da ottenere le prestazioni migliori".

File condivisi più sicuri
Windows XP viene installato con una condivisione dei file semplificata che non consente un livello di protezione elevato.
Tale impostazione può essere modificata seguendo il percorso Esplora Risorse - Strumenti - Opzioni Cartella, cliccando sulla cartella Visualizzazione e disattivando l'opzione "Utilizza condivisione file semplice".

Lo screensaver
Il salvaschermo di default di Windows XP può essere modificato tramite la finestra Proprietà - Schermo.
Cliccate con il tasto destro del mouse su una parte libera del Desktop e scegliete la voce Proprietà dal menù contestuale.
Selezionate la scheda "Screen saver" dove troverete l'opzione "Al ripristino, torna alla schermata iniziale", abilitata di default, che consente di proteggere tramite password l'accesso al sistema.
Per disabilitare la protezione è sufficiente disattivare tale opzione.

Personalizzare il Desktop
Le impostazioni del Desktop sono raggiungibili cliccando con il tasto destro del mouse su un punto vuoto del Desktop e scegliendo dal menù contestuale la voce Proprietà.
Selezionate la scheda Desktop in cui potrete scegliere lo sfondo da applicare, nonché la sua posizione (Estesa - Al centro - Affiancata). Cliccando sul pulsante "Personalizza Desktop" si aprirà la finestra "Oggetti desktop" divisa in due cartelle, Generale e Web. Nella cartella Generale potrete scegliere quali icone tra Documenti - Risorse del computer - Risorse di rete - Internet Explorer far comparire o meno sul Desktop. Tramite il pulsante Cambia icona potrete modificare l'icona degli elementi sopraelencati e quella del Cestino.
Il pulsante "Pulitura desktop" consente di rimuovere dal Desktop le icone inutilizzate. Queste verranno poste nella cartella \Documents and Settings\Desktop\Collegamenti desktop inutilizzati. La procedura può essere avviata in modo automatico attivando la casella "Esegui Pulitura guidata desktop ogni 60 giorni".
La scheda "Web" consente di visualizzare sul Desktop una pagina HTTP. Nel riquadro Pagina Web troverete la casella relativa alla pagina iniziale di default del browser, ma cliccando sul pulsante Nuova avrete la possibilità di inserire un indirizzo web differente.

Gestione dei dischi
Con Windows XP è possibile gestire i dischi in modo ottimale. Seguite il percorso Pannello di Controllo - Strumenti di Amministrazione - Gestione computer. Nella finestra Gestione computer cercate nel riquadro di sinistra la voce Archiviazione sotto la quale troverete Gestione disco. Potrete effettuare diverse operazioni, come cambiare le lettere che identificano i dischi, eliminare partizioni e unità logiche, formattare un disco.

Limitare le operazioni consentite agli utenti
Se in fase di installazione di Windows XP avete creato diversi account per vari utenti, tenete presente che XP assegna a tutti i diritti di Amministrazione. Potete cambiare tali caratteristiche aprendo il Pannello di Controllo e cliccando due volte sull'icona Account utente.
Selezionate l'icona dell'utente in relazione al quale desiderate cambiare le impostazioni e cliccate sulla voce "Cambia il tipo di account". Nella finestra "Selezionare un nuovo tipo di account per...nome account", cliccate sulla casella "Limitato". In questo modo l'utente in questione potrà solo modificare la sua password di accesso, cambiare le impostazioni del desktop, visualizzare i file da lui creati e accedere ai file contenuti nella cartella Documenti condivisi.

Reinstallare Windows
Può capitare che la funzione di Ripristino di Sistema non faccia il proprio dovere. In tal caso non rimane che reinstallare Windows per risolvere gli eventuali problemi.
La nuova installazione non comporta necessariamente una cancellazione delle impostazioni del sistema e non costringe l'utente a reinstallare le applicazioni; è un modo piuttosto efficace di risolvere problemi seri di instabilità del sistema stesso.
Il sistema più veloce per installare Windows XP è tramite l'avvio da CD-ROM. In tal caso è necessario entrare nel BIOS e impostare l'ordine di boot affinché il sistema vada a cercare i file di avvio nel CD prima che nel disco rigido.
Seguite le istruzioni e selezionate il drive di installazione, ma nella schermata finale, invece di premere INVIO, premete il tasto "R" per fare una riparazione dell'installazione esistente.
La riparazione reinstallerà molti componenti di Windows, ma richiederà di reinstallare tutti i driver più recenti rispetto alla versione di Windows XP.

Ripristinare i "file registro eventi" danneggiati
Uno degli strumenti di amministrazione di Microsoft Management Console è il Visualizzatore eventi, nel quale vengono mantenute le registrazioni di tutti gli eventi relativi a programmi, protezione e sistema che si verificano nel computer.
E' possibile che all'avvio, nel Visualizzatore eventi, venga indicato un danneggiamento di uno o più file registro. In questo caso è possibile correggere la situazione nel seguente modo:
- Disattivate il servizio Registro eventi seguendo il percorso Pannello di controllo - Strumenti di amministrazione - Servizi - Riavviate Windows XP - Eliminate il registro o i registri danneggiati, quali Appevent.evt, Secevent.evt e/o Sysevent.evt, dal percorso
%SystemRoot%\System32\Config
o dal percorso in cui si trovano. I dati relativi agli eventi esistenti andranno persi, ma una volta riavviato il servizio verrà creato un nuovo file registro nel quale saranno registrati i nuovi eventi.
- Riattivate il servizio Registro eventi.
Nel caso il servizio Registro eventi non venga avviato, ravviare Windows XP.
Non è possibile eliminare o rinominare file registro mentre il servizio Registro eventi è in esecuzione.

L'indirizzo IP sotto XP
Potete visualizzare il vostro indirizzo IP in Windows XP cliccando due volte con il mouse sull'icona dei computerini che appare nella system tray di Windows una volta effettuata la connessione.
Se l'icona non è presente cliccate su Start - Impostazioni - Connessioni di rete, cliccate con il tasto destro del mouse sulla connessione di rete che desiderate monitorare e selezionate dal menu contestuale la voce Proprietà. Nella cartella Generale attivate la casella "Mostra un'icona sull'area di notifica quando connesso".
Chiudete la schermata cliccando sul pulsante OK e, una volta comparsi i monitorini della connessione nella System Tray, fateci sopra un doppio click per far comparire la finestra dello stato della connessione.
Selezionate la cartella Supporto e sotto la sezione "Protocollo Internet (TCP/IP)", alla voce Indirizzo IP, troverete l'indicazione del vostro indirizzo IP.

Blocco immediato del computer
Tramite la combinazione di tasti WINDOWS + L è possibile passare immediatamente alla visualizzazione della schermata di login nella quale viene richiesta la password utente.
E' un metodo rapido che può essere utile per evitare che qualcuno utilizzi il PC quando ci si allontana dalla propria postazione.

Salvare le password in Windows XP
Dopo aver installato Windows XP sul vostro computer, può capitare che Outlook e Internet Explorer non salvino le password relative agli account di posta elettronica e ai siti Internet protetti. Ciò è causato da informazioni scorrette presenti in una sottochiave della voce del registro Protected Storage System Provider.
E' possibile risolvere questo problema facendo una copia di backup della chiave di registro, cancellando le informazioni relative all'utente che intendete utilizzare in Windows e inserendo di nuovo le password.
Per effettuare una copia della chiave del registro, procedete come segue. Chiudete tutti gli eventuali programmi attivi ed avviate il Registro di configurazione. Cliccate su Start - Esegui e digitate il comando regedt32 nella casella Apri, quindi cliccate sul pulsante OK.
Cercate la seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Protected Storage System Provider
Dal menu File cliccate sulla voce Esporta... e, nella finestra che apparirà, inserite nel campo Nome file un nome per la chiave esportata e scegliete un percorso in cui salvare il file.
Per cancellare le informazioni errate, selezionate la chiave Protected Storage System Provider e dal menu Modifica cliccate su Autorizzazioni...
Nella finestra che apparirà troverete la casella Utenti e Gruppi in cui dovrete selezionare il nome dell'utente con il quale siete loggati in Windows ed dovrete assicurarvi che, nella casella "Autorizzazioni per", le voci "Controllo completo" e "In lettura" siano impostate su Consenti.
Cliccate poi sul pulsante Avanzate e selezionate l'utente loggato al momento su Windows, sul quale nella colonna Autorizzazioni sia presente la voce "Controllo completo". Nella colonna "Applica a" dovrà essere presente la dicitura "La chiave selezionata e le sottochiavi".
In basso dovrete attivare il checkbox "Sostituisci le autorizzazioni su tutti gli oggetti figlio con le autorizzazioni appropriate qui specificate", quindi cliccate su Applica e su Sì alla finestra di conferma delle modifiche. Cliccate sul pulsante OK sino a tornare nella finestra del regedit.
Fate un doppio click sulla chiave Protected Storage System Provider per espanderla, quindi selezionate la sottochiave presente immediatamente sotto la principale e dal menu Modifica cliccate su Elimina. Cliccate sul pulsante Sì alla finestra di avviso.
La sottochiave relativa all'utente loggato in Windows sarà simile alla seguente:
S-1-5-21-124525095-708259637-1543119021-16701
Per ogni identità del sistema potranno esserci diverse sottochiavi relative alla chiave Protected Storage System Provider. Per risolvere il problema su tutte le identità, dovrete cancellare tutte le sottochiavi presenti. Chiudete il regedit e riavviate il computer per attivare le modifiche.

Ripristino dei driver
Se si installa un nuovo driver e questo crea dei problemi, grazie a una nuova funzione di Windows XP è possibile tornare con pochi click alla versione del driver utilizzata in precedenza.
Seguite il percorso Risorse del computer - Pannello di controllo, cliccate sull'icona Sistema e quindi sulla scheda Hardware.
Nella sezione Gestione periferiche troverete il pulsante omonimo. Cliccando su tale pulsante, si aprirà una nuova finestra nella quale dovrete fare un doppio click sulla periferica per la quale intendete correggere il driver. Cliccate poi sulla scheda Driver e quindi su Ripristina driver.
La procedura descritta funzionerà solo se prima sulla macchina era installato un driver diverso per la periferica, e non nel caso di una prima installazione.

Effettuare il download degli aggiornamenti
Tramite il Catalogo di Windows Update è possibile scaricare da Internet i file degli aggiornamenti per salvarli poi, per esempio, su CD. Aprite Windows Update e sotto il menù "Vedere anche" selezionate la voce "Catalogo di Windows Update". In alto troverete la voce "Trova aggiornamenti per Microsoft Windows". Selezionando tale voce, vedrete apparire un menu nella parte destra della finestra, dal quale potrete scegliere la versione di Windows XP da voi utilizzata.
Vi verrà mostrato un elenco con gli aggiornamenti disponibili. Selezionate quelli che desiderate scaricare premendo il tasto Aggiungi. Gli aggiornamenti verranno aggiunti nel Raccoglitore download al quale potrete accedere attraverso il menu presente nella parte sinistra della schermata.
Selezionata quest'ultima voce, potrete visionare tutti gli aggiornamenti pronti per il download. Tramite il pulsante Sfoglia avrete la possibilità di decidere su quale cartella scaricare i file, operazione da effettuare premendo il tasto Download.

Accelerare il logon alla rete
Se utilizzate un computer collegato ad altri PC e accedete spesso ad una certa risorsa di rete, potete creare una connessione a tale risorsa cliccandovi con il tasto destro del mouse e scegliendo la voce "Connetti unità di rete". In questo modo l'unità di rete apparirà tra le Risorse del computer locale.
Questa procedura può rallentare però l'avvio del sistema nel caso in cui la risorsa di rete non risulti disponibile. Ciò perché, durante il login, Windows verifica sempre il collegamento.
E' preferibile pertanto creare un collegamento sul Desktop trascinando con il mouse la cartella di rete desiderata e scegliere "Crea collegamento" dal menu contestuale. I collegamenti sul Desktop, infatti, non vengono verificati da Windows all'avvio.

Rinominare un insieme di file
In ambiente Windows XP è possibile rinominare contemporaneamente un gruppo di file selezionati. Ciò risulta utile ad esempio in presenza di file acquisiti da periferiche esterne come fotocamere digitali, le quali numerano progressivamente i file.
Selezionate tutti i file che intendete rinominare e premete il tasto F2. Verrà messo in evidenza il primo file della lista al quale attribuire il nuovo nome che verrà riportato, seguito da un numero progressivo, in tutti i file precedentemente evidenziati.

Disabilitare le Applicazioni in Background
Ogni processo e ogni applicazione che gira su un PC impiega una certa quantità di tempo di elaborazione del processore. Più processi sono attivi, meno sarà il tempo di elaborazione che potrà essere dedicato ad una determinata applicazione, per esempio un videogioco, con la conseguente perdita di prestazioni.
E' facile chiudere tutti i processi e le applicazioni non necessarie, in modo che il PC possa dedicare maggiori risorse all'applicazione da utilizzare. Windows XP dispone di un Task Manager attraverso il quale è possibile verificare in ogni momento quali processi sono attivi.
Premete CTRL+ALT+DEL sulla tastiera per aprire il Task Manager e cliccate sulla scheda Applicazioni. Selezionate e chiudete tutti i programmi non necessari (tranne quello che volete utilizzare). Selezionate poi la scheda Processi e cercate tutte le utility come mixer audio, firewall, controller di gioco e software antivirus che girano in memoria. Cercate di uscire dai processi non di sistema (quelli che appaiono di fianco al nome utente) che mostrano un impiego sensibile delle risorse di sistema, chiudete tali processi e verificate gli eventuali miglioramenti dal punto di vista delle prestazioni.

Cambiare "Proprietà del sistema"
E' possibile modificare le informazioni che appaiono nella finestra "Proprietà del sistema" di Windows XP agendo direttamente sul registro di configurazione. Aprite il registro (Avvio - Esegui - Regedit) e cercate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\Current Version
Create (o modificate) i valori Stringa "RegisteredOwner" e "RegisteredOrganization" con il testo che desiderate far apparire.
Se questa modifica non dovesse avere effetto, provate la stessa procedura con la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\ Windows NT

Eliminare l'avviso "Spazio su disco insufficiente"
Tramite il regedit potete evitare la comparsa dell'avviso "Spazio su disco insufficiente", che per alcuni può risultare fastidioso.
Aprite il registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\Policies\Explorer
Creare un nuovo Valore DWORD (Modifica - Nuovo - Valore DWORD), nominatelo "NoLowDiskSpaceChecks" (escluse le virgolette) e assegnategli come valore "1"

Abilitare l'uso del processore nelle schede di rete
Se desiderate utilizzare una scheda di rete dotata di processore onboard
in ambiente Windows XP, dovrete prima attivare tale processore che è
disabilitato di default.
Per abilitarlo occorre effettuare una modifica al Registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit). Cercate la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\ Services\Tcpip\Parameters
Create un nuovo valore DWORD e nominatelo "DisableTaskOffload" (escluse le virgolette). Fate un doppio click sulla voce appena creata e assegnatele
valore "0". Riavviate il sistema per rendere effettive le modifiche.

Effettuare il Logon in automatico
In ambiente Windows XP è possibile fare in modo che il Logon avvenga
automaticamente, senza la richiesta di alcun nome utente e password per
accedere al sistema. Effettuate il logon come amministratore di sistema e
quindi aprite il Regedit (Start - Esegui - regedit). Cercate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\ WindowsNT\CUrrentVersion\Winlogon
Cliccate con il tasto destro del mouse nella finestra di destra e
selezionate Nuovo - Valore Stringa, quindi nominate il valore appena creato "DefaultPassword" (escluse le virgolette). Una volta creata tale stringa cliccateci sopra due volte e inserite nel campo Dati Valore la vostra password di amministratore, facendo attenzione alle maiuscole/minuscole.Cliccate poi sul pulsante OK.
Cliccate ancora con il tasto destro del mouse nella finestra di destra e selezionate Nuovo - Valore Stringa, quindi nominatela "AutoAdminLogon".
Cliccateci sopra due volte e inserire nel campo Dati Valore il numero 1 quindi chiudete il regedit e riavviate il sistema per rendere effettive le modifiche.

Ingannare le applicazioni
E' possibile che alcune applicazioni create per Windows 2000 non si installino su Windows XP, anche se si cerca di utilizzare il Compatibility Mode.
In alcuni casi, l'inconveniente può essere risolto modificando una chiave del Registro di configurazione.
Aprite il Regedit seguendo il percorso Start - Esegui e digitando nella casella Apri il comando regedit. Cercate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE/SOFTWARE/Microsoft/WindowsNT/CurrentVersion
Nella parte destra della schermata fate un doppio click sulla voce ProductName e modificatene il valore da Microsoft Windows XP a Microsoft Windows 2000.
Dopo l'installazione del software è necessario ripristinare i valori di default.

Aggiornamento dell'orologio
Windows XP aggiorna in automatico l'orologio sul computer locale.
L'orario viene regolato in base alle impostazioni del fuso orario. L'aggiornamento avviene in modo automatico ogni settimana, ma è possibile modificarlo intervenendo sul registro di sistema. Seguite il percorso "Start" - "Esegui" - "Regedit" e posizionatevi su:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\ControlSet001\Services\W32Time\TimeProviders\NtpClient
Troverete una voce denominata "SpecialPollIntervall",contenente il numero di secondi che intercorrono tra una sincronizzazione e l'altra: di default dovrebbe essere in esadecimale 93a80. Cliccate su decimale e avrete il valore 604800 (1 settimana). Modificate il valore, ricordandovi di non impostare tempi troppo brevi per evitare di caricare eccessivamente la rete e i server remoti.

Velocizzare la chiusura dei servizi
Dopo il comando di arresto, lo spegnimento di un sistema Windows XP può richiedere anche 20 secondi. E' possibile intervenire sul Registro di configurazione affinché lo spegnimento del sistema avvenga più velocemente.
Aprite il Registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop
Modificate la voce "WaitToKillAppTimeout" da 20.000 a 5.000 (5 Secondi). Cercate poi la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control
Anche in questo caso modificate la voce "WaitToKillServiceTimeout" da 20.000 a 5.000 (5 Secondi).
Riavviate il sistema operativo per rendere effettive le modifiche del registro.

Il backup di Windows XP Home
Windows XP Professional installa automaticamente il programma di backup. Nella Home questo non avviene. Possiamo installarlo, utilizzando il cd di installazione e, all'interno della cartella "Valueadd" si può selezionare il file "ntbackup.msi"

Eliminazione di voci disattivate da MsConfig
Dopo aver disattivato alcuni programmi in esecuzione automatica, non più necessari o indesiderati, tramite l'utility Msconfig, si vorrebbe eliminare definitivamente le relative voci anche dal Registry;  non sembra però possibile farlo direttamente dall'interno del programma.
Per farlo è necessario cancellare le voci di avvio automatico dei programmi direttamente dal registry. Start - Esegui - regedit.
In windows 98:
Hkey_Local_Machine\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\RunServices
In windows xp
Hkey_Local_Machine\software\MicrosoftShare Tools\MsConfig\startupreg
Hkey_Local_Machine\Software\MicrosoftShare Tools\MsConfig\startupforlder
Cercate il valore o la chiave desiderati in queste cartelle del Registry ed eliminateli.
Attenzione: una voce del Registry cancellata in questo modo NON potrà essere riattivata in MsConfig e potrà essere riattivata SOLO ricreandola perfettamente identica.

Eliminazione definitiva di servizi obsoleti (Win2k/xp)
Dopo la disinstallazione di un'applicazione, per esempio un antivirus, spesso nel sistema rimangono vari servizi a essa associati. Tramite gli strumenti di amministrazione questi servizi si possono disattivare ma li si vorrebbe eliminare definitivamente, per evitare effetti secondari indesiderati e per recuperare spazio su disco. Di norma le voci relative a tutti i  servizi si trovano nel Registry sotto la chiave Hkey_Local_Machine\system\currentcontrolset\services\.
Piuttosto che eliminarli manualmente dal Registry, però conviene utilizzare Delserv, meno soggetta ad errori, che si trova nel Windows 2000 Resource Kit. Questo strumento si può scaricare da http://www.microsoft.com/windows2000/techinfo/reskit/tools/existing/delsrv-o.asp
Dopo l'installazione, lo strumento si avvia dal Prompt dei comandi; aprire una console tramite Start - Esegui - cmd e passare con il comando cd nella cartella che contiene il programma, solitamente c:\programmi\resource kit. Immettere il comando delsrv seguito dal nome del servizio da eliminare, per esempio: delsrv ccPwdSvc seguito da invio.

Tenere aggiornata l'ora
In windows xp, nelle proprietà della data e ora, c'è la finestra ora internet. Attivare la voce "sincronizzazione automatica con server di riferimento ora. Come server si può inserire manualmente, invece di quello predefinito, quello dell'Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris (ntp1.ien.it e ntp2.ien.it). Attivare una connessione internet ora e fare clic su aggiorna.

Boot.ini di windows xp
I parametri disponibili da aggiungere alla riga del boot.ini sono le seguente:
multi(0)disk(0)rdisk(1)partition(1)\Windows="Microsoft Windows XP Home Edition - Modalità provvisoria" /fastdetect /safeboot:minimal

Parametro Funzione
/basevideo Avvia in modalità VGA
/bootlog Crea il file ntbootlog.txt nella cartella di windows
/crashdebug Carica il debugger (inattivo fino a che non si verifica un crasch
/debug Carica ed avvia il debugger
/fastdetect Parametro di default: disattiva il riconoscimento di porte seriali e parallele
/noguiboot Disabilita il logo iniziale
/nodebug Disattiva il debugger
/sos Informa sui driver caricati.

I servizi disattivabili in Windows XP SP2

Avvisi visualizza una serie di messaggi dell'amministratore del sistema; se l'utente che utilizza il pc è anche amministratore del sistema si può ovviamente disattivare questo servizio
browser del computer gestisce l'elenco dei computer inclusi in risorse di rete di Windows. Se è installata una rete locale domestica conviene disattivare questo servizio.
ClipBook è presente solo in una rete locale e permette un semplice scambio di file tramite gli appunti fra i computer collegati in rete.
Condivisione destkop remoto di NetMeeting questo servizio permette a Netmeeting di gestire un altro computer tramite la rete o internet; chi è non è interessato lo può disattivare.
Helper netBIOS di TCP/IP anche questo è un servizio utilizzabile solo in una rete. Se si lavora stand-alone, si può disattivare
Messenger trasmette i messaggi in rette visualizzandoli in una finestra che compare sul desktop. Il servizio è utilizzato spesso da aziende che vogliono in questo modo inviare pubblicità ad altri computer. E' da disattivare se non si è inclusi in una rete.
Ora di Windows permette la sincronizzazione degli orologi di sistema in una rete.
Registro di sistema remoto permette di accedere al registry di un altro computer della rete locale.
RPC (Remote Procedure Call) Servizio da attivare solo se il computer è inserito in una rete locale.
Server Il servizio permette di definire la condivisione di file e stampanti.
Servizi IPSec questi servizi sono richiesti solo quando si vuole creare una connessione crittografata a un server.
Servizio di indicizzazione crea un indice dei file e delle cartelle presenti in modo da accelerare la ricerca dei documenti presenti sull'hard disk.
Servizio di segnalazione errori serve a trasmettere messaggi di errori del protocollo che gestisce gli eventi in rete; il protocollo può essere comunque visualizzato anche dal proprio computer.
Servizio numero di serie per dispositivi multimediali portatili determina il numero di serie delle periferiche collegate, per esempio di un player MP3. Se non si dispone di apparecchi di questo genere il servizio non serve e va pertanto disattivato.
Telnet è richiesto per accedere al computer tramite il protocollo telnet
Zero configuration reti senza fili servizio richiesto per la configurazione di adattatori Wlan di classe 802.11; se non si dispone di rete wireless è inutile e si può disattivare.

Modificare le proprietà del sistema
Per cambiare Utente e Organizzazione nelle proprietà del sistema dobbiamo aprire il registro di Windows: start->esegui->regedit
Andiamo alla chiave: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion
Ora modifichiamo il valore delle stringhe "RegisteredOwner" e "RegisteredOrganization" rispettivamente per modificare utente e organizzazione.

Scrivere un'e-mail senza avviare Outlook Express
Per scrivere un'e-mail senza avviare OE è sufficiente andare su Start->Esegui e scrivere: "mailto:"
Il trucco funziona con qualsiasi client di posta predefinito.

Come sostituire un file di sistema
«Questo è un sistema per sostituire file in uso dal sistema... da smanettoni!
Può capitare di voler sostituire un file di sistema (io lo uso per sostituire la UXtheme.dll ed utilizzare i temi alternativi di Windows...)
Cliccando su questo link si accede al download di un software freeware Microsoft con cui è possibile sostituire i file in uso dal sistema.
Inuse.exe, si utilizza a riga di comando tramite l'istruzione:
InUse [origine] [destinazione] /Y
[origine] è la path del file che si vuole utilizzare
[destinazione] è la path del nome esistente e che verrà sostituito
/Y elimina la richiesta di conferma
Perchè la modifica sia effettuata è necessario riavviare il computer.
Inutile dire che questo trucco è destinato ad utenti molto esperti e che le conseguenze di un'azione inopportuna potrebbero essere "catastrofiche"...

Explorer in Full Screen
Invece di premere F11 ogni volta, per visualizzare InternetExplorer a schermo intero, possiamo ricorrere a questo trucco:
Apriamo il registro di Windows: Start->Esegui->regedit
Andiamo alla chiave: HKEY_CURRENT_USER->Console
Cerchiamo la stringa "fullscreen" e portiamo a 1 il suo valore.
Dopodichè andiamo alla chiave: HKEY_CURRENT_USER->Software->Microsoft->InternetExplorer->Main
cerchiamo anche qui, la stringa "fullscreen" e modifichiamo il valore da "no" a "yes".
Ogni volta che apriremo InternetExplorer, questo verrà visualizzato subito a schermo intero.

Disabilitare il riavvio automatico in caso di errore
Il riavvio automatico in caso di crash del sistema (schermata blu), impedisce all'utente di individuare la causa dell'errore.
Ecco come disabilitare tale opzione:
andiamo nelle proprietà di sistema (tasto Win+Pausa)->Avanzate->Avvio e ripristino.
Alla voce "Errore di sistema" delezioniamo "Riavvia autoaticamente".
Diamo l'ok e poi clicchiamo su Applica.

Togliere le voci inutili dal menù Installazioni/applicazioni
Usare tweakUIT http://www.portorcole.org/software/tweakuit.exe
Molto spesso, anche se un programma è stato cancellato, rimane comunque nel menù Installazioni/Applicazioni. Come sbarazzarcene?
1) Aprite il menù Start...
2) Selezionate la voce ESEGUI...
3) Digitate REGEDIT per avviare il Registro di Sistema...
4) Aprite HKEY_LOCAL_MACHINE...
5) poi SOFTWARE...
6) poi WINDOWS
9) quindi CURRENT VERSION
10) infine UNINSTALL
11) cancellate le cartelle inutili relative ai programmi già eliminati

Da Win XP Home a Pro Hack
Il computer magazine tedesco C'T in articolo ha riportato una procedura che permetterebbe di trasformare l'installazione di Windows XP Home in quella di Windows XP Professional
Il computer magazine tedesco C'T in articolo ha riportato una procedura che permetterebbe di trasformare l'installazione di Windows XP Home in quella di Windows XP Professional.
Ricordiamo che la procedura è da ritenersi contraria al copyright e EULA (End-User License Agreement).
C'T magazine ha apparentemente scoperto un il modo di hackerare l'installazione di XP Home che prevede la modifica di appena due bytes in modo da consentire l'installazione di Windows Professional. Alcune funzionalità comunque rimangono assenti sebbene il Remote Desktop, User management e le funzionalità di sicurezza avanzate risultino disponibili. L'hack richiede vari passaggi. Gizmodo.com riporta in sintesi la procedura che prevede la modifica del file setupreg.hiv nella cartella i386. Non è possibile modificare il sistema già installato ma solo il CD di installazione (o forse anche i diffusi recovery CDs che accompagnano i portatili).
Ecco la procedura:
1. Copiare il contenuto del CD di Windows XP sul HD
2. Estraete anche il settore di boot del CD per poter ricreare un CD di Boot
3. Modificate 2 Bytes del file i386Setupreg.hiv :
a) Aprite Regedt
b) Selezionate la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE
c) Menu: File -> Carica Hive -> i386Setupreg.hiv
d) Assegnate un nome alla sottochiave che verrà creata, per esempio "Homekey"
e) Andate in HKEY_LOCAL_MACHINEHomekeyControlSet001Servicessetupdd
f) Modificate la chiave binaria "default" e cambiate "01" in "00" e "02" in "00"
g) Selezionate "Homekey" e poi Menu: File -> Scarica Hive
4. Ora potete masterizzare il nuovo CD XP Pro
5. Installate Windows XP in maniera classica. Il seriale di XP Home dovrebbe funzionare.
Nota: I comandi Carica hive e Scarica hive influenzano solo le chiavi HKEY_USERS e HKEY_LOCAL_MACHINE e sono attivi solo quando sono selezionate tali chiavi predefinite. Quando si carica un hive nel Registro di sistema, l'hive diventa una sottochiave di una di queste chiavi.
Nota importante: Sembra non essere possibili installare SP2 su un sistema così modificato. Potete quindi provate ad eseguire la procedura su un CD con già integrato SP2.
Tweakness.net non ha testato la procedura e non si ritiene responsabile di qualsiasi problema derivante dalle informazioni contenute in questa notizia. Gli smanettoni più impavidi sono incoraggiati a commentare la news con le loro esperienze.

Hiding a XP Computer from Network Neighborhood
If you want to share files from a XP computer,
yet want to remove it from showing up in the Network Neighborhood,
Run net config server /hidden:yes

Nascondere i PC in una rete LAN
In una rete LAN (Local Area Network), potrebbe essere utile nascondere alcuni pc dagli "occhi indiscreti" degli altri pc presenti sulla stessa rete (non sarà visibile nella lista dei pc in "Risorse di Rete"). Per fare ciò è sufficiente effettuare una piccola modifica al registro di configurazione.
Aprire il registro di configurazione e portarsi sulla seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\
Services\LanmanServer\Parameters
Creare (se non esiste) un nuovo valore DWORD, denominato hidden e impostarlo a 1 ed effettuare un reboot.

Setting Capslock, Numlock, Scroll Lock
If you want to set the startup state for any or all of these keys,
you just need to edit the registry.
1. Start Regedit
2. Go to HKEY_CURRENT_USER \ Control Panel \ Keyboard
3. Open InitialKeyboardIndicators
4. Change the value to one of the following numbers
0 - All Keys off
1 - Caps Lock on
2 - Num Lock on
4 - Scroll Lock on
For multiple keys, add their values:
3 - Caps Lock and Num Lock on
5 - Caps Lock and Scroll Lock on
6 - Num Lock and Scroll Lock on
7 - Caps Lock, Num Lock, and Scroll Lock on
5. Log off and back on again

Configure for Auto-Logon
If you are the only person using the computer and what to have it automatically log you on,
1. Start / Run / "control userpasswords2" - no quotes
2. Uncheck User must enter a user name and password to use this computer

Services You Can Disable
There are quite a few services you can disable from starting automatically.
This would be to speed up your boot time and free resources.
They are only suggestions so I suggestion you read the description of each one when you run Services
and that you turn them off one at a time.
Some possibilities are:
* Alerter - Sends alert messages to specified users that are connected to the server computer.
* Application Management - Allows software to tap directly into the Add/Remove Programs feature via the Windows Installer technology.
* Background Intelligent Transfer Service - The Background Intelligent Transfer service is used by programs (such as Windows AutoUpdate) to download files by using spare bandwidth.
* Clipbook - ClipBook permits you to cut and paste text and graphics over the network.
* Error Reporting Service - Allows applications to send error reports to Microsoft in the event of an application fault.
* Fast User Switching - Windows XP allows users to switch quickly between accounts, without requiring them to log off.
* Help and Support - Allows the XP Built-in Help and Support Center to run.
* IMAPI CD-Burning COM Service - You don't need this if you have other software to create CDs.
* Indexing Service - Indexes contents and properties of files on local and remote computers; provides rapid access to files through flexible querying language.
* IP SEC - Manages IP security policy and starts the ISAKMP/Oakley (IKE) and the IP security driver. If you are not on a domain, you likely don't need this running.
* Messenger - Transmits net send and Alerter service messages between clients and servers. This is how a lot of pop-up windows start appearing on your desktop.
* Net Logon - Supports pass-through authentication of account logon events for computers in a domain. If you are not on a domain, you don't need this running
* Network DDE - Provides network transport and security for Dynamic Data Exchange (DDE) for programs running on the same computer or on different computers.
* NT LM Security Support Provider - Provides security to remote procedure call (RPC) programs that use transports other than named pipes.
* Performance Logs and Alerts - Collects performance data from local or remote computers based on preconfigured schedule parameters, then writes the data to a log or triggers an alert. If you don't need to monitor your performance logs, then you don't need this service.
* Portable Media Serial Number - Retrieves the serial number of any portable music player connected to your computer
* QOS RSVP - Provides network signaling and local traffic control setup functionality for QoS-aware programs and control applets.
* Remote Desktop Help Session Manager - Manages and controls Remote Assistance. If you are not using Remote Desktop you don't need this service.
* Remote Registry - Enables remote users to modify registry settings on this computer.
* Routing & Remote Access - Offers routing services to businesses in local area and wide area network environments. Allows dial-in access.
* Secondary Login - Enables starting processes under alternate credentials. This is what allows you to run an application as another user.
* Smart Card - Manages access to smart cards read by this computer.
* Smart Card Helper - Enables support for legacy non-plug and play smart-card readers used by this computer.
* SSDP Discovery Service - Enables discovery of UPnP devices on your home network.
* TCP/IP NetBIOS Helper - Enables support for NetBIOS over TCP/IP (NetBT) service and NetBIOS name resolution. This should not be needed in today's network environment.
* Telnet - Enables a remote user to log on to this computer and run programs, and supports various TCP/IP Telnet clients.
* Uninterruptible Power Supply Service - Manages an uninterruptible power supply (UPS) connected to the computer.
* Universal Plug and Play Device Host - Provides support to host Universal Plug and Play devices
* Upload Manager - Manages synchronous and asynchronous file transfers between clients and servers on the network.
* Volume Shadow Copy Service - Manages and implements Volume Shadow Copies used for backup and other purposes.
* Web Client - Enables Windows-based programs to create, access, and modify non-local files across the Internet.
* Wireless Zero Configuration - Provides automatic configuration for the 802.11 adapters
* WMI Performance Adapter - Provides performance library information from WMI HiPerf providers.

Installazione di GPEDIT
i file di gpedit x funzionare sono:
C:\Windows\system32:
appmgmts.dll
appmgr.dll
fdeploy.dll
gpedit.msc
gpedit.dll
gptext.dll
fde.dll
C:\Windows\system32\GroupPolicy\Adm
system.adm
inetres.adm
conf.adm
scrivi questi comandi in una finestra dos
regsvr32 gpedit.dll
regsvr32 fde.dll
regsvr32 gptext.dll
regsvr32 appmgr.dll
regsvr32 fdeploy.dll
se ancora non funziona puo' darsi che qualche file sia corrotto.
fai start>> esegui e scrivi sfc /scannow
oppure estrai i files listati sopra dal cd di windows e ripristinali.

Backup delle connessioni remote
Le connessioni remote in windows XP sono in:
X:\Documents and Settings\All Users\Dati applicazioni\Microsoft\Network\Connections\Pbk naturalmente X sta per l'unità disco dove avete installato XP, la cartella Dati applicazioni è nascosta quindi in STRUMENTI/OPZIONI CARTELLA/VISUALIZZAZIONE/ selezionate Visualizza cartelle e file nascosti . Dentro alla cartella Pbk c'è un file di nome rasphone.pbk salvatelo e in caso di formattazione ricopiando il file nella cartella riavrete tutte le connessioni senza bisogno di rifarle.

Svuotare il desktop da tutte le ICONE
HKEY_CURRENT_USER_SoftwareMicrosoftCurrentVersionPoliciesExplorer inserire il valore DWORD
NoDesktop DWORD=1

Eliminare le voci indesiderate di Installazioni Apllicazioni.
Aprite HKEY_LOCAL_MACHINESOFTWAREMicrosoftWindowsCurrentVersionUninstall
ora non vi resta che eliminare i nomi dei programmi che avete disinstallato ma sono rimasti nella lista.

Come impedire il salvataggio della password
1) Aprite il menù Start...
2) Selezionate la voce ESEGUI...
3) Digitate REGEDIT per avviare il Registro di Sistema...
4) Aprite HKEY_USERS...
5) poi Software...
6) poi Microsoft...
6) quindi Windows...
6) poi CurrentVersion...
6) infine InternetSettings...
7) Impostate il valore della stringa DisabelPasswordCaching su 1 (se la stringa non esiste createla)

Funzioni ed istruzioni di RUNDLL32
Il file Rundll32.exe, è uno dei file di sistema a cui viene demandata l'esecuzione di molte delle funzioni del sistema operativo. Di seguito, trovate elencate una serie di funzioni ( in rosso ) e le relative istruzioni ( in nero ) per attivarle:
Per abilitare le funzioni che ci interessano, è sufficiente creare un collegamento al file rundll32, dopo basta selezionare, dal menù contestuale, le Proprietà ed aggiungere nella riga "Destinazione" l'istruzione sopra riportata , confermare il tutto. a questo punto basta un semplice doppio click sul collegamento per attivare la funzione impostata. Se invece vogliamo attivare la funzione all'avvio di un determinato programma, dobbiamo fare la stessa cosa sul collegamento del programma prescelto, precedendo però all'istruzione rundll32.exe
Chiusura di Windows.
user,exitwindows
Apertura della finestra di dialogo di connessione alla rete.
user,wnetconnectdialog
Aperture della finestra di dialogo di disconnessione dalla rete.
user,wnetdisconnectdialog
Blocco del sistema.
user,disableoemlayer
Aggiornamento dello schermo ( F5 ).
user,repaintscreen
Posizionamento del cursore del mouse nell'angolo superiore sinistro dello schermo.
user,setcursorpos
Apertura della finestra di dialogo Copia Disco.
diskcopy,DiskCopyRunDll
Apertura della finestra di dialogo Accesso Remoto.
rnaui.dll,RnaWizard/1
Apertura della finestra di Gestione Risorse.
shell,shellexecute
Apertura della finestra di dialogo Apri Con ...
shell32,OpenAs_RunDLL
Apertura della finestra di dialogo Formattazione.
shell32,SHFormatDrive
Apertura della finestra di dialogo di informazioni sulla memoria e sulle risorse.
shell32,ShellAboutA
Riavvio di Windows 98
shell32,SHExitWindowsEx 0
Chiusura di Windows 98
shell32,SHExitWindowsEx 1
Avvio del Pc in Windows 98
shell32,SHExitWindowsEx 2
Riavvio di Esplora Risorse in Windows 98
shell32,SHExitWindowsEx -1
Avvio del Panello di Controllo.
shell32,Control_RunDLL
Avvio del modulo Schermo del Panello di Controllo
shell32,Control_RunDLL,desk.cpl
Avvio del modulo <X> del Pannello di Controllo da Main.CPL.
<X> = 0 Mouse, 1 Tastiera, 2 Stampanti, 3 Tipi di carattere, 4 Controllo energetico
shell32,Control_RunDLL,main.cpl@<X>
Se conoscete altre istruzioni, fatemele pervenire, le inserirò volentieri in questa pagina
rundll32 mouse,disable
Disabilitazione del mouse
rundll32 keyboard,disable
Disabilitazione della tastiera

Impossibile deframmentare
A volte capita che durante l'operazione di deframmentazione dell'HD compaia un messaggio del tipo:
"IMPOSSIBILE DEFRAMMENTARE........, ESEGUIRE SCANDISK APPROFONDITO", ma a termine dell'operazione il problema persiste.
La causa può essere il deterioramento dei file di APPLOG.
La soluzione consiste nell'aprire la cartella APPLOG sotto WINDOWS e cancellare tutti i file presenti.
Ovviamente con l'opzione "visualizza tutti i file nascosti e di sistema" attiva.

Impedire la chiusura di Windows
Puo' essere utile, a volte, far si che non sia possibile uscire da windows e spengere il pc. Per fare questo si va nel registro (Start - Esegui- Regedit) e ci si posiziona alla chiave HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\Policies\Explorer. A destra si clicca due volte sulla voce NoClose (nel caso non esistesse si creera' con Nuovo - Valore - DWORD) e si imposta il valore 0. Chiudere il registro di sistema e riavviare il pc. Con questa procedura non comparira' piu' la voce CHIUDI dal menu Start, e non sara' possibile chiudere Windows utilizzando i tasti CTRL - ALT - CANC.
Per ripristinare il tutto sara' sufficiente reimpostare il valore 1 al valore NoClose.

Ho perso la product key di windows: come posso ritrovarla
La product key di windows, necessaria per poter istallare il sistema operativo, si trova in una chiave del registro di configurazione.
Se dovete reinstallare windows sul vostro computer e non avete voglia di cercare il cd rom di istallazione, potete leggere la vostra product key nel registro di configurazione.
Per farlo, aprite l'editor del registro (regedit.exe), e recatevi in
HKEY_LOCAL_MACHINE SOFTWARE Microsoft Windows CurrentVersion
Nella parte destra saranno elencate una serie di chiavi, tra cui "ProductKey", il cui valore sarà quello richiesto dall'istallazione di windows.
Se il vostro sistema operativo è windows 2000 o xp, il procedimento sarà lo stesso, ma la chiave da aprire si troverà ad un altro indirizzo:
HKEY_LOCAL_MACHINE SOFTWARE Microsoft Windows NT CurrentVersion.

Velocizzare lo spegnimento di Windows
Questi registri velocizzano incredibilmente lo shutdown del sistema, provare per credere!!! WaitToKillAppTimeout Aprite il registro (Start/Esegui e scrivere “regedit”) e navigate fino a trovare la chiave [HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop] Cambiate il valore della stringa WaitToKillAppTimeout a 3000 (default 20000);
WaitToKillServiceTimeout Aprite il registro (Start/Esegui e scrivere “regedit”) e navigate fino a trovare la chiave [HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control] Cambiate il valore della stringa WaitToKillServiceTimeout a 3000 (default 5000);
HungAppTimeout Aprite il registro (Start/Esegui e scrivere “regedit”) e navigate fino a trovare la chiave [HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop] Cambiate il valore della stringa HungAppTimeout a 4000 (default 5000).

Disattivare la segnalazione degli errori
Tra le varie nuove funzioni di Windows XP ne troverete anche una che vi permettera', nel caso di crash di sistema, di segnalare il tipo d'errore ed eventuali circostanze in cui si e' presentato il problema, direttamente a Microsoft. Se volete invece disattivare questa opzione, dovete cliccare con il tasto destro del mouse sull'icona Risorse del computer, visualizzata nel menu Start. Scegliete poi la voce Proprieta', cliccate sulla scheda Avanzate, infine sul pulsante Segnalazione errori, situato in calce alla finestra. Semplicemente a questo punto attivate l'opzione Disabilita segnalazione errori. Confermate con OK ed il gioco e' fatto

Chiusura veloce di Windows
Con questo rapido trucco potrete creare una semplice icona sul vostro desktop e chiudere così velocemente il vostro PC, senza ogni volta scegliere Start-Chiude Sessione etc etc... Per prima cosa cliccate su un punto del vostro desktop e con il tasto destro scegliete NUOVO- Collegamento. Vi apparirà una finestra e dentro scriveteci questo:
C:\WINDOWS\RUNDLL32.EXE user.exe,exitwindows
(potete fare anche un copia-incolla della riga qui sopra)
Cliccate su Avanti. Vi apparirà ancora un'altra finestra con scritto dentro Rundll32.exe. Cliccate su Fine. Se il procedimento è stato corretto vi apparirà sul vostro desktop una piccola icona standard di Windows. Non resta che personalizzarla: per prima cosa cliccateci sopra una volta e scegliete Rinomina. Potrete chiamarla ad esempio Exit. Da ora basta un doppio clic per chiudere tutto!

Tasti rapidi
Windows il tasto di Windows presente su tutte le nuove tastiere ha come funzione principale quella di aprire il menu START di Windows, ma ci sono anche altre utili combinazioni poco conosciute:
- Tasto Windows + E : Esplora/Gestione Risorse.
- Tasto Windows + R : Esegui.
- Tasto Windows + F : Trova.
- Tasto Windows + M : Riduce ad icona tutte le finestre.
- Tasto Windows + Pause : Proprietà di Sistema.
- Tasto Windows + Tab : Spostamento veloce tra i programmi sulla barra delle applicazioni.

Cambiare l'icona del disco fisso
I dischi fissi vengono indicati con l'icona presente nel file c:\windows\system\shell32.dll,73 (dove 73 è il numero dell'icona). Per sostituire questa icona standard con una a piacere occorre apri il blocco note e scrivere: [AUTORUN] ICON=c:\nomeicona.ico A posto di c:\nomeicona.ico inserire il percorso della propria icona :-)
Salvate poi in c: il file assegnandogli il nome "autorun.inf". (Prima di salvare selezionate "tutti i file" in salva come) Per ripristinare l'icona standard eliminare il file autorun.inf

Rendere effettive le modifiche del registro
Alcune modifiche effettuate nel registro di sistema, per divenire effettive, necessitano del riavvio del sistema. Vediamo come aggirare l'ostacolo e "forzare" windows a fare il refresh del solo registro.
Facciamo cosi': dopo aver effettuato le modifiche e chiuso il registro, apriamo il Task Manager (CTRL - ALT - CANC) e diamo Termina Apllicazione su Explorer. Ci chiederà un'ulteriore conferma della chiusura, che accetteremo. Il sistema in questo modo rileggerà le informazioni del registro e ci eviterà di dover riavviare il sistema.

Togliere le voci inutili dal menu Installazioni/applicazioni
Una delle domanda piu' quotate e' come faccio a togliere le voci dei programmi disinstallati da un pezzo nel menu Installazioni/Applicazioni del Pannello di Controllo? In questo modo: - se ricorrete al Registro di Sistema dovrete trovare la voce: HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion \Uninstall ed a questo punto dovete cliccare sulla cartella corrispondente al file da eliminare e premete CANC. Altro sistema piu' soft, e' quello di ricorrere a TweakUI. Il programma in questione ha un'apposita voce (ADD/REMOVE) che vi permette di ottenere lo stesso risultato senza smanettare con il Registro di Sistema.

Are your Icons corrupt?
Deleting the file ShellIconCache from your Windows directory may fix your problem.

Impostazioni predefiniti di Esplora Risorse
Se vogliamo modificare l'impostazione predefinita per cui Esplora Risorse si apre ad una determinata cartella (di solito Documenti) possiamo utilizzare degli switch appositi. Posizioniamoci sull'icona di Esplora Risorse, e andiamo sulle proprieta'. Ci apparira' il percorso (di solito C:\WINDOWS\EXPLORER.EXE) dove risiede il nostro Esplora. Per modificarne la visualizzazione all'apertura bastera' inserire uno dei seguenti switch nella riga di destinazione, facendo accortezza di lasciare uno spazio dopo la parola EXPLORER.EXE. Per aprire al livello di Risorse del Computer (e visualizzare tutte le periferiche) si dovra' inserire la stringa /n,/e (si avra' la forma c:\windows\explorer.exe /n,/e); per partire da un disco rigido (ad esempio C), la stringa da aggiungere sara' /e,c:\ (per variare il disco bastera' inserire un'altra lettera); se vogliamo che appaia solo il disco C, si dovra' aggiungere /e,/root,c:\; per partire invece da una specifica directory (ad esempio c:\windows\programmi) si aggiungera' /e,c:\windows\programmi; se vogliamo che appaia solo la cartella Programmi, la stringa da aggiungere sara' la seguente: /e,/root,c:\windows\programmi. Si puo' all'occorrenza specificare anche un singolo file da far visualizzare alla apertura, ad esempio il file pippo.exe presente nella directory Documenti, si andra' ad aggiungere /e,/select,c:\Documenti\pippo.exe.

Ancora sul rumore del Floppy disk
Dietro suggerimento di una lettrice riprendiamo l'argomento Floppy disk. Nel primo trucco di gennaio avevamo visto come evitare che ad ogni avvio del PC ci fosse quel rumore fastidioso provocato dalla ricerca di qualche dischetto inserito nell'apposito drive. Tuttavia spesso e volentieri, mentre stiamo lavorando puo' capitare che la cosa si ripete: Windows98 cerca di "esaminare" un dischetto che in realta' non e' presente. Cosa fare? Provate questo sistema, a volte funziona a volte no. Premessa: una delle ultime operazioni che avete fatto prima di spegnere il PC e' stata quella di consultare il contentuto di un floppy. Provate con questa operazione: andate in Esplora risorse ed inserite un dischetto, poi leggetelo. Successivamente cliccate su C, o qualcos'altro, comunque che non sia selezionato A. Chiudete adesso Esplora risorse (o Gestione risorse per chi usa Win95) con la X in alto tenendo premuto il tasto CTRL. Questo dovrebbe far salvare le impostazioni attuali (posizione e grandezza finestra, etc) in Esplora risorse. Dicono che a volte funziona, a volte bisogna farlo alcune volte di seguito perche' Windows testadura la capisca...

Common Command Console Utilities
Windows2000 comes with quite a few console utilities you can easily run from the command line:
Computer Management - compmgmt.msc
Disk Managment - diskmgmt.msc
Device Manager - devmgmt.msc
Disk Defrag - dfrg.msc
Event Viewer - eventvwr.msc
Shared Folders - fsmgmt.msc
Group Policies - gpedit.msc
Local Users and Groups - lusrmgr.msc
Performance Monitor - perfmon.msc
Resultant Set of Policies - rsop.msc
Local Security Settings - secpol.msc
Services - services.msc
Component Services - comexp.msc

Show Hidden Devices
You can show hidden devices in the Device Manager. One way is by making a simple registry change. The other is through a batch file.
Registry Change:

  1. Go to HKEY_LOCAL_MACHINE \ SYSTEM \ ControlSet001 \ Control \ Session Manager \ Environment

  2. Create a string DEVMGR_SHOW_NONPRESENT_DEVICES

  3. Give it a value of 1

Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\ControlSet001\Control\Session Manager\Environment]
"DEVMGR_SHOW_NONPRESENT_DEVICES"="1"

Batch File
@Echo Off
Prompt $p$g
set DEVMGR_SHOW_NONPRESENT_DEVICES=1
start devmgmt.msc
exit

Forzarlo a scaricare dalla memoria le DLL
Windows XP è "addestrato" per cachare tutte le librerie DLL precedentemente utilizzate. Ecco come impedirlo.
Avviamo regedit (Start->Esegui->regedit).
Troviamo la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\
CurrentVersion\Explorer e a questo punto creiamo una sotto-chiave
chiamandola 'AlwaysUnloadDLL' e impostiamo il suo valore a 1. Riavviamo Windows per rendere effettive le modifiche.

Win XP ci mette troppo a spegnersi: soluzione
Tra i bugs più tipici dei sistemi Windows, annoveriamo anche difficoltà nello shutdown del pc. Windows XP non fa eccezione ed anzi, porta tutto agli estremi: in alcuni casi servono due minuti e più per eseguire lo spegnimento del computer.
Ma vediamo come è possibile risolvere (nella stragrande maggioranza dei casi) il problema.
Come scrivevo in un precedente articolo, Windows esegue una serie di controlli e procedure, prima di eseguire il comando di chiusura OS/macchina, ed è qui che noi possiamo intervenire; infatti alcuni settaggi nel registro ci permettono di ottimizzare alcuni parametri relativi alla chiusura dei task attivi.
Le operazioni da svolgere sono le seguenti:
1) Verificare che sul computer in uso non sia disattivata la voce relativa allo svuotamento del file di Swap.
Di norma il file di scambio su disco non viene cancellato, ma... magari, adoperando tools di terze parti per il tweaking di Windows, avete attivato l'opzione e neanche ve ne siete accorti. Quindi, come al solito, aprite il registro di sistema (da Start | Esegui, con il comando "regedit").
Navigate sino a trovare la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINESYSTEMCurrentControlSetControlSession ManagerMemory Management
Selezionate la voce "ClearPageFileAtShutdown" dalla lista di destra.
Tasto destro su di essa e selezionate "Modifica".
Se il valore è impostato su 1, sostituitelo con uno 0.
La modifica sarà attiva solo dopo il riavvio del PC.
2) Navigate ora nel registro di Windows sino a raggiungere la chiave
[HKEY_CURRENT_USERControl PanelDesktop]
Scorrete la lista di destra sino ad evidenziare la voce "AutoEndTasks". Se questa non esiste, dal menu Strumenti | Modifica | Nuovo | create una nuova stringa, nominatela "AutoEndTasks" ed assegnatele il valore "1".
Scorrete ancora la lista di destra e raggiungete la stringa "HungAppTimeout"
Modificatene il valore attuale (quello predefinito di Windows) e portatelo a "500".
Scorrete infine sino alla stringa "WaitToKillAppTimeout" e modificatene il valore assegnato portandolo a "5000".
Riavviate il sistema.
Se tutto va bene e non ci sono motivi diversi da quelli tipici nei tempi lunghi di shutdown, dovreste notare un considerevole miglioramento.

Scegliere la password per windows
Facendo due conti è possibile capire come sia impossibile decifrare una password sotto windows. Purtroppo questa osservazione vale anche nel caso in cui la nostra password sia andata persa.
Ecco alcune possibili permutazioni in base alla lunghezza della password:
7 caratteri sono 64,847,759,419,264 pertmutazioni
8 caratteri sono 6,095,689,385,410,816 permutazioni
9 caratteri sono 2,994,802,228,616,704 permutazioni
10 caratteri sono 53,861,511,409,489,970,176 permutazioni
Facendo un cambio password ogni 30 giorni e impostando una password di 7 caratteri ci vorrebbero circa 3,700,000 tentativi al secondo. Forse è meglio giocare alla lotteria :-)

Dove archivia le passwords?
Vi sarete certamente chiesti se è possibile recuperare le passwords che adoperiamo per le connessioni di accesso remoto e per l'accesso ai diversi siti web protetti da login e password utente. In Windows 95/98/ME, questi dati vengono archiviati in un file dall'estensione .pwl. A sua volta è possibile spostarne la directory di storaggio, attraverso una piccola modifica ad un file di sistema, così da non vederla cancellata ad ogni re-installazione del sistema operativo.
In Windows 2000/XP/2003 le informazioni relative agli accessi web e le connessioni di accesso remoto sono invece nascoste nel registro. La chiave "fulcro" si trova precisamente sul seguente percorso:
"HKEY_CURRENT_USER|SoftwareMicrosoft|Protected Storage System Provider"

Che cosa è ed a cosa serve il Prefetching?
Windows XP adotta un metodo simile a quello sperimentato dalla Symantec nelle vecchie versioni delle Norton Utilities, sviluppate per Windows 95 e 98 prima edizione. Il sistema crea una sorta di database nel quale vengono memorizzate le operazioni effettuate sul PC e, in particolare, crea un elenco degli applicativi più frequentemente adoperati, stilando, per così dire, una classifica relativa ai programmi che hanno priorità di accesso su disco rigido. I files ad essi correlati verranno spostati nella parte iniziale dell'hard disk, così da essere aperti più velocemente. E' ovvio che tale metodologia ha effetto marginale sulle prestazioni generali del SO e della macchina, se non controproducenti, visto che occupa memoria e considerando che bisogna valutare di volta in volta lo stato del PC, le dimensioni del disco o della partizione, la percentuale di deframmentazione dei dati, l'eventuale presenza di softwares indesiderati all'avvio (non necessariamente spywares, ma anche, solamente, eseguibili non estremamente necessari al corretto funzionamento di un determinato software, ma messi lì solo allo scopo di tener traccia delle abitudini dell'utente - Argomenti che tratterò in altro articolo).
Per farla breve: il prefetching può essere disabilitato, al fine di liberare un pò di risorse GDI, specie se siamo in presenza di un computer con meno di 256mb di RAM (e questa, vi garantisco, non è poi una eventualità così rara, specie su alcuni Notebook, laddove parte della RAM installata è condivisa dalla scheda video).
Per disabilitare il Prefetching, la chiave deve avere valore 0, e cioè:
[HKEY_LOCAL_MACHINESYSTEMCurrentControlSetControlSession ManagerMemory ManagementPrefetchParameters]
"EnablePrefetcher"=dword:00000000
In alternativa, si possono abilitare opzioni differenti, e cioè:
0 Disable Prefetch
1 Monitor Application Launch Only
2 Monitor Boot File Launch Only
3 Monitor Application And Boot File Launch (Windows Default)

Re-installare Internet Explorer
Alle volte capita di danneggiare Explorer, vuoi per responsabilità nostre (esperimenti azzardati) oppure per colpa di softwares esterni (magari quei famosi cd autoinstallanti dei providers, laddove il 90% del file .ins è composto da codice che installa invasive integrazioni pubblicitarie e non solo).
Quando si aveva a che fare con Windows 98 bastava correggere o ripristinare l'installazione di Internet explorer, perché un tool integrato nel sistema ce ne dava la possibilità. Oggi, con Windows XP tutto ciò non è possibile (alla faccia del sistema operativo fatto per tutti!).
Se tentiamo di operare una reinstallazione del browser o di Outlook Express, faremo un buco nell'acqua...
"Setup.exe ha identificato una precedente versione di Internet Explorer già installata sul sistema.
L'installazione verrà interrotta".

Per evitare questa circostanza e poter quindi installare ex novo la stessa versione di Internet Explorer ed Outlook Express, seguite questi passaggi:
Ovviamente si deve essere loggati come "administrator", quindi click su Start e click su Esegui.
Digitare regedit, e cliccare su OK.
Localizzare la sottochiave sotto indicata, click destro su "IsInstalled" (valore REG_DWORD), e cliccare su "Modifica".
Per re-installare solo Internet Explorer 6 su Windows XP, usate la seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINESOFTWAREMicrosoftActiveSetupInstalledComponents{89820200-ECBD-11cf-8B85-00AA005B4383}
Per re-installare solo Outlook Express 6 su Windows XP, usate la seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINESOFTWAREMicrosoftActiveSetupInstalledComponents{44BBA840-CC51-11CF-AAFA-00AA00B6015C}
Cambiate il valore data da 1 a 0, e cliccate su OK.
Uscire dall'editor di registro. Ora potete installare Internet Exploer 6.
Windows Update:
http://v4.windowsupdate.microsoft.com/it/default.asp

Come riparare il Boot Sector
Non mi stancherò mai di dire che "Prevenire è meglio che curare" e con Windows XP questo detto è quanto mai appropriato. Se, infatti, nei sistemi Win9X eventuali errori nel settore di avvio del disco rigido potevano passare inosservati (Windows 95, Windows 98 o Millennium continuavano a funzionare imperterriti), ciò non può essere detto, se ci riferiamo ai sistemi su kernel NT, quali Windows 2000, Windows XP e 2003 Server. Come avevo già esposto in passato, il legame hardware ed OS è molto più stretto, e di questo possiamo aver conferma nei casi (non così rari) in cui accade che, a causa di errori su disco rigido non per tempo corretti, si può verificare la corruzione di alcuni files preposti al caricamento del sistema operativo. Windows XP non ci aiuta di certo, visto che interviene, tramite l'eseguibile CHKDSK.exe solo in caso di reset forzato del computer o di forti sbalzi di tensione, mentre trascura gli errori che si creano durante l'uso normale del PC. E' dimostrato dai fatti che, su tre controlli preventivi effettuati con NDD, uno rileva errori nel boot sector (settore di avvio). Windows XP, invece, ignora tali "incongruenze" nel file system, sino a quando non sarà più in grado di leggere quei file critici preposti al rilevamento del sistema operativo stesso.
Ammettendo che, come sovente accade, non sia stata fatta alcuna manutenzione del disco rigido, vediamo come poter recuperare i files NTLDR e NTDETECT.COM, colpevolemente persi.
Per ripristinare i file danneggiati ntldr e ntdetect.com sarà sufficiente estrarli dal CD di Windows XP, facendo uso della recovery consolle e del comando COPY. Avviate la console di ripristino avviando il PC dal CD di Windows ed al prompt digitate i seguenti comandi (dove "X" rappresenta la lettera del vostro lettore CD) al fine di sovrascrivere i files corrotti. Non dimenticate di eseguire una verifica preventiva dello stato del disco o partizione che sia.
COPY X: i386NTLDR C:
COPY X: i386NTDETECT.COM C:
NOTA: mettete la backslash tra X: e I386, perchè il form inserimento articoli la elimina dal testo. Per riparare il settore di avvio, sempre dal Prompt, digitate FIXBOOT e premente INVIO per confermare. Quindi rispondete "S" ("Y" se il cd di Windows è in inglese).

Troppo pigro per scrivere il nome completo delle directory dal prompt di MSDOS?
Supponiamo per esempio di avere una directory "miadirectorydalnomelungo"... Dal prompt del dos per accedere alla directory dobbiamo scrivere:
cd miadirectorydalnomelungo
provate invece a digitare:
cd mia*
Nel caso in cui abbiate piu' directory che inizino con gli stessi caratteri vi basterà aggiungere un'altro carattere prima del *.

Win 9X/2000/XP: cambiare le directory predefinite
Windows 2000 ed XP ci hanno abituato, nostro malgrado, a percorsi di archiviazione per cartelle e documenti veramente "FOLLI", soprattutto in
considerazione del fatto che, se abbiamo cura dei nostri dati e se vogliamo tenere tutto sotto controllo, tale scelta, dettata da esigenze multi-utenza,
risulta bizzarra e ben poco pratica.
Vi consiglio di risolvere alla radice il problema, non appena installato il sistema, modificando ad hoc (ed in base alle Vostre esigenze) i percorsi di
alcune cartelle fondamentali all'uso razionale del PC.
Un esempio...
I percorsi sono in una chiave di registro, come al solito. Per apportare le modifiche, basta aprire il registro di sistema (attraverso il comando "regedit" in "Start / Esegui") e modificare le directory interessate.
................................................................................................
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Shell Folders]
"AppData"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Dati applicazioni"
"Cookies"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Cookies"
"Desktop"="C:\\Windows\\Desktop"
"Favorites"="E:\\Preferiti"
"NetHood"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Risorse di rete"
"Personal"="J:\\Documenti"
"PrintHood"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Risorse di stampa"
"Recent"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Recent"
"SendTo"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\SendTo"
"Start Menu"="C:\\Windows\\Menu Avvio"
"Templates"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Modelli"
"Programs"="C:\\Windows\\Menu Avvio\\Programmi"
"Startup"="C:\\Windows\\Menu Avvio\\Programmi\\Esecuzione automatica"
"Local Settings"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Impostazioni locali"
"Local AppData"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Impostazioni locali\\Dati applicazioni"
"Cache"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Impostazioni locali\\Temporary Internet Files"
"History"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Impostazioni locali\\Cronologia"
"My Pictures"="J:\\Documenti\\Immagini"
"Fonts"="C:\\WINDOWS\\Fonts"
"Administrative Tools"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Menu Avvio\\Programmi\\Accessori\\Strumenti di amministrazione"
"CD Burning"="C:\\Documents and Settings\\All Users\\Impostazioni locali\\Dati applicazioni\\Microsoft\\Masterizzazione CD"
"My Music"="J:\\Documenti\\Musica"
"My Video"="J:\\Documenti\\Video"

WinXP: leggere DVD con Media Player
 Apriamo il registro di sistema alla chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\MediaPlayer \Player\Settings
Creiamo un nuovo valore stringa chiamato "EnableDVDUI" e impostiamolo a "yes".

Windows XP ed i dischi sopra i 120 GB
Ammesso che il il BIOS riconosca correttamente un disco rigido di ultima generazione (alla data in cui scrivo), può capitare che Windows XP
non veda la capienza reale di un hard disk, supponiamo rilevi 170 Gb anziché 200. In caso affermativo, il problema risiede nella mancata
attivazione dell'indirizzamento LBA a 48 bit da sistema operativo (In Windows XP SP1, comunque il bug pare risolto).
Per attivare il supporto LBA a 48 bit nel Registro di sistema:
Avviate l'Editor del Registro di sistema - da start > Esegui > digitare: "regedit" (senza virgolette).
Nel Registro di sistema trovare e selezionare la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINESystemCurrentControlSetServicesAtapiParameters
Scegliere Aggiungi valore dal menu Modifica, quindi fare clic sul seguente valore del Registro di sistema:
Nome valore: EnableBigLba
Tipo di dati: REG_DWORD
Dati valore: 1

Abilitare il Bloc Num all'avvio di Windows 2000/XP
Questo tasto risulta disabilitato. Si vorrebbe averlo già abilitato all'avvio del sistema operativo. Lanciare il Regedit (Start - Esegui - regedit) e cercare la chiave HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Keyboard e fare doppio clic a destra sulla voce InitialKeyboardIndicators. Assegnare il valore 2 alla voce, confermando con un clic su ok. Poi cercare anche la chiave HKEY_USERS\.Default\Control Panel\Keyboard e ripetere la stessa procedura; infine chiudere l'editor del Registry.

Hiding the Last User Logged On
If you use the standard NT style of login and want to hide the last user:

  1. Start the Group Policy Editor (gpedit.msc)
  2. Go to Computer Configuration / Windows Settings / Security Settings / Local Policies / Security Options
  3. Scroll down to Interactive logon: Do not display last user name
  4. Set it to Enable

Show Hidden Devices

You can show hidden devices in the Device Manager. One way is by making a simple registry change. The other is through a batch file.
Registry Change:

  1. Go to HKEY_LOCAL_MACHINE \ SYSTEM \ ControlSet001 \ Control \ Session Manager \ Environment

  2. Create a string DEVMGR_SHOW_NONPRESENT_DEVICES

  3. Give it a value of 1

Reg file
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\ControlSet001\Control\Session Manager\Environment]
"DEVMGR_SHOW_NONPRESENT_DEVICES"="1"

Batch File

@Echo Off
Prompt $p$g
set DEVMGR_SHOW_NONPRESENT_DEVICES=1
start devmgmt.msc
exit

Disable Shared Documents

To disable the Shared Documents folder that shows up on the network

  1. Start Regedit

  2. Go to HKEY_CURRENT_USER \ Software \ Microsoft \ Windows \ CurrentVersion \ Policies \ Explorer \

  3. Create a new DWORD Value

  4. Give it the name NoSharedDocuments

  5. Give it a value of 1

  6. Log off or reboot

 ReInstalling WindowsXP

If you need to reinstall WindowsXP and want to keep all your current installed applications and settings:

  1. Start WindowsXP

  2. Go to the location of your source files

  3. Run WINNT32 /unattend

I've often need to do this to repair something that had gotten corrupted and didn't want to do a clean install.

 Changing the Registered Owner

  1. Start Regedit
  2. HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion
  3. From there you can edit the name in the Registered Owner key

 Creating an Automated Install of WindowsXP

On the WindowsXP CP, in the SUPPORT\TOOLS directory,
there is a file called DEPLOY.CAB.

  1. Extract the programs DEPLOY.CHM (help file) and SETUPMGR.EXE (main program)
  2. Run SETUPMGR and answer the prompts.
  3. This will create both a unattend.bat and unattend.txt file you can use for automated installs.
  4. Note: The batch file might need some minor modification for file locations but it is fairly basic.

 Enabling NumLock on by Default

To have numlock turned on for each user:

  1. Start Regedit
  2. Go to HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Keyboard\InitialKeyboardIndicators
  3. Change the value from 0 to 2
  4. Turn Numlock on manually
  5. Log off and back on again.
  6. For all users, make the same change to HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Keyboard\InitialKeyboardIndicators

Reg File

REGEDIT4

[HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Keyboard]
"InitialKeyboardIndicators"="2"

Repair Install
If XP is corrupted to the point where none of the previous solutions get it to boot,
you can do a Repair Install that might work as well as keep the current settings.
Make sure you have your valid WindowsXP key.
The whole process takes about half an hour depending on your computer
If you are being prompted for the administrator's password, you need to choose the 2nd repair option, not the first.

  1. Insert and boot from your WindowsXP CD
  2. At the second R=Repair option, press the R key
  3. This will start the repair
  4. Press F8 for I Agree at the Licensing Agreement
  5. Press R when the directory where WindowsXP is installed is shown. Typically this is C:\WINDOWS
  6. It will then check the C: drive and start copying files
  7. It will automatically reboot when needed. Keep the CD in the drive.
  8. You will then see the graphic part of the repair that is like during a normal install of XP (Collecting Information, Dynamic Update, Preparing Installation, Installing Windows, Finalizing Installation)
  9. When prompted, click on the Next button
  10. When prompted, enter your XP key
  11. Normally you will want to keep the same Workgroup or Domain name
  12. The computer will reboot
  13. Then you will have the same screens as a normal XP Install
  14. Activate if you want (usually a good idea)
  15. Register if you want (but not necessary)
  16. Finish
  17. At this point you should be able to log in with any existing accounts.

NTOSKRNL Missing or Corrupt
If you get an error that NTOSKRNL not found:

  1. Insert and boot from your WindowsXP CD.
  2. At the first R=Repair option, press the R key
  3. Press the number that corresponds to the correct location for the installation of Windows you want to repair.
    Typically this will be #1
  4. Change to the drive that has the CD ROM.
  5. CD i386
  6. expand ntkrnlmp.ex_ C:\Windows\System32\ntoskrnl.exe
  7. If WindowsXP is installed in a different location, just make the necessary change to C:\Windows
  8. Take out the CD ROM and type exit

HAL.DLL Missing or Corrupt

If you get an error regarding a missing or corrupt hal.dll file, it might simply be the BOOT.INI file on the root of the C: drive that is misconfigured

  1. Insert and boot from your WindowsXP CD.
  2. At the first R=Repair option, press the R key
  3. Press the number that corresponds to the correct location for the installation of Windows you want to repair.
    Typically this will be #1
  4. Type bootcfg /list to show the current entries in the BOOT.INI file
  5. Type bootcfg /rebuild to repair it
  6. Take out the CD ROM and type exit

-------------------------------------------------------------
HAL.DLL mancante o danneggiato
HAL è abbreviazione del termine "Hardware Abstraction Layer", la tecnologia ed i drivers che permettono a Windows NT, 2000 ed XP di comunicare con l'hardware. HAL, insieme al file system NTFS, sostituisce molte delle funzioni a suo tempo svolte dal vecchio MS-DOS, carente dal punto di vista della sicurezza e della stabilità.
HAL impedisce alle applicazioni di accedere direttamente alla memoria di sistema, alla CPU, o alle componenti hardware quali, ad esempio la scheda video o la scheda audio. Ciò rappresenta un passo avanti nella prevenzione di molti conflitti ed arresti dovuti a problemi hardware/software.
D'altro canto HAL riduce le prestazioni (o ne impedisce il funzionamento) di giochi e programmi realizzati per l'ambiente DOS, i quali devono accedere direttamente alle periferiche hardware per poter "girare" correttamente.
Con HAL gli sviluppatori devono riscrivere o persino abbandonare completamente il loro datato software.
E' per questo motivo che molte software house italiane, specializzate nella creazione di programmi di contabilità o simili, che per un buon ventennio hanno pervicacemente continuato a produrre pacchetti che funzionano solo in ambiente DOS (sino alla comparsa di XP), ora si trovano indietro ed in difficoltà. Spesso i loro programmi attuali, modificati o riscritti per lavorare in ambiente Windows, peccano di stabilità e fluidità. La stessa cosa si può dire per la stragrande maggioranza dei tecnici informatici "nati" con il DOS, i quali ancora oggi, sono solo in grado di installare un sistema operativo inserendo il CD nel lettore, così come può fare chiunque. Oltre questo non sanno andare. Microsoft ha lavorato molto per spingere i produttori hardware nel sostenere le tecnologie come MMX, DirectX ed i linguaggi 3D graphics ed OpenGL, che permettono agevolmente accesso indiretto alle attuali periferiche video, audio CPU, dalle elevate caratteristiche prestazionali.
Windows XP, attraverso la tecnologia HAL, offre inoltre alcune nuove caratteristiche di compatibilità che migliorano significativamente la qualità e la resa finale di applicativi realizzati "su misura".
Cosa fare nel caso HAL.dll risulti mancante:
Avviare il sistema dal vostro CD di Windows XP e seguire le indicazioni per avviare la console di ripristino (Selezionare "R" quando appare a schermo tra le opzioni di scelta).
Se avete un dual-boot o "multiple-boot system", selezionate l'installazione che desiderate, per accedere alla console di ripristino.
Una volta arrivati al prompt, potete digitare "help" (senza virgolette) per avere a schermo la lista dei comandi disponibili.
Per recuperare dal CD di Windows la libreria hal.dll, dovrete decomprimerla. Il comando da digitare sarà:
expand d:i386hal.dl_ c:windowssystem32hal.dll.
Sostituite d: con la lettera corrispondente alla vostra unità CD. Una volta terminata la decompressione del file, digitate "exit" (senza virgolette) e riavviate il sitema.

Corrupted or Missing \WINDOWS\SYSTEM32\CONFIG
If you get the error:
Windows could not start because the following files is missing or corrupt
\WINDOWS\SYSTEM32\CONFIG\SYSTEM or \WINDOWS\SYSTEM32\CONFIG\SOFTWARE

  1. Insert and boot from your WindowsXP CD.
  2. At the first R=Repair option, press the R key
  3. Press the number that corresponds to the correct location for the installation of Windows you want to repair.
    Typically this will be #1
  4. Enter in the administrator password when requested
  5. cd \windows\system32\config
  6. Depending on which section was corrupted:
    ren software software.bad or ren system system.bad
  7. Depending on which section was corrupted
    copy \windows\repair\system
    copy \windows\repair\software
  8. Take out the CD ROM and type exit

Windows XP Setup - Missing HAL.DLL
(http://www.kellys-korner-xp.com/xp_abc.htm)
Error Message: Cannot Find \Windows\System32\hal.dll
Workaround provided by Hiep Luong (12/2/04) - Use as an example:
Many people (including me) have (had) problems with the file hal.dll when installing on a fresh new harddisk. The proposed solutions do not
work in this case because there is a dynamic drive overlay (ddo) installed. The solution is quite simple: remove first the ddo (for
example with Seagate's DiscWizard: http://www.seagate.com/support/disc/drivers/discwiz.html) and re-install windows xp.
Generalized information:
This situation occurs when setting up a dual boot situation with Windows 2000 and Windows XP (it may occur with other setups). After Windows XP's install routine has finished copying files, and is ready to boot to the GUI portion of SETUP, you may receive the above error.
One possible fix. So far, this has been traced to an incorrect BOOT.INI file. To gain access to the Boot.ini:
Go to Start/Run and type in: msconfig. Then go to the Boot.ini Tab. Or...Right click the My Computer icon/Properties/
Advanced/Startup and Recovery/Settings/System Startup/Edit.
How to Edit the BOOT.INI File in Windows XP
http://support.microsoft.com/support/kb/articles/Q289/0/22.asp
This user had 1 hard drive, partitioned into C and D drives. His BOOT.INI file looked like this: (the erroneous lines are in "blue")
[boot loader]
timeout=1
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(3)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(3)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINNT="Microsoft Windows 2000 Professional" /fastdetect
The 3 in the erroneous lines, above, points to the 3rd partition on the first physical hard disk. Since this user only had 2 partitions, this value was incorrect. Changing the value to 2, in both lines, allowed the user to complete Windows XP's setup.
The corrected BOOT.INI looked like this:
[boot loader]
timeout=1
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINNT="Microsoft Windows 2000 Professional" /fastdetect
HAL - Hardware Abstraction Layer
HAL is Microsoft's abbreviation for the Hardware Abstraction Layer, the technology and drivers that let the Windows NT, 2000, and XP operating systems communicate with your PC's hardware. HAL is one of several features--along with the NT file system (NTFS) that replaced the much less secure MS-DOS--that make NT-based operating systems more secure and reliable than Windows 95, 98, and Me.
HAL prevents applications from directly accessing your PC's system memory, CPU, or hardware devices (such as video and sound cards)--a method that can prevent many device conflicts and crashes. Unfortunately, HAL sometimes also slows or stops DOS games and programs, which need to load their own memory managers or control hardware directly for better performance.
With HAL in the way, developers must rewrite or even abandon their older software in favor of newer, HAL-compatible versions. Microsoft has pressured hardware makers to provide or support technologies such as MMX, DirectX, and 3D graphics language OpenGL, all of which allow fast but indirect access to the advanced high-performance features of video, sound, and CPU hardware. Such access also makes for a better visual experience when using Windows for Web and productivity applications; improved graphics performance is evident all over Windows XP's new user interface.
XP also offers some new compatibility-mode features that let you run programs meant to run under earlier operating systems, but, frankly, most DOS-based and even some Windows-based games simply won't work with the new OS.
Tip: To see which HAL is currently installed, open Device Manager, and expand the Computer branch. The entry that
appears in this branch corresponds to the currently installed HAL.
Situations in Which Windows May Not Start in Safe Mode
How to Troubleshoot Hardware Abstraction Layer Issues
How to Move a Windows XP Installation to Different Hardware
Setup Error Msg: Cannot find file: \Windows\System32\hal.dll
HAL.DLL is Missing - Updated by MVP Alex Nichol
Option 1:
Boot from your CD and follow the directions to start Recovery Console. Then (try as capital letter):
Attrib -H -R -S C:\Boot.ini
DEL C:\Boot.ini
BootCfg /Rebuild
Fixboot
Option 2:
Boot from your CD and follow the directions below to start Recovery Console.
Insert the Setup compact disc (CD) and restart the computer. If prompted, select any options required to boot from the CD.
When the text-based part of Setup begins, follow the prompts; choose the repair or recover option by pressing R.
If you have a dual-boot or multiple-boot system, choose the installation that you need to access from the Recovery Console.
When prompted, type the Administrator password. (if you didn't create one try pressing enter).
At the system prompt, type Recovery Console commands; type help for a list of commands, or help commandname for help on a specific command.
Most likely you will need to expand the file from the CD. The command would be expand d:\i386\hal.dl_ c:\windows\system32\hal.dll. Substitute d: for the drive letter of your CD. Once you have expanded the file type "exit" to exit the Recovery Console and restart the computer.
TIP: Recovering Windows XP using the Recovery Console
Update:
Shaun Gray (3/2005) states:
Let me review my experience / problem with hal.DLL with you all:
I Received a computer with win XP home sp2 that after uninstalling IML4, and Installing IML5, and rebooting. (IML being Imesh light)
Computer displayed windows root\system32\hal.dll is missing or corrupt, please re-install.
NO MODES would boot from advanced boot options
Only bootable option was from CD
Repair console would not EDIT system from OEM XP HOME CD
FixMBR did not solve anything
Bootcfg /list, bootcfg /rebuild did not solve anything
Fixboot did not solve anything
Solution Option 1 wouldn’t work with multi attributes with out “|” in between them. ******
Solution Option 1 didn’t solve anything, except inadvertently adding a second OS to boot.ini
Solution Option 2 was unusable with OEM XP HOME SP2 CD.
Solution Opt 2 with XP PRO SP2 Integrated CD “Functioned”, but was "unable to expand file"
REINSTALLING WINDOWS IS NOT AN OPTION.
Final Solution:
Removed hard drive from system.
Added Hard drive to a 2nd WORKING XP PRO System. As Slave on Cable select.
***(all references to “D:\” are the Slave Hard drive damaged windows)***
Booted system and enabled - Explorer\tools\folder options
Display contents of system folders.
Show Hidden Files and Folders.
UN-check Hide Protected OS Files.
Go to “D:\” open Boot.ini in NOTEPAD, remove the Extra OS’s added with option 1.
Close and Save changes to Boot.ini
Go to “My Computer” Right click on “D:\” select SEARCH “D:\”
Search “All or Part of the File Name” = “hal”
Hal.dll may or may not be found in “D:\WINDOWS\System32” either way it’s no good.
A working copy of hal.dll WILL be found in “C:\WINDOWS\ServicePackFiles\i386”
COPY THAT FILE “D:\WINDOWS\ServicePackFiles\i386\hal.dll”
And Paste it to “D:\WINDOWS\System32” folder; if it asks to overwrite say YES.
You may now un-do the changes made to Explorer\tools\folder options to RE-Hide files.
Shut Down the computer.
Remove the 2nd Drive and reinstall it to its own tower as Master.
You should Now be able to boot the computer up as if nothing ever happened.
With the exception that it will prompt you to reinstall some drivers, Just say YES and let it auto detect …THEY ARE ALREADY THERE. And will setup fine.
This "FIX" assumes that the computer in question HAS at ther very least service pack1, if not service pack 2.
If these patches have NOT been installed , I dont belive any such Reserve copy of hal.dll will wxist on the drive!

Windows XP Setup - Missing HAL.DLL
Error Message: Cannot Find \Windows\System32\hal.dll

Workaround provided by
Hiep Luong (12/2/04) - Use as an example:

any people (including me) have (had) problems with the file hal.dll when installing on a fresh new harddisk. The proposed solutions do not
work in this case because there is a dynamic drive overlay (ddo) installed. The solution is quite simple: remove first the ddo (for
example with Seagate's DiscWizard: http://www.seagate.com/support/disc/drivers/discwiz.html) and re-install windows xp. Generalized information:
This situation occurs when setting up a dual boot situation with Windows 2000 and Windows XP (it may occur with other setups).  After Windows XP's install routine has finished copying files, and is ready to boot to the GUI portion of SETUP, you may receive the above error.
One possible fix.  So far, this has been traced to an incorrect BOOT.INI file.  To gain access to the Boot.ini:
Go to Start/Run and type in: msconfig.  Then go to the Boot.ini Tab.  Or...Right click the My Computer icon/Properties/
Advanced/Startup and Recovery/Settings/System Startup/Edit.
How to Edit the BOOT.INI File in Windows XP
http://support.microsoft.com/support/kb/articles/Q289/0/22.asp
This user had 1 hard drive, partitioned into C and D drives.  His BOOT.INI file looked like this: (the erroneous lines are in "blue")
[boot loader]
timeout=1
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(3)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(3)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINNT="Microsoft Windows 2000 Professional" /fastdetect
The 3 in the erroneous lines, above, points to the 3rd partition on the first physical hard disk.  Since this user only had 2 partitions, this value was incorrect.  Changing the value to 2, in both lines, allowed the user to complete Windows XP's setup.
The corrected BOOT.INI looked like this:
[boot loader]
timeout=1
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINNT="Microsoft Windows 2000 Professional" /fastdetect
Update:
Let me review my experience / problem with hal.DLL with you all:
I Received a computer with win XP home sp2 that after uninstalling IML4, and Installing IML5, and rebooting. (IML being Imesh light)
Computer displayed windows root\system32\hal.dll is missing or corrupt, please re-install.
NO MODES would boot from advanced boot options
Only bootable option was from CD
Repair console would not EDIT system from OEM XP HOME CD
FixMBR did not solve anything
Bootcfg /list, bootcfg /rebuild did not solve anything
Fixboot did not solve anything
Solution Option 1 wouldn’t work with multi attributes with out “|” in between them. ******
Solution Option 1 didn’t solve anything, except inadvertently adding a second OS to boot.ini
Solution Option 2 was unusable with OEM XP HOME SP2 CD.
Solution Opt 2 with XP PRO SP2 Integrated CD “Functioned”, but was "unable to expand file"
REINSTALLING WINDOWS IS NOT AN OPTION.
Final Solution:
Removed hard drive from system.
Added Hard drive to a 2nd WORKING XP PRO System. As Slave on Cable select.
***(all references to “D:\” are the Slave Hard drive damaged windows)***
Booted system and enabled - Explorer\tools\folder options
Display contents of system folders.
Show Hidden Files and Folders.
UN-check Hide Protected OS Files.
Go to “D:\” open Boot.ini in NOTEPAD, remove the Extra OS’s added with option 1.
Close and Save changes to Boot.ini
Go to “My Computer” Right click on “D:\” select SEARCH “D:\”
Search “All or Part of the File Name” = “hal”
Hal.dll may or may not be found in “D:\WINDOWS\System32” either way it’s no good.
A working copy of hal.dll WILL be found in “C:\WINDOWS\ServicePackFiles\i386”
COPY THAT FILE “D:\WINDOWS\ServicePackFiles\i386\hal.dll”
And Paste it to “D:\WINDOWS\System32” folder; if it asks to overwrite say YES.
You may now un-do the changes made to Explorer\tools\folder options to RE-Hide files.
Shut Down the computer.
Remove the 2nd Drive and reinstall it to its own tower as Master.
You should Now be able to boot the computer up as if nothing ever happened.
With the exception that it will prompt you to reinstall some drivers, Just say YES and let it auto detect …THEY ARE ALREADY THERE. And will setup fine.
This "FIX" assumes that the computer in question HAS at ther very least service pack1, if not service pack 2.
If these patches have NOT been installed , I dont belive any such Reserve copy of hal.dll will wxist on the drive!
HAL - Hardware Abstraction Layer
HAL is Microsoft's abbreviation for the Hardware Abstraction Layer, the technology and drivers that let the Windows NT, 2000, and XP operating systems communicate with your PC's hardware. HAL is one of several features--along with the NT file system (NTFS) that replaced the much less secure MS-DOS--that make NT-based operating systems more secure and reliable than Windows 95, 98, and Me.
HAL prevents applications from directly accessing your PC's system memory, CPU, or hardware devices (such as video and sound cards)--a method that can prevent many device conflicts and crashes. Unfortunately, HAL sometimes also slows or stops DOS games and programs, which need to load their own memory managers or control hardware directly for better performance.
With HAL in the way, developers must rewrite or even abandon their older software in favor of newer, HAL-compatible versions. Microsoft has pressured hardware makers to provide or support technologies such as MMX, DirectX, and 3D graphics language OpenGL, all of which allow fast but indirect access to the advanced high-performance features of video, sound, and CPU hardware. Such access also makes for a better visual experience when using Windows for Web and productivity applications; improved graphics performance is evident all over Windows XP's new user interface.
XP also offers some new compatibility-mode features that let you run programs meant to run under earlier operating systems, but, frankly, most DOS-based and even some Windows-based games simply won't work with the new OS.
     Tip:  To see which HAL is currently installed, open Device Manager
, and expand the Computer branch. The entry that
              appears in this branch corresponds to the currently installed HAL.

Situations in Which Windows May Not Start in Safe Mode
How to Troubleshoot Hardware Abstraction Layer Issues
How to Move a Windows XP Installation to Different Hardware
Setup Error Msg: Cannot find file: \Windows\System32\hal.dll

HAL.DLL is Missing (********************OK)
Option 1:(OK)

Boot from your CD and follow the directions to start Recovery Console. Then:
Attrib -H -R -S C:\Boot.ini
DEL C:\Boot.ini
BootCfg /Rebuild
Fixboot
Option 2:
Boot from your CD and follow the directions below to start Recovery Console.
Insert the Setup compact disc (CD) and restart the computer. If prompted, select any options required to boot from the CD.
When the text-based part of Setup begins, follow the prompts; choose the repair or recover option by pressing R.
If you have a dual-boot or multiple-boot system, choose the installation that you need to access from the Recovery Console.
When prompted, type the Administrator password. (if you didn't create one try pressing enter).
At the system prompt, type Recovery Console commands; type help for a list of commands, or help commandname for help on a specific command.
Most likely you will need to expand the file from the CD. The command would be expand d:\i386\hal.dl_ c:\windows\system32\hal.dll. Substitute d: for the drive letter of your CD. Once you have expanded the file type "exit" to exit the Recovery Console and restart the computer.  
TIPRecovering Windows XP using the Recovery Console

Modifica del file Boot.ini in Windows XP
http://support.microsoft.com/kb/q289022/
Identificativo articolo : 289022
Ultima modifica : mercoledì 17 agosto 2005
Revisione : 3.0
Questo articolo è stato precedentemente pubblicato con il codice di riferimento I289022

Sommario
Salvataggio di una copia di backup del file Boot.ini
Salvataggio di una copia di backup del file Boot.ini
Modifica del file Boot.ini
Modifica del file Boot.ini
File Boot.ini di esempio
File Boot.ini di esempio
Modifica del file Boot.ini
Modifica del file Boot.ini
Aggiungere un sistema operativo
Aggiungere un sistema operativo
Rimuovere un sistema operativo
Rimuovere un sistema operativo
Impostare il sistema operativo predefinito
Impostare il sistema operativo predefinito
Impostare il valore di timeout
Impostare il valore di timeout
Apertura del file Boot.ini per verificare le modifiche
Apertura del file Boot.ini per verificare le modifiche
Riferimenti

Sommario
In questo articolo viene descritto come visualizzare e configurare manualmente il file Boot.ini in Windows XP dalla finestra di dialogo Avvio e ripristino.
In Windows XP è possibile individuare in modo semplice e rapido il file Boot.ini per verificare e/o modificare le configurazioni del file.
È opportuno eseguire il backup del file Boot.ini prima di modificarlo. Le prime operazioni implicano la modifica delle opzioni cartella in modo da visualizzare file nascosti, quindi il backup del file Boot.ini.
Salvataggio di una copia di backup del file Boot.ini
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del computer, quindi scegliere Proprietà.
Oppure
Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare rsysdm.cpl, quindi scegliere OK.
2. Nella scheda Avanzate in Avvio e ripristino fare clic su Impostazioni.
3. In Avvio sistema fare clic su Modifica. Il file verrà aperto nel Blocco note e potrà essere modificato.
4. Nel Blocco note scegliere Salva con nome dal menu File.
5. Fare clic con il pulsante destro del mouse su un'area vuota della finestra di dialogo Salva con nome, scegliere Nuovo dal menu di scelta rapida, quindi scegliere Cartella.
6. Digitare un nome per la nuova cartella, ad esempio temp, quindi premere INVIO per creare la cartella denominata temp.
7. Fare doppio clic sulla cartella denominata temp, quindi fare clic sul pulsante Salva per salvare una copia di backup del file Boot.ini.

Modifica del file Boot.ini
Per visualizzare e modificare il file Boot.ini:
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del computer, quindi scegliere Proprietà.
Oppure
Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare sysdm.cpl, quindi scegliere OK.
2. Nella scheda Avanzate in Avvio e ripristino fare clic su Impostazioni.
3. In Avvio sistema fare clic su Modifica.

File Boot.ini di esempio
Di seguito è riportato un esempio del file Boot.ini predefinito presente in un computer in cui è installato Windows XP Professional:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
Di seguito è riportato un esempio del file Boot.ini predefinito con un'installazione precedente di Windows 2000 in una partizione separata.
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(1)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(1)rdisk(0)partition(1)\WINDOWS="Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)\WINNT="Windows 2000 Professional" /fastdetect

Modifica del file Boot.ini
Nonostante sia possibile modificare il file Boot.ini utilizzando la finestra di dialogo Avvio e ripristino, all'interno della quale è possibile selezionare il sistema operativo predefinito, modificare il valore di timeout o modificare manualmente il file, con il metodo riportato di seguito viene utilizzata l'utilità della riga di comando Bootcfg.exe.
1. Fare clic sul pulsante Start, quindi scegliere Esegui.
2. Nella casella di testo Apri digitare cmd.
3. Al prompt dei comandi digitare bootcfg /?.
4. Verranno visualizzati i parametri e le informazioni della Guida di BOOTCFG.exe.

Aggiungere un sistema operativo
Al prompt dei comandi digitare:
bootcfg /copy /d Descrizione del sistema operativo /ID#
dove Descrizione del sistema operativo è una descrizione testuale, ad esempio Windows XP Home Edition, e dove # specifica l'ID della voce di avvio nella sezione dei sistemi operativi del file BOOT.INI dalla quale deve essere eseguita la copia.

Rimuovere un sistema operativo
Al prompt dei comandi digitare:
bootcfg /delete /ID#
dove # specifica l'ID della voce di avvio che si desidera eliminare dalla sezione dei sistemi operativi del file BOOT.INI, ad esempio 2 per il secondo sistema operativo elencato.

Impostare il sistema operativo predefinito
Al prompt dei comandi digitare:
bootcfg /default /ID#
dove # specifica l'ID della voce di avvio nella sezione dei sistemi operativi del file BOOT.INI che si desidera impostare come sistema operativo predefinito.

Impostare il valore di timeout
Al prompt dei comandi digitare: bootcfg /timeout# dove # specifica il tempo in secondi al termine del quale viene caricato il sistema operativo predefinito.

Apertura del file Boot.ini per verificare le modifiche
1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Risorse del computer, quindi scegliere Proprietà.
Oppure
Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare sysdm.cpl, quindi scegliere OK.
2. Nella scheda Avanzate in Avvio e ripristino fare clic su Impostazioni.
3. In Avvio sistema fare clic su Modifica.

NTLDR or NTDETECT.COM Not Found
If you get an error that NTLDR is not found during bootup
If you have FAT32 partitions, it is much simpler than with NTFS.
Just boot with a Win98 floppy and copy the NTLDR or NTDETECT.COM files
from the i386 directory to the root of the C:\ drive.

For NTFS:

  1. Insert and boot from your WindowsXP CD.
  2. At the first R=Repair option, press the R key
  3. Press the number that corresponds to the correct location for the installation of Windows you want to repair.
    Typically this will be #1
  4. Enter in the administrator password when requested
  5. Enter in the following commands (X: is replaced by the actual drive letter that is assigned to the CD ROM drive.
    COPY X:\i386\NTLDR C\:
    COPY X:\i386\NTDETECT.COM C:\
  6. Take out the CD ROM and type exit

Forzare la chiusura dei programmi e la disconnessione degli utenti dopo un periodo di inattività in Windows XP (scarica)
Le workstation che vengono lasciate connesse possono rappresentare un rischio per la protezione di un'organizzazione. Molte reti consentono agli utenti di lasciare programmi in esecuzione e restare connessi ai propri computer per un tempo indefinito. Nel Resource Kit di Microsoft Windows 2000 è incluso lo strumento Winexit.scr che consente di chiudere automaticamente tutti i programmi in esecuzione e disconnettere un utente dalla propria workstation.
Configurazione dello screen saver Winexit.scr

  1. Utilizzare Esplora risorse per trovare il file Winexit.scr nella cartella del Resource Kit di Windows 2000 sul disco rigido.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file Winexit.scr e scegliere Installa.
  3. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Display Properties con la scheda Screen saver attiva e la voce Logoff Screen Saver selezionata. Scegliere Settings.
  4. Selezionare la casella di controllo Force application termination per forzare la chiusura dei programmi.
  5. Nella casella Countdown for n seconds digitare il numero di secondi per cui verrà visualizzata la finestra di disconnessione prima che l'utente venga disconnesso.
  6. Nella casella Logoff Message digitare il messaggio che si desidera venga visualizzato durante il conto alla rovescia per la disconnessione. Scegliere OK.
  7. Nella finestra di dialogo Display Properties fare clic su Preview.
  8. Verrà visualizzata la finestra di dialogo Auto Logoff con il messaggio e il conto alla rovescia di disconnessione. Scegliere Cancel.
  9. Scegliere OK.

Risoluzione dei problemi
L'opzione Force application termination forza la chiusura dei programmi anche in presenza di dati non salvati. Se non si utilizza questa opzione, i programmi con dati non salvati non verranno chiusi e l'utente non verrà disconnesso. Se si utilizza l'opzione Force application termination, è buona norma impostare un criterio aziendale per salvare automaticamente i documenti utente non salvati.
To Activate WinExit

  1. In Control Panel, double-click the Display icon.
  2. On the Screen Saver tab, select Windows Exit from the Screen Saver list.
  3. In the Wait box, select the number of minutes of inactivity before the screen saver appears.
  4. To configure the screen saver, click the Settings button.
    In the Force Logoff box, select the Force Application Termination check box to have the system close all running applications regardless of their current state.
    • By default, this check box is not selected and the system queries applications to see if work needs to be saved before shutting them down. Use this setting with caution since applications with unsaved data will not have a chance to save their work.
    • In the Time To Log Off box, enter the time WinExit will display its logoff dialog box before proceeding with the logoff process. Enter a value between 0 and 999 seconds.
    • In the Logoff Message box, enter a message to display in the logoff dialog box. The message is limited to 255 characters and will be truncated if extra characters are entered.
  5. To start the screen saver temporarily so you can see what it looks like, click the Preview button. To return to Windows, move your mouse or press any key.
    Note
    :
    You can test Windows Exit screen saver with the Preview button on the Screen Saver tab without WinExit attempting to log you off.
  6. When activated, WinExit beeps, indicating that the logoff process is about to begin, and displays the logoff dialog box. If no action is taken and the countdown timer reaches zero, the system will initiate the logoff procedure. You can stop the process before the countdown timer reaches zero by either moving the mouse pointer over the dialog box or pressing any key on the keyboard.

Winexit.scr: Windows Exit Screen Saver
WinExit is a screen saver that logs the current user off after the specified time has elapsed. In other respects it is similar to other screen savers and can be configured and tested on the Screen Saver tab of the Display Properties dialog box in Control Panel.
WinExit displays a dialog box containing the countdown timer and a user-defined message. When the countdown timer reaches zero, the logoff process is initiated.
Note:
In order for non-administrators to be able to use WinExit, you must add Set Value and Create Subkey permissions for the group Everyone on the registry key:
HKEY_Local_Machine\Software\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersion
WinExit Topics

Files Required

Eliminare Java di Microsoft
Per verificare se sul computer è presente Java di Microsoft, al prompt dei comandi scrivere:
jview.
Se riceviamo un messaggio di errore, significa che non c'è. Per rimuovere Java di Microsoft, selezioniamo il comando esegui e scriviamo:
"rundll32 advpack.dll,LaunchINFSection java.inf,UnInstall" nella finestra. Confermiamo con ok. Per concludere lanciamo nuovamente esegui, e scriviamo regedit. Quindi cerchiamo la cartella "HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Java VM" da selezionare con il tasto destro ed eliminare.

Abilitare il compressore/decompressore zip
Basta creare un file bat e scrivere all'interno la seguente riga:
regsvr32 %windir%\system32\zipfldr.dll
Salvare e lanciarlo.
Per disabilitarlo
regsvr32 /u %windir%\system32\zipfldr.dll

AddUsers automatizza la creazione di un numero elevato di utenti
Numero di articolo : 199878
Lo strumento Addusers.exe per Windows è un'utilità amministrativa a 32 bit che utilizza un file di testo delimitato da virgole per creare, modificare ed eliminare account utente. Addusers si rivela utile soprattutto quando le informazioni da manipolare sono gestite in un foglio di lavoro, creato ad esempio con Microsoft Excel, che può essere convertito in un file delimitato da virgole. È necessario essere membro del gruppo Administrators nel computer di destinazione per aggiungere account e un membro del gruppo Users per scrivere account.
Il comando AddUsers utilizza la seguente sintassi:
AddUsers {/c|/d{:u}|/e} nome file [/s:x] [/?] [\\nome computer|nome dominio] [/p:{l|c|e|d}]
• \\nome computer - È il nome del computer in cui si desidera creare account utente o da cui si desidera scrivere account utente. Se non viene specificato alcun nome computer, verrà utilizzato il computer locale.
• nome dominio - Questa opzione può essere utilizzata al posto di nome computer. Se questa opzione viene specificata, Addusers interrogherà il PDC del dominio specificato.
• /c - Consente di creare account utente, gruppi locali e gruppi globali, a seconda di quanto specificato in nome file.
• /d{:u} - Consente di eseguire il dump di account utente, gruppi locali e gruppi globali nel nome di file specificato. (:u) è un parametro facoltativo che consente di scrivere gli account correnti nel file specificato in formato di testo Unicode. Scegliere di eseguire il dump degli account utente corrente non presuppone il salvataggio delle password o di qualsiasi altra informazione di protezione relativa agli account. Per effettuare il backup delle informazioni di protezione relative agli account, è necessario utilizzare uno strumento di backup su nastro.
Nota: le informazioni relative alle password non vengono salvate in un dump di account utente se si utilizza lo stesso file per creare gli account. In tal caso infatti tutte le password relative agli account creati risulteranno vuote. Per impostazione predefinita, viene chiesto a tutti gli utenti appena creati di cambiare la relativa password in fase di accesso.
• /e - Consente di cancellare gli account utente specificati nel nome file.
ATTENZIONE: fare attenzione quando si cancellano account utente, in quanto non è possibile ricreare l'account utente con lo stesso SID. Questa opzione non consente tuttavia di cancellare account incorporati.
• nome file - File di input/output delimitato da virgole utilizzato da AddUsers per i dati.
• /s:x - Parametro facoltativo che consente di cambiare il carattere utilizzato per separare campi nel file. La x dovrebbe essere sostituita con il nuovo carattere da utilizzare per separare i campi. Ad esempio, /s:~ consente di utilizzare il carattere "~" (tilde) come separatore dei campi. Se questa opzione non viene specificata, verrà utilizzato il carattere di separazione predefinito, ovvero la virgola.
• /? - Consente di visualizzare una schermata della Guida.
• Se si utilizza Windows NT 4.0, nella versione aggiornata di Addusers.exe, disponibile nel Resource Kit di Windows NT, Supplemento 3 è stato aggiunto il parametro /p, che migliora la funzionalità quando si creano nuovi utenti mediante AddUsers.exe in Windows NT.
• /p: - Consente di impostare le opzioni di creazione degli account. Può essere utilizzato con qualsiasi combinazione delle seguenti opzioni:

• 1 - Gli utenti non devono cambiare la password all'accesso successivo.
• c - Gli utenti non possono cambiare le password.
• e - Nessuna scadenza prevista per le password. (implica l'utilizzo dell'opzione l)
• d - Account disabilitati.
Esempio: Creazione di nuovi utenti e gruppi utilizzando Addusers
1. Effettuare l'accesso come utente membro del gruppo Administrators nel computer di destinazione.
2. Creare un file di testo delimitato da virgole, contenente i nuovi utenti e gruppi da creare. La sintassi di ciascuna voce (riga) varia da sezione a sezione, ad esempio:

[Users]
Nome utente, Nome e cognome, Password, Descrizione, UnitàPrincipale, PercorsoPrincipale, Profilo, Script

[Global]
Nome gruppo globale, Commenti, NomeUtente, ...

[Local]
Nome gruppo locale, Commenti>, NomeUtente, ...

Nelle voci (righe) delle sezioni relative ai gruppi [Local] e [Global] il campo dei commenti può essere seguito da 0 o più voci NomeUtente. Ciascuno dei nomi utenti specificati verrà aggiunto a tale gruppo. Le righe devono terminare con una virgola o con l'apposito carattere di separazione. Di seguito è riportato un esempio del file della Guida contenuto negli strumenti del Resource Kit relativo a AddUsers.exe:

[User]
jimmy,James Edward Phillip II,,,,,,
alex,Alex Denuur,,,E:\,E:\users\alex,,
ron,Ron Jarook,hello,,E:\,E:\users\ron,,
sarah,Sarah Selly,,,,,,
mike,Mike Olarte,,,,,,

[Global]
TestTeam,Regression,ron,alex,
DevTeam,Conversion to Sources,mike,sarah,jimmy,

[Local]
UsersAM,Users A through M,alex,jimmy,mike,
UsersNZ,Users N through Z,ron,sarah,
3. Salvare il file.
4. Gli utenti e i gruppi possono essere creati mediante un file batch o dal prompt dei comandi. Il comando riportato di seguito consente di creare gli utenti e i gruppi elencati in un file di testo denominato Users.txt. Il parametro "/p" consente di creare gli utenti con l'opzione di non scadenza della password abilitata:

C:\>AddUsers [\\nome computer] /c c:\Users.txt /p:e

In alternativa, utilizzando un nome di dominio, la sintassi sarebbe la seguente:

C:\>AddUsers [nome dominio] /c c:\Users.txt /p:e
Esempio: Generazione di un elenco di account utente e di gruppi da un computer che esegue Windows
1. Effettuare l'accesso come utente membro del gruppo Administrators nel computer di destinazione.
2. Al prompt dei comandi digitare Addusers \\nome server /d nome file.txt, dove nome server è il nome di un controller di dominio, server membro o workstation, quindi premere INVIO.
Disponendo delle autorizzazioni appropriate, gli amministratori possono generare un elenco di utenti da domini diversi dal proprio. L'elenco viene generato nel file di testo nome file.txt. Questo file contiene anche informazioni, quali profilo, home directory e script per ciascun utente. Anche il comando NET USERS consente di modificare, eliminare e creare account, sebbene non disponga di alcune delle funzioni di Addusers.exe.

Per informazioni sulla creazione di file batch per l'automatizzazione della creazione di utenti, vedere l'articolo seguente nella Knowledge Base Microsoft (il contenuto potrebbe essere in inglese):
180546 Automatizzazione degli aggiornamenti ai gruppi locali sui server membri
Riferimenti
L'utilità AddUsers.exe e ulteriore documentazione in proposito sono incluse nel Resource Kit di Windows.


IRQL_NOT_LESS_OR_EQUAL

Explanation:
This Stop message indicates that a kernel-mode process or driver attempted to access a memory address to which it did not have permission to access. The most common cause of this error is an incorrect or corrupted pointer that references an incorrect location in memory. A pointer is a variable used by a program to refer to a block of memory. If the variable has an incorrect value in it, the program tries to access memory that it should not. When this occurs in a user-mode application, it generates an access violation. When it occurs in kernel mode, it generates a STOP 0x0000000A message. If you encounter this error while upgrading to a newer version of Windows, it might be caused by a device driver, a system service, a virus scanner, or a backup tool that is incompatible with the new version.
User Action:
This error usually occurs after the installation of a buggy device driver, system service, or BIOS. To resolve it quickly, restart your computer, and press F8 at the character-mode menu that displays the operating system choices. At the resulting Windows 2000 Advanced Options menu, choose the Last Known Good Configuration option. This option is most effective when only one driver or service is added at a time. If you encounter this error while upgrading from Windows NT 4.0 or earlier, it might be caused by a device driver, a system service, a virus scanner, or a backup tool that is incompatible with the new version. If possible, remove all third-party device drivers and system services and disable any virus scanners prior to upgrading. Contact the software manufacturers to obtain updates of these tools. For additional error messages that might help pinpoint the device or driver that is causing the error, check the System Log in Event Viewer. Disabling memory caching of the BIOS might also resolve this error. You should also run hardware diagnostics supplied by the system manufacturer, especially the memory scanner. For details on these procedures, see the owners manual for your computer. If your system has small computer system interface (SCSI) adapters, contact the adapter manufacturer to obtain updated Windows 2000 drivers. Disable sync negotiation in the SCSI BIOS, check the cables and the SCSI IDs of each device, and confirm proper termination. For enhanced integrated device electronics (EIDE) devices, define the onboard EIDE port as Primary only. Also, check each EIDE device for the proper master/slave/stand-alone setting. Remove all EIDE devices except for hard disks. If the message appears during an installation of Windows 2000, make sure that the computer and all installed peripherals are listed on the Microsoft Windows 2000 Hardware Compatibility List (HCL) on http://www.microsoft.com. For more troubleshooting information about this Stop message, refer to the Microsoft Knowledge Base at http://support.microsoft.com/support.

Abilitare il Bloc Num all'avvio di Windows 2000/XP
Questo tasto risulta disabilitato. Si vorrebbe averlo già abilitato all'avvio del sistema operativo. Lanciare il Regedit (Start - Esegui - regedit) e cercare la chiave HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Keyboard e fare doppio clic a destra sulla voce InitialKeyboardIndicators. Assegnare il valore 2 alla voce, confermando con un clic su ok. Poi cercare anche la chiave HKEY_USERS\.Default\Control Panel\Keyboard e ripetere la stessa procedura; infine chiudere l'editor del Registry.

Windows XP: Installazione
1 - Installiamo Windows XP, nella "prima" versione originale, oppure con già i files del SP1 integrati nel cd
2 - Aggiorniamo il sistema con il SP2
3 - Installiamo i drivers della scheda madre, della scheda video e di tutte le periferiche (possibilmente aggiornati all'ultima versione)
4 - Installiamo un antivirus aggiornato offline, cioè senza collegarci a internet. Possiamo eventualmente sfruttare aggiornamenti trovati sulle riviste di pc.
5 - Controlliamo che il firewall di sistema, installato dopo l'aggiornamento al SP2 sia attivo e funzionante.
6 - Solamente a questo punto, possiamo collegarci per la prima volta a internet ed avviamo Windows Update, per scaricare prima gli aggiornamenti a priorità alta, poi quelli facoltativi, tralasciando invece gli aggiornamenti hardware. Aggiorniamo, ovviamente, anche l'antivirus.
7 - Creaiamo una partizione secondaria per i nostri documenti (facoltativa, anche se consigliabile)
8 - Installiamo e configuriamo le utilità software e i codecs che utilizziamo quotidianamente.
9 - Installiamo e configuriamo i pacchetti di applicazioni più importanti (come Office)
10 - Salviamo un'immagine della partizione del disco contenente Windows XP, utilizzando Ghost o TrueImage

Installiamo Windows su dischi non ide.
Durante l'installazione, tramite la pressione del tasto F6 apriamo il menu per il caricamento dei driver del controller RAID o Serial ATA. Con lo stesso sistema possiamo gestire anche le periferiche che utilizzano la tecnologia SCSI.
Molte delle schede madri con Serial ATA permettono di realizzare un RAID di dischi fissi. Con due dischi identici, senza ricorrere ad alcuna scheda aggiuntiva, possiamo creare un RAID di tipo "0" o di tipo "1". Su queste schede, infatti, sono presenti due distinti canali per altrettante unità che, configurando il BIOS, possono essere viste dal sistema operativo come un unico archivio.Nel caso del RAID 0, detto anche stripe, il computer vede i due dischi come un'unica grande e veloce unità: i dati vengono suddivisi sui due dischi fissi funzionanti contemporaneamente. Con il RAID 1, in modalità mirror, si ottiene un buon livello di sicurezza, poichè i dati presenti sul primo disco vengono replicati anche sull'altro. Per far riconoscere a Windows il nostro RAID, in fase di installazione dobbiamo premere il tasto F6 e procedere all'installazione dei driver del controller RAID forniti dal produttore.

Firmare il pc
Il mio nuovo computer visualizza il logo del produttore quando faccio clic sulla voce Proprietà di Risorse del computer. E' possibile sostituire o eliminare l'immagine visualizzata?
Creiamo un'immagine con nome "oemlogo.bmp" e dimensioni non superiori ai 172x110 pixel e salviamola nella cartella "c:\windows\system32". Apriamo il blocco note e creiamo un documento con le seguenti righe:
[general]
Manufacturer=Produttore
Model=Modello PC

[Support Information]
Line1=xxxx
Line2=xxxx
Line3=xxxx
Line4=xxxx
Line5=xxxx

Sostituendo, ovviamente, i dati proposti. Per portare a termine l'operazione, salviamo il file di testo come "oeminfo.ini" nella stessa cartella in cui abbiamo copiato la nostra immagine. Facendo clic con il tasto desto del mouse su risorse del computer possiamo ora visualizzare i nostri dati e la foto inserita nella cartella di sistema.

Messaggio di benvenuto all'avvio di Windows
Un messaggio di avvertimeno o di benvenuto all'avvio del pc può essere utile, specialmente per chi condivide il pc con altri utenti.
Vediamo come inserire il messaggio:
1) start->impostazioni->pannello di controllo->strumenti di amministrazione->criteri di protezione locali
2) impostazioni protezione->criteri locali->opzioni protezione
3) nel box di destra cercate: "Testo del messaggio per utenti che tentano l'accesso" e "Titolo del messaggio per utenti che tentano l'accesso", cliccateci sopra per modificarne il valore.
Riavviate il pc per vedere il nuovo messaggio.

Come rimuovere i dati recenti
E' possibile eliminare i Dati Recenti in Windows2000 e WindowsXP.
Aprite il Registro di sistema e trovate questa chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\
CurrentVersion\Policies\Explorer
Ora create un nuovo valore DWORD di nome NoRecentDocsHistory e dategli 1 come valore. Riavviate il PC.

Disattivazione dello screen saver di accesso
Vediamo come disattivare lo screen saver di accesso in Windows XP. Per disattivare lo screen saver di accesso, attenersi alla seguente procedura:
Fare clic sul pulsante Start, scegliere Esegui, digitare regedit, quindi scegliere OK. Individuare la seguente chiave di registro: HKEY_USERS\DEFAULT\Control Panel\Desktop
Nel riquadro Dettagli fare doppio clic sul valore stringa ScreenSaveActive. Nella casella Dati valore sostituire il numero 1 con 0, quindi scegliere OK.
Lo screen saver di accesso risulterà disattivato :)

Ripristinare le corrette associazioni per i file eseguibili Scarica qui i files
Diversi lettori ci hanno segnalato l’impossibilità di eseguire molti programmi dopo l’eliminazione di un malware o di un trojan dal sistema. Windows (qualunque versione si stia utilizzando) mostra il messaggio d’errore "Impossibile trovare il file... o uno dei suoi componenti. Verificare che il percorso e il nome del file siano corretti e che tutte le librerie necessarie siano disponibili": eppure, verificando con Risorse del computer, il file eseguibile esiste ed è presente nel percorso indicato! Un gran numero di malware e trojan effettuano alcune modifiche all’interno del registro di sistema di Windows in modo tale che il loro nome sia anteposto a quello di ogni file eseguibile (.EXE) presente sul sistema. Grazie a questo odioso espediente, questi componenti maligni si assicurano l’esecuzione ad ogni avvio di Windows: lanciando qualunque file eseguibile si avvia così anche il malware o il trojan.Antivirus e software anti-spyware sono spesso in grado di rilevare la presenza di questi "ospiti indesiderati" e di provvedere alla loro eliminazione purtuttavia, generalmente, non provvedono a ripristinare la corretta configurazione all’interno del registro di sistema.
Ci si aspetterebbe che, avendo l’antivirus od il software anti-spyware, eliminato il componente maligno, il messaggio d’errore eventualmente visualizzato da parte di Windows riguardasse l’eseguibile del malware o del trojan stesso. Non è così. Proprio a causa della modifica inizialmente operata sul registro di sistema, all’atto dell’insediamento del malware, Windows restituisce un messaggio d’errore simile citato in precedenza, qualunque sia l’applicazione che si tenti di avviare.Per ripristinare i valori corretti all’interno del registro di sistema di Windows, scaricate il file
http://www.ilsoftware.it/servizi/dl/EXE_Fix_XP.reg oppure http://www.ilsoftware.it/servizi/dl/EXE_Fix_98.reg a seconda che stiate impiegando, rispettivamente, Windows XP o Windows 98. A download completato, fate doppio clic sul file .REG ed acconsentite all’inserimento delle informazioni nel registro.Qualora non riusciste ad inserire le modifiche contenute nel file EXE_Fix_XP o EXE_Fix_98.reg (Windows mostra un messaggio d’errore facente riferimento all’impossibilità di trovare il file C:\WINDOWS\REGEDIT.EXE), ciò è dovuto al fatto che anche l’Editor del registro (REGEDIT.EXE), essendo un normale file eseguibile, è soggetto alle modifiche apportate inizialmente dal malware. Per risolvere l’inghippo, applicate un semplice trucco. Per prima cosa verificate di aver attivato la visualizzazione delle estensioni dei file: avviate Risorse del computer, cliccate sul menù Visualizza, Opzioni cartella quindi sulla scheda Visualizza. Verificate che la casella Nascondi le estensioni per i tipi di file conosciuti sia disattivata infine confermate mediante la pressione del pulsante OK. Servendovi di Risorse del computer, portatevi nella cartella C:\WINDOWS, identificate il file REGEDIT.EXE e rinominatelo in REGEDIT.COM. Windows mostrerà il messaggio d’allerta "modificando l’estensione il file potrebbe essere inutilizzabile": confermate premendo il pulsante .
A questo punto, fate doppio clic sul file REGEDIT.COM, selezionate il comando Importa file del registro di configurazione dal menù Registro di configurazione quindi selezionate il file EXE_Fix_XP.reg o EXE_Fix_98.reg (a seconda che utilizziate Windows XP o Windows 98) e premete Apri. Effettuata l’importazione, chiudete l’Editor del registro di sistema e rinominate nuovamente REGEDIT.COM in REGEDIT.EXE.
Tutti i file eseguibili saranno ora correttamente aperti.

Windows 98
REGEDIT4

[HKEY_CLASSES_ROOT\.exe]
@="exefile"
"Content Type"="application/x-msdownload"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile]
@="Application"
"EditFlags"=hex:d8,07,00,00

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shell]
@=""

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shell\open]
@=""
"EditFlags"=hex:00,00,00,00

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shell\open\command]
@="\"%1\" %*"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex]

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex\PropertySheetHandlers]

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex\PropertySheetHandlers\{86F19A00-42A0-1069-A2E9-08002B30309D}]
@=""

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\DefaultIcon]
@="%1"
Windows 2k/XP
Windows Registry Editor Version 5.00

[HKEY_CLASSES_ROOT\.exe]
@="exefile"
"Content Type"="application/x-msdownload"

[HKEY_CLASSES_ROOT\.exe\PersistentHandler]
@="{098f2470-bae0-11cd-b579-08002b30bfeb}"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile]
@="Application"
"EditFlags"=hex:38,07,00,00
"TileInfo"="prop:FileDescription;Company;FileVersion"
"InfoTip"="prop:FileDescription;Company;FileVersion;Create;Size"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\DefaultIcon]
@="%1"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shell]

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shell\open]
"EditFlags"=hex:00,00,00,00

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shell\open\command]
@="\"%1\" %*"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shell\runas]

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shell\runas\command]
@="\"%1\" %*"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex]

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex\DropHandler]
@="{86C86720-42A0-1069-A2E8-08002B30309D}"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex\PropertySheetHandlers]

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex\PropertySheetHandlers\PEAnalyser]
@="{09A63660-16F9-11d0-B1DF-004F56001CA7}"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex\PropertySheetHandlers\PifProps]
@="{86F19A00-42A0-1069-A2E9-08002B30309D}"

[HKEY_CLASSES_ROOT\exefile\shellex\PropertySheetHandlers\ShimLayer Property Page]
@="{513D916F-2A8E-4F51-AEAB-0CBC76FB1AF8}"

Se il pc non si spegne ...
In alcuni casi è possibile che, alla chiusura di Windows XP, il pc non si spenga.
Per risolvere questo problema possiamo agire tramite il registro di Windows (start->esegui->regedit).
Cerchiamo la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop
A questo punto clicchiamo due volte sulla stringa "PowerOffActive" e portiamone il valore da 0 a 1.
Dopodichè eseguiamo gli stessi passaggi per la chiave
HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Desktop

Come automatizzare l'installazione di Windows XP e 2000?
Installare e reinstallare Windows
Capita a volte di dover riformattare tutto e nuovamente reinstallare il sistema operativo.
E' un'operazione che richiede tempo, richiede la presenza dell'utente e non sempre è alla portata di tutti perchè qualcuno potrebbe fermarsi non sapendo come proseguire.
Sia Windows XP che Windows 2000 ma anche le versioni precedenti o anche prodotti come Office o Visual Studio permettono di fare particolari installazioni automatiche/automatizzate, che non necessitano della presenza dell'utente e vengono chiamate "unattended".
Il principio di funzionamento è molto semplice, si crea un file di testo formattato in un modo particolare e poi viene passato alla linea di comando del programma winnt32.exe che procede all'installazione del Sistema Operativo tenendo in considerazione dei parametri indicati nel file (di solito chiamato unattend.txt). Questa modalità di solito viene usata quando c'è già un sistema operativo installato.
Se dovete partire da zero con una macchina vergine è consigliabile un altro tipo di approccio, cioè il file unattend.txt viene rinominato in winnt.sif viene copiato su un floppy, si riavvia la macchina, ci si assicura di avere il Cd-Rom come prima unità d'avvio, si inserisce il floppy e il cd-rom di installazione e il gioco è fatto.
Come si costruisce il file unattend.txt o winnt.sif ?
Ci sono in circolazione specialmente su Technet degli "Skeleton" degli scheletri di unattend.txt che poi potete modificare a mano, ma la cosa è abbastanza noiosa.
Prendete invece in mano il CD di installazione di Windows XP o 2000, e andate a vedere nella cartella:
D:\SUPPORT\TOOLS
troverete un file chiamato Deploy.cab. Apritelo e decomprimete il file all'interno chiamato setupmgr.exe, dopodichè lanciatelo, comparirà un wizard 
Lo Wizard del Setup Manager di Windows
Lo Wizard è composto da vari step molto intuitivi, indichiamo qui di seguito le opzioni da scegliere per la nostra installazione:
- Crea un file di risposta
- Installazione Automatica di Windows
- (Scegliete il sistema operativo che state per installare nel mio caso Windows XP Home)
- Completamente Automatizzata
- No, questo file di risposta sarà utilizzato per l'installazione da un CD
Arriverete ad un punto dove comparirà sulla sinistra una Treeview con vari nodi e con varie opzioni:
Le opzioni del Setup Manager
Scorrete ora le varie opzioni sulla sinistra e contemporaneamente compilate sulla destra con i vostri parametri. Alla fine potrete salvare il file dal menù File->Salva.
N.B. Se state facendo un'installazione partendo da un sistema operativo già esistente potete usare il file unattend.bat creato a fianco del file unattend.txt che vi permette di lanciare automaticamente l'installazione usando il comando winnt32.exe infatti contiene le seguenti istruzioni:
set AnswerFile=.\unattend.txt
set SetupFiles=D:\i386
D:\i386\winnt32 /s:%SetupFiles% /unattend:%AnswerFile%
N.B. Se usate il Setupmgr.exe di Windows 2000 dovrete editare manualmente il file unattend.txt per inserire il ProductID di Windows perchè durante lo Wizard no viene richiesto.
E' sufficiente aggiungere nella sezione [UserData] del file la voce ProductID= seguita dal codice numerico come indicato di seguito, se no l'installazione si interromperà chiedendovi di inserirlo:
[UserData]
FullName="-"
OrgName="-"
ProductID=XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX-XXXXX
ComputerName=test
E ora Installiamo Windows!
Finalmente ora abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno.
Rinominate il file unattend.txt in winnt.sif e copiatelo su un floppy disk.
Impostate nel BIOS come unità d'avvio il CD-Rom (se non sapete come si fa c'è un tip collegato a fondo pagina che vi spiega come).
Inserite Floppy e CD-Rom nel lettore e accendete il computer.
A questo punto partirà l'installazione da CD, che andrà a leggere sul floppy e leggerà il file winnt.sif con i relativi parametri.
A questo punto potete anche andare a bere un aperitivo! Fra circa mezz'ora Windows sarà stato completamente installato e sarà pronto all'uso.

Console di ripristino di emergenza
come consentire l'accesso di amministrazione automatico nella Console di ripristino di emergenza...
Apriamo il Registro di sistema ed impostiamo il valore DWORD SecurityLevel su 1 nella seguente chiave del Registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Setup\RecoveryConsole
E sempre a proposito della console ecco come accedere alla Console di ripristino di emergenza se si è "dimenticata" la password da amministratore: se si avvia un computer basato su Windows XP mediante un CD di Windows 2000 per l'esecuzione della console di ripristino di emergenza poiché in Windows XP è stato modificato il formato del database di Gestione account di protezione (SAM), non viene richiesta una password di amministratore :-)

Login su XP come su Windows 2000
Ecco come avere, anche su Windows XP, la schermata di login come quella di windows 2000.
Andiamo nel pannello di controllo, clicchiamo su "Account utente", scegliamo "cambia modalità di accesso e disconnessione" e disabilitiamo "usa la schermata iniziale".
Al prossimo reboot vedremo la schermata di login di Windows 2000.

Cambiare la lettera d'unità del disco di boot
Questa procedura permette di cambiare la lettera d'unità assegnata al disco di boot di windows (per default C) con un' altra lettera d'unità libera. Questa operazione è consigliata solo in casi di reale necessita e comunque si consiglia di effettuare sempre prima un backup totale del server compreso il system state.In questo esempio invertiamo il disco C (attuale di boot) con il disco D (nuovo disco di boot) usando per lo swap una lettera di unità libera (Y) di comodo.
Aprire il registro di configurazione con l' utility Regedt32.exe e posizionarsi sul ramo : HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\MountedDevices 
Verificare se su MountedDevices gli utenti appartenenti al gruppo Administrators abbiano i permessi di Full-Control (tasto dx > permissions), nel caso impostarli. 
Chiudere l' utility Regedit32 ed aprire l' utility Regedit.exe 
Posizionarsi sulla chiave di registry : HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\MountedDevices 
Rinominare la chiave \DosDevices\C: (attuale disco di boot) in \DosDevices\Y: (assicurandosi che la lettera Y sia libera); questa operazione libererà la lettera C 
Rinominare la chiave \DosDevices\D: (nuovo disco di boot) in \DosDevices\C: 
Rinominare la chiave \DosDevices\Y: in \DosDevices\D: 
Chiudere l' utility Regedit.exe 
Nel caso in cui siano state precedentemente settate le permission al punto 2 riportarle allo stato originario sempre con l' utility regedit32.exe 
P.s. Questa operazione va effettuata con un account che abbia i diritti amministrativi.

HAL.DLL danneggiato o mancante
All'avvio di Windows, potrebbe capitarvi di ricevere un messaggio d'errore riferito alla libreria HAL.DLL, è molto probabile che file BOOT.INI sia danneggiato.
Per ovviare a questo problema, riavviate il Windows e accedete alla Console di Ripristino (nel caso in cui il sistema operativo sia WindowsXP), e al prompt digitate il seguente comando:
bootcfg /list
Vi verrà restituito il contenuto del file BOOT.INI. Il comando bootcfg /rebuild vi consentirà di ricreare il file.

Se sparisce il file NTLDR
molte volte WindowsXP si rifiuta di partire perchè manca il file NTLDR. Per poter ripristinare il sistema operativo avete due soluzioni: la prima e quella di usare la consolle di ripristino per inserire il file mancante, e la seconda è invece data dalla realizzazione di un floppy contenente gli stessi file che trovate seguendo questo percorso:
cliccate su esplora risorse. 
cliccate sul' hard disk che contiene il sistema operativo (esempio: disco locale C:). 
nella finestra che appare cliccate in alto su strumenti e poi dal menu a discesa su opzioni cartella. 
nella cartella che apparirà selezionate in alto la linguetta con scritto "Visualizzazione". 
nel menu a scorrimento in basso cercate la voce " Visualizza cartelle e file nascosti" e "Nascondi i File di Sistema (Consigliato) e togliete il segno di spunta dalle caselle; infine cliccate su ok. Apparirà una finestra che vi avvisa di ciò che state per fare cliccate su si e ancora su ok. 
Ora evidenziate i seguenti file e copiateli su un Floppy: NTDETECT, Bootfont, AUTOEXEC, CONFIG, IO, MSDOS, NTLDR, boot. Attenzione a non cancellare dall'Hard Disk questi file perchè servono per l'avvio del sistema operativo. 
Il Floppy è pronto. Nello sfortunato caso in cui dovesse mancare il file NTLDR e windows non parte , non dovete fare altro che far avviare dal bios il floppy come disco di boot e il gioco è fatto il sistema operativo ripartirà. Naturalmente in questo malaugurato caso sarà compito vostro copiare nuovamente i file mancanti, dal floppy verso l'hard disk nella stessa directory sopracitata al punto uno e al prossimo riavvio non avrete bisogno del Floppy perchè il computer partira come se niente fosse successo. 
Mi raccomando vista la delicatezza delle operazioni, abbiate massima cautela se non siete sicuri di quello che state facendo! Infine un ultimo consiglio: dopo aver creato il floppy spuntate nuovamente le caselle citate nel punto 5, per avere un pò di sicurezza in più.

Visualizziamo il nostro IP
Aprite il blocco note (start->esegui->notepad), scrivete le seguenti due righe:
@ ipconfig
pause
Salvate il file e cambiate l'estensione da ".txt" a ".bat".
Quando siete connessi cliccate sul file per vedere il vostro indirizzo IP.

Abilitare il Remoto desktop da remoto
Queste modifiche al registro vi permetterà di abilitare il Remoto Desktop su una macchina, da remoto.
Aprire il registro di configurazione:
- Menu File -> Connetti a Registro di Sistema in rete
- Scrivere il nome del PC a cui vogliamo abilitare la RDC e premere OK
portarsi sulle seguenti chiavi:
HKLM\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Terminal Server
Assegnare alla chiave REG_WORD chiamata
fDenyTSConnection
il valore da 1 (disabilitato) a 0 (abilitato) (Attenzione: in "Esadecimale", NON decimale)
- Salvate e uscite dall'editor del registro di sistema
- La macchina remota deve essere riavviata, quindi aprite una finestra di prompt dei comandi e scrivete:
shutdown -m \\[nomemacchinaremota] -r
Per provare la riuscita della procedura, avviare l'RDC e scrivete il nome della macchina remota.

Menu Start
In Windows 2000/XP è abilitata, di default, una fastidiosissima opzione, che ci fa visualizzare, nel menu Start, solo i programmi più usati; vediamo come disabilitarla.
Posizionimo il mouse sulla barra delle applicazioni, premiamo il tasto destro e selezioniamo Proprietà.
Nella sezione "Generale" deselezioniamo "Usa menu personalizzati".
D'ora in poi nel menu Start appariranno tutti i programmi e non solo quelli più utilizzati.
===============
Nel caso avessimo installati parecchi programmi possiamo scegliere tra due diverse modalità di visualizzazione del meno di avvio: a scorrimento o su due colonne.
Personalmente preferisco avere tutti i programmi in una colonna sola, purtroppo quando questi aumentavano di numero ecco che era necessario visualizzarli in due colonne.
Esiste però un modo per evitare il problema:
posizionimo il mouse sulla barra delle applicazioni, premiamo il tasto destro e selezioniamo Proprietà.
Nella sezione "Avanzate" spuntiamo la casella relativa a "Scorri il menu programmi".
D'ora in poi nel menu Start appariranno tutti i programmi in una sola colonna, ci sarà sufficiente andare sulla cima o sul fondo della colonna per farla scorrere, in modo da visualizzare tutti i programmi.

Come posso evitare che Windows XP invii un report a Microsoft ogni volta che il pc ha problemi software
Cliccare con il tasto destro del mouse su Risorse del computer, selezionare Proprietà, cliccare sul tab Avanzate e scegliere Segnalazione errori. Selezionare Disabilita segnale errori.

Programmare lo spegnimento del PC
A volte potrebbe esser necessario, per qualsiasi motivo, programmare lo spegnimento del proprio computer ad un certo orario. Windows non ha un'utility specifica in grado di svolgere tale attività. Si può però raggirare il problema, utilizzando il file rundll32.exe in questo modo:
1 - Andare sulle Operazioni Pianificate (Start -> Programmi -> Accessori -> Utilità di Sistema -> Operazioni Pianificate)
2 - Aggiungere Operazione Pianificata -> selezionare il file RUNDLL32.EXE dalla cartella Windows
3 - Dare un nome al task
4 - Andare nelle Proprietà Avanzate del task e aggiungere al collegamento "C:\WINDOWS\RUNDLL32.EXE" la stringa user.exe,exitwindows
5 - Pianificare il task all'ora desiderata.

Abilitare il tastierino numerico all'avvio di Windows
Il tastierino numerico non viene attivato per default all'avvio di Windows.
Per fare in modo che venga attivato possiamo modificare un semplice registro.
Apriamo il registro di Windows: start->esegui->regedit
cerchiamo la chiave HKEY_USERS\.Default\Control Panel\Keyboard
clicchiamoci sopra due volte e modifichiamo il valore da 0 a 2.
D'ora in poi il tastierino numerico sarà attivato di default all'avvio di Windows

Programmare lo spegnimento del PC  
A volte potrebbe esser necessario, per qualsiasi motivo, programmare lo spegnimento del proprio computer ad un certo orario. Windows non ha un'utility specifica in grado di svolgere tale attività. Si può però raggirare il problema, utilizzando il file rundll32.exe in questo modo: 
1 - Andare sulle Operazioni Pianificate (Start -> Programmi -> Accessori -> Utilità di Sistema -> Operazioni Pianificate)
2 - Aggiungere Operazione Pianificata -> selezionare il file RUNDLL32.EXE dalla cartella Windows
3 - Dare un nome al task
4 - Andare nelle Proprietà Avanzate del task e aggiungere al collegamento "C:\WINDOWS\RUNDLL32.EXE" la stringa user.exe,exitwindows
5 - Pianificare il task all'ora desiderata.

Ripristinare le corrette associazioni per i file eseguibili (fixexe.zip)
Diversi lettori ci hanno segnalato l’impossibilità di eseguire molti programmi dopo l’eliminazione di un malware o di un trojan dal sistema. Windows (qualunque versione si stia utilizzando) mostra il messaggio d’errore "Impossibile trovare il file... o uno dei suoi componenti. Verificare che il percorso e il nome del file siano corretti e che tutte le librerie necessarie siano disponibili": eppure, verificando con Risorse del computer, il file eseguibile esiste ed è presente nel percorso indicato! Un gran numero di malware e trojan effettuano alcune modifiche all’interno del registro di sistema di Windows in modo tale che il loro nome sia anteposto a quello di ogni file eseguibile (.EXE) presente sul sistema. Grazie a questo odioso espediente, questi componenti maligni si assicurano l’esecuzione ad ogni avvio di Windows: lanciando qualunque file eseguibile si avvia così anche il malware o il trojan.Antivirus e software anti-spyware sono spesso in grado di rilevare la presenza di questi "ospiti indesiderati" e di provvedere alla loro eliminazione purtuttavia, generalmente, non provvedono a ripristinare la corretta configurazione all’interno del registro di sistema.
Ci si aspetterebbe che, avendo l’antivirus od il software anti-spyware, eliminato il componente maligno, il messaggio d’errore eventualmente visualizzato da parte di Windows riguardasse l’eseguibile del malware o del trojan stesso. Non è così. Proprio a causa della modifica inizialmente operata sul registro di sistema, all’atto dell’insediamento del malware, Windows restituisce un messaggio d’errore simile citato in precedenza, qualunque sia l’applicazione che si tenti di avviare.Per ripristinare i valori corretti all’interno del registro di sistema di Windows, scaricate il file http://www.ilsoftware.it/servizi/dl/EXE_Fix_XP.reg oppure http://www.ilsoftware.it/servizi/dl/EXE_Fix_98.reg a seconda che stiate impiegando, rispettivamente, Windows XP o Windows 98. A download completato, fate doppio clic sul file .REG ed acconsentite all’inserimento delle informazioni nel registro.Qualora non riusciste ad inserire le modifiche contenute nel file EXE_Fix_XP o EXE_Fix_98.reg (Windows mostra un messaggio d’errore facente riferimento all’impossibilità di trovare il file C:\WINDOWS\REGEDIT.EXE), ciò è dovuto al fatto che anche l’Editor del registro (REGEDIT.EXE), essendo un normale file eseguibile, è soggetto alle modifiche apportate inizialmente dal malware. Per risolvere l’inghippo, applicate un semplice trucco. Per prima cosa verificate di aver attivato la visualizzazione delle estensioni dei file: avviate Risorse del computer, cliccate sul menù Visualizza, Opzioni cartella quindi sulla scheda Visualizza. Verificate che la casella Nascondi le estensioni per i tipi di file conosciuti sia disattivata infine confermate mediante la pressione del pulsante OK. Servendovi di Risorse del computer, portatevi nella cartella C:\WINDOWS, identificate il file REGEDIT.EXE e rinominatelo in REGEDIT.COM. Windows mostrerà il messaggio d’allerta "modificando l’estensione il file potrebbe essere inutilizzabile": confermate premendo il pulsante .
A questo punto, fate doppio clic sul file REGEDIT.COM, selezionate il comando Importa file del registro di configurazione dal menù Registro di configurazione quindi selezionate il file EXE_Fix_XP.reg o EXE_Fix_98.reg (a seconda che utilizziate Windows XP o Windows 98) e premete Apri. Effettuata l’importazione, chiudete l’Editor del registro di sistema e rinominate nuovamente REGEDIT.COM in REGEDIT.EXE.
Tutti i file eseguibili saranno ora correttamente aperti.

Disabilitare il Prompt dei comandi e i files Batch
Tramite queste modifiche al registro di configurazione, sarà possibile disabilitare l'avvio del Command Prompt e l'esecuzione dei files Batch.
Aprire il registro di configurazione e portarsi sulla seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\Windows\System
modificare la chiave
DisableCMD
secondo le proprie esigenze, tenendo conto dei seguenti possibili valori:
0 - (default) Abilita il command prompt e i files batch
1 - Disabilita il command prompt e i files batch
2 - Disabilita il command prompt ma permette l'esecuzione dei files batch

Cancellare il file di Swap alla chiusura del sistema
Apriamo il registro di Windows:
start->esegui->regedit
Portiamoci alla chiave: 
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control\Session Manager\Memory Management
Selezioniamo nella finestra di destra la stringa "ClearPageFileAtShutdown".
Modifichiamone il valore portandolo a 1.
Chiudiamo il registro e riavviamo il computer.
Attenzione: può causare rallentamenti nella chiusura del sistema.

Eliminare il contenuto dei dati recenti all'uscita
Apriamo il Registro di configurazione: start->esegui->regedit
Cerchiamo la chiave
Hkey_Current_User\Software\Microsoft\Windows\
CurrentVersion\Policies\Explorer
Creiamo un nuovo Valore Binario di nome: "ClearRecentDocsOnExit" (escluse le virgolette) e assegnamogli il valore "01 00 00 00"
Chiudiamo il registro e riavviamo il sistema.

Modificare il nome del produttore del processore
Volete modificare il nome del produttore del vostro processore? Cercare la chiave HKLM\Hardware\Description\System\CentralProcessor\0, e modificare con un nuovo nome la stringa VendorIdentifier.

Impedire la modifica dello sfondo del desktop
HKCU\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Policies\ActiveDesktop, creare una parola con nome NoChangingWallpaper, ed assegnare il valore 1.

Chiudere e riavviare il sistema rapidamente in Windows XP
Il sistema operativo Windows XP, contiene un file denominato shutdown.exe, che serve per chiudere o riavviare il computer. Creando un collegamento a tale file o digitando la sintassi nel comando Esegui, è possibile eseguire una serie di operazioni a scelta:
shutdown -s -t00 (per chiudere il computer)
shutdown -r (riavvia il sistema)
shutdown -f (forza la chiusura delle applicazioni senza preavviso)

Creare un file per tenere traccia degli accessi al computer
Analizziamo ora la creazione di un semplice file .bat per tenere traccia degli accessi al computer, così da sapere se qualcuno vi accede a nostra insaputa. Aprire il blocco note, copiare ed incollare il seguente testo:
echo. | date | find /v "Inserire" >> %windir%\boot.log
echo. | time | find /v "Immettere" >> %windir%\boot.log
echo. >> %windir%\boot.log
Salvare il file come boot.bat (o altro nome) nella cartella di Windows. Questo creerà un file .log nella cartella dell'installazione di Windows. In genere è c:\windows. Ma questo non è importante, poiche' la variabile d'ambiente "windir" farà riferimento al percorso esatto.
Per Windows 95-98-98SE: editare il file autoexec.bat e scrivere all'interno c:\windows\boot.bat, seconda di dove si è salvato il file .bat. Per Windows ME-2000-XP: a differenza dei sistemi 9x, questi non processano i file di avvio autoexec.bat e config.sys. In questo caso indicheremo a Windows di eseguire questo nostro file .bat direttamente dal registro di sistema. Aprire il registro con Start>Esegui>regedit, posizionarsi alla chiave HKCU\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Run, creare un stringa con nome "boot.bat" ed assegnare il percorso fisico dove risiede il file .bat (per esempio c:\windows\boot.bat).
Come già saprete, questa chiave è usata anche dalla maggior parte dei virus per avviarsi automaticamente all'accensione del computer.
Fra parentesi: volete fare uno scherzo ad un amico non tanto esperto? Se possiede un computer con installato Windows 9x in file .bat inserite il seguente testo: RUNDLL32 user.exe,ExitWindows. Nella chiave Run del registro inserite il richiamo a tale file .bat, e quando il vostro amico accenderà il computer, gli si spegnerà automaticamente, senza chiedere conferma. Attenzione!!! Se non effettuate un backup del registro prima di effettuare tale scherzo, poi non sarete in grado di eliminare tale voce dal registro.

Stampare velocemente un file
Per chi usa Windows 2000/XP questo piccolo trucco vi può aiutare a stampare un file senza bisogno di aprire nessun programma.
Per prima cosa bisogna creare sul desktop un collegamento alla stampante (andate su Pannello di controllo > stampanti, selezionate la stampante e trascinatela sul desktop: rispondete SI quando vi chiederà di creare un collegamento).
Fatto questo, non resta altro che trascinare i singoli file da stampare su questo collegamento per avviare le operazioni di stampa.

Spostare il file di paging sul disco più veloce
Un altro trucco dedicato al Registro di Sistema e dedicato a chi dispone di più hard disk sul proprio computer.
Infatti può capitare che abbiamo Hard Disk ed uno in particolare è più veloce degli altri. In questo caso conviene mettere il file di paging (o file di paginazione) su questo disco rispetto ad uno più lento. Per esempio, in questo trucco, indicheremo con C:\pagefile.sys il file di paging attuale su disco lento e con D:\ la partizione su disco veloce.
Apriamo il Registro di Sistema e cerchiamo:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\ Control\SessionManager\MemoryManagement
Qui selezioniamo 'Paging files' e modifichiamolo da C:\pagefile.sys a D:\pagefile.sys
Non vi resta che riavviare per disporre delle modifiche. Questo trucco è valido per Windows XP

Windows XP: Esiste la possibilità di attivare un Raid 0 o 1 via software?
La possibilità di creare volumi RAID (Redundant Array of Indipendent Disk) è attuabile in modo relativamente semplice con gli strumenti standard offerti da Windows XP Pro. Le tipologie di Raid sono diverse e non sono solamente quelle software, Windows XP consente però solamente di creare la modalità RAID 0 detta anche striping, e RAID 5 per il quale è necessario disporre di almeno tre dischi. La modalità RAID 0 è la più indicata se si ricercano alte prestazioni di lettura/scrittura, dal momento che utilizza due dischi (o volumi) per compiere le operazioni di I/O. Questa modalità riduce però l'affidabilità del sistema, basta infatti un guasto su uno dei due dischi per rendere completamente i dati senza alcuna garanzia di poterli recuperare. Il RAID 5 introduce invece un'affidabilità migliore di quella che avrebbe con dei dischi singoli, utilizzando per questo scopo dei dati di ridondanza distribuiti su ogni disco. Le prestazioni in questo caso sono anche minori di quelle ottenibili con uno schema di dischi stantard, ma si guadagna in sicurezza dei dati, potendo tollerare la rottura di un disco. Per creare un volume RAID in Windows XP è necessario convertire i propri dischi in dischi "dinamici" all'interno di questi dischi non saranno più presenti le classiche partizioni ma bensì dei "volumi" necessariamente formattati in NTFS e modificabili dinamicamente nelle dimensioni. Questi nuovi volumi saranno leggibili solamente da sistemi Windows 2000/XP, e oltre alle configurazioni RAID permettono anche di definire il cosiddetto spanning, cioè un volume in grado di espandersi su più dischi mantenendo una sola lettera d'unità, ottenendo così un unico disco virtuale ottenuto unendo la capacità dei dischi coinvolti  nel volume spanning. Per creare un volume RAID 0 (per il RAID 5 la spiegazione è identica) è necessario aprire la finestra di Gestione Computer posta tra gli Strumenti di Amministrazione raggiungibili dal Pannello di Controllo, e selezionare la voce Gestione Disco. A questo punto è necessario aggiornare i dischi che si vuole rendere parte del volume RAID, per farlo basta eseguire clic con il tasto destro sull'indicazione del disco scelto (disco0, disco1, disco2..), e scegliere la voce Converti in disco dinamico. E' necessario eseguire questo compito anche sul secondo disco, non si abbia comunque timore di perdere i propri dati, infatti la conversione in disco dinamico avviene in tutta sicurezza. A questo punto è necessario creare un nuovo volume, si agisca eseguendo un clic con il tasto destro nel disegno di uno dei due dischi precedentemente preparati scegliendo la voce Nuovo Volume e, seguendo il wizard, scegliendo la voce Striping e successivamente importando il secondo disco preparato in precedenza. Il nuovo volume RAID 0 dovrà essere necessariamente formattato in NTFS, al termine del wizard si potrà disporre del nuovo volume in RAID 0 assegnato alla lettera di unità scelta durante la creazione. Da segnalare che un volume RAID 0 può essere creato solamente con volumi di dimensioni identiche, per questo motivo anche se si dispone di due dischi di dimensioni diverse, il volume verrà creato utilizzando come dimensione quella minima disponibili sui dischi coinvolti nella creazione del volume RAID. Per esempio se si dispone di un disco di capacità di 1 Gbyte,e uno di 3 Gbyte,
verrà utilizzato tutto lo spazio del primo disco, ma solamente 1 Gbyte del seconod, lasciando lo spazio in eccedenza

Eliminate i documenti condivisi
Nella cartella Documenti Condivisi vengono immagazzinati i file che si intende condividere con gli utenti del sistema operativo.
Potete eliminare tali documenti utilizzando il Regedit. Cercate la chiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\MyComputer\NameSpace\ DelegateFolders
ed eliminate la sottochiave:
{59031a47-3f72-44a7-89c5-5595fe6b30ee}
Chiudete poi il registro di sistema.

Eliminare l'avviso "Spazio su disco insufficiente"
Tramite il regedit potete evitare la comparsa dell'avviso "Spazio su disco insufficiente", che per alcuni può risultare fastidioso.
Aprite il registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\Policies\Explorer
Creare un nuovo Valore DWORD (Modifica - Nuovo - Valore DWORD), nominatelo "NoLowDiskSpaceChecks" (escluse le virgolette) e assegnategli come valore "1".

Abilitare l'uso del processore nelle schede di rete
Se desiderate utilizzare una scheda di rete dotata di processore onboard
in ambiente Windows XP, dovrete prima attivare tale processore che è
disabilitato di default.
Per abilitarlo occorre effettuare una modifica al Registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit). Cercate la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\ Services\Tcpip\Parameters
Create un nuovo valore DWORD e nominatelo "DisableTaskOffload" (escluse le virgolette). Fate un doppio click sulla voce appena creata e assegnatele
valore "0". Riavviate il sistema per rendere effettive le modifiche.

Effettuare il Logon in automatico
In ambiente Windows XP è possibile fare in modo che il Logon avvenga
automaticamente, senza la richiesta di alcun nome utente e password per
accedere al sistema. Effettuate il logon come amministratore di sistema e
quindi aprite il Regedit (Start - Esegui - regedit). Cercate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\ WindowsNT\CUrrentVersion\Winlogon
Cliccate con il tasto destro del mouse nella finestra di destra e
selezionate Nuovo - Valore Stringa, quindi nominate il valore appena creato "DefaultPassword" (escluse le virgolette). Una volta creata tale stringa cliccateci sopra due volte e inserite nel campo Dati Valore la vostra password di amministratore, facendo attenzione alle maiuscole/minuscole.Cliccate poi sul pulsante OK.
Cliccate ancora con il tasto destro del mouse nella finestra di destra e selezionate Nuovo - Valore Stringa, quindi nominatela "AutoAdminLogon".
Cliccateci sopra due volte e inserire nel campo Dati Valore il numero 1 quindi chiudete il regedit e riavviate il sistema per rendere effettive le modifiche.

Ingannare le applicazioni
E' possibile che alcune applicazioni create per Windows 2000 non si installino su Windows XP, anche se si cerca di utilizzare il Compatibility Mode.
In alcuni casi, l'inconveniente può essere risolto modificando una chiave del Registro di configurazione.
Aprite il Regedit seguendo il percorso Start - Esegui e digitando nella casella Apri il comando regedit. Cercate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE/SOFTWARE/Microsoft/WindowsNT/CurrentVersion
Nella parte destra della schermata fate un doppio click sulla voce ProductName e modificatene il valore da Microsoft Windows XP a Microsoft Windows 2000.
Dopo l'installazione del software è necessario ripristinare i valori di default.

Come disabilitare Windows Installer
Potete impedire l'installazione e la disinstallazione dei programmi che richiedono Windows Installer, come ad esempio Office e i suoi componenti. Per fare ciò, dovete modificare il Registro di Configurazione.
Apritelo seguendo il percorso Start - Esegui, digitando nella casella Apri il comando Regedit.
Cercate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\ Microsoft\Windows\Installer
Nella parte destra della schermata fate un click con il tasto destro del mouse e dal menu contestuale selezionate Nuovo - Valore DWORD. Assegnategli come nome DisableMSI e settatene il valore mediante un doppio clik.
Digitate 1 se volete che solo l’amministratore possa evitare la restrizione; 2 per estendere a tutti la modifica e la restrizione.
Riavviate il PC per rendere effettive le modificazioni apportate.
Se si tenta di installare un programma, si riceverà l'errore “Installazione Vietata dai criteri di sistema. Contattare l’amministratore di sistema" nel caso in cui si tenti di utilizzare Windows Installer.

Codifica di file
Per cifrare intere cartelle con l'Encrypted File System (EFS) è necessario eseguire una semplice modifica nel registro di configurazione.
Aprite il Regedit (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software \Microsoft\Windows\CurrentVersion\Explorer\Advanced
Cliccate con il tasto destro nella parte destra della finestra e selezionate Nuovo\Valore DWord e nominate il nuovo valore EncryptionContextMenu. Cliccateci due volte sopra con il tasto sinistro del mouse e assegnategli come valore "1".
In questo modo, ogni volta che cliccherete su una cartella con il tasto destro del mouse nel menu contestuale apparirà anche la voce Crittografare\Decrittare.

Disattivare l'altoparlante interno
E' possibile disattivare l'altoparlante interno del computer agendo sul registro di configurazione.
Seguite il percorso Start - Esegui - regedit e cercare la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Sound
Cliccate due volte sulla voce Beep, presente nella parte destra della schermata, e modificate il valore corrispondente da Yes a No. Riavviate il sistema per rendere effettive le modifiche.

Aggiornamento dell'orologio
Windows XP aggiorna in automatico l'orologio sul computer locale.
L'orario viene regolato in base alle impostazioni del fuso orario. L'aggiornamento avviene in modo automatico ogni settimana, ma è possibile modificarlo intervenendo sul registro di sistema. Seguite il percorso "Start" - "Esegui" - "Regedit" e posizionatevi su:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\ControlSet001\Services\W32Time\TimeProviders\NtpClient
Troverete una voce denominata "SpecialPollIntervall",contenente il numero di secondi che intercorrono tra una sincronizzazione e l'altra: di default dovrebbe essere in esadecimale 93a80. Cliccate su decimale e avrete il valore 604800 (1 settimana). Modificate il valore, ricordandovi di non impostare tempi troppo brevi per evitare di caricare eccessivamente la rete e i server remoti.

Velocizzare la chiusura dei servizi
Dopo il comando di arresto, lo spegnimento di un sistema Windows XP può richiedere anche 20 secondi. E' possibile intervenire sul Registro di configurazione affinché lo spegnimento del sistema avvenga più velocemente.
Aprite il Registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Desktop
Modificate la voce "WaitToKillAppTimeout" da 20.000 a 5.000 (5 Secondi). Cercate poi la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Control
Anche in questo caso modificate la voce "WaitToKillServiceTimeout" da 20.000 a 5.000 (5 Secondi).
Riavviate il sistema operativo per rendere effettive le modifiche del registro.

Windows XP: disinstallare Windows Messenger
Windows Messenger viene installato di default durante la fase di setup di di Windows XP. Sin qui non ci sarebbe nulla di male, ma quello che più mi da fastidio è che il programma è attivato ad ogni avvio del sistema e non c'è modo per toglierselo di torno (è la classica invadenza Microsoft), visto che, se pure "terminiamo" il processo ad esso legato, Messenger ritorna a far capolino sulla systray non appena lanciamo Outlook Express.
Inoltre, dal pannello di controllo > Installazione Applicazioni non è presente alcuna voce per la rimozione di questo invadente tool di messaggistica.
Windows Messenger, oltre che occupare risorse GDI, può mandare in blocco Outlook Express. Bisogna rimuoverlo! Ma come?
Ecco la procedura, valida per Windows XP senza SP1 (ma dovrebbe funzionare anche XP+SP1):
Click su Start / Esegui Quindi digitare la seguente:
RunDll32 advpack.dll,LaunchINFSection %windir%INFmsmsgs.inf,BLC.Remove
Confermate con Ok
Riavviate Windows

Aumentare velocità di connessione in LAN
Molto spesso alcuni computer in una rete locale (LAN) impiegano molto tempo a sfogliare la rete o a trovare un nuovo PC. Questo rallentamento è dovuto alle Policy di Windows. La velocità di connessione in una LAN può essere aumentata eliminando la chiave di registro relativa alle operazioni pianificate.
Aprite il registro di configurazione (Avvio - Esegui - Regedit), cercate la seguente chiave e cancellatela:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Windows\CurrentVersion\explorer\RemoteComputer\NameSpace\{D6277990-4C6A-11CF-8D87-00AA0060F5BF}
Riavviate il PC per rendere effettive le modifiche.

Cambiare "Proprietà del sistema"
E' possibile modificare le informazioni che appaiono nella finestra "Proprietà del sistema" di Windows XP agendo direttamente sul registro di configurazione. Aprite il registro (Avvio - Esegui - Regedit) e cercate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\Current Version
Create (o modificate) i valori Stringa "RegisteredOwner" e "RegisteredOrganization" con il testo che desiderate far apparire.
Se questa modifica non dovesse avere effetto, provate la stessa procedura con la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT

Eliminare la richiesta di segnalazione errori
Quando si verifica un errore di sistema o di un particolare programma, questo può causare il blocco del sistema e l'interruzione del programma stesso.
È possibile segnalare gli errori di sistema e di programma a Microsoft tramite il sistema di segnalazione degli errori. Questo consente a Microsoft di registrare e risolvere gli errori del sistema operativo, di un componente di Windows e di un programma.
Potete disattivare questa opzione seguendo il percorso Start - Impostazioni - Pannello di Controllo e cliccando sull'icona Sistema.
Selezionate la cartella Avanzate all'interno della quale trovate il pulsante "Segnalazione errori". Nella finestra "Segnalazione errori" selezionate la voce "Disabilita segnalazione errori" e disattivate l'opzione "Notifica comunque errori critici".

Bloccare gli aggiornamenti automatici
Windows XP contatta automaticamente i server Microsoft per effettuare una ricerca degli aggiornamenti. Come quella per la segnalazione dei blocchi di sistema, questa funzione può essere disattiva cliccando con il tasto destro sull'icona Risorse del Computer e selezionando dal menù contestuale la voce Proprietà. Nella sezione "Impostazioni notifiche" della scheda "Aggiornamenti automatici" potete scegliere tra "Avvisa prima di effettuare il download" e "Disattiva l'aggiornamento automatico".

Ripristino delle configurazioni di Sistema
Nel caso in cui si verifichi un inconveniente, Windows XP Professional consente il ripristino di uno stato precedente del computer senza pregiudicare i dati personali, come documenti di Microsoft Word, la cronologia di esplorazione, l'elenco dei Preferiti o i messaggi di posta elettronica.
Il Ripristino configurazione di sistema permette di monitorare il sistema e alcuni file di applicazione per tenere traccia delle modifiche eseguite creando automaticamente punti di ripristino di facile identificazione. Questi punti di ripristino vengono creati quotidianamente in corrispondenza di eventi significativi del sistema (per esempio, l'installazione di un driver o di un'applicazione), ma possono anche essere creati manualmente in qualsiasi momento.
Per attivare la funzione seguite il percorso Start - Programmi - Accessori - Utilità di sistema - Ripristino configurazione di sistema. Nella finestra che appare potete eseguire due operazioni, "Ripristina uno stato precedente del computer", che vi permette di selezionare un punto di ripristino creato in una data determinata, o "Crea un punto di ripristino", che vi consente di crearne uno.

Come installare il protocollo NetBEUI
Può risultare necessario installare il protocollo NetBEUI, benché non incluso nella lista dei protocolli installabili in Windows XP. I file necessari all'installazione sono infatti contenuti nel CD-ROM del sistema operativo.
E' necessario installare due file: Nbf.sys e Netnbf.inf. Seguendo il percorso Start - impostazioni - Pannello di Controllo, cliccate due volte sull'icona Connessioni di rete. Cliccate poi con il tasto destro del mouse sull'icona di connessione che necessita del protocollo NetBEUI e dal menù contestuale scegliete la voce Proprietà. Nella cartella Generale cliccate sul pulsante Installa, selezionate la voce Protocollo, cliccate su Aggiungi e successivamente su Disco driver...
Inserite il CD-ROM di Windows XP e tramite il pulsante Sfoglia seguite il percorso
VALUEADD\MSFT\NET\NETBEUI
e selezionate il file Netnbf.inf. Cliccate poi sul pulsante Apri e quindi sul pulsante OK per completare l'installazione.

Riavvio automatico di XP a causa di errori interni
Windows XP è impostato in modo da riavviarsi in automatico se si presentano degli errori interni; può risultare tuttavia utile invece visualizzare la classica schermata blu per ottenere informazioni riguardanti l'errore verificatosi.
Tramite il Pannello di Controllo selezionate la voce "Prestazioni e manutenzione", quindi Sistema. Selezionate la scheda Avanzate nella quale troverete la sezione "Avvio e ripristino". Cliccate sul pulsante Impostazioni e disattivate l'opzione "Riavvia automaticamente".

Windows XP più veloce
Windows XP presenta un'interfaccia molto curata e ricca di effetti grafici che richiedono però l'utilizzo di ingenti risorse di memoria RAM. E' possibile incrementare le prestazioni di XP agendo sulle Proprietà di Sistema (Pannello di Controllo - Sistema) e cliccando sulla scheda Avanzate.
Nella sezione Prestazioni cliccate sul pulsante Impostazioni e nella finestra che compare attivate la voce "Regola in modo da ottenere le prestazioni migliori".

File condivisi più sicuri
Windows XP viene installato con una condivisione dei file semplificata che non consente un livello di protezione elevato.
Tale impostazione può essere modificata seguendo il percorso Esplora Risorse - Strumenti - Opzioni Cartella, cliccando sulla cartella Visualizzazione e disattivando l'opzione "Utilizza condivisione file semplice".

Lo screensaver
Il salvaschermo di default di Windows XP può essere modificato tramite la finestra Proprietà - Schermo.
Cliccate con il tasto destro del mouse su una parte libera del Desktop e scegliete la voce Proprietà dal menù contestuale.
Selezionate la scheda "Screen saver" dove troverete l'opzione "Al ripristino, torna alla schermata iniziale", abilitata di default, che consente di proteggere tramite password l'accesso al sistema.
Per disabilitare la protezione è sufficiente disattivare tale opzione.

Personalizzare il Desktop
Le impostazioni del Desktop sono raggiungibili cliccando con il tasto destro del mouse su un punto vuoto del Desktop e scegliendo dal menù contestuale la voce Proprietà.
Selezionate la scheda Desktop in cui potrete scegliere lo sfondo da applicare, nonché la sua posizione (Estesa - Al centro - Affiancata). Cliccando sul pulsante "Personalizza Desktop" si aprirà la finestra "Oggetti desktop" divisa in due cartelle, Generale e Web. Nella cartella Generale potrete scegliere quali icone tra Documenti - Risorse del computer - Risorse di rete - Internet Explorer far comparire o meno sul Desktop. Tramite il pulsante Cambia icona potrete modificare l'icona degli elementi sopraelencati e quella del Cestino.
Il pulsante "Pulitura desktop" consente di rimuovere dal Desktop le icone inutilizzate. Queste verranno poste nella cartella \Documents and Settings\Desktop\Collegamenti desktop inutilizzati. La procedura può essere avviata in modo automatico attivando la casella "Esegui Pulitura guidata desktop ogni 60 giorni".
La scheda "Web" consente di visualizzare sul Desktop una pagina HTTP. Nel riquadro Pagina Web troverete la casella relativa alla pagina iniziale di default del browser, ma cliccando sul pulsante Nuova avrete la possibilità di inserire un indirizzo web differente.

Gestione dei dischi
Con Windows XP è possibile gestire i dischi in modo ottimale. Seguite il percorso Pannello di Controllo - Strumenti di Amministrazione - Gestione computer. Nella finestra Gestione computer cercate nel riquadro di sinistra la voce Archiviazione sotto la quale troverete Gestione disco. Potrete effettuare diverse operazioni, come cambiare le lettere che identificano i dischi, eliminare partizioni e unità logiche, formattare un disco.

Limitare le operazioni consentite agli utenti
Se in fase di installazione di Windows XP avete creato diversi account per vari utenti, tenete presente che XP assegna a tutti i diritti di Amministrazione. Potete cambiare tali caratteristiche aprendo il Pannello di Controllo e cliccando due volte sull'icona Account utente.
Selezionate l'icona dell'utente in relazione al quale desiderate cambiare le impostazioni e cliccate sulla voce "Cambia il tipo di account". Nella finestra "Selezionare un nuovo tipo di account per...nome account", cliccate sulla casella "Limitato". In questo modo l'utente in questione potrà solo modificare la sua password di accesso, cambiare le impostazioni del desktop, visualizzare i file da lui creati e accedere ai file contenuti nella cartella Documenti condivisi.

Accedere agli Strumenti di amministrazione tramite il menù Start
Dopo aver installato Windows XP potete accedere agli Strumenti di Amministrazione tramite il Pannello di Controllo.
Potete accedervi direttamente dal menù Start, cliccando con il tasto destro del mouse sul pulsante Start e selezionando la voce Proprietà. Nella finestra che appare selezionate la cartella Menù di avvio e attivate la prima casella "Menù di avvio".
Cliccate sul pulsante Personalizza, selezionate la cartella Avanzate e nel riquadro "Elementi del menù di avvio" fate scorrere la barra laterale fino a trovare la voce "Strumenti di amministrazione sistema" nella quale dovrete attivare l'opzione "Visualizza nel menù Tutti i programmi e nel menù di avvio".
Se intendete utilizzare il menù di avvio classico, cliccate sul pulsante Personalizza ad esso relativo e nella finestra che compare, nel riquadro "Opzioni avanzate del menù di avvio" attivate la casella "Visualizza Strumenti di amministrazione". In questo caso la voce Strumenti di amministrazione non sarà più visibile direttamente sotto il menù Start ma seguendo il percorso Start - Programmi.

Rendere un programma compatibile
E' possibile aggirare il problema relativo alla limitata compatibilità con Windows XP dei software più datati.
Tramite Esplora Risorse cliccate con il tasto destro del mouse sul file di setup del software che intendete installare. Dal menù contestuale scegliete la voce Proprietà e selezionate la scheda "Compatibilità".
Attivate la casella "Esegui il programma in modalità compatibilità per:" e scegliete una delle versioni di Windows proposte nel menù a tendina, quindi installate il programma normalmente.

Effettuare il download degli aggiornamenti
Tramite il Catalogo di Windows Update è possibile scaricare da Internet i file degli aggiornamenti per salvarli poi, per esempio, su CD. Aprite Windows Update e sotto il menù "Vedere anche" selezionate la voce "Catalogo di Windows Update". In alto troverete la voce "Trova aggiornamenti per Microsoft Windows". Selezionando tale voce, vedrete apparire un menu nella parte destra della finestra, dal quale potrete scegliere la versione di Windows XP da voi utilizzata.
Vi verrà mostrato un elenco con gli aggiornamenti disponibili. Selezionate quelli che desiderate scaricare premendo il tasto Aggiungi. Gli aggiornamenti verranno aggiunti nel Raccoglitore download al quale potrete accedere attraverso il menu presente nella parte sinistra della schermata.
Selezionata quest'ultima voce, potrete visionare tutti gli aggiornamenti pronti per il download. Tramite il pulsante Sfoglia avrete la possibilità di decidere su quale cartella scaricare i file, operazione da effettuare premendo il tasto Download.

Accelerare il logon alla rete
Se utilizzate un computer collegato ad altri PC e accedete spesso ad una certa risorsa di rete, potete creare una connessione a tale risorsa cliccandovi con il tasto destro del mouse e scegliendo la voce "Connetti unità di rete". In questo modo l'unità di rete apparirà tra le Risorse del computer locale.
Questa procedura può rallentare però l'avvio del sistema nel caso in cui la risorsa di rete non risulti disponibile. Ciò perché, durante il login, Windows verifica sempre il collegamento.
E' preferibile pertanto creare un collegamento sul Desktop trascinando con il mouse la cartella di rete desiderata e scegliere "Crea collegamento" dal menu contestuale. I collegamenti sul Desktop, infatti, non vengono verificati da Windows all'avvio.

Rinominare un insieme di file
In ambiente Windows XP è possibile rinominare contemporaneamente un gruppo di file selezionati. Ciò risulta utile ad esempio in presenza di file acquisiti da periferiche esterne come fotocamere digitali, le quali numerano progressivamente i file.
Selezionate tutti i file che intendete rinominare e premete il tasto F2. Verrà messo in evidenza il primo file della lista al quale attribuire il nuovo nome che verrà riportato, seguito da un numero progressivo, in tutti i file precedentemente evidenziati.

Disabilitare le Applicazioni in Background
Ogni processo e ogni applicazione che gira su un PC impiega una certa quantità di tempo di elaborazione del processore. Più processi sono attivi, meno sarà il tempo di elaborazione che potrà essere dedicato ad una determinata applicazione, per esempio un videogioco, con la conseguente perdita di prestazioni.
E' facile chiudere tutti i processi e le applicazioni non necessarie, in modo che il PC possa dedicare maggiori risorse all'applicazione da utilizzare. Windows XP dispone di un Task Manager attraverso il quale è possibile verificare in ogni momento quali processi sono attivi.
Premete CTRL+ALT+DEL sulla tastiera per aprire il Task Manager e cliccate sulla scheda Applicazioni. Selezionate e chiudete tutti i programmi non necessari (tranne quello che volete utilizzare). Selezionate poi la scheda Processi e cercate tutte le utility come mixer audio, firewall, controller di gioco e software antivirus che girano in memoria. Cercate di uscire dai processi non di sistema (quelli che appaiono di fianco al nome utente) che mostrano un impiego sensibile delle risorse di sistema, chiudete tali processi e verificate gli eventuali miglioramenti dal punto di vista delle prestazioni.

Le funzioni di Shutdown.exe
Il programma Shutdown, presente in Windows XP nella cartella "System32", consente di riavviare o spegnere velocemente il PC. Per utilizzarlo potete seguire il percorso Start - Esegui, digitando nel campo Apri il seguente comando:
shutdown -s -t00
Il sistema verrà automaticamente chiuso.
Il comando Shutdown permette l'utilizzo di particolari opzioni:
-l disconnette l'utente corrente
-s arresta il sistema
-r riavvia il sistema
-a annulla un riavvio del sistema
-f forza la chiusura delle applicazioni in esecuzione senza preavviso
-tNN imposta il numero di secondi trascorsi i quali dovrà essere spento il computer (sostituire al posto di NN il numero di secondi)
-c seguito da un testo (lungo max. 127 caratteri) racchiuso tra virgolette (ad esempio -c "testo del messaggio"), permette di specificare il messaggio che deve essere visualizzato nell'apposita area contenuta all'interno della finestra di arresto.

Reinstallare Windows
Può capitare che la funzione di Ripristino di Sistema non faccia il proprio dovere. In tal caso non rimane che reinstallare Windows per risolvere gli eventuali problemi.
La nuova installazione non comporta necessariamente una cancellazione delle impostazioni del sistema e non costringe l'utente a reinstallare le applicazioni; è un modo piuttosto efficace di risolvere problemi seri di instabilità del sistema stesso.
Il sistema più veloce per installare Windows XP è tramite l'avvio da CD-ROM. In tal caso è necessario entrare nel BIOS e impostare l'ordine di boot affinché il sistema vada a cercare i file di avvio nel CD prima che nel disco rigido.
Seguite le istruzioni e selezionate il drive di installazione, ma nella schermata finale, invece di premere INVIO, premete il tasto "R" per fare una riparazione dell'installazione esistente.
La riparazione reinstallerà molti componenti di Windows, ma richiederà di reinstallare tutti i driver più recenti rispetto alla versione di Windows XP.

Ripristinare i "file registro eventi" danneggiati
Uno degli strumenti di amministrazione di Microsoft Management Console è il Visualizzatore eventi, nel quale vengono mantenute le registrazioni di tutti gli eventi relativi a programmi, protezione e sistema che si verificano nel computer.
E' possibile che all'avvio, nel Visualizzatore eventi, venga indicato un danneggiamento di uno o più file registro. In questo caso è possibile correggere la situazione nel seguente modo:
- Disattivate il servizio Registro eventi seguendo il percorso Pannello di controllo - Strumenti di amministrazione - Servizi - Riavviate Windows XP - Eliminate il registro o i registri danneggiati, quali Appevent.evt, Secevent.evt e/o Sysevent.evt, dal percorso
%SystemRoot%\System32\Config
o dal percorso in cui si trovano. I dati relativi agli eventi esistenti andranno persi, ma una volta riavviato il servizio verrà creato un nuovo file registro nel quale saranno registrati i nuovi eventi.
- Riattivate il servizio Registro eventi.
Nel caso il servizio Registro eventi non venga avviato, ravviare Windows XP.
Non è possibile eliminare o rinominare file registro mentre il servizio Registro eventi è in esecuzione.

L'indirizzo IP sotto XP
Potete visualizzare il vostro indirizzo IP in Windows XP cliccando due volte con il mouse sull'icona dei computerini che appare nella system tray di Windows una volta effettuata la connessione.
Se l'icona non è presente cliccate su Start - Impostazioni - Connessioni di rete, cliccate con il tasto destro del mouse sulla connessione di rete che desiderate monitorare e selezionate dal menu contestuale la voce Proprietà. Nella cartella Generale attivate la casella "Mostra un'icona sull'area di notifica quando connesso".
Chiudete la schermata cliccando sul pulsante OK e, una volta comparsi i monitorini della connessione nella System Tray, fateci sopra un doppio click per far comparire la finestra dello stato della connessione.
Selezionate la cartella Supporto e sotto la sezione "Protocollo Internet (TCP/IP)", alla voce Indirizzo IP, troverete l'indicazione del vostro indirizzo IP.

Blocco immediato del computer
Tramite la combinazione di tasti WINDOWS + L è possibile passare immediatamente alla visualizzazione della schermata di login nella quale viene richiesta la password utente.
E' un metodo rapido che può essere utile per evitare che qualcuno utilizzi il PC quando ci si allontana dalla propria postazione.

Analisi del sistema
E' possibile ottenere un'analisi dettagliata del vostro sistema (con
informazioni relative all'hardware, al software e alle connessioni di rete) tramite il comando Netsh. Tecnicamente il comando netshè " un'utilità per la creazione di script della riga di comando che consente di visualizzare o modificare la configurazione di rete di un computer in esecuzione in modalità locale o remota".
Seguite il percorso Start - Esegui e digitate:
netsh diag gui
Apparirà la finestra di Guida in linea e supporto tecnico nella quale dovrete cliccare sulla voce "Analizza sistema" per avviare la procedura di analisi. Dopo qualche secondo apparirà una finestra con una serie di informazioni utili sul comportamento del vostro PC.

Salvare le password in Windows XP
Dopo aver installato Windows XP sul vostro computer, può capitare che Outlook e Internet Explorer non salvino le password relative agli account di posta elettronica e ai siti Internet protetti. Ciò è causato da informazioni scorrette presenti in una sottochiave della voce del registro Protected Storage System Provider.
E' possibile risolvere questo problema facendo una copia di backup della chiave di registro, cancellando le informazioni relative all'utente che intendete utilizzare in Windows e inserendo di nuovo le password.
Per effettuare una copia della chiave del registro, procedete come segue. Chiudete tutti gli eventuali programmi attivi ed avviate il Registro di configurazione. Cliccate su Start - Esegui e digitate il comando regedt32 nella casella Apri, quindi cliccate sul pulsante OK.
Cercate la seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Protected Storage System Provider
Dal menu File cliccate sulla voce Esporta... e, nella finestra che apparirà, inserite nel campo Nome file un nome per la chiave esportata e scegliete un percorso in cui salvare il file.
Per cancellare le informazioni errate, selezionate la chiave Protected Storage System Provider e dal menu Modifica cliccate su Autorizzazioni...
Nella finestra che apparirà troverete la casella Utenti e Gruppi in cui dovrete selezionare il nome dell'utente con il quale siete loggati in Windows ed dovrete assicurarvi che, nella casella "Autorizzazioni per", le voci "Controllo completo" e "In lettura" siano impostate su Consenti.
Cliccate poi sul pulsante Avanzate e selezionate l'utente loggato al momento su Windows, sul quale nella colonna Autorizzazioni sia presente la voce "Controllo completo". Nella colonna "Applica a" dovrà essere presente la dicitura "La chiave selezionata e le sottochiavi".
In basso dovrete attivare il checkbox "Sostituisci le autorizzazioni su tutti gli oggetti figlio con le autorizzazioni appropriate qui specificate", quindi cliccate su Applica e su Sì alla finestra di conferma delle modifiche. Cliccate sul pulsante OK sino a tornare nella finestra del regedit.
Fate un doppio click sulla chiave Protected Storage System Provider per espanderla, quindi selezionate la sottochiave presente immediatamente sotto la principale e dal menu Modifica cliccate su Elimina. Cliccate sul pulsante Sì alla finestra di avviso.
La sottochiave relativa all'utente loggato in Windows sarà simile alla seguente:
S-1-5-21-124525095-708259637-1543119021-16701
Per ogni identità del sistema potranno esserci diverse sottochiavi relative alla chiave Protected Storage System Provider. Per risolvere il problema su tutte le identità, dovrete cancellare tutte le sottochiavi presenti. Chiudete il regedit e riavviate il computer per attivare le modifiche.

Convertire il file system da FAT/FAT32 in NTFS
Convertire il File System di Windows XP è estremamente semplice.
Riavviate il computer in modalità provvisoria con console dei comandi e digitate il seguente comando:
convert X: /FS:NTFS
dove X: è la lettera dell'unità con il file system che si desidera modificare.

Personalizzare il file Boot.ini
Il file Boot.ini posto nella directory radice del disco C: regola l'avvio di Windows XP. Avviate il programma di configurazione del sistema seguendo il percorso Start - Esegui - msconfig e cliccate sulla scheda Boot.ini. Nel campo Opzioni di avvio troverete varie possibilità:
/SAFEBOOT - avvia il sistema in modalità provvisoria
/NOGUIBOOT - elimina il logo di apertura di windows
/BOOTLOG - crea un file di registrazione dei processi di avvio
/BASEVIDEO - avvia Windows in modalità vga
/SOS - mostra durante il caricamento i nomi dei driver di periferica

Bloccare temporaneamente il computer
Potete bloccare temporaneamente il vostro computer utilizzando la combinazione di tasti WIN + L. Se il tasto "Winkey" non dovesse essere presente sulla vostra tastiera, potrete seguire in alternativa il percorso Start - Esegui e digitare nel campo Apri il comando
%windir%\System32\rundll32.exe user32.dll, LockWorkStation

Ripristino dei driver
Se si installa un nuovo driver e questo crea dei problemi, grazie a una nuova funzione di Windows XP è possibile tornare con pochi click alla versione del driver utilizzata in precedenza.
Seguite il percorso Risorse del computer - Pannello di controllo, cliccate sull'icona Sistema e quindi sulla scheda Hardware.
Nella sezione Gestione periferiche troverete il pulsante omonimo. Cliccando su tale pulsante, si aprirà una nuova finestra nella quale dovrete fare un doppio click sulla periferica per la quale intendete correggere il driver. Cliccate poi sulla scheda Driver e quindi su Ripristina driver.
La procedura descritta funzionerà solo se prima sulla macchina era installato un driver diverso per la periferica, e non nel caso di una prima installazione.

Frequenza di refresh
Per impostare una frequenza di refresh ottimale, fate click con il tasto destro del mouse in una parte libera del desktop. Dal menù a tendina selezionate la voce Proprietà, quindi cliccate sulla scheda Impostazioni. Nella finestra che appare cliccate sul pulsante Avanzate.
Tramite la scheda Monitor potete controllare le Proprietà dello schermo. L'elenco indicato con la voce Frequenza di aggiornamento permette di impostare la frequenza di rigenerazione del segnale video: quanto più è alta, tanto minore sarà lo sfarfallio dello schermo.
Su alcuni monitor l'impostazione della frequenza massima possibile genera però un'immagine poco nitida. Conviene quindi impostare sempre la frequenza immediatamente inferiore e verificare il risultato dopo il click su Applica.

Nascondere profili utenti
In un sistema impostato con la modalità multiutente è possibile nascondere la pagina contenente tutti i profili degli utenti per impedire eventuali accessi non autorizzati. Aprite il registro di configurazione (Avvio - Esegui - Regedit) e cercate le seguenti chiavi:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Policies\System
e
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Policies\System
In entrambe le chiavi aggiungete (oppure modificate, se c'è già) il valore DWORD chiamato "NoProfilePage" ed impostatelo a 1 per restringere l'accesso alla pagina dei profili. Settando invece il valore a 0, si ripristinano le impostazioni iniziali. Riavviate il PC per rendere effettive le modifiche.

Windows Update non funziona
Può capitare che il download degli aggiornamenti selezionati su Windows Update non avvenga correttamente. In tali casi provate a chiudere tutte le finestre, seguite il percorso Start - Esegui e digitate il comando "command".
Dal prompt registrate i seguenti file digitando:
regsvr32 msscript.ocx [INVIO]
regsvr32 dispex.dll [INVIO]
regsvr32 vbscript.dll [INVIO]
regsvr32 scrrun.dll [INVIO]
Digitate poi il comando Type Assoc .JS=JSFile e premete il tasto INVIO sulla tastiera. Digitate il comando
Type Ftype JSFile=%SystemRoot%\System32\WScript.exe "%1" %*
e premete di nuovo il tasto INVIO. Dopo aver riavviato il sistema, avviate di nuovo Windows Update.

Cambiare "Proprietà del sistema"
E' possibile modificare le informazioni che appaiono nella finestra "Proprietà del sistema" di Windows XP agendo direttamente sul registro di configurazione. Aprite il registro (Avvio - Esegui - Regedit) e cercate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\Current Version
Create (o modificate) i valori Stringa "RegisteredOwner" e "RegisteredOrganization" con il testo che desiderate far apparire.
Se questa modifica non dovesse avere effetto, provate la stessa procedura con la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT

Visualizzare gli utenti
Se è un Domain controller seguite il percorso:
Start/Programs/Administrative tools/Active directory users and computers
Se è uno Stand-alone, seguite invece il percorso:
Start/Programs/Administrative tools/Computer management/Local Users and groups

La Recovery Console
Nei sistemi operativi Windows 2000 e Windows XP, in caso di problemi legati all'avvio del sistema, potete utilizzare la console di ripristino di emergenza.
Questa è accessibile ed utilizzabile facendo il boot da CD, oppure installandola direttamente sull'hard disk in modo da averla come opzione all'avvio.
Per installare la recovery console seguite il percorso Start - Esegui e nella casella Apri digitate
lettera unità CD-ROM:\i386\winnt32.exe /cmdcons
dove lettera unità CD-ROM indica la lettera assegnata all'unità CD-ROM.
Scegliete OK e seguite le istruzioni visualizzate per completare l'installazione, quindi riavviate il computer.

Connessioni sconosciute
Per evitare di utilizzare inconsapevolmente uno dei tanti Dialer in cui è facile imbattersi durante la navigazione in Rete, è utile impedire le modifiche al file rasphone.pbk.
Avviate Risorse del Computer, seguite il percorso Strumenti - Opzioni cartella - Visualizzazione e attivate l'opzione "Visualizza cartelle e file nascosti", quindi cliccate sul pulsante OK.
Selezionate il disco principale del vostro Hard Disk e cercate la cartella Documents and Settings - All Users - Dati applicazioni - Microsoft - Network - Connections - Pbk.
Cliccate con il tasto destro del mouse sul file "rasphone.pbk" e selezionate dal menu contestuale l'opzione Proprietà, attivando la casella di Sola lettura.

Modalità di avvio provvisoria
Premendo il tasto F8 sulla tastiera all'avvio di Windows, potrete accedere ad un menu che vi consentirà di definire la modalità di partenza del sistema operativo. L'opzione più conosciuta è senza dubbio l'avvio in modalità VGA.
Scegliendo tale opzione, Windows partirà senza caricare i controller della scheda video. Una volta entrati nell'ambiente grafico, potrete modificare le modalità video e persino il controller della scheda, risolvendo qualunque problema si sia potuto verificare nella configurazione del monitor o della modalità video e che abbia successivamente inibito l'accesso al sistema.
Una volta realizzata una configurazione "sicura", riavviate il sistema.

Aggiungere nuove icone presenti in Windows
Nella cartella Windows\System sono nascosti dei file *.DLL che contengono diverse icone per personalizzare i propri collegamenti.
Sulle proprietà di un collegamento cliccate su "Cambia icona" => Sfoglia fino ad arrivare nella cartella Windows\System.
In "Tipo di File" selezionate "Librerie" e scegliete uno dei seguenti file: AWFEXT32.DLL, CDFVIEW.DLL, COOL.DLL, ISIGN32.DLL, MPRSERV.DLL, MSHTML.DLL, MSRATING.DLL, PIFMGR.DLL, PNUI3250.DLL, SHDOCVW.DLL, SHELL32.DLL e VCTL.DLL.
Verranno aggiunte automaticamente delle nuove icone.

Lettere di unità
Per assegnare, cambiare o rimuovere una lettera di una unità dal Pannello di Controllo cliccate su Strumenti di Amministrazione e successivamente su Gestione Computer; aprite poi Gestione disco sotto il menu Archiviazione.
Cliccate con il pulsante destro del mouse su una partizione, un'unità logica o un volume, quindi scegliete Cambia lettera e percorso di unità.
Effettuate quindi una delle seguenti operazioni:
Per assegnare una lettera di unità, scegliete il pulsante Aggiungi, fate clic sulla lettera di unità da utilizzare, quindi cliccate su OK.
Per rimuovere una lettera di unità, selezionatela e fate clic sul pulsante Rimuovi.
Per cambiare una lettera di unità, selezionatela, fate clic sul pulsante Modifica, quindi sulla lettera di unità che si desidera utilizzare e cliccate su OK.

Eliminare i dati recenti
In Windows 2000 è possibile eliminare tutta la lista degli ultimi file su cui avete lavorato, lista visualizzabile seguendo il percorso Start - Dati Recenti.
E' possibile effettuare tale operazione in due modi: il primo consiste nel seguire il percorso Start - Impostazioni - Barra delle applicazioni e menu di Avvio e cliccare su Avanzate e su Cancella.
E' anche possibile cancellare solo uno o più riferimenti ai file aperti di recente. Tramite il pulsante Start - Esegui digitate nel campo Apri il seguente comando:
%userprofile%\Recent
e cliccate sul pulsante OK. Verrà immediatamente visualizzata una finestra all'interno della quale saranno raccolti tutti i collegamenti ai file aperti. In questo modo sarà possibile eliminare facilmente quelli che non si desidera vengano resi visibili a tutti.

Sicurezza nella Console
Alcune opzioni della Console di ripristino non vengono abilitate di default per aumentare la sicurezza del sistema.
Le opzioni non consentite sono l'utilizzo della Console senza immettere l'account di amministratore e la copia di file su supporti estraibili.
Per attivare queste opzioni dovrete far ricorso agli strumenti di amministrazione all'interno del Pannello di Controllo.
All'interno del gruppo aprite l'icona "Criteri di protezione locali" e, una volta visualizzati i diversi criteri sullo schermo, entrate in "Opzioni locali/opzioni di protezione". Troverete due opzioni in particolare: "Console di ripristino di emergenza: consenti accesso di amministrazione automatico" e "Console di recupero di emergenza: consenti copia disco floppy e accesso a tutte le unità e cartelle". Quest'ultima consente di utilizzare il comando set della console di ripristino.

Directory TEMP
In ambiente Windows 98 i file temporanei da cancellare si trovano all'interno della cartella WINDOWS/TEMP. In ambiente Windows 2000, invece, si trovano nella cartella "Documents and Settings/Administrator/Impostazioni locali/TEMP". I file contenuti in tale cartella possono essere rimossi senza problemi.
Tramite il tasto Start, selezionate la voce Esegui e nel campo Apri digitate il comando
%TEMP%
Apparirà così la finestra contenente i file temporanei.

Servizi avviati in modalità provvisoria
Potete avere una lista dettagliata dei controller che vengono avviati in modalità provvisoria utilizzando il Registro di Configurazione (Start - Esegui - Regedit) di Windows.
Cercate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Safeboot
all'interno della quale troverete due cartelle: Minimal e Network. Nella prima cartella troverete i servizi che vengono avviati in modalità provvisoria, nella seconda anche quelli con i servizi di rete attivi.

Accedere automaticamente a Windows come Admin
Per accedere automaticamente a Windows come Amministratore, aprite il Registro di Configurazione di Windows (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINES\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Winlogon
Nella parte destra della schermata assegnate alla stringa AutoAdminLogon il valore "1".

Modificare la posizione delle cartelle di sistema
Potete modificare la posizione o il nome delle cartelle di sistema dove Windows memorizza alcune informazioni come la lista dei siti preferiti di Internet Explorer, i cookies, le icone del desktop, ecc.
Aprite il Registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\Explorer\User Shell Folders
Dopo aver selezionato tale chiave, nella parte destra della schermata cliccate due volte sulla stringa di cui vi interessa modificare il percorso e nella finestra che compare modificate il campo "Dati valore".

Chiudere automaticamente le applicazioni che non rispondono
Utilizzando Windows NT\2000\XP può capitare che un'applicazione si blocchi.
Si può fare in modo che il sistema operativo chiuda automaticamente tale applicazione modificando il registro di sistema. Aprite il registro (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave
HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Desktop
Nella parte destra della schermata cercate la stringa "AutoEndTasks" e modificatene il valore da 0 a 1.
La stringa "WaitToKillAppTimeout", presente all'interno della stessa chiave, consente di impostare il tempo in millisecondi necessario affinché il sistema operativo chiuda l'applicazione bloccata. Di default tale valore è impostato su 20000 (20 secondi).

Il computer "invisibile"
Modificando il Registro di Configurazione potete fare in modo che il vostro computer risulti invisibile in rete.
Avviate l'Editor del registro di sistema, quindi cercate la chiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\ LanManServer\Parameters
All'interno del pannello di destra create, qualora non esista già, un valore DWORD (selezionate dal menù "Modifica" la voce "Nuovo...", quindi "Valore DWORD") ed attribuitegli il nome "Hidden" (senza le virgolette).
Fate doppio clic sul valore DWORD "Hidden" appena creato ed assegnategli il valore 1.
Per fare in modo, successivamente, che il vostro computer sia di nuovo visibile in rete locale, sarà sufficiente assegnare a "Hidden" il valore 0.

Velocizzare l'avvio del PC in rete
Se in fase di avvio di un PC con sistema operativo Windows NT, 2000 o XP collegato in rete locale, si assiste a dei rallentamenti, ciò può essere dovuto al tempo impiegato da Windows per l'aggiornamento delle policy di gruppo. Potete ovviare all'inconveniente agendo sul registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit). Cercate la chiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\policies\system
Nella parte destra della finestra cercate i seguenti valori:
SynchronousMachineGroupPolicy
SynchronousUserGroupPolicy
Se non sono presenti, createli selezionando dal menù Modifica la voce Nuovo e quindi "valore DWORD".
Assegnate ad essi il valore 0 e ravviate il PC per attivare le modifiche.

Completamento dei comandi
Anche sotto Windows 2000\XP è possibile completare i comandi dal prompt del DOS tramite l'uso del tasto TAB, come con Linux.
Per abilitare questa funzione create un file .reg attraverso il blocco note di Windows e incollate le seguenti righe:
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Command Processor]
"PathCompletionChar"=dword:00000009
"DefaultColor"=dword:00000000
"EnableExtensions"=dword:00000001
Salvate il file con estensione .reg ed effettuate un doppio click sull'icona relativa.

Esportare e importare combinazioni
Quando personalizzate l'aspetto delle finestre di Windows, le impostazioni vengono salvate nel registro di configurazione. In caso di reinstallazione del sistema operativo, tali modifiche andrebbero perdute.
Per esportare le personalizzazioni del sistema, realizzate un file ".reg" che potrete eseguire in qualsiasi installazione di Windows. Aprite il registro di configurazione (Start - Esegui - Regedit) e cercate la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Colors
Cliccate con il tasto destro del mouse sulla cartella "Colors" e dal menu contestuale selezionate la voce "Esporta". Salvate il file su un floppy, quindi eseguitelo sulla macchina in cui volete riprodurre le combinazioni di colori.

Configurare il prompt dei comandi per visualizzare il nome del PC
Potete configurare il prompt dei comandi in modo che visualizzi il nome del computer. Avviate il regedit (Start - Esegui -Regedit) e cercate la seguente chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Command Processor
Cercate la stringa AutoRun (o createla, se inesistente, tramite il menu Modifica - Nuovo - Valore Stringa) e cliccateci sopra due volte. Nel campo Valore inserite "prompt [%computername%]$S$P$G" (escluse le virgolette), quindi cliccate sul pulsante OK e chiudete il registro di configurazione.
Le modifiche verranno attivate immediatamente, quindi avviando il prompt dei comandi visualizzerete:
[nomecomputer] c:\documenti>
Il parametro $S inserisce uno spazio, $P specifica il driver e il percorso e $G inserisce il carattere >.
Per visualizzare tutte le opzioni, avviate il prompt dei comandi e digitate
prompt /?

I settaggi di Log Off e Shutdown
I settaggi relativi ai comandi di Spegnimento e di Disconnessione del sistema possono essere modificati agendo sul Registro di configurazione (Start - Esegui - regedit). Cercate la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\Shutdown
Create due valori DWORD (Modifica - Nuovo - Valore DWORD) a cui assegnare i nomi LogoffSetting (quando si effettua la disconnessione) e ShutdownSetting (quando si effettua lo spegnimento).
Fate un doppio click su ognuno per modificarne il Valore Dati.
I settaggi da impostare a questi valori sono:
0 - Disconnessione
1 - Spegnimento
2 - Spegnimento e riavvio
3 - Spegnimento e Power Off (inteso come spegnimento del monitor e della macchina, senza toccare il tasto) dove supportato dal Bios. Questi 4 settaggi si possono assegnare ad entrambe i valori.
Riavviate il PC per rendere effettive le modifiche.

Disattivare il Dr. Watson
Dr. Watson è il programma debugger di Windows NT, 2000 e XP che si occupa di controllare il funzionamento del sistema operativo e di riportare e memorizzare gli errori che si sono verificati.
Potete disattivare Dr. Watson in modo da evitare la segnalazione degli errori nel momento in cui si verificano.
Seguite il percorso Start - Esegui, nel campo Apri scrivete il comando regedit e cliccate sul pulsante OK.
Cercate la chiave
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows NT\CurrentVersion\AeDebug
Cliccate con il tasto destro del mouse su un punto vuoto nella parte destra della finestra del registro, quindi dal menu contestuale selezionate la voce Nuovo - Valore DWORD.
Date al valore appena creato il nome Auto, quindi cliccateci sopra due volte e inserite nella casella "Dati valore" il valore 1 per lasciare attivo il Dr. Watson e 0 per disattivarlo.
Riavviate il PC per rendere effettive le modifiche.
Eliminare manualmente i profili utente
Se intendete passare alla configurazione monoutente dopo aver utilizzato diversi profili, dovrete eliminare a mano tutti gli archivi relativi ai profili che avete utilizzato in precedenza, così come alcune chiavi del registro di configurazione che vi facevano riferimento.
Avviate il regedit.exe seguendo il percorso Avvio/Esegui e localizzate la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\Windows\ CurrentVersion\ProfileList\[nomeutente]
Per eliminare tutti i profili sarà sufficiente eliminare la chiave ProfileList.
In seguito potrete utilizzare Risorse del sistema o Gestione risorse per eliminare le corrispondenti cartelle da C:\WINDOWS\PROFILES\[NOMEUTENTE]. Sarà inoltre necessario eliminare completamente la cartella C:\WINDOWS\PROFILES.

Compatibilità dei programmi per Windows 9x
Se avete installato il Service Pack 2 di Windows 2000, potete provare ad utilizzare la modalità di compatibilità. Per attivarla seguite il percorso Start - Esegui e nella casella Apri digitate il seguente comando:
regsvr32 %systemroot%\apppatch\slayerui.dll

Compatibilità
Alcuni programmi presentano dei problemi se vengono eseguiti in Windows 2000. E' possibile far credere ad un programma che Windows 2000 sia in realta' Windows NT o Windows 9x tramite l'utilità APCOMPAT.EXE, fornita con Windows 2000,contenuta nella cartella \SUPPORT all'interno del CD di installazione.

Accedere ai file come Amministratore
Per questioni di sicurezza potete accedere al sistema come un semplice utente, ma quando è necessario accedere come amministratore, è possibile farlo senza disconnettersi.
Posizionatevi sul file da aprire o sull'applicazione da eseguire come amministratore e cliccateci sopra con il tasto destro del mouse tenendo premuto il tasto SHIFT sulla tastiera. Dal menù che compare scegliete il comando ESEGUI COME. Si aprirà una finestra; nel campo "Esegui il programma come utente seguente" selezionate il nome relativo all'Amministratore e cliccate sul pulsante OK per confermare.

Come visualizzare il percorso completo di una cartella
Potete fare in modo che Windows mostri, all'interno della barra del titolo, il percorso completo di una cartella. Per far ciò aprite una qualsiasi directory e tramite il menù Strumenti, selezionate la cartella Visualizzazione.
Attivate poi la voce "Visualizza il percorso completo sulla barra del titolo".

Modificare le proprietà delle password di utente
Seguite il percorso Start - Impostazioni - Pannello di Controllo - Strumenti di Amministrazione - Criteri di protezione locali.
Cliccate due volte sull'icona "Criteri di account" per far comparire le voci "Criterio Password" e "Criterio di blocco account" tramite le quali potrete definire rispettivamente la lunghezza minima e massima della password e la sua validità in termini di tempo, scaduto il quale occorrerà cambiarla.

Creare una copia di backup delle connessioni di Accesso Remoto
Tutte le informazioni relative ai file di Accesso Remoto sono contenute nel file RASPHONE.PBK che si trova nella cartella
C:\Documents and Setting\All Users\Dati Applicazioni\ Microsoft\Network\Connections\Pbk.
La cartella "Dati applicazioni" è nascosta per cui occorrerà renderla visibile aprendo Esplora Risorse. Selezionate il menu Strumenti e quindi la voce Opzioni cartella.
Cliccate su "Visualizzazione" e attivate l'opzione "Visualizza cartelle e file nascosti".
Potrete così salvare il file RASPHONE.PBK in una cartella differente o su un floppy, nel caso in cui intendiate reinstallare il sistema operativo.

Attivare il tasto BLOC NUM all'avvio del sistema
Per attivare il tasto BLOC NUM all'avvio del sistema operativo avviate il Regedit e cercate la chiave
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Keyboard
Fate un doppio clic su "InitialKeyboardIndicators" e cambiate il valore da 0 a 2

Attivare il tastierino numerico all'avvio
Modificando il registro di configurazione, è possibile fare in modo che Windows 2000 attivi automaticamente all'avvio il tastierino numerico.
Seguite il percorso Start - Esegui - Regedit e cliccate sul pulsante OK.
Cercate la chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Control Panel\Keyboard
Nella parte destra della finestra identificate il valore
"InitialKeyboardIndicators" sul quale dovrete effettuare un doppio click.
Inserire nella casella Valore il numero 2. Impostando il valore a 0, infatti, il tastierino risulterà disattivato.
Ripetete la stessa procedura con la chiave:
HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Keyboard
Chiudete il registro e riavviate il computer per rendere effettive le modifiche.

Reinstallare Explorer 6
Internet Explorer 6 viene fornito già installato con il sistema operativo. In caso di malfunzionamenti, è possibile reinstallarlo utilizzando il CD-ROM di Windows XP.
Cliccate su Start - Esegui e digitate:
rundll32.exe setupapi,InstallHinfSection DefaultInstall 132 %windir%\Inf\ie.inf
Cliccate poi sul pulsante OK per riparare Internet Explorer 6.

Reinstallare Internet Explorer
In caso di malfunzionamento, è possibile reinstallare il browser Internet Explorer 6, preinstallato nel sistema operativo Windows XP. Per portare a termine tale operazione, è necessario il CD-ROM di Windows XP (possibilmente la versione aggiornata al Service Pack 1). Cliccate su Start - Esegui e digitate il seguente comando:
rundll32.exe setupapi,InstallHinfSection DefaultInstall 132 %windir%\Inf\ie.inf
Si aprirà una finestra; cliccate sul pulsante Sfoglia e selezionate la lettera del lettore CD-ROM per eseguire la reinstallazione del browser. Cliccate infine sul pulsante OK per avviare la reinstallazione di Internet Explorer 6.

Spegnere il PC
Dopo l'aggiornamento del sistema operativo da Windows Millennium a Windows XP, è possibile che il computer non si spenga più automaticamente, ma che mostri invece il messaggio "ora puoi spegnere il computer".
Per ripristinare lo spegnimento automatico aprite il Pannello di controllo e cliccate sulla voce Schermo, selezionate la scheda Screen Saver e cliccate sul pulsante Alimentazione. Dalla schermata "Proprietà - Opzioni risparmio energia", aprite la scheda APM e attivate la casella "Attiva supporto APM". Cliccate sul pulsante OK e chiudete la sessione per verificare se il sistema si spegne automaticamente.

Disinstallare/reinstallare NetMeeting
Per installare e successivamente reinstallare il software di videoconferenza Netmeeting seguite il percorso Start - Esegui e digitate
%SystemRoot%\System32\rundll32.exe setupapi,InstallHinfSection NetMtg.Remove 132 msnetmtg.inf
Dopo aver cliccato sul pulsante OK il sistema avvierà la disinstallazione del programma.
Per reinstallare il software dovrete aprire la cartella C:\Windows\Inf cercare il file "msnetmtg.inf", cliccare con il tasto destro del mouse e scegliere Installa. Il sistema chiederà il CD di installazione di Windows XP.
Per visualizzare la cartella "Inf" dovrete aprire Risorse del computer e attivare la visualizzazione di cartelle e file nascosti da Strumenti/Opzioni cartella/Visualizzazione.

Creare file Mp3 con Windows Media Player 8.0
Windows Media Player 8.0 di default può solo esportare musica in formato wma o in mp3, ma al massimo a 56Kbps. Agendo sul registro di configurazione è possibile aggirare questo problema e sfruttare al massimo le potenzialità del programma.
Aprite il registro di configurazione seguendo il percorso Start - Esegui - Regedit e cercate la chiave seguente:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MediaPlayer
Cliccate con il tasto destro su quest'ultima voce e scegliete Nuova - Chiave e nominatela "Settings". Cliccate sulla voce appena creata e settate un'altra chiave con nome "MP3Encoding".
Cliccate col tasto destro del mouse sulla chiave MP3Encoding e create 4 nuovi valori DWORD con i seguenti nomi:
LowRate, MediumRate, MediumHighRate e HighRate. Occorre
assegnare un valore a ciascuna voce creata cliccando due volte con il tasto destro del mouse. Nella finestra che compare, attivate l'opzione "Decimale". Inserite i seguenti dati:
LowRate: 64000
MediumRate: 128000
MediumHighRate: 160000
HighRate: 192000
I valori possono essere modificati in qualsiasi momento secondo le esigenze di ciascuno. Per attivare le modifiche occorre riavviare il PC.
Tramite il menu Strumenti - Opzioni - Copia Musica di Windows Media Player sarà ora possibile scegliere i nuovi formati di esportazione sotto la voce "Qualità della musica copiata".

JavaVM e WindowsXP
E' possibile cancellare la Virtual Machine di Microsoft da Windows XP per installare la versione più aggiornata di Sun presente all'indirizzo
ftp://ftp.javasoft.com/docs/specs/vmspec.2nded.html.zip
Seguite il percorso Start - Esegui e nella casella Apri scrivete
RunDll32 advpack.dll,LaunchINFSection java.inf,UnInstall
Apparirà un messaggio di disinstallazione a cui dovrete dare conferma cliccando sul pulsante Sì. Cancellate dalla directory C:/WINDOWS la cartella "java" e, dalla cartella C:\WINDOWS\system32, i file "wjview.exe" e "jview.exe".
Dalla cartella C:\WINDOWS\inf cancellate il file "java.pnf", quindi aprite il Regedit e cancellate le chiavi
HKEY_LOCAL_MACHINE\software\Microsoft\Java VM
e
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\Internet
Explorer\AdvancedOptions\JAVA_VM
Ora potrete installare la JVM di Sun.

Arrestare velocemente il sistema
Nella cartella Windows\System32 è presente un programma chiamato shutdown.exe che permette di riavviare o spegnere rapidamente il PC. E' possibile attivare tale programma seguendo il percorso Start - Esegui e digitando
shutdown -s -t00
Con questo comando il sistema verrà automaticamente chiuso. E' possibile utilizzare diverse funzioni del comando:
-l (disconnette l'utente corrente)
-s (arresta il sistema)
-r (riavvia il sistema)
-f (forza la chiusura delle applicazioni in esecuzione senza preavviso)
-txx (imposta il numero di secondi, trascorsi i quali dovrà essere spento il computer. Es. -t10 per spegnere il computer dopo 10 secondi)

Stampare Gestione Periferiche
Spesso è utile avere in un file di testo la lista delle periferiche di Gestione Periferiche pronta per essere stampata.
Per ottenere tale scopo, occorre aggiungere una nuova stampante da Start\Impostazioni\Stampanti e come modello scegliere generica solo testo.
In "Gestione periferiche" scegliete "Stampa" e, successivamente, "Stampa su file". Inserite il nome del file: come risultato avrete sul desktop un file perfettamente editabile con il blocco note e con la lista completa delle periferiche installate.

Eliminare driver
Quando si sposta una scheda PCI da uno slot ad un altro su un sistema Windows 2000 o Windows XP, o quando si sostituisce la scheda audio o video senza prima rimuovere i relativi driver, il sistema operativo tiene in memoria i driver non più utilizzati in previsione di un ripristino successivo della vecchia configurazione hardware.
Per eseguire una completa rimozione delle periferiche doppie o non più presenti sul sistema, è necessario abilitare la visualizzazione delle periferiche nascoste. Per fare ciò aprite il Pannello di controllo, cliccate due volte sull'icona Sistema e dalla scheda Hardware aprite Gestione periferiche. Cliccate in alto su Visualizza e dal relativo menu attivate la voce Mostra periferiche nascoste.

Rimuovere TCP/IP
In Windows XP e Windows .NET lo stack TCP/IP è considerato un componente centrale del sistema operativo, di conseguenza non è possibile disinstallare il protocollo TCP/IP in tali sistemi operativi.
Per ripristinare il protocollo TCP/IP al momento in cui il sistema operativo è stato installato, è necessario digitare in un Prompt di MSDOS il seguente comando:
netsh int ip reset C:\Documents and Settings\Administrator\Desktop
Per eseguire correttamente il comando, è necessario specificare un file registro in cui le azioni intraprese da netsh possano essere registrate. Digitando il comando sopra riportato, le azioni eseguite saranno registrate nel file registro “Resetlog.txt” che si troverà sul Desktop di Windows.

Come modificare il colore del Prompt
Agendo sul Registro di configurazione di Windows XP è possibile modificare i colori dei caratteri e dello sfondo del prompt dei comandi.
Aprite il registro di sistema seguendo il percorso Start - Esegui - regedit e cercate la chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Command Processor
Create un nuovo valore DWORD (Modifica – Nuovo – Valore DWORD) e assegnategli come nome "DefaultColor". Cliccate due volte sul valore appena creato e assegnategli il valore esadecimale di un colore.
Potete impostare come valore anche una doppia combinazione: il primo valore digitato sarà il colore dello sfondo e il secondo quello del carattere.

Salvare gli aggiornamenti
Per archiviare tutti gli aggiornamenti di Windows XP in una cartella del vostro hard disk dovrete attivare il "Catalogo di Windows Update".
Aprite Windows Update dal menu Start e cliccate sulla voce “Personalizza Windows Update” del menu "Altre opzioni". Attivate poi l’opzione "Visualizzazione del collegamento al Catalogo di Windows Update nella sezione Vedere anche" e cliccate su “Salva Impostazioni” per memorizzare le opzioni appena modificate.
Cliccate su "Catalogo di Windows Update" sotto la voce "Vedere anche" nella colonna di sinistra.
La nuova schermata vi proporrà due opzioni: "Trova aggiornamenti per i sistemi operativi Microsoft" e "Trova aggiornamenti driver per le periferiche e i dispositivi hardware".
Selezionate la prima opzione "Trova aggiornamenti per i sistemi operativi Microsoft", selezionate il sistema operativo per il quale desiderate ricercare gli aggiornamenti e la lingua relativa, e cliccate poi sul pulsante Cerca.
Nella schermata successiva potrete scegliere gli aggiornamenti da installare e, cliccando sulla nuova voce chiamata "Raccoglitore download", potrete salvare gli aggiornamenti selezionati in una cartella a scelta del vostro hard disk.
Per ogni patch salvata, il sistema creerà una cartella dove sarà presente l’eseguibile che installa l'aggiornamento e il link alla pagina web che contiene le informazioni ad esso relative.

Cancellare l'ineliminabile
Può capitare che Windows XP non vi permetta di rimuovere alcuni file memorizzati sul disco fisso, nonostante che il sistema vi dica che tale file non è utilizzato da alcuna applicazione. Questo inconveniente si presenta di solito in presenza di file di grandi dimensioni (file MPG, AVI, WMV).
Per risolvere il problema portatevi al Prompt di DOS seguendo il percorso Start - Esegui e digitate nella casella Apri il comando "command" (escluse le virgolette).
Premete la combinazione di tasti CTRL+ALT+CANC sulla tastiera per accedere al Task Manager di Windows, cliccate sulla scheda Processi, selezionate EXPLORER.EXE e cliccate sul pulsante Termina processo.
Nella finestra del prompt dei comandi DOS aprite la cartella contenente i file che sembrano ineliminabili (utilizzando i comandi CD, CD.. e CD\), quindi digitate
DEL nomedelfile.ext
Dove "nomefile.ext" è il nome del file da cancellare con la sua estensione (es. vacanze.avi).
Tornate al Task Manager, cliccate sulla scheda Applicazioni quindi sul pulsante Nuova operazione. Digitate explorer.exe e cliccate sul pulsante OK.

Priorità dei programmi
Spesso quando più programmi sono in esecuzione contemporaneamente, può capitare che il computer e gli stessi programmi rallentino notevolmente. Si può in parte porre rimedio a questo problema assegnando priorità diverse ai programmi attivi.
Premete contemporaneamente i tasti CTRL+ALT+CANC per aprire la finestra del Task Manager. Selezionate la scheda Processi, cliccate con il tasto destro del mouse sul programma al quale intendete dare priorità e selezionate la voce Imposta priorità. Nel menù a tendina di Imposta priorità potrete scegliere tra sei diversi livelli di priorità da assegnare al programma.

Impostare il login di Windows 2000 in Windows XP
Per modificare il login di Windows XP impostando quello classico di Windows 2000 cliccate sull'icona Account utente nel Pannello di controllo. Selezionate l'opzione "Cambia modalità di accesso e disconnessione" e disattivate "Usa la schermata iniziale".
Al prossimo riavvio la procedura di login sarà quella di Windows 2000.

Bloccare il computer
In alternativa alla combinazione di tasti WIN + L è possibile bloccare il computer creando un nuovo collegamento sul Desktop al file Rundll32.exe, contenuto nella cartella C:\WINDOWS\system32.
Entrate sulle proprietà del collegamento e nel campo destinazione aggiungete dopo uno spazio:
user32.dll,LockWorkStation
Cliccando due volte sul collegamento così creato, potrete bloccare il PC immediatamente.

Spegnimento rapido
Per velocizzare le operazioni di chiusura o di riavvio del sistema è possibile creare un'icona da salvare sul Desktop.
Aprite Blocco Note e incollate al suo interno la seguente riga di testo:
(new ActiveXObject("Shell.Application")).ShutdownWindows();
Salvate il file sul Desktop assegnandogli un nome a piacere, ma modificando l’estensione .TXT in .JS.
Quando cliccherete sulla nuova icona, apparirà la maschera con le voci Standby, Spegni e Riavvia.

Messaggistica Istantanea
Per evitare che, durante la navigazione Internet, appaiano delle finestre del "Servizio di messaggistica istantanea" con messaggi pubblicitari, è possibile disabilitare tale servizio (che non ha comunque nessuna relazione con Windows Messenger e con MSN Messenger).
Cliccate su Start e selezionate la voce Esegui. Nel campo Apri digitate il comando services.msc e cliccate sul pulsante OK. Scorrete la lista dei servizi fino a trovare la voce "Messenger"; cliccate poi su tale voce con il tasto destro del mouse e cliccate sulla voce Proprietà del menu contestuale.
Nella finestra che apparirà cliccate sul tasto Arresta e successivamente selezionate la voce Disabilitato nel campo Tipo avvio. Cliccate sul pulsante OK e chiudete la finestra Servizi.
In tal modo avrete disabilitato il servizio di messaggistica istantanea.

Condivisione della connessione
Sfruttando la condivisione della connessione di Windows XP, è possibile collegare a Internet tutti i PC di una rete locale.
Il primo passo è configurare il Server, cioè la macchina che dispone della connessione fisica ad Internet.
Aprite la finestra delle connessioni di rete seguendo il percorso Start - Impostazioni - Connessioni di rete e cliccate con il tasto destro del mouse sull'icona della connessione ad Internet. Dal menu contestuale scegliete la voce Proprietà, quindi la cartella Avanzate. Nella sezione Condivisione Connessione ad Internet, attivate la casella "Consenti ad altri utenti della rete di collegarsi tramite la connessione Internet di questo computer".
Tramite la stessa finestra è possibile impostare anche altre due opzioni: "Stabilisci una connessione remota..." che consente a tutti i PC della rete di attivare l'accesso a Internet dal server; "Consenti ad altri utenti in rete di controllare..." che permette ai client di interrompere a distanza la connessione.
Personalizzare gli indirizzi IP
La condivisione della connessione Internet tra i computer di una rete prevede che il computer che opera da server riceva l'indirizzo IP 192.168.0.1
Appare infatti a tale proposito un messaggio e le impostazioni della LAN vengono riconfigurate di conseguenza.
E' necessario a quel punto accertarsi che i client, i computer e le stampanti non utilizzino questo indirizzo.
Affinché i dati per Internet vengano inoltrati in automatico al server, sui client devono essere attive altre due impostazioni delle Proprietà di Rete.
Fate un click con il tasto destro sulla connessione di rete, quindi scegliete Proprietà dal menu contestuale. Fate un doppio click su Protocollo Internet (TCP/IP). Nei campi Gateway predefinito e Server DNS preferito inserite l'indirizzo del server, ossia 192.168.0.1

Come disattivare temporaneamente gli avvii automatici
come ben saprete nella cartella "Esecuzione automatica" di WindowsXP trovate tutti i a file e le applicazioni che devono essere automaticamente eseguiti all'avvio del sistema operativo (Start > Programmi).
Se volete cercare invece in maniera più appronfondita tutto ciò che si avvia in automatico, vi converrà ricorrere anche al Registro di Sistema e più precisamente controllando la chiave:
HKEY_LOCAL_MACHINE\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Run
L'utilità MSCONFIG (reinserita in Windows XP) permette di verificare quali applicazioni vengono automaticamente avviate all'ingresso in Windows XP ed eventualmente anche di disattivarne temporaneamente l'esecuzione: vi basterà cliccare su Start> Esegui..., digitare MSCONFIG, premere Invio ed infine cliccare sulla scheda "Avvio".
Sempre nella chiave di Registro citata possono inserirsi virus e spyware che si auto-eseguono ad ogni avvio. E' possibile con un trucco disattivare le applicazioni sospette agendo sul Registro. 
Trovate la seguente chiave:
HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\ Windows\CurrentVersion\Policies\Explorer
Qui create (se non ci sono già) due nuovi valori DWORD:
DisableLocalUserRun impostando il campo "Dati valore" a 1 tutte le applicazioni presenti nella chiave "Run" non verranno eseguite ai successivi avvii del sistema operativo;
DisableLocalUserRunOnce impostando il campo "Dati valore" a 1 tutte le applicazioni presenti nella chiave "RunOnce" non verranno eseguite ai successivi avvii del sistema operativo.
Se volete mettere le cose com'erano in precedenza, vi basterà riportare a 0 entrambi i valori DWORD, oppure cancellarli.

Bloccare il PC con uno script
Fate click con il pulsante destro del mouse su una parte vuota del desktop per creare un Nuovo Collegamento. 
Copiate questi comandi nel dialog box che compare: rundll32.exe user32.dll,LockWorkStation 
Infine date un nome al collegamento...
Se intendiamo bloccare il Pc per concederci una piccola pausa basterà aprire questo file. E' anche possibile associare delle combinazioni di tasti per aprire il file creato.

Alternative al menu programmi su due colonne
Se avete molti programmi nel menu di avvio, Windows ve li visualizzerà automaticamente in due colonne. 
Per chi non dovesse trovare di suo gusto questa soluzione le alternative sono due:
Usare i menu personalizzati:
Start->Impostazioni->Barra delle applicazioni e menu di avvio->generale->usa i menu personalizzati
In questo modo verranno visualizzati solo i programmi più utilizzati.
Abilitare lo scorrimento:
Start->Impostazioni->Barra delle applicazioni e menu di avvio->avanzate->scorri il menu programmi
In questo modo si visualizzeranno due frecce, una in alto e una in basso, che vi permetteranno di scorrere la lista dei programmi.

Velocizzare la navigazione tramite browser
In Windows XP è possibile velocizzare la navigazione tramite browser. 
Tutto questo grazie ad una modifica al Registro di Sistema (naturalmente fate attenzione, se siete alle prime armi munitevi di questo libro base) che agisce sul DNS ed impedisce la richiesta superflua di informazioni durante la navigazione in un sito.
Non dovete far altro che aggiungere queste informazioni al Registro di Sistema: 
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\ Services\Dnscache\Parameters] "CacheHashTableBucketSize"=dword:00000001 "CacheHashTableSize"=dword:00000180 "MaxCacheEntryTtlLimit"=dword:0000fa00 "MaxSOACacheEntryTtlLimit"=dword:0000012d
Vi ricordo naturalmente di fare un backup prima di procedere. Trucco valido su WindowsXP. 

Stampa veloce
Tramite un semplice accorgimento possiamo stampare un file senza bisogno di aprire nessun programma.
Creiamo sul desktop un collegamento alla nostra stampante
(pannello di controllo->stampanti->selezioniamo la stampante e trasciniamola sul desktop->quando ci chiederanno di creare un collegamento risponderemo Si)
A questo punto ci è sufficiente trascinare i file da stampare su questo collegamento per avviare le operazioni di stampa.

Quali sono le risorse di sistema consigliate affinchè Windows XP funzioni al meglio?
Microsoft sostiene che per installare il suo sistema operativo sia sufficiente disporre di una macchina con processore 233 Mhz, 128 Mb di RAM (sul sito di Microsoft si parla addirittura di 64 Mb), 1,5 Gb di spazio libero su disco e una scheda video VGA, oltre, naturalmente, un'unità cdrom. Le risorse reali, sono un processore a 600 Mhz, almeno 256 Mb di RAM e, per esagerare, 8 Gb di disco fisso.

Ho perso il product key di Windows, come posso recuperarlo?
Non c'è la possibilità di fare questo, se non con programmi di terze parti. Su internet si può cercare il programma "ViewkeyXP". dopo averlo scaricato (pesa solo 32kb) e lanciato, comparirà il codice di installazione di Windows XP. Oppure, anche, http://www.majorgeeks.com/download4138.html 

Posso salvare tutti gli aggiornamenti scaricati da Windows Update?
Grazie al Catalogo di WIndows Update, è possibile salvare tutti gli aggiornamenti sul proprio computer, oppure masterizzarli su un Cd-rom. COn la connessione ad internet, avviate WIndows Update, da Start - Tutti i programmi - Windows Update. Nella pagina che si apre nel browser, concentratevi sulla sinistra, dove si trova la sezione "Altre opzioni". Fate clic sul collegamento "Personalizza WIndows Update". Nella finestra che appare, mettete un segno di spunta accanto alla voce "Visualizzazione del collegamente al Catalogo di Windows Update", quindi premete il pulsante "Salva impostazioni". Sempre sulla sinistra, nella sezione "Vedere anche", fate clic sul collegamento "Catalogo di Windows Update". Dopo qualche secondo, avrete a disposizione due opzioni: "Trova aggiornamenti per i sistemi operativi Microsoft" e "Trova aggiornamenti driver per le periferiche e i dispositivi hardware": fate clic sul primo. Nella finestra che segue, selezionate il vostro sistema operativo e verificare che la lingua sia impostata su "italiano". Fate poi clic su "Cerca". Nella finestra che segue, verranno proposte le grandi classi di aggiornamenti disponibili, come per esempio "Aggiornamenti importanti e Service Pack". Selezionate la categoria che vi interessa, quindi scorrete l'elenco degli aggiornamenti disponibili, premendo sul tasto "Aggiungi" di quelli che vi interessa salvare. Terminata la selezione, fate clic sul collegamento "Vai al raccoglitore download" (che non appare durante gli aggiornamenti "normali"), quindi grazie al tasto "Sfoglia", scegliete dove salvare gli aggiornamenti. Infine fate clic sul pulsante Download. Verrà creata una cartella per ogni aggiornamento.

Posso creare un cd-rom con una copia di backup di Xp e il Service Pack?
Creare una copia di backup che include anche gli aggiornamenti compresi nel Service Pack e che sia registrato su un cd-rom autoavviante è possibile, anche se un po' macchinoso. Vediamo come procedere. Anzitutto dovete avere a disposizione il cd di installazione originale di XP, dovete aver scaricato da Windows Update tutti gli aggiornamenti del Service Pack, dovete aver installato un software di masterizzazione come per esempio Nero e, non ultimo, dovete scaricare il file di avvio (boot), che è prelevabile gratuitamente a questo indirizzo: "http://www.tacktech.com/pub/microsoft/bootxp/bootfiles.zip". 
A questo punto create una cartella su disco fisso, chiamandola semplicemente "XP". All'interno di questa, createne altre tre: "boot", "cd" e "xp-sp". Copiate l'intero contenuto del cd originale di XP nella cartella "cd". Copiate il Service Pack x nella cartella "xp" (cartella principale), e a questo punto rinominate il file contenuto in "xp-spx.exe" (dove x sta per il numero di service pack). Estraetene il contenuto di questo questo file, dalla riga di comendo che si raggiunge da start - esegui, con:
c:\xp\xp-spx.exe -U - X:c:\xp\xp-sp
A questo punto occorre aggiornare il file del sistema operativo con il Service pack. Per questo nella sessa finestra occorre digitare il seguente comando:
c:\xp\xp-sp\update\update.exe -sc:\xp\cd
Al termine dell'operazione ricevere il seguente messaggio: "Integrated install has completed successfully". Recuperare il file "bootfiles.zip", scaricato in precedenza, ed estraetene il conenuto (boot.bin) nella cartella "boot".
Avviate il software di masterizzazione Nero ed aprire una nuova compilation (da file - nuovo). La finestra che si apre mostra, sulla sinistra, il tip di cd che si vuol creare: scegliete l'opzione "cd-rom (avvio)". Aprite la scheda "boot" e deselezionate l'opzione "Drive logico di boot", selezionando con un segno di spunta quella sottostante "file immagine".
Nella finestra che indica il percorso dei file di avvio, cancellate il contenuto che appare e inserite il seguente indirizzo: "c:\xp\boot\boot.bin". Verificare che sia selezionata l'opzione "Abilita impostazioni avanzate (solo per utilizzatori esperti)", quindi impostate i relativi parametri come segue:
- in "tipo di emulazione": No emulazione
- in "messaggio di boot": Nero boot-loader v6.0
- in "carica segmento del settore (hex!)": 07C0
- in "numero di settori caricati": 4
Una volta utilimato l'inserimento di queste impostazioni, spostatevi nella scheda "ISO" e verificate che siano selezionate le seguenti opzioni:
- "Max di 11=8+3 caratteri (ISO livello 1)"
- "mode 1"
- "ISO 9660"
- "permetti profondità di percorso maggiore di 8 caratteri"
- "Permette più di 255 caratteri nel percorso"
- "non aggiungere l'estensione versione file ISO ';1'"
A questo punto spostatevi nella scheda Etichette e in "ISO 9660" inserite la seguente etichetta di volume "WB2PFREE_EN". Selezionate quindi il pulsante "More fields" per riempirne tutti i campi come segue:
- identificativo di sistema: WB2PFRE_EN
- Set di Volumi: WB2PFRE_EN
- Editore: MICROSOFT CORPORATION
- Preparatzione dati: MICROSOFT CORPORATION
- Applicazione: WB2PFRE_EN
Passate alla scheda Date e verificate che sia selezionata l'opzione "Usa data e ora del file originale". Infine aprite la scheda Scrivi, verificate che siano selezionate le seguente opzioni: 
- Scrivi
- Chiudi CD (Nessuna ulteriore scrittura possibile)
Quindi selezionate la velocità di scrittura del dispositivo, poi la voce "Track-At-Once" e il numero di copie. Ora potete procedere alla creazione della compilation, facendo clic sul pulsante "Nuovo". Nella finestra che appare, trascinate tutti i file della cartella "CD" che avevate creato in precedenza, e procedete alla masterizzazione della copia aggiornata di XP.

Posso creare un account utente nascosto, in modo che non compaia nella pagina iniziale di Windows XP?
In alcuni casi, può essere utile creare un utente di XP che risulti nascosto e quindi non venga palesato nè all'avvio, nè nella finestra di gestione degli account che si raggiunge dal Pannello di controllo. Pre creare questo tipo di account celato, occorre operare sul file di registro. Cerchiamo la seguente chiave di registro:
HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\WindowsNT\CurrentVersione\Winlogon\SpecialAccount\UserList
Nella finestra di destra, fate clic con il tasto destro sullo spazio bianco e, nel menu a tendina che appare, selezionate Nuovo - Valore DWORD. Inserite il nome dell'account nascosto che volete creare, per esempio "AccountSegreto". Fateci doppio clic sopra e verificate che il valore Dati sia impostato su 0, perè il valore 1 lo renderebbe visibile. Uscite dal file di registro, e riavviate il computer. Ma come entrare nell'account nascosto? Al riavvio di WIndows XP, nella pagina di login dove vengono mostrati gli altri account, premete la combinazione di tasti CTRL+ALT+CANC, quindi inserite il nome dell'account segreto. in tal modo solo voi potrete accedervi. Tenete presente che comunque in "Documents and Settings" saranno presenti tutte le cartelle relative all'account segreto

Posso fare il "logon" automatico senza dover immettere la password ogni volta?
Andate su Start - Pannello di Controllo e selezionate la voce "Account utente". Selezionate nella finestra successiva l'opzione "modifica modalità di accesso o disconnessione". A questo punto, attivate la voce "usa la schermata iniziale". In tal modo non pparirà la finestra classica di accesso, quella che vi chiede la password.?

E' possibile fare in modo che il tasto BlocNum sia sempre attivo?
Portarsi sul file di registro
HKEY_USERS\.DEFAULT\Control Panel\Keyboard
Al suo interno creare o modificare la stringa "InitialKeyboardIndicator" il cui contenuto sarà "2" per attivare l'uso del tastierino numerico e "0" per utilizzare i cursori.

Eliminare WIndows Messenger
Start - Esegui e digitare il seguente comando:
RunDll32 advpack.dll,LaunchINFSection %windir%\INF\msmsgs.inf,BLC.Remove
Quindi premere OK. Apparirà una barra di avanzamento dove potete monitorare le fasi di disinstallazione. Dopo l'operazione, è consigliabile riavviare il computer

Come si creano gli MP3 con Windows Media Player?
Di default, WMP preferisce creare un file audio con il formato proprietario (Windows Media Audio). Per attivare la creazione di MP3 occorre modificare il Registro di configurazione. Aprite il Blocco Note e scrivete le seguenti righe:
Windows Registry Editor Version 5.00
[HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Microsoft\MediaPlayer\Settings\Mp3Encoding]
"LowRate"=dword0000dac0
"MediumRate"=dword0000fa00
"MediumHighRate"=dword0001f400
"HighRate"=dword0002ee00
Salvate il file, quindi chiamatelo "wmp8_mp3rip.reg" (acconsentendo al cambio di estensione), quindi fateci doppio clic sopra, per introdurre i valori appena scritti nel Registro di configurazione. A questo punto riavviate il computer. Effettuate queste modifiche, potete creare MP3 con Windows Media Player, semplicemente inserendo un CD nel lettore. Aprite il lettore multimediale e andate in menu Strumenti - Opzioni. Fate clic sulla scheda "copia musica". Nelle "impostazioni copia", sezionate "MP3" e personalizzate tutte le altre opzioni, per esempio la cartella di destinazione dei file o le impostazioni di creazione del file MP3. Ora selezionate il CD Audio, fate clic su "Copia CD" nella barra laterale sinistra del mediaplayer. Nella finestra che si apre, selezionate i file che volete "rippare", cioè trasformare in Mp3 e fate clic sul pulsante Copia. Dopo alcuni minuti, troverete la copia digitale nella cartella indicata all'interno della scheda "Impostazioni copia". Esistono anche altri programmi gratuiti, come CDex (www.cdex.n3.net)

Login come amministrator in Windows XP Home
Se non risulta possibile accedere con il proprio utente, è possibile entrare come Administrator. Per rendere visibile l'utente Administrator, premere i tasti CTRL+ALT+CANC, poi rilasciare il solo tasto Canc e premerlo di nuovo. Si apre così una nuova finestra di input in cui si può specificare come utente Administrator e fornire la password.

NTLDR / NTDETECT.COM Not Found
In caso di errore in avvio con NTLDR non trovato, o NT detect non trovato
procedete nel modo seguente:
In caso di partizioni FAT32, la cosa si rivela semplice. Avviate il pc da floppy di boot che trovate a questa pagina:
inserite il CD di Windows XP , e dalla cartella i386, copiate semplicemente il file nella root del Vs. disco C:\
Con partizioni NTFS:
Avviare il computer dal CD di Windows XP, alla prima richiesta del s.o. di poter RIPARARE la precedente installazione di XP , premere R (ovvero procedere alla riparazione)
Premere il n° corrispondente alla collocazione corretta del Vs. Windows
Ergo C:\windows, oppure D:\Winnt, di norma è #1
Fornire la password di amministratore quando richiesto.
Eseguire il seguente comando, per mezzo di => START - ESEGUI - CMD, rimpiazzando la "X" con la lettera assegnata al vs. CD ROM
COPY X:\i386\NTLDR C\:
COPY X:\i386\NTDETECT.COM C:\
Estrarre il CD rom e digitare => EXIT 

BOOT.INI
Il boot.ini è un file di avvio presente in ogni Windows NT 2000 e XP, oltre ad essere un file di avvio, può svolgere anche la funzione di boot manager generico , ovvero, in caso abbiate installato più di un sistema operativo sul vostro PC il boot.ini se ben configurato, vi permetterà di scegliere quale sistema operativo usare.
Per configurarlo aprite Sistema nel Pannello di controllo fate click su Avanzate fate click sul pulsante Impostazioni sotto Avvio e ripristino e infine cliccate su Modifica nella sezione Sistema operativo predefinito.
Questo che vedete qua sotto è un file boot.ini classico.
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
******* multi(0)disk(0)rdisk(1)partition(1)WINDOWS="Microsoft Windows 98" /WIN95 (grazie a /WIN95 che possiamo lanciare il settore di avvio dei sistemi Windows 9x. *********

Analizziamo il contenuto:
[Boot loader]
Timeout = tempo di visualizzazione della lista dei sistemi operativi se volete fare in modo che finche non date la conferma rimanga la lista impostate –1.
Default = visualizza il sistema operativo impostato come default.
[Operating Systems]
In questa sezione troviamo la lista dei sistemi operativi e tutte le informazioni necessarie per fare partire il determinato O.S.
Ogni riga utilizza percorsi ACR (Advanced RISC Computing) per specificare la posizione di avvio.
Questo è il percorso standard dell’ARC del file boot.ini
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)WINDOWS
Il primo parametro può essere multi() per controller IDE o scsi() per controlli SCSI e identificano i controller del disco. La numerazione parte da 0.
Il parametro disk() indica il disco del controller indicato in multi() di solito il valore è 0.
Il parametro rdisk() nella forma multi() specifica il numero ordinale (che inizia con 0) sul controller del disco contenente la partizione di avvio.
Il parametro partition() identifica il numero della partizione di avvio, le partizioni su disco sono numerate a partire da 1.
Infine dopo il simbolo bisogna digitare la cartella che contiene il sistema operativo, di default può essere o WINDOWS oppure WINNT.
Specificata la cartella che contiene il S.O. per semplificare le cose tra parentesi c’è il nome del sistema operativo, questo nome si può modificare a piacimento.
Il comando /fastdetect serve a definire il sistema operativo di default.
In caso abbiate un sistema non basato su tecnologia NT vedi serie Windows 9X o ME non bisogna usare i percorsi ACR ma il nome della partizione.
Spero di essere stato chiaro ^__^ cmq facciamo qualche esempio dei più comuni:
1) Esempio:
Avete 1 hard disk su canale IDE in Primary Master diviso in 2 partizioni C: D: avete windows XP nella prima partizione e windows 2000 nella seconda, il file boot.ini completo sarà cosi:
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)WINDOWS="Microsoft Windows 2000 Professional"
2) Esempio:
Avete 2 hard disk sullo stesso canale IDE il primo sarà Primary Master e il secondo Primary Slave. Sul Primary Master avete installato windows XP mentre sul Primary Slave Windows 2000.
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(1)WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
multi(0)disk(0)rdisk(1)partition(1)WINDOWS="Microsoft Windows 2000 Professional"
3) Esempio:
1 hard disk Primary Master diviso in 2 partizioni, sulla prima avete installato il millennium, sulla seconda windows XP.
[boot loader]
timeout=30
default=multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)WINDOWS
[operating systems]
multi(0)disk(0)rdisk(0)partition(2)WINDOWS="Microsoft Windows XP Professional" /fastdetect
C:\"Microsoft Windows Millennium" 

Il gpedit.msc e le sue potenzialità
In WindowsXP esiste un comando chiamato gpedit.msc il quale permette di aprire l'editor dei Criteri di Gruppo. 
Ecco come funziona: andate su Start > Esegui e digitate gpedit.msc
Dalla finestra che si aprirà è possibile modificare diverse opzioni di Windows. Per esempio potete cambiare il logo di Internet Explorer, il titolo del browser, o anche sfondo della barra degli strumenti; si può anche operare su molti componenti di Windows come la rete, il sistema, il Desktop, il Pannello di Controllo e così via...

I comandi più comuni usati nel prompt di WinXP
Ecco una piccola lista di commandi da tenere sempre sotto mano, utili per poter ottenere informazioni, a volte indispensabile sul sistema operativo.
systeminfo
Visualizzazione di informazioni dettagliate sulla configurazione del computer e del sistema operativo installato su di esso.
netsh
Questo comando può essere utilizzato all'interno del "Netsh Interface IP" al fine di configurare il protocollo TCP/IP.
bootcfg
Configurare, interrogare o modificare le impostazioni del file Boot.ini.
driverquery
Visualizzazione di un elenco dei drivers di tutte le periferiche installate e delle loro proprietà.
getmac
Visualizzazione dell'indirizzo MAC (Media Access Control) e di un elenco dei protocolli di rete associati ad ogni indirizzo per tutte le schede di rete in ogni computer.
gpresult
Visualizzazione delle impostazioni del Group Policy e dell'RSOP (Resultant Set of Policy) di un utente o di un computer.
schtasks
Schematizzazione dei comandi e dei programmi che girano peridicamente o in un tempo specifico sul computer.

Cambiare impostazione di rete in WinXP
Usate il portatile in reti diverse e siete costretti a cambiare continuamente le impostazioni di rete? Netsh vi consente di cambiare quasi "al volo" i settaggi di rete.
Per salvare i parametri correnti della rete andare in Prompt dei comandi ed editare:
netsh -c interface dump >rete1.txt
Potrete creare un file dump per ogni rete che utilizzate. Per leggere i settaggi, sempre in prompt dei comandi, editare:
netsh exec rete1.txt

Programmare lo spegnimento del PC
A volte potrebbe esser necessario, per qualsiasi motivo, programmare lo spegnimento del proprio computer ad un certo orario. Windows non ha un'utility specifica in grado di svolgere tale attività. Si può però raggirare il problema, utilizzando il file rundll32.exe in questo modo:
1 - Andare sulle Operazioni Pianificate (Start -> Programmi -> Accessori -> Utilità di Sistema -> Operazioni Pianificate)
2 - Aggiungere Operazione Pianificata -> selezionare il file RUNDLL32.EXE dalla cartella Windows
3 - Dare un nome al task
4 - Andare nelle Proprietà Avanzate del task e aggiungere al collegamento "C:\WINDOWS\RUNDLL32.EXE" la stringa user.exe,exitwindows
5 - Pianificare il task all'ora desiderata.

Difendersi dalla connessioni sconosciute
Ecco un buon trucco per difendersi dall'involontaria installazione dei dei dialer.
Innanzi tutto lanciamo Risorse del Computer e clicchiamo sul menu
Strumenti -> Opzioni cartella -> Visualizzazione
e spuntiamo la casella "Visualizza cartelle e file nascosti", quindi clicchiamo su Ok.
A questo punto, clicchiamo sull'unita' principale del nostro hard disk (generalmente C:\), andiamo alla cartella
Documents and Settings -> All Users -> Dati applicazioni -> Microsoft -> Network -> Connections -> Pbk
Clicchiamo a questo punto sul file "rasphone.pbk" presente nella cartella con il tasto destro del mouse e selezioniamo dal menu contestuale che si aprira' l'opzione Proprieta', spuntanto la casella di Sola lettura.
In questo modo bloccheremo la possibilità di mofdificare il file relativo alle connessioni internet.

Condividere cartelle multiple
Esiste un'utility molto interessante, ma poco conosciuta, che consente di condividere più cartelle in rete.
L'utility si chiama SHRPUBW, e per richiamarla è sufficiente digitare il suo nome da Start -> Esegui.
Una volta caricata, consente di effettuare un browse delle cartelle per scegliere quella da condividere, dare un nome e una descrizione alla condivisione e assegnare i permessi.

Files Cabinet (.CAB)
Molti prodotti Microsoft vengono compressi in formato Cabinet (.CAB). CAB è uno standard Microsoft al pari del formato ZIP per la compressione di files.
Microsoft mette a disposizione due utility : la prima è "Cabviewer" dei PowerToys con la quale si puo' verificare il contenuto dei files CAB mentre la seconda è "MakeCAB" per comprimere files in formato CAB.
La sintassi di MakeCAB è la seguente :
MakeCAB file_da_comprimere destinazione

Come realizzare un archivio autoestraente
Poche persone sono a conoscenza di un'interessante utility presente in WindowsXP, che consente di creare archivi autoestraenti.
Cliccare su Start, Esegui e digitare la parola "Iexpress".
A questo punto, sarete in grado di creare un file di setup in tre diverse modalità:
1. File autoestraente (in una directory temporanea) con installazione automatica di un programma
2. File autoestraente (in una directory scelta dall'utente)
3. File con estensione .cab (non autoestraente)